La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: montepulciano

Capitano Ultimo: legalità e partecipazione, i valori per fare comunità

Proprio nei giorni in cui il Tar del Lazio respinge il ricorso per mantenere la scorta, il Capitano Ultimo, colonnello Sergio De Caprio, arriva a Montepulciano per incontrare gli studenti…

Proprio nei giorni in cui il Tar del Lazio respinge il ricorso per mantenere la scorta, il Capitano Ultimo, colonnello Sergio De Caprio, arriva a Montepulciano per incontrare gli studenti dei Licei Poliziani in un appuntamento organizzato dall’Istituto scolastico superiore e dalla Fondazione Torrita Cultura, con il patrocinio dei Comuni di Montepulciano e Torrita di Siena.

Volto semicoperto da un passamontagna ma con gli occhi senza maschera, Sergio De Caprio, oggi colonnello dei carabinieri, ha incontrato gli sguardi degli studenti poliziani vogliosi di conoscere lui, le sue imprese e cosa avvenne esattamente in quella fredda mattina del 15 gennaio 1993 quando Totò Riina venne arrestato. Un’operazione eclatante, un arresto fondamentale, un colpo grosso alla mafia e alla criminalità organizzata che in quegli anni stava segnando gravemente il nostro Paese.

Ex allievo della ‘Nunziatella‘, tenente al termine dell’Accademia Militare di Modena e formato nella Scuola Ufficiali di Roma, De Caprio chiede di essere trasferito in Sicilia poco più che ventenne, dove presta servizio per due anni come Comandante della Compagnia di Bagheria. Qui nel 1985, a soli 24 anni, arresta i latitanti Vincenzo Puccio e Antonino Gargano, braccio destro di Bernardo Provenzano e killer del Capitano dei Carabinieri Emanuele Basile. Dopo i risultati ottenuti in Sicilia nella lotta alla mafia, viene trasferito a Milano, dove diventa capitano del Ros; è qui che Ultimo fonda il Crimor, Unità Militare Combattente operativa a Palermo dal settembre 1992 e sciolta nel 1997. Oggi il Capitano Ultimo è impiegato presso il Comando carabinieri forestali, nel Reparto biodiversità e parchi, e gestisce una casa famiglia nella periferia di Roma, dove assieme ai volontari dà assistenza ai ragazzi meno fortunati.

Indubbiamente l’arresto di Totò Riina segna l’esistenza del colonnello De Caprio. La cattura gli costerà l’accusa di favoreggiamento a Cosa Nostra insieme al generale Mario Mori, uno dei fondatori del Ros. I due furono rinviati a giudizio su richiesta dell’allora sostituto procuratore di Palermo, Antonio Ingroia, per aver omesso di informare la Procura che il servizio di osservazione alla casa di Riina era stato sospeso, causando così, secondo l’accusa, un ritardo nella perquisizione del covo del boss. Nel 2006, Ultimo e Mori sono stati prosciolti “perché il fatto non costituisce reato”.

Il Capitano Ultimo, che da quel 15 gennaio 1993 vive con il volto coperto perché continuamente minacciato da chi è pronto a vendicarsi contro chi ha portato in carcere uno dei capi mafia più sanguinari della nostra storia, ha scelto il nome Ultimo ‘perché vedevo che tutti volevano essere primi, volevano emergere e ricevere prestigio. Credo che il lavoro del carabiniere sia un donare e non un avere”

Nel suo periodo più difficile, Capitano Ultimo trova aiuto nel capo Apache delle bianche montagne, Ronnie Lupe e nelle aquile. Il capitano, affascinato dalle tecniche di combattimento degli Apache, un giorno decise di scrivere al loro capo; da un loro incontro e un sogno particolare, il colonnello riuscì a ritrovare forza e determinazione. Per gli Apache le aquile sono delle guide: ‘le aquile fanno stare bene, nel volo ti senti libero’. Destino vuole che esattamente 17 anni dopo quel 15 gennaio 1993, il Capitano Ultimo balzi di nuovo agli onori della cronaca, per la sentenza emessa dal Tar del Lazio in cui gli viene revoca la scorta. Decisione che il colonnello commenta così: ‘Da oggi colpire il capitano Ultimo sarà più facile per tutti’.

