La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Autore: Maria Stella Bianco

Torta salata primavera con asparagi

Se vi dico verdure e primavera, quale ortaggio vi viene in mente? Intanto che ci pensate, vi dico che è un ortaggio povero di calorie, ma con molte fibre. Ricco…

Se vi dico verdure e primavera, quale ortaggio vi viene in mente?
Intanto che ci pensate, vi dico che è un ortaggio povero di calorie, ma con molte fibre. Ricco di vitamina C, carotenoidi, sali minerali e vitamina B! Sì, stiamo parlando dell’asparago.

Gli asparagi sono un vero toccasana per il nostro corpo, e non c’è niente di meglio che gustarli in una squisita torta salata, ottima da portare anche ad un pic nic sulla spiaggia.

Ingredienti:

Un rotolo di pasta brisée tonda
3 uova
180 gr di ricotta
100 gr di prosciutto crudo
1 mazzetto di asparagi
Sale, pepe q.b.

Pulire gli asparagi, tagliando via la parte finale o, in alternativa, pelarla con un pelapatate.

Cuocerli in abbondante acqua salata portata a ebollizione per circa 30 minuti. Il tempo è indicativo, guardare sempre la consistenza per capire se la cottura è terminata.

Intanto che gli asparagi cuociono, mescolare in una ciotola le uova sbattute con la ricotta e il prosciutto crudo a striscioline. Salare e pepare.

Stendere la pasta brisée in uno stampo per torte tondo e bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta. Versarvi dentro il composto di uova e ricotta. Terminare disponendo sulla superficie gli asparagi a raggiera.

Infornare in forno preriscaldato a 150° per circa 35 minuti.

N.B. (1)  Meglio usare gli asparagi di campo o, in alternativa, quelli più fini, poiché hanno il gambo meno legnoso e c’è meno spreco nel pulirli.

N.B. (2)  Scolate gli asparagi sotto un getto di acqua bollente, così rimarranno belli verdi!

Nessun commento su Torta salata primavera con asparagi

Colomba con crema al lampone e frutti di bosco

La Pasqua è passata da qualche giorno: chi di noi non si trova in casa una colomba, magari ancora confezionata? Vi propongo un modo originale per consumare questa delizia pasquale…

La Pasqua è passata da qualche giorno: chi di noi non si trova in casa una colomba, magari ancora confezionata?
Vi propongo un modo originale per consumare questa delizia pasquale di pasticceria. Oltre che essere buona, questa ricetta è anche velocissima! Potete posizionare i cronometri prima di mettervi all’opera… In meno di 10 minuti avrete finito!

Preparazione della crema:

La crema pasticcera che andrete a utilizzare potete farla con la ricetta che più preferite. Io ve ne propongo una facilissima:

Mischiate a freddo due cucchiai di farina, uno di zucchero e una bustina di vanillina. A parte, sbattete un uovo e aggiungete a filo, sempre sbattendo, un bicchiere di latte freddo.
Andate poi a unire le due miscele e mettete il composto ottenuto sul fuoco in una casseruola. Mescolate facendo attenzione a non far raggrumare il tutto, continuando a girare finché la crema non si sarà addensata.

Veniamo ora alla realizzazione del nostro dessert.

Ingredienti:

Colomba a fette
Crema pasticcera q.b. (in base a quante fette di dolce avete)
Liquore al lampone
Frutti di bosco

Preparazione:

Prima di tutto tagliate la colomba a fette spesse e fatele abbrustolire su una piastra.
Quando avrete preparato la crema pasticcera, a fine cottura aggiungete una tazzina da caffè e mezza di liquore al lampone. Rimettete qualche secondo sul fuoco per far rassodare.
A questo punto, impiattate prendendo la fetta di colomba croccante e servendola con la crema al lampone decorata con i frutti di bosco freschi.

Nessun commento su Colomba con crema al lampone e frutti di bosco

Plumcake salato con basilico

Qualche giorno fa sono andata a fare la spesa, e al supermercato c’erano in vendita una miriade di piantine aromatiche. Da buon amante del basilico, non potevo che prenderne una…

Qualche giorno fa sono andata a fare la spesa, e al supermercato c’erano in vendita una miriade di piantine aromatiche. Da buon amante del basilico, non potevo che prenderne una piantina. E quindi, la ricetta che vi propongo oggi è un plumcake salato con il basilico.

