braviodellebotti650

#Bravio2014 – 40°edizione del Bravio delle Botti

In un clima colmo di fascino e magia, Montepulciano si prepara alla manifestazione più attesa dell’anno, in onore del co-patrono S.Giovanni Decollato, giunta quest’anno all’edizione numero quaranta. Il Bravio delle Botti 2014, che si aprirà sabato 23 agosto con il Proclama del Gonfaloniere e si chiuderà con la corsa con le botti di domenica 31 agosto. Dieci giorni ricchi di eventi, spettacoli pirotecnici, cortei storici e le cene nelle contrade con i prodotti tipici locali.

Tutte le News

I nostri speciali

Dietro le quinte delle contrade

[divider]

bravio delle botti

Il Bravio delle Botti di Montepulciano

Il Bravio delle Botti è il “Palio” delle Contrade di Montepulciano che si svolge nella nota cittadina senese, l’ultima domenica di Agosto. La parola “Bravìo” deriva dal volgare “Bravium” e sta a indicare il premio assegnato alla Contrada vincitrice, consistente in un panno dipinto recante l’immagine del patrono della Città, San Giovanni Decollato, in onore del quale si disputa il Bravio delle Botti. La manifestazione si innesta su un capitolo di storia cittadina risalente al 1372. In quei tempi la gara tra le contrade veniva disputata a cavallo, una tradizione che si è interrotta poco dopo, per motivi di ordine pubblico.

Delle otto contrade si iniziava a parlarne ancora prima, ma è dal 1407 che sono state istituite e con gli stessi nomi sono arrivate fino ad oggi: Cagnano, Collazzi, Le Coste, Gracciano, Poggiolo, San Donato, Talosa e Voltaia. Ogni Contrada ha la sua “Societas”, con un capo denominato “Rettore”. Dell’antica storia delle Contrade di Montepulciano è stata tratta tutta la simbologia moderna, che, ispirandosi al passato, ha mantenuto fino a oggi la stessa nomenclatura, i colori, gli stemmi, la territorialità urbana, e soprattutto lo stesso modello di cerimoniale.

Nel 1974 fu Don Marcello Del Balio, parroco tanto amato dai poliziani, che riscoprì le contrade, riconsegnandole alla città che le aveva in qualche modo dimenticate. Da quel momento furono introdotti gli “Spingitori’, due per ogni contrada, che spingendo assieme una botte di 80 Kg, si contendono per gli irti 1650 metri del Corso di Montepulciano, il “Panno del Bravìo” ogni ultima domenica di Agosto. Nell’epoca moderna l’inserimento delle botti ha voluto essere un forte richiamo a una delle tipicità principali del territorio di Montepulciano: il Vino Nobile.