L’Aglione della Valdichiana è una particolare varietà di porro che ha l’aspetto di un aglio più grande del comune, usato nella tradizione locale per preparare piatti più aromatici e digeribili. La sua area di produzione si trova a cavallo del Canale Maestro della Chiana, si tratta quindi di un prodotto agricolo coltivato nella zona della bonifica, ma giunge fino all’area del Trasimeno. Conosciuto fin dall’antichità da Etruschi e Romani, l’aglione era usato soprattutto per le sue proprietà terapeutiche, le medesime dell’aglio.

Per quanto riguarda le potenzialità alimentari, l’aglione è particolarmente indicato per la cucina tradizionale toscana. È considerato il sostituto ideale dell’aglio in molte ricette, perché può essere usato per la sua maggiore digeribilità, per la delicatezza del suo sapore e per il vantaggio di non lasciare in bocca un cattivo odore. Proprio queste sue caratteristiche gli sono valse l’appellativo di “aglio degli innamorati” o “aglio del bacio”.

Per molti anni ha rischiato di scomparire, ma già da qualche anno si è formata l’Associazione per la tutela e la valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana con la partecipazione di soci pubblici e privati (tra cui Unione dei Comuni della Valdichiana Senese, CIA, Coldiretti e Confagricoltura). L’associazione si occupa appunto di tutelare e promuovere questo prodotto, attraverso analisi e studi, percorsi di commercializzazione e di informazione nei confronti dei consumatori.

Dal 2016 l’Aglione della Valdichiana inserito nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Regione Toscana e inserito nell’elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali. Nel corso degli ultimi tempi abbiamo assistito a una crescita costante dell’interesse nei confronti di questo prodotto, con un rinnovato impulso alla produzione agricola di questa specialità tipica del territorio chianino.

L’Aglione della Valdichiana è salutare e versatile, fedele compagno di cucina per tutto il nostro territorio. Ecco una selezione di gustose ricette per utilizzarlo!

Show Full Content
Close
Close