A Venezia è in pieno svolgimento la 70^ Mostra del Cinema, e come ogni anno il cinema si mescola al glamour. A far parlare della kermesse cinematografica, infatti, non sono solo i film, i registi e gli attori, ma notizie interessanti ci arrivano anche dal red carpet, dove attici e attricette danno il meglio di loro stesse sfoggiando outfit non tutti di buon gusto. Anche quest’anno non sono mancati, e non mancheranno, visto che il festival chiuderà i battenti sabato 7 settembre, pizzi, merletti, spacchi vertiginosi e acconciature assai bizzarre hanno reso il red carpet ancora più interessante.

La prima ad essere sotto i riflettori, e a subire il giudizio di tutti i critici di moda del mondo, è stata la madrina del festival Eva Riccobono che per l’apertura ha scelto una creazione Armani Privè, in organza, seta e pizzo. Un abito lungo svasato e ampio, molto romantico e femminile grazie ai motivi floreali rosa chiaro su tutta la lunghezza. La modella siciliana è una delle più famose del panorama nazionale e internazionale e da qualche tempo è molto attiva anche nel mondo del cinema, tanto da aver dichiarato che la sua nuova passerella è proprio il grande schermo. Un abito leggero che ha messo in risalto la sua figura longilinea, forse un po’ poco adatto alla sua carnagione “latte di luna”. Voto 7.

Abito rosso fuoco, invece, per Sandra Bullock, sfoggiato per la prima del film Gravity. Il modello a fascia con ripresa effetto “origami” sul décolleté ha valorizzato moltissimo le sue spalle atletiche, e lo spacco profondo sulla gonna ha reso giustizia alla sua silhouette perfetta e atletica. I sandali neri firmati Roger Vivier hanno fatto da contrasto all’abito e smorzato l’outfit, donando grinta e quel pizzo di sensualità che non gusta mai. Voto 8.

Fiammetta Cicogna, abbandonati per un po’ scarponi e abiti sportivi, ha scelto un abito verde prato con spalline incrociate sulla schiena e gonna plissettata. La vivacità del vestito era perfettamente bilanciata dal taglio femminile e raffinato e i capelli raccolti in una treccia francese le hanno dato un’aria sbarazzina ma chic al tempo stesso. Davvero una mossa vincente, anche se il colore dell’abito poteva essere rivisto! Voto 7,5.

Calvin Klein Collection per la regista italiana Maria Sole Tognazzi, in occasione della prima del film Via Castellana Bandiera. Un abito seta color dalia con scollo a goccia della Pre-Fall 2012 Calvin Klein Collection disegnata da Francisco Costa. Abito castigato e molto bon ton, invece, quello scelto da Clotilde Courau (attrice e moglie di Emanuele Filiberto) che, con una creazione della collezione 2013 di Alberta Ferretti, ha optato per il bianco e il nero, un binomio un po’ scontato ma almeno è andata sul sicuro. Il bianco e il nero salvano in tutte le occasioni. Per entrambe, stesso voto, outfit carino ma senza esagerare. Voto 6.

Bianco e nero anche per l’attrice Alba Rohrwacher, la protagonista di Via Castellana Bandiera, la quale si è presentata al lido con un abito a trapezio di Moschino a righe orizzontali. Un abito dal sapore vintage e che ricorda molto Pippi Calzelunghe. L’abito a righe è grazioso, forse poco adatto alla fisicità dell’attrice, e l’accostamento con lo stivaletto bianco non migliora assolutamente la sua mise. Un look assolutamente da rivedere. Voto 5.

Spacco inguinale, che ricorda molto Belen durante il Festival di Sanremo 2012, per la modella brasiliana Natalia Borges, presentata sul red carpet con un abito giallo di Fausto Puglisi. Giallo fuori e viola dentro, dallo spacco “giro vita”, la modella non ha lasciato intendere niente se non l’emulazione della sua collega argentina. Abito, comunque, molto raffinato e reso chic dalla scelta dei due colori. Voto 7,5.

Look provocante, forse un po’ volgare, ma decisamente degno di nota è quello scelto dalla modella Liliana Matthaues, abito di pizzo nero, forme in bella vista, con palese esibizione del wonderbra color carne, scarpe con plauteau decisamente troppo alte e troppo di poco buon gusto. Di per sé l’abito non sarebbe totalmente un disastro, ma andrebbero rivisti i particolari. Voto 5.

Maria Ripa di Meana, ci ha da sempre abituato ai sui outfit corredati da cappellini non troppo sobri, e anche quando per la 70 edizione della Mostra non ha voluto deludere il pubblico. Abito nero, piume rosse come stola e gabbietta degli uccellini in testa, con tanto di uccellini colorati appesi. Ah…cosa si fa per non passare inosservata, ovviamente a scapito del buon gusto! Voto 4.

A tirare su i voti ci pensa Anna Safroncik, alla premier di “Philomena”, dove si è mostra con un sensuale ed elegante abito blu di Alberta Ferretti. L’outfit fasciante in chiffon azzurro, a calamitato l’attenzione dei fotografi e del pubblico sulle trasparenze del decolletè, profonda scollatura arricchita da ricami floreali in organza. Nude look sulle spalle e gonna iridescente a sirena. Voto 9.

Per quanto riguarda i look maschili, invece, c’è poco da dire. Il colore must delle serate è il nero, da scegliere in versione smoking con rigorosa camicia bianca con cravatta o papillon nero. I vip che hanno calcato il red carpet si sono tenuti tutti su questa mise, senza commettere grandi errori e andando sul sicuro.

Questi sono solo alcuni degli outfit visti in laguna fino ad ora, quelli che hanno fatto più parlare e quelli che più hanno calamitato l’attenzione, ma la Mostra del Cinema continua e quindi quante stravaganze e cattivo gusto dovremmo ancora vedere? Tra cocktail très chic, party very cool e feste a tema forse i vip strani, nostrani ed internazionali dovrebbero fare un po’ più attenzione a cosa scelgono di indossare, visto che non hanno problemi e non finisco mai per dire “uffa, non ho mai cosa mettermi!”.

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Valentina Chiancianesi

Sinalunga 1984. Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Siena e specializzata in Comunicazione d'impresa, Maketing e Media presso l'Università per Stranieri di Perugia. Inizia a scrivere quasi per caso presso lo storico giornale senese, La Voce del Campo, passando per MyWord.it della Baldini&Castoldi Editori srl Milano, per poi arrivare a La Valdichiana dove dirige la parte editoriale. Vera amante della moda dona il tocco fashion a tutta la redazione.

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close