La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Copia della Costituzione ai neo maggiorenni di Sarteano

Nei giorni scorsi vi avevamo parlato dell’iniziativa del Comune di Chiusi in occasione del 2 giugno, per la consegna di copie della Costituzione italiana ai diciottenni. Ebbene, un’analoga manifestazione si…

Nei giorni scorsi vi avevamo parlato dell’iniziativa del Comune di Chiusi in occasione del 2 giugno, per la consegna di copie della Costituzione italiana ai diciottenni. Ebbene, un’analoga manifestazione si svolgerà nel Comune di Sarteano, sempre in occasione della Festa delle Repubblica.

Gli amministratori comunali consegneranno ai neo maggiorenni di Sarteano una copia della Costituzione della Repubblica italiana. L’evento si terrà al Teatro degli Arrischianti alle ore 21:00, a cui seguirà un concerto in onore del 2 giugno. La filarmonica sarteanese si esibirà sul palco con l’inno di Mameli e altre musiche legate alla storia della Repubblica italiana.

costituzione pietraporciana

Per la giornata del 2 giugno è previsto un altro evento organizzato dal Comune di Sarteano: in mattinata si terrà infatti una passeggiata con visita guidata alla Faggetta di Pietraporcina, in collaborazione con la cooperativa Abies Alba. La passeggiata è inserita nel ciclo di appuntamenti “Voler bene all’Italia”, per valorizzare uno dei luoghi più suggestivi del territorio, con una vegetazione sfuggita all’ultima glaciazione. L’escursione partirà alle ore 10:30 dal centro visite e durerà circa due ore. Per informazioni e prenotazione potete scrivere a: pietraporciana@abiesalba.com

Nessun commento su Copia della Costituzione ai neo maggiorenni di Sarteano

Commemorazione dei carabinieri Forziero e Campanile

Sabato 1 giugno alle ore 18.00, presso la piazza della Pieve di Sinalunga,  alla presenza dei familiari delle vittime e del picchetto d’onore dell’Arma dei Carabinieri, le autorità cittadine ricorderanno…

Sabato 1 giugno alle ore 18.00, presso la piazza della Pieve di Sinalunga,  alla presenza dei familiari delle vittime e del picchetto d’onore dell’Arma dei Carabinieri, le autorità cittadine ricorderanno solennemente le figure di Forziero e Campanile.

Era infatti il giorno 1 giugno 1990 quando cinque colpi di pistola esplosi da un malvivente a Siena stroncavano la vita dei due Carabinieri sinalunghesi. A ventitrè anni di distanza da quel drammatico giorno, l’Amministrazione Comunale di Sinalunga, in collaborazione con l’associazione Carabinieri in congedo, commemorerà l’estremo sacrificio dei due giovani con una cerimonia pubblica.

Manlio Beligni, assessore alla Memoria, commenta così la commemorazione:

“Dobbiamo continuare l’opera incessante del ricordo di quei tragici fatti, per non ucciderli una seconda volta. Ricordare Mario Forziero e Nicola Campanile alla presenza dei loro familiari, per la nostra comunità rappresenta un momento di particolare vicinanza e riconoscenza verso coloro che hanno pagato un prezzo così alto nei confronti della violenza, perdendo in questo sacrificio un loro caro. Vogliamo e ci auspichiamo che questa commemorazione continui anche nei prossimi anni, e che diventi ancora con più forza un momento di sincera gratitudine verso tutti quegli agenti delle forze dell’ordine che hanno perso la vita per rendere più sicuro il nostro territorio”.

“Riteniamo inoltre molto importante – conclude l’assessore alla Memoria – che lo stimolo a riprendere, questa commemorazione, interrotta alcuni anni fa, sia venuto dalla minoranza in consiglio comunale, a dimostrazione che sui temi di grande valore lo spirito di coscienza nazionale prevale sulle divisioni politiche”.

Nessun commento su Commemorazione dei carabinieri Forziero e Campanile

“Bambini a scuola di Mountain Bike”

Sabato 1° giugno alle 17:00 torna la terza edizione di “Bambini a scuola di Mountain Bike” organizzata dall’associazione Cerro Bike di Acquaviva, unica in provincia a promuovere la Mtb fra…

Sabato 1° giugno alle 17:00 torna la terza edizione di “Bambini a scuola di Mountain Bike” organizzata dall’associazione Cerro Bike di Acquaviva, unica in provincia a promuovere la Mtb fra i piccoli.