Sicuramente quelli colpiti dal suo coraggio sono stati gli studenti dei Licei Poliziani nel corso dell’incontro che si è svolto agli ex-Macelli di Montepulciano. In una realtà in cui si respira odio, paura del prossimo e dove si stanno perdendo di vista molti dei valori per cui ci siamo battuti, la vera rivoluzione è trovare il coraggio di parlare di legalità come opportunità per il futuro, di ribellione senza uscire dalle regole, voglia di acquisire conoscenze e interiorizzare quei valori che stanno alla base della convivenza civile: “Dovete fare vostri i problemi del territorio, non aspettare che qualcuno li risolva per voi, la legalità si costruisce, non è un dono, e per combattere la criminalità l’unica strada è partecipare. Sbagliate pure ma proponete alternative nella vostra comunità perché la comunità è tutto”.

Non serve molto per fare la rivoluzione, serve solo essere umani, assumersi le proprie responsabilità, sbagliare e imparare, sviluppare una coscienza civile che derivi dalla legalità. Attraverso l’uguaglianza si deve arrivare alla fratellanza e alla partecipazione in cui i valori siano condivisi, così da far nascere quella comunità in grado di abbattere qualsiasi tipo di criminalità. Nei suoi racconti, il colonnello De Caprio non lascia spazio a gesti eroici, ma parla di comunità ed equità sottolineando il vero valore di libertà, quella libertà, che come dice Gaber ‘non è star sopra un albero, non è neanche avere un’opinione, la libertà non è uno spazio libero, la libertà è partecipazione’.

Nessun commento su Capitano Ultimo: legalità e partecipazione, i valori per fare comunità

Platonov, la commedia del passato che ha molto da dire sui ventenni di oggi

Sabato 25 gennaio 2020 va in scena al Teatro Poliziano di Montepulciano Platonov – Un modo come un altro per dire che la felicità è altrove, una commedia da Anton…

Sabato 25 gennaio 2020 va in scena al Teatro Poliziano di Montepulciano Platonov – Un modo come un altro per dire che la felicità è altrove, una commedia da Anton Čechov con la riscrittura scenica di Marco Lorenzi e Lorenzo De Iacovo. Lo spettacolo è realizzato dalla compagnia di ricerca teatrale Il Mulino di Amleto, che gli spettatori poliziani hanno già potuta ammirare nel 2018, in occasione della replica de Il Misantropo di Molière. Come allora, anche per questo Platonov  la regia – così come la già citata riscrittura – è di Marco Lorenzi. Lo abbiamo incontrato a pochi giorni dalla replica in Valdichiana.

Ok Boomer, il meme che ha imperversato negli ultimi mesi del 2019, ci mostra un conflitto generazionale dai molteplici sottotesti, ma che muove da una matrice ben precisa: il mondo che i padri hanno lasciato ai figli è devastato, è in crisi, è rovinato dall’inquinamento, è prossimo alla fine per colpa dell’egoismo scriteriato, dello sviluppo insostenibile che è andato crescendo da cinquant’anni a questa parte. L’espressione la usano i ventenni, e la veicolano con lo strumento espressivo più efficace che conoscono: internet.

Nel 1880 un precoce e irrequieto Anton Pavlovič Čechov, stabilitosi da pochissimi mesi a Mosca, dopo aver concluso gli studi ginnasiali a Taganrog, aggregò tutta la sua irriverenza, tutte le sue tensioni giovanili, tutto il disprezzo per la cittadina di provincia da cui veniva, e tutti i suoi interrogativi sul futuro, in un testo teatrale monumentale senza titolo: spedì quindi l’enorme plico di 230 pagine all’attrice Marija Ermolova, una superstar della compagnia stabile presso il Teatro Maly di San Pietroburgo, con tanto di dedica e profonda fiducia nel grande successo che una lettrice così importante gli avrebbe garantito. Anton attese una risposta per mesi e quando questa giunse si configurò come una prima grande bastonata nella carriera del futuro autore e drammaturgo: «Ho letto il suo manoscritto. Dovrebbe occuparsi d’altro, cambiare mestiere», rispose la Ermolova. L’amarezza fu tanta da convincere Čechov a distruggere il manoscritto e abbandonare la scrittura di testi teatrali: per cinque anni, infatti, si occuperà esclusivamente di racconti. L’opera fu riscoperta solo dopo la morte del grande autore russo e venne messa in scena solo a partire dagli anni ’20 del novecento. I titoli utilizzati furono principalmente due: Bezotcovščina (Orfano di Padre) e Platonov

Quanto i vent’anni di Čechov nel 1880 sono assimilabili ai vent’anni del 2020? Ne abbiamo parlato con Marco Lorenzi, che sul testo di Platonov ha operato un particolarissimo lavoro di riscrittura scenica.

