La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Il primo romanzo di Emanuele Upini: Incontrando Igino

Uscito nel 2018, il romanzo storico Incontrando Igino proietta il lettore nella realtà foianese di inizio Novecento: quella dei Fatti di Renzino. Grazie al metodico lavoro di ricerca delle fonti…

Uscito nel 2018, il romanzo storico Incontrando Igino proietta il lettore nella realtà foianese di inizio Novecento: quella dei Fatti di Renzino. Grazie al metodico lavoro di ricerca delle fonti e delle testimonianze e al coinvolgimento empatico che nasce dal testo, Emanuele Upini riesce a farci rivivere quelle che furono le vicende e i risvolti, sociali ed emotivi, relativi agli inizi degli anni ’20.

Ciao Emanuele, parlaci di te.

Vivo a Foiano della Chiana. Sono un appassionato di scrittura e disegno, fumetti per la precisione. Adesso mi sto dedicando alla scrittura di romanzi, ma in passato ho fatto il vignettista. Ho anche collaborato con il mensile Fumo di china, il più autorevole in Italia in fatto di critica fumettistica.

Fumettista prima che scrittore. Com’è nata la passione per il disegno?

Dobbiamo tornare molto indietro. È merito di mio nonno, che aveva un’edicola in Foiano e per farmi stare buono, da piccolo, mi metteva sempre un giornalino in mano e pensa che ancora non sapevo neanche leggere e scrivere. Fantasticavo sui possibili risvolti delle avventure pagina dopo pagina, in base a quello che mi proponeva il disegno. È iniziata così. Probabilmente questo ha agevolato la formazione di una particolare fantasia che mi ha accompagnato nel tempo. Crescendo ho continuato a leggerli, li ho abbandonati e ripresi in vari momenti della mia vita. Ad un certo punto sono entrato in contatto con questo mondo, grazie anche al portale internet che curo IMIM. Ho conosciuto autori e scrittori che mi hanno aiutato a integrare le mie conoscenze.

Nel 2018 hai pubblicato “Incontrando Igino”, un romanzo storico. Raccontaci di cosa parla.

Il mio primo romanzo sì. È stato preceduto da una pubblicazione intitolata Spaesati #1 che racconta di vicende comiche ispirate a personaggi di Foiano. È stata la prima volta in cui mi sono confrontato con un progetto davvero strutturato. Dopodiché è uscito Incontrando Igino (Edizioni Helicon), scritto a più riprese dal momento che necessitava di una preparazione più impegnativa. La vicenda ripercorre i giorni dei famosi Fatti di Renzino del 1921: gli scontri tra fascisti e antifascisti in un’epoca in cui il fascismo doveva ancora affermarsi. Ho cercato di raccontare in una forma inedita cosa fosse successo nell’aprile del 1921. Mi sono immaginato un carabinierino, realmente esistito, che in quei giorni si trovava a Renzino per condurre le indagini relative agli scontri armati. Viene risucchiato nella realtà chianina che non gli apparteneva, essendo lui del nord, e si trova a vivere la storia degli abitanti della campagna foianese.

Perché questa esigenza di scrivere su Renzino?

È una vicenda che mi riguarda direttamente. Il titolo riprende il nome del mio bisnonno: Igino, che venne ucciso dai fascisti insieme a moltissimi altri innocenti nella rappresaglia che fecero in seguito agli scontri armati. Emblematicamente è l’incontro con la gente del tempo di Igino, del paese di Igino e non soltanto con lui. Con l’idea di propormi al pubblico come scrittore di romanzi volevo farlo per la prima volta con una storia che mi riguardasse direttamente.

Esempi di grandi scrittori che con le loro parole hanno reso indelebile parte della storia italiana non mancano di certo. Penso a Elsa Morante, Italo Calvino, Beppe Fenoglio (solo per citarne alcuni). Quant’è importante raccontare il passato, la storia italiana e quella ancora più vicina a noi: quella locale?

Credo che ci siano morali e lezioni profonde che è necessario raccontare e tramandare. Non è mai scontato ripetere che la storia insegna e io mi auguro che possa essere proprio questo il fine ultimo. Un romanzo storico ha l’obiettivo di intrattenere piacevolmente, o comunque di suscitare emozioni, e allo stesso tempo fornire le basi per una riflessione su realtà a noi vicine, nel caso di Incontrando Igino vicinissime.

Un romanzo di questo tipo necessita in maniera imprescindibile di una solida base scientifica: che è la ricerca storica. Come ti sei preparato alla stesura del libro?

La preparazione è stata fondamentale e necessaria, dalla durata di moltissimi mesi. Ho passato tanto tempo in biblioteca dovendo documentarmi su cosa effettivamente fosse successo in quei giorni. Ho letto libri e pubblicazioni, ho consultato archivi fotografici, ho studiato le testimonianze e i documenti raccolti da Ezio Raspanti, partigiano e ricercatore storico, e conservati nell’Istituto storico dell’Antifascismo e della resistenza in Valdichiana “Bernardo Melacci” di Foiano della Chiana. Grazie a Ezio posso dire che abbiamo la fortuna di avere una banca dati di notevoli dimensioni, quindi volendo entrare nello specifico dei giorni del ’21 in cui a Foiano ci furono omicidi e stragi, si ha la possibilità di capire cosa è successo. Ho cercato di rimanere il più possibile distaccato nel raccontare, pur cercando di suscitare nel lettore le emozioni dei protagonisti. Mentre i romanzi storici sono solitamente costituiti dal 20% di realtà, quindi una storia contestualizzata, e dall’80% di invenzione, Incontrando Igino è l’opposto: l’80% corrisponde a dati e fatti reali, ricostruzioni storiche e il restante 20% è fantasia.

Quanti libri ancora si potrebbero scrivere su Foiano e sulla Valdichiana? Sembra una terra inesauribile da un punto di vista umano, storico e culturale.

La storia della Valdichiana in sé è ricchissima. Così come penso sia lo stesso in tutta Italia. Sto preparando un libro, che uscirà a fine anno, un romanzo che io definisco fucsia, cioè non soltanto sentimentale, perché la base storica locale entra comunque a far parte della trama. La protagonista conosce, nel corso della sua vita, persone delle quali vengono svelate le esistenze legate alla guerra, al territorio aretino e del Valdarno. Proprio quello che hai detto io lo cerco di dimostrare con i romanzi.

I fatti di Renzino sono stati un evento importantissimo nella storia aretina del ‘900. Si può dire che da Renzino sia partita la Resistenza foianese. Oggi non è raro imbattersi in revisionismi di quell’evento o in prese di posizione filofasciste. Come si combatte questa pericolosissima ignoranza?

È necessario farlo con il dibattito, ma spesso si sbatte contro un muro che pare essere insormontabile. Non è solo mancanza di cultura: è anche mancanza di intelligenza nel comprendere certe situazioni, che inizialmente possono sfuggire a causa dell’ignoranza, ma se avessimo un minimo di intelligenza dovremmo arrivare a mettere in discussione le nostre convinzioni. Servirebbe un minimo di spirito critico e di autocritica.

Nessun commento su Il primo romanzo di Emanuele Upini: Incontrando Igino

Racconti di Veglia: il fantasma di Palazzo Ricci

(articolo a cura di Igor Abbas, Massimiliano Minotti e Alessio Banini) “Questo non lo toccare!” Chissà come deve essersi sentito il Monsignor Montiani, quando toccando un libro contenente delle missive,…

(articolo a cura di Igor Abbas, Massimiliano Minotti e Alessio Banini)

“Questo non lo toccare!”

Chissà come deve essersi sentito il Monsignor Montiani, quando toccando un libro contenente delle missive, si sentì arrivare un grosso ceffone, accompagnato da questo monito. Voltandosi, però, si rese conto che dietro le spalle non c’era nessuno. Ma che storia è questa?
Una storia di fantasmi, ovvio, una storia locale, riguardante un noto palazzo a Montepulciano, ormai modificato e suddiviso in varie funzioni, ma comunque carico di storia e memorie paesane.

Testimonianze e diffusione

Questa leggenda racconta la presenza di un fantasma a Palazzo Ricci, uno storico edificio di Montepulciano situato in Via Ricci, a poca distanza da Piazza Grande. Caratterizzato da un grande portale con una scalinata di pietra, dispone di un cortile interno con vista panoramica; opera dell’architetto Baldassarre Peruzzi, fu fatto erigere dal cardinale Giovanni Ricci nella metà del XVI secolo. Nel corso dei secoli ha avuto diverse funzioni e ha subito molte modifiche architettoniche, dovute ai passaggi di proprietà. Attualmente alcune parti del palazzo sono diventate sede dell’Accademia europea di Palazzo Ricci, emanazione del Conservatorio di musica e danza di Colonia, dove si svolgono corsi, concerti e masterclass. Altre parti sono invece destinate alla contrada di Talosa, che le utilizza principalmente durante la settimana degli eventi del Bravìo delle Botti. Infine, un’altra parte del palazzo fa parte della Cantina De’Ricci, una delle cantine più affascinanti del centro storico.

Le prime testimonianze del fantasma di Palazzo Ricci risalgono proprio ai tempi in cui l’edificio svolgeva principalmente la funzione di cantina e di fattoria per la produzione di Vino Nobile, almeno dagli anni ’60 e ’70: si parla di una misteriosa presenza che si aggira lungo le stanze e i corridoi del palazzo, responsabile di eventi inspiegabili e paranormali.

Esterno di Palazzo Ricci a Montepulciano

I racconti principali sono raccolti nel libro di Giorgio Harold Stuart “L’Italia dei Fantasmi”, dove un capitolo riguarda proprio Palazzo Ricci e la sua biblioteca ormai smantellata. Proprio in questa biblioteca era custodito un manoscritto, chiamato il “Libro dello schiaffo”: un nome curioso, anche perché non si trattava di un vero e proprio libro, ma di una raccolta di missive scritte dal Monsignor Ricci a una sua fantomatica nipote che si trovava a Roma. Secondo la leggenda popolare, nessuno era capace di leggere queste missive: ogni volta che qualcuno tentava di leggere il libro, si veniva presi a scossoni, oppure il libro scappava dalle mani, oppure ancora si subiva uno schiaffo da una figura spettrale. Sempre nel volume di Giorgio Stuart si racconta questo aneddoto: una donna terrorizzata che provò a leggere le missive e a prendere appunti, una sera come tante, si ritrovò a essere scossa sulla sua sedia, spintonata e la cartella contenente le memorie le si chiuse da sola tra le mani; quando provò a riaprirla, le scivolò via da esse come se le fosse stata sfilata da qualcuno invisibile. La luce si spense inspiegabilmente, la donna svenne qualche minuto per lo spavento, e quando si riprese lasciò tutto com’era e telefonò al sig. Stuart, noto esperto di paranormale. Al loro ritorno la mattina successiva in archivio, non trovarono più nulla a terra, ma tutto messo correttamente in ordine; l’unica altra persone presente nel palazzo quella sera era la cuoca e non poteva essere la responsabile, in quanto analfabeta, della corretta ubicazione del fascicolo denominato R23, Carteggi Privati di S.E.1539.