La versione originale prevede basilico, pomodori secchi e parmigiano, io l’ho modificata mantenendo il basilico ma aggiungendo tonno e olive nere. Provate questo delizioso plumcake mediterraneo, che può essere gustato sia come antipasto che come spuntino. E con l’arrivo del bel tempo, darà ai vostri pic-nic all’aperto quel tocco in più.

Ingredienti:

160 gr farina
1 bustina lievito
3 uova
100 ml latte
100 ml olio e.v.o
50 gr tonno al naturale
Parmigiano grattugiato q.b.
Basilico fresco q.b.
Sale, pepe
Burro e farina per lo stampo da plumcake

Preparazione:

Sbattere in una ciotola l’olio, il latte, il sale e il pepe.
Unire la farina setacciata e il lievito e mescolare bene.
Quando il composto sarà omogeneo, unire il basilico tritato finemente, il tonno e le olive intere.
Aggiungere anche il parmigiano. Mescolare.
Poi imburrare e infarinare uno stampo da plumcake e versarvi il composto.
Mettere in forno ventilato per circa 20 minuti a 180°.
NB. Il tempo è molto indicativo, vige la regola dello stuzzicadenti!

Nessun commento su Plumcake salato con basilico

I fantini del Palio dei Somari: curiosità e domande

Manca soltanto un giorno alla corsa del 58° Palio dei Somari e i fantini si preparano a contendere la vittoria finale! Durante le tradizionali cene propiziatorie del venerdì abbiamo fatto…

Manca soltanto un giorno alla corsa del 58° Palio dei Somari e i fantini si preparano a contendere la vittoria finale! Durante le tradizionali cene propiziatorie del venerdì abbiamo fatto il giro delle contrade di Torrita per raccogliere impressioni e retroscena dagli otto fantini, che ci hanno lasciati con molte curiosità e domande… le risposte saranno svelate in diretta durante la trasmissione!

Porta a Sole: sapete qual’è il soprannome del fantino?

porta a sole 1

Stazione: sapete qual’è il rito scaramantico del vittorioso fantino?

stazione 1

Refenero: qual’è il portafortuna del fantino per tornare a far vincere l’armata bianco blu?

referenero 1

Porta Gavina: qual’è la parola magica del fantino?

porta gavina 1

Porta a Pago: chi è il misterioso fantino?

porta a pago 1

Porta Nova: quanti palii ha già vinto Alessandro?

porta nova 1

Cavone: qual’è il famoso soprannome del fantino?

cavone 1

Le Fonti: i biancorossi schierano sul tufo Gabriele, qual’è il suo soprannome?

le fonti 1

Le risposte a queste e a tante altre domande della 58° Edizione del Palio dei Somari durante la trasmissione di sabato 21 marzo (dalle ore 21) e domenica 22 marzo in diretta su Tele Idea (canali 86-625-699 del digitale terrestre): da non perdere!

Nessun commento su I fantini del Palio dei Somari: curiosità e domande

Bomboloni salati di patate

Anche questo mercoledì vi lascio una ricetta salata da leccarsi i baffi…  Vietato non provarla! Ingredienti: Per l’impasto 500 gr patate rosse 500 gr farina 00 1 cubetto lievito birra…

Anche questo mercoledì vi lascio una ricetta salata da leccarsi i baffi…  Vietato non provarla!

Ingredienti:

Per l’impasto
500 gr patate rosse
500 gr farina 00
1 cubetto lievito birra (20/25 gr)
2 uova
2 cucchiai olio e.v.o
3 cucchiaini abbondanti sale
Per il ripieno
300 gr prosciutto cotto
300 gr formaggio a pasta filata o emmenthal o provola
Facoltativo
Olio per friggere q.b.

Preparazione:

Cuocere le patate e schiacciarle con lo schiacciapatate.

Unire la farina, le uova, l’olio, il sale e il lievito precedentemente sciolto in poca acqua tiepida.

Impastare bene e stendere con il mattarello su una spianatoia infarinata.

Con un coppapasta, ritagliare tanti cerchi. In mancanza del coppapasta, usare un bicchiere o una tazza con una bocca larga.

Quando saranno pronti tutti i cerchi di pasta, prenderne uno e riempirlo con il prosciutto cotto e il formaggio. Prenderne un altro, e sovrapporlo all’altro per chiuderlo. Sigillare bene i bordi.