Comincerò facendoti una domanda sulla metodologia de Il Mulino di Amleto. Quello a cui assistiamo, quando si vedono i lavori a cui la compagnia ci abituato con spettacoli quali Il Misantropo, La Tempesta e molti altri, tutti fedelmente eseguiti dal punto di vista testuale ma rimodulati dal punto di vista scenico: qual è il processo di lavoro nel confronto con i testi classici?

Marco Lorenzi: Il lavoro che facciamo di rilettura sulla grande drammaturgia classica lo riassumiamo in una formula: “affrontare i testi classici come fossero contemporanei e i contemporanei come fossero dei classici”. Quello che cerchiamo di fare – in tutto il processo creativo dalla rilettura del testo al concetto dello spazio scenico, al lavoro in sala prove – muove da un assunto ben preciso: gli autori classici hanno avuto la capacità straordinaria di leggere l’universalità dei caratteri umani. Al di là delle piccole trame che hanno pensato, sono diventati patrimoni dell’umanità per la lettura che hanno dato della vita degli uomini e del mondo intorno a loro. È incredibile come l’essere umano, analizzato nell’ottica di Molière per esempio, sia sempre contemporaneo a sé stesso. Le neuroscienze oggi attestano la stessa cosa: dal punto di vista emotivo ed emozionale la nostra evoluzione è molto più lenta dello sviluppo tecnologico. Dal punto emotivo siamo similissimi a Platone o Socrate. Questa capacità dei grandi autori di entrare dentro il nucleo dell’essere umano è perennemente contemporanea. Parliamo di esseri umani che reiterano una condizione. Questa cosa è ancora più chiara soprattutto se si ha una capacità o volontà di entrare dentro i meccanismi di certe drammaturgie del passato e volerle leggere bene. Quello che invece invecchia e passa facilmente con il tempo, sono le forme. Shakespeare, Molière, Čechov, ma anche Sarah Kane, descrivono questa profonda conoscenza dell’essere umano con le tecniche e le forme del loro tempo. Queste forme invecchiano. Quello che facciamo noi, quello che fa Il Mulino di Amleto, in fase di creazione è, una volta individuata questa noce, il che-cosa alla base del testo, andiamo a cercare quelle forme, del nostro tempo, equivalenti a quelle indicate nell’originale. Forme che possano essere comunicative per la forma della vita di oggi.

E come reagisce a questo tipo di lavoro il “pubblico di Netflix”, abituato ormai in maniera pervasiva ad altre forme di narrazione?

ML: Partiamo dal presupposto che se noi cercassimo una concorrenzialità verso Netflix partiremmo sconfitti. L’efficacia del linguaggio della serialità cinetelevisiva è completamente differente. Il teatro vive di presenza. Ha questa peculiarità stratosferica per cui una cosa che accade tra esseri umani che sono contemporaneamente nello stesso spazio. Senza illuderci che stiamo guardando una mimesi della realtà, uno spaccato di vita reale, sappiamo benissimo tutti che ciò che accade in scena ne è una suggestione, un simbolo, una metafora se vogliamo, in cui il pubblico è coinvolto, insieme all’attore, da una o più domande che ci riguardano. Questo è il motivo per cui lo spettatore, nel nostro processo creativo, non è un referente dello spettacolo, ma è un agente, è continuamente preso in considerazione. Molto spesso viene chiamato in causa direttamente. Non è lo spettatore di una storia da vedere comodamente seduti, non è un lineare sviluppo di trama da seguire: per questo tipo di narrazione pura ci sono altri – e più efficaci – mezzi di comunicazione. Il pubblico dei nostri spettacoli si ritrova partecipe di quello che fondamentalmente è un meccanismo rituale: ci ritroviamo insieme, a teatro, in quella che è una comunità temporanea, formata da attori e spettatori, a interrogarci su quello che vuol dire essere umani. La reazione dello spettatore – mi viene da dire – è che si trova quasi sempre piacevolmente spiazzato di fronte a un Čechov rappresentato con questi metodi.

Platonov è un testo scritto da un ventenne. Lo si capisce soprattutto dalla riflessione sul talento e sull’aspettativa nei confronti del futuro. Sembra parlare più ai ventenni di oggi che a quelli del tardo XIX secolo. Nel testo, a un certo punto, appare questa battuta, affidata proprio al protagonista, che ben riassume la tematica: «Ricordate quando voi vedevate in me un Lord Byron, e io sognavo di diventare ministro o un Cristoforo Colombo? Sono maestro elementare, Sòfia Egòrovna, nient’altro». C’è a tuo parere una tacca di rappresentazione generazionale di quelli che banalmente chiamiamo giovani d’oggi?

