La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: festa

La Giostra del Saracino di Sarteano, una sfida d’altri tempi

Ai piedi del Castello, tra i sontuosi costumi delle comparse, la Giostra del Saracino anima da tempo immemore le estati di Sarteano. Parente nobile di altri giochi di forza e…

Ai piedi del Castello, tra i sontuosi costumi delle comparse, la Giostra del Saracino anima da tempo immemore le estati di Sarteano. Parente nobile di altri giochi di forza e abilità, tra i quali l’antico “Gioco della Pugna”, annovera alcune edizioni eccellenti, come quella organizzata in occasione della venuta di Papa Pio II a Sarteano, nel 1458, o delle visite in epoche successive da parte dei Granduchi di Toscana. L’antichissima tradizione affonda le proprie radici nel 1300 e nasce dai frequenti e sanguinosi tornei cavallereschi, prima di assumere la forma di giochi popolari attorno ai quali si articolerà via via la vita sociale e culturale di tutta la comunità. Un’eredità nostrana di quelle “Chansons de geste” che fin dall’epoca di Carlo Magno e poi delle Crociate raccontarono di imprese eroiche e mortali duelli. In uno di questi impietosi tornei perse la vita Enrico II, re di Francia, trafitto ad un occhio. Accadeva a Parigi il 10 luglio del 1559 e fu l’ultimo nel suo genere.

Dal 1982 è tornata a svolgersi con continuità il Ferragosto di ogni anno, trasformando la bella piazza Bargagli in un’arena d’altri tempi. Cinque sono le Contrade in cui è diviso il paese, ognuna delle quali schiera sul tufo il proprio giostratore a cavallo, vestito come da tradizione e con i colori del popolo per cui corre. I colori delle Contrade sono: San Andrea: rosso e azzurro; San Bartolomeo: bianco e viola; San Lorenzo: bianco e rosso; San Martino: bianco e celeste; SS Trinità: giallo e viola. I cavalieri, armati di asta, devono infilare durante la corsa un anello del diametro di 6 cm posto sullo scudo del Buratto, la tipica statua di legno a mezzo busto che rappresenta il Saracino, il predone arabo nemico per eccellenza, adattata su un supporto che la rende girevole. La sfida si ripete per cinque carriere e vince la Contrada che ha totalizzato il maggior numero di centri. Il giostratore che per errore colpirà lo scudo riceverà una simbolica punizione dal mazzafrusto applicato sul braccio teso della statua.

Quest’anno le Giostre sono state due, perché oltre a quella tradizionale di Ferragosto, che già sta animando la vita di Sarteano, a luglio si è tenuta quella straordinaria dedicata a Leonardo Da Vinci. Un’edizione speciale da tutti i punti di vista, a partire dalla dedica al genio universale nell’anniversario dei 500 anni della sua morte. Una scelta importante, che ha collocato la storica sfida sarteanese in un calendario di eventi ben più ampio di respiro regionale. Non a caso il sindaco Francesco Landi e il presidente della Giostra Sergio Cappelletti si sono recati a Firenze nei giorni precedenti per la presentazione ufficiale a Palazzo Panciatichi, sede della Regione Toscana.

La vittoria di San Martino nella Giostra del Saracino di Luglio

A luglio il giostratore che vestiva i colori di San Martino ha vinto cinque carriere su cinque, non facendo assaggiare il sapore del tufo a nessuno uno degli anelli posti sullo scudo del Buratto raffigurante il moro levantino. Le ficcanti stoccate di Tony Bartoli hanno incantato la piazza, sprigionando la gioia della Contrada biancoceleste che, ormai certa del verdetto finale, ha fatto tremare di gioia anzitempo le tribune rivolte verso Porta Umbra. Il capitano Francesco Ciaccioni ha consegnato quindi a San Martino una vittoria attesa da sei anni, aggiudicandosi l’edizione straordinaria di luglio 2019 della Giostra del Saracino di Sarteano.

Se a contare è l’abilità del cavaliere, al cavallo non spetta certo un ruolo secondario. Come in tutti i giochi equestri, anche nella Giostra del Saracino di Sarteano più di ogni altra cosa vale il rapporto unico e intimo che si instaura tra l’uomo e l’animale, la ricerca di quella sintonia che può davvero fare la differenza. Il tufo steso in piazza Bargagli non dimenticherà facilmente l’impronta decisa degli zoccoli di Nanut, lanciato al galoppo dal suo cavaliere contro il predone arabo, colpevole di aver terrorizzato per secoli le popolazioni cristiane con le sue devastanti scorrerie. A loro due il merito di aver regalato al popolo di San Martino l’emozione del Palio dipinto dal pittore Efrem Mauro Meloni. Alle altre Contrade è andato l’onore delle armi, con i tre anelli infilati da Santissima Trinità e San Lorenzo e le due stoccate valide del giostratore che vestiva i colori di Sant’Andrea. L’asta di San Bartolomeo è rimasta invece a digiuno, facendo inghiottire un boccone amaro al popolo biancoviola.

In piazza nell’edizione di luglio 2019 si è visto anche un esordiente, il giostratore Pier Giorgio Perugini, che ha fatto sperare la contrada di Santissima Trinità. Tra i sarteanesi sono in tanti a dire che sentiremo parlare di lui in futuro, avendo dato prova di grande maestria con l’asta. Ora non resta che attendere Ferragosto, quando la Giostra del Saracino sarà preceduta anche dal saggio di abilità con la bandiera da parte degli Sbandieratori di ciascuna Contrada. Ad oggi il Signore degli Anelli è Tony Bartoli su Nanut, ma chi tra pochi giorni riuscirà a sconfiggere nuovamente i turchi prenderà il suo posto. Che vinca il migliore!<

La Tratta dei Bossoli della Giostra del Saracino di Ferragosto

(Articolo a cura di Enrico Bertelli)
Nessun commento su La Giostra del Saracino di Sarteano, una sfida d’altri tempi

Tre Gotti al Campino 2019 – XI edizione

Tutto è pronto a Trequanda per la nuova edizione di “Tre Gotti al Campino”, il festival musicale che lo scorso anno ha festeggiato la decima edizione ed è pronto ad…

Tutto è pronto a Trequanda per la nuova edizione di “Tre Gotti al Campino”, il festival musicale che lo scorso anno ha festeggiato la decima edizione ed è pronto ad affrontare il futuro con rinnovato slancio, grazie agli sforzi di tanti giovani volontari che ogni anno riescono a migliorare l’offerta musicale e gastronomica. Nata alla fine degli anni ’90, la festa è organizzata dai circoli ARCI e ACLI di Trequanda presso il Parco delle Mura “Ornella Pancirolli”, che si estende su un’area di circa 10mila metri quadrati e comprende anche un campo di calcetto e una piattaforma in cemento con tribuna ad anfiteatro.

L’edizione 2019 di “Tre Gotti al Campino” si terrà dal 15 al 18 agosto con una serie di concerti a ingresso gratuito, accompagnati da stand gastronomici pensati per valorizzare i prodotti a km zero. Nell’area ristorante e pizzeria, nell’area bar e cocktail, saranno infatti presenti le eccellenze tipiche locali, birrerie artigianali, salumi di cinta senese, olio di qualità e carne chianina; sono inoltre previsti spazi di degustazione di vini locali.

