Benvenuti a tutti coloro che, come me, hanno una tremenda ossessione per il fantacalcio.
Benvenuto a te, che il sabato sera, nonostante la combo serata + alcool, preferisci un divertentissimo Chievo – Carpi. Che a una domenica ricca di piacevoli effusioni con la propria ragazza preferisci “Diretta Gol”. Che a una domenica in famiglia, con parenti rivisti dopo anni, preferisci fare zapping tra la Liga, la Ligue1 e il posticipo di Serie A.
Benvenuti, questa è Fantacalcisticamente: più che una rubrica, uno stile di vita!

È terminata la tanto odiata pausa delle nazionali, con risultati sorprendentemente positivi, e finalmente riprende il nostro amato campionato. La terza giornata, per noi fantallenatori, è fondamentale: le rose sono definitivamente completate, le amicizie sono ufficialmente interrotte fino a Gennaio e il grande libro delle bestemmie è pronto a riempirsi di nuovi e impronunciabili vocaboli.

Quella che ci attende è una giornata ricca di belle partite, con un Sassuolo – Atalanta che terrà incollati ai vari canali streaming moltissimi tifosi in tutto il mondo, non tanto per la fede calcistica, quanto per il bel gioco espresso. Voci di corridoio parlano di un  Pep Guardiola ospite pagante, con tanto di taccuino e assistenti tecnici a seguito, per studiare nel dettaglio il 4-3-3 made in Italy di Di Francesco e Reja.

Ma andiamo per gradi. Sabato alle 18 abbiamo ben due motivi per saltare l’aperitivo: Fiorentina – Genoa e il derby Frosinone – Roma, che nel nord della Cambogia viene visto con maggior interesse rispetto al Classico spagnolo.

rossi_giuseppe34La squadra toscana, dopo una figura a dir poco “cacina” due domeniche fa, si presenta al Franchi con qualche innesto di mercato in pieno stile Della Valle: sconosciuti a basso costo/pipponi cacciati a calci dalla propria squadra. In settimana, sui vari quotidiani sportivi, è filtrata la solita notizia, quella che a ogni settembre infiamma il popolo viola: “È tornato Giuseppe Rossi“. Sì, in allenamento, forse. Chissà quanto ci metterà questa volta per farsi male e saltare gli Europei. Nei grifoni nessuno ha idea di chi giochi, data la rosa di 56 giocatori, perciò se avete genoani puntate sul buon Cissokho e su quello sciupafemmine di Tino Costa. Mentre il gol di Kalinic è più scontato dei prezzi alla Coop.

Lo spettacolo del derby sarà inevitabile. Stellone per tutta la settimana ha caricato i suoi… su qualche Doblò, per aiutarlo nella vendemmia. Adesso abbiamo capito cosa intendeva il coach ad inizio anno, quando ha detto “Sarà una grande annata“. Diverso invece l’atteggiamento di Garcia, che da buon snob francese, è convinto che la chiesa sia già al centro del villaggio. Ne beneficia Maicon, vendutosi ormai a tutti i locali della capitale. Fantacalcisticamente il tridente giallorosso è super consigliato, assieme al portierone Szczesny.

Ma veniamo al sabato sera. Testacoda del campionato. Una piccola Juve ospita un grande Chievo, capitanato dal Messi veneto Riccardo Meggiorini. Quando in squadra hai un talento puro e cristallino così, alla tenera età di trent’anni, è tutto più facile e nel 2015 potremmo avere un Chievo dei miracoli volume 2. I bookmakers danno per favorito il Chievo di Maran, ma mi sento di dire che l’1 handicap può essere una bella giocata e in quanto al fantacalcio Mandzukic, Dybala e Meggiorini sono i giocatori da bonus.

Domenica abbiamo un menù molto ricco. Si parte all’ora di pranzo con Verona – Torino. Il gruppo degli alcolisti anonimi veronesi, affidati al re degli spritz ed ex campione del mondo Luca Toni, cercano riscatto dopo l’ultima di campionato, mentre il Toro del pappone Ventura sta ancora capendo perché in rosa ci siano Amauri e Gazzi. Comunque sia ne vedremo delle belle e QuagliarellaToni sono da inserire indiscutibilmente nelle migliori formazioni di fantacalcio.

Nelle quattro partite delle 15, come detto in precedenza, spicca il big match Sassuolo – Atalanta. I due 4-3-3 più belli d’Europa saranno oggetto di studi negli anni a venire, identificati come il post calcio totale. Le parole di CR7 incoronano Sansone come suo unico erede, mentre Benitez sta già pensando a un possibile trasferimento a Gennaio. Beh, la tentazione di vedere Benzema innescato da Missiroli e Sansone è molto suggestiva. Nelle file bergamasche un sempre abbronzato Edi Reja ha preparato al meglio la partita, con il ritorno fondamentale di Carmona in mediana e l’avvocato Stendardo in versione bomber, oltre al tridente più forte del nord Italia. Defrel si sbloccherà, mentre il buon vecchio Acerbi fornisce sempre solide prestazioni.

Le altre gare: Empoli – Napoli, Palermo – Carpi e Sampdoria – Bologna sono tutte partite con risultato già scritto. Higuain e, se Sarri si sveglia, Gabbiadini, faranno ammattire la difesa toscana, mentre il sempreverde Gilardino è pronto a far suonare di nuovo il suo violino e un grande Silvestre chiuderà la partita di misura al 90′.

fredy-guarin-inter2-1168671599Alle 18 l’Udinese di nonno Di Natale vola a Roma per sfidare gli aquilotti biancocelesti. Con l’innesto di Matri la presenza femminile allo stadio è raddoppiata e gli abbonamenti Sky triplicati. Dopo la scoppola contro la squadra più forte e compatta d’Italia (il Chievo), la Lazio ha lavorato a testa bassa in quel di Formello per due settimane. Candreva dopo una settimana con Pirlo e De Rossi non è più lo stesso, mentre Felipe Anderson se non abbassa la cresta farà la fine di Aquilani. Thereau e Cataldi saranno i marcatori di un affascinante pareggio.

E veniamo al piatto forte di questa giornata: il derby di Milano. Nonostante per tre anni siano state, per distacco, le partite più brutte dei cinque maggiori campionati, quest’anno ci aspettiamo che ambo le squadre riescano a fare più di due tiri in porta e che il marcatore non sia l’Obi di turno. Non ben definito il modulo che userà Mancini, soprattutto perché gli acquisti sembrerebbero fatti un po’ alla canis cazzum, mentre è ben definita la strategia di Mihajilović: al diavolo la difesa, palla alle punte e s’abbracciamo. Sarà un peccato per il calcio mondiale non vedere a confronto Ranocchia ed Ely, ma ahimè uno dei due, se non entrambi, siederanno in panchina. Intendiamoci, non che la sfida tra Romagnoli e Juan Jesus sia poco suggestiva. La domanda che mi faccio, e che di conseguenza giro a voi, è la seguente: la mancanza in mezzo al campo di Kuzmanovic e Muntari quanto influenzerà le stagioni delle milanesi? Più o meno delle partenze eccellenti di Schelotto e Mastour? Staremo a vedere. Comunque sia, se avessi Guarin e Perisic al fantacalcio li metterei ad occhi chiusi.

Squadra della settimana (3-4-3):
Brkic;
Bovo, Masiello, Radu;
Medel, Greco, Vives, Hetemaj;
Dionisi, Pucciarelli, Meggiorini.

Print Friendly, PDF & Email