Incontri di Primavera – Abbazia di Spineto

Si è tenuto domenica 21 aprile il secondo incontro di primavera presso l’Abbazia di Spineto. Il tema della giornata è stato “l’anima e le neuroscienze”, un incontro tra le scienze…

Si è tenuto domenica 21 aprile il secondo incontro di primavera presso l’Abbazia di Spineto.

Il tema della giornata è stato “l’anima e le neuroscienze”, un incontro tra le scienze fisiche, matematiche e gli aspetti filosofici legati a ciò che ci circonda.

L’incontro è stato coordinato e presentato da Grazia Marchianò, professoressa del dipartimento di filosofia dell’università di siena e Fondatore e Presidente A.I.R.E.Z. (2010-2012).

L’appuntamento dell’Abbadia di Spineto, tenuto in collaborazione con la Fondazione Eranos, ha visto la partecipazione sia del presidente dell’associazione, Fabio Merlini, che del suo segretario scientifico, lo psicoterapeuta Riccardo Bernardini.

Ha partecipato inoltre all’incontro il dottor Giuliano Dolce, neurologo e direttore Ricerche Avanzate in Neuro riabilitazione (RAN) dell’istituto Sant’Anna di Crotone.

Gli incontri di primavera che sono iniziati in data 17 Marzo, proseguiranno anche durante il mese di Giugno, con altre due giornate che vedranno la collaborazione dell’attrice Maria Claudia Massari e del compositore, cantante, multistrumentista Devakant.

Il calendario completo degli incontri di primavera lo trovate a seguire:

[list style=”1″ underline=”1″]

  • Domenica 17 Marzo “Pura Terra, Grande Cielo”
  • Domenica 21 Aprile “L’anima e le neuroscienze”
  • Sabato 1 Giugno “La felicità nel giardino: coltivare e meditare”Inaugurazione del Pomarium di Spineto e allestimento di “ZIO VANIA” di A. Checov – regia di Maria Claudia Massari.
  • Venerdi 21 Giugno “La felicità nella creazione artistica: il sublime in Dante e nella musica Indiana”DEVAKANT in concerto per il solstizio

[/list]

Nessun commento su Incontri di Primavera – Abbazia di Spineto

Incontri tra Arte e Storia si proietta verso Castiglione del Lago

Si conclude domenica 2 giugno a Castiglione del Lago l’ultimo capitolo della serie di conferenze e visite di interesse su storia ed arte del bacino territoriale della Valdichiana. In occasione…

Si conclude domenica 2 giugno a Castiglione del Lago l’ultimo capitolo della serie di conferenze e visite di interesse su storia ed arte del bacino territoriale della Valdichiana.

In occasione del decennale di Voler Bene all’Italia, la Festa Nazionale dei piccoli comuni nata per valorizzare le eccellenze della terra italiana, le opere d’arte, i prodotti tipici, le tradizioni, i sapori e le culture, il paesaggio e la biodiversità, nel nostro territorio viene celebrato attraverso una passeggiata con conferenza a cura di Fiorello Primi e Franco Boschi sul tema “Montepulciano da Castiglione del Lago”. La rassegna, in collaborazione con l’Associazione Archeotrasimeno, si terrà a partire dalle ore 15:30 concentrandosi in particolare su Palazzo della Corgna e la Rocca.

La conclusione del ciclo di incontri si terrà a Binami e Mugnanesi, territorio umbro in prossimità del Lago di Montepulciano; in chiusura seguirà cena presso l’Osteria di Mugnanese.

Il ciclo del progetto culturale “Incontri tra Arte e Storia” è costituito da un calendario di eventi, visite e conferenze di interesse storico ed artistico durante l’arco dell’anno; durante gli incontri verranno letti alcuni brani a tema da parte di Giovanna Vivarelli, in collaborazione con l’Arteatro Gruppo. Ogni iniziativa viene svolta in collaborazione con il Centro Culturale “Gens Valia” di Valiano, il Circolo Legambiente di Montepulciano-Chianciano-Chiusi-Sarteano e il Photo Club di Montepulciano.

Informazioni e prenotazioni per raggiungere l’Osteria di Mugnanese
Franco: tel. 320 4277016

Nessun commento su Incontri tra Arte e Storia si proietta verso Castiglione del Lago

Cetona, protocollo per promuovere i prodotti tipici dell’agricoltura

Promuovere i prodotti tipici dell’agricoltura e dell’enogastronomia del territorio, tutelando la storia popolare e di tradizioni e insieme incentivando lo sviluppo economico del Comune di Cetona. E’ questo l’obiettivo del…

Promuovere i prodotti tipici dell’agricoltura e dell’enogastronomia del territorio, tutelando la storia popolare e di tradizioni e insieme incentivando lo sviluppo economico del Comune di Cetona. E’ questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato venerdì 5 aprile, dal sindaco di Cetona Fabio Di Meo e dai rappresentanti delle principali associazioni locali.

