I tempi cambiano, le mode passano, ma Fantacalcisticamente resta. Quarta puntata e settima giornata in questo freddo weekend di ottobre.

Partiamo subito con il grande calcio che ci propone la Serie A di sabato e le tante scuse che ci offre per non avere una vita sociale. Alle 18 super sfida in chiave Champions per il Toro di Big Pappa Ventura che vola a Modena per sfidare il nuovo Carpi di Sannino. L’imperativo per i padroni di casa, nonostante il cambio di allenatore, è il solito: Letizia, Zaccardo, Borriello e s’abbracciamo. Toro senza pezzi importanti come Peres e Baselli, ma con un Afriyie Acquah in formato calcio a cinque tra scapoli e ammogliati, oltre a un sempreverde Cesare Bovo a comando della difesa. Col cambio di allenatore ci sono sempre delle sorprese durante la partita, perciò punterei forte su Di Gaudio e Borriello. Zappacosta e Glik potrebbero far male.

GaetanoLetizia

Con Letizia sorride la difesa!

Questo sarà il sabato delle riaperture dei locali più IN della provincia di Siena, tutti messi a nuovo (e a norma) e pronti per una notte di sballo. E quale scusa per saltare tutto questo può essere più azzeccata di “Ragazzi scusate stasera faccio serata lunga, prima guardo il derby di Verona e poi interviste post partita fino alle due”? Sì perché Chievo – Verona non è soltanto una stracittadina, è l’essenza. È tutto quello che vorresti vedere e che finalmente puoi vedere. Ci saranno così tante legnate e così tante brutte giocate che piangerai da cotanta inadeguatezza calcistica. Cesar contro Jankovic. Roba da rinchiudersi in casa a vita. Solitamente i derby li vincono le squadre che in classifica stanno messe peggio, perché ci mettono il doppio del cuore. Sala e Hallfredson protagonisti principali, mentre con l’infortunio di Leo Messi Meggiorini potrebbe non avere più certi stimoli nell’eterna sfida tra i mancini più forti degli ultimi vent’anni.

All’ora di pranzo una partita che potrebbe segnare la fine di un’era. Empoli – Sassuolo sarà la fine dell’imbattibilità dei neroverdi? Senza la coppia difensiva AcerbiCannavaro (entrambi infortunati ed entrambi nella mia squadra di fantacalcio, ovviamente) l’attacco toscano potrebbe aver vita facile, nonostante la squalifica per tre giornate di Saponara. E quindi Big Mac pronto a far esultare i sessantamila del Castellani. Attenzione però, Guardiola ha avvertito il mondo: “Se mi trovassi contro DefrelBerardi e Sansone neanche se difendessi in dieci riuscirei a non prendere gol”. Squadre avvisate, mezze salvate.

Tre partite alle 15 e tutte di un livello non indifferente. Palermo – Roma è la sfida dove Dzeko si sblocc…. Ah, no. Allora sarà la sfida dell’eterno Totti, che incanterà Palermo e…. Ah, no. Peccato per l’aggiornamento iOS9 della Apple che non va sull’iTurbe, poteva essere un bell’affare. Chissà che i rosanero non trovino la loro terza vittoria. Io due euro ce li spenderei sull’1 fisso.

Sampdoria – Inter è l’amarcord fatto persona. Da una parte Zenga, portierone veterano dell’Inter e dall’altra Mancini, eroe doriano. Squadra di casa un po’ spenta nell’ultima apparizione, con Eder, Muriel e Cassano molto sottotono, ma tanto sovrappeso. Nerazzurri orfani di Jovetic, che dopo sei partite dà forfait e tranquillizza chi non aveva puntato su di lui non facendo rimpiangere la scelta. Adesso manca solo Pepito Rossi e tutto tornerà alla normalità. Icardi è il grande ex e, Wanda permettendo, il gol è certo.

Udinese – Genoa è un match molto interessante. Nei friuliani lungo stop per Duvan, che ne avrà per un mese e mezzo. Spazio quindi al tandem collaudato DiNatale e Thereau, che non saranno forti quanto Ciofani e Dionisi, ma se la cavano. Nei grifoni è tornato al top Pavoletti, l’uomo che segna più di CR7 e che viene considerato meno di Abbruscato. Dopo la squalifica ritorna Cissokho, l’ala più veloce del Madagascar. Nessun problema invece per il sempre più acquistato dai bambini iTurra, che con una puntualità immane prende 4,5 come se non ci fosse un domani.

iTurbe alla ricerca dell’aggiornamento

Aperitivo pagato da Allegri e Pioli, che pur di far venire gente allo stadio donerebbero uno Sturaro e un Radu ai bambini bisognosi. Juventus – Bologna sulla carta è solo una formalità, ma i bianconeri ci stanno abituando a cose raccapriccianti in campionato. Menzione speciale per Lichtsteiner, che dopo sei anni di apnea rischia la carriera. Ne danno il triste annuncio tutti i laterali di sinistra che ogni volta non venivano marcati. Potrebbe essere la riscossa juventina, quindi sotto con i vari Over e Altro.

Lazio – Frosinone è l’altro derby che ci propone il calendario. Tecnicamente più brutto di quello veronese e con risultato piuttosto semplice da indovinare, ma chissà se Soddimo riuscirà a diventare Re del Lazio con una partita perfetta. Nei laziali potrebbe dire la sua uno che non “bonusseggia” da troppo tempo: Basta.

“Amore stasera usciamo? È una domenica così bella!” Beh, per una volta non ci saranno bisogno di scuse per dirle di no. Basterà sussurrarle all’orecchio “Milan – Napoli, Zapata contro Albiol” per farla sciogliere in un brodo di giuggiole. Capirà che il calcio viene prima di tutto e che il fantacalcio viene prima di lei. Due super attacchi e due pessime difese per uno spettacolo garantito. Impossibile prevedere un risultato, ma di certo Callejon sarà protagonista assoluto.

Fiorentina – Atalanta è l’altro posticipo delle 20,45. La scienza sta ancora studiando come sia possibile che una squadra con Badelj titolare possa esser prima in classifica, ma nel frattempo ci godiamo un Borja Valero superiore a Iniesta e una difesa più impenetrabile di Lucia de “I Promessi Sposi”. In questi anni la viola ci ha abituati a grandi “tonfi” dopo bellissime prestazioni, vedremo se Sousa invertirà questo senso. Nei bergamaschi tanta fiducia in Kurtic e De Roon, che ricordano vagamente Veron e Rijkaard.

Squadra della settimana:

Sorrentino;
Souprayen, Bovo, Marchese;
Croce, Sala, Soddimo, Padoin;
Trajkovski, Maccarone, Borriello.

Print Friendly, PDF & Email