ML: I temi in Platonov sono tantissimi. È un testo sconfinato: l’originale è composto da 230 pagine. Un’enciclopedia. Sicuramente tra le tematiche più forti, intorno alle quali poi abbiamo costruito il riadattamento del testo e la reazione dello spettacolo, sono stati il rapporto generazionale e il concetto di eredità, tra padri e figli. Un’eredità che ovviamente non è solo intesa da un punto di vista economico, ma anche morale, valoriale, sociale. Sono gli insegnamenti di cui una nuova generazione si sente sprovvista, a causa di una generazione precedente, di padri, che è fuggita. Questo fa sì che ci sia una generazione fragile e smarrita. Questa è una cosa che ci riguarda terribilmente. Un altro tema molto forte in Platonov intrecciato al tema precedente – ovviamente per quanto riguarda la lettura che ne diamo noi – che si esplicita nel rapporto tra Platonov e Sofja, è riassunto da una battuta estraniante: «ma perché non viviamo come avremmo potuto?». Questa è la domanda gigantesca che riguarda la nostra attualissima incapacità di credere nel presente e raccontarci continuamente che la felicità sarà domani, o che la nostra felicità è stata nel passato e mai nel presente. La felicità, da sempre, è sempre altrove.

Se questo materiale ha resistito al giudizio del tempo, probabilmente ha toccato nervi emotivi negli esseri umani che, purtroppo o per fortuna, rimangono scoperti…

Siamo ancora quegli esseri umani che racconta Čechov, cambiati forse nella forma che diamo alle nostre giornate, ma non nei contenuti.


Foto di Manuela Giusto

Nessun commento su Platonov, la commedia del passato che ha molto da dire sui ventenni di oggi

Valdichiana, un anno in breve: i dieci eventi più significativi del 2019

Con la fine dell’anno arriva puntuale anche il momento dei bilanci, quello in cui si tirano le somme degli dodici mesi appena trascorsi e si passano in rassegna gli eventi…

Con la fine dell’anno arriva puntuale anche il momento dei bilanci, quello in cui si tirano le somme degli dodici mesi appena trascorsi e si passano in rassegna gli eventi che più li hanno caratterizzati. Quando mancano ormai poche ore all’arrivo del nuovo anno, ecco un riepilogo delle dieci vicende più significative per il territorio della Valdichiana in questo 2019.

13 febbraio
Viene sottoscritto l’atto costitutivo della Fondazione Valdichiana Promozione, dai sindaci e dagli amministratori dei Comuni di Cortona Francesca Basanieri, di Chiusi Juri Bettolini, di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli, di Sinalunga Riccardo Agnoletti, di Torrita di Siena Giacomo Grazi, dall’Assessore di Montepulciano Franco Rossi, il Presidente di Confindustria sez. Valdichiana Giovanni Tiezzi, il Presidente di Aion Cultura Eleonora Sandrelli, il Presidente dell’Associazione OnTheMove Nicola Tiezzi, il Presidente di Confagricoltura Arezzo Angiolino Mancini, Sara Rapini della Conserveria, Fulvio Benicchi direttore della Fondazione Orizzonti d’Arte di Chiusi, con il sostegno dell’azienda Aboca e del Console Onorario del Lussemburgo Stefano Cacciaguerra Ranghieri, in qualità di fondatori del progetto. La Fondazione Valdichiana Promozione nasce come iniziativa di collaborazione per diffondere le opportunità dei Fondi Europei per le imprese del territorio.

30 marzo
Torrita di Siena e Montepulciano diventano mete di riferimento per il ciclismo internazionale, in quanto punti di partenza e di arrivo dell’edizione italiana della gara Gran Fondo New York, un evento per appassionati di ciclismo provenienti da tutto il mondo che si ripeterà anche nei prossimi due anni.

11 aprile
Viene annunciato l’imminente inizio dei lavori al pronto soccorso dell’ospedale di Nottola, un progetto per 2 milioni e 200 mila euro messi a disposizione dalla Regione Toscana e fondi aziendali, che prevede l’ampliamento e la riorganizzazione dei locali di accesso al monoblocco.

26 maggio
In concomitanza con le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, si vota per le elezioni amministrative in 11 comuni della Valdichiana. Un mese dopo, il 26 giugno, si insedia la nuova giunta dell’Unione dei Comuni.

9 giugno
Arriva l’alta velocità a Chiusi, con la fermata di due treni Frecciarossa stabilita inizialmente per il periodo estivo e poi prolungata fino al 7 gennaio 2020. Nel periodo tra giugno e novembre i biglietti venduti da e per la stazione di Chiusi-Chianciano Terme sono oltre 15mila.