Oltre al sindaco, a sottoscrivere il documento sono stati: Francesco Aggravi, presidente della Pro Loco, associazione organizzatrice della “Festa dell’Olio extravergine d’oliva” che si svolge ogni anno a Cetona in dicembre; Silvano Socciarello, vicepresidente dell’associazione Corsa delle Brocche, che promuove in maggio la “Sagra dei Pastrignocchi e del Cuculo” e Romina Rosati, presidente della Banda comunale Arturo Toscanini, organizzatrice della “Sagra del Bico” che si svolge nel mese di giugno a Piazze. Erano presenti inoltre gli Assessori all’associazionismo Chiara Fallerini e allo sviluppo economico Mario Baccelli e la presidente del Centro commerciale naturale di Cetona Nives Saini.

Il sindaco Fabio Di Meo  ha sottolineato nel corso dell’incontro: “L’olio extravergine d’oliva  è uno dei fiori all’occhiello della produzione agricola di Cetona, ma anche piatti tipici come i pastrignocchi (simili ai pici), il cuculo (un biscotto associato al tempo della mietitura) o il bico (il tipico ciaccino) sono espressioni importanti della nostra tradizione e rappresentano sia un’occasione di collegamento culturale con le radici storiche del territorio, sia uno dei fattori fondamentali di un’offerta turistica che vede nel legame con il paesaggio e con le tradizioni i suoi elementi qualificanti ed attrattivi. Dal momento che negli ultimi anni, nel nostro Comune, grazie all’iniziativa delle associazioni, sono nate sagre e feste intorno a questi prodotti, che già rappresentano momenti importanti di socializzazione e aggregazione per residenti e turisti, abbiamo pensato che fosse utile stabilire un protocollo d’intesa che prevedesse una comune azione di valorizzazione di queste manifestazioni, nella prospettiva di renderle sempre più momenti anche di promozione dei prodotti stessi, in un contesto di sinergia tra associazioni e Amministrazione comunale”.

Il protocollo d’intesa prevede in particolare che il Comune di Cetona si impegni a collaborare fattivamente nella promozione degli eventi e rappresenti un costante punto di riferimento amministrativo affinché le varie iniziative si inseriscano in un comune contesto di valorizzazione, facendosi anche promotore di ulteriori iniziative che coinvolgano ad esempio il mondo della ristorazione e della ricettività affinché questi prodotti tipici rappresentino un valore aggiunto dell’offerta culinaria e turistica del territorio.

Francesco Aggravi, presidente della Pro Loco di Cetona ha, a nome anche delle altre associazioni, ringraziato l’Amministrazione comunale che ha proposto questa interessante iniziativa, sottolineando che “il protocollo d’intesa è un passo importante verso l’individuazione di sempre maggiori sinergie tra le associazioni stesse e le manifestazioni, per fare in modo che ognuno degli eventi sia un’occasione di promozione non del singolo prodotto ma dell’intero territorio di Cetona”.

Con la firma del protocollo le associazioni si sono impegnate infatti a intensificare i momenti di promozione, informazione e divulgazione, durante le manifestazioni, delle caratteristiche e della storia dei prodotti che sono protagonisti, nonché dei loro canali di produzione e commercializzazione, attraverso varie iniziative. Si impegnano inoltre ad adoperarsi affinché gli eventi si qualifichino sempre più, oltre che come importanti momenti di socializzazione ed aggregazione, anche come occasione di promozione delle tradizioni enogastronomiche locali e dunque come strumenti di sviluppo economico nel campo turistico ed agricolo

Nessun commento su Cetona, protocollo per promuovere i prodotti tipici dell’agricoltura

Torrita: approvato il bilancio consuntivo per l’anno 2012

Approvato il bilancio consuntivo per l’anno 2012 del Comune di Torrita Il documento è stato discusso nella seduta del 30 aprile. All’ordine del giorno l’ingresso dei consiglieri Marco Marchetti (Lista Pdl)…

Approvato il bilancio consuntivo per l’anno 2012 del Comune di Torrita

Il documento è stato discusso nella seduta del 30 aprile. All’ordine del giorno l’ingresso dei consiglieri Marco Marchetti (Lista Pdl) in sostituzione di Stefano Buracchi e Ottorino Pellegrini (Rifondazione comunisti italiani) in sostituzione di Angelo Sanchini

Torrita di Siena chiude il bilancio 2012 con un avanzo di 219mila euro. È quanto emerso nel corso del Consiglio comunale di martedì 30 aprile che ha approvato il documento con i voti favorevoli della Lista Centrosinistra per Torrita, i voti contrari dei gruppi di opposizione e l’astensione della Lega Nord.

