Dopo la particolare edizione 2021, chiusa al pubblico per via dell’emergenza sanitaria, torna a Torrita di Siena il Concorso Internazionale di Canto Lirico Giulio Neri, giunto alla 14esima edizione. Il numero dei cantanti iscritti è sempre più significativo: 152 concorrenti si susseguiranno al Teatro degli Oscuri, dal 7 al 10 aprile. Provengono da 18 Paesi diversi le voci che parteciperanno alla manifestazione organizzata nel borgo toscano da Comune di Torrita di Siena e Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, con la direzione artistica di Eleonora Leonini.

A presiedere la giuria che valuterà le esecuzioni è stato invitato il celeberrimo baritono Leo Nucci, leggenda vivente della lirica mondiale. Un’altra novità di quest’anno riguarda il ritorno in sala degli spettatori che potranno liberamente assistere alle quattro giornate di esibizioni: la finale in forma di concerto, in programma per domenica 10 aprile alle 16, prevede quindi anche l’assegnazione del premio speciale del pubblico.

A proposito del montepremi, il totale dei riconoscimenti in denaro sale a 5.800 euro, arricchito da due nuove gratificazioni speciali che consistono in ingaggi per concerti.

I cantanti in gara saranno giudicati da una commissione che annovera personalità eminenti della cultura musicale: oltre al presidente Leo Nucci, ci sono infatti Andrea Castello (direttore artistico Vicenza in Lirica e presidente dell’Archivio storico Tullio Serafin), Eleonora Leonini (direttore artistico Concorso Internazionale di Canto Lirico Giulio Neri che da quest’anno sarà sul palco dei giurati), Mauro Montalbetti (direttore artistico Cantiere Internazionale d’Arte), Tiziana Tramonti (soprano e docente della Scuola di Musica di Fiesole), Riccardo Zanellato (basso, già oscar della lirica).

Il Sindaco Giacomo Grazi esprime la soddisfazione del Comune di Torrita di Siena nell’ospitare la nuova edizione di un evento di prim’ordine per il nostro territorio, consolidando il proprio prestigio nella scena lirica nazionale e internazionale. Degna di nota, inoltre, la presenza di artisti provenienti dall’Ucraina e dalla Russia:

“Una partecipazione simbolica, che rafforza l’importanza della cultura. Quest’anno più che mai possiamo apprezzare il valore sociale dell’incontro tra artisti provenienti da culture diverse, perché il confronto culturale può e deve promuovere la convivenza pacifica tra i popoli”.

“La cultura sta ripartendo dopo gli anni difficili della pandemia. – commenta la Presidente della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, Sonia MazziniLe arti non dovrebbero avere colori né confini, siamo tutti in ansia per le vicende internazionali che stiamo vivendo. La cultura è uno dei punti di riferimento per il futuro anche in periodi come questi, elemento propedeutico per riprendere la nostra vita, fonte di benessere sociale e inclusione.”

Anche Eleonora Leonini, a cui è affidata la direzione artistica del concorso, si rallegra per l’ampio numero di cantanti iscritti: “Confermare una partecipazione così elevata in questo anno tanto complesso significa che il lavoro svolto nelle scorse edizioni ha reso il Concorso Giulio Neri tra i più attesi d’Italia. Avere come presidente di giuria niente meno che Leo Nucci è un ulteriore valore aggiunto che impreziosisce la nostra credibilità artistica, mentre l’efficacia organizzativa è ormai comprovata grazie alla produzione della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte.”

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Redazione

La redazione della Valdichiana è costantemente al lavoro per tenervi aggiornati su questo meraviglioso territorio!

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close