L’altra vicenda citata in apertura racconta del Monsignor Montiani, che aveva ricevuto l’incarico di riordinare alcuni preziosi ed antichi dell’archivio. Come altri prima di lui rimase affascinato da ciò che potevano contenere tali missive, si mise comodo sulla poltrona e iniziò a leggere, quando a un tratto, alzando gli occhi e spingendosi gli occhiali sulla fronte, vide chiudersi violentemente con suo grande stupore il libro, ricevendo uno clamoroso schiaffo su una guancia, mentre una misteriosa voce sussurrava “Questo non lo toccare!”

Queste non sono le uniche leggende popolari legate al libro con le missive; secondo un’altra testimonianza, avvenne una volta che un prete aprì il libro durante una visita a Palazzo Ricci. Dapprima spintonato, il libro chiusosi da solo tra le mani con una forza tale da far saltare il laccetto, il parroco continuò ad andare avanti non rispettando l’avvertimento, ricevendo quindi un sonoro ceffone. Il prete stava per restituire lo schiaffo al chierichetto, pensando fosse stato lui, ma si accorse che non avrebbe potuto essere il responsabile, trovandosi dalla parte opposta della sala. Le minacce non finirono, entrambi si sentirono spintonati fino alla porta dell’archivio, lasciando la sala terrorizzati.

Il “Libro dello Schiaffo” non è l’unica testimonianza del fantasma di Palazzo Ricci, in quanto esistono altri racconti di fenomeni paranormali che sono avvenuti tra queste mura. Come ci ha raccontato il fratello dell’ex-fattore, una volta una porta si chiuse a chiave da sola: pensando che potesse trattarsi solamente di un colpo di vento che l’aveva fatta sbattere, furono costretti a usare gli attrezzi per aprire una porta in una rimessa dove non era bastato nemmeno piegare il grimaldello per impedire una chiusura non voluta. Ci sono inoltre testimonianze di una cameriera storica, sentita camminare con il suo passo tipico da una stanza all’altra come se avesse continuato a svolgere le sue mansioni dopo la morte; si dice inoltre che si aggiri ancora per il cortile la Marchesina con il suo cane, facendo sentire i passi insieme al campanello legato al collo dell’animale. Chiavi tintinnanti, passi misteriosi e rumori incomprensibili sono frequenti nei racconti e nelle testimonianze di chi ha vissuto a Palazzo Ricci, anche se attualmente non vi sono stati più casi paranormali, come se i fantasmi fossero definitivamente scomparsi.

Caratteristiche ed analisi

Chissà cosa contenevano le missive del “Libro dello Schiaffo”, importanti al punto, secondo la leggenda, da essere protette anche dopo la morte di Monsignor Ricci? Secondo le dicerie dell’epoca, forse le lettere non erano state inviate a una nipote, ma ad un’amante romana; secondo altre dicerie riportate nel volume di Stuart, potevano essere addirittura lettere galanti indirizzate a un altro Cardinale. Storie d’amore proibite di questo tipo possono sollecitare la fantasia e si ammantano di un’aura di mistero e segretezza con il passare degli anni. Il fantasma che proteggeva questo segreto, infatti, potrebbe essere stato utilizzato come spiegazione paranormale per tutte le stranezze avvenute a Palazzo Ricci nel corso del tempo.

Quando si parla di case stregate, la presenza di fantasmi può essere spiegata dall’antichità dei luoghi e da fenomeni naturali, alimentati dalla suggestione degli abitanti:  le gallerie di tufo sotterranee possono essere fonti di rumori vari e costanti, fino a sembrare lamenti. Addirittura alcuni gas sprigionati da elementi naturali possono condurre ad allucinazioni visive o uditive. Se la diceria della casa stregata si diffonde, può alimentare fenomeni di imitazione e sviluppare ulteriori testimonianze, portandoci a considerare come paranormali altri fenomeni a cui non avremmo dato peso: se la storia attira, può fare leva sulla mente delle persone, alla ricerca di qualcosa fuori dall’ordinario.

La storia del fantasma del Palazzo Ricci riassume i tratti tipici della “casa stregata” o della “casa infestata”, una particolare tipologia di racconto sovrannaturale in cui un’abitazione è coinvolta in presunti eventi paranormali. Tali racconti sono così ricorrenti da attraversare la storia e la letteratura in innumerevoli forme: già ai tempi dei romani venivano infatti scritte storie su case stregate, così come ne “Le mille e una notte”. In tutte queste storie, le abitazioni (che possono essere case, castelli, ville o palazzi) sono abitate dagli spiriti degli abitanti passati, e le attività sovrannaturali da loro prodotte sono fatte risalire a eventi violenti accaduti in tali luoghi o a segreti che non devono essere rivelati. Dei conflitti irrisolti, quindi, legano i fantasmi (o le anime dei deceduti) a tali edifici e causano problemi ai nuovi proprietari: si passa da innocui dispetti ad atti più ostili come il lancio di oggetti, fino ai casi più estremi in cui le entità sono spinte ad atti malvagi e crudeli.

Nella letteratura dell’orrore la casa stregata è un elemento narrativo ricorrente, che ha raggiunto il suo apice nel XVIII e nel XIX secolo, particolarmente utilizzata nelle trame dei romanzi gotici: basti pensare a “La caduta della casa degli Usher” di Edgar Allan Poe, “Il giro di Vite” di Henry James  o “Il castello di Otranto” di Horace Walpole. Palazzi infestati dai fantasmi sono molto frequenti nelle leggende popolari in tutta Italia e non solo, con una vastissima varietà di casi paranormali e vicende particolari. Proprio in virtù della lunga storia di queste abitazioni, possono portarsi dietro racconti del passato e tramandarli tra le generazioni, contribuendo ad alimentarle e a diffonderle.

Il successo e la diffusioni di queste tipologie di storie non sono casuali. A quanti di noi è capitato di effettuare delle “prove di coraggio” durante l’infanzia, magari assieme a un gruppo di amici, intrufolandosi in qualche casa abbandonata solo perché si era diffusa la diceria che fosse presente un fantasma? Queste storie fanno parte della nostra esperienza e del nostro vissuto, perché colpiscono paure e timori che tutti noi possiamo condividere, ovvero quelli di sentirsi insicuri anche all’interno della nostra stessa abitazione.

Influenze nella cultura pop

Dal momento che la casa stregata è presente in tutta la nostra letteratura e fa parte di innumerevole leggende popolari, ha una grandissima influenza nella cultura attuale e nella nostra vita. Il cinema ha spesso sfruttato questo tema: prima di arrivare al più recente “Crimson Peak” (pellicola del 2015 di Guillermo del Toro di chiara ispirazione gotica) e al classico “Haunting – Presenze” (film del 1999 di Jan de Bont con Liam Neeson e Catherine Zeta Jones), la citazione più importante se la merita “La casa dei fantasmi” del 1959 di William Castle, vero e proprio masterpiece del genere:

Il cinema horror ha sfruttato in maniera così capillare il tema che risulta difficile rendere giustizia alla vastità delle pellicole dedicate all’argomento. A nostro avviso, tuttavia, una citazione particolare la merita “La Casa” di Sam Raimi del 1981, che diventò un vero e proprio cult-movie capace di sviluppare storie successive e serie televisive dedicate.

Anche il mondo della musica ha affrontato questo tema: Michael Jackson, nel suo mediometraggio Ghost del 1996, di cui pubblichiamo un assaggio, vive in una casa stregata:

Nel mondo dei videogiochi, con la loro possibilità di immergersi nella narrazione e di vivere in maniera interattiva l’esperienza, la casa stregata è particolarmente adatta ai giochi “survival horror”. Il primo “Alone in the Dark” del 1992 della Infogrames, che ha dato vita a una serie di successo, era ambientato proprio in una villa infestata.


Disclaimer: “Racconti di veglia” è una rubrica che vuole stimolare l’interesse sul folclore locale e sulle storie popolari della Valdichiana, con piccole analisi e collegamenti alla cultura di massa. L’intento è quello di tramandare la memoria orale delle “Veglie” contadine ai tempi della mezzadria, senza tralasciare uno sguardo alle più recenti “leggende urbane” e ai casi misteriosi degni di interesse. Le fonti vengono raccolte principalmente attraverso testimonianze dirette, memorie dei collaboratori, interviste e testi locali.

Nessun commento su Racconti di Veglia: il fantasma di Palazzo Ricci

Bravìo delle Botti 2019 – Tutte le notizie

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Magistrato delle Contrade di Montepulciano – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bravìo delle Botti di Montepulciano Talosa vince l’Arca d’Argento del Bravìo 2019 (15/09/2019)…

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Magistrato delle Contrade di Montepulciano – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bravìo delle Botti di Montepulciano


Talosa vince l’Arca d’Argento del Bravìo 2019 (15/09/2019)

Il tradizionale appuntamento al Teatro Poliziano che si è svolto domenica 15 settembre ha chiuso ufficialmente l’anno contradaiolo: è stata un’edizione del Bravìo delle Botti di grande successo, culminata dalla gara al cardiopalma dello scorso 25 agosto che ha visto trionfare la contrada di Voltaia con la coppia Niola e Paganelli.

La mattina di domenica 15 settembre si è aperta con l’ultimo corteo storico dell’anno e la messa nella Chiesa di Sant’Agnese, dove si è svolto il cerimoniale di chiusura della teca della santa poliziana e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano. Il pomeriggio le contrade si sono poi spostate al Teatro Poliziano, in cui i rappresentanti dell’amministrazione comunale e il reggitore del Magistrato delle Contrade, Giulio Pavolucci, hanno tracciato un bilancio finale dei sei anni complessivi di mandato che giungono al termine.

Le premiazioni di chiusura dell’anno contradaiolo sono cominciate con “Attimi di Bravìo”, il concorso fotografico organizzato dal Photoclub Poliziano giunta alla decima edizione. A vincere il concorso a tema libero è stato Andrea Della Giovampaola con la foto “Sfidando il sole”, seguito da Marta Brocchi e Giacomo Altaluce. Il premio speciale della giuria è andato a Gianluca De Micco e il premio al miglior portfolio nuovamente a Marta Brocchi; la mostra con le fotografie del concorso è allestita presso l’androne del palazzo comunale di Montepulciano e sarà liberamente visitabile fino al 30 settembre.

