Il reportage de La Valdichiana sull’olio continua con la visita all’Azienda Agricola Carraia in Località Petroio.

Franco Bardi, presidente del Consorzio olio DOP Terre di Siena, e proprietario dell’Azienda Agricola Carraia a Petroio, all’interno della sua attività effettua l’imbottigliamento dell’olio. Per ottenere l’Olio Extra Vergine, Franco possiede olivi di varie specie: Leccino, Frantoio, Moraiolo e Pendolino. L’oliveto, è posto a 430 mt s.l.m., e questa altitudine si rivela ottimale per la coltivazione delle olive.

Quando abbiamo conosciuto Franco, durante la visita al Frantoio La Romita di Carlo Alberto Bindi, gli abbiamo subito chiesto come è stata la raccolta di quest’anno:

Non buona. Quest’anno le olive hanno fatto poca resa, e addirittura tante olive non sono proprio all’altezza di fare l’olio – spiega Franco Bardi – L’ olio non buono di quest’anno, è tale a causa del clima e della mosca. Molti produttori non hanno fatto trattamenti, invece, affinché l’oliva faccia un buon olio, è necessario trattarla e stare attenti alla mosca e alle altre malattie.

Essendo presenti alla macinazione delle olive di Franco e all’analisi dell’olio effettuata dal Biologo Mario, ci siamo ben presto resi conto di come il suo olio fosse molto buono, rispetto alla media. Quindi con curiosità gli abbiamo chiesto come avesse cercato di arginare il problema.

Io tutti gli anni cerco di curare gli olivi. Oggi non sono più le temperature di un tempo, tutto è cambiato, compreso il clima. Sono necessarie molte cure e molte attenzioni.

SAM_54041Qualche giorno dopo siamo stati alla sua Azienda Agricola, per terminare il nostro viaggio nell’olio e scoprire come funziona l’imbottigliamento. Le olive, una volta colte, vengono portate la sera stessa al frantoio. Questo perché è necessario macinarle subito.

Signor Franco, una volta ottenuto l’olio, cosa succede?

L’olio ottenuto, viene messo nei contenitori di acciaio inox che sono collegati direttamente attraverso una pompa, alla macchina che piena le bottiglie di olio. Grazie a questa pompa, l’olio arriva direttamente alla macchina, che viene impostata in base alla quantità di liquido da inserire nella bottiglia. Ogni contenitore può essere da 0,10-0,25-0,75, fino a 5 litri. Il flusso si ferma automaticamente raggiunta la quantità giusta.

E la fase successiva qual è? Servirà il tappo a queste bottiglie!

SAM_54071Da qui infatti si va alla macchina che chiude e avvita il tappo. Poi la macchina successiva, mette il sigillo intorno al tappo. Poi si passa all’etichettatura, che con nostra grande sorpresa, viene fatta a mano. Un’etichetta davanti, una dietro e una intorno al collo della bottiglia, attaccate con grande maestria da Franco, che da 10 anni produce l’olio e ormai è un esperto anche in quest’attività.

Di solito, quante bottiglie imbottigliate al giorno?

Quest’anno purtroppo di olio ce n’è poco e il lavoro è minore, ma gli altri anni, quando è il periodo, arriviamo anche ad imbottigliarne mille al giorno.

Materiale a cura di Maria Stella Bianco e Valentina Chiancianesi

Print Friendly, PDF & Email