25 settembre
Il Consiglio regionale approva all’unanimità il progetto di candidatura del paesaggio della bonifica leopoldina in Valdichiana Toscana, finalizzato alla salvaguardia del territorio attraverso varie attività di mantenimento e valorizzazione dell’area. La ratifica arriva dopo la firma del protocollo d’intesa tra Regione Toscana e Comune di Lucignano, individuato come capofila del progetto che coinvolge anche i comuni di Arezzo, Castiglion Fiorentino, Civitella Val di Chiana, Cortona, Foiano, Marciano della Chiana, Monte San Savino, Montepulciano, Sinalunga, Torrita di Siena e Chiusi, per l’inserimento del paesaggio della bonifica leopoldina della Valdichiana nel Registro Nazionale dei Paesaggi Storici d’Italia.

1 ottobre
La Valdichiana Senese riceve il titolo di Comunità europea dello Sport per il 2021. Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport (ACES Europa) premia il progetto di area che vedrà nel 2021 la Valdichiana sede di numerosi eventi e iniziative a tema sportivo. Il 4 novembre, alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò, della Vice Presidente Alessandra Sensini e del Presidente di Aces Europa Pierfrancesco Lupattelli, al Foro Italico viene conferito il riconoscimento alla delegazione formata dai sindaci e i rispettivi assessori allo sport dei comuni coinvolti.

5 ottobre
La Regione Toscana approva il finanziamento per il progetto “Vero Aglione della Valdichiana”, coordinato dalla società Qualità e Sviluppo Rurale di Montepulciano, Università degli Studi di Siena-Dipartimento di Scienze della Vita, ANCI Toscana, CIA Toscana, la società Agricoltura è Vita-Etruria e quattro produttori dell’Associazione per la Tutela e la Valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana. Il fine è quello di certificare la provenienza del prodotto attraverso un sistema di informatico in grado di informare il consumatore finale.

21 ottobre
La cooperativa Coagria, con sede nel comune di Marciano della Chiana, sottoscrive un contratto di lungo termine con l’azienda Ferrero, per la coltivazione delle nocciole sul territorio di 50 delle circa 200 imprese agricole che riunisce. Lo sviluppo di una nuova filiera produttiva delle nocciole locale andrà ad aumentare l’impiego di materia prima di origine nazionale da parte del Gruppo Ferrero.

14 dicembre
Acea Ambiente ritira il progetto di costruzione dell’impianto di recupero di fanghi biologici delle acque reflue urbane, per il quale aveva acquistato l’area “Ex Centro Carni” di Chiusi Scalo, piano al centro di un’inchiesta pubblica richiesta dalla Regione Toscana e di un lungo e aspro dibattito sia nel territorio chiusino che nel territorio circostante.

Nessun commento su Valdichiana, un anno in breve: i dieci eventi più significativi del 2019

Il soprano Eva Mei riceve il premio Diritto alla Musica a Montepulciano

Il tradizionale concerto natalizio curato dall’Associazione Amici dell’Istituto di Musica di Montepulciano, che si è svolto presso la Chiesa del Ss. Nome di Gesù lo scorso 21 dicembre, ha visto…

Il tradizionale concerto natalizio curato dall’Associazione Amici dell’Istituto di Musica di Montepulciano, che si è svolto presso la Chiesa del Ss. Nome di Gesù lo scorso 21 dicembre, ha visto quest’anno la presenza della cantante lirica Eva Mei, alla quale è stato conferito il premio Diritto alla Musica; il riconoscimento promosso da Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte e Comune di Montepulciano, con il sostegno del Consiglio Regionale, è stato istituito per celebrare la Festa della Toscana. Lo scorso anno, per la sua prima edizione, il premio riservato ai musicisti toscani che abbiano espresso valori civici attraverso la propria arte è stato attribuito al baritono Mario Cassi.

Il celebre soprano, che abitualmente calca palchi prestigiosi come quello del Teatro alla Scala di Milano, Royal Opera House e Covent Garden di Londra, Staatoper di Vienna e Festival di Salisburgo, ha ricevuto il premio dalle mani della presidente della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte Sonia Mazzini, la quale ha ricordato l’impegno dell’istituto di musica poliziano nel trasmettere il valore della musica come strumento utile alla crescita delle nuove generazioni, a favore non solo della professionalità della tecnica, ma per una formazione trasversale nell’educazione dell’individuo.