A questo punto, far lievitare i bomboloni riempiti per un’ora. Mi raccomando, vanno messi su un piano molto infarinato, altrimenti c’è il rischio che si attacchino al piano.

Trascorsa un’ora, è fondamentale decidere se si vogliono cuocere i bomboloni in forno oppure in olio per friggere. In caso voleste farli in forno, è necessario cuocerli a 180° per circa 20 minuti. In caso contrario, è necessario friggerli in abbondante olio di semi.

N.B. Tra gli ingredienti ho scritto “patate rosse” perché ho provato a fare questi bomboloni con le patate gialle, ma forse contenendo troppa acqua non danno il risultato desiderato.

Nessun commento su Bomboloni salati di patate

Girandola di pasta sfoglia con tartufo e prosciutto cotto

Da buona amante delle torte salate di pasta sfoglia e del tartufo in ogni sua forma, non potevo che proporvi una ricetta originale, i cui ingredienti che le fanno da…

Da buona amante delle torte salate di pasta sfoglia e del tartufo in ogni sua forma, non potevo che proporvi una ricetta originale, i cui ingredienti che le fanno da principe sono proprio la pasta sfoglia e il tartufo. Bella da vedere e squisita da mangiare, questa girandola conquisterà tutti.

Ingredienti:

2 rotoli pasta sfoglia quadrata
Prosciutto cotto q.b.
Salsa tartufata q.b.
Formaggio a pasta filata q.b.
1 uovo
Semi di sesamo q.b. (facoltativo)

Preparazione:

Foderate uno stampo rotondo con la carta forno.

Prendete i rotoli di pasta sfoglia, stendeteli e tagliateli a strisce in senso orizzontale, in modo da ottenere 4 strisce per ogni rotolo.

Farcite ogni striscia con il prosciutto cotto tagliato a striscine, il tartufo e il formaggio a pezzettini.

SAM_56651

Ora chiudete e sigillate i bordi di ogni striscia in modo da formare dei cilindri. Inumidite con un po’ d’acqua per fissare meglio la chiusura.

SAM_5666

Quando le avrete farcite e ben sigillate tutte, iniziate a disporle nello stampo in modo concentrico, facendole ben aderire le une alle altre.

SAM_56671

A questo punto, spennelatevi sopra l’uovo sbattuto, e se volete, aggiungete una manciata di semi di sesamo.

Infornare in forno preriscaldato per 15 minuti a 180°.

Nessun commento su Girandola di pasta sfoglia con tartufo e prosciutto cotto

Mug Cake dal cuore morbido

Non smetto mai di sperimentare e, stavolta, quella che vi propongo è una ricetta veloce (pronta in soli 2 minuti!) e davvero golosa. È un’ottima merenda, un buon dessert e indubbiamente…

Non smetto mai di sperimentare e, stavolta, quella che vi propongo è una ricetta veloce (pronta in soli 2 minuti!) e davvero golosa.

È un’ottima merenda, un buon dessert e indubbiamente un’imperdibile colazione da preparare la sera prima e da gustare la mattina per svegliarsi al meglio.

Non ci credete? Provate, poi ne riparliamo!

Ingredienti:

30 gr burro fuso
1 uovo
2 cucchiai zucchero
1 cucchiaino zucchero a velo
3 cucchiai panna fresca
2 cucchiai rasi cacao amaro
6 cucchiai rasi farina
½ cucchiaino lievito
2/3 quadretti cioccolato (fondente, al latte o bianco, a scelta vostra)

Prima di tutto assicuratevi di avere il microonde e una mug, ovvero una tazza grande come quelle tipiche anglosassoni che oggi piacciono tanto anche a tutti noi.

Preparazione:

In una ciotola, sbattete con la frusta l’uovo con lo zucchero e lo zucchero a velo.

Unite la panna, il cacao, la farina, il lievito e mescolare molto bene.

Infine, unite anche il burro fuso e mescolate per rendere omogeneo l’impasto.

Ora prendete la mug e versateci l’impasto. Versate inizialmente solo una parte dell’impasto e mettete qualche quadretto di cioccolato. Poi, terminate versando il restante composto.

A questo punto, cuocete nel microonde a 750 Watt per 2 minuti.

Ovviamente, lievitando, vedrete l’impasto gonfiare e forse avrete la fortuna di vederlo strabordare dalla mug. Per evitare questo, assicuratevi di avere una mug molto capiente e con i bordi belli alti.

