La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Terme di Chianciano: lavoratori in stato di agitazione

Filcams Cgil e Fisascat Cisl hanno richiesto un incontro urgente a Proprietà, Provincia, Regione e Comune Nei giorni scorsi si è svolta l’assemblea dei dipendenti della società Terme di Chianciano…

Filcams Cgil e Fisascat Cisl hanno richiesto un incontro urgente a Proprietà, Provincia, Regione e Comune

Nei giorni scorsi si è svolta l’assemblea dei dipendenti della società Terme di Chianciano SpA.

“Nel prendere atto del preoccupante inizio della stagione turistica – spiegano i lavoratori – con un evidente calo delle presenze che rischia di aggravare ulteriormente la situazione economica e occupazionale già precaria dell’intera stazione termale, ribadiamo l’urgente necessità di assicurare un futuro alle Terme e all’intera cittadina di Chianciano; al momento, le incertezze rispetto agli investimenti effettuati non danno certo garanzie in tal senso”.

“Unitariamente all’assemblea dei lavoratori – aggiungono Filcams Cgil e Fisascat Cisl – abbiamo deciso di chiedere un incontro urgente a Proprietà, Provincia, Regione e Comune allo scopo di verificare il mantenimento degli impegni politici che garantiscano un futuro all’intera cittadina termale, non trascurando l’importanza della società immobiliare per garantire l’imminente apertura delle piscine che potrebbe dare una possibilità di lavoro in più ai dipendenti stagionali già fortemente penalizzati”.

A sostegno della richiesta l’assemblea dei lavoratori ha dichiarato lo stato di agitazione di tutto il personale. Nel caso in cui non vi sia una risposta da parte dei soggetti interessati, i sindacati prevedono di mettere in atto tutte le azioni necessarie a sostegno della vertenza.

Nessun commento su Terme di Chianciano: lavoratori in stato di agitazione

Montepulciano, 32ª Fiera dell’Agricoltura di Tre Berte.

Cavalli e razza chianina protagonisti del fine settimana. Per ogni pasto, 1 Euro versato al fondo sociale per il lavoro Intenso weekend di chiusura per la 32ª Fiera dell’Agricoltura in corso a…

Cavalli e razza chianina protagonisti del fine settimana. Per ogni pasto, 1 Euro versato al fondo sociale per il lavoro

fieraagricolturatreberte2013Intenso weekend di chiusura per la 32ª Fiera dell’Agricoltura in corso a Tre Berte, frazione del Comune di Montepulciano. Oggi apre la Mostra-mercato di attrezzature, abbigliamento e prodotti per l’agricoltura, animata dalla presenza di oltre 30 espositori, che rimarrà attiva per l’intero fine settimana.Si inaugura anche la mostra fotografica “Tori e torelli di razza chianina”, sessanta anni di accurata selezione, mercati e concorsi, da Fontago a Parigi, a cura di Giordano Cioli e Vladimiro Menchicchi.Sabato è dedicato soprattutto ai cavalli ed agli sport equestri con la prima tappa nazionale della specialità “Monta da lavoro”, prove di addestramento di tutte le categorie e prove di attitudine fino allo spettacolo di arte equestre che andrà in scena dalle 21.30, il tutto organizzato dall’Associazione Tre Laghi.Domenica, la giornata conclusiva, avrà invece come protagonista, la pregiata razza chianina, uno degli elementi del territorio e dell’economia agricola più caratteristici e capaci di esprimere un’identità assolutamente unica.

Domenica mattina aprirà infatti la Mostra mercato di vitelloni da carne di razza chianina in zona di origine, giunta alla quinta edizione, rimasta l’unica in provincia di Siena nella categoria destinata alla macellazione e al consumo. Come afferma Nicola Giomarelli, Presidente dell’Associazione “Tre Berte”, è prevista la presenza di una quarantina di capi che concorreranno nelle tre categorie, Libro genealogico, femmine e maschi.
Parallelamente sarà inaugurata la mostra campionaria di soggetti suini, caprini, ovini ed equini. Inoltre sempre Domenica si disputerà una gimcana equestre e proseguiranno le prove a cavallo. Lo spettacolo sarà garantito anche da un’esibizione di falconeria.
Naturalmente per l’intero fine settimana funzioneranno a pieno ritmo gli stand gastronomici sia per il pranzo sia per la cena e per ogni pasto servito al pubblico gli organizzatori verseranno 1 Euro al fondo di solidarietà istituito dal Comune per progetti sociali di reinserimento nel mondo del lavoro. Le giornate si chiuderanno in musica con Cristiana e Massimo Tosi.