«Le motivazioni con cui il premio è stato assegnato ad Eva Mei risiedono nella sensibilità umana che caratterizza l’attività artistica di questa eccellenza, già nota a Montepulciano, oltre che per il suo talento universalmente riconosciuto, anche per essere stata protagonista di iniziative come il concerto inedito insieme al mezzosoprano Laura Polverelli, evento che ha rappresentato un prestigioso appuntamento nel programma del 44° Cantiere».

Durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi martedì 17 dicembre, l’assessore alla cultura Lucia Musso è intervenuta sottolineando quanto sia un onore per Montepulciano il fatto di essere sede di un ente come la Fondazione Cantiere, che promuove la cultura e il miglioramento del tessuto sociale attraverso la diffusione delle conoscenze musicali.

In occasione della premiazione si è svolto un evento sinfonico-corale ha unito cento elementi, tra l’Orchestra Poliziana, la Corale Poliziana, diretta da Judy Diodato, il Coro Jacob Arcadelt, condotta da Elisa Marroni e Barbara Valdambrini, e il Coro delle Voci Bianche dell’Istituto H.W.Henze. Il programma musicale era composto da brani sacri, quali O Sacrum Convivium di Molfino, En! Natus est Emmanuel di Praetorius e Gaudete, Christus est natus dalle Piae Cantiones di Anonimo. Il Maestro Alessio Tiezzi ha diretto l’Orchestra Poliziana nella Sinfonia n. 45 di Franz Joseph Haydn e la Missa brevis in do maggiore KV 258 di Wolfang Amadeus Mozart, a cui hanno partecipato il soprano Oksana Maltseva, il contralto Elisabetta Vuocolo, il tenore Enkebatu e il basso Jing Shuheng, quattro voci soliste provenienti da un progetto formativo di cui è partner la Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte. Un repertorio assolutamente gradito al pubblico presente che, nella condivisione dell’armonia offerta da queste realtà della cultura musicale, ha colto l’occasione per scambiarsi gli auguri di buone feste.

Nessun commento su Il soprano Eva Mei riceve il premio Diritto alla Musica a Montepulciano

Il Bravìo degli spingitori: Alessandro Paganelli e Luca Benassi

Piazza Grande, a Montepulciano, trasuda storia. Nella sua perfetta geometria offre ai quattro lati il Palazzo Comunale, dirimpetto a palazzo Contucci, e il Palazzo del Capitano, con accanto il palazzo…

Piazza Grande, a Montepulciano, trasuda storia.

Nella sua perfetta geometria offre ai quattro lati il Palazzo Comunale, dirimpetto a palazzo Contucci, e il Palazzo del Capitano, con accanto il palazzo Nobili-Tarugi. I quattro edifici, sede di quello che nei libri di storia verrebbe definito il potere temporale, fanno quasi da conchiglia alla perla del potere spirituale, il maestoso Duomo, conosciuto anche come cattedrale di Santa Maria Assunta.

In tale suggestiva cornice, cràsi proprio di civiltà e sacralità, ogni ultima domenica di agosto queste due componenti si fondono sopra il sagrato del Duomo, dove arrivano esausti per la fatica gli spingitori delle botti del Bravìo.

E non è un caso che il Bravìo delle Botti sia un’idea nata proprio nella mente di un parroco, Don Marcello Del Balio, che per evitare problemi con la vecchia corsa dei cavalli decise che a sfidarsi sarebbero state le otto Contrade con altrettante botti, simbolo del Vino Nobile e dell’economia del paese. Una tradizione, quella del Bravìo, letteralmente secolare, se si pensa che già verso la fine del 1300 si possono leggere le prime disposizioni in tema negli statuti comunali dell’epoca.

L’evento che ha ricevuto l’etichetta di “Patrimonio d’Italia” dal Ministero del Turismo prende il nome di “Settimana degli eventi del Bravìo delle Botti”, perché naturalmente Bravìo non vuol dire solo gara tra le Contrade, che ne è il culmine, ma anche feste, cene, cerimonie che propiziano l’ultimo atto di una settimana che richiama migliaia di turisti da tutto il mondo.

Aspettative e speranze, fatiche ed emozioni, tuttavia, sono concentrate nei dieci minuti che separano l’inizio del Bravìo delle Botti, sotto la Colonna del Marzocco in via di Gracciano nel Corso, all’arrivo sul sagrato del Duomo, davanti ad un foltissimo pubblico assiepato sulle transenne di Piazza Grande. Il Bravìo, come tutti i palii e le rievocazioni storiche, è il momento in cui ogni Contrada ripone il proprio desiderio di prevalere sulle altre, sia per poter vantarsi della vittoria coi propri “rivali”, ma soprattutto per coronare la settimana di sacrifici che ha impegnato tutta la comunità.