Nessun commento su Mug Cake dal cuore morbido

Risotto spinaci e gorgonzola

Quella che vi propongo oggi è una ricetta gustosa, colorata e semplicissima da fare. I protagonisti del piatto sono gli spinaci freschi  e il gorgonzola. N.B. Quelle riportate nella ricetta sono dosi…

Quella che vi propongo oggi è una ricetta gustosa, colorata e semplicissima da fare. I protagonisti del piatto sono gli spinaci freschi  e il gorgonzola.

N.B. Quelle riportate nella ricetta sono dosi indicative di spinaci e gorgonzola. Voi potete mettere più spinaci o gorgonzola, in base ai vostri gusti personali.

Ricetta per 5 persone:

 250 gr spinaci freschi
 250 gr gorgonzola
 15 cucchiai più o meno di riso per risotti
 500ml di brodo vegetale
 1 scalogno
 Sale q.b.
 Parmigiano (facoltativo) q.b.
Noce moscata (facoltativo) q.b.

Preparazione:

Partiamo con il cuocere gli spinaci freschi.
Mettete in una pentola capiente poca acqua salata. Non appena bolle, aggiungete gli spinaci e fate cuocere circa 10 minuti. Scolateli bene, strizzateli e lasciate freddare.

Riprendete gli spinaci e frullateli con il frullatore ad immersione, aggiungendo poca acqua alla volta se risultassero troppo asciutti. Mettete da parte la purea ottenuta.

Ora, in una pentola dal fondo spesso, fate rosolare uno scalogno in poco olio. Unite il riso a cucchiaiate e fate tostare. Iniziate ad aggiungere il brodo, poco alla volta. Quando il riso è al dente, toglietelo dal fuoco.

Terminare la cottura del risotto unendo la purea di spinaci e il gorgonzola tagliato a pezzettoni. Servire ancora caldo e, se volete, con una spolverata di parmigiano e di noce moscata.

 

Nessun commento su Risotto spinaci e gorgonzola

Torrita di Siena: un paese ricco di iniziative

Dopo la Fiera di San Leonardo svoltasi a Montefollonico, riscuotendo molto successo, Torrita di Siena continua a far parlare di sé con i molti progetti in cantiere per i prossimi…

Dopo la Fiera di San Leonardo svoltasi a Montefollonico, riscuotendo molto successo, Torrita di Siena continua a far parlare di sé con i molti progetti in cantiere per i prossimi mesi. Per le Feste Natalizie, infatti, verrà organizzata una mostra di pittura, da giugno a luglio 2015 un salotto estivo, e verrà organizzata anche una fiorente stagione teatrale.

“In passato, la locale Pro Loco ha organizzato dei concorsi di pittura che hanno avuto molto successo. È proprio con quei quadri che organizzeremo una mostra di pittura che verrà inaugurata il 20 Dicembre e che proseguirà fino all’Epifania – spiega l’assessore alla cultura Paolo Tiezzi – Poi, da metà giugno fino al luglio del prossimo anno, abbiamo intenzione di organizzare una sorta di salotto torritese in Piazza Matteotti. Ma non bisogna dimenticare la stagione teatrale che verrà presentata ufficialmente il 5 dicembre, e la cui gestione è affidata per un anno alla Compagnia Teatro Giovani”.

“È stata la Fondazione Torrita Cultura che ha pensato di organizzare una mostra pittorica di questo genere. Personalmente, credo che sarà una buona occasione per far rivivere il centro del Paese durante il periodo Natalizio- afferma il Sindaco Giacomo Grazi – Inoltre, la mattina del 20 Dicembre, verrà organizzata una conferenza stampa per presentare ufficialmente la Fondazione Torrita Cultura.”

Ma non è finita qui, poiché a Torrita si è costituito anche il Centro Territoriale Acli, un’associazione che andrà ad affiancare il lavoro dell’Ufficio Turistico e della Pro Loco. L’obiettivo dei membri, tutti volontari e presieduti da Manuele De Bellis, è far conoscere ai residenti e ai turisti, i tesori di Torrita, siano essi di carattere artistico, culturale, enogastronomico o clericale.