La Fiera dell’Agricoltura è organizzata dall’Associazione Tre Berte con il patrocinio del Comune di Montepulciano.

Nessun commento su Montepulciano, 32ª Fiera dell’Agricoltura di Tre Berte.

Sabrina Ferilli e Flavio Cattaneo in vacanza alle terme di San Casciano

Sabrina Ferilli e Flavio Cattaneo si trovano in una SPA a San Casciano dei Bagni nelle campagne senesi. La coppia è stata fotografata da “Chi” durante la permanenza nella località toscana…

ferilli-spaSabrina Ferilli e Flavio Cattaneo si trovano in una SPA a San Casciano dei Bagni nelle campagne senesi. La coppia è stata fotografata da “Chi” durante la permanenza nella località toscana per un weekend all’insegna del relax: i due si godono, come spesso accade, il piacere delle piscine termali tanto apprezzate nella zona. La Ferilli, vicina ai 50 anni, mostra sempre un fisico invidiabile.

Sabrina è stata interprete del film di Paolo Sorrentino  “La grande bellezza“, unico film italiano presente a Cannes, con protagonisti insieme all’attrice romana Toni Servillo che nella pellicola interpreta uno scrittore  e giornalista di successo, che da anni, tuttavia, non supera il blocco della pagina bianca, Carlo VerdoneCarlo BuccirossoIaia FortePamela VilloresiGalatea Ranzi e Serena Grandi.

Il film uscirà nelle sale italiane il 23 maggio dopo essere stato già presentato al pubblico durante la Berlinale.

Nessun commento su Sabrina Ferilli e Flavio Cattaneo in vacanza alle terme di San Casciano

Un occhiolino e ti faccio la foto, con Google Glass

Solo pochi mesi sono bastati alla comunità di sviluppo di Google Glass, per arrivare a realizzare le prime applicazioni ed estendere le funzionalità del dispositivo di realtà aumentata pensato dall’azienda…

Solo pochi mesi sono bastati alla comunità di sviluppo di Google Glass, per arrivare a realizzare le prime applicazioni ed estendere le funzionalità del dispositivo di realtà aumentata pensato dall’azienda californiana del celebre motore di ricerca.

Se il dispositivo ai profani si presenta come un ibrido tra un paio di occhiali e un prisma laterale di materiale trasparente, in realtà è un sofisticato concentrato tecnologico da poter indossare ed utilizzare praticamente ovunque; ai molti sembrerà un semplice accessorio da secchioni, ma potrebbe costituire una delle prossime tecnologie abilitanti che in futuro utilizzeremo per poter interagire con l’Internet degli oggetti, superando il paradigma delle interfacce tipo desktop da comandare con il mouse ed icone da sfiorare con un tocco per usare app.

Sebbene ne sia prevista la diffusione su scala commerciale in forma definitiva a partire dal 2014, Google ha solo recentemente reso disponibile una versione Explorer Edition riservata, oltre a chi si può permettere 1500 dollari americani per avere questo dispositivo, a collaudatori selezionati e ai partecipanti dei convegni organizzati dall’azienda madre. Proprio questo tipo di primo rilascio, nonostante che sostanzialmente ci confrontiamo con un prodotto ancora in evoluzione (Sergey Brin, co-fondatore di Google, ne ha indossato in alcune occasioni differenti prototipi durante l’anno trascorso), ha consentito che la comunità di sviluppo partecipasse e contribuisse a definire nuove funzionalità ed applicazioni.