Le emozioni sono poi continuate con la consegna del premio ‘Bravìo nel Cuore’, istituito nel 2008 e assegnato dal Magistrato delle Contrade a una personalità che ha dimostrato grande e profondo amore per la manifestazione. Il premio è andato ad Alessio Betti, che da consigliere del consiglio di gestione ha assunto il ruolo di rettore della Contrada di San Donato, ma ha continuato a impegnarsi per il bene complessivo della manifestazione. Per celebrare la conclusione del mandato, sono stati assegnati due ulteriori premi speciali a due coppie che in questi anni sono stati per il reggitore del Magistrato delle Contrade dei pilastri portanti della macchina organizzativa: Francesca Mozzini, Giacomo Volpi, Chiara Innocentini e Marco Torelli.

A seguire sono stati consegnati i premi Memorial cav. Aldo Trabalzini, destinati alla migliore coppia di sbandieratori e alla migliore coppia di tamburini. La giuria di esperti ha premiato la contrada di Poggiolo come migliore coppia di sbandieratori (Jacopo Parissi e Giovanni Guarino) e la contrada di Collazzi per la migliore coppia di tamburini (Matteo Maroni e Francesco Billi).

Il premio Arca d’Argento, dedicata al miglior corteo storico del Bravìo delle Botti 2019 è andato alla Contrada di Talosa, per un corteo elegante e raffinato con degli splendidi figuranti. Le addette al corteo Caterina Conti, Matilde Grappi, Chiara Rosati e Irene Micheli hanno ritirato il premio realizzato a mano da Debora Betti.


Voltaia vince il Bravio con la coppia Niola-Paganelli (25/08/2019)

È nuovamente la contrada di Voltaia a festeggiare a Montepulciano, al termine di un’emozionante edizione del Bravìo delle Botti che ha visto trionfare la coppia di spingitori formata da Attilio “Attila” Niola e Alessandro “Digiuno” Paganelli. Torna quindi alla vittoria Niola, vero e proprio mattatore delle ultime edizioni della manifestazione, portando il sesto trionfo della storia alla contrada rossonera. Solo due anni fa, infatti, lo stesso Niola aveva vinto il Bravìo delle Botti in coppia con Matteo Paganelli, gemello dell’attuale compagno di squadra, arrivando a cinque vittorie totali a livello personale negli ultimi sette anni: un dominio che è stato interrotto soltanto da Poggiolo nel corso di due occasioni, l’ultima delle quali lo scorso anno.

La gara di quest’anno è stata anticipata per il rischio di temporali che nel corso del weekend hanno imperversato per Montepulciano a dintorni; la partenza alle ore 17:45 ha visto la seguente griglia di partenza: San Donato, Voltaia, Gracciano e Collazzi in prima fila, seguiti da Le Coste, Cagnano, Talosa e Poggiolo. Alla partenza è subita salita in testa Gracciano, grazie alla giovane coppia formata da Peparini e Venturini, ma già dopo Piazza delle Erbe si è creato un emozionante testa a testa tra le due grandi favorite della vigilia, ovvero Voltaia e Collazzi. Proprio quest’ultima, con la coppia Valentini e Benassi, è stata capace di rimanere in testa per gran parte della gara, mantenendo la prima posizione fino all’altezza di via Ricci, quando la stanchezza si è fatta sentire e la coppia formata da Niola e Paganelli ha effettuato il sorpasso finale, arrivando per prima sul sagrato del duomo con un tempo complessivo di 8 minuti e 52 secondi. Anche la contrada di Talosa con la coppia formata da Rosi e Parissi, autrice di una grande rimonta, è riuscita a superare Collazzi in via Ricci e si è piazzata al secondo posto.

Questo l’ordine di arrivo definitivo: Voltaia, Talosa, Collazzi, Le Coste, Cagnano, Gracciano, San Donato e Poggiolo. Grandi festeggiamenti per la contrada rossonera, che ha ricevuto dalle mani del reggitore del Magistrato delle Contrade il panno del Bravìo delle Botti 2019, dedicato all’allunaggio. Si tratta della sesta vittoria complessiva per Voltaia, che rappresenta anche una sorta di omaggio morale allo storico capitano Luciano Bardelli, scomparso prematuramente pochi mesi prima della gara.


Il maltempo non ferma lo spettacolo del Corteo dei Ceri (23/08/2019)

Il maltempo che si è scatenato a Montepulciano e dintorni nel pomeriggio di giovedì 22 agosto non ha impedito il regolare svolgimento della serata più attesa della settimana degli eventi del Bravìo delle Botti: il cielo si è aperto e il Corteo dei Ceri si è svolto regolarmente, regalando una Piazza Grande da tutto esaurito e una notte magica illuminata dalle torce e dalle fiaccole, con il corteo storico che ha sfilato lungo le vie cittadine e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano. Particolarmente suggestiva la danza verticale sulla parete del Palazzo Comunale, prima del grande spettacolo pirotecnico di mezzanotte.

Adesso è tutto pronto per la grande gara tra le otto contrade di Montepulciano (San Donato, Talosa, Le Coste, Collazzi, Voltaia, Poggiolo, Gracciano, Cagnano) che si sfideranno nel Bravìo delle Botti di domenica 25 agosto. L’appuntamento è fissato per le ore 10:00 in Piazza Grande con l’estrazione delle posizioni di partenza e la marchiatura a fuoco delle botti sul sagrato del Duomo, seguita dalla messa e dalla benedizione degli spingitori. A partire dalle ore 15:00 comincerà poi la sfilata del corteo storico dalla Colonna del Marzocco lungo le vie cittadine, accompagnati dalle esibizioni degli sbandieratori e dei tamburini delle rispettive contrade. L’attesa avrà il suo culmine alle ore 19:00, quando comincerà la vera e propria gara del Bravìo delle Botti, dalle postazioni di fronte alla Colonna del Marzocco. Due spingitori per ogni contrada dovranno spingere le rispettive botti, dal peso di circa 80kg ciascuna, lungo un percorso in salita di quasi 1,8 km. La prima contrada a raggiungere il sagrato del Duomo si aggiudicherà la vittoria e il panno dedicato ai 50 anni dallo sbarco sulla Luna.

Durante il pomeriggio di domenica 25 agosto, dalle ore 14:00 alle ore 19:00, l’accesso al centro storico di Montepulciano sarà regolamentato da un biglietto di ingresso di 2,50€, disponibile presso le biglietterie alle porte della città. All’interno di Piazza Grande sarà inoltre installato un maxischermo dove sarà possibile seguire in diretta tutto il corteo storico e la gara. Tutta la giornata sarà inoltre raccontata in diretta dal programma televisivo “Quelli che la Botte”, con approfondimenti, interviste e riprese esclusive, in onda su Tele Idea (canale regionale 190) anche in streaming sul sito www.teleidea.it e sulla pagina Facebook del Bravìo delle Botti.


Prime indicazioni dalle prove, in attesa del Corteo dei Ceri (20/08/2019)

La settimana degli eventi del Bravìo delle Botti è caratterizzata dal tipico rumore delle botti che rotolano sulla pietra serena: dalla scorsa domenica fino a venerdì 23 agosto, infatti, si svolgono le prove notturne degli spingitori, che utilizzano questi allenamenti per preparare le strategie e testare la resistenza degli atleti, in attesa della grande gara di domenica 25 agosto che sancirà il vincitore dell’edizione 2019 della manifestazione più attesa di Montepulciano.

Le prime due serate di prove hanno già dato delle indicazioni interessanti per gli allenatori e gli spingitori delle otto contrade lungo le strade della cittadina poliziana. Ecco i risultati delle prove notturne di domenica 18 agosto: San Donato 9’15” – Collazzi 9’08” – Le Coste 8’56” – Voltaia 8’37” – Poggiolo 8’38” – Gracciano 8’50” – Cagnano 9’43” – Talosa 9’23” – Le Coste 11’10” – Talosa 10’28”. Questi invece i risultati delle prove di lunedì 19 agosto: Cagnano 9’41” – Talosa 11’23” – San Donato 9’55” – Collazzi 9’02” – Le Coste 9’01” – Voltaia 8’46” – Poggiolo 9’48” – Gracciano 9’59” – Talosa 13’39” – Collazzi 9’41” – Le Coste 10’56” – Poggiolo 10’40”.

Le prove avranno una giornata di pausa giovedì 22 agosto, serata dedicata al tradizionale appuntamento con il Corteo dei Ceri. Il suggestivo corteo storico partirà alle ore 21:30 dalla Colonna del Marzocco e sfilerà lungo le vie cittadine fino a Piazza Grande, attraversando il centro storico illuminato esclusivamente da torce e fiaccole. Alle ore 22:00 si terrà sul sagrato del Duomo l’offerta dei ceri in nome di San Giovanni Decollato e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepuciano. A seguire si terrà uno spettacolo di danza verticale a cura della Compagnia Il Posto Vertical Dance Centre, intitolato “Bestiario”. Successivamente, sempre in Piazza Grande, lo spettacolo messo in scena dalla Compagnia Accademia Creativa che narra la storia di Orfeo ed Euridice, con effetti di luce pirotecnica per un’esibizione sorprendente. I biglietti per tribune e platea, dal costo di 12,00 €, sono a disposizione fino a eusarimento presso gli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.


Svelato il Panno del Bravìo dedicato all’allunaggio (18/08/2019)

Era stata annunciata come un’edizione del Bravìo delle Botti dedicata ai 50 anni dallo sbarco del primo uomo sulla Luna, e la Presentazione del Panno di domenica 18 agosto non ha tradito le aspettative: i contradaioli di Montepulciano sono stati letteralmente “stregati dalla luna” allo svelamento dell’opera realizzata dall’artista Stefano Palermo, dedicata proprio a questo storico avvenimento.  Alla presenza di Giulio Pavolucci, Reggitore del Magistrato delle Contrade, Michele Angiolini, Sindaco di Montepulciano e Gianluca Fé, consigliere delegato al Bravìo delle Botti, è stata ufficialmente presentato il Panno che verrà consegnato alla contrada vincitrice della gara tra gli spingitori di domenica prossima.

Il pomeriggio al Teatro Poliziano è cominciato con il premio dedicato all’artista senese Cesare Olmastroni, istituito lo scorso anno per ricordare l’autore dei panni delle edizioni 2015 e 2016, una figura particolarmente apprezzata dalla comunità poliziana e rimasta nel cuore delle contrade di Montepulciano. L’edizione di quest’anno del premio, consegnato dal figlio Duccio Olmastroni, è stato assegnato all’artista poliziano Daniele Brizzi.

