La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

”Strade a sterro” per Borghi in Festa a Castelmuzio

Dopo i festeggiamenti in onore della Beata Bonizzella, comune di Trequanda, tocca a Castelmuzio scendere in campo e ad accendere il primo week-end di giugno. Infatti, il 31 maggio e…

Dopo i festeggiamenti in onore della Beata Bonizzella, comune di Trequanda, tocca a Castelmuzio scendere in campo e ad accendere il primo week-end di giugno. Infatti, il 31 maggio e il 1/2 giugno a Castelmuzio si svolgerà “Borghi in Festa”, manifestazione bella e suggestiva nella sua tradizione.

Una “tre giorni” intensa, a partire dall’esibizione Rock dei locali Impatto, per passare al teatro con lo spettacolo “Donne al Potere”, fino ad arrivare all’ormai consueto appuntamento con il raduno delle Auto d’Epoca. Il tutto accompagnato da uno Stand Gastronomico con piatti e prodotti tipici della zona.

Ad impreziosire l’edizione 2013 di Borghi in Festa, sarà la prima edizione di “Strade a Sterro”: una pedalata cicloturistica che si svolgerà per le strade bianche della zona, e per tutto il circostante territorio della Valdorcia. Un’ occasione per far conoscere agli amici delle due ruote i panorami mozzafiato di questa zona, attraverso un percorso studiato appositamente dai due principali promotori dell’iniziativa: Edoardo Cannoni e Adriano Mattii.

Questa sara’ l’occasione per rivedere tante biciclette d’epoca che hanno fatto la storia del nostro ciclismo locale, e rivivere quelle parole: “un uomo solo al comando… la sua maglia ha i colori dell’iride… il suo nome Angelo Fausto Coppi”.

Nessun commento su ”Strade a sterro” per Borghi in Festa a Castelmuzio

Il vescovo Cetoloni trasferito dalla Valdichiana a Grosseto

Attraverso una nota, la Santa sede ha comunicato il trasferimento di Padre Rodolfo Cetoloni, che lascia la diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza per guidare la diocesi di Grosseto, il cui ordinario, monsignor Franco…

Attraverso una nota, la Santa sede ha comunicato il trasferimento di Padre Rodolfo Cetoloni, che lascia la diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza per guidare la diocesi di Grosseto, il cui ordinario, monsignor Franco Agostinelli, era stato trasferito a Prato da Benedetto XVI. Per due mesi Mons. Cetoloni rimarrà alla guida della Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza, poi lascerà la cattedra a un successore, che ancora non è stato nominato.

Nato nel 1946 a Badia a Ruoti, in provincia di Arezzo ma diocesi di Montepulciano, padre Rodolfo è entrato a 16 anni, nei Frati minori; il 19 settembre 1971 ha emesso la professione solenne ed è stato ordinato sacerdote nel 1973 a Gerusalemme dove ha studiato Teologia biblica presso lo Studio Biblico Francescano della Flagellazione e ha stretto un forte legame con la Terra Santa. Dal 1973 al 1976 ha frequentato il Pontificio Istituto Biblico di Roma conseguendo la Licenza in Sacra Scrittura e Teologia.

A Mons.Cetoloni si deve a l’iniziativa della Marcia Francescana ad Assisi. Più volte Definitore Provinciale, dal 1985 al 1991 è stato Ministro Provinciale della Provincia Toscana dei Frati Minori, dal 1991 al 1997 Vicario Provinciale, Visitatore generale della Provincia francescana delle Marche (1993). È stato consacrato vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza il 20 maggio 2000.

Il messaggio del vescovo Cetoloni alla Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza

Ai Sacerdoti
e a tutto il Popolo di Dio
della Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza

Fratelli e Sorelle,

 

familiari miei di questi 13 anni, sacerdoti, religiosi, laici, conoscenti e amici, giovedì 9 maggio u.s., mi ha chiamato a Roma il Nunzio Apostolico e mi ha consegnato la lettera in cui mi comunicava che il Papa mi aveva scelto per come Vescovo della Chiesa che è in Grosseto.

Gli ho aperto il mio animo, dicendo tutte le mie perplessità, debolezze e difficoltà. L’ho fatto insistendo a lungo, ma, alla fine, non potevo dire di no a chi ha la responsabilità di queste scelte nella Chiesa.

Questo sentire mi ha guidato qui 13 anni fa nel lasciare i mie frati di Fiesole e di tutta la Toscana. Questo mi ha motivato nel chinare il capo e dire di sì accettando di fare questo nuovo passo.

Ora mi pare un salto ancor più grande di quello del 2000, perché mi rendo più conto, per l’esperienza fatta in questi anni, della responsabilità di un Vescovo e vedo con maggior chiarezza quello che mi è chiesto di lasciare. Si possono cercare i motivi umani, fare mille ragionamenti… So che non basterebbero a spiegare completamente questo fatto.