Le possibilità di utilizzo di Glass appaiono davvero infinite viste le caratteristiche tecniche che possiamo brevemente riportare:[list style=”1″ underline=”1″]

  • Alimentazione: Batteria ricaricabile
  • CPU: dedicata, a doppio “core”
  • Memoria: 1GB RAM
  • Archiviazione: 16GB Flash
  • Video: proiezione di 640×360 su prisma ottico, equivalente ad uno schermo di 25 pollici distante 2,5 metri
  • Audio: Trasduttore osseo a conduzione
  • Connettività: Bluetooth, Wi-Fi, Micro USB
  • Comandi: riconoscimento di comandi vocali su elaborazione del linguaggio naturale captato da microfono, rete di sensori costituita da accelerometro, giroscopio, di luce, prossimità, orientamento, rotazione vettoriale, accelerazione lineare, gravità
  • Capacità di registrazione e cattura: fotografica 5 MP, video in HD 720p

 

[/list]

I vari punti potrebbero essere quelli già individuabili in uno smartphone (che comunque continuerà ad essere necessario per avere connettività Internet), e quindi potremmo “vedere cose già viste”, ma è interessante notare come parallalamente sia i collaudatori che Google stessa siano in piena attività per esplorare ed estendere le potenzialità che derivano dalle caratteristiche del dispositivo stesso.

Se da un lato tra i primi si studiano e realizzano nuovi programmi che sono in grado di riconoscere l’apertura e la chiusura delle palpebre per permetterci di scattare delle foto o avviare la registrazione di un filmato (casomai qualcuno considerasse il comando vocale “ok glass, record a video” troppo impegnativo), nei laboratori di Mountain View già è stato dato l’annuncio che per la versione commerciale saranno disponibili programmi per generare foto sferiche ed accorgimenti particolari per evitare fenomeni di sottoesposizione e sovraesposizione delle immagini rendendo riconoscibile il minimo dettaglio.

Nessun commento su Un occhiolino e ti faccio la foto, con Google Glass

Montepulciano, approvato il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile

Per il Patto dei sindaci inizia la corsa agli obiettivi ambientali: ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020. Nel 2020 il territorio di Montepulciano produrrà 19.000 tonnellate in…

Per il Patto dei sindaci inizia la corsa agli obiettivi ambientali: ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020.

Nel 2020 il territorio di Montepulciano produrrà 19.000 tonnellate in meno di anidride carbonica rispetto a quella prodotta nel 2009, con un risparmio del 24,7%. Avrà così raggiunto il principale obiettivo del “Patto dei Sindaci”, l’accordo interno all’Unione Europea che prevede entro il 2020 la riduzione di almeno il 20% delle immissioni di CO2 nell’atmosfera  Ma intanto Montepulciano è il primo Comune della Provincia di Siena per kilowatt prodotti da fonti di energia rinnovabili.

Come è noto, il cosiddetto “gas serra” è considerato la causa dei cambiamenti climatici che sconvolgono il pianeta con un pesante tributo in termini di vite umane e di danni. La riduzione delle emissioni di anidride carbonica si può raggiungere attraverso l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili che, rispetto ai tradizionali sistemi di produzione, hanno un impatto decisamente minore (o addirittura irrilevante) sull’ambiente e costi notevolmente inferiori.

E’ proprio questo il percorso che seguirà il Comune di Montepulciano che nel dicembre 2011 ha aderito, con voto unanime del Consiglio Comunale, al Patto dei Sindaci e che a marzo di quest’anno ha approvato il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) ovvero il programma di interventi che consentirà di centrare l’obiettivo proclamato nell’impegno assunto verso l’Unione Europea.

Sono, per ora, solo tre i Comuni della Provincia di Siena ad aver approvato il PAES e cioè, oltre a noi, Rapolano Terme e Monteriggioni” afferma l’Assessore all’Ambiente  Alessandro Angiolini. “Ma Montepulciano aveva già intrapreso azioni per la riduzione dei consumi di energia e l’utilizzo di fonti di produzione alternative e rinnovabili, partendo dall’impiego nei cimiteri di lampade a led al posto di quelle ad incandescenza, dalla ricerca della massima efficienza sotto il profilo termico di strutture pubbliche come il Tribunale, la Biblioteca, il Palazzo del Capitano ed il Teatro Poliziano, o, infine, installando pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica sui tetti degli edifici scolastici. Dunque le cosiddette buone pratiche fanno già parte della nostra azione amministrativa”.