“L’associazione sta lavorando e durante lo scorso fine settimana ha già guidato un nutrito gruppo di turisti – commenta il Sindaco Grazi – Il suo compito sarà cercare di intercettare i flussi turistici, mostrando ai visitatori le nostre eccellenze, visitando anche negozi ed aziende, con la possibilità di acquistare prodotti locali”.

Nessun commento su Torrita di Siena: un paese ricco di iniziative

Fondazione Torrita Cultura: intervista al presidente Luca Spadacci

Anche Torrita ha la sua Fondazione che si occuperà di cultura: Fondazione Torrita Cultura. Lo statuto è stato approvato in consiglio comunale con il voto favorevole della maggioranza e dei…

Anche Torrita ha la sua Fondazione che si occuperà di cultura: Fondazione Torrita Cultura. Lo statuto è stato approvato in consiglio comunale con il voto favorevole della maggioranza e dei rappresentanti della lista civica, unico voto contrario quello del consigliere del Movimento 5 stelle.

La Valdichiana ha intervistato il Presidente della Fondazione Luca Spadacci per capire il ruolo che avrà all’interno del territorio. Nata il 21 Ottobre 2014, la Fondazione vuole cercare di valorizzare e di far conoscere il cospicuo patrimonio culturale che la cittadina di Torrita possiede. Una delle idee dell’Associazione, è cercare di creare nuove iniziative di carattere sociale oltre che culturale. Al momento i membri stanno lavorando per elaborare un’attività di promozione e di supporto per sostenere quanto già fanno le varie associazioni, cercando di mettere in piedi iniziative del tutto nuove.

La Fondazione Torrita Cultura ha intenzione di creare autonomamente un Festival?

È ancora presto per parlare di un evento di grandi dimensioni come un Festival vero e proprio, anche perché i fondi che abbiamo a disposizione sono modesti. Resta il fatto che se i cittadini, hanno una particolare idea per un Festival Culturale a Torrita, noi chiediamo loro di esporci il progetto e cercheremo di fare del nostro meglio per attuarlo insieme.

Quindi la nascita di questa Associazione non lascia presupporre il mancato rinnovo della partecipazione di Torrita alla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano.

No, la collaborazione continua. e noi non abbiamo che da imparare da una Fondazione del genere che possiede più esperienza della nostra, ed è molto più ricca.

Chi sono gli altri componenti dell’Associazione?

Appartengono al Consiglio il Sindaco Giacomo Grazi e l’assessore alla cultura pro-tempore, in quanto membri di diritto. Sono poi stati nominati 5 cittadini torritesi, al momento 3 uomini e 2 donne, scelti tra coloro che in passato si sono contraddistinti per l’impegno in attività culturali e sociali per la comunità. Ci auguriamo comunque che il numero di coloro che vogliono aderire spontaneamente, aumenti.

Questo verrà fatto affinché Torrita diventi un autentico laboratorio di idee, nonché una vera e propria fucina creativa, – continua Luca Spadacci – per migliorare il benessere dei torritesi e dare un’immagine positiva della comunità.

In precedenza, è mai esistito niente di simile a Torrita?

No, l’idea è del tutto nuova e priva di precedenti, e affonda le radici nel programma elettorale dell’attuale Sindaco. Dopo essere stato eletto, egli ha subito iniziato a lavorare per realizzare la Fondazione, strumento privilegiato per l’attuazione del suo programma per la cultura a Torrita.

Per quanto riguarda i progetti dell’area Valdichiana Luca Spadacci dice:

Tutti i progetti culturali, a parere mio, non hanno e non devono avere dei confini territoriali. La nostra priorità è ovviamente che i progetti siano interessanti per la nostra comunità, ma saremmo felici di abbracciare i gusti di qualsiasi cittadino, di area Valdichiana e non.

1 commento su Fondazione Torrita Cultura: intervista al presidente Luca Spadacci

Produzione dell’olio: fase dell’imbottigliamento

Il reportage de La Valdichiana sull’olio continua con la visita all’Azienda Agricola Carraia in Località Petroio. Franco Bardi, presidente del Consorzio olio DOP Terre di Siena, e proprietario dell’Azienda Agricola…

Il reportage de La Valdichiana sull’olio continua con la visita all’Azienda Agricola Carraia in Località Petroio.