«Il bilancio 2012 chiuso in attivo dimostra come anche in un periodo di crisi generalizzata con riduzione dei fondi dal Governo centrale siamo riusciti a mantenere i conti del Comune su una strada sicura seppur sempre legati ai vincoli del Patto di Stabilità – ha detto l’assessore al bilancio del Comune di Torrita di Siena Mauro Chechi –. Un documento che rappresenta la continuità con quanto messo in atto negli anni precedenti e dimostra la grande attenzione nella gestione delle entrate e delle uscite che ci ha consentito di mantenere inalterata la qualità dei servizi ai cittadini. Il 93% delle nostre entrate è legato alle tasse locali e in quest’ottica va il rafforzamento delle misure di lotta all’evasione fiscale in nome della giustizia sociale. Prudenza e rigore ci hanno permesso di ottenere questi risultati e di essere cautamente ottimisti e tranquilli per il futuro della nostra comunità».

Tra gli altri punti all’ordine del giorno l’adesione al protocollo d’intesa tra la Provincia di Siena e i 36 Comuni del territorio per l’applicazione delle misure e delle azioni previste dal Nuovo Piano Energetico 2010-2020 e l’ingesso in Consiglio comunale di Marco Marchetti (Lista Pdl) in sostituzione di Stefano Buracchi e Ottorino Pellegrini (Lista Rifondazione comunisti italiani) in sostituzione di Angelo Sanchini.

Nessun commento su Torrita: approvato il bilancio consuntivo per l’anno 2012

“La battaglia della Valdichiana” presentata al Teatro degli Oscuri

Il Circolo Culturale Fra Jacopo da Torrita, in occasione dell’edizione del quarto numero della rivista storico-culturale “Torrita Storia Arte Paesaggio” presenterà al pubblico sabato 18 maggio alle ore 17:00 presso…

Il Circolo Culturale Fra Jacopo da Torrita, in occasione dell’edizione del quarto numero della rivista storico-culturale “Torrita Storia Arte Paesaggio” presenterà al pubblico sabato 18 maggio alle ore 17:00 presso il Teatro degli Oscuri di Torrita di Siena, il fascicolo monografico intitolato “7 Ottobre 1363. La battaglia della Valdichiana”.

Tra gli interventi previsti durante questo evento, sono segnalati quelli del Dott. Alberto Cornice, del Dott. Giovanni Mazzini e quella di autori e ricercatori che hanno contribuito alla realizzazione di questa pubblicazione storica,  riguardante un periodo nel quale i territori della Valdichiana sono stati oggetto di forti contese territoriali, culminati appunto con la battaglia del 1363.

Oltre all’incontro di Torrita di Siena del 18 maggio, è previsto un ciclo di altre due giornate di presentazione del volume sulla battaglia della Valdichiana; la prima giornata è programmata per il 1 giugno alle ore 17:00 presso il Palazzo Pretorio di Lucignano, la successiva è prevista per il giorno 6 giugno alle ore 17:30 nella sede dell’Accademia degli Intronati presso Palazzo Patrizi di Siena.

L’iniziativa è edita dal Circolo Culturale Fra Jacopo da Torrita, associazione per la valorizzazione e salvaguardia dei beni ambientali e culturali e gode del patrocinio della Provincia di Siena, degli enti Comune di Siena, Comune di Torrita di Siena, Comune di Sinalunga, Comune di Lucignano e delle Biblioteche riunite di Sinalunga-Trequanda-Torrita di Siena.

Nessun commento su “La battaglia della Valdichiana” presentata al Teatro degli Oscuri

Pedalata ecologica di Porsenna su strade e sentieri della Valdichiana

In occasione dell’appuntamento nazionale Bicincittà 2013 con il quale la UISP intende promuovere cultura urbana ed educazione ambientale per una mobilità alternativa, anche i cittadini ed i turisti della Valdichiana…

In occasione dell’appuntamento nazionale Bicincittà 2013 con il quale la UISP intende promuovere cultura urbana ed educazione ambientale per una mobilità alternativa, anche i cittadini ed i turisti della Valdichiana avranno una opportunità di partecipazione con una pedalata a loro dedicata.