L’impegno ecologista anima ormai la festa musicale di Trequanda, in linea con quanto sta accadendo tra i principali festival del nostro territorio: sia nell’area cucina che nel mercatino di artigianato le parole d’ordine sono: riusare, riciclare, ridurre e rivalutare.

Giovedì 15 agosto

Apocalisse Ora!
Gli Apocalisse Ora sono un neonato duo dance-punk caratterizzato da riff potenti e ritmiche incalzanti. L’alternanza lento/veloce è alla base dello stile della band, la semplicità di basso/batteria il leitmotiv. Raccontano, in italiano, di scene quotidiane e introspettive, apparentemente innocue ma incredibilmente travolgenti.

Endrigo
Poco sex, abbastanza drugs, rock’n’roll a palla di cannone. Gli Endrigo nascono a Brescia nel 2012 e hanno all’attivo due album, “Ossa rotte, Occhi rossi” e “Giovani Leoni”. Questi due album portano la band ad avere svariati singoli in uscita, con migliaia di visualizzazioni su Youtube e oltre 100mila ascolti su Spotify e di conseguenza a esibirsi in tutta Italia tra festival e club.

Sick Tamburo
I Sick Tamburo, nati dall’esperienza Prozac +, sono uno dei gruppi alternative rock più interessanti del panorama italiano: testi concisi, ritmi incalzanti e un’affascinante attitudine punk. A due anni dal precedente lavoro “Un giorno nuovo”, i Sick Tamburo intessono 9 nuovi brani, racchiusi sotto il titolo emblematico di “Paura e l’Amore” che, nell’unione simbolica di due sentimenti opposti, ne sviscera l’intrinseca connessione.

Venerdì 16 agosto

Minatore Interiore
“A 15 anni mi sveglio sul mondo e mi do fuoco da solo, per ritrovarmi poi a suonare nei Minatori Dell’Interiorità, una sorta di gruppo post psichiatrico. Da questa esperienza nasce Minatore Interiore. Mi sono ritrovato punk, militante sociale, monaco Hindù. Ho fatto delle canzoni, ho scritto cose, perciò alla soglia dei 30 lascio le mie ultime volontà nel mio Testamento Sonoro 30 Anni Vergine: un libro, un cd, un atto d’amore!”

Impatto Zero
Gli Impatto Zero sono una band alternative/noise rock nata a Siena nel 2009 e caratterizzata da influenze post-hc/post-rock/grunge.
Ad ottobre 2015, presso il “Macchione Studio”, gli Impatto Zero registrano i brani che comporranno il loro primo EP d’esordio uscito il 5 marzo 2016. Sono stati selezionati e si sono esibiti anche al MEI 2016 a Faenza.

Gomma
I Gomma suonano un post-punk cupo ed emotivo, ricco di suggestioni nineties. Nascono in provincia di Caserta a inizio 2016 e in pochi mesi registrano il loro primo disco “Toska”, catturando immediatamente l’attenzione di pubblico e critica, che vuole offrire un punto di vista genuino e istintivo sul mal d’essere contemporaneo elargendo storie da periferia dell’anima. “Sacrosanto” è uscito lo scorso gennaio, definito dalla band come “una riflessione spirituale su chi siamo e cosa abbiamo fatto per noi e per gli altri.”

Sabato 17 agosto

Gianmatteo Nasca
Gianmatteo Jamie Nasca nasce nel 1993 a Poggibonsi. Inizia la sua attività musicale come chitarrista di alcune band e formazioni acustiche ma presto nasce la necessità di raccontare il mondo che lo circonda non solo attraverso le sei corde ma anche tramite la voce, portandolo quindi alla scrittura dei suoi primi testi. Provenendo dal mondo Pop-Rock, si manifesta la voglia di provare nuove possibilità sonore decidendo di intraprendere la carriera solista, proponendo quindi una nuova figura di cantatore moderno raccontando storie e avventure autobiografiche.

Odio
La band racconta storie in modo sincero e senza filtri: musica originale, rigorosamente in italiano, cantautorato indie, con qualche nota di jazz e blues. Chitarra acustica e voce si fondono per creare armonie rilassate con un tocco di malinconia, da ascoltare con le orecchie e con il cuore. Le chitarre elettriche invece suonano melodie eleganti, talvolta esasperandole fino ad arrivare a graffiare. L’Odio cerca, attraverso una musica vera, di parlare all’intimo dell’ascoltatore e di raccontare storie sincere in mezzo al chiasso scintillante del quotidiano.

Giovanni Truppi
Nato a Napoli nel 1981, ha pubblicato quattro dischi: “C’è un me dentro di me” (2009), “Il mondo è come te lo metti in testa” (2013), “GIOVANNI TRUPPI” (2015) e “Solopiano” (2017). Ha ricevuto il Premio Nuovo Imaie per la migliore interpretazione al Premio Tenco 2015. Lo scorso 11 Giugno ha vinto il Premio PIMI 2019 come miglior artista indipendente, per la sua capacità di rinnovare la canzone d’autore «grazie a un linguaggio che recupera il passato, Giovanni Truppi riesce a essere originale e unico nel panorama musicale italiano di oggi, senza scendere a compromessi di forma e contenuto, risultando profondo e pop al tempo stesso».

Domenica 18 agosto

JM 
All’anagrafe umbra Matteo Fioriti, è un giovane songwriter che ha scelto la musica come mezzo di espressione e di comprensione dei propri desideri, delle proprie paure e del proprio cammino. Nel 2015 registra il suo primo EP “Born on Five” e a Marzo 2019, è uscito “UNO”, il suo primo album. Per chi non si accontenta del monocromatico mondo trap fatto di THC, alcolici e painkiller vari, JM è una sorta di mosca bianca.

Il Gigante
Il Gigante propone un’alchimia di sonorità stoner rock, blues (con testi cantati in lingua italiana) unita ad un approccio viscerale caratteristico della classica line up composta da voci, chitarre, basso e batteria. Nel 2018 la band entra in studio e nel loro primo LP i ragazzi umbri mantengono il loro trend primordiale: Il Gigante picchia duro, ma trova comunque i suoi momenti di riflessione ed introspezione. A Gennaio 2019 esce “La Rivolta del Perdente”, primo album della band, dando il via a La Rivolta Tour.

Rollover – Aftershow
Aftershow DJ set by Rollover Staff: selezione musicale dai ritmi incessanti che spazia dal rock all’elettronica, ideale per i salti di gioia sul dancefloor a conclusione del festival.

Nessun commento su Tre Gotti al Campino 2019 – XI edizione

Il bosco delle Cerraie

Il bosco delle Cerraie si trova al confine tra il territorio di Montepulciano e di Chianciano, in località Tre Berte, nei pressi del Lago di Montepulciano e del Lago di…

Il bosco delle Cerraie si trova al confine tra il territorio di Montepulciano e di Chianciano, in località Tre Berte, nei pressi del Lago di Montepulciano e del Lago di Chiusi; i sentieri che si snodano nella natura verde e sulla collina sono collegati agli ambienti dell’antica palude che occupava la Valdichiana e delle attuali campagne. Il bosco è caratterizzato dalla presenza di numerosi alberi di cerro, ed è particolarmente apprezzato dai gruppi di caccia per la grande varietà di selvaggina presente al suo interno. Quello che più lo rende famoso, tuttavia, è sicuramente la “Madonna del Cacciatore”.