“Posso affermare che la procedura sin qui seguita per l’adesione del Comune di Montepulciano al Patto dei Sindaci sia un modello di buona Amministrazione e di saggia gestione politica” dichiara il Sindaco Andrea Rossi. “Basti pensare che la Commissione Consiliare Attività Produttive, guidata dal Consigliere Stefano Biagiotti, che è uno dei promotori dell’idea, si è fatta carico, a costo zero, della conduzione del progetto insieme all’Ufficio Ambiente del Comune. Alla predisposizione del PAES ha provveduto, sempre a titolo gratuito, l’Università degli Studi “Guglielmo Marconi” di Roma che ha anche messo a disposizione del Comune la piattaforma “MedClima”, strumento utilissimo per calcolare le emissioni di anidride carbonica degli edifici e dei mezzi di trasporto pubblico. Tutti i passaggi sono stati poi oggetto di confronto con le forze politiche presenti sul territorio e con la cittadinanza e, infine, già alcuni progetti di opere pubbliche inseriti nel piano triennale vengono redatti tenendo conto delle esigenze di efficienza energetica degli edifici”.

“L’altro aspetto fondamentale del nostro piano è che prevede un intenso rapporto di scambio e collaborazione con soggetti privati; in quest’ambito si inseriscono gli accordi che hanno portato alla realizzazione di centrali a biomasse e biogas che producono energia elettrica con massimo rispetto ambientale e danno anche respiro alle produzioni agricole della Val di Chiana”.

“Il costo complessivo degli interventi per raggiungere l’obiettivo prefissato dell’abbattimento del 24% delle emissioni di CO2 è stimato in 1 milione e 400.000 Euro di cui 600.000 Euro a carico del Bilancio comunale, da stanziare tra il 2014 e il 2020, e i restanti 800.000 provenienti da finanziamenti esterni. E siamo ottimisti perché una buona politica per il territorio, oltre a preservare e valorizzare la nostra risorsa più preziosa – l’ambiente – che è anche l’elemento trainante della nostra economia, apre le porte a possibilità di finanziamenti capaci di coprire i nostri futuri fabbisogni”.

“L’adesione al Patto dei Sindaci – conclude Rossi – non è dunque una pagina nel libro delle ambizioni pur realizzabili ma è una scelta strategica ed ineludibile per un territorio che punta sul rispetto ambientale e sulla sostenibilità. Oggi il Comune di Montepulciano, a testimonianza degli impegni già sostenuti negli scorsi anni, è il primo della Provincia di Siena per kilowatt prodotti da fonti di energia rinnovabili come possono certificare i dati della provincia di Siena e di APEA”.

Nessun commento su Montepulciano, approvato il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile

Frontiera Rock Festival: appuntamento a Bettolle dal 10 al 12 Maggio

Giunto alla sua quinta edizione, il Frontiera Rock Festival continua a dimostrare grande interesse per le migliori perle dell’underground italiano. Il 10, 11 e 12 Maggio, infatti, si esibiranno sul…

Giunto alla sua quinta edizione, il Frontiera Rock Festival continua a dimostrare grande interesse per le migliori perle dell’underground italiano. Il 10, 11 e 12 Maggio, infatti, si esibiranno sul palco del Parco Villa Olda di Bettolle sette band tra le più rappresentative dell’attuale panorama indie del nostro paese:

[list style=”4″ underline=”1″]