Nell’occasione sono state presentate le nuove bandiere del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano, disegnate da Gabriele Torelli, e i nuovi costumi della cerimoniera e delle addette al corteo delle otto contrade, realizzati dalla costumista Noemi Grottini prendendo come ispirazione le opere pittoriche presenti nei musei poliziani e immaginati come angeli custodi.

Successivamente si è svolta la consegna del “Grifo Poliziano”, dedicato alle personalità che si sono distinte per il loro impegno nella valorizzazione di Montepulciano in ambito internazionale; quest’anno il premio è stato assegnato alla Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano che da ottanta anni mantiene la tradizione culturale del teatro popolare locale e che diffonde in Italia e nel mondo l’immagine della cittadina poliziana.

Come da tradizione, l’appuntamento pomeridiano al Teatro Poliziano è stato dedicato anche alle premiazioni del concorso enogastronomico “A Tavola con il Nobile”, giunto alla diciassettesima edizione e organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano. Le contrade si sono sfidate ai fornelli per realizzare delle ricette originali che abbinassero il vino tipico del territorio a un piatto della tradizione locale, quest’anno identificato nella carne chianina. Le ricette, particolarmente incentrate sull’utilizzo dei tagli poveri del “Gigante Bianco” caratterizzante la Valdichiana, sono state giudicate da una giuria di giornalisti internazionali e food blogger presieduta da Tinto, radiocronista di Radio2 e da Bruno Gambacorta, ideatore del concorso. Il premio è stato vinto dalla contrada di San Donato con la trippa di chianina, seguita dalle contrade di Collazzi e di Talosa. I piatti del concorso saranno a disposizione di tutti gli ospiti nei rispettivi stand gastronomici delle contrade durante la settimana degli eventi del Bravìo delle Botti.

Nella serata di domenica sono iniziate anche le prove notturne degli spingitori, che si terranno tutte le sere a partire dalle ore 21; per tutta la settimana le contrade di Montepulciano saranno aperte, con cene, intrattenimento e musica dal vivo. A celebrare la dedica di quest’edizione del Bravìo delle Botti all’allunaggio, sempre nella serata di domenica, si è svolta un’osservazione della luna nel prato di San Biagio a cura della Società Astronomica Poliziana.


Bravìo delle Botti: gli appuntamenti del primo weekend (16/08/2019)

Ai nastri di partenza la settimana degli eventi del Bravìo delle Botti, la manifestazione più attesa dell’anno a Montepulciano: spettacoli, intrattenimenti e cene in contrada ci guideranno verso la grande gara di domenica 25 agosto tra le otto contrade poliziane. Si comincia venerdì 16 agosto con la quarta edizione del Daniele’s Drink, la sfida tra i contradaioli nella preparazione di un cocktail, in ricordo di Daniele Santoni.

Il primo spettacolo della settimana degli eventi sarà sabato 17 agosto a partire dalle ore 21:30 , in cui il Proclama del Gonfaloniere sancirà l’inizio della sfida tra le otto contrade. Il corteo storico suddiviso in terzieri sfilerà lungo le vie cittadine, fino ad arrivare sul Sagrato del Duomo, per udire la lettura del proclama. Il Gruppo Sbandieratori e Tamburini si esibirà prima dello spettacolo di fuoco “Belfagor” ideato e messo in scena dalla compagnia Lux Arcana: uno spettacolo di giocoleria, danza e ginnastica con strumenti infuocati e sorprendenti effetti speciali. Per l’acquisto dei biglietti, fino a esaurimento, è possibile rivolgersi agli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Il costo è di 5,00 €, ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.

Grande attesa anche per la giornata di domenica 18 agosto, a partire dalle ore 15:30 con il corteo storico del Gruppo Sbandieratori e Tamburini e Montepulciano e la Presentazione del Panno al Teatro Poliziano: verrà infatti svelata l’opera realizzata dall’artista Stefano Palermo e dedicata all’allunaggio, che sarà consegnata alla contrada vincitrice del Bravìo delle Botti. Nel corso del pomeriggio si svolgerà inoltre la premiazione del concorso gastronomico organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano “A Tavola con il Nobile” e dell’onorificenza creata dal Comune di Montepulciano, il “Grifo Poliziano”. Con l’occasione, verranno anche presentati i nuovi costumi delle addette al corto delle otto contrade. Successivamente il panno verrà esposto in Piazza Grande assieme all’esibizione dei piccoli e grandi Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

Nella serata di domenica inizieranno anche le prove notturne degli spingitori, che si terranno tutte le sere a partire dalle ore 21; per tutta la settimana le contrade di Montepulciano saranno aperte, con cene, intrattenimento e musica dal vivo.


Bravìo delle Botti 2019, edizione dedicata all’allunaggio (13/08/2019)

Il momento più atteso dell’anno per i tanti contradaioli di Montepulciano è finalmente arrivato: l’edizione 2019 del Bravìo delle Botti è alle porte, con una settimana di eventi, spettacoli, intrattenimenti e cene in contrada, in attesa della gara di domenica 25 agosto. Sarà un’edizione molto particolare, nell’anno in cui ricorrono i 50 anni dal primo sbarco dell’uomo sulla Luna: proprio il tema dell’allunaggio sarà al centro del panno del Bravìo, che sarà consegnato alla contrada vincitrice, realizzato dal perugino Stefano Palermo.

“Siamo pronti a partire con la nuova edizione del Bravìo delle Botti, carichi di entusiasmo – commenta il reggitore del Magistrato delle Contrade, Giulio Pavolucci – Purtroppo il calendario anticipato ci ha costretti a rinunciare alla serata di Cantine in Piazza, ma abbiamo mantenuto invariato tutto il programma, fornendo il massimo impegno perché si mantenga alto il livello di spettacolarità dell’evento, pur rimanendo all’interno delle necessarie norme di sicurezza per prevenire i rischi. Presenteremo anche i nuovi costumi delle addette al corteo, con cui si completa il percorso di rinnovo che ogni anno ci ha portati a migliorare il nostro corteo storico. Questa sarà l’ultima edizione del Bravìo delle Botti per l’attuale gruppo del Magistrato delle Contrade, ma siamo convinti che chi avrà le redini del prossimo mandato potrà migliorare ulteriormente il futuro di questa manifestazione, rendendola sempre più bella e conosciuta a livello internazionale.”

L’avvicinamento alla gara di domenica 25 agosto è scandito da una serie di eventi che animeranno la cittadina poliziana, destinata ai cittadini e ai turisti. Si comincia venerdì 16 agosto con la quarta edizione del Daniele’s Drink, in cui le otto contrade si sfideranno nella preparazione di un cocktail; un evento organizzato dalla Contrada del Poggiolo in ricordo di Daniele Santoni. Quest’anno slitterà il tradizionale appuntamento con “Cantine in Piazza”, in collaborazione con il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, per via del calendario sfavorevole, ma tornerà con rinnovato vigore dalla prossima edizione.

Sabato 17 agosto il primo spettacolo della settimana degli eventi sancirà l’inizio della sfida tra le otto contrade, ovvero il Proclama del Gonfaloniere. Il corteo storico suddiviso in terzieri sfilerà lungo le vie cittadine, fino ad arrivare sul Sagrato del Duomo, per udire la lettura del proclama. Il Gruppo Sbandieratori e Tamburini si esibirà prima dello spettacolo di fuoco “Belfagor” ideato e messo in scena dalla compagnia Lux Arcana: uno spettacolo di giocoleria, danza e ginnastica con strumenti infuocati e sorprendenti effetti speciali. Per l’acquisto dei biglietti, fino a esaurimento, è possibile rivolgersi agli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Il costo è di 5,00 €, ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.

Il primo weekend del Bravìo delle Botti si chiude domenica 18 agosto, a partire dalle ore 15:30 con il corteo storico del Gruppo Sbandieratori e Tamburini e Montepulciano e la Presentazione del Panno al Teatro Poliziano. Durante il pomeriggio verrà infatti svelata l’opera realizzata dall’artista Stefano Palermo e dedicata all’allunaggio. Verrà inoltre svolta la premiazione del concorso gastronomico organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano “A Tavola con il Nobile” e consegnato il premio “Grifo Poliziano”. Con l’occasione, verranno anche presentati i nuovi costumi delle addette al corto delle otto contrade. Al termine del pomeriggio in teatro, il panno verrà esposto in Piazza Grande assieme all’esibizione dei piccoli e grandi Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

Nella serata di domenica inizieranno anche le prove notturne degli spingitori, che si terranno tutte le sere a partire dalle ore 21, fino a venerdì 23 agosto. Per tutta la settimana le contrade di Montepulciano saranno aperte, con cene, intrattenimento e musica dal vivo.

Le prove avranno una giornata di pausa giovedì 22 agosto, quando si svolge il tradizionale appuntamento con il Corteo dei Ceri. Il suggestivo corteo storico partirà alle ore 21:30 dalla Colonna del Marzocco e sfilerà lungo le vie cittadine fino a Piazza Grande, attraversando il centro storico illuminato esclusivamente da torce e fiaccole. Alle ore 22:00 si terrà sul sagrato del Duomo l’offerta dei ceri in nome di San Giovanni Decollato e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepuciano. A seguire si terrà uno spettacolo di danza verticale a cura della Compagnia Il Posto Vertical Dance Centre, intitolato “Bestiario”. Successivamente, sempre in Piazza Grande, lo spettacolo messo in scena dalla Compagnia Accademia Creativa che narra la storia di Orfeo ed Euridice, con effetti di luce pirotecnica per un’esibizione sorprendente. I biglietti per tribune e platea, dal costo di 12,00 €, sono a disposizione presso gli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.

A conclusione della settimana di eventi, le otto contrade di Montepulciano (San Donato, Talosa, Le Coste, Collazzi, Voltaia, Poggiolo, Gracciano, Cagnano) saranno pronte a sfidarsi nella grande gara del Bravìo delle Botti di domenica 25 agosto. L’appuntamento è fissato per le ore 10:00 in Piazza Grande con l’estrazione delle posizioni di partenza e la marchiatura a fuoco delle botti sul sagrato del Duomo, seguita dalla messa e dalla benedizione degli spingitori. A partire dalle ore 15:00 comincerà poi la sfilata del corteo storico dalla Colonna del Marzocco lungo le vie cittadine, accompagnati dalle esibizioni degli sbandieratori e dei tamburini delle rispettive contrade. L’attesa avrà il suo culmine alle ore 19:00, quando comincerà la vera e propria gara del Bravìo delle Botti, dalle postazioni di fronte alla Colonna del Marzocco. Due spingitori per ogni contrada dovranno spingere le rispettive botti, dal peso di circa 80kg ciascuna, lungo un percorso in salita di quasi 1,8 km. La prima contrada a raggiungere il sagrato del Duomo si aggiudicherà la vittoria e il panno dedicato ai 50 anni dallo sbarco sulla Luna.