Religione: la Madonna del Cerro

La Madonna del Cerro è un’edicola votiva situata nel bel mezzo del bosco delle Cerraie, tra i silenziosi e pacifici sentieri che conducono dalle Tre Berte verso Chianciano. Secondo la leggenda popolare, è stata fatta costruire da un carbonaio che venne sorpreso da un temporale mentre attraversava il bosco; colpito da un cerro spaccatosi in due per via di un fulmine, non riportò miracolosamente alcuna ferita. Dal momento che in un incavo del cerro era situata un’immagine della Vergine, attribuì la sua salvezza all’intervento della Madonna e fece erigere l’edicola attorno all’albero.

Da quel momento l’edicola è stata oggetto di religiosità da parte dei cacciatori della zona e di coloro che visitano il bosco delle Cerraie. Pochi anni fa è stata messa a dimora una nuova immagine della Madonna del Cerro, grazie all’opera dei volontari di Arci Caccia, dopo che la precedente immagine era stata trafugata.

Sport: il Sentiero delle Cerraie

Il bosco delle Cerraie è una delle più vaste aree boschive della bassa Valdichiana senese, ed è particolarmente apprezzata da coloro che sono alla ricerca di sentieri nella natura incontaminata. Oltre alla caccia, vi sono spesso praticate escursioni di trekking e mountain bike, attraverso il cosiddetto “Sentiero delle Cerraie” che corrisponde a un suggestivo anello di 6 km percorribile tutto l’anno.

La manutenzione e la segnaletica del percorso sono curate dall’Associazione Cerro Bike, un gruppo di appassionati di mountain bike di Acquaviva di Montepulciano; i sentieri sono liberamente percorribili, ma si consiglia di seguirli nel senso indicato, di non lasciarvi rifiuti e non danneggiare le piante del bosco.

Svago: la Festa alla Madonna del Cerro

Il bosco fa parte della Fattoria del Cerro, una delle aziende produttrici di Vino Nobile, ma attraverso una concessione al Comune di Montepulciano è affidato in gestione ai “Ragazzi del Cerro” che curano la manutenzione e la festa annuale. Il principale momento di aggregazione popolare è infatti rappresentato dalla “Festa alla Madonna del Cerro”, che da 17 anni si tiene durante i primi weekend d’estate al limitare dell’area boschiva.

Ispirati dalla religiosità popolare attorno alla Madonna del Cerro e dalla serenità garantita dagli alberi del bosco, il gruppo riunito dei cacciatori dell’Arci Caccia di Acquaviva, Montepulciano Stazione, Tre Berte e Valiano pensarono di organizzare una grande festa popolare che potesse riunire la passione venatoria al rispetto della natura e delle tradizioni.

Anno dopo anno la festa ha chiamato a raccolta sempre più persone, assumendo un posto importante nel calendario delle manifestazioni locali e coinvolgendo decine di volontari nell’organizzazione degli stand gastronomici e degli intrattenimenti musicali. Durante i giorni della manifestazione è infatti attiva la cucina che offre i piatti tipici della tradizione locale con menù a base di selvaggina; inoltre è possibile visitare il bosco a dorso di cavallo o di asino, e svolgere tante altre attività ricreative per grandi e piccini.

L’obiettivo degli organizzatori è stato quello di promuovere la cultura della ruralità, attraverso forme di aggregazione sociale in mezzo alla natura, presentando la caccia come una risorsa e non come uno sperpero. Una visione in linea con il ruolo rivestito dal bosco delle Cerraie nel territorio della Valdichiana: un’area boschiva che la popolazione locale ha sempre vissuto con rispetto e attenzione, come parte fondante del proprio passato e della propria identità.

Nessun commento su Il bosco delle Cerraie

Il ceppo di Natale in Valdichiana

Ogni paese può vantare le sue particolari tradizioni per le feste natalizie, ma tra esse possiamo spesso riconoscere somiglianze e parentele che possono far pensare a una radice comune, risalendo…

Ogni paese può vantare le sue particolari tradizioni per le feste natalizie, ma tra esse possiamo spesso riconoscere somiglianze e parentele che possono far pensare a una radice comune, risalendo a un passato sempre più lontano. L’usanza del ceppo di Natale è uno di quegli elementi del folclore popolare più presenti nella nostra storia, non soltanto in Valdichiana: è un elemento caratteristico dell’antichità che si è diffuso in moltissimi Paesi, pur con le innumerevoli varianti locali. E anche se oggi non viene forse considerato parte della celebrazione consueta del Natale, il ceppo può essere ritrovato nei camini delle famiglie che tramandano quest’usanza e in forme derivate che meglio si adattano al consumismo natalizio: ad esempio il tronchetto di Natale, uno dei tipici dolci delle feste.

La storia del ceppo natalizio

Il ceppo di Natale è una delle tradizioni popolari più antiche legate a questa festività: consiste nel bruciare un grosso tronco di legno, chiamato appunto ceppo (o con altri termini dialettali, a seconda della cultura in cui è stato diffuso) all’interno del camino della famiglia, a simboleggiare il focolare domestico. Il ceppo viene fatto ardere per tutte le notti delle feste natalizie, dalla Vigilia fino all’Epifania. I resti del ceppo sono utilizzati in varie forme, per le loro proprietà magiche e di buon augurio: ad esempio le ceneri possono essere sparse nei campi per favorire il raccolto.

Quella del ceppo è una tradizione diffusa in tutta Europa, dai paesi scandinavi fino all’area del Mediterraneo. Sebbene le prime tracce documentate risalgano al XII secolo, le sue origini sono sicuramente più antiche: la somiglianza tra il focolare natalizio e l’altare domestico dedicato agli antenati è chiaramente presente nella civiltà romana e nell’epoca precedente al Cristianesimo, con similitudini che possiamo estendere anche all’usanza dei grandi falò che dovevano scacciare le tenebre del solstizio d’inverno.

ceppo-tronchetto

Il tronchetto di Natale

La tradizione è talmente diffusa e talmente legata alle festività invernali che in alcuni contesti il ceppo rappresenta esso stesso il Natale: anche in Toscana, ad esempio, la festa di Natale è stata spesso chiamata “Festa del Ceppo”. Con l’avvento del Cristianesimo l’usanza si è caricata di nuovi significati sacri: il ceppo servirebbe infatti a scaldare il Bambin Gesù, quindi è necessario lasciarlo acceso dalla Natività fino all’Epifania.

Il ceppo porta fortuna e le cerimonie in suo onore sono necessarie per conquistarsi i migliori auguri per i mesi a venire: spesso l’usanza richiede di versare sopra il ceppo i primi bocconi di cibo o i primi sorsi di vino, un gesto propiziatorio che serve ad augurare un buon raccolto. Dal ceppo di legno dell’antichità al tronchetto utilizzato come dessert natalizio, passano secoli di storia, fatti di adattamenti, somiglianze e varianti locali degni d’interesse.

Il ceppo in Valdichiana

La Valdichiana è uno dei territori in cui il ceppo di Natale si presenta in una delle forme più particolari ed è stato oggetto di numerosi studi. Abbiamo infatti testimonianze delle cerimonie, provenienti dalla campagne, con cui veniva appiccato il fuoco al ceppo il giorno della Vigilia di Natale. La cerimonia era accompagnata da varie tipologie di preghiere, filastrocche o canzoncine recitate dai bambini della casa, chiamate “Ave Maria del Ceppo”, di cui la seguente è una testimonianza del 1926:

“Avemmaria del Ceppo,
Angiolo benedetto!
L’angiolo mi rispose:
Ceppo mio bello, portami tante cose!”