Con la fede debole che ho, continuo a credere che in questa vicenda il Signore Dio voglia condurre me, e anche voi, a “un rinnovato entusiasmo dell’incontro con Cristo” (Porta Fidei, 2).

Ho ripetuto spesso, in questo Anno della Fede, questa frase di Papa Benedetto, predicando e parlando agli altri. Ora è chiesto a me di fidarmi davvero e di affidarmi alla volontà della Chiesa. Chiedo a Dio, in Gesù suo Figlio e nello Spirito Santo, che questo sia davvero il fine, il centro e la forza di tutta questa storia e della mia obbedienza.

Da 13 anni sono con voi, con ognuno e con tutti. Sono stati gli anni più carichi, impegnativi, veloci e lunghi della mia vita. Ognuno di voi, con intensità e gradualità diversa, ne è stato parte viva.

Potevo essere molto più vicino a tante situazioni e persone. Voi mi siete stati attorno con affetto e condivisione. Molti, sacerdoti e laici, hanno accettato e condiviso responsabilità e rischi.

Avrei dovuto essere molto più fedele ad ognuno, molto più dedito al servizio pastorale, generoso, amante di Dio e di ognuno… So con quali limiti anch’io convivo, non cerco scusanti e chiedo perdono.

Ma so anche che il Signore va oltre ogni debolezza e meschineria e, se lo lasciamo operare in noi, Lui ci fa produrre molto frutto.

Sono cosciente che qualcosa di buono lo abbiamo imparato a realizzare, insieme. Ringraziamo il Signore e custodiamo ogni buon seme. Nella Chiesa e nella vita c’è chi prepara il terreno, chi semina, chi irriga, chi pota, chi aiuta a maturare… chi raccoglie… Ognuno di noi ha vissuto o sta vivendo qualcuna queste esperienze. È stato un bel tratto di strada in cui il Buon Dio, attraverso l’impegno di tutti, ci ha condotto. E’ stato ed è bello!

Io sono trasferito altrove per continuare, ricominciando quasi da capo! Voi restate qui per proseguire, accogliendo questa novità inattesa e specialmente preparandovi a lavorare, ognuno con i suoi doni, con un nuovo Pastore.

Per ora non sappiamo chi sarà, come lavorerà… A noi spetta prepararsi vigilanti, uniti e operativi. Questo sforzo sarà di grande aiuto per chiunque venga. Nei prossimi mesi ogni attività e iniziativa deve essere portata avanti con continuità, come possibile con l’aiuto di Dio.

Da parte mia ho bisogno di sentirvi forti, anche se un po’ meravigliati e forse sofferenti. “Forti, perché avete creduto e la Parola di Dio dimora in voi” (1Gv 3,14).

Ho bisogno di pensarvi motivati nella fede e dalla fede.

Ho bisogno ancora della vostra amicizia, comunione e collaborazione. Ora questo si chiama continuità nell’impegno, fedeltà nella preghiera per me e per tutta la Chiesa.

Con il mio affetto, la mia gratitudine e la mia fiducia vi benedico, con il saluto di sempre:

Il Signore vi dia Pace!

Nessun commento su Il vescovo Cetoloni trasferito dalla Valdichiana a Grosseto

Montepulciano: estate d’arte e musica

Definita la “Perla del Cinquecento”, il comune poliziano non viene meno alla sua fama, riproponendo per il 38° anno il Cantiere Internazionale d’Arte. Nato nel 1976 da un’idea del celeberrimo compositore Hans…

Definita la “Perla del Cinquecento”, il comune poliziano non viene meno alla sua fama, riproponendo per il 38° anno il Cantiere Internazionale d’Arte. Nato nel 1976 da un’idea del celeberrimo compositore Hans Werner Henze, la manifestazione si fregia quest’anno del riconoscimento dell’Unione Europea, come unico festival italiano selezionato tra le undici manifestazioni più meritevoli del continente. L’EACEA ha motivato la sua scelta spiegando che “il progetto mostra un enorme potenziale ed un’accattivante dimensione nella cultura musicale europea”.

Tra gli appuntamenti in programma durante la manifestazione, spicca per importanza la rappresentazione de “Carmen, la gitana”, un’inedita rielaborazione del compositore francese Pierre Thilloy tratta dal celebre capolavoro di Georges Bizet. Da segnalare anche la prima esecuzione italiana di “Drei Wasserspiele” (Tre giochi sull’acqua), opera contemporanea firmata da Detlev Glanert, realizzata in collaborazione con il conservatorio di Norimberga, il Teatro di Fürth e l’Accademia di Palazzo Ricci e guidata da Vincent Monteil, direttore artistico. Verrà riconfermata la collaborazione con l’orchestra del Royal Northern College of Music di Manchester che darà vita a tre concerti sinfonici diretti dal direttore musicale Roland Böer. Il Cantiere sarà in programma dal 19 al 28 Luglio, allestendo tra spettacoli teatrali, musica, arti figurative e performance, 45 eventi che animeranno Montepulciano e il territorio.