Durante il pomeriggio di domenica 25 agosto, dalle ore 14:00 alle ore 19:00, l’accesso al centro storico di Montepulciano sarà regolamentato da un biglietto di ingresso di 2,50€, disponibile presso le biglietterie alle porte della città. All’interno di Piazza Grande sarà inoltre installato un maxischermo dove sarà possibile seguire in diretta tutto il corteo storico e la gara. Tutta la manifestazione sarà inoltre raccontata in diretta dal programma televisivo “Quelli che la Botte”, con approfondimenti, interviste e riprese esclusive, in onda su Tele Idea (canale regionale 190) anche in streaming sul sito www.teleidea.it e sulla pagina Facebook del Bravìo delle Botti.


Piccoli Sbandieratori e Tamburini: vincono Gracciano e San Donato (04/08/2019)

Piazza Grande nel pomeriggio di domenica 4 agosto è stata animata dal tradizionale appuntamento che ha visto sfidarsi le nuove generazioni dei contradaioli del Bravìo delle Botti: si è infatti tenuta la 37° edizione dei “Piccoli Sbandieratori e Tamburini – Paolo Gonnelli”, organizzata dalla Contrada di San Donato in occasione della festa patronale. L’ampia partecipazione ha visto alternarsi nella splendida cornice poliziana i bambini e i ragazzi di età compresa tra i 6 e 10 anni per la categoria junior, e di età compresa tra gli 11 e i 14 anni per la categoria senior.

A vincere per la categoria junior è stata la contrada di Gracciano con Ginevra Duchini, Swami Asquino, Lorenzo Tiradritti, Virginia Duchini ed Ettore Da Frassini. Come migliori tamburini, la vittoria è andata a Collazzi con Edoardo Sabatini, Emma Cugusi ed Elena Aloyan; per i migliori sbandieratori, invece, ha vinto la contrada di Poggiolo con Alessandro Massoni e Giulio Rossi.

Per la categoria senior, la vittoria è andata alla contrada di San Donato con Martina Fiorini, Caterina Chiavai, Simone Zerillo e Perla Caselli. Come migliori tamburini, è stata premiata la contrada di Gracciano con Vincenza Gravina e Niccolò Mariani; per i migliori sbandieratori sono stati invece premiati Brando Calibé Adinolfi e Youssef Hmaied della contrada di Collazzi.

Al termine della giornata si è svolta la cena nella contrada di San Donato con i prodotti tipici della gastronomia locale nei giardini della Fortezza, seguita dal DJ set di Stefano Milano. La bella giornata di partecipazione del mondo contradaiolo è stata un antipasto dell’appuntamento di fine agosto con la gara del Bravìo delle Botti, a cui però manca ancora un appuntamento di avvicinamento. Il prossimo sabato 10 agosto, infatti, si terrà l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano e le otto contrade apriranno le loro cucine per la nuova edizione di “Calici di Stelle”, abbinando la cucina tradizionale al Vino Nobile e al Rosso di Montepulciano.


Piccoli spingitori del Bravìo: torna la sfida tra i giovani talenti (27/06/2019)

L’appuntamento dedicato ai giovani spingitori del Bravìo delle Botti si rinnova anche per quest’anno: giunto alla sedicesima edizione, l’appuntamento di inizio estate ha l’obiettivo di formare le nuove generazioni di spingitori per la grande manifestazione poliziana e cementare il senso di comunità tra i contradaioli di Montepulciano. Organizzato dalla Contrada di Talosa e diventato ormai un appuntamento molto atteso, l’evento si svolgerà nel weekend di sabato 29 e domenica 30 giugno.

Ai vincitori della gara tra i giovani talenti delle contrade, 12° “Memorial Michele Lucci”, saranno consegnati i panni dipinti da Sara Lucci, la figlia dell’atleta a cui è dedicata la manifestazione; uno dei panni è dedicato a San Biagio, l’altro all’anniversario dell’allunaggio. Dallo scorso anno la competizione è stata aperta anche alle ragazze e vedrà i partecipanti sfidarsi in due diversi concorsi: la sezione allievi, per i nati tra il 2005 e il 2008, e la sezione senior, per i nati tra il 2002 e il 2004.

Il programma del weekend prevede la S. Messa nell’oratorio dei Cavalieri di Santo Stefano sabato 29 giugno alle ore 16:30, a cui seguirà il corteo storico dei figuranti e l’esibizione di sbandieratori e tamburini. Alle ore 18:00 partiranno le prove cronometrate per la categoria allievi e la categoria senior con i seguenti percorsi: per gli allievi Palazzo Benincasa, Via Ricci e Sagrato del Duomo; per i senior Porta di Collazzi, Via di Collazzi, Arco del Paolino, Via Ricci e Sagrato del Duomo. Domenica 30 giugno,  a partire dalle ore 17:00, si svolgeranno le prove di abilità a cronometro della categoria allievi con il percorso allestito in Piazza Grande, mentre alle ore 18:00 le gare a coppie della categoria senior, con quattro batterie formate grazie alle prove a cronometro del giorno precedente. Al termine delle premiazioni dei vincitori, alle ore 19:30 la contrada di Talosa aprirà le proprie cucine e darà la possibilità di cenare a tutti i contradaioli e i visitatori.


Tutto pronto per la terza edizione delle “Dame della Botte” (13/06/2019)

Diventato ormai un appuntamento molto atteso, anche per quest’anno torna la sfida al femminile tra le contrade del Bravìo delle Botti: nel weekend di sabato 15 e domenica 16 Giugno a Montepulciano si svolgerà infatti la terza edizione delle “Dame della Botte”, che vedrà sfidarsi le spingitrici poliziane in attesa della tradizionale sfida di fine Agosto. Organizzato dalla contrada di San Donato, con il supporto del Magistrato delle Contrade e la partecipazione di tutto il mondo contradaiolo,  l’evento aspetta cittadini e visitatori in Piazza Grande per la sfida tra le migliori spingitrici di Montepulciano.

Nessuna novità per il percorso, che replicherà quello dello scorso anno: le gare eliminatorie si svolgeranno in tre batterie che vedranno le sfidanti partire di fronte al Comune, fare un giro intorno alla cattedrale, seguire Via San Donato e Via Fiorenzuola, quindi via di Talosa e via Ricci all’altezza del Museo Civico, con arrivo sul sagrato del Duomo. Al termine delle batterie, le quattro contrade vincitrici si sfideranno nella finale, che prevede un ulteriore giro intorno al Duomo.

Ecco le atlete che si contenderanno la vittoria: Daniela Braconi e Ludovica Galli per Collazzi (campionesse in carica), Francesca Monaci e Alice Tassini per Poggiolo, Cristina Feri e Angelica Biagianti per Cagnano, Rebecca Stainko e Veronica Damiano per Le Coste, Chiara Giachi ed Eleonora Iannuzzi per Talosa, Monika Tomaszun e Francesca Barneschi per San Donato, Chiara Pascucci, Giulia Faralli e Chiara Fè per Voltaia.

Il ricco programma degli eventi del weekend prevede sabato pomeriggio le prove del percorso di gara, che potranno essere svolte anche da coppie miste, e un concerto musicale in Fortezza. La giornata di domenica si aprirà alle ore 17 con le estrazioni delle batterie e i primi gironi eliminatori, fino alla gara finale che partirà alle ore 19 circa. Entrambe le sere, inoltre, sarà possibile cenare con gli stand gastronomici gestiti dalla contrada di San Donato presso i giardini della Fortezza.


Bravìo delle Botti 2019, si apre l’anno contradaiolo (28/04/2019)

Al periodo dei ponti pasquali che sta allietando la primavera di Montepulciano e dintorni si è aggiunto un appuntamento molto atteso dalla cittadinanza e la cui portata ha ormai valicato i confini territoriali: si è infatti aperto l’anno contradaiolo, la prima di una lunga serie di iniziative che porteranno a correre l’edizione 2019 del Bravìo delle Botti.

Domenica 28 aprile si è tenuta la prima uscita pubblica delle contrade dell’anno, per sancire l’inizio della manifestazione più attesa dai contradaioli, che culminerà nella giornata di domenica 25 agosto, in cui le botti rotoleranno lungo le vie cittadine fino al sagrato del Duomo di Montepulciano. Per celebrare degnamente l’evento, l’apertura dell’anno contradaiolo si è svolta come da cerimoniale, alla presenza delle otto contrade cittadine, del Magistrato delle Contrade e delle autorità cittadine. A partire dalle ore 10, il corteo storico ha sfilato dal Palazzo Comunale lungo le vie cittadine, fino a raggiungere il Santuario di Sant’Agnese, dove si è tenuta la Santa Messa in onore della patrona. Al termine delle celebrazioni, nel piazzale antistante la chiesa, si è tenuta la tradizionale sbandierata del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

“Oggi ha avuto inizio l’ultimo anno contradaiolo del mio secondo mandato – ha commentato Giulio Pavolucci, Reggitore del Magistrato delle Contrade – È stato un percorso bellissimo, difficile ma ricco di soddisfazioni. Ho avuto modo di collaborare con persone splendide e di capire giorno dopo giorno quanto sia essenziale il lavoro di gruppo per questo genere di attività. Non ringrazierò mai abbastanza tutti coloro che, a vario titolo, hanno lavorato e continuano a lavorare per il Bravìo delle Botti di Montepulciano. L’unico rammarico è quello di non aver ancora individuato un gruppo di persone che raccolga il testimone per il futuro, nonostante gli appelli alle contrade. Spero davvero di cuore che ci possa essere un avvicendamento graduale: l’estate 2019 sarebbe una perfetta palestra per preparare il nuovo gruppo.”

Nessun commento su Bravìo delle Botti 2019 – Tutte le notizie

Contrabbasso e voce, concerto di Musica Nuda a Chianciano Terme

Il duo Musica Nuda, in concerto venerdì 13 settembre, alle 21.30, al teatro Caos di Chianciano Terme, si presenta come l’esito ben riuscito dell’incontro tra destino e talento. Petra Magoni…

Il duo Musica Nuda, in concerto venerdì 13 settembre, alle 21.30, al teatro Caos di Chianciano Terme, si presenta come l’esito ben riuscito dell’incontro tra destino e talento. Petra Magoni e Ferruccio Spinetti compongono questo duo dal 2003, quando lei era una cantante solista con già quattro album all’attivo e lui il contrabbassista degli Avion Traviel. Proprio il successo inaspettato del loro primo concerto, in cui Ferruccio all’ultimo minuto si trovò a suonare a fianco di Petra, li ha esortati a proseguire, a preparare un repertorio e pubblicare un album. Da lì, ad aspettare i Musica Nuda c’è stato un continuo susseguirsi di album e concerti, come loro stessi raccontano in questa intervista a poche ore dal concerto che li vedrà protagonisti della rassegna Chianciano Terme da Vivere.

