Nonostante ci si aspetti, durante un viaggio attraverso le colline toscane, di incontrare numerose cantine vinicole e frantoi, ci si imbatte sempre più di frequente anche nei birrifici artigianali, una realtà in costante crescita anche nel nostro territorio fortemente legato alla cultura del vino.

Il perché della scelta di aprire un birrificio si ritrova facilmente nell’unione tra la passione per il fai-da-te e la bellezza di un’operazione artigianale legata all’agricoltura. Un valore che può creare una miscela esplosiva, se inserito nello scenario paesaggistico ed enogastronomico di un territorio come quello chianino e catalizzato dalla passione di una coppia di fratelli.

Questa è stata la prima impressione che ho avuto quando ho messo piede all’interno del Birrificio Saragiolino, una giovane start-up agricola nata da pochi mesi tra le dolci colline di Torrita di Siena.

È stato Andrea a raccontarmi la storia dell’azienda e i motivi che l’hanno spinto a seguire la sua passione assieme al fratello Lorenzo: la coppia di giovani fratelli torritesi ha ereditato l’azienda agricola dai genitori e ha investito il proprio futuro nella creazione del progetto Saragiolino.

Il birrificio sorge all’interno di un’azienda agricola che è stata tramandata di generazione in generazione da veri contadini toscani. I fratelli che hanno ereditato la conduzione dell’impresa hanno pensato di sviluppare un progetto ambizioso per la riqualificazione aziendale, il rinnovamento dei macchinari, la riduzione dei prodotti chimici usati e le concimazioni, perseguendo l’obiettivo dell’agricoltura biologica.

IMG_0557Nella birra artigianale si trova la risoluzione perfetta del progetto: attraverso una filiera corta che utilizza fonti di energie rinnovabili per la trasformazione del prodotto agricolo, l’orzo coltivato nei campi di famiglia viene utilizzato per la produzione della birra agricola, arrivando alla chiusura del ciclo.

Il progetto è nato nel 2012 e i lavori per la realizzazione della cantina nel 2013.  L’edificio è in tipico stile toscano e al suo interno trovano spazio il magazzino per l’olio extra vergine e il birrificio, dove avviene il processo di trasformato dell’orzo e del frumento. A chiusura della filiera agricola è presente anche uno spazio per la vendita diretta e per la degustazione dei prodotti, sapientemente abbinati ad altre eccellenze prodotte da aziende locali.

Andrea è entusiasta nel raccontare la sua passione per la birra e i motivi che l’hanno spinto a intraprendere questa sfida, aziendale e personale, in un territorio come quello della Valdichiana senese:

“Quella per la birra artigianale era una passione che io e mio fratello avevamo già da molti anni. Facevamo delle prove, mettevano da parte le bottiglie in garage, le facevamo assaggiare agli amici. Quando si è presentata l’occasione di innovare l’azienda di famiglia abbiamo fatto questo investimento.”

Indubbiamente, il nostro territorio è più famoso a livello internazionale per il vino e per altri prodotti enogastronomici di grande qualità. Anche se negli anni sono nati alcuni birrifici artigianali, la birra non è certo uno dei prodotti tradizionalmente ricollegati all’area chianina. Ma questo non spaventa i fratelli Crociani: anzi, pensano che questa coesistenza possa creare un interesse maggiore nel loro prodotto, che non ci sia concorrenza né rivalità con il vino, ma che possa aumentare l’offerta complessiva del territorio.

L’arte del mestiere l’hanno imparata da soli, nella piena tradizione di un birrificio artigianale appassionato:

“Abbiamo imparato da autodidatti, attraverso internet, articoli e studi personali. Ci siamo informati per fare la birra da soli e abbiamo imparato sulla nostra pelle. Prima abbiamo maltato del grano con il quale abbiamo prodotto la prima birra, che è venuta buonissima, ed è stato uno stimolo per fare ancora di più e ancora meglio. Con il birrificio chiudiamo la filiera dei cereali: abbiamo i campi, ci facciamo l’orzo e poi la birra. Quindi, filiera completa.”

IMG_0540

Ma qual’è il procedimento utilizzato dal Birrificio Saragiolino per produrre la sua birra agricola? L’orzo viene trasformato in malto, macinato e ammostato; rimane a bagno nel  tino di ammostamento e dall’impasto di acqua e malto si va a creare il mosto dolce, che viene poi bollito e sterilizzato. A questo punto il processo si sposta nel tino di bollitura, dove vengono aggiunti il luppolo e le spezie, e prosegue nel fermentatore dove avviene l’aggiunta del lievito adatto al tipo di birra che si vuole ottenere. Dopo tre settimane nei fermentatori, lo zucchero diventa alcool e anidride carbonica. Quando il prodotto ha concluso il suo periodo di fermentazione inizia la fase di imbottigliamento, durante la quale viene aggiunto zucchero per dare il via a una rifermentazione che darà alla birra la sua gasatura finale.

Le ricette per le quattro tipologie di birra sono state sviluppate in collaborazione con l’Università di Perugia: si tratta di birre prodotte tutte artigianalmente, non filtrate e non pastorizzate, con sedimenti naturali.
La Viola è una belgian strong ale, una birra ambrata ideale con formaggi stagionati, arrosti e stufati. La Vale è una blonde, una birra chiara ideale come aperitivo, per accompagnare carni bianche e piatti a base di pesce. Poi la Chiara è una american pale ale, una birra chiara ideale come aperitivo, con piatti estivi e pizze. Infine la Giulia, una american ipa, è una birra ambrata ideale per affiancare carni rosse, arrosti, hamburger e cioccolato.

La risposta del territorio nei confronti del Birrificio Saragiolino, sia a livello locale che generale, è stata molto buona: i contatti sono arrivati da tutta Italia e tutta Europa. Il loro mercato si è espanso abbastanza da raggiungere le riviere toscana e romagnola, Brescia e persino la lontanissima Singapore.
Hanno anche partecipato a fiere del settore, mostre mercato del territorio e ricevuto buona risposta di pubblico: un riconoscimento è arrivato a “Un Bagno di Birra- tuscan craft beer fest 2015″, il festival delle birre artigianali toscane che si è tenuto a Bagno Vignoni lo scorso Luglio, dove il Birrificio Saragiolino ha vinto
il Premio del Pubblico per la Miglior Birra.

“Il premio vinto a Bagno Vignoni ci ha resi molto felici! Era la nostra prima festa della birra, il pubblico ha apprezzato il prodotto e ci ha premiati.” 

IMG_0569I fratelli Crociani non vogliono fermarsi qui, ma sono già al lavoro per i progetti futuri: il Festival Internazionale della Birra Artigianale a Prato (dal 10 al 13 Dicembre),Golositalia,un’importante fiera del settore alimentare a Brescia (dal 27 Febbraio al 01 Marzo 2016), nuove birre in sperimentazione e la voglia di migliorare le ricette attuali, sempre alla ricerca della qualità superiore. E una piccola chicca: il tentativo di fare la birra in un vecchio caratello del vinsanto. A dimostrazione di una passione per la birra che si lega alla tradizione locale e alle caratteristiche culturali ed enogastronomiche di questo territorio.

(Per visite e degustazioni: Azienda Agricola Crociani, Loc.Saragiolino 50, Torrita di Siena (SI) – info@saragiolino.it – www.saragiolino.it)

Print Friendly, PDF & Email