Il comune di Montepulciano proporra anche un progetto espositivo dal titolo “Giorgio de Chirico. Il ritratto – Forma e figura” a cura di Katherine Robinson, che porterà nella Fortezza di Montepulciano 68 opere del Maestro, provenienti dalla collezione della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma. La mostra relativa allo straordinario inventore della pittura metafisica, sarà in programma dall’8 giugno al 30 settembre.

Nessun commento su Montepulciano: estate d’arte e musica

Siena, è ballottaggio tra Valentini e Neri

Tra due settimane, il 9 e il 10 giugno, i senesi torneranno al voto per il ballottaggio, che vedrà interessati i candidati del centrosinistra Bruno Valentini (39,54%) e del centrodestra…

Tra due settimane, il 9 e il 10 giugno, i senesi torneranno al voto per il ballottaggio, che vedrà interessati i candidati del centrosinistra Bruno Valentini (39,54%) e del centrodestra Eugenio Neri (23,37%). Deludente risultato per il Movimento 5 Stelle che si ferma all’8%. Questo è il risultato emerso delle elezioni amministrative 2013 del Comune di Siena.

Il secondo turno era già nell’aria e fin dai primi scrutini si è reso reale con un altalenarsi di piccoli numeri e minimi spostamenti percentuali. A cominciare da Laura Vigni, rappresentante della Sinistra che ha ottenuto oltre il 10,3%. E dalle liste civiche Cittadini di Siena, col candidato Enrico Tucci al 6,6% e Impegno per Siena di Marco Falorni al 5,2%). Il Movimento 5 Stelle , invece, è scivolato fino a toccare poco più dell’8% , e Futura di Mauro Marzucchi i mantiene al 4,9% mentre la lista 53100 con il candidato Alessandro Corsini si ferma all’1,6%.

I giochi sono, dunque, da rifare, le liste dei consiglieri saranno «congelate» in attesa dei risultati del ballottaggio. Alla resa dei conti, si guarderanno i risultati elettorali del primo turno e degli eventuali ulteriori collegamenti nel secondo.In pratica, se la lista o l’insieme delle liste collegate al candidato eletto sindaco nel primo o secondo turno non hanno conseguito almeno il 60% dei seggi ma hanno ottenuto nel primo turno almeno il 40% dei voti, otterranno automaticamente il premio di maggioranza.

Molto in ritardo l’effettuazione degli scrutini a causa del doppio voto di preferenza che, in molti casi, sarebbe stato dato a candidati di liste diverse comportando la non validità del voto e le conseguenti contestazioni dei rappresentanti di lista.

Nessun commento su Siena, è ballottaggio tra Valentini e Neri

“Chianina in mischia”, il rugby è protagonista a Bettolle

Sabato 25 maggio a Bettolle, nell’ambito della manifestazione “La Valle del Gigante Bianco”, si è tenuta una giornata all’insegna del rugby e della sana alimentazione. La manifestazione organizzata dagli “Amici…

Sabato 25 maggio a Bettolle, nell’ambito della manifestazione “La Valle del Gigante Bianco”, si è tenuta una giornata all’insegna del rugby e della sana alimentazione. La manifestazione organizzata dagli “Amici della Chianina” per la valorizzazione della Razza Chianina e della Valdichiana, infatti, già dall’anno scorso ha mostrato interesse per il rugby: una realtà sportiva emergente anche nel nostro territorio, portatrice di valori positivi. Il primo torneo di Rugby, ospitato dalla manifestazione dello scorso anno, questa volta ha lasciato il posto a un’intera giornata dedicata al rugby e alla chianina.

Durante la mattina si è tenuto un convegno sul rapporto tra sport e nutrizione. Sono intervenuti Donato Vassalli, medico dello staff della Federazione Italiana Rugby e fiduciario provinciale CONI per il rugby; la dott.ssa Giulia Ferrara, medico nutrizionista dello staff della Federazione Italiana Pallanuoto; Ugo Massai, medico pediatra e allenatore della squadra di rugby Vikings; Marco Malandrino, presidente della squadra di rugby Vikings; e a fare gli onori di casa, l’Assessore allo sport del Comune di Sinalunga. Al termine del convegno si è tenuta una degustazione di prodotti tipici, offerta dall’associazione Amici della Chianina.