È importante sottolineare che il ceppo in Valdichiana non si limitava a svolgere la funzione di focolare domestico, ma era anche un vero e proprio portatore di doni. L’albero di Natale e Babbo Natale, gli elementi più caratteristici della festività attuale, sono arrivati nel nostro territorio dal Nord Europa soltanto nel XX secolo: negli anni precedenti, le loro caratteristiche erano ricoperte proprio dal ceppo.

Il ceppo poteva infatti essere addobbato con candele, ninnoli e dolcetti, da distribuire poi tra i bambini della casa: un utilizzo che richiama chiaramente quello dell’abete dei popoli dell’Europa settentrionale. Ma c’è di più: il ceppo poteva addirittura diventare una vera e propria persona e presentarsi la sera della Vigilia di Natale sulla porta di casa, interpretato da uno degli adulti. In questi casi il ceppo interrogava i bambini, per capire se si erano comportati bene durante l’anno, e regalava dei doni e dei dolciumi a chi si era comportato bene, mentre a chi si comportava male toccavano cipolle e carbone. In altre parti ancora della Valdichiana, i bambini delle campagne mettevano un fantoccio fuori dalla finestra con un canestro, e aspettavano che il ceppo passasse durante la notte per riempirlo di regali. Per dirla in maniera dialettale, in Valdichiana il ceppo “cacava”, ovvero donava dei regali.

ceppo-1

Il ceppo addobbato

In questi contesti il ceppo assume quindi le caratteristiche di Babbo Natale, ma anche della Befana, con la sua funzione giudicante nei confronti dei bambini e il suo aspetto magico e inquietante. Tuttora nelle campagne della Valdichiana non è raro trovare ceppi nei focolari delle case e scoprire le tracce della commistione tra le antiche tradizioni del ceppo, il Natale cristiano e gli effetti del moderno consumismo.

Bibliografia

Accademia della Crusca: “La tradizione del ceppo in Toscana”
P.Fanfani, Vocabolario dell’uso toscano, Barbera, Firenze 1863
G.Giannini e A. Parducci, Il popolo toscano, Trevisini, Milano 1926
A. Paoloni, Cortona e la Valdichiana aretina: tradizioni e costumi
E. Baldini e G. Bellossi, Tenebroso Natale, Laterza, Bari 2012
C.A. Miles, Storia del Natale, Odoya, Bologna, 2010
A. De Gubernatis, Storia comparata degli usi natalizi in Italia e presso gli altri popoli indo-europei, Treves, Milano, 1878

2 commenti su Il ceppo di Natale in Valdichiana

Festa dell’olio e dei sapori d’autunno

Questo speciale è realizzato in collaborazione con la Pro Loco Montepulciano A Montepulciano arriva la “Festa dell’Olio e dei Sapori d’Autunno”: nel weekend del 29 e 30 ottobre, tante iniziative…

Questo speciale è realizzato in collaborazione con la Pro Loco Montepulciano

festa-olio-2016

A Montepulciano arriva la “Festa dell’Olio e dei Sapori d’Autunno”: nel weekend del 29 e 30 ottobre, tante iniziative per approfondire la conoscenza con uno dei prodotti d’eccellenza del territorio animeranno la cittadina poliziana. Dai convegni di approfondimento professionali dedicati agli agricoltori al mercato con i prodotti tipici, dalle escursioni per le campagne toscane alle lezioni sui processi di trasformazione delle olive in olio extravergine, sono molte le opportunità per chi vuole scoprire le caratteristiche dell’olio o più semplicemente festeggiare l’ultimo weekend di ottobre con una gustosa bruschetta!


Il programma

Sabato 29 Ottobre

presso l’Aula Magna dei Licei Poliziani:

  • ore 10:30 – Visita virtuale al frantoio di Montepulciano. Relatore: Manuel Mecallini
  • ore 11:15 – Mister olio extravergine d’oliva. Relatore: Dott. Giorgio Ciacci
  • ore 12:00 – Bruschettata del Frantoio

presso il Salone del Convento di S.Agnese:

  • ore 16:30 – Classificazione dell’olio extravergine d’oliva e degustazione. Relatore: Giampiero Cresti
  • ore 17:30 – Aspetti salutistici dell’olio evo e antichi sapori. Relatori: Dott. Giorgio Ciacci e Dott. Stefano Biagiotti
  • ore 18:00 – Aspetti economici e problematiche della produzione dell’olio. A cura del Frantoio di Montepulciano
  • ore 19:00 – Bruschettata del Frantoio e rinfresco a base di prodotti tipici locali

Domenica 30 Ottobre

presso Piazza e Convento S.Agnese:

  • Dalle ore 9:00 alle ore 18:00 – Mercatino dell’olio e dei sapori d’autunno. Mostra mercato con esposizione, degustazione e vendita di prodotti di eccellenza del territorio ed esposizione di piante e fiori
  • ore 12:30 – Bruschettata del Frantoio e arrivo vespe e auto d’epoca a cura di Vintage Tour

presso Frantoio di Montepulciano:

  • Dalle ore 9:00 alle ore 12:30 – Passeggiata a piedi tra gli ulivi e visita alla chiesa “Madonna delle Querce”. Passeggiata non competitiva con rientro e aperitivo in Piazza S.Agnese
  • ore 9:00 – Passeggiata a cavallo tra gli ulivi. Escursione a cavallo a cura del Maneggio Cognanello


Approfondimenti dal convegno presso il Convento di S.Agnese: 

Giunge alla sua 3° edizione “La festa dell’olio e dei sapori d’autunno”, l’evento organizzato col patrocinio della Pro Loco di Montepulciano, che celebra uno dei protagonisti indiscussi delle nostre terre, l’olio. Un momento d’incontro per fare il punto sullo stato di salute di un elemento imprescindibile della nostra cultura. L’olio infatti, è portavoce di un patrimonio non solo gastronomico, ma anche identitario, sinonimo di tradizione, civiltà e sacralità. Pianta di una longevità estrema, l’olivo accompagna la civiltà umana fin da suoi albori. La leggenda narra che tra gli dei, che facevano a gara per trovare il dono più prezioso per donare agli uomini, venne scelta Atena, che donò alla stirpe dei mortali proprio l’ulivo.

[leggi tutto…]


Dall’olivo all’olio: come funziona il processo di che permette alle olive di trasformarsi in olio extravergine? Ce lo spiega il Frantoio di Montepulciano attraverso una serie di slide che approfondiscono tutti i passaggi!


Valdichiana Lounge

Torna la rubrica che vi porta a scoprire i piaceri della nostra terra, dedicata ai prodotti enogastronomici di qualità! In occasione della Festa dell’Olio e dei Sapori d’Autunno, non potevamo che concentrarci sull’olio extravergine di oliva, uno dei prodotti toscani più apprezzati a livello internazionale. Questo episodio di Valdichiana Lounge è realizzato in collaborazione con Pro Loco Montepulciano, Frantoio di Montepulciano e Agraria Poliziana.