Ovviamente, a caricarsi sulle spalle questo peso non da poco, sono gli spingitori, già impegnati a scalare le ripide salite di Montepulciano spingendo una botte di 80 kg.

Due dei protagonisti hanno così accettato di raccontare cosa significa la parola Bravìo quando si vestono i panni da spingitore. Cosa significano, cioè, quei dieci minuti di ripida scalata vissuti spingendo la botte fino al Duomo, in una Montepulciano che ogni ultima domenica di agosto si trasforma nell’ideale scalinata che porta la profanità sul Paradiso.

Una sorta di Stairway to Heaven, che vi invitiamo a mettere come sottofondo durante la lettura delle imprese che ci hanno raccontato due tra i protagonisti dell’ultimo Bravìo delle Botti: Alessandro Paganelli e Luca Benassi.

Partiamo con il vincitore, assieme ad Attilio “Attila” Niola, del Bravìo 2019, per la contrada di Voltaia.

Alessandro Paganelli quest’anno ha conquistato la sua prima vittoria in coppia con Attila, già trionfante invece in cinque occasioni. Con Attila, curiosamente, ha vinto il Bravìo nelle edizioni 2016 e 2017 anche Matteo Paganelli, che è il fratello gemello di Alessandro, e che in foto potrebbe tranquillamente essere scambiato per lui.

Paganelli, quindi, famiglia di spingitori: Matteo è detto White Kenyan, per la sua silhouette e l’innata capacità di corsa, ça va sans dire; Alessandro, invece, nella settimana del Bravìo è Digiuno, e non servono parole quando sono le immagini a parlare.

Il Bravìo delle Botti, per Alessandro, è una tradizione vissuta fin da giovanissimo, che grazie al padre è diventata poi voglia di spingere.

“Il Bravìo è una tradizione e una passione tramandata da mio padre, che dal 1984 al 1986 ha fatto prima lo spingitore e poi l’allenatore per la contrada di Gracciano. Ho iniziato nel 2012, con l’amico Stefano Chiezzi sotto la guida di Gino Emili, per la contrada di Talosa. Sono stato riserva per due anni, e poi dopo un altro anno in riserva con la contrada di Gracciano mi richiamò Gino. Voleva, stavolta, che corressi il mio primo Bravìo, con Talosa, e non potei dire di no”.

Alessandro, nella sua prima scalata verso Piazza Grande, si è piazzato in sesta posizione, in coppia con Andrea Rosati.

“Fin da subito, dal primo Bravìo corso, ho sentito la necessità di arrivare all’obiettivo. Vincere – lo vedevo da fuori – significava tanto. Significava l’affetto sconfinato della gente della tua contrada, l’abbraccio sul Sagrato, le lacrime di gioia. Fin da subito ho lottato per raggiungere questo traguardo, e per vivere sulla mia pelle queste emozioni”.

E quel momento, il 25 agosto 2019, è arrivato.

“Vincere il Bravìo è il coronamento di un sogno che ho fin da piccolo, con negli occhi l’immagine di mio padre che spinge la botte. Ho rivisto lui in me, anche dopo essermi riguardato nei video e nelle foto. È normale che la prima cosa a cui pensi sono le persone che ti hanno ispirato, oltre a quelle che ti hanno supportato per arrivare dove sei arrivato: la mia ragazza, ovviamente, e mio fratello, che ha sempre avuto grandissima fiducia in me”.

Ovviamente, non c’è solo la famiglia tra i segreti delle vittorie.

“Durante la gara sei tu, il tuo compagno e la botte, ma anche tutta la contrada che ripone in te la speranza di un Bravìo portato dal Sagrato in contrada. Quindi devo ringraziare proprio la contrada di Voltaia per tutto quanto ha fatto per me in quelle delicate settimane prima della gara, e specialmente il mio compagno di spinta Attilio Niola, vero campione, senza il quale non avrei di certo potuto realizzare il sogno. Vincere il Bravìo significa veder festeggiare il proprio popolo: è stato come averli ripagati per il lavoro che sapientemente svolgono non solo durante la settimana della gara, ma durante tutto l’anno contradaiolo”.

Luca Benassi, pur non trionfando, è stato uno dei protagonisti indiscussi di quest’ultimo Bravìo delle Botti. Il Cittino, non solo a livello anagrafico ma anche per quei tratti del viso delicati che lo caratterizzano, è una delle “nuove leve” tra gli spingitori, ma gli addetti ai lavori parlano di lui come uno dei sicuri prossimi dominatori della competizione sportiva.