Il pomeriggio è stato interamente dedicato allo sport. Nonostante le difficoltà causate dall’acquazzone, l’a.s.d. Vinkings Chianciano Rugby è comunque riuscita a sistemare il campo di gioco e a predisporre tutto il necessario per il corretto svolgimento del torneo. Dapprima hanno gareggiato i ragazzini under8 e under10: per la prima volta tutte e sei le società di rugby della provincia di Siena hanno gareggiato assieme, coinvolgendo i giovani allievi e partecipando al terzo tempo, in una grande atmosfera di festa.

Alle ore 18 è cominciato il torneo vero e proprio: “Chianina in mischia”, giunto alla sua seconda edizione. Al triangolare di rugby hanno partecipato gli Arieti di Arezzo, i Vikings di Chianciano e il Siena 2000 e C.U.S.. Dopo le tre partite da 40 minuti ciascuna, ad aggiudicarsi il torneo seniores è stata la squadra degli Arieti di Arezzo.

I festeggiamenti, però, hanno coinvolto tutti gli atleti, come da tradizione del rugby. Il terzo tempo si è tenuto all’interno degli stand enogastronomici della Valle del Gigante Bianco, in cui sono stati offerti dei piatti tipici a tema come i pici al ragù di chianina e gli hamburger di chianina, una vasta gamma di prodotti dell’eccellenza gastronomica locale messi a disposizione dall’associazione Amici della Chianina.

(credits foto: Antonio Cinotti – Presidente C.U.S. Siena Rugby)

Nessun commento su “Chianina in mischia”, il rugby è protagonista a Bettolle

Introduzione alla stregoneria contemporanea

Nel mondo occidentale il problema della stregoneria è visto in una concezione essenzialmente negativa. La parola stessa evoca istantaneamente immagini di roghi di streghe e di donne e uomini torturati,…

Nel mondo occidentale il problema della stregoneria è visto in una concezione essenzialmente negativa. La parola stessa evoca istantaneamente immagini di roghi di streghe e di donne e uomini torturati, lasciando tracce di malcelato imbarazzo sui volti dei figli della cultura cattolica europea alla rievocazione di un passato oscuro, come è stato il periodo attraversato dalla Chiesa Cattolica tra il XIV e il XVII secolo circa.

Il concetto di stregoneria, invece, visto sotto l’ottica di un’area geografica più vasta, è un fenomeno di gran lunga più complesso. Ce lo ha insegnato E.E. Evans-Pritchard, uno dei padri dell’antropologia, nella sua opera Stregoneria, oracoli e magia tra gli Azande, dove la stregoneria è un aspetto fondamentale della vita quotidiana di questo popolo dell’Africa centrale, necessario per la risoluzione di qualunque momento o problema della vita.

La stregoneria ha assunto oggi un significato ulteriore, nel momento in cui è venuta a contatto con i mutamenti culturali e sociali che i popoli del mondo hanno subìto con la globalizzazione e la modernizzazione. La modernità, nel mezzo dei grandi cambiamenti globali, ha trasformato e rivitalizzato le streghe, ponendo l’intero complesso della stregoneria in relazione con il potere.

Si tratta di un fenomeno che ha interessato per larga parte l’Africa, non solo nei contesti rurali e tradizionali, bensì – dato fondamentale – l’area urbana. I casi di stregoneria interessano oggi anche i fenomeni economici e di mercato propri delle elités borghesi e manageriali posti ai vertici delle società africane contemporanee; un aspetto elegantemente analizzato dall’antropologo Peter Geschire. Rimando in particolare al suo libro The modernity of Withcraft. Politics and the occult in Postcolonial Africa, per approfondimenti.

La ripresa della stregoneria nei nuovi contesti postcoloniali, soprattutto africani, ha portato da una parte a un ritorno alla tradizione precoloniale, anche se rivisitata e trasformata, dall’altra all’insorgenza di nuovi problemi. Per esempio l’insorgenza di movimenti antistregoneria, che assumono spesso caratteri religiosi e la forma di veri e propri processi pubblici contro donne accusate di compiere malefici, come è documentato nell’articolo di Mark Auslander “Open the Wombs!”: The Symbolic Politics of Modern Ngoni Witchfinding, riguardo a una comunità rurale Ngoni dello Zambia orientale; oppure, per fare un altro esempio, il commercio occulto di pelle umana in Tanzania, che causa da una parte la morte di esseri umani, soprattutto bambini, al fine di venderne la pelle e altre parti del corpo usati come ingredienti per riti di stregoneria, e dall’altra genera episodi di violenza spontanea di gruppi di giovani uomini contro anziane donne sospettate di stregoneria: molte donne sono state bruciate con la benzina nei contesti urbani della Tanzania. Per approfondimenti consiglio l’articolo di Todd Sanders, Structural adjustment, morality and the occult in Tanzania.

tanzania

Si tratta, in sostanza, di un fenomeno complesso e attuale che rischia spesso di essere sottovalutato, soprattutto nella nostra società, nella quale i casi di magia rimangono in un ambiente di nicchia, come sopravvivenze di un passato perduto e spesso dimenticato. Le streghe, al contrario, sono parte integrante del nostro mondo globalizzato, e devono essere concepite proprio nell’ottica della loro relazione con la modernità.