In coincidenza con le date della manifestazione, che avrà la sua giornata principale di svolgimento domenica 12 maggio e che vedrà la partecipazione di oltre cento città in tutta italia, il Gruppo Ciclistico Amatori di Chiusi organizza la prima Pedalata Ecologica di Porsenna lungo il Sentiero della Bonifica e le altre strade e percorsi ciclabili della Valdichiana.

Questa occasione rappresenta un invito per un giorno a lasciare l’auto a casa e di prendere la bici per respirare un’aria più pulita e godere appieno del nostro territorio, incentivando la realizzazione di piste ciclabili e percorsi protetti e sensibilizzando l’opinione pubblica sulla possibilità di usare quotidianamente mezzi alternativi all’automobile: tale messaggio può essere particolarmente rivolto alle famiglie, con l’obiettivo di coinvolgere interi nuclei, dai più giovani ai meno giovani.

L’edizione di Chiusi della manifestazione prevede un ritrovo per le iscrizioni dalle ore 8:00 alle ore 9:15 presso il Centro Commerciale Etrusco di Chiusi in località Querce al Pino; la partenza è prevista alle ore 9:30. Possono partecipare tutte le società, i ciclisti tesserati ma anche coloro che non sono tesserati, presentando idoneo certificato medico.

Per informazioni dettagliate sulla pedalata è possibile contattare il referente del Gruppo Ciclistico Amatori Chiusi

Rosati Franco: tel/fax 0578 226442

Bicincittà 2013

Nessun commento su Pedalata ecologica di Porsenna su strade e sentieri della Valdichiana

Alla scoperta di Sarteano: dall’epoca etrusca a quella medievale

Per la serie delle iniziative Incontri tra Arte e Storia 2013 promossi dalla Società Storica Poliziana, da Arteatro Gruppo di Montepulciano e dal Circolo A.I.C.S. di Montepulciano, con il patrocinio…

Per la serie delle iniziative Incontri tra Arte e Storia 2013 promossi dalla Società Storica Poliziana, da Arteatro Gruppo di Montepulciano e dal Circolo A.I.C.S. di Montepulciano, con il patrocinio del Comune di Montepulciano, l’appuntamento di domenica 5 maggio farà tappa a Sarteano.

L’appuntamento ruota attorno al ruolo nella storia di Sarteano a partire dal periodo di influenza etrusca fino all’epoca medioevale e sarà occasione per essere oggetto di vista di luoghi storici significativi quali il castello, il museo e la Tomba della Quadriga Infernale.

Il programma prevede una passeggiata storico-archeologica con conferenza di Alessandra Minetti con ritrovo presso Piazza Bargagli presso la Chiesa di San Francesco a partire dalle ore 15:30; in caso di pioggia la visita sarà rimandata allo stesso orario della domenica successiva.

Il ciclo del progetto culturale “Incontri tra Arte e Storia” è costituito da un calendario di eventi, visite e conferenze di interesse storico ed artistico durante l’arco dell’anno; durante gli incontri verranno letti alcuni brani a tema da parte di Giovanna Vivarelli, in collaborazione con l’Arteatro Gruppo. Ogni iniziativa viene svolta in collaborazione con il Centro Culturale “Gens Valia” di Valiano, il Circolo Legambiente di Montepulciano-Chianciano-Chiusi-Sarteano e il Photo Club di Montepulciano.

Nessun commento su Alla scoperta di Sarteano: dall’epoca etrusca a quella medievale

Le idee di Chiusi per il bilancio comunale

Il comune di Chiusi lancia il progetto “Decidi insieme a noi“: un percorso di condivisione e sinergie che riesca a coinvolgere i cittadini insieme alle forze politiche, sociali ed economiche…

Il comune di Chiusi lancia il progetto “Decidi insieme a noi“: un percorso di condivisione e sinergie che riesca a coinvolgere i cittadini insieme alle forze politiche, sociali ed economiche rendendo il prossimo bilancio comunale del 2013 uno strumento basato su una ampia partecipazione democratica.

Il sindaco Stefano Scaramelli ha dato avvio alle prime fasi di analisi e consultazione con i diversi attori:  nel breve termine sarà quindi possibile poter costituire la situazione finanziaria aggiornata del bilancio comunale da presentare alla cittadinanza e da una prima serie di incontri di associazioni presenti nel territorio (Auser – Chiusi Città, Volto Amico – Montallese, Pubblica Assistenza, Associazione Commercianti di Chiusi Città e Scalo) sono già emersi spunti e idee per i diversi capitoli del bilancio comunale. Queste le dichiarazioni del sindaco di Chiusi:

Soltanto vivendo la città e guardando negli occhi le persone si può comprendere le necessità dei cittadini come abbiamo sempre sostenuto la politica non deve essere relegata alle stanze del potere, ma deve avere la capacità di ascoltare per poter poi agire nell’interesse di tutti. Proprio per questo abbiamo pensato il progetto “Decidi insieme a noi” che di fatto rappresenta bene la nostra idea di governo della città, la nostra idea di una politica nuova fatta non di orpelli e mezze parole, ma di decisioni e fatti concreti presi con la maggiore trasparenza e condivisione possibile.