  • F.A.S, che hanno registrato il loro primo EP “1000 motivi” al Red House Recordings di Senigallia con Dave Chang, produttore inglese di origine asiatica già noto per i lavori con Stampin’ Ground, The Orange Goblin e Linea 77.
  • Sycamore Age (Neo Psichedelia), che nel corso del 2011 hanno partecipato all’Upload Festival (Bolzano), classificandosi secondi su cinquecento band provenienti da tutta Europa. Tra i membri dell’autorevole giuria c’era Paul Cheetham, direttore artistico del Popkomm, che, dopo averli visti suonare, li ha voluti a tutti i costi per due concerti in qualità di ospiti del festival, probabilmente l’appuntamento più importante in Europa per gli operatori del settore. Finito in diverse classifiche di fine anno, tra cui quelle di Rai Radio2/Moby Dick, Blow Up, “Sentireascoltare”, il loro omonimo album d’esordio è uscito a marzo 2013.
  • Fumiprofumi (Folk), che continuano un’intensa attività live che li ha portati più volte nei palchi del nostro territorio, riscuotendo un sempre migliore successo e una sempre più energica risposta da parte del pubblico.
  • Soul Killa Beatz, che nel 2011 hanno dato alla luce “Saudade”, il loro nuovo album; un piccolo gioiello dalla provincia che suona.
  • The Bad Mexican, che con il loro disco “This is the first attempt of a band called The Bad Mexican” hanno dimostrato di poter disintegrare la forma canzone e portarla ad un livello superiore di ascolto. L’avanguardia che viene dalla provincia di Siena e che merita di essere ascoltata con attenzione.
  • Telesplash, che dopo due anni di prove intense, concerti in zona, partecipazioni a piccoli festival della provincia aretina, approdano in FOREARS, etichetta ed agenzia di management fiorentina. Con due dischi all’attivo si dimostrano una delle realtà più interessanti per ciò che concerne la scena Pop toscana.
  • Andrea Pinsuti, autoctono bettolino che gioca in casa. Con lui La Frontiera ha già collaborato questo inverno per la presentazione del suo disco d’esordio “Storie di Roma” presso il teatro Ciro Pinsuti di Sinalunga. Anche lui però, campanilismo a parte, si dimostra un soggetto musicale estremamente importante per la scena attuale.

[/list]

Ulteriori informazioni sull’evento possono essere trovate anche nella pagina Facebook ufficiale. Appuntamento quindi a venerdì 10 maggio per la serata di apertura della nuova edizione del Frontiera Rock Festival, al Parco Villa Olda di Bettolle!

1 commento su Frontiera Rock Festival: appuntamento a Bettolle dal 10 al 12 Maggio

Scontro sul progetto biogas tra Chiusi e Castiglione del Lago

Il sindaco Stefano Scaramelli e la giunta di Chiusi parteciperanno all’assemblea “No al Biogas vicino alle storiche torri di Beccati Questo e Beccati Quest’altro” prevista venerdì prossimo alla sala del…

Il sindaco Stefano Scaramelli e la giunta di Chiusi parteciperanno all’assemblea “No al Biogas vicino alle storiche torri di Beccati Questo e Beccati Quest’altro” prevista venerdì prossimo alla sala del club sportivo di Villastrada ed organizzata dall’Associazione “Tutela e Difesa ambientale delle Coste.”

L’incontro avrà lo scopo di sensibilizzare ed informare i cittadini in merito alla realizzazione di una centrale a biogas in località “le Coste” territorio umbro del Comune di Castiglione del Lago ma limitrofo e confinante al territorio toscano del Comune di Chiusi ed in particolare alla zona del lago.

“Noi questa centrale sulle rive del lago non la vogliamo, se lo mettano bene in testa –dichiara il primo cittadino di Chiusi Stefano Scaramelli– in linea di principio non sono sfavorevole allo sviluppo di questo tipo di energia ma di certo sono completamente contrario al luogo dove l’impianto potrebbe essere costruito. Il Comune di Castiglione del Lago ha un territorio enorme con località interne lontane dagli occhi di cittadini e turisti e quindi può essere tranquillamente trovata un’altra collocazione. Se il sindaco di Castiglione del Lago Sergio Batino non ascolterà la nostra voce sono pronto anche ad andare con tanto di fascia e gonfalone a protestare sotto il palazzo comunale di Castiglione perchè ritengo che costruire una centrale a ridosso di un’oasi naturalistica immersa in un paesaggio incontaminato come quello del lago di Chiusi sia un vero e proprio delitto, come primo cittadino farò di tutto per far si che questo attentato al nostro territorio non vada a buon fine.”