«Il nostro duo e’ nato per gioco nel 2003. Nessuno di noi pensava all’inizio di dar vita ad un sodalizio artistico che va avanti oramai da 17 anni, più di 1500 concerti in tutto il mondo, 11 cd ed un dvd. Abbiamo avuto premi e riconoscimenti, soprattutto da parte del pubblico,  che ci hanno dato la spinta di credere giorno dopo giorno nella bontà del lavoro che stavamo facendo. E anche all’unicità del nostro progetto, un duo composto solo da una voce e un contrabbasso».

Che tipo di brani comprende il vostro repertorio e quali di questi saranno eseguiti a Chianciano?

«Il nostro repertorio è un mix tra cover del mondo pop come i Beatles o Sting, brani del songbook cantautorale italiano come Battisti, Paolo Conte, Tenco o ancora brani del repertorio classico, come Monteverdi e Bach, e brani originali scritti da noi o da amici come Pacifico, Frankie Energy, Luigi Salerno, Alessio Bonomo, Avion Travel.
Avendo più di 300 brani in repertorio ogni nostro concerto è unico, nel senso che decidiamo la scaletta il giorno stesso del concerto, lasciandoci trasportare anche dal luogo dove ci esibiremo o dalla propensione a suonare determinati brani quel giorno».

Ci sono state collaborazioni con altri interpreti o musicisti in questi anni?

«Certo, Musica Nuda non e’ una gabbia. Già nel 2006 il nostro secondo album Musica Nuda 2, era un doppio cd con, da una parte, solo brani del duo, e con dall’altra duetti preparati con tanti ospiti. Nel 2013, invece, per i 10 anni di Musica Nuda, abbiamo dato vita a Banda Larga, un disco arricchito dalla presenza di un’orchestra sinfonica e dagli arrangiamenti orchestrali di Daniele di Gregorio, che ha suonato anche la marimba ed il vibrafono in alcuni brani. Abbiamo avuto poi la gioia di duettare con Al Jarreau, di cui abbiamo aperto il tour tedesco nel 2010. Ogni incontro, ogni collaborazione ti fa crescere, soprattutto se trovi musicisti sensibili e bravi come abbiamo avuto la fortuna di incontrare sulla nostra strada».

Siete portati a seguire un procedimento particolare nella preparazione dei vostri brani?

«Non ci sono regole. A volte nasce prima la musica, altre volte il testo».

Applicate un certo tipo di studio o ricerca sulla vostra musica?

«La nostra e’ una ricerca continua sui nostri strumenti, contrabbasso e voce. Cerchiamo di esplorare nuove soluzioni, ci definiamo un po’ dei “geologi” della musica e, in un certo senso, anche artigiani: poco computer, molta manualità».

Inserite anche contaminazioni con altri generi musicali?

«Nel mio caso – risponde Ferruccio – il Brasile e’ stato semplicemente fondamentale. Mi è sempre piaciuto quel caratteristico modo di scrivere, partendo dallo choro, fino alla bossanova, ed al Tropicalismo di Veloso. Ho avuto la fortuna di incidere due dischi con un altro gruppo che si chiama InventaRio, composto da me, Francesco Petreni, Giovanni Ceccarelli e Dadi Carvalho, di cui uno dedicato alla musica di Ivan Lins che ci è valso anche una nomination ai Grammy Awards 2015 nella sezione Musica Popolare Brasiliana».

Quali sono le suggestioni e le emozioni che, più di altre, cercate di suscitare nel pubblico durante i concerti?

«Basta pensare che la gente che esce dal teatro dopo un nostro concerto sia felice d’aver passato un’ora e mezza di spensieratezza, di serenità. Di aver riso o di essersi emozionata su una parola o su una nota. Mi piace l’idea che la nostra musica possa far compagnia a chi ci ascolta sia dal vivo che nella vita di tutti i giorni. Non ho mai suonato per insegnare qualcosa o mandare dei messaggi politici. Mi piace pensare che quando suoneremo in Austria, Portogallo, USA, come accadrà nei prossimi mesi di ottobre e novembre, la nostra musica non avrà confini. Sarebbe bello un mondo senza barriere ideologiche e culturali. Con dei porti che accolgono… invece che respingono, ovviamente con delle regole da rispettare, ma con una buona dose d’umanità alla base di tutto».

Nessun commento su Contrabbasso e voce, concerto di Musica Nuda a Chianciano Terme

Tradizioni digitali: i mercati della Valdichiana Senese si raccontano

Raccogliere storie, scrivere aneddoti e raccontare la vita, è questa la parte del mio lavoro che più mi piace. Una parte scontata, forse, perché è alla base di ogni lavoro…

Raccogliere storie, scrivere aneddoti e raccontare la vita, è questa la parte del mio lavoro che più mi piace. Una parte scontata, forse, perché è alla base di ogni lavoro giornalistico, ma non sempre semplice. Gli sguardi diffidenti degli interlocutori, il non voler parlare davanti ad un microfono, la preoccupazione di dove andranno a finire le dichiarazioni rilasciate, sono tutti aspetti da mettere in conto da chi decide di raccontare la vita. Ma quando il contesto è un luogo essenziale che descrive un popolo e una comunità anche l’interlocutore dimentica ogni segno inibitorio e diventa una fonte e una testimonianza preziosa e fondamentale per la storia di un territorio.

Ed è proprio attraverso un luogo essenziale e le testimonianze dei vari attori che animano questo spazio, che la nostra redazione ha deciso di raccontare la Valdichiana attraverso l’elemento che più costudisce una vasta collezione di aneddoti e racconti del patrimonio orale, che caratterizza il nostro territorio con un valore identitario che non si disperderà mai. Questi luoghi sono i mercati, sempre più costretti in una crisi che li rende poco competitivi rispetto ai supermercati e alla grande distribuzione organizzata ma con principi importanti per l’economia locale.

La Fondazione Cantiere d’Arte di Montepulciano, grazie al progetto ‘Luoghi-incontro’ sostenuto da Fondazione Monte dei Paschi di Siena nell’ambito della programmazione di “SIENAindivenire”, ci ha affidato il compito di digitalizzare la tradizione orale raccolta nei principali mercati della Valdichiana Senese per la diffusione alle nuove generazioni, assumendo così quel tratto di innovatività che proietta in un futuro conscio le radici culturali della collettività.

E così insieme al mio socio-scrittore Alessio Banini abbiamo cominciato il nostro tour nel patrimonio culturale immateriale contenuto nei mercati di Montepulciano, Sarteano, Cetona, Sinalunga e Torrita di Siena. Nel corso dei mesi di aprile e di maggio 2019, abbiamo fatto visita a questi mercati e utilizzando  tecniche di indagine qualitative, ovvero interviste dirette, storie di vita, osservazione partecipante, siamo entrati in contatto con le persone che frequentano i mercati, che vivono la socialità del luogo di incontro, in grado di raccontare aneddoti e tradizioni orali. Le preziose testimonianze sono state successivamente sottoposte a verifica, grazie allo studio della letteratura collegata e al confronto con altre fonti orali.

Dopo quattro mesi dalla prima intervista, questo lavoro è pronto per essere diffuso come testimonianza delle dinamiche antecedenti ai modelli culturali del consumismo, della commercializzazione di massa e della globalizzazione. I saperi, gli aneddoti, le storie di una vita apparentemente lontani, grazie a questo libro, sono stati recuperati e verranno preservati, attraverso la digitalizzazione e la trasmissione alle generazioni più giovani.

Quello che abbiamo appreso da questa esperienza lavorativa è che oltre al grande valore sociale, come luogo simbolico di ritrovo e di confronto tra le rispettive esperienze, in cui l’aspetto economico dell’acquisto della merce è fortemente connotato dalla modalità di acquisto, dalla conoscenza delle persone e dai meccanismi di fiducia e vicinanza, il mercato è a tutti gli effetti un “mercato”, un luogo in cui vengono realizzati gli scambi economici di materie prime, regolato dalle leggi della domanda e dell’offerta, una piazza pubblica che diventa il momento fondante della vita della comunità, in cui ritrovare la propria identità. Un luogo in cui interviene una mimica del corpo e una modalità di comunicazione fisica che altrove non accade: il modo di occupare lo spazio, di interagire con la merce, di parlare con il venditore e di avvicinarsi al banchino diventa parte di una comunicazione di sé da parte dell’acquirente. Forse non è azzardato avvicinare il mercato ad una rappresentazione teatrale: il mercato è un evento pubblico che si può fruire soltanto dal vivo, con un attore, l’ambulante, che mette in pratica le sue tecniche di recitazione migliori, in questo caso ‘di vendita’ per attirare la clientela, ma anche la propria rappresentazione in un luogo pubblico, utilizzando la conoscenza delle persone, il pubblico, che ha di fronte e l’improvvisazione.

Il nostro lavoro è disponibile gratuitamente all’interno del negozio “Valdichiana Shop”: potete scaricare l’ebook gratuito a questo link, aggiungendolo al carrello e completando la procedura, finché non apparirà il bottone per scaricarlo direttamente nel vostro dispositivo.

“I saperi del mercato, come tutti i processi culturali, si trasmettono attraverso i mediatori, i maestri, il dialogo: fra il compratore e la cosa desiderata è frapposto il mediatore, interprete, trasmettitore e conoscitore. Il supermercato invece è il luogo dell’”immediato”, in cui fra il cliente le cose esposte non si trova nessun informatore, nessuna voce, nessuna presenza mediatrice. Ognuno rimane solo con le sue tentazioni. […] Vi domina, unico sovrano legittimo e riconosciuto, il Potere d’Acquisto e la Moltiplicazione, spesso gratuita, immotivata. Spazio controllato e chiuso, luogo della non partecipazione, dell’acquisto condizionato, non contrattato, istintivo e gregario, della presenza passiva, trappola da percorsi obbligati, dalla quale si può uscire se la logica dell’acquisto viene rispettata. Il mercato, se il dialogo langue, può trasformarsi in teatro animato, pulsante. In vita”. (Piero Camporesi)

Nessun commento su Tradizioni digitali: i mercati della Valdichiana Senese si raccontano

I Dudes: “Prendiamo quello che viene e facciamo sentire la nostra musica”

I Dudes sono un quartetto alternative rock di Chiusi composto da Matteo Micheletti (voce e chitarra), Gianluca Lorenzoni (basso), Andrea Fei (batteria e sintetizzatore) e Mattia Mignarri (chitarra). Li abbiamo…

I Dudes sono un quartetto alternative rock di Chiusi composto da Matteo Micheletti (voce e chitarra), Gianluca Lorenzoni (basso), Andrea Fei (batteria e sintetizzatore) e Mattia Mignarri (chitarra). Li abbiamo conosciuti nel settembre del 2016, quando avevano appena cominciato a calcare i palchi del nostro territorio. Dopo tre anni esatti li abbiamo incontrati di nuovo al Live Rock Festival di Acquaviva. La filosofia di fondo è rimasta: vivere senza affanni. Ciò che è cambiato è la consapevolezza di essere arrivati al un punto di maturazione.

