Tutto è pronto a Trequanda per la nuova edizione di “Tre Gotti al Campino”, il festival musicale che lo scorso anno ha festeggiato la decima edizione ed è pronto ad affrontare il futuro con rinnovato slancio, grazie agli sforzi di tanti giovani volontari che ogni anno riescono a migliorare l’offerta musicale e gastronomica. Nata alla fine degli anni ’90, la festa è organizzata dai circoli ARCI e ACLI di Trequanda presso il Parco delle Mura “Ornella Pancirolli”, che si estende su un’area di circa 10mila metri quadrati e comprende anche un campo di calcetto e una piattaforma in cemento con tribuna ad anfiteatro.

L’edizione 2019 di “Tre Gotti al Campino” si terrà dal 15 al 18 agosto con una serie di concerti a ingresso gratuito, accompagnati da stand gastronomici pensati per valorizzare i prodotti a km zero. Nell’area ristorante e pizzeria, nell’area bar e cocktail, saranno infatti presenti le eccellenze tipiche locali, birrerie artigianali, salumi di cinta senese, olio di qualità e carne chianina; sono inoltre previsti spazi di degustazione di vini locali.

L’impegno ecologista anima ormai la festa musicale di Trequanda, in linea con quanto sta accadendo tra i principali festival del nostro territorio: sia nell’area cucina che nel mercatino di artigianato le parole d’ordine sono: riusare, riciclare, ridurre e rivalutare.

Giovedì 15 agosto

Apocalisse Ora!
Gli Apocalisse Ora sono un neonato duo dance-punk caratterizzato da riff potenti e ritmiche incalzanti. L’alternanza lento/veloce è alla base dello stile della band, la semplicità di basso/batteria il leitmotiv. Raccontano, in italiano, di scene quotidiane e introspettive, apparentemente innocue ma incredibilmente travolgenti.

Endrigo
Poco sex, abbastanza drugs, rock’n’roll a palla di cannone. Gli Endrigo nascono a Brescia nel 2012 e hanno all’attivo due album, “Ossa rotte, Occhi rossi” e “Giovani Leoni”. Questi due album portano la band ad avere svariati singoli in uscita, con migliaia di visualizzazioni su Youtube e oltre 100mila ascolti su Spotify e di conseguenza a esibirsi in tutta Italia tra festival e club.

Sick Tamburo
I Sick Tamburo, nati dall’esperienza Prozac +, sono uno dei gruppi alternative rock più interessanti del panorama italiano: testi concisi, ritmi incalzanti e un’affascinante attitudine punk. A due anni dal precedente lavoro “Un giorno nuovo”, i Sick Tamburo intessono 9 nuovi brani, racchiusi sotto il titolo emblematico di “Paura e l’Amore” che, nell’unione simbolica di due sentimenti opposti, ne sviscera l’intrinseca connessione.

Venerdì 16 agosto

Minatore Interiore
“A 15 anni mi sveglio sul mondo e mi do fuoco da solo, per ritrovarmi poi a suonare nei Minatori Dell’Interiorità, una sorta di gruppo post psichiatrico. Da questa esperienza nasce Minatore Interiore. Mi sono ritrovato punk, militante sociale, monaco Hindù. Ho fatto delle canzoni, ho scritto cose, perciò alla soglia dei 30 lascio le mie ultime volontà nel mio Testamento Sonoro 30 Anni Vergine: un libro, un cd, un atto d’amore!”

Impatto Zero
Gli Impatto Zero sono una band alternative/noise rock nata a Siena nel 2009 e caratterizzata da influenze post-hc/post-rock/grunge.
Ad ottobre 2015, presso il “Macchione Studio”, gli Impatto Zero registrano i brani che comporranno il loro primo EP d’esordio uscito il 5 marzo 2016. Sono stati selezionati e si sono esibiti anche al MEI 2016 a Faenza.

Gomma
I Gomma suonano un post-punk cupo ed emotivo, ricco di suggestioni nineties. Nascono in provincia di Caserta a inizio 2016 e in pochi mesi registrano il loro primo disco “Toska”, catturando immediatamente l’attenzione di pubblico e critica, che vuole offrire un punto di vista genuino e istintivo sul mal d’essere contemporaneo elargendo storie da periferia dell’anima. “Sacrosanto” è uscito lo scorso gennaio, definito dalla band come “una riflessione spirituale su chi siamo e cosa abbiamo fatto per noi e per gli altri.”

Sabato 17 agosto

Gianmatteo Nasca
Gianmatteo Jamie Nasca nasce nel 1993 a Poggibonsi. Inizia la sua attività musicale come chitarrista di alcune band e formazioni acustiche ma presto nasce la necessità di raccontare il mondo che lo circonda non solo attraverso le sei corde ma anche tramite la voce, portandolo quindi alla scrittura dei suoi primi testi. Provenendo dal mondo Pop-Rock, si manifesta la voglia di provare nuove possibilità sonore decidendo di intraprendere la carriera solista, proponendo quindi una nuova figura di cantatore moderno raccontando storie e avventure autobiografiche.

Odio
La band racconta storie in modo sincero e senza filtri: musica originale, rigorosamente in italiano, cantautorato indie, con qualche nota di jazz e blues. Chitarra acustica e voce si fondono per creare armonie rilassate con un tocco di malinconia, da ascoltare con le orecchie e con il cuore. Le chitarre elettriche invece suonano melodie eleganti, talvolta esasperandole fino ad arrivare a graffiare. L’Odio cerca, attraverso una musica vera, di parlare all’intimo dell’ascoltatore e di raccontare storie sincere in mezzo al chiasso scintillante del quotidiano.

Giovanni Truppi
Nato a Napoli nel 1981, ha pubblicato quattro dischi: “C’è un me dentro di me” (2009), “Il mondo è come te lo metti in testa” (2013), “GIOVANNI TRUPPI” (2015) e “Solopiano” (2017). Ha ricevuto il Premio Nuovo Imaie per la migliore interpretazione al Premio Tenco 2015. Lo scorso 11 Giugno ha vinto il Premio PIMI 2019 come miglior artista indipendente, per la sua capacità di rinnovare la canzone d’autore «grazie a un linguaggio che recupera il passato, Giovanni Truppi riesce a essere originale e unico nel panorama musicale italiano di oggi, senza scendere a compromessi di forma e contenuto, risultando profondo e pop al tempo stesso».

Domenica 18 agosto

JM 
All’anagrafe umbra Matteo Fioriti, è un giovane songwriter che ha scelto la musica come mezzo di espressione e di comprensione dei propri desideri, delle proprie paure e del proprio cammino. Nel 2015 registra il suo primo EP “Born on Five” e a Marzo 2019, è uscito “UNO”, il suo primo album. Per chi non si accontenta del monocromatico mondo trap fatto di THC, alcolici e painkiller vari, JM è una sorta di mosca bianca.

Il Gigante
Il Gigante propone un’alchimia di sonorità stoner rock, blues (con testi cantati in lingua italiana) unita ad un approccio viscerale caratteristico della classica line up composta da voci, chitarre, basso e batteria. Nel 2018 la band entra in studio e nel loro primo LP i ragazzi umbri mantengono il loro trend primordiale: Il Gigante picchia duro, ma trova comunque i suoi momenti di riflessione ed introspezione. A Gennaio 2019 esce “La Rivolta del Perdente”, primo album della band, dando il via a La Rivolta Tour.

Rollover – Aftershow
Aftershow DJ set by Rollover Staff: selezione musicale dai ritmi incessanti che spazia dal rock all’elettronica, ideale per i salti di gioia sul dancefloor a conclusione del festival.

Print Friendly, PDF & Email