Nessun commento su Festa dell’olio e dei sapori d’autunno

A Torrita torna la tradizionale Fiera di Sant’Antonio

Sabato 17 e domenica 18 gennaio 2015 torna a Torrita di Siena la tradizionale “Fiera di Sant’Antonio”. Un appuntamento storico, documentato fin dai primi anni del XX secolo, che rimanda…

Sabato 17 e domenica 18 gennaio 2015 torna a Torrita di Siena la tradizionale “Fiera di Sant’Antonio”. Un appuntamento storico, documentato fin dai primi anni del XX secolo, che rimanda all’antica tradizione di benedire gli animali e alla contrattazione del bestiame.

Nel corso della nuova edizione della Fiera di Sant’Antonio sarà possibile assistere alla XVIII mostra del bestiame selezionato della Valdichiana, a cura del Gruppo Allevatori Amatoriali Torritese, e alla XX expo sul mondo economico e produttivo, a cura della Pro Loco di Torrita di Siena.

Durante le due giornate di festa il borgo di Torrita sarà visitabile attraverso appositi tour ed escursioni; inoltre sarà allestita la tradizionale fiera merceologica con giochi popolari, degustazioni gratuite di formaggi e mieli, stand gastronomici e giochi per bambini, musica dal vivo e un’ampia area di filiera corta. Sabato 17 gennaio, aspettando la vera e propria Fiera di Sant’Antonio, saranno organizzate passeggiate a cavallo e in mountain bike, passeggiata a “6 zampe” con cane e padrone, dimostrazioni di discipline sportive e apericena con musica live nella piazzetta dell’Antiporto.

Nessun commento su A Torrita torna la tradizionale Fiera di Sant’Antonio

Circus Night: il Capodanno a Chianciano Terme

Circus Night: a Chianciano Terme è tempo di Capodanno al Palamontepaschi Il 31 dicembre torna uno degli eventi più attesi della stagione invernale chiancianese. Combo Produzioni, società cooperativa di giovani…

Circus Night: a Chianciano Terme è tempo di Capodanno al Palamontepaschi

Il 31 dicembre torna uno degli eventi più attesi della stagione invernale chiancianese. Combo Produzioni, società cooperativa di giovani del posto, organizza per il secondo anno consecutivo una serata che valorizza le strutture degli splendidi parchi termali garantendo ancora una volta un servizio di qualità e una completezza dell’offerta, il tutto con una particolare sensibilità ai prezzi.

Dalle ore 20:00 il brindisi di apertura darà il via a una Serata di Gala davvero esclusiva, che si terrà presso l’Arena Palamontepaschi all’interno del Parco Fucoli. Un allestimento in grande stile con le migliori eccellenze del territorio toscano. Dalle ore 21:30 chi vorrà potrà servirsi al Gran Buffet allestito presso il Salone Nervi. Nello storico salone delle feste del Parco Acqua Santa viene presentato un buffet imperiale con possibilità di posti a sedere. Per venire incontro alle famiglie, quest’anno dalle ore 20:30 alle ore 01:00 sarà attivo presso la Sala Fellini il Circo dei Bambini: giochi gonfiabili, truccabimbi, giochi di magia e baby dance, con animazione curata da educatori formati.

Il tema della serata è chiaramente dedicato a uno dei personaggi più affascinanti della storia culturale italiana, Federico Fellini, che proprio in questi parchi trasse l’ispirazione per grandi pellicole come “Otto e mezzo”.

“Questa la suggestione – afferma il direttore artistico Carlo Beligni – dalla quale si muove la programmazione artistica. Un Amarcord inebriante, senza la nostalgia del passato, ma con la convinzione che ci debba essere sempre spazio per la magia, l’immaginazione e lo stupore. Un programma trasversale che ospita artisti da tutta Italia e dal panorama locale e un servizio enogastronomico di assoluto livello. Un programma completo, un ritrovo di artisti che porta un respiro culturale urbano in provincia, unito alla valorizzazione del territorio con pacchetti turistici ad hoc per visitare le splendide piscine Theia, le Terme Sensoriali e il Museo Civico Archeologico delle Acque di Chianciano.”

I Camillocromo BeatBand sono un’orchestra funambolica di electroswing di fama nazionale, così come il vintage Dj set Ghiaccioli&Branzini da Torino. Al Salone Nervi, a partire dalle ore 01:00, lo special guest sarà GodBlessComputers, vero enfant prodige della musica elettronica italiana, accompagnato per l’occasione da numerosi talenti locali. Alla sala ottagonale l’Area Latina e, per chi dopo cena vorrà trattenersi con calma a tavola, al Palamontepaschi si terrà un Pianobar con un’orchestra di cinque musicisti locali.

Il tema circense prende vita grazie a una partnership del valore internazionale. Combo Produzioni regala al proprio pubblico le prodezze di Cirk Fantastik. Ogni spazio sarà arricchito da spettacoli e performances di danza aerea, acrobati, giocolieri e characters. Per informazioni e prenotazioni potete contattare il numero 3289007311 oppure scrivere alla mail: info@combo-produzioni.it

Nessun commento su Circus Night: il Capodanno a Chianciano Terme

Vi racconto il mio ultimo viaggio in Messico

Sono nata in un paese colorato, dalla bandiera verde bianca e rossa. Un paese dai colori pastello, così mi immagino l’Italia, dalle colline verde-chiaro toscane, alle pianure giallo-paglierino della Puglia,…

Sono nata in un paese colorato, dalla bandiera verde bianca e rossa. Un paese dai colori pastello, così mi immagino l’Italia, dalle colline verde-chiaro toscane, alle pianure giallo-paglierino della Puglia, al verde-acqua o azzurro tenue del nostro bel mare.

Quando ho messo piede in Messico, invece, ho avuto una sensazione diversa. Un paese dai colori luminosi, accesi, mai tenui, capaci di attirare il viandante nel fascino della bellezza. Una bellezza che vorrei cercare di trasmettervi.

Scrivere racconti e articoli di viaggio è facile: il tuo corpo e la tua mente sono carichi di emozioni, suoni e immagini, e senza rendertene conto li hai fatti tuoi, ti sono entrati dentro ancora prima che tu abbia avuto tempo di rifletterci su. Il difficile sta nell’organizzarli, in seguito, e raccontarli in forma ordinata; il dramma sta nel scegliere un ricordo piuttosto che un altro. Devi tenere conto, fin da subito, che non riuscirai a parlare di tutto. Il Messico, poi, è un paese che non ti lascia andare, ti afferra, con le sue mani fatte di spezie e mercati, e che tanto avrebbe da dire.

Tre viaggi mi hanno arricchito nella “terra del mais”, come ogni tanto è chiamata questa Nazione. Un mese on the road nel 2012, tre mesi di ricerca etnografica in un municipio nello Stato di Puebla nel 2013, venti amabili giorni spesi a metà per impegni accademici e per vacanza nel 2014.