Ecco il calendario degli incontri previsti con i cittadini:

[list style=”5″ underline=”1″]

  • 3 maggio, Circolo PD di Montevenere – ore 21:00
  • 4 maggio, Ex circolo Arci di Chiusi Città, Via Mecenate – ore 16:00
  • 6 maggio, Circolo PD di Chiusi Scalo
  • 7 maggio, Auser di Chiusi Scalo
  • 8 maggio, Associazione ADA
  • 8 maggio, Macciano
  • 11 maggio, Incontro all’aperto a Montallese

[/list]

Durante gli incontri sul bilancio, aperti a tutti i cittadini, verranno quindi affrontati temi e questioni di primaria importanza quali le opere pubbliche e la loro manutenzione, le politiche sociali, culturali ed economiche; tali eventi saranno anche occasione di visita da parte delle più importanti realtà imprenditoriali del territorio.

Nessun commento su Le idee di Chiusi per il bilancio comunale

Breve storia della Valdichiana – Prima Parte

Inauguriamo oggi questa rubrica dedicata alla storia locale e alle radici identitarie della Valdichiana attraverso un racconto in più parti che ripercorrere le vicende storiche del nostro territorio. Attraverso gli…

Inauguriamo oggi questa rubrica dedicata alla storia locale e alle radici identitarie della Valdichiana attraverso un racconto in più parti che ripercorrere le vicende storiche del nostro territorio. Attraverso gli articoli di questa rubrica potrete scoprire curiosità locali, cronache di epoche passate e le origini dei paesi in cui viviamo: un viaggio a puntate alla scoperta delle nostre radici!

Valdichiana – Dagli etruschi ai romani

La Valdichiana costituisce uno dei territori geografici storicamente più umanizzati della nostra Nazione. Originariamente la sua estensione era di circa 90 chilometri con alle due estremità i territori delle città di Arezzo a Nord e di Orvieto a Sud. In questa valle vissero floridamente le popolazioni Etrusche di quattro delle dodici Città-Stato della storica Lega Etrusca e cioè: Arezzo (Arretium), Cortona (Cortonae), Chiusi (Clusium) e Orvieto (Urbe-Vetus).

Le abbondanti ed ottime produzioni agrarie della pianura e delle dolci colline della Valdichiana le hanno conferito sin dalle prime civiltà il celebre appellativo di “granaio d’Etruria”. In epoca Etrusco-Romana, la valle era bagnata dal fiume Clanis; questi aveva origine dalle colline di San Zeno e di Chiani ad Ovest della città di Arretium e la percorreva in direzione Nord-Sud sino a confluire nel fiume Tevere a circa cinque chilometri a valle della città di Orvieto, dopo aver ricevuto le acque del fiume Paglia.

Gli storici del tempo quali Tacito, Strabone, Plinio, descrivono la Valdichiana come una valle che dopo il tramonto degli Etruschi, con la colonizzazione Romana, venne attraversata da importanti infrastrutture stradali prima fra tutte la Via Consolare “Cassia Vetus” e da infrastrutture fluviali quali le opere di navigazione ed un funzionale sistema portuale sul fiume Clanis.

Lungo il corso di questo importante fiume, i Romani realizzarono porti fluviali ed opportune opere di trattenuta delle acque che consentivano anche in estate, in occasione delle “nundine” giorno di mercato a Roma, di trasportare i prodotti di tutta la valle, sino al porto di Pagliano presso la confluenza del fiume Tevere e da qui fino alla Capitale dell’Impero.

Nel 17 d.C. il Senato Romano, preoccupato delle ripetute alluvioni del fiume Tevere a Roma, propose, insieme ad altri interventi idraulici, di invertire il corso delle acque del fiume Clanis deviandolo sul fiume Arno, ma come descritto da Tacito nei suoi Annali, i messi Fiorentini, supplicando l’Imperatore che tale provvedimento sarebbe stato la rovina di “Florentia”, fecero sì che questo progetto non fosse realizzato.

Appuntamento alla prossima settimana con la seconda parte della rubrica storica!

4 commenti su Breve storia della Valdichiana – Prima Parte

Type on the field below and hit Enter/Return to search