“Il sito localizzato per la possibile realizzazione dell’impianto a biogas –dichiara il vicesindaco di Chiusi Gianluca Sonnini– è assolutamente sbagliato e dobbiamo fare di tutto per evitare che il nostro lago sia deturpato da un progetto simile. Il lago di Chiusi è soprattutto ad oggi l’unico bacino idrico al quale attingere per le esigenze della città e quindi ha un’importanza vitale per Chiusi. Come Comune non possiamo certo correre il rischio che eventuali liquami possano compromettere il delicato equilibrio della nostra oasi e per questo combatteremo affinchè il progetto non sia fatto sulle nostre rive.”

Nessun commento su Scontro sul progetto biogas tra Chiusi e Castiglione del Lago

Montepulciano, primo bilancio della raccolta rifiuti porta a porta

Dopo soli due mesi dall’inizio del nuovo servizio “Porta a porta” nel Centro Storico di Montepulciano, il primo bilancio è ampiamente positivo. Secondo quanto riferito dai tecnici del Comune e di…

sienambiente-portaaporta450v

Dopo soli due mesi dall’inizio del nuovo servizio “Porta a porta” nel Centro Storico di Montepulciano, il primo bilancio è ampiamente positivo.

Secondo quanto riferito dai tecnici del Comune e di Sienambiente, incaricata del servizio, gli utenti si sono rapidamente adeguati alle nuovo calendario di ritiro dei rifiuti, legato alle diverse tipologie degli stessi, e gli errori sono limitati ad una quota fisiologica.
Il personale addetto al servizio continua nell’opera di sensibilizzazione e di informazione ai privati, ai commercianti ed a tutte le attività interessate.

È sempre possibile ritirare presso la Stazione ecologia di Montepulciano, situata in Via Valardegna, il kit comprendente i sacchetti di diverso colore, i calendari per il conferimento settimanale e le pattumiere per la raccolta dei rifiuti organici.

Analizzando i dati sui primi sessanta giorni dall’inizio dell’attività, i tecnici fanno osservare che si potrebbe ridurre la quantità di rifiuti indifferenziati. Inoltre aggiungono che, attraverso una maggiore attenzione da parte degli utenti, il servizio potrà sicuramente dare risultati migliori.

A breve avranno inizio i controlli sui cassonetti situati al di fuori del centro storico, attraverso i quali sarà possibile riconoscere privati o attività economiche che potrebbero usufruire del Porta a Porta. Eventuali conferimenti scorretti  saranno segnalati alla Polizia Municipale. Per ora sono stati effettuati accertamenti sugli errati conferimenti dei rifiuti all’interno della cinta muraria e sono stati individuati tre trasgressori ai quali è stata applicata la relativa sanzione. Si tratta di un cifra molto modesta che conferma che, per ora, prosegue la fase di consulenza e controllo per mettere tutti gli utenti nelle condizioni ideali per rispettare tempi e modalità dell’utile servizio.

In presenza di errori, di conferimenti scorretti, del mancato uso dei sacchetti colorati, gli addetti si rivolgono direttamente agli utenti per dare le istruzioni sui comportamenti esatti; superata la fase di avvio, anche in coincidenza con l’inizio della stagione turistica e quindi di massimo affollamento del centro storico,  nell’interesse di tutti, non saranno più ammessi atteggiamenti non adeguati alle possibilità offerte dal servizio.

