La pandemia che stiamo vivendo sta avendo degli effetti anche nelle campagne: la mancanza di manodopera, la difficoltà nel reperire nuovi lavoratori per le campagne o di facilitare l’ingresso dei braccianti provenienti da altri Paesi, sta mettendo a rischio l’agricoltura toscana. Mentre divampa il dibattito sulla regolarizzazione di immigrati, tra sanatorie e altre possibilità di impiego di disoccupati, la pressante situazione delle campagne si manifesta nelle mancate coltivazioni e nella perdita di raccolti. Secondo le stime della Cia Toscana, nella nostra regione servono almeno 22mila persone le raccolte stagionali.

«Non si trova la manodopera per lavorare nei campi, sarò costretto a cambiare colture perché non posso correre il rischio di non avere persone per la raccolta». La testimonianza è di Luca Marcucci, agricoltore della Valdichiana (e vicepresidente della Cia Siena), dopo che per settimane non è riuscito a trovare persone per lavorare nella sua azienda agricola a Sinalunga, specializzata nelle colture ortofrutticole.

«Tutti gli anni avevo a disposizione come dipendenti 4-5 persone provenienti dalla Tunisia, ma quest’anno a causa dell’emergenza Coronavirus non possono rientrare in Italia. In questo periodo si sarebbero dovute piantare le colture estive, pomodori, cocomeri, meloni. Invece, non avendo ad oggi la possibilità di sapere se avrò manodopera al momento della raccolta, come faccio ad impiantare? Così ho deciso di ridurre dell’80 per cento la coltivazione di queste colture, e ho piantato mais che non ha bisogno di persone per la raccolta. La stessa situazione in tante aziende agricole della Valdichiana, siamo tutti con gli stessi problemi».

«Siamo ancora in attesa di una soluzione efficace alla mancanza di forza lavoro da parte del Governo – sottolinea il presidente di Cia Agricoltori Italiani di Siena, Valentino Berni – un problema serio ancora in attesa di risposte. Come Cia abbiamo anche messo a disposizione una piattaforma di intermediazione, per mettere in contatto, in tutte le province, aziende agricole e lavoratori, portale riconosciuto dal Ministero del Lavoro, consente a chi cerca occupazione di entrare in contatto direttamente con le aziende della propria provincia, e alle imprese di intercettare velocemente i candidati con la massima trasparenza e legalità».

La mancanza di manodopera sta quindi mettendo a rischio la coltivazione di frutta e verdura di stagione, attività agricola necessaria per rifornire gli scaffali dei supermercati.

«Sarebbe sufficiente un ‘corridoio’ per gli stagionali – conclude Marcucci – anche perché non ci si può improvvisare in molte delle operazioni che si fanno in campagna, per cui sia nel mio caso, come per i frutteti della Valdichiana, così in tutta Italia, è necessario far rientrare con le dovute sicurezze legate all’emergenza sanitaria, chi questi mestieri li sa fare e li ha fatti negli anni scorsi, non basta improvvisarsi».

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Redazione
Redazione

La redazione della Valdichiana è costantemente al lavoro per tenervi aggiornati su questo meraviglioso territorio!

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Valdichiana Shop

I nostri sponsor

Archivi

Close
Close