L’iniziativa “Bambini a scuola di Mountain Bike” è un minicorso dedicato ai più piccoli per conoscere la bici e imparare a usarla correttamente, un progetto attraverso il quale il gruppo sportivo Cerro intende promuovere e diffondere l’uso della bicicletta tra i bambini e i ragazzi.

La “preparazione” è cominciata già nelle aule scolastiche: negli incontri in classe con gli oltre cento allievi della 2ª, 3ª, 4ª e 5ª elementare delle Scuole “I. Origo” di Sant’Albino di Montepulciano e “G. Parini” di Torrita di Siena, sono state illustrate tutte le varie componenti della mountain bike (telaio, freni, ruote, cambio, ecc.), le regolazioni da fare sulla bici (altezza sella, pressione gomme) e le principali norme da seguire nelle pedalate su strada.

Sono stati portati a conoscenza dei giovani studenti anche alcuni aspetti, spesso trascurati ma molto importanti per la sicurezza personale, come ad esempio l’uso e la corretta regolazione del casco.
Sabato 1 giugno dalle 17:00, all’Agriturismo “Il Sabato del Villaggio” in località Tre Berte, il corso passerà dalla teoria alla pratica. Sarà un pomeriggio in bici all’insegna del divertimento durante il quale i bambini, divisi in gruppi, saranno chiamati a mettere in pratica le regole di comportamento e di guida che, anche nell’uso più ricreativo della bicicletta, devono essere sempre attentamente osservate.
Ben 49 bambini in sella alla propria bici, affronteranno semplici prove di abilità e controllo del mezzo a due ruote, in “zone” appositamente predisposte dai volontari della Cerro Bike come lo slalom tra i birilli, il passaggio su fondo sconnesso o il superamento di una tavola basculante.

Al termine delle prove è prevista l’escursione finale lungo un breve percorso ad anello, alla quale saranno ammessi anche i genitori che ne faranno richiesta. Il tutto culminerà in un’abbondante e festosa merenda che concluderà la manifestazione.

Il gruppo Cerro Bike è nato nel 2011 ad Acquaviva dalla passione per la mountain bike che accomuna un gruppo di amici, prosegue così, unica in tutta la provincia, la strada della promozione della mtb rivolta ai più piccoli.

Nessun commento su “Bambini a scuola di Mountain Bike”

Hyperstrada – La piccola motard a Montepulciano

Montando un cupolino con paravento, modificando la sella ora adatta ad ospitare quasi comodamente un passeggero, riducendo l’escursione della forcella anteriore e del mono posteriore, rialzando il manubrio di 20…

Montando un cupolino con paravento, modificando la sella ora adatta ad ospitare quasi comodamente un passeggero, riducendo l’escursione della forcella anteriore e del mono posteriore, rialzando il manubrio di 20 mm per una posizione di guida più turistica e aggiungendo due borse laterali semirigide da 25 litri, la ducati ha fatto nascere sull’ossatura dell’Hypermotard questa “nuova” motard turistica da strada, l’Hyperstrada.

La piccola di casa Ducati è stata oggetto di un test sulle colline senesi, grazie alla naturale predisposizione del paesaggio in linea con quelle che sono le caratteristiche di guida della due ruote di Borgo Panigale. In questo scenario, tra la Val d’Orcia e Montepulciano, Ducati ha deciso di  effettuare il lancio mondiale della sua nuova Hyperstrada, moto-tuttofare adatta al turismo dinamico ed alle gite fuori porta, che riesce a divorare con semplicità, grazie all’erogazione fluida del bicilindrico da 110 CV, le curve dolci delle colline toscane.

La casa romagnola ha rinominato questi test, per rendere omaggio al perfetto connubio tra queste strade e la moto, “Tuscany Experience”, guidando gli oltre 90 giornalisti provenienti da tutti il mondo, alla scoperta dei borghi più suggestivi con squisite proposte eno-gastronomiche, sulle tracce della migliore tradizione toscana.

