Frizzante e poliedrica l’apertura della stagione al teatro degli Oscuri di Torrita di Siena, sabato 28 ottobre 2017. Anche quest’anno l’Associazione Teatro Giovani Torrita conferma la direzione artistica di Laura Ruocco, che ha affidato il primo doppio spettacolo dell’anno a Roberto Ciufoli, storico volto della comicità italiana, già membro della Premiata Ditta e attore dalle multiformi disposizioni, che arriva con un monologo intitolato Tipi – Recital comico-antropologico.

Roberto Ciufoli arriva a Torrita reduce da un’annata costellata di impegni teatrali, da Paradiso 2.0 – Un atto di Dio, alla commedia Ti Amo o qualcosa del genere, fino all’impegnativa apertura del Teatro Eliseo di Roma con il dramma Americani, da un testo di David Mamet, insieme a Sergio Rubini, Gianmarco Tognazzi, Francesco Montanari e tanti altri. Ciufoli dimostra così la capacità di passare dalla coralità di una grande compagnia, alla stand-up comedy dell’uomo solo sul palco. Il suo Tipi è infatti una carrellata di personaggi interpretati sempre dallo stesso attore, che con pochissimi elementi scenici (una camicia, un cappello, una parrucca e un paio di occhiali) tiene il palco per un’ora e quaranta minuti di spettacolo.

«A me piace variare. Ogni spettacolo ha una sua peculiarità» racconta nel camerino, poco prima di entrare in scena «Americani, ad esempio, era uno spettacolo corale che è impossibile proporre da solo. Tipi invece è un monologo, in cui propongo varie tipologie umane. Il sottotitolo è recital comico-antropologico, ma in realtà di scientifico ha ben poco. Prendo spunto specialmente dalla morfologia delle persone, dagli elementi attraverso i quali si può riconoscere un tipo rispetto ad un altro. Ho lavorato molto sulle posture, sul modo di parlare, eccetera…»

Lo spettacolo oscilla tra la stand-up e il cabaret, dall’esercizio di stile nell’utilizzo dei vari dialetti fino alle parentesi riflessive, nelle quali si arriva anche a recitare un frammento da l’Amleto di Shakespeare «Ho voluto riproporre qua e là una canzone di Giorgio Gaber o un monologo di Shakespeare proprio per dare una dinamica allo spettacolo. La cosa bella è che il pubblico, in fondo, non deve aspettarsi nulla in particolare. Anzi, deve essere sorpreso. Voglio che si emozioni, che si diverta e anche che rifletta».

Direttrice artistica Laura Ruocco con Roberto Ciufoli

Abbiamo incontrato anche la direttrice artistica Laura Ruocco, che ha presentato la ricca stagione al teatro degli Oscuri. Il suo intento è stato quello di mettere al primo posto il pubblico, rendere il teatro un luogo centrale nella vita pubblica del borgo toscano, con scelte che vanno incontro ai gusti degli abbonati. «Le linee guida sono quelle che il nostro pubblico ci suggerisce e che io in parte elaboro» racconta  «Lo slogan che abbiamo utilizzato è “ci ritroviamo a teatro” noi ci siamo già, tu che cosa stai aspettando”. Ci tengo a soddisfare questo pubblico. Quello che ho riscontrato dai report è la voglia di avere delle storie brillanti, che appartengano a tutti, nelle quali perdersi e lasciarsi coinvolgere. Quindi ampio spazio alla commedia brillante e ad alcune proposte un po’ fuori dal coro. Tornerà La Ginestra, Morandi, avremo di nuovo i ragazzi del Teatro Golden,  e poi in chiusura Ivano Picciallo, con uno spettacolo che ha vinto molti premi in Italia e in Europa, A Sciuquè: uno spettacolo sul gioco d’azzardo, vista attraverso gli occhi di ragazzini pugliesi. Una bella scommessa».

Laura Ruocco che ha anche la direzione didattica del Teatro Golden di Roma, porta contestualmente avanti anche i progetti che la impegnano in giro per l’Italia «L’anno scorso abbiamo aperto la stagione qui a Torrita con Finché Giudice non ci Separi, e anche quest’anno ripartiamo, dal 10 novembre da Torino, con il terzo anno di tournée. Il successo e l’apprezzamento del pubblico hanno decretato questo successo. Ha fatto sì che questo spettacolo, nato quattro anni fa per stare a Roma quattro settimane, abbia avuto una vita così lunga. In più a Marzo uscirà il film tratto dallo spettacolo. Lo abbiamo girato quest’estate. Da marzo lo vedrete in tutte le sale. Anche questa è una bella soddisfazione per il teatro Golden e per una drammaturgia teatrale che se è vincente e funziona può diventare anche drammaturgia cinematografica. Collaboro sempre con il Golden accanto alla direzione artistica di Andrea Maia: e avremo qui a Torrita all’interno del progetto Giovani Talenti in Scena lo spettacolo Camping: ci sarà da divertirsi».

Print Friendly, PDF & Email