Franco Bardi, presidente del Consorzio olio DOP Terre di Siena, e proprietario dell’Azienda Agricola Carraia a Petroio, all’interno della sua attività effettua l’imbottigliamento dell’olio. Per ottenere l’Olio Extra Vergine, Franco possiede olivi di varie specie: Leccino, Frantoio, Moraiolo e Pendolino. L’oliveto, è posto a 430 mt s.l.m., e questa altitudine si rivela ottimale per la coltivazione delle olive.

Quando abbiamo conosciuto Franco, durante la visita al Frantoio La Romita di Carlo Alberto Bindi, gli abbiamo subito chiesto come è stata la raccolta di quest’anno:

Non buona. Quest’anno le olive hanno fatto poca resa, e addirittura tante olive non sono proprio all’altezza di fare l’olio – spiega Franco Bardi – L’ olio non buono di quest’anno, è tale a causa del clima e della mosca. Molti produttori non hanno fatto trattamenti, invece, affinché l’oliva faccia un buon olio, è necessario trattarla e stare attenti alla mosca e alle altre malattie.

Essendo presenti alla macinazione delle olive di Franco e all’analisi dell’olio effettuata dal Biologo Mario, ci siamo ben presto resi conto di come il suo olio fosse molto buono, rispetto alla media. Quindi con curiosità gli abbiamo chiesto come avesse cercato di arginare il problema.

Io tutti gli anni cerco di curare gli olivi. Oggi non sono più le temperature di un tempo, tutto è cambiato, compreso il clima. Sono necessarie molte cure e molte attenzioni.

SAM_54041Qualche giorno dopo siamo stati alla sua Azienda Agricola, per terminare il nostro viaggio nell’olio e scoprire come funziona l’imbottigliamento. Le olive, una volta colte, vengono portate la sera stessa al frantoio. Questo perché è necessario macinarle subito.

Signor Franco, una volta ottenuto l’olio, cosa succede?

L’olio ottenuto, viene messo nei contenitori di acciaio inox che sono collegati direttamente attraverso una pompa, alla macchina che piena le bottiglie di olio. Grazie a questa pompa, l’olio arriva direttamente alla macchina, che viene impostata in base alla quantità di liquido da inserire nella bottiglia. Ogni contenitore può essere da 0,10-0,25-0,75, fino a 5 litri. Il flusso si ferma automaticamente raggiunta la quantità giusta.

E la fase successiva qual è? Servirà il tappo a queste bottiglie!

SAM_54071Da qui infatti si va alla macchina che chiude e avvita il tappo. Poi la macchina successiva, mette il sigillo intorno al tappo. Poi si passa all’etichettatura, che con nostra grande sorpresa, viene fatta a mano. Un’etichetta davanti, una dietro e una intorno al collo della bottiglia, attaccate con grande maestria da Franco, che da 10 anni produce l’olio e ormai è un esperto anche in quest’attività.

Di solito, quante bottiglie imbottigliate al giorno?

Quest’anno purtroppo di olio ce n’è poco e il lavoro è minore, ma gli altri anni, quando è il periodo, arriviamo anche ad imbottigliarne mille al giorno.

Materiale a cura di Maria Stella Bianco e Valentina Chiancianesi

Nessun commento su Produzione dell’olio: fase dell’imbottigliamento

Fusione dei comuni: decideranno i cittadini – Intervista a Roberto Machetti, Sindaco di Trequanda

Sabato 18 ottobre, La Valdichiana ha partecipato ad un convengo sull’olivicoltura e cambiamenti climatici a Castelmuzio, organizzato in occasione della Festa dell’Olio di Trequanda e Castelmuzio. Al termine dell’incontro, ha…

Sabato 18 ottobre, La Valdichiana ha partecipato ad un convengo sull’olivicoltura e cambiamenti climatici a Castelmuzio, organizzato in occasione della Festa dell’Olio di Trequanda e Castelmuzio. Al termine dell’incontro, ha avuto l’occasione di parlare con il Sindaco di Trequanda, Roberto Machetti.

Visto che siamo in periodo di raccolta delle olive e vista la forte specializzazione della produzione olearia di questa zona, Lei pensa che quello dell’olivicoltura, potrebbe essere un settore promettente per i giovani?

Assolutamente sì. Quest’anno l’annata non è promettente, ma bisogna saper andare avanti anche dalle disgrazie che la natura ci propone. Dobbiamo iniziare a seguire i ritmi naturali, e perché questo non deve partire dai giovani? I giovani oggi come oggi sono i primi ad avere delle buone iniziative, è giusto che le sfruttino. I giovani avrebbero senz’altro dei buonissimi risultati e anche dei ritorni.