Non si sono fatti cogliere impreparati dal passaggio della carovana dei centauri i sindaci dell’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese, che nel febbraio 2013 hanno presentato il progetto “Paesaggi del benessere”. I primi cittadini hanno infatti incontrato gli inviati a Montepulciano, in Piazza Grande, durante una sosta del tour, esponendo gli obiettivi dei “Paesaggi del benessere”, dedicati a tutte le forme di mobilità, da quelle motorizzate al trekking passando naturalmente per la bicicletta.

L’idea risultata più che valida ha riscosso molto successo, anche per la volontà di creare delle infrastrutture che aiutino i viaggiatori a riconoscere i luoghi visitati e ottenerne informazioni.

All’incontro hanno presenziato i sindaci Andrea Rossi, padrone di casa, Gabriella Ferranti (Chianciano Terme), Stefano Scaramelli (Chiusi), Franco Picchieri (San Casciano dei Bagni), Francesco Landi (Sarteano), Enzo Baldacconi (Assessore a Sinalunga), Giordano Santoni (Torrita di Siena), Roberto Machetti (Trequanda).

 

Nessun commento su Hyperstrada – La piccola motard a Montepulciano

Le Rane Scarlatte – ultima (!?) parte

Le Rane Scarlatte – ultima (!?) parte La tappa finale è quella più ambiziosa: condensare uno o più viaggi, in un’unica esperienza musicale. “Down New Mexico way something about the…

Le Rane Scarlatte – ultima (!?) parte

La tappa finale è quella più ambiziosa: condensare uno o più viaggi, in un’unica esperienza musicale.

“Down New Mexico way
something about
the open road
I knew that he was
looking for some Indian Blood and
find a little in you find a little
in me we may be
on this road but
we’re just
Impostors
in this country you know”

Tori Amos – A Sorta Fairytale

 

Come ogni viaggio, ogni fiaba, ogni storia, anche questa rubrica ha una tappa finale. A questo giro, l’idea nasce da “Scarlet’s Walk“, un album intero della cantautrice americana Tori Amos, pubblicato nel 2002. Questo inciso ha un fortissimo legame con il territorio, con gli Stati Uniti, terra natale dell’artista in questione e della protagonista della storia alla base, perché parla di un viaggio lunghissimo, dove ciascuna tappa rappresenta un luogo preciso: “Amber Waves e “A Sorta Fairytale rappresentano Los Angeles, “Strange e “Carbon” le ultime riserve con i Nativi Americani (Tori Amos ha oltretutto origini Cherokee da parte di madre), “Virginia e “I Can’t See New York hanno chiari riferimenti agli stati americani nei rispettivi titoli. Queste sono solo un estratto della nutritissima tracklist del disco. Ogni traccia è una città diversa, un paesaggio diverso – un itinerario che cerca di coprire tutti gli Stati Uniti, andando a visitare non luoghi universalmente riconosciuti, ma luoghi se vogliamo più intimi, che rievocano le origini della nazione, come le già citate riserve dei Nativi Americani, ma alcune tappe sono palesemente una ricerca di se stessi: “Everybody has a body map, and she’s trying to find hers / Tutti hanno una mappa del corpo, e lei [Scarlet, la protagonista del concept della Amos] sta cercando di trovare la sua”. Certo, l’espediente narrativo fa in modo di utilizzare un personaggio fittizio come Scarlet, le cui vicende, in qualche modo, rimandano all’autrice, ma probabilmente un intero concept basato su se stesse sarebbe stato troppo presuntuoso e poco appetibile, perché comunque nella musica ciascun ascoltatore cerca qualche riferimento personale; un processo che non sarebbe possibile se ci fossero troppi riferimenti all’autore. E poi, il vantaggio di avere dei personaggi di fantasia, lascia modo all’inventiva di creare vicende del tutto nuove, che rendono senz’altro più appetitoso e nutrito l’intreccio narrativo. Come il fatto che Scarlet visiti l’Alaska, un luogo affascinante, inospitale, freddo, ma di rara bellezza – e ditemi, quanta gente è stata in Alaska?