Cos’è cambiato da quando ci siamo conosciuti?

La nostra musica è cambiata tantissimo. Adesso è tutta un’altra cosa. Nel tempo abbiamo variato gli ascolti musicali e questo ha avuto un riflesso nelle nostre produzioni. Eravamo più acerbi, ovviamente, ma anche più legati a una tradizione indie italiana. Adesso siamo influenzati da artisti come Kurt Vile, Brian Jonestown Massacre, Black Angels, War on Drugs. Che poi è rock alternativo, ma non italiano. Sicuramente ci discostiamo dall’Hip Hop che va molto in voga ora. Siamo molto felici che esistano festival come il Live Rock, che permettono a band che suonano musica simile alla nostra di potersi esprimere in una scena dominata dalla trap e dall’Hip Hop. Nonostante ciò, manteniamo una radice italiana. I Verdena e gli Afterhours ci hanno lasciato tanto, rimangono le nostre basi.

Di cosa parlano le vostre canzoni?

Devo rispondere sinceramente? Diciamo disagio esistenziale, però in realtà parlano di fica. Delle varie sfumature, che possono essere tantissime cose. È la percezione del vivere che ho a 30 anni. Sono esperienze personali.

Progetti per il futuro?

Un disco. Da autoprodurci, perché stiamo provando a mettere su uno studio di registrazione. Già l’ultimo EP l’abbiamo registrato da soli, nonostante tutte le difficoltà. Ora abbiamo diversi pezzi in cantiere. Vorremmo anche spostarci dal territorio, cercare di farci ascoltare fuori dalla Toscana. Speriamo che il Festival di Acquaviva sia un trampolino di lancio per noi. Anche perché abbiamo delle date importanti in questo periodo, siamo molto soddisfatti. Tornando al disco, ci sentiamo maturi per creare qualcosa che davvero ci rappresenti, che faccia capire a chi ci ascolta chi siamo.

Obiettivi e aspirazioni?

Nessuna avidità. Far sentire la nostra musica. Rimanere belli puri. Come ci insegna il nostro mentore – il Drugo Lebowski – prendiamo quello che viene. Le aspirazioni le abbiamo, ovviamente. Non saremmo riusciti a salire su questo palco, altrimenti. Però vogliamo sempre rimanere attaccati a ciò che ci piace: sarebbe brutto scendere a compromessi per diventare più famosi.

(foto di Irene Trancossi – Live Rock Festival Acquaviva)

 

Nessun commento su I Dudes: “Prendiamo quello che viene e facciamo sentire la nostra musica”

Drammaturgia della Canzone – Intervista a La Rappresentante di Lista

Abbiamo incontrato Dario Mangiaracina e Veronica Lucchesi de La Rappresentante di Lista dopo il loro show al Live Rock Festival di Acquaviva il 1 settembre 2019. In un dialogo costante…

Abbiamo incontrato Dario Mangiaracina e Veronica Lucchesi de La Rappresentante di Lista dopo il loro show al Live Rock Festival di Acquaviva il 1 settembre 2019. In un dialogo costante tra drammaturgia della canzone ed energia esecutiva dei brani, il loro live è annoverato tra i migliori dell’ultima stagione musicale italiana. Figlio di un lungo percorso di ricerca e di scrittura, il loro ultimo disco Go Go Diva segna un traguardo che conferma la qualità compositiva di quella che è senza dubbio una delle più importanti band della nostra scena indipendente. Tommaso Ghezzi ha parlato con loro delle tematiche principali del disco, delle legature creative che si creano tra musica e teatro, di Sicilia, di Toscana e di futuro.

Nessun commento su Drammaturgia della Canzone – Intervista a La Rappresentante di Lista

Diretta Rock 2019: sempre più “Live” Rock Festival

Arriva la nuova edizione del Live Rock Festival di Acquaviva e torna l’appuntamento con Diretta Rock, il modo migliore per vivere dall’interno il festival musicale a ingresso gratuito più importante…

Arriva la nuova edizione del Live Rock Festival di Acquaviva e torna l’appuntamento con Diretta Rock, il modo migliore per vivere dall’interno il festival musicale a ingresso gratuito più importante del nostro territorio. L’appuntamento è ai giardini ex-Fierale di Acquaviva di Montepulciano, da mercoledì 28 agosto a domenica 1 settembre, con tante occasioni per conoscere direttamente gli artisti, gli organizzatori e le associazioni che ruotano attorno al Live Rock Festival.

Dopo le edizioni del 2015, del 2016, del 2017 e del 2018, la nostra redazione tornerà a raccontarvi in maniera esclusiva e coinvolgente il festival: tutte le sere tornerà infatti Diretta Rock, a partire dalle ore 20, in streaming su Facebook Live sulla pagina de “La Valdichiana”, con possibilità di interazione in prima persona nello stand allestito nei giardini. Le puntate giornaliere saranno poi raccolte nel nostro canale YouTube e su questo speciale, in modo da avere un archivio di facile consultazione.

Quella che ci apprestiamo a vivere sarà un’edizione sempre più “Live”, con una grande attenzione alle performance degli artisti in cartellone e la possibilità di interviste approfondite, con il consueto format della diretta streaming itinerante lungo i luoghi del festival, cercando di carpire i dettagli e l’atmosfera più genuina del festival.

Ma sarà anche un’edizione di Diretta Rock incentrata sulla solidarietà: abbiamo infatti deciso di “donare” gli spazi pubblicitari che sponsorizzano il programma a un’associazione che fa del dono la sua caratteristica principale. Il nostro sostegno va quindi all’associazione AVIS di Montepulciano, in occasione del suo sessantesimo compleanno, e faremo la nostra parte per diffondere la cultura della donazione di sangue attraverso informazioni su come diventare donatori o come sostenere le attività associative. L’AVIS è infatti un’associazione no-profit apartitica, aconfessionale, che non ammette discriminazioni di genere, etnia, lingua, nazionalità, religione o ideologia politica: all’insegna del volontariato e della solidarietà, nel pieno spirito che anima il Live Rock Festival.

Puntata 5 – domenica 1 settembre

  • Intervista al Presidente Andrea Mezzanotte
  • Il live painting di Gaia
  • Intersos
  • Avis Montepulciano
  • Le cucine del Live Rock Festival

Puntata 4 – sabato 31 agosto

  • Il live painting di Gaia
  • Fridays For Future
  • Avis Montepulciano
  • Intervista a Io e la Tigre
  • Sotto e dietro il palco con i tecnici del Collettivo Piranha

Puntata 3 – venerdì 30 agosto

  • Il live painting di Gaia
  • Legambiente e i progetti Carbon Neutrality
  • Il bookshop e la birreria del Collettivo Piranha
  • Intervista a Makai
  • La ruota della birra

Puntata 2 – giovedi 29 agosto

  • Il live painting di Gaia
  • Intervista ad Antonio Dimartino e ai Telestar
  • Irene Trancossi e la fotografia del Live Rock Festival
  • 60 anni per Avis Montepulciano
  • La lotteria del Collettivo Piranha

Puntata 1 – mercoledì 28 agosto

  • Il live painting di Gaia
  • Intervista ai Dudes
  • 60 anni per Avis Montepulciano
  • L’ecobicchiere e l’impegno ecologista

Nessun commento su Diretta Rock 2019: sempre più “Live” Rock Festival

Poesia di vita quotidiana: intervista ad Antonio Dimartino

Il tour che ha seguito l’uscita del disco “Afrodite” di Dimartino ha toccato anche Acquaviva, in occasione della XXIII edizione di Live Rock Festival, la sera del 29 Agosto 2019….

Il tour che ha seguito l’uscita del disco “Afrodite” di Dimartino ha toccato anche Acquaviva, in occasione della XXIII edizione di Live Rock Festival, la sera del 29 Agosto 2019. Apprezzatissimo da critica e pubblico, sia come interprete dei suoi brani sia come autore per altri artisti, Antonio Di Martino – che solo nel caso del nome d’arte contrae il suo cognome in Dimartino – è uno dei più importanti cantautori italiani. Con quattro dischi all’attivo (più un disco tributo a Chavela Vargas), e molte canzoni eseguite, tra gli altri, da Arisa, Malika Ayane, Brunori, Colapesce, Levante e Carmen Consoli, è il punto di riferimento del songwriting italiano. Tommaso Ghezzi lo ha intervistato nel backstage del Live Rock Festival subito dopo la sua esibizione.

Nessun commento su Poesia di vita quotidiana: intervista ad Antonio Dimartino

Berlino – Techno – Komfortrauschen: musica dal futuro (o da qualche Km più a Nord)

Nel mio stereotipo della città di Berlino c’è il gelo, la birra, l’acciaio e una specie di nostalgia per un posto mai vissuto, nella parte est di questa città, visto…

Nel mio stereotipo della città di Berlino c’è il gelo, la birra, l’acciaio e una specie di nostalgia per un posto mai vissuto, nella parte est di questa città, visto appena una volta in vita mia, ma sentito come mitico e familiare (e mi pare che una volta ci fosse anche un muro). Nel mio stereotipo della città di Berlino c’è la musica. Anche questa me la immagino fredda e ubriacante, con suoni metallici e una costante ricerca di nuove sonorità, che scava, annusa e fruga febbrilmente gli anni del secolo scorso e quello che verrà. La Berlino musicale me la immagino un laboratorio sperimentale di suoni, generi, voci, testi. Ci starebbe proprio un bel viaggetto all’insegna della musica underground…

La prima cosa che ho pensato quando i Komfortrauschen hanno iniziato a suonare nella serata d’apertura dell’edizione 2019 del Live Rock Festival è stata: «Nel mio stereotipo della città di Berlino c’è il gelo, la birra, l’acciaio e una specie di nostalgia per un posto mai vissuto… [leggi sopra]».