Nessun commento su Montepulciano, primo bilancio della raccolta rifiuti porta a porta

La Festa della Beata Bonizzella a Trequanda dal 4 al 13 Maggio

Come ogni anno, all’arrivo della primavera, Trequanda si prepara a festeggiare la Beata Bonizzella Cacciaconti. La manifestazione, che vanta una lunga tradizione, si terrà da sabato 4 maggio a lunedì…

Come ogni anno, all’arrivo della primavera, Trequanda si prepara a festeggiare la Beata Bonizzella Cacciaconti. La manifestazione, che vanta una lunga tradizione, si terrà da sabato 4 maggio a lunedì 13 maggio e percorrerà varie tappe della cittadina. Sono previste infatti messe, celebrazioni, spettacoli teatrali e pellegrinaggi, oltre a concerti in piazza. Il momento centrale della manifestazione è l’apertura dell’urna della Beata Bonizzella, che si terrà sabato 11 maggio. La festa terminerà lunedi 13 maggio con la chiusura dell’urna e i consueti fuochi d’artificio. È prevista anche una serata di musica rock a chiusura della manifestazione, grazie all’esibizione degli “Impatto Zero”.

Non mancheranno di presenziare il Vescovo Rodolfo Cetoloni e Don Sergio Graziani, che quest’anno ha assunto anche la responsabilità dei festeggiamenti. Una festa, quella in onore della Beata Bonizzella, che si è sempre contraddistinta come “sussurrata”: a testimonianza del grande attaccamento, del grande rispetto e sentimento che tutta la popolazione nutre verso la propria Beata Bonizzella. E chissà se, alzando il naso all’insu’, anche quest’anno scorgeremo lo sciame delle api che puntualmente si presenta nel Comune alla vigilia dei festeggiamenti: un legame questo tra il misterioso e l’affascinante.

Il programma completo della manifestazione può essere letto all’interno del sito ufficiale di Trequanda.

Nessun commento su La Festa della Beata Bonizzella a Trequanda dal 4 al 13 Maggio

La Panzanella, tipico piatto contadino per l’estate

L’estate sta per arrivare, c’è bisogno di piatti freschi, semplici e veloci da preparare. La panzanella è un piatto tipico dell’Italia centrale e corrisponde perfettamente alla descrizione! Non necessita di…

L’estate sta per arrivare, c’è bisogno di piatti freschi, semplici e veloci da preparare. La panzanella è un piatto tipico dell’Italia centrale e corrisponde perfettamente alla descrizione! Non necessita di cottura e può essere considerato un piatto unico, la cui preparazione è utile anche per consumare alcuni ingredienti avanzati da altre ricette. Inoltre, può essere facilmente reinterpretata con numerose varianti, a seconda delle esigenze.

Panzanella

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 pomodori maturi
  • 15 foglie di basilico
  • 400g di pane toscano
  • 1 cetriolo
  • 1 cipolla
  • 3 cucchiai di aceto di vino bianco
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • sale&pepe

[divider]

Preparazione

Iniziate tagliando la cipolla a fette, quindi mettetela a mollo in acqua con un cucchiaio di aceto, fate riposare per almeno un’ora.

Proseguite mettendo a mollo il pane in acqua fredda assieme a un cucchiaio di aceto: limitatevi a inumidire il pane, non fatelo spappolare.

Tagliate i pomodori a pezzettini e il cetriolo a fettine, spezzettate il basilico e scolate la cipolla.

Il pane va poi strizzato e sbriciolato in un’insalatiera capiente, a cui vanno aggiunti tutti gli altri ingredienti.

Condite con olio, sale e pepe e mescolate a volontà.

Fate riposare in frigo per almeno un’ora e servitela fresca!

Nessun commento su La Panzanella, tipico piatto contadino per l’estate

Siena-Fiorentina 0-1, lo spettro della retrocessione

Un derby deciso da un solo gol, ma fondamentale per il campionato delle due squadre toscane. La matematica permette ancora degli sconvolgimenti, ma il risultato della partita di ieri sera,…

Un derby deciso da un solo gol, ma fondamentale per il campionato delle due squadre toscane. La matematica permette ancora degli sconvolgimenti, ma il risultato della partita di ieri sera, con ogni probabilità, condanna il Siena alla serie B e premia la Fiorentina con l’Europa League. La squadra di Montella è apparsa superiore, anche se la traversa colpita da Rosina fa gridare alla sfortuna.