scarlet

Un altro aspetto interessantissimo dal punto di vista narrativo, è il fatto – e non mi stancherò mai di ripeterlo – che la musica condensa un susseguirsi di eventi temporali che potrebbero prendere realmente dei mesi – difatti in “Scarlet’s Walk” abbiamo comunque una gravidanza in mezzo – se non anni, nel giro di un ascolto, che nel caso di questo disco potrebbe prendere una bella mattinata, o un pomeriggio. E comunque l’ascolto non risulta pesante o eccessivamente impegnativo, ma aiuta a visitare, anche solo con la mente, dei luoghi nuovi, bramati, mai conosciuti. E lo si fa con un’immaginaria compagna di viaggio, di cui non ci importa molto se sia bella o brutta, alta o bassa, rossa o bionda: lei in quei posti ci è nata, è cresciuta, ci prende per mano e ci invita a visitarli assieme a lei. Che importa se quello che ci immaginiamo non corrisponde al territorio vero? Che ci importa se avevamo in mente la copertina di Dove in mente, piuttosto che le vere praterie americane. Il bello è fondamentalmente questo: si ha a disposizione un territorio sconfinato, una musica che descrive e racconta il territorio con la giusta distanza tra riferimenti autobiografici e realismo nel presentare questo o quel luogo, una compagna fittizia di viaggio, che presto ci si troverà a sostituire a se stessi. E quest’amica rimarrà a distanza, una piacevolissima voce narrante a distanza, come il vento tra i capelli. In questo modo, sarà davvero impossibile rimanere indifferenti al fascino di un paese che si pensa di conoscere tramite i film, o tramite i libri di storia e geografia. La musica è una straordinaria aiutante nel cercare una conoscenza più vera di ciò che visitiamo. E la musica ci aiuta a farci sentire i benvenuti dovunque noi ci troviamo. Che sia casa, o un luogo totalmente nuovo – vero, o nella nostra fervida immaginazione.

“I will follow
Her on her path
Scarlet’s Walk
through the violets
just tell your
Gods for me
all debts are off this year
they’re free to leave
yes they’re free
to leave”

 Tori Amos – Scarlet’s Walk

2 commenti su Le Rane Scarlatte – ultima (!?) parte

Grandi concerti a Palazzo Ricci di Montepulciano

Il Palazzo Ricci di Montepulciano si appresta a vivere un fine settimana ricco di grandi concerti. Si inizia questo pomeriggio, giovedì 30 maggio alle 18:00, con un concerto dal tema…

Il Palazzo Ricci di Montepulciano si appresta a vivere un fine settimana ricco di grandi concerti.

Si inizia questo pomeriggio, giovedì 30 maggio alle 18:00, con un concerto dal tema “Echi tra vecchio e nuovo”. Lo stesso concerto è poi in programma sabato 1 giugno, sempre alle 18:00.
“Echi tra vecchio e nuovo” è un concerto di musica da camera da Beethoven al contemporaneo, a del Conservatorio di Colonia/Wuppertal, in questi giorni a Montepulciano per lavorare con i loro maestri su un workshop interdisciplinare che comprende giovani compositori, formazioni cameristiche e recitazione. A guidarli autentiche personalità come il compositore Johannes già assistente di Pierre Boulez; la pianista francese Florence Millet; la violoncellista Sussanne Müller-Hornbach, e l’attore Bernt Hahn.

I due concerti affronteranno un variegato programma che comprende: Trio per violino, corno e pianoforte di György Ligeti (1923/2006); il la Sonata Nr. 5 per violino e pianoforte di Beethoven; il Trio per clarinetto, violoncello e pianoforte del compositore greco Georges Apeghis; il trio Sleepeng women della giovane Bunita Marcus, allieva di Morton Feldman, e prime assolute di giovani compositori accompagnate dalla voce di Bernt Hahn.

Mentre, per venerdì 31 maggio alle 18:00, è in programma il “Festival SoNoRo di Bucarest“, uno degli avvenimenti musicali più importanti d’Europa che raccoglie decine di talenti in particolar modo giovani. L’Ensemble SoNoRo è guidato dalla viola di Razvan Popovici con Diana Ketler e Janis Maleckis al pianoforte, Anna-Liisa Bezrodny al violino, Jan-Erik Gustaffson al violoncello e i vincitori del Concorso Interfente di Bucarest.

Una formazione duttile, estroversa e che spazia dal repertorio antico al moderno con una facilità entusiasmante. Il programma del concerto prevede:  Frank Bridge (1879-1941) Fantasy Quartet; Antonin Dvorak (1841-1904) con il Trio Dumki; Gabriel Fauré (1845-1924) Quartetto con pianoforte Nr.1 e Johannes Brahms (1833-1897) Quintetto con pianoforte op.34.