Per ben due di questi viaggi ho avuto la fortuna di partecipare al grito de independencia, celebrazione dell’indipendenza messicana, dove patriottismo e onor messicano si incontrano per le strade di ogni angolo, di ogni città, municipio, pueblito del Paese. Cosa dire di questa festa? Badate bene che si tratta di me che racconta, viaggiatrice e studiosa con la sua opinione, non di una verità assoluta, ossia nulla ch’io pretenda di possedere. La prima cosa che ho notato: i messicani amano la loro terra. La amano così tanto che quando un Governo non riesce a governare come dovrebbe, si sente ancora l’eco della revolución campesina. Per Città del Messico le manifestazioni sono all’ordine del giorno; la polizia, massicciamente spiegata con mitra e caschi antisommossa, si stanzia giornalmente lungo le vie del centro. Il Messico, in poche parole, è un paese che lotta. E quando arriva il momento del grito, si incontrano per la strada coloro che incarnano la voce del popolo, e coloro che si sentono al sicuro sotto le attività di repressione governative.

Messico

 Foto di Valeria Luongo

Festeggiare il grito è diverso a seconda del luogo: l’anno scorso ero a Cuetzalan del Progreso, municipio sulle pendici di una montagna nello Stato di Puebla; quest’anno ho partecipato ai preparativi nella piazza centrale (zócalo) di Città del Messico, e ai festeggiamenti su un’isola del Quintana Roo, Isla Holbox.

Tre diversissime tipologie: 1) Cuetzalan era un’allegra festa di paese, con banchetti di strada, fuochi d’artificio e rito dei voladores (cuetzaltechi che piroettano i loro corpi agganciati a una fune dalla cima di un palo di circa 30 metri); 2) Nello Zócalo di Città del Messico avevano eretto imponenti strutture celebrative, dove hanno avuto luogo virtuosismi militari in omaggio alle forze dell’ordine governative; 3) a Isla Holbox, meta turistica di giovani europei, la celebrazione si trovava a metà tra la rivisitazione di un mondo messicano dell’immaginario, fatto di asini e sombreri, e musica dance contemporanea.

Elemento comune: la gente. Numerosa, festaiola, carica di vita.

Messico

 Foto di Chiara Magliacane

La mia esperienza, la mia storia di viaggio, si svolge però principalmente nel luogo magico che è Cuetzalan del Progreso, nella quale ho vissuto le gioie e i dolori dell’investigazione di campo.

Tornare dove hai fatto ricerca è emozione pura. Si tratta del luogo dove sei stato accolto come un figlio, nel quale sei entrato a far parte del tessuto sociale e allo stesso tempo ne sei rimasto fuori; è il posto dove ti è rimasta la sensazione di trovare una situazione familiare, senza più l’ansia della ricerca, e dell’estraneità del luogo.

Ripercorrere, quindi, quelle strade, incrociare di nuovo gli stessi sguardi, ha toccato punti profondi del mio essere lì.

Messico

 Foto di Chiara Magliacane

Nuovamente ho visto queste meravigliose donne indigene che a settanta e passa anni camminano scalze per la strada, il fascio di legna legato alla fronte, belle e forti con la grazia della natura dipinta addosso. E via, così, per chilometri da Cuetzalan alle comunità che si trovano nel circondario, luoghi privilegiati per chi ci vive e, ovviamente, per chi sa dove siano. Santiago Yancuitlalpan è la mia preferita, a venti minuti di camioneta da Cuetzalan. Lì, in una capanna, si trova Panchita, circondata dalla sua famiglia. Ha 76 anni, e una treccia bianca che le arriva ai piedi, e ogni volta che i suoi occhi incrociano i miei sento un irresistibile desiderio di sorriderle. Una grande gioia nell’accoglierci all’ingresso, dopo quattro mesi di visite ogni settimana e di chiacchiere sotto la pioggia. Sedendomi sulla stessa sedia dove mi ero seduta tante volte, offrendoci lo stesso caffè, non poteva non tornare alla memoria la sfilza di lunghi pomeriggi trascorsi insieme. L’anno prima mi aveva accolto nella sua casa di legno, calce e terra, offrendomi cibo e comodità, lasciandomi rilassare su una sedia di paglia mentre la osservavo cuocere la tortilla nel focolare.

Alle volte ci dimentichiamo di quanto sia la semplicità la forma più perfetta del donare agli altri. Le parole per descrivere quella situazione sono tre: Accogliere, sorriso, sguardo. Il risultato è che non puoi andartene via senza una gioia in più all’interno di te stesso.

Terminando il mio racconto, questa la conclusione che mi appresto a dare: il Messico non è quello che traspare attraverso il turismo o le notizie giunte con i media. Il Messico, quello vero, almeno attraverso i miei occhi è fatto così.

Nessun commento su Vi racconto il mio ultimo viaggio in Messico

Valdichiana e Valdorcia: terre di Rave Party?

Valdichiana e Valdorcia: terre di Rave Party?  Visti gli ultimi accadimenti, la domanda non potrebbe che avere una risposta positiva. I rave party sono feste a base di musica elettronica, acid…

Valdichiana e Valdorcia: terre di Rave Party?  Visti gli ultimi accadimenti, la domanda non potrebbe che avere una risposta positiva.

I rave party sono feste a base di musica elettronica, acid house, techno, jungle, drum & bass, giochi di luce e droga. Sul nostro territoriale nazionale ci sono sempre stati e forse sempre ci saranno, ma fin tanto che accadono lontano dal nostro naso e dalle nostre terre, tutto va bene; leggiamo e sentiamo notizie inerenti ad essi, ma che non suscitano niente di particolare in noi.

Il problema arriva quando il rave party viene organizzato proprio sotto casa tua, a tua insaputa, e il più delle volte nel cuore della notte. “Punkabbestia”, stereotipo coniato per indicare i disadattati, persone che si divertono solo quando perdono il controllo del loro corpo oltre i limiti della decenza, sono coloro che rompono la quiete di paesaggi incontaminati e la tranquillità della gente che vi abita.

Ma cosa succede una volta che la musica si spegne, che gli effetti delle droghe sono passati ed è arrivato il momento di ripartire verso un altro territorio da sfasciare? Sporcizia ovunque, gente che si regge in piedi a malapena, degrado e reazioni incontrollabili con conseguenti danni alle cose e alle persone. Qualche esempio?

“”Punkabbestia” diretti ad un rave party, hanno terrorizzato i viaggiatori del treno Arezzo-Magione, che sono stati costretti a finire nell’ultima carrozza per non essere travolti da quel marasma che mostra il “meglio” della maleducazione giovanile. A sentirsi male durante il viaggio anche una bambina trasportata in ospedale con l’ambulanza del 118. Denunciati in tutto 13 persone, nove italiani e quattro stranieri, di età tra i 16 e i 25 anni, di cui 10 residenti in provincia di Roma, due in provincia di Perugia, uno in provincia di Torino. (PerugiaToday.it 24-06-2014)

“Grosseto, carabinieri presi a bastonate a un posto di blocco: appuntato gravissimo. I colpevoli quattro ragazzi reduci da un rave party nei pressi di un campo vicino al fiume Fiora, sotto la frazione di Sovana. (Il Messaggero.it 25-04-2011)”

I rave party spesso vengono organizzati da persone straniere, all’insaputa di tutte le amministrazioni del luogo prescelto. Quello in Valdorcia, come quello in Valdichiana di qualche mese fa, secondo le indiscrezioni è stato fatto infatti imbastito da stranieri in un terreno privato e questo, di fatto, ha limitato la possibilità di intervento da parte delle forze dell’ordine (va inoltre ribadito che il proprietario del terreno non aveva dato alcun permesso ed era contrario allo svolgimento dell’evento). Per evitare che la situazione potesse in qualche modo degenerare, si è deciso di attivare un servizio di controllo continuo che ha visto impegnati sul territorio carabinieri, polizia, guardia di finanza, forestale, polizia provinciale e municipale. Si è praticamente scomodata un’intera comunità per una festicciola tra punk!