Nessun commento su Introduzione alla stregoneria contemporanea

Dalla Regione Toscana contributi per gli alluvionati

La Regione Toscana ha erogato ai Comuni colpiti dall’alluvione del novembre 2012, i contributi destinati alle popolazioni. Sulla base delle domande pervenute dai diretti interessati e dei rilevamenti effettuati dai…

La Regione Toscana ha erogato ai Comuni colpiti dall’alluvione del novembre 2012, i contributi destinati alle popolazioni.

Sulla base delle domande pervenute dai diretti interessati e dei rilevamenti effettuati dai propri tecnici e da quelli dell’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese, la Giunta di Montepulciano ha effettuato la ripartizione tra i soggetti aventi diritto.
Dalla Regione sono giunti 44.400 Euro, individuati come aiuto per fronteggiare le prime spese necessarie per reintegrare i beni perduti a causa dell’alluvione. L’Amministrazione Comunale, vista la gravità della situazione che si era venuta a creare nell’area comprendente le frazioni di Gracciano e Montepulciano Stazione, ha ritenuto di dover assegnare il totale della somma ripartendo l’importo tra tutti i danneggiati in possesso dei requisiti indicati dalle normative regionali (ISEE inferiore a 36.000 Euro). Saranno dunque quindici le famiglie che a breve riceveranno il contributo che, in proporzione ai danni subiti, varia da 1.500 a 5.000 Euro.

Montepulciano è stata soggetta per due volte, durante il mese di novembre 2012, ad alluvioni provocate dalle piogge eccezionali, con la rottura degli argini dei torrenti Salarco e Salcheto.
Il 24 novembre 2012, a Siena, nella sede della Provincia, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi firmò un protocollo d’intesa da 8 milioni di euro con l’amministrazione provinciale e i Sindaci dei Comuni più colpiti dalle piogge per il finanziamento degli interventi già effettuati sui corsi d’acqua danneggiati durante la fase di emergenza e di quelli urgenti e imprescindibili per riparare i danni provocati dall’alluvione e prevenire nuovi eventi.

Nessun commento su Dalla Regione Toscana contributi per gli alluvionati

In Valdichiana nasce il Sentiero del Vinsanto

A Torrita di Siena è stato inaugurato il Sentiero del Vinsanto, sette chilometri di strade vicinali che collegano Torrita con Montefollonico. “L’obiettivo è quello di incrementare l’offerta turistica all’interno del…

A Torrita di Siena è stato inaugurato il Sentiero del Vinsanto, sette chilometri di strade vicinali che collegano Torrita con Montefollonico.

“L’obiettivo è quello di incrementare l’offerta turistica all’interno del nostro territorio – spiega l’assessore al turismo del Comune di Torrita di Siena Paolo Malacarne, – oltre a far riscoprire ai cittadini le bellezze del nostro paesaggio attraverso il recupero degli antichi sentieri”.

L’opera è stata interamente finanziata con i fondi europei, mentre per il recupero delle zone rurali è stato utilizzato il Gal Leader Siena senza nessun aggravio per le casse del Comune.

“Il progetto del Sentiero del Vinsanto rientra in un più ampio piano di promozione e valorizzazione del nostro patrimonio paesaggistico-culturale realizzato insieme agli altri Comuni della Valdichiana dal titolo “Paesaggi del benessere” – spiega il sindaco del Comune di Torrita di Siena, Giordano Santoni – che consentirà la creazione di una rete di aree di sosta in luoghi panoramici o di particolare suggestione diffusi nel territorio”.

Presente all’inaugurazione anche il direttore del Gal Leader Siena, Marco Flori e oltre cinquanta persone che in un’ora e mezzo hanno percorso il sentiero. Il percorso collega l’area camper con la Porta di Follonica di Montefollonico e lungo il sentiero sono state predisposte cinque aree attrezzate per la sosta con panchina, cestello rifiuti e cartello con le indicazioni del percorso e una tavola a tema che racconta la storia di Torrita, di Montefollonico, di Ghino di Tacco, del Vin Santo e delle rovine del monastero cistercense di Santa Maria a Follonica. Secondo antichi documenti, il percorso riprende l’antico tracciato medioevale che univa i due castelli di Torrita e Montefollonico, ultimi baluardi della Repubblica di Siena contro Montepulciano, alleata di Firenze.