Nessun commento su Grandi concerti a Palazzo Ricci di Montepulciano

Il servizio di asilo nido non va in vancanza

A Sarteano il nido d’infazia rimarrà aperto anche nei mesi di luglio e agosto. “Questa struttura del Comune – osserva il sindaco Francesco Landi – resta attiva tutto l’anno, quindi…

A Sarteano il nido d’infazia rimarrà aperto anche nei mesi di luglio e agosto.

“Questa struttura del Comune – osserva il sindaco Francesco Landi – resta attiva tutto l’anno, quindi anche in estate, per rispondere alle esigenze di entrambi genitori che, per motivi di lavoro, non possono accudire i figli”.

In estate “La locomotiva” di Sarteano potrà ospitare fino a 18 bambini in contemporanea, in età compresa fra i 12 ed i 36 mesi, a patto di raggiungere almeno sei iscrizioni mensili. L’apertura è prevista dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 14.00 con uscita anticipata alle 12.30 per chi non usufruisce del pranzo.
Le domande di iscrizione vanno presentate entro il 7 giugno all’Ufficio protocollo del Comune di Sarteano, oppure all’Ufficio servizi alla persona: basterà riempire i moduli che verranno consegnati. Per la selezione delle domande avranno priorità di accesso i bambini iscritti al nido d’infanzia e i residenti nel Comune di Sarteano.
Il nido d’infanzia “La locomotiva” è ospitato in una struttura accogliente, e dispone di personale giovane e qualificato.

“La qualità della vita – aggiunge il sindaco Landi – è fondamentale. Il nostro Comune, nonostante le difficoltà economiche, intende investire nei servizi e nella formazione dei nostri figli, che rappresentano il nostro futuro”.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all’ufficio Servizi alla persona in viale Europa 72 al numero 0578269260 oppure consultare la home page del sito del comune www.comune.sarteano.si.it.

Nessun commento su Il servizio di asilo nido non va in vancanza

Episodio #3 – Al di qua del fosso

< episodio 2  episodio 4 > Al di qua del fosso – Episodio n.3 Sophie è una ragazza ticinese che si trasferisce a Montepulciano con suo padre per motivi che non ci interessano….

3_fosso

< episodio 2  episodio 4 >

Al di qua del fosso – Episodio n.3

Sophie è una ragazza ticinese che si trasferisce a Montepulciano con suo padre per motivi che non ci interessano.
Mentre la ragazza cerca di instaurare nuove amicizie, si accorge che nel paesello si verifica un numero esoso di eventi improbabili, e che c’è qualcuno che trama nell’oscurità.

ARCHIVIO EPISODI

Disclaimer: ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale

2 commenti su Episodio #3 – Al di qua del fosso

L’Hitchcock di Gervasi? Ha il volto di Anthony Hopkins

Un cast stellare per il film di Sasha Gervasi, Hitchcock, ispirato al libro di Stephan Rebello Come Hitchcock ha realizzato “Psycho”, che mostra il “making of” di uno dei più…

Un cast stellare per il film di Sasha Gervasi, Hitchcock, ispirato al libro di Stephan Rebello Come Hitchcock ha realizzato “Psycho”, che mostra il “making of” di uno dei più grandi successi cinematografici del genio dell’horror.

In meno di due ore, infatti, il regista condensa tutto il lavoro, durato mesi, che c’è stato dietro quel film, non per limitarsi a raccontare in modo cronologico lo svolgimento dei fatti, ma per svelare tutti quei minuziosi dettagli che pochi conoscono di “Sir Alfred”. Le sue ossessioni per il sovrappeso, la sua passione per le bionde inarrivabili, il suo rapporto inquietante con la moglie Alma Reville, con cui è geloso e possessivo e la sua maniacale attenzioni ai dettagli. Un regista talmente concentrato sul lavoro che, insoddisfatto dell’attore che nel film deve accoltellare la collega Marion Craine (che interpreta Janet Leigh, ndr) nella famosa scena della doccia, impugna lui stesso il coltello, avventandosi con furia sulla poveretta. Un fuori programma che permette di ottenere dalla Craine quelle espressioni terrorizzate che hanno conquistato il pubblico di tutto il mondo.