I Komfortrauschen (comfort noise) sono un trio berlinese che, unendo chitarra, basso e batteria a una quantità esagerata di pedali sintetizzatori, creano un potente DJ set techno di altissima qualità. Il live che hanno proposto è stato una maratona di sudore ed elettronica, che ha fatto ballare il pubblico di Acquaviva senza sosta. E poi l’energia del sound, i loro vestiti bianchi e i balletti convulsi. Come fai a non intervistarli?

Prima di continuare a leggere vi consiglio di guardare questo loro video: tanto per farvi un’idea.

Raccontatemi la vostra storia

Ci siamo conosciuti 5 anni fa e abbiamo deciso di formare la band, perché eravamo tutti affascinati dalla musica elettronica. Non avevamo né sintetizzatori, né computer, ma soprattutto nessuno aveva la minima idea di come si usassero. C’era l’idea prima dell’oggetto: volevamo farlo, ma non sapevamo come si facesse.

E quindi cosa è successo? Perché avete appena fatto un concerto techno pazzesco…

Fondamentalmente le basi rimangono la chitarra, il basso e la batteria. È da lì che abbiamo iniziato e da lì continuiamo a strutturare le canzoni. Abbiamo studiato molto. Lentamente abbiamo imparato a usare i sintetizzatori, i pedali e la drum machine. La cosa importante è combinare tutti gli elementi in modo divertente e stupido e vedere cosa succede.

Direi che il risultato finale non è niente male…

Grazie. Pensa che a volte in studio ci guardiamo e diciamo «ragazzi questo è veramente stupido… rendiamolo più stupido!». La semplicità e la leggerezza ci portano a risultati che funzionano: divertono il pubblico e lo fanno ballare.

Quando il vostro manager vi ha proposto di venire a suonare al Live Rock Festival di Acquaviva, cosa avete pensato?

Nel 2015 abbiamo suonato in due date italiane ed è stato bellissimo. Fondamentalmente ci piace venire in Italia. Non è per niente male. Questo festival è molto interessante e poi c’è Leeroy Thornhill, uno dei fondatori dei Prodigy, quindi ci siamo detti “cosa stiamo aspettando? Andiamo!”

È strano attribuire significato a canzoni senza testi. Le vostre ce l’hanno?

Certo, sì. A volte c’è uno sfogo di aggressività che si trasforma in potenza elettronica. A noi piace ciò che è grande e metallico. Altre volte, come ho già detto, è puro divertimento, fantasia che gioca.

Com’è la scena musicale berlinese?

È molto elettronica, profonda, intensa per certi versi. Ci sono molti club che arrivano a negare l’ingresso al pubblico, perché straripano di persone all’interno. Ad altri club piace creare un certo clima o tendenza o moda che li caratterizzi e selezionano le persone da far entrare. Non è una mentalità completamente libera, ma se si vuole vedere il lato positivo, questo contribuisce a creare correnti artistiche che si sviluppano sempre di più. Le persone sono malate di musica a Berlino. Trovi molta gente che passa dalle 5 alle 7 ore nei locali, solo per ascoltare musica. Entra di notte ed esce con la luce del sole. È raro, invece, trovare chi viene a vedere esibizioni live e dopo due ore se ne va via. Ho amici che hanno passato 12 ore in dei club ad ascoltare musica. È uno stile di vita. Rispetto all’Italia c’è molta differenza: qua è tutto molto più inclusivo e super aperto, una sorta di festa collettiva ogni volta che c’è della musica sopra un palco.

In questo video potete DIREZIONARE VOI la telecamera: buona visione e buon ascolto!

Nessun commento su Berlino – Techno – Komfortrauschen: musica dal futuro (o da qualche Km più a Nord)

La complessità dell’essere genuini – Intervista a Rancore

Rancore, al secolo Tarek Iurcich, rapper romano classe 1989, si è esibito ad Acquaviva in occasione della XXIII edizione di Live Rock Festival. Lo show che sta portando in giro…

Rancore, al secolo Tarek Iurcich, rapper romano classe 1989, si è esibito ad Acquaviva in occasione della XXIII edizione di Live Rock Festival. Lo show che sta portando in giro è quello che segue la pubblicazione del suo ultimo disco “Musica per Bambini”, nel quale – secondo la critica – ha raggiunto la sua maturità stilistica. Il concerto di Acquaviva ha dimostrato come la sua performance sia principalmente fisica e necessiti un’attenta preparazione, quasi un allenamento. Tommaso Ghezzi lo ha intervistato per noi pochi minuti dopo il live, parlando del suo modo di preparare le esibizioni e le tematiche del suo ultimo disco.

Nessun commento su La complessità dell’essere genuini – Intervista a Rancore

Maurizio Landini (CGIL) a La Valdichiana: «risollevare l’Italia creando un rinascimento dei valori»

La distanza tra partiti politici e società civile non è mai stata così grande. Si potrebbe dire abissale, senza nessun rischio di esagerare le dimensioni del problema. La politica non…

La distanza tra partiti politici e società civile non è mai stata così grande. Si potrebbe dire abissale, senza nessun rischio di esagerare le dimensioni del problema. La politica non dialoga. Difficilmente riesce a farlo all’interno degli stessi partiti, figuriamoci se si trova nella condizione di poterlo fare con il popolo. Sembra proprio questo, infatti, il problema della politica (mondiale) del ventunesimo secolo.

Trovare soluzioni è tutt’altro che semplice, ma di proposte di miglioramento se ne trovano molte. Manca, però, la fiducia. Quella fiducia che per tutto il Novecento ha permesso di cambiare il mondo conquista (sociale) dopo conquista. I cittadini non si riconoscono più negli ambienti politici, intellettuali e sociali. Da 30 anni sembra che l’unica possibilità in mano agli elettori sia crocettare il nome del leader del momento. Quello che fa leva su grandi promesse irrealizzabili o su rottamazioni e cambi generazionali o sull’odio incondizionato.

Intenso dialogo, unione, rivoluzione dell’istruzione e nuove tutele sono alcune delle soluzioni che propone Maurizio Landini, Segretario generale della CGIL, intervistato in esclusiva per la nostra testata.

Il dialogo tra le componenti della società civile e tra queste e i partiti potrebbe essere la soluzione alla crisi della democrazia e della sinistra?

C’è sicuramente un nesso tra la crisi democratica e valoriale che stiamo vivendo e l’atteggiamento antisistema di gran parte dei partiti politici e dei loro esponenti. C’è una grave dimenticanza verso i fondamenti del nostro Paese, che sono la libertà, la democrazia e la solidarietà. Questa Italia è nata all’indomani della Seconda guerra mondiale sulle ceneri del fascismo, grazie alla collaborazione di tutte le forze sinceramente democratiche: i partiti, i sindacati, le associazioni laiche e cattoliche. E anche dopo, negli anni della ricostruzione e nelle situazioni di grave crisi non solo economica, ma anche civile – penso per esempio agli anni di piombo – è stato grazie alla collaborazione tra politica e società civile che si sono affrontate e gestite situazioni e problemi gravi. La delegittimazione della società civile come del resto delle istituzioni non sta facendo bene al Paese. Si dovrebbe ripartire da lì per un nuovo rinascimento valoriale.

La storia delle conquiste sociali e, nello specifico, della nascita e dello sviluppo dei sindacati è praticamente assente nei programmi scolastici e nei corsi universitari. È un’enorme falla all’interno del nostro sistema scolastico. Come mai si parla così poco di questo problema? Non potrebbe essere una base da cui ripartire? Ritrovare il contatto con le nuove generazioni ri-partendo dalla cultura, dall’insegnamento, dai docenti.

La storia del movimento dei lavoratori è la storia del nostro Paese. Dalle lotte bracciantili passando per le prime organizzazioni dei lavoratori, i sindacalisti assassinati dalle mafie e dai potentati, perché organizzavano i lavoratori nel rivendicare i propri diritti, fino alla conquista di quelle tutele oggi date quasi per scontate come malattia, ferie, parità, maternità: è la storia dei sindacati, ma anche dell’emancipazione del popolo italiano. A volte penso che le nuove generazioni fatichino a comprendere l’importanza dell’essere uniti e solidali nelle rivendicazioni per i diritti, perché non hanno idea di quale sia la loro genesi. Inserire nello studio della storia questi elementi favorirebbe lo sviluppo di una coscienza civile. È evidente che questi temi abbiano una fortissima valenza politica, il che forse spiega come mai non li ritroviamo nei programmi scolastici.

Oggi la definizione di classe lavoratrice è molto diversa da quella che l’ha caratterizzata per tutto il Novecento. Ne sono conferma, per esempio, le tante tipologie di contratto difficili da definire e da tutelare. È un altro tema del quale si parla pochissimo. La CGIL cosa ha intenzione di fare in proposito?

Il mondo del lavoro è profondamente cambiato nell’ultimo ventennio. Oggi dobbiamo confrontarci con una precarietà esasperata, con la somministrazione, l’impiego sistematico di false partite IVA, le piattaforme digitali, gli algoritmi. Dobbiamo essere tuttavia consapevoli che non sempre i lavoratori lamentano la loro condizione instabile. Si rende allora necessario trovare un meccanismo per riconoscere le tutele fondamentali a tutti i lavoratori, indipendentemente dalla tipologia contrattuale o di lavoro. Per farlo la Cgil, insieme a un team di giuslavoristi, ha elaborato una proposta di legge che è stata firmata da oltre un milione di persone e già depositata in Parlamento: è la Carta dei diritti universali del lavoro, che in sostanza è uno Statuto dei Lavoratori in linea col mondo del lavoro di oggi. Una legge che farebbe bene a tutti i lavoratori ma che, a dispetto delle promesse in campagna elettorale, non trova sponsor in Parlamento.

L’effetto delle grandi manifestazioni sembra avere esaurito la forza di incidere sulle decisioni politiche. Mi ricordo l’enorme delusione che provai dopo che, nel 2014, la meravigliosa manifestazione a Roma contro il Jobs Act risultò vana. È giusto puntare ancora su questo tipo di approccio per far sentire la voce dei cittadini e dei lavoratori?

Scioperi e manifestazioni sono lo strumento fondamentale della protesta dei lavoratori. Il punto non sta nella forma della protesta, ma nel mancato ascolto da parte di una politica che si è convinta di potere fare a meno dei lavoratori. Vorrei sommessamente ricordare che i partiti dei governi precedenti hanno perso le elezioni per non aver dato ascolto ai lavoratori che sono ancora la vera grande forza che manda avanti il Paese.

Nessun commento su Maurizio Landini (CGIL) a La Valdichiana: «risollevare l’Italia creando un rinascimento dei valori»

Type on the field below and hit Enter/Return to search