Non intendo denunciare chi partecipa a queste feste: ognuno è libero di divertirsi, drogarsi e ubriacarsi come, quando e quanto vuole, a patto che non disturbi il prossimo. Quello che critico è la modalità di organizzazione e di svolgimento delle stesse. Questi signori non potevo organizzare le loro “sobrie festicciole” nei loro giardini di casa, invece di rompere la quiete e la tranquillità dei nostri territori, patrimonio dell’umanità, a suon di decibel e droga?

Di solito, quando si organizzano feste, c’è sempre un iter burocratico da seguire e regole da rispettare, mentre invece per i rave party sembra che tutto sia concesso. Feste in cui non vengono richieste autorizzazioni, non vengono assolti gli obblighi come il pagamento dei diritti d’autore o il rispetto delle normative igienico-sanitarie nella somministrazione di cibo e bevande, dove la droga diventa spesso parte integrante del divertimento dei giovani presenti, senza, ovviamente, tenere in considerazione la situazione dei territori dopo il passaggio di questa folla di punkabbestia.

I rave party esistono dagli anni ’80, sono nati in Inghilterra per poi espandersi in tutta Europa. L’obiettivo è quello di divertirsi, di trasgredire, di ribellarsi e di andare contro le regole imposte ogni giorno dalla nostra società ormai andata in panne.  Anche il rave ha una sua dignità nella storia e nella società del passato, quindi, e ne avrà sicuramente una in futuro! Non voglio infatti sostenere che queste feste debbano essere bandite, ma forse andrebbero riviste sotto tutti i punti di vista, tenendo conto del cambiamento del modo di divertirsi. Non è giusto che chi non vuole partecipare al rave party sia costretto a perdere il sonno per tre notti di fila, a causa dei decibel che oltrepassano la soglia legale. Non è accettabile trovare estranei nel proprio cortile che dormono e urinano, non è eticamente corretto essere obbligati a vedere il nostro territorio completamente sommerso dai rifiuti per colpa degli incivili ed esserne costretti a pagarne le conseguenze.

Personalmente comprendo anche i punkabbestia, il loro modo di divertirsi e le loro festicciole, pur non condividendo le loro azioni. Tuttavia, i partecipanti a questi rave party dovrebbero mostrare maggiore rispetto per le persone e per i luoghi, privati o pubblici, che occupano abusivamente. Luoghi che invadono senza il beneplacito delle amministrazioni o dei proprietari, infrangendo il nostro ordine e il nostro silenzio. Ma temo che sia un appello che finirà inascoltato, perché hanno dimostrato di non conoscere, o di ignorare, il significato della parola rispetto.

1 commento su Valdichiana e Valdorcia: terre di Rave Party?

Un weekend di Rave Party alla Quercia delle Checche

Tre giorni di rave party, all’insegna dello sballo e del divertimento sfrenato: questo è quanto è accaduto lo scorso weekend sulle rive del fiume Orcia, a poche centinaia di metri…

Tre giorni di rave party, all’insegna dello sballo e del divertimento sfrenato: questo è quanto è accaduto lo scorso weekend sulle rive del fiume Orcia, a poche centinaia di metri dalla famosa Quercia delle Checche. Almeno cinquecento ragazzi, giunti da tutta Italia e anche da altri paesi europei, hanno letteralmente preso d’assalto un terreno nel meraviglioso paesaggio della Valdorcia, patrimonio naturale dell’umanità. Il terreno, di proprietà di un privato, è stato invaso clandestinamente e non è stato messo a disposizione dei partecipanti, come erroneamente riportato nei giorni scorsi.

Il rave party è cominciato venerdì 12 e si è concluso domenica 14 settembre. Una folla che non è passata inosservata e che ha messo in allarme la popolazione locale, oltre a turbare la quiete della valle e a causare una notevole quantità di rifiuti. Il dispiegamento delle forze di sicurezza non ha impedito lo svolgimento del rave party, la cui musica ha invaso la Valdorcia per il weekend, a poche centinaia di metri dalla famosa Querce delle Checche, che negli ultimi tempi aveva destato forti allarmi nella popolazione per il distaccamento di un grosso ramo.

Abbiamo raccolto la testimonianza diretta di un lettore, che preferisce rimanere anonimo per questioni di sicurezza, che ha documentato fotograficamente il rave party quando era alla sua conclusione, durante il tardo pomeriggio di domenica:

rave party 2

“Ciao, gradirei rimanere anonimo, ma vorrei al tempo stesso denunciare questo avvenimento, a dir poco vergognoso!

Sono nato in Valdorcia, qui sono cresciuto e qui lavoro. Nella Valdorcia faccio passeggiate, mi rigenero il corpo e la mente abbandonando lo sguardo sulle dolci curve di questa terra così meravigliosa. A dire che è bella non sono soltanto io, lo dicono anche le migliaia (o forse milioni) di turisti che ogni anno la attraversano, lo dice anche l’Unesco, che il 2 luglio di dieci anni fa lo ha inserito nella lista dei luoghi da tutelare, lo dicono gli investitori, che da ogni parte del mondo sono arrivati fino a questa valle incantata per acquistare il proprio casale da sogno.

Nei giorni scorsi ho assistito ad un vero e proprio “tam tam” sui giornali locali, la notizia che il “Quercione delle Checche” aveva subito un grave danno (un ramo spezzato) è rimbalzata sui vari social network, suscitando lo sdegno e la rabbia di chi conosce la pianta in questione, una querce secolare. Subito è partita un inchiesta per stabilire se le cause del danno siano da ricondurre ad un eventuale problema della pianta oppure per cause umane.

Qualche giorno prima si parlava del territorio, dell’immagine della toscana che trapela al mondo, della salvaguardia di essa, del vincolo paesaggistico, del rispetto dell’ora del silenzio e anche delle lamentele da parte di chi trovava le deiezioni dei cani altrui sul suo cammino: poi c’è un Rave party con un numero imprecisato di persone, mezzi, strutture, attrezzature e nessuno dice niente, anzi, peggio ancora, nessuno FA niente! […]

I partecipanti al Rave Party sono arrivati nel cuore della notte, hanno montato tutto l’impianto audio aiutati dalle tenebre e verso le cinque del mattino di sabato hanno cominciato il party. i proprietari delle case, degli agriturismi e i clienti di quest’ultimi, si sono ritrovati fuori casa a cercare di capire che cosa fosse quell’apocalisse sonora a base di “tunz-tunz”, il tutto si è protratto fino alle 19:00 di domenica: 40 ore di musica assordanti e due notti di sonno perse.

