Screening con tamponi antigenici rapidi da laboratorio per tutti i cittadini del Comune di Sinalunga che si prenoteranno sulla piattaforma

Prosegue il programma di screening anti-contagio “Territori sicuri”, che già a metà del mese di Gennaio aveva fatto tappa a Sarteano. Per quattro giorni, da venerdì 5 a lunedì 8 febbraio, farà tappa a Sinalunga, mettendo a disposizione dei cittadini test antigenici gratuiti. Ad indicare Sinalunga come prossima tappa del progetto è stata l’Agenzia regionale di sanità (Ars), che ha il compito di elaborare e monitorare costantemente l’indice di rischio di positività al Sars Cov-2 per ogni Comune della Toscana. A oggi, il programma di screening ha fatto tappa nei Comuni di Capolona, Chiusi della Verna, Sarteano e Campo nell’Elba, facendo registrare una grande partecipazione da parte della cittadinanza.

Nello specifico, a Sinalunga, i cittadini potranno sottoporsi, in modo volontario e gratuito, al test antigenico, recandosi nelle apposite postazioni nell’area parcheggio di fronte al Magazzino Comunale in via Marconi, presso l’area artigianale “Le Persie”, a Pieve di Sinalunga. Gli orari per tutti e quattro i giorni saranno la mattina dalle 9 alle 13, il pomeriggio dalle 14 alle 18. Per evitare eventuali assembramenti e garantire la miglior organizzazione possibile sono già aperte le prenotazioni sul portale regionale https://territorisicuri.sanita.toscana.it/#/home.

Il programma è incentrato sulla strategia di allerta precoce “early-warning”, con l’obiettivo di contrastare la diffusione del virus, tramite l’individuazione di nuovi casi positivi, a partire dagli asintomatici, e di eventuali focolai tra la popolazione. Per maggiori informazioni è online la pagina del progetto: https://www.regione.toscana.it/-/territori-sicuri.

“La nostra campagna di screening nei territori toscani più a rischio sta avendo un grande riscontro da parte della popolazione e delle amministrazioni comunali, che ringrazio della collaborazione e della pronta disponibilità – commenta il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani – Siamo tutti impegnati in prima linea, con ruoli e responsabilità diverse, ma accomunati dal medesimo obiettivo: sconfiggere il virus e tornare alla normalità. I nostri comportamenti faranno la differenza. Sarebbe un grave errore abbassare la guardia, dopo così tanti sacrifici e i risultati ottenuti. L’emergenza non è ancora finita. Invito tutti alla cautela e alla massima prudenza”.

“Il progetto sta andando bene – aggiunge l’assessore alla sanità, Simone Bezzini – perché si avvale di un importante lavoro di squadra. La nostra Regione può contare su una rete di soggetti, fortemente impegnati e che ringrazio, quali le associazioni di volontariato, le amministrazioni comunali, l’Anci, le Asl, gli operatori sanitari, i medici e i pediatri di famiglia, gli infermieri e tanti altri che non fanno mancare il proprio generoso sostegno. Ringrazio anche il sindaco di Sinalunga Edo Zacchei per aver aderito con convinzione e tutta la cittadinanza, che parteciperà allo screening, uno strumento di prevenzione importante per intercettare il virus prima che contagi altre persone. Per questo motivo è fondamentale la collaborazione e l’impegno di tutti”.

“Sinalunga, a partire da venerdì 5 febbraio, sarà interessata dal progetto della Regione Toscana “Territori Sicuri”. Un’importante mobilitazione di istituzioni e associazioni di volontariato, con l’obiettivo di effettuare tamponi antigenici a più cittadini possibili, per monitorare e proteggere dal contagio la popolazione. Saranno giorni impegnativi – spiega il sindaco Edo Zacchei – durante i quali ci proponiamo di andare a intercettare quasi 13.000 cittadini: un banco di prova e una scommessa su cui tutto il nostro Comune vuole puntare. È una rilevante attività, voluta dall’amministrazione comunale per contrastare con più incisività il diffondersi del virus, che a Sinalunga negli ultimi giorni non accenna ad arrestarsi. Mi auguro, quindi, che tanti cittadini rispondano con convinzione a questa opportunità, che viene offerta”.

“Territori sicuri” è promosso dalla Regione Toscana insieme ad Anci, Upi, Misericordie, Pubbliche assistenze riunite e Croce rossa italiana, e coinvolge in modo fattivo Ars toscana, le Aziende sanitarie locali, le Società della Salute, la medicina e la pediatria di famiglia. L’Asl Toscana Sud Est curerà la parte organizzativa e il coordinamento dei medici di medici generale, infermieri e assistenti sanitari che parteciperanno, tutto personale che a titolo volontario svolgerà la campagna di monitoraggio.

L’indice di rischio di positività al Sars Cov-2, elaborato da Ars per ogni Comune della Toscana, consiste in una misura che combina il tasso di positività per 100mila abitanti nei 7 giorni precedenti, ponderato con la velocità di incremento dei casi rispetto alle due settimane precedenti, in modo da evidenziare i Comuni che vivono la maggiore criticità a causa della diffusione del virus tra la popolazione.

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Redazione
Redazione

La redazione della Valdichiana è costantemente al lavoro per tenervi aggiornati su questo meraviglioso territorio!

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

I nostri sponsor

Archivi

Close
Close