Le speranze del Siena sono ridotte al lumicino, atteso da due partite difficili e ridotto all’inseguimento di un Genoa staccato di sei punti. L’allenatore Iachini ha commentato con sportività la sconfitta di ieri:

Premesso che abbiamo avuto delle problematiche con Sestu che ha avuto la febbre, che Pozzi non era ancora recuperabile e che Della Rocca non si è ripreso da un colpo patito a Catania, dovevamo mandare in campo una squadra con più densità in mezzo al campo, tenuto pure conto che avevamo anche un giorno in meno di riposo rispetto alla Fiorentina. La squadra ha fatto quello che doveva, al primo mezzo errore abbiamo preso gol. Peccato perchè era una palla inattiva, avevamo fatto qualche ripartenza, sbagliando anche l’ultimo passaggio, come purtroppo è capitato spesso. Abbiamo dovuto cambiare qualcosa con il passare del tempo. Siamo poi passati alla formula con due punte. Sul piano della determinazione dell’intensità è stata una buona gara

Di seguito il tabellino di Siena-Fiorentina:

Siena (3-4-2-1): Pegolo; Texeira, Terlizzi, Terzi; Angelo (82′ Sestu), Calello, Vergassola, Bolzoni (52′ Rosina), Rubin,; Emeghara, Reginaldo (64′ Bogdani).
A disp.: Farelli, Uvini, Valiani, Paolucci, Verre, Agra, Paci, Mannini, Grillo. All.: Iachini

Fiorentina (3-5-2): Viviano; Savic, Rodriguez, Compper; Cuadrado, Mati Fernandez (72′ Romulo), Migliaccio, B. Valero, Pasqual; Jovetic (81′ Toni), Larrondo (60′ El Hamdaoui).
A disp.: Neto, Hegazi, Roncaglia, Pizarro, Lupatelli, Llama, Capezzi , Wolski, Rossi. All.: Montella

Arbitro: Orsato

Marcatori:14′ Rodriguez (F)

Ammoniti:Compper, Migliaccio (F), Calello, Teixeira, Terzi, Rosina (S)

Nessun commento su Siena-Fiorentina 0-1, lo spettro della retrocessione

A Trequanda la nascita di un nuovo circolo ANPI

Nei locali di via Galluzzana a Trequanda, è stata creata una nuova sezione del Circolo Arci/Acli, dedicata all’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia). Ciò che da tempo era rimasta una voce di corridoio, si…

Nei locali di via Galluzzana a Trequanda, è stata creata una nuova sezione del Circolo Arci/Acli, dedicata all’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia). Ciò che da tempo era rimasta una voce di corridoio, si è ufficializzata domenica 28 Aprile con una presentazione avvenuta alla presenza del presidente dell’Arci provinciale di Siena Serenella Pallecchi, del vicepresidente dell’Anpi provinciale senese Riccardo Margheriti, del presidente del circolo Arci/Acli di Trequanda Lorenzo Dolente,  del giovane referente del neonato Circolo Anpi Francesco Bronzi, e del vicesindaco del Comune di Trequanda Maurilio Graziani.

L’ANPI è un’associazione fondata dai partecipanti alla resistenza contro l’occupazione nazifascista durante la seconda guerra mondiale. Nata a Roma nel 1944, è stata costituita come ente morale il 5 aprile 1945. Da oltre sessant’anni i circoli ANPI sparsi per il territorio italiano si occupano di valorizzare il ruolo storico svolto dalla lotta partigiana, anche mediante la promozione di ricerche e testimonianze, la difesa dal vilipendio e dal revisionismo storico.

La gestione della nuova sezione ANPI di Trequanda sarà affidata a dei giovani volontari affiancati da coloro che già che da anni collaborano per divulgare le attività svolte dal Circolo Arci/Acli. La nuova sezione dedicata ai Partigiani d’Italia si propone come obbiettivo la riscoperta ed il ricordo di quei valori che stanno alla base della Costituzione Italiana. Durante la serata di inaugurazione ha preso il via anche il tesseramento per i nuovi soci del nuovo circolo Anpi-Arci-Acli di Trequanda.

Nessun commento su A Trequanda la nascita di un nuovo circolo ANPI

Type on the field below and hit Enter/Return to search