Siena tra le città prescelte per concorrere al titolo di Capitale Europea della Cultura 2019. Con la conferenza stampa di venerdì 15 novembre, presso la sala del Consiglio del Ministero dei Beni e della Attività Culturali, la commissione giudicatrice ha espresso il suo verdetto. Delle ventuno città italiane candidate, insieme a Siena passano il turno anche Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi e Ravenna.

Il Direttore di Candidatura Pier Luigi Sacco esprime la sua soddisfazione per il risultato raggiunto:

“Un primo importante traguardo che ci dà la forza di impegnarci nel difficile percorso che ci aspetta nei prossimi nove mesi per la volata finale per la corsa al titolo”

Già nei prossimi giorni, il team dell’Unità operativa si rimetterà al lavoro per organizzare le tante attività necessarie per arrivare alla formulazione finale del dossier di candidatura, aumentare ulteriormente il livello di coinvolgimento e di partecipazione della comunità senese e del suo territorio, e ampliare la rete di partner internazionali.
Dopo la presentazione del dossier di candidatura, avvenuta ieri, giovedì 14 novembre, e l’esito positivo della giuria, la strada verso il titolo resta ancora lunga, ma questo risultato costituisce un forte segnale di rinascita per l’economia, la società e la cultura senese.

“Un grande ringraziamento va alla Regione Toscana e al Presidente Enrico Rossi – dichiara il Sindaco di Siena Bruno Valentini – che hanno, da subito, creduto nel nostro progetto e ci hanno assicurato le condizioni di sostenibilità che lo hanno reso credibile agli occhi della commissione in uno degli aspetti decisivi, quello finanziario. Ma il vero ringraziamento va alle energie straordinarie di questa splendida Città che non finisce mai di stupire. Abbiamo davanti un’occasione unica per costruire un modello di sviluppo incentrato sulla cultura, capace di proporsi come esempio per l’Italia e per l’intera Europa. Le sfide che abbiamo davanti non sono finite, ma questa Città ha dimostrato ancora una volta di essere in grado di ripartire a testa alta e di sapersi reinventare”

Al sostegno finanziario della Regione si è accompagnato fin dall’inizio quello della Banca Monte dei Paschi, ed il sostegno logistico è stato garantito da tutte le istituzioni senesi.

“Un riconoscimento – conclude Sacco – anche al lavoro svolto da tutti coloro che hanno partecipato al progetto: in particolare alla dottoressa Anna Carli e ai ragazzi dell’Unità Operativa, al Comune di Siena e a tutte le istituzioni che fanno parte del Comitato dei Sostenitori”

La candidatura di Siena 2019 rappresenta un laboratorio di innovazione a base culturale per l’intera Regione e per tutte le città d’arte e cultura italiane ed europee.
E’ con un nuovo entusiasmo che riprenderà il lavoro sul programma artistico, il quale consoliderà ulteriormente i legami tra Siena e l’Europa e vedrà impegnati i cittadini del territorio senese non soltanto come spettatori, ma come protagonisti attivi.

Print Friendly, PDF & Email