Un film clamoroso, Psycho, che però nessuna casa di produzione cinematografica, neanche la Paramount, vuole distribuire, per via della scena finale. Alma, sceneggiatrice di talento, suggerisce allora di aggiungere alla scena della doccia la musica e di rimontare il film da capo. Così facendo, i due decidono poi di finanziare personalmente il progetto, anche a costo di ipotecare la loro casa. E il successo non è ovviamente immediato, anzi, il film viene osteggiato dalla critica e fortemente censurato dalla critica, tanto da essere indicato da alcune major come un horror B movie. Ma alla fine Psycho riesce ad ottenere grandi incassi e, sebbene non vince nessun Oscar, viene considerato uno dei capolavori del genio del mistero.

D’altronde, dietro ad ogni grande uomo c’è sempre una grande donna, e ne sono la prova i teli della stanza da bagno, che hanno le iniziali AH. A per Alfred o per Alma Hitchcock? Forse per entrambi, come testimonianza della perfetta, seppure difficile, fusione tra i due.

Nel ruolo del protagonista, un Anthony Hopkins perfettamente truccato, ingrassato, divertente, integro ed empatico, e al suo fianco, ad impersonare la moglie, Helen Mirren, intensa e misurata nella parte. Curioso è vedere che lei, all’inizio del film, indossa la stessa biancheria usata da Marion Craine all’inizio di Psycho. Nella parte di quest’ultima, Scarlett Johansson, che sebbene sia di una bravura eccezionale, in particolare nella scena della morte sotto la doccia, ed assomigli all’attrice, risulta essere se stessa, ovvero bellissima ed esplosiva.

Grande omaggio al maestro del brivido Hitchcock quello di Gervasi, che per quanto sia un regista semisconosciuto, propone un film che si avvale di numerose nomination: agli Oscar per il miglior trucco, ai Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico (Helen Mirren) e ai BAFTA (l’organizzazione britannica British Academy of Film and Television Arts, ndr) per la migliore attrice non protagonista (Helen Mirren) e il miglior trucco.

Nessun commento su L’Hitchcock di Gervasi? Ha il volto di Anthony Hopkins

5 milioni e mezzo di investimenti sbloccati per Siena e provincia

Pugnalini: “Dalla Regione 5 milioni e mezzo di investimenti sbloccati per Siena e provincia” Allentato il patto di stabilità che impediva alle amministrazioni di saldare i crediti con le aziende…

Pugnalini: “Dalla Regione 5 milioni e mezzo di investimenti sbloccati per Siena e provincia”

Allentato il patto di stabilità che impediva alle amministrazioni di saldare i crediti con le aziende e fornitori

“Una boccata d’ossigeno per i comuni, per l’amministrazione provinciale, ma soprattutto per le imprese che attendevano di essere pagate o di poter proseguire i lavori. Grazie all’intervento della Regione, il Comune di Siena, la Provincia ed altri 23 comuni che ne avevano fatto richiesta, potranno attivare circa 5 milioni e 600 mila euro di investimenti che si trovavano stoppati a causa del patto di stabilità. Per il Comune di Siena si parla di oltre 860 mila euro, oltre 930 mila per l’amministrazione provinciale”.

Questo il commento di Rosanna Pugnalini, consigliera regionale del Partito Democratico e presidente della Commissione sviluppo economico, sulla delibera della giunta regionale che lunedì scorso ha definito la ripartizione dei 61 milioni di euro di ‘patto di stabilità verticale’ ceduto a comuni e province toscane.

pugnalini-investimenti

“Certamente questo provvedimento non soddisfa per intero la richiesta delle amministrazioni – continua la consigliera Pugnalini – , ma è un primo aiuto per far ripartire cantieri ed opere bloccate considerate strategiche e urgenti per i comuni. Il patto di stabilità, così come è stato concepito, rappresenta un vero e proprio freno all’economia. Su questo la Regione vuole continuare a dare una mano a comuni e province, ma soprattutto alle aziende che hanno bisogno di lavorare e di riscuotere celermente per i lavori eseguiti”.

Questo intervento, grazie alla quota di capacità di spesa ceduta dalla Regione Toscana ai 215 comuni ed alle 10 Province che ne hanno fatto richiesta, consentirà di saldare una parte dei pagamenti a fornitori e aziende adesso sospesi  a causa dei limiti imposti dal patto di stabilità.