Nessun commento su In Valdichiana nasce il Sentiero del Vinsanto

Iniziano i lavori a Macciano per il marciapiede e il parco pubblico

Sono iniziati i lavori pubblici nella frazione di Macciano del comune di Chiusi, per la realizzazione di un marciapiede e di un parco pubblico. Il progetto è stato inserito nel…

Sono iniziati i lavori pubblici nella frazione di Macciano del comune di Chiusi, per la realizzazione di un marciapiede e di un parco pubblico.

Il progetto è stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche ed è stato fortemente voluto dal sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli. Al termine dei lavori si prevede di realizzare, da via casa olivo fino all’altezza del distributore di carburante, un marciapiede della lunghezza di circa 200 metri con sottoservizi e illuminazione pubblica. Tale progetto ha due scopi: da un lato permetterà la percorrenza in sicurezza della strada, senza costringere i cittadini a camminare sul bordo della carreggiata, mentre dall’altro permetterà di connotare Macciano come una comunità che negli anni è cresciuta, acquisendo sempre più importanza per il Comune. Infatti, il marciapiede collegherà il centro abitato con una nuova area verde di circa 800 metri quadrati, comprendente dei parcheggi per le automobili e un viale alberato con circa 22 piante tra tigli e querce, da realizzare dietro l’attuale distributore.

“Dalle promesse a me piace passare rapidamente ai fatti – dichiara il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli– avevo detto che entro maggio il cantiere sarebbe stato pronto e così è stato. Il marciapiede e l’area verde di Macciano, sono sia un progetto importante che un servizio di grande utilità per tutta la comunità della frazione e sono soddisfatto di essere riuscito a far partire i lavori. Certo il periodo non è semplice, ma ai cittadini serve, da parte del pubblico e l’avvio di questi lavori ne è la conferma, meno lamentele e meno autocommiserazione, ma più fatti e risposte concrete. Come Comune, vogliamo cambiare il volto di questa città e restituirla alla fine del mandato, ormai giunto a metà, più bella di come l’abbiamo trovata, per questo crediamo e mettiamo tante energie nella partenza e realizzazione di lavori pubblici ed è sempre per questo che nonostante i freni che arrivano inesorabili da Roma e dai legacci dell’odioso patto di stabilità, siamo riusciti a pagare da inizio anno ben 55 aziende per 1 milione e 100 mila euro. Tutto questo è la dimostrazione del nostro nuovo modo di fare politica, amministrando una città con uno sguardo sempre verso il domani e sempre e solo per il bene di tutta la collettività.”

Macciano, dunque, avrà presto una nuova area verde e un nuovo marciapiede. Il costo complessivo del progetto per la Pubblica Amministrazione si aggira intorno ai 350 mila euro e i lavori dovrebbero terminare entro 3 mesi. In attesa del taglio del nastro, intanto, i cassonetti dell’immondizia sono stati spostanti dal lato della strada con più abitazioni, come richiesto dai cittadini per ragioni di sicurezza.

Nessun commento su Iniziano i lavori a Macciano per il marciapiede e il parco pubblico

Storica promozione per la Emma Villas Chiusi

La Emma Villas Chiusi vince anche gara-due di finale e vola in serie B2. A coronamento di una stagione memorabile, che ha visto i ragazzi del presidente Gianmarco Bisogno protagonisti…

La Emma Villas Chiusi vince anche gara-due di finale e vola in serie B2. A coronamento di una stagione memorabile, che ha visto i ragazzi del presidente Gianmarco Bisogno protagonisti indiscussi del torneo, è arrivata la storica promozione.

Un anno bello e impareggiabile: ventinove successi su trenta partite, un’unica macchia durante la stagione regolare e un play-off perfetto; prima è toccato a Monteluce, poi a Selci, infine a Perugia, tutte si sono dovute inchinare.
Nel palazzetto di San Marco gremito in ogni ordine di posto la Grifo Volley Perugia parte forte e va in vantaggio, poi, col passare del tempo, il suo rendimento cala ed i chiusini non si fanno pregare per prendere il sopravvento.
In avvio Camardese rompe il ghiaccio cercando subito il gioco in veloce e mandando a segno prima Santilli e poi Sabatini i locali però hanno un gran Margaritelli. Sino al 7-7 c’è equilibrio ma agli ospiti manca la fluidità in seconda linea ed arriva il break a muro che scava il solco (13-9). I grifoni non hanno sbavature ed Urbani rincara la dose (20-15). Nel finale i biancoblu non ci credono ed affondano per colpe proprie. Alla ripresa ai perugini basta non regalare nulla per tenere il passo di un Chiusi che, Bartolucci a parte, continua a sbagliare (9-9). Santilli si prende le sue responsabilità e mette giù palloni in continuità ma si avanza alla pari sino al break operato da due muri (17-19). Lo spunto finale di Bittoni, otto palloni vincenti nel set, scrive il pareggio con due ace.

