L’ultimo saluto a Yara Gattavecchi, la giovane poliziana deceduta in seguito all’incidente dello scorso weekend ad Abbadia San Salvatore, si è tenuto nel pomeriggio di giovedì 29 luglio nella Cattedrale di Santa Maria Assunta di Montepulciano.

È stato necessario attendere il nulla osta in seguito all’autopsia, per via delle indagini in corso per confermare quanto accaduto in quella tragica notte, prima di celebrare la cerimonia funebre che, come previsto, ha attirato una folla commossa di persone in Piazza Grande. Le spoglie della ragazza, arrivate dall’obitorio dell’ospedale di Siena, sono state accolte da familiari, parenti, amici e tanti membri della comunità: un surreale clima di silenzio in un afoso pomeriggio estivo, in una piazza in cui si sono fermate le prove degli spettacoli del Cantiere Internazionale d’Arte.

La funzione è stata presieduta dal vescovo Stefano Manetti, di fronte a una nutrita platea che comprendeva anche l’amministrazione comunale di Montepulciano, i docenti e gli studenti dei Licei Poliziani, i vessilli della Contrada di Talosa: Yara Gattavecchi frequentava infatti la 3C del Liceo Linguistico e la sua famiglia è una delle principali produttrici di Vino Nobile di Montepulciano, molto legata anche al Bravìo delle Botti.

“La comunità di Montepulciano è annichilita di fronte al dramma che ha avuto come incolpevole vittima una nostra giovanissima concittadina, un’adolescente che oggi ha cessato di vivere per le conseguenze di un incidente. – aveva commentato pubblicamente il Sindaco Michele Angiolini – Al di là della circostanza già di per sé sconvolgente, resta il dolore immenso per una vita spezzata, per il vuoto che si è creato e che nessuno riuscirà mai a colmare. La notizia della tragedia ha suscitato profonda impressione, come Sindaco sento il dovere, a nome della collettività, di esprimere partecipazione e cordoglio e grande vicinanza alla famiglia, così tragicamente colpita. A titolo personale mi unisco al dolore dei familiari della giovane vittima e rivolgo loro un forte abbraccio.”

Numerosi i messaggi di cordoglio anche da Abbadia San Salvatore, paese in cui si è svolto il tragico incidente.
“Una tragedia che si è abbattuta su due famiglie. – ha commentato il Sindaco Fabrizio Tondi – Esprimiamo le più sentite, sincere, condoglianze alla famiglia Gattavecchi stravolta dalla perdita della figlia. Ci uniamo, anche, al dolore per il dramma che, sicuramente vive sia la nostra giovane concittadina che l’intera sua famiglia.”

Una parte di Yara continuerà a vivere, perché è stato autorizzato l’espianto degli organi.

A tal proposito il “Gruppo Aido di Montepulciano” ha sospeso l’iniziativa del Ludobus in programma a Sant’Albino: “Avevamo in programma la manifestazione Ludobus per informare, e sensibilizzare, la popolazione sulla sulla donazione di organi. La notizia della scomparsa di Yara ci ha indotto ad annullare la manifestazione. Il suo gesto generoso non mitiga minimamente il dolore per la sua scomparsa assurda e l’associazione si stringe attorno alla famiglia che, in più occasioni, ci ha dimostrato la sua collaborazione”.

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Redazione

La redazione della Valdichiana è costantemente al lavoro per tenervi aggiornati su questo meraviglioso territorio!

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close