“Si tratta comunque di un primo aiuto per alleviare i comuni dal patto di stabilità, anche sul territorio senese – conclude la consigliera PD Pugnalini – , le Regioni infatti richiesto un ulteriore sblocco del patto di stabilità a beneficio degli enti locali, ci aspettiamo novità nelle prossime settimane”.

Nessun commento su 5 milioni e mezzo di investimenti sbloccati per Siena e provincia

”Strade a sterro” per Borghi in Festa a Castelmuzio

Dopo i festeggiamenti in onore della Beata Bonizzella, comune di Trequanda, tocca a Castelmuzio scendere in campo e ad accendere il primo week-end di giugno. Infatti, il 31 maggio e…

Dopo i festeggiamenti in onore della Beata Bonizzella, comune di Trequanda, tocca a Castelmuzio scendere in campo e ad accendere il primo week-end di giugno. Infatti, il 31 maggio e il 1/2 giugno a Castelmuzio si svolgerà “Borghi in Festa”, manifestazione bella e suggestiva nella sua tradizione.

Una “tre giorni” intensa, a partire dall’esibizione Rock dei locali Impatto, per passare al teatro con lo spettacolo “Donne al Potere”, fino ad arrivare all’ormai consueto appuntamento con il raduno delle Auto d’Epoca. Il tutto accompagnato da uno Stand Gastronomico con piatti e prodotti tipici della zona.

Ad impreziosire l’edizione 2013 di Borghi in Festa, sarà la prima edizione di “Strade a Sterro”: una pedalata cicloturistica che si svolgerà per le strade bianche della zona, e per tutto il circostante territorio della Valdorcia. Un’ occasione per far conoscere agli amici delle due ruote i panorami mozzafiato di questa zona, attraverso un percorso studiato appositamente dai due principali promotori dell’iniziativa: Edoardo Cannoni e Adriano Mattii.

Questa sara’ l’occasione per rivedere tante biciclette d’epoca che hanno fatto la storia del nostro ciclismo locale, e rivivere quelle parole: “un uomo solo al comando… la sua maglia ha i colori dell’iride… il suo nome Angelo Fausto Coppi”.

Nessun commento su ”Strade a sterro” per Borghi in Festa a Castelmuzio

Il vescovo Cetoloni trasferito dalla Valdichiana a Grosseto

Attraverso una nota, la Santa sede ha comunicato il trasferimento di Padre Rodolfo Cetoloni, che lascia la diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza per guidare la diocesi di Grosseto, il cui ordinario, monsignor Franco…

Attraverso una nota, la Santa sede ha comunicato il trasferimento di Padre Rodolfo Cetoloni, che lascia la diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza per guidare la diocesi di Grosseto, il cui ordinario, monsignor Franco Agostinelli, era stato trasferito a Prato da Benedetto XVI. Per due mesi Mons. Cetoloni rimarrà alla guida della Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza, poi lascerà la cattedra a un successore, che ancora non è stato nominato.

Nato nel 1946 a Badia a Ruoti, in provincia di Arezzo ma diocesi di Montepulciano, padre Rodolfo è entrato a 16 anni, nei Frati minori; il 19 settembre 1971 ha emesso la professione solenne ed è stato ordinato sacerdote nel 1973 a Gerusalemme dove ha studiato Teologia biblica presso lo Studio Biblico Francescano della Flagellazione e ha stretto un forte legame con la Terra Santa. Dal 1973 al 1976 ha frequentato il Pontificio Istituto Biblico di Roma conseguendo la Licenza in Sacra Scrittura e Teologia.

A Mons.Cetoloni si deve a l’iniziativa della Marcia Francescana ad Assisi. Più volte Definitore Provinciale, dal 1985 al 1991 è stato Ministro Provinciale della Provincia Toscana dei Frati Minori, dal 1991 al 1997 Vicario Provinciale, Visitatore generale della Provincia francescana delle Marche (1993). È stato consacrato vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza il 20 maggio 2000.

Il messaggio del vescovo Cetoloni alla Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza

Ai Sacerdoti
e a tutto il Popolo di Dio
della Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza

Fratelli e Sorelle,

 

familiari miei di questi 13 anni, sacerdoti, religiosi, laici, conoscenti e amici, giovedì 9 maggio u.s., mi ha chiamato a Roma il Nunzio Apostolico e mi ha consegnato la lettera in cui mi comunicava che il Papa mi aveva scelto per come Vescovo della Chiesa che è in Grosseto.