Anche il terzo frangente di gioco parte bilanciato con Sabatini che risponde a Margaritelli, manca la continuità perché i servizi vanno spesso fuori misura e la situazione non si sblocca, almeno sino al 13-13. Qui ad azionare il turbo è di un micidiale Bartolucci che provoca l’allungo (17-20). Un ultimo sussulto dei locali riporta ad un punto la differenza ma poi c’è solo la Emma Villas che con Sabatini si procura quattro palle del vantaggio e con Bittoni passa due ad uno.

Nel quarto periodo botta e risposta tra Bastianini e Merli (6-6). C’è nervosismo e fioccano due ammonizioni, una per parte a Sordini e Sabatini, che portano sull’11-10. La Emma Villas prova la fuga in due riprese (14-17). Camardese cerca l’ispiratissimo Sabatini che non fallisce un colpo e mantiene inalterate le distanze (16-19). Bittoni (match winner) toglie le castagne dal fuoco e Bastianini chiude la palla che fa salire alto l’urlo.

Tutti in piedi, c’è una nuova regina, s’inchina la pallavolo di serie C maschile al cospetto di sua eccellenza Chiusi, anomalia del campionato umbro. Lo scettro del potere è della società sportiva toscana. E’ vittoria. E’ promozione. E’ storia. Il club biancoblu iscrive il suo nome per la prima volta nell’album del campionato regionale. Affermazione che spalanca le porte del paradiso, un successo che ripaga dei tanti sforzi fatti.

Nessun commento su Storica promozione per la Emma Villas Chiusi

Xbox One, console rivoluzionaria o flop clamoroso?

La scorsa settimana la Microsoft ha presentato la console che sostituirà la Xbox 360, si chiamerà Xbox One. Il colosso di Redmond, per la presentazione, non si è limitato a…

La scorsa settimana la Microsoft ha presentato la console che sostituirà la Xbox 360, si chiamerà Xbox One. Il colosso di Redmond, per la presentazione, non si è limitato a mostrare il controller, come aveva fatto precedentemente la rivale Sony. Microsoft, infatti,  ha pensato bene di scoprire molte delle sue carte, mostrando tutti i  pregi e purtroppo, anche i molti, moltissimi difetti della sua nuova piattaforma videoludica. Un immagine significativa delle forti aspettative deluse non solo da parte degli utenti, ma anche degli investitori, è il fatto che il giorno dopo l’annuncio della Xbox One sono salite le quotazioni in borsa della Sony.

Aspetto. Senza dubbio non si può dire che la Microsoft abbia puntato tutto sull’estetica. La sinuosità delle linee e il design particolare della 360, lasciano spazio ad un parallelepipedo scuro e anonimo, molto simile ai videoregistratori anni ’90. Anche sul lato dimensionale non sembrano che siano stati fatti dei passi in avanti, infatti la console risulta abbastanza ingombrante pur avendo l’alimentatore esterno. Per quanto riguarda il gamepad, nessuna novità estetica di rilievo sul design, ma sarà più leggero e risponderà meglio con nuovi tipi trigger e levette analogiche.

Tv. La cosa che colpisce di più è che la Microsoft con questa terza generazione di Xbox punti tutto sul concetto di media center. Ci sarà la possibilità di guardare i programmi tv in diretta e la disponibilità tantissimi servizi on-demand: dai film, alle serie tv, alla musica. Inoltre sarà possibile registrare i programmi e vederli in un secondo momento. Sono tutte novità accattivanti, ma che non sembrano entusiasmare particolarmente gli utenti medi di una console, interessati principalmente all’aspetto di gaming. Proprio questi contenuti mostrano la necessità della console di essere sempre online.

Interfaccia e sistema operativo. Chiaramente ripresa dal sistema operativo Windows 8, questa sembra essere la novità più convincente. Presenti Tile grandi che integrano perfettamente i contenuti presenti online ed interessante sembra anche la possibilità di gestire più applicazioni in contemporanea. Skype e gli altri servizi social saranno curati in modo particolare, proprio per far percepire la console come un mediacenter adatto all’uso di tutta la famiglia. Grande spazio nella presentazione, hanno ricevuto le nuove funzioni di comando grazie una nuova versione più potente del Kinect, che sarà inclusa in ogni versione della console, sarà possibile gestire l’interfaccia tramite gesti e comandi vocali semplici e che si adatteranno ad ogni utente. Una delle novità accolte con più interesse è il fatto che il kernel della console sia basato interamente su Windows 8, aprendo quindi alle possibilità di sviluupo del software.

