Da quando la nuova fase di convivenza con la pandemia da Coronavirus ha permesso la riapertura delle attività teatrali, sono molte le realtà che si sono trovate di fronte a un bivio: rimanere in attesa di un ulteriore allentamento delle normative sanitarie oppure provare a ripartire, nonostante tutto. Il Teatro dei Concordi di Acquaviva ha scelto questa seconda strada, attraverso il progetto di “Resistenza Artistica”, continuazione estiva del laboratorio Teatro Danza gestito da Marta Parri.

Il progetto è nato dall’esigenza di ritrovare la socialità negata dalla fase di emergenza sanitaria nella quale ci stiamo trovando. Il Teatro dei Concordi, gestito dall’associazione “Il Fierale”, da anni si occupa di creare laboratori teatrali, accessibili a bambini e ragazzi del paese. Dall’inizio della quarantena, le attività si sono interrotte unitamente a quelle della scuola in presenza di ogni ordine e grado, e le famiglie si sono spesso trovate a gestire da sole l’educazione dei loro figli. Il laboratorio estivo nasce dall’esigenza di rieducare alla socialità, di cui il teatro è disciplina didattica per eccellenza, e di realizzare e concludere il lavoro che era stato iniziato nella stagione invernale con il laboratorio Teatro Danza.

Il laboratorio si svolge all’interno del Teatro dei Concordi, negli spazi sanificati e predisposti alle attività teatrali e musicali, e in una porzione dei giardini ex-Fierale di Acquaviva, alternando attività all’interno e all’aperto. Le attività si svolgono nel rispetto delle attuali normative sanitarie, che comprendono la distanza di sicurezza tra i partecipanti, l’uso della mascherina e la costante igienizzazione degli strumenti.

Dal 15 giugno, data ufficiale di riapertura dei teatri in Italia, fino al 5 luglio, il laboratorio si svolge tutte le mattine con attività propedeutica teatrale e musicale, fino alle prove dello spettacolo che si terrà al termine di Resistenza Artistica. Gli allievi comprendono circa trenta bambini e ragazzi tra 4 e 15 anni, suddivisi in piccoli gruppi.

Durante il laboratorio i partecipanti svolgono attività teatrali e musicali, lavorando con più tipologie di insegnanti e alternando le lezioni in fasi diverse della giornata (recitazione e improvvisazione, lettura e dizione, montaggio scene e regia, training teatrale e biomeccanica, gestione della voce, body percussion, creazione di ambienti emotivi)

Oltre al supporto dei volontari dell’associazione “Il Fierale”, il progetto è gestito completamente dai ragazzi del laboratorio Teatro Danza di Marta Parri, che nel corso degli ultimi anni hanno realizzato spettacoli come “Nessuno” e “45 Giri” nei teatri del nostro territorio.

In un periodo particolare come quello che stiamo vivendo, dopo due mesi di lockdown e la necessità di mantenere il distanziamento fisico, il Teatro dei Concordi prova a riaprire le sue porte con un progetto all’insegna dell’arte e della socialità, come ben descritto dalle parole di Marta:

“Resistenza Artistica nasce dall’esigenza di continuare a comunicare e a raccontare storie, nonostante si debbano mantenere le distanze e non ci si possa nemmeno toccare. Ma l’essere umano, di ogni età, ha bisogno del contatto con gli altri, anche se a un metro e mezzo di distanza. Dopo più di un anno, vi raccontiamo di nuovo qualcosa, che speriamo vi faccia del bene.”

La dimostrazione finale del laboratorio avverrà sabato 4 e domenica 5 luglio, con due spettacoli alle ore 18 dal titolo “Il Mondo si Divide”, ai giardini ex-Fierale di Acquaviva di Montepulciano.

Lo spettacolo è ispirato alle opere di Italo Calvino. Due mondi, uno pensate e l’altro leggero, che vivono all’oscuro dell’esistenza l’uno dell’altro, si incontrano e si confrontano grazie alla curiosità dei rispettivi abitanti di andare oltre le possibilità a loro conosciute. Così la pesantezza e la leggerezza trovano un equilibrio che porterà alla riunificazione dei due mondi e alla consapevolezza che quei concetti opposti possono in realtà convivere, e che quindi il mondo si divide inutilmente.

L’evento si svolgerà in conformità con le attuali normative sanitarie relative agli spettacoli dal vivo, con il patrocinio del Comune di Montepulciano e la co-produzione del nostro magazine. Per informazioni e prenotazioni, contattateci!

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Alessio Banini
Alessio Banini

Scrittore di narrativa e saggistica, ha conseguito una laurea magistrale in Antropologia Culturale ed Etnologia all’Università degli Studi di Siena. Nato nel 1983 in provincia di Siena, per La Valdichiana si occupa di folclore e storie della tradizione popolare. La sua grande aspirazione di aiutare le persone a pareggiare i tavoli con i suoi libri è stata spazzata via dall'avvento dell'editoria digitale

1 thought on “Resistenza Artistica, esperienze di teatro durante la pandemia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Valdichiana Shop

I nostri sponsor

Archivi

Close
Close