Passando invece alla politica, cosa pensa della fusione dei comuni Trequanda – Sinalunga – Torrita, proposta dai 5 Stelle.

Trequanda-SI_Castello-Cacciaconti1Riconosco il vantaggio della fusione nel poter dare la possibilità ai cittadini di un comune piccolo come può essere Trequanda, di abbassare le tasse. È però necessario capire anche quello che pensano i cittadini.
La maggior parte dei nostri cittadini al momento non conosce cosa significhi realmente attuare la fusione. Preferiscono pagare più tasse ma mantenere il proprio comune. È quindi necessario educarli sull’argomento. Personalmente, sono molto vicino alla posizione che ha espresso il sindaco di Torrita, affermando che la fusione sia il futuro ma non il presente. Vi faccio una metafora: abbiamo la possibilità di far sposare nostro figlio con una ricca ereditiera. Obiettivamente, è un’unione molto vantaggiosa. Però, il matrimonio di interesse prima o poi finisce. È quindi importante fondersi per avere 250mila euro all’anno per 5 anni, però è anche importante che la famiglia cresca, vada avanti e non si sciolga.
È fondamentale mostrare come si possano associare i servizi, lavorando insieme, facendo vedere che in questo modo ci sono dei vantaggi per tutti. Inoltre, non può sicuramente essere l’amministrazione comunale o un partito politico a dire “facciamo la fusione dei comuni”, chi decide sono i cittadini attraverso un referendum.

Sappiamo che Lei fin dall’inizio del suo mandato aveva dato forte importanza al territorio, alle tradizioni, ai giovani e agli anziani. Se dovesse fare un bilancio della sua amministrazione durante questi anni, si potrebbe definire soddisfatto?

Devo essere onesto: sì. Quando siamo entrati in questa avventura sapevamo benissimo che non avremmo potuto fare molto. Noi avevamo semplicemente promesso di mantenere i servizi, tra l’altro neanche dicendo a più bassi costi, perché sapevamo che sarebbe stato impossibile. Quindi abbiamo mantenuto i servizi e ne abbiamo dati altri. Ad esempio la casa dell’acqua, che riduce i rifiuti della plastica e dà la possibilità al cittadino di risparmiare. Il mio grande cruccio che però non dipende solo da me, è la telefonia. Qui a Trequanda sembra di essere nel film di Pieraccioni. È una cosa bruttissima, essere nel 2014 e non avere copertura telefonica. Sto lottando tanto, ma purtroppo i gestori della telefonia sono insensibili al problema in questo momento. Il problema della telefonia l’abbiamo risolto sul capoluogo a Trequanda, mettendo l’antenna in mezzo al bosco, sempre nel rispetto della natura.

 

Vediamo che porta orgogliosamente il braccialetto di Siena 2019. Cosa pensa di questa sconfitta?

In alcune situazioni si dice “vince chi ha fame”. E alla fine dei conti, Matera aveva molta più fame di Siena, e chi ha fame produce progetti più importanti per sfamarsi. Siena ha un territorio eccezionale da spendere, Matera intorno a sé ha poco, anche se i sassi sono meravigliosi. Matera con questa vittoria tenterà di diminuire il gap che aveva con Siena.

Non pensa che Trequanda vada un po’ più valorizzata a livello turistico?

Questo era ed è tutt’ora uno dei miei impegni: far conoscere il nostro territorio. Io e tutti gli assessori, cerchiamo di valorizzare molto il territorio. La difficoltà purtroppo è oggettiva. Non è facile far emergere questo piccolo comune che si trova circondato da territori splendidi e più conosciuti come Montepulciano, Montalcino e Siena. Quindi è difficile far emergere l’aspetto turistico. Noi ci proviamo. Abbiamo anche fatto il progetto Paesaggi del Benessere con l’Unione della Valdichiana, abbiamo fatto tanto sia dal punto grafico che pubblicitario, però oggi con il problema del turismo veloce è difficile.

Materiale a cura di Maria Stella Bianco e Valentina Chiancianesi

Nessun commento su Fusione dei comuni: decideranno i cittadini – Intervista a Roberto Machetti, Sindaco di Trequanda

Type on the field below and hit Enter/Return to search