Giochi. Il vero buco nell’acqua della presentazione riguarda il core business che dovrebbe avere una console: i giochi. Sono rimasti a bocca asciutta quelli che si aspettavano di vedere un po’ di sano gameplay, cosa abbastanza normale ad una presentazione di una console. Sono stati proiettati dei classici trailer da poco più di un minuto per Forza Motorsport 5, per il nuovo motore fisico Ignite della EA (disponibile per i titoli sportivi più famosi come NFL e FIFA), per Quantum Break (gioco sviluppato dai creatori di Max Payne e Alan Awake). In questi trailer nulla si è mostrato del gioco vero e proprio. Grande attesa per l’anteprima di Call of Duty: Ghosts, sviluppato da Infinity Ward con un nuovo motore grafico e una trama curata dal regista di Traffic. Ad alimentare il mistero è la notizia che nel primo anno usciranno 15 titoli in esclusiva per la console di Microsoft, 8 dei quali saranno completamente nuovi.

Forse la Xbox One non ha entusiasmato come avrebbe dovuto, ma il troppo mistero sui giochi lascia aperta la sfida con la Playstation 4 con cui dovrebbe incrociare le spade al prossimo E3. Non resta quindi che aspettare.

Nessun commento su Xbox One, console rivoluzionaria o flop clamoroso?

Offerte di lavoro fino al 31 maggio – Centro per l’impiego

Di seguito potete trovare le ultime offerte di lavoro per la settimana fino al 31 maggio 2013, pubblicate dal Centro per l’Impiego della provincia di Siena. In base a quanto…

Di seguito potete trovare le ultime offerte di lavoro per la settimana fino al 31 maggio 2013, pubblicate dal Centro per l’Impiego della provincia di Siena. In base a quanto disposto dalla legge 125/91, tutti gli annunci per ricerca e selezione del personale si intendono rivolti a persone dell’uno e dell’altro sesso. Per qualsiasi informazione potete contattare direttamente gli uffici relativi al territorio della Valdichiana:

[divider]CENTRO IMPIEGO DI MONTEPULCIANO

Piazzetta Pasquino da Montepulciano
Tel. 0578 758502 – Fax. 0578 757445
E-mail. ci.montepulciano@provincia.siena.it

CENTRO IMPIEGO DI SINALUNGA
Via Trento, 229/b
Tel. 0577 241920 – Fax. 0577 241930
E-mail. ci.sinalunga@provincia.siena.it [divider]

OFFERTE IN PRESELEZIONE

Rif. 912 – Azienda settore edile in Rapolano CERCA  2 Apprendisti addetti alla gestione dei preventivi
RICHIEDE: Età massima: 29 anni – Diploma ragioneria o equivalente – Patente B e autopropria – indispensabile conoscenza del pacchetto office e internet – buona con oscena lingua inglese – gradita anche minima precedente esperienza nel settore edilizia/serramenti
OFFRE: Contratto di APPRENDISTATO – Orario di lavoro: full time spezzato

Rif. 895 – Servizi settore grafico in Sinalunga CERCA  1 Apprendista grafico con mansione progettazione di cataloghi, depliant, immagini coordinate, logotipi e marchi
RICHIEDE: Età massima: 29 anni – Diploma scuola superiore – Patente B e autopropria – indispensabile conoscenza del pacchetto adobe (photoshop, illustrator, indesign)
OFFRE: Contratto di APPRENDISTATO – Orario di lavoro: spezzato 8.30 -13.30 14.30-18.00

Rif. 782 – Maglieria artigiana di Rapolano CERCA 2 ADDETTE AL RAMMAGLIO
RICHIEDE: patente B – INDISPENSABILE esperienza nella mansione di rammagliatrice
OFFRE: Contratto: tempo indeterminato – Orario di lavoro: giornaliero spezzato

Rif. 891 – Gelateria di Pienza CERCA 1 APPRENDISTA GELATAIO anche alla prima esperienza
RICHIEDE: conoscenza lingua inglese, patente B, età compresa tra i 18 e i 29 anni
OFFRE: Contratto di apprendistato professionalizzante, orario di lavoro full time

OFFERTE DIRETTE

Rif. 824 – Azienda Della Ciana Legnami CERCA 1 Geometra con partita IVA per attività di promozione nel territorio Toscana e Umbria.
RICHIEDE – Esperienza precedente – Diploma di istruzione secondaria superiore indirizzo tecnico per geometri – Patente B
OFFRE – contratto a progetto/collaborazione coordinata e continuativa – orario full time – partita IVA
Rivolgersi a: legnami@gruppodellaciana.it

Nessun commento su Offerte di lavoro fino al 31 maggio – Centro per l’impiego

Type on the field below and hit Enter/Return to search