Un altra cosa che posso aggiungere è che per giorni ci sono state svariate decine di ragazzi (più o meno lucidi) che chiedevano passaggi per strada, molti di loro sono entrati anche dentro delle proprietà private per chiedere aiuto, sono entrati nel campo con la macchina o il camper e sono rimasti impantanati. Un ragazzo di Roma è stato male, verso le 20:00 di questa sera l’ambulanza lo ha soccorso, sono intervenuti anche i carabinieri, ma il ragazzo era senza documenti e ha cercato di spiegare com’ è arrivato in Valdorcia ma con scarsi risultati, era visivamente alterato, probabilmente ancora sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. […]

Parte della legna del ramo tagliato del quercione (che si trovava ancora sotto l’albero, dietro una rete arancio che delimitava il perimetro per ovvi motivi di sicurezza) è stata usata per accendere dei fuochi. Dalle foto si possono vedere i camion con le attrezzature, il gruppo elettrogeno per alimentare l’impianto audio, i vari camper, auto, tende e qualche centinaio di cani che, come i loro padroni, non hanno nessun ritegno.”

***AGGIORNAMENTO***

Il terreno in cui si è svolto il rave party, di proprietà di un privato, è stato invaso clandestinamente e non è stato messo a disposizione dei partecipanti, come erroneamente riportato nei giorni scorsi. La smentita è stata sollecitata anche ai rappresentanti delle forze dell’ordine presenti in loco a monitorare l’evento, per evitare che si creino false aspettative da parte dei soggetti interessati a organizzare o partecipare a simili eventi, verso i quali il proprietario del terreno ribadisce la propria ferma contrarietà e l’intenzione di tutelarsi legalmente per quanto accaduto.

10 commenti su Un weekend di Rave Party alla Quercia delle Checche

Parco Fucoli: si rinnova l’appuntamento con la Festa dell’UDC

Chianciano, al via la Festa dell’UDC al Parco Fucoli: in arrivo i ministri Alfano e Lorenzin Un simbolo a forma di cuore che contiene l’espressione “la Costituente popolare” e lo…

Chianciano, al via la Festa dell’UDC al Parco Fucoli: in arrivo i ministri Alfano e Lorenzin

Un simbolo a forma di cuore che contiene l’espressione “la Costituente popolare” e lo Scudo crociato. E’ il logo di Chianciano 2014, la festa nazionale Udc che si svolgerà, dal 12 al 14 Settembre, come da tradizione, a Chianciano Terme presso il Palamontepaschi all’interno del Parco Acqua Santa di Terme di Chianciano. Tre giorni di dibattiti e tavole rotonde, durante i quali esponenti del partito centrista si confronteranno con autorevoli ospiti su tanti temi come la riforma delle autonomie locali e l’allarme terrorismo legato al Califfato ed all’ISIS.

Tra gli ospiti della kermesse i Ministri dell’Interno Angelino Alfano, della Salute Beatrice Lorenzin, dell’Istruzione Stefania Giannini, Antonio Tajani (vicepresidente del Parlamento europeo), Fabrizio Cicchitto, Renato Schifani, Gaetano Quagliariello (Ncd), Mario Mauro (Popolari per l’italia). Si parte venerdì pomeriggio alle ore 17 con i saluti istituzionali dei “padroni di casa” il presidente delle Terme Fabio Cassi ed il sindaco di Chianciano Andrea Marchetti e si chiude domenica con la Santa Messa dedicata quest’anno ai cristiani perseguitati nel mondo e con l’intervento del segretario nazionale Udc Lorenzo Cesa.

Proprio Cesa, presentando la tre giorni di Chianciano al via alle Terme per lanciare la Costituente Popolare, ha affermato “A Chianciano, insieme ai tanti ospiti degli altri partiti che sono in maggioranza insieme a noi, tracceremo l’identikit del nuovo partito di area moderata e popolare che, finita questa fase di intese larghe anche se piu’ o meno mascherate, contendera’ al Pd la guida del Paese alle prossime elezioni politiche del 2018. Oggi siamo tutti con Renzi perche’ l’Italia vive una stagione di drammatica emergenza e nei momenti difficili bisogna saper fare fronte comune. Ma in futuro saremo avversari di Renzi, come lo siamo gia’ in Europa, cosi’ come il Ppe, che e’ casa nostra, e’ avversario del Pse”. Al Parco Fucoli delle Terme si svolge il meeting politico, mentre le cure termali mattutina e pomeridiana e l’intrattenimento musicale per gli ospiti termali sono concentrati nel Parco attiguo, l’Acqua Santa.

Nessun commento su Parco Fucoli: si rinnova l’appuntamento con la Festa dell’UDC

Alla scoperta dell’Aglione alla Fiera di San Vittorino

L’aglione è uno degli elementi più caratteristici del nostro territorio: dai famosi pici ai tanti condimenti tipici della cucina locale. Proprio l’aglione, assieme ai libri, alle foto d’epoca e agli…

L’aglione è uno degli elementi più caratteristici del nostro territorio: dai famosi pici ai tanti condimenti tipici della cucina locale. Proprio l’aglione, assieme ai libri, alle foto d’epoca e agli altri podotti tipici, sarà il protagonista della “Filiera Corta” che si svolgerà alla Fiera di San Vittorino di Acquaviva di Montepulciano.

L’A.S.D. “Il Fierale” in occasione della Festa patronale di San Vittorino di Acquaviva e della Sagra dell’Ocio dal collo ripieno che si svolge dal 2 al 7 Settembre presso i Giardini dell’Ex-Fierale, torna ad organizzare sul tracciato stradale urbano dell’ antica Via Cassia Adrianea presso l’antica “statio AD NOVAS” la tradizionale Fiera di San Vittorino.

Sabato 6 Settembre, dalle ore 10 alle ore 22, uno storico appuntamento in Valdichiana in cui si troveranno moltissimi prodotti di ogni genere a Filiera Corta, le produzioni delle giovani eccellenze che guardano con rispetto alle tematiche ambientali, l’immancabile fiera merceologica e uno spazio dedicato alla creatività locale presso la ex-Coop con esposizioni di cartoline d’epoca del ‘900 e di opere in piombo dell’artista Ugo Forte.

Tra gli oggetti a Filiera corta, presso lo stand del Centro Culturale Gens Valia, da segnalare l’iniziativa “Dall’autore al lettore”, la filiera corta del libro, dove si potranno trovare gli ultimi libri scritti sulla storia locale del nostro territorio presentati dagli autori e di rari libri d’epoca da collezione di autori famosi quali Vittorio Fossombroni, Odoardo Corsini, Alessandro Manetti ed in modo particolare, per i visitatori che acquisteranno i libri, sarà regalato loro uno spicchio gigante di Aglione della Valdichiana per ogni copia acquistata.

aglione in mano di SergioQuest’anno i Consiglieri del Gens Valia, dopo aver ricevuto moltissime richieste, ripropongono il gustosissimo Aglione Chianino “Raccolta 2014” proveniente dai semi regalati con il progetto 2011. L’Aglione, per il suo gustosissimo sapore (ma è anche un vero farmaco “verde” che regola la pressione e ripulisce le arterie, ha un’azione antibatterica e antivirale, contiene delle sostanze antiossidanti ed è antitumore) è famoso per il sugo a condimento dei tradizionali pici Chianini; recentemente è entrato a far parte dei prodotti pregiati nell’Arca del Gusto di Slow Food. Un ritorno quindi auspicato ad una produzione di prodotti agroalimentari naturali ed una futura opportunità per le giovani generazioni che vorranno intraprendere questa nuova esperienza in un territorio che si appresta ad essere classificato “distretto biologico”.

Nessun commento su Alla scoperta dell’Aglione alla Fiera di San Vittorino

Type on the field below and hit Enter/Return to search