Gli ho aperto il mio animo, dicendo tutte le mie perplessità, debolezze e difficoltà. L’ho fatto insistendo a lungo, ma, alla fine, non potevo dire di no a chi ha la responsabilità di queste scelte nella Chiesa.

Questo sentire mi ha guidato qui 13 anni fa nel lasciare i mie frati di Fiesole e di tutta la Toscana. Questo mi ha motivato nel chinare il capo e dire di sì accettando di fare questo nuovo passo.

Ora mi pare un salto ancor più grande di quello del 2000, perché mi rendo più conto, per l’esperienza fatta in questi anni, della responsabilità di un Vescovo e vedo con maggior chiarezza quello che mi è chiesto di lasciare. Si possono cercare i motivi umani, fare mille ragionamenti… So che non basterebbero a spiegare completamente questo fatto.

Con la fede debole che ho, continuo a credere che in questa vicenda il Signore Dio voglia condurre me, e anche voi, a “un rinnovato entusiasmo dell’incontro con Cristo” (Porta Fidei, 2).

Ho ripetuto spesso, in questo Anno della Fede, questa frase di Papa Benedetto, predicando e parlando agli altri. Ora è chiesto a me di fidarmi davvero e di affidarmi alla volontà della Chiesa. Chiedo a Dio, in Gesù suo Figlio e nello Spirito Santo, che questo sia davvero il fine, il centro e la forza di tutta questa storia e della mia obbedienza.

Da 13 anni sono con voi, con ognuno e con tutti. Sono stati gli anni più carichi, impegnativi, veloci e lunghi della mia vita. Ognuno di voi, con intensità e gradualità diversa, ne è stato parte viva.

Potevo essere molto più vicino a tante situazioni e persone. Voi mi siete stati attorno con affetto e condivisione. Molti, sacerdoti e laici, hanno accettato e condiviso responsabilità e rischi.

Avrei dovuto essere molto più fedele ad ognuno, molto più dedito al servizio pastorale, generoso, amante di Dio e di ognuno… So con quali limiti anch’io convivo, non cerco scusanti e chiedo perdono.

Ma so anche che il Signore va oltre ogni debolezza e meschineria e, se lo lasciamo operare in noi, Lui ci fa produrre molto frutto.

Sono cosciente che qualcosa di buono lo abbiamo imparato a realizzare, insieme. Ringraziamo il Signore e custodiamo ogni buon seme. Nella Chiesa e nella vita c’è chi prepara il terreno, chi semina, chi irriga, chi pota, chi aiuta a maturare… chi raccoglie… Ognuno di noi ha vissuto o sta vivendo qualcuna queste esperienze. È stato un bel tratto di strada in cui il Buon Dio, attraverso l’impegno di tutti, ci ha condotto. E’ stato ed è bello!

Io sono trasferito altrove per continuare, ricominciando quasi da capo! Voi restate qui per proseguire, accogliendo questa novità inattesa e specialmente preparandovi a lavorare, ognuno con i suoi doni, con un nuovo Pastore.

Per ora non sappiamo chi sarà, come lavorerà… A noi spetta prepararsi vigilanti, uniti e operativi. Questo sforzo sarà di grande aiuto per chiunque venga. Nei prossimi mesi ogni attività e iniziativa deve essere portata avanti con continuità, come possibile con l’aiuto di Dio.

Da parte mia ho bisogno di sentirvi forti, anche se un po’ meravigliati e forse sofferenti. “Forti, perché avete creduto e la Parola di Dio dimora in voi” (1Gv 3,14).

Ho bisogno di pensarvi motivati nella fede e dalla fede.

Ho bisogno ancora della vostra amicizia, comunione e collaborazione. Ora questo si chiama continuità nell’impegno, fedeltà nella preghiera per me e per tutta la Chiesa.

Con il mio affetto, la mia gratitudine e la mia fiducia vi benedico, con il saluto di sempre:

Il Signore vi dia Pace!

Nessun commento su Il vescovo Cetoloni trasferito dalla Valdichiana a Grosseto

Type on the field below and hit Enter/Return to search