La sua passione per il ruolo di spingitore viene da lontano, dalle gare viste da giovane spettatore, ed è incrementata anche grazie – o, per meglio dire, a causa – di un record decisamente negativo per la sua contrada: Collazzi, infatti, non ha mai vinto un Bravìo.

“Il mio primo ricordo legato al Bravìo? Difficile dirlo, perché l’ho vissuto da sempre e ormai gli episodi si accavallano nella mia mente. Ho un ricordo abbastanza triste comunque, perché la mia contrada non ha mai vinto e io, piccolo com’ero, volevo che vincesse a tutti i costi. Crescendo ho sempre di più vissuto la contrada, fino a fare il piccolo spingitore col mio migliore amico”.

Luca, cresciuto coi miti degli storici spingitori Piero Bondi e Giacomo Valentini, è stato da sempre uno sportivo. Dopo aver giocato a calcio a ottimi livelli, nonostante la rottura del crociato, Luca ha deciso di dedicare anima e corpo alla corsa, da sempre la sua caratteristica migliore. E, ovviamente, ha iniziato a lavorare quotidianamente per conquistarsi il posto da spingitore.

Allenarsi in vista di un Bravìo, tuttavia, non è certo una passeggiata.

“Quando ci si allena per il Bravìo non conta solo il ‘quanto’, ma soprattutto il ‘perché’, la motivazione che spinge alla fatica. Conta il sacrificio immane che si fa durante l’anno, perché ci si allena sempre. D’altronde, il livello di competitività è altissimo, per cui l’allenamento è settimanale, e non c’è condizione atmosferica che lo impedisca. Il Bravìo, sento dire giustamente, non è la vita, ma ci si dimentica che chi lo prepara ci basa davvero la propria vita”.

Non sono poche le cose a cui si deve rinunciare quindi, soprattutto se si parla di un ragazzo di appena venticinque anni. Aperitivi ridotti al minimo, poche serate e regime alimentare ferreo: la vita dello spingitore è quanto di più lontano ci sia da quello che oggi è considerato godersi la vita.

Il Bravìo di Luca è passato alla storia, tuttavia, per un episodio che ancora lui stesso non riesce a ripercorrere con serenità.

Luca infatti, ad agosto, non è mai arrivato sul Sagrato di Piazza Grande. Si è fermato poco prima, allo stremo delle forze, soccorso dalla tempestività degli altri contradaioli e della Misericordia. Nel video della gara si nota chiaramente che qualcosa lo ha tradito proprio al termine dell’ultima salita prima di Piazza; poi la botte lasciata al compagno, le mani sulle ginocchia, e il vuoto.

“Non è facile riaffrontare certe emozioni. Prima della gara si percepiva di essere migliorati rispetto all’anno precedente, e anche il cronometro oltre le sensazioni ci dava ragione. Lo spirito era differente, insomma c’era grande fiducia, eravamo convinti di poter competere contro Voltaia, un’altra volta favorita”.

Ma i veri atleti percepiscono tutto, e Luca aveva notato qualcosa di diverso rispetto all’anno del suo primo Bravìo.

“Io avevo sognato tutta l’estate di vincere, mi ero fatto un po’ di film come capita a tutti, ma rispetto ad anno scorso non sentivo la tensione, e questo stonava decisamente; poi, quando tutti appena ti vedono dicono che sei il favorito, inizi anche a crederci davvero”.

La domenica, però, il tracollo.

“Il problema vero è stato la domenica mattina, appena sveglio, quando ho provato un’ansia fuori dal comune, accumulata, che non avevo scaricato nei periodi precedenti. Non stavo bene, e anche durante la corsetta che si fa prima della gara mi sentivo pesante, avevo il voltastomaco. Questo Bravìo, da sogno, si è trasformato in un incubo. Avevamo impostato la gara su Voltaia, e invece sono loro che si sono messi dietro di noi, e così ci siamo ritrovati primi dopo trenta secondi e dentro di me sono iniziate le paranoie: pensare alla contrada, agli amici, a chi avrei potuto deludere. Ho sbagliato in quello”.

In effetti la gara di Collazzi, fino al culmine di via Ricci, era stata perfetta, condotta sapientemente e sempre in testa. Durante la gara, però, Luca si è sentito quasi schiacciato dal peso delle aspettative, da quanti credevano in lui, dalle voci che durante il tragitto si levavano per sostenerlo.

“Gli avversari aspettavano un crollo da parte nostra, e hanno avuto ragione. Passando davanti alla mia contrada, invece di caricarmi, mi è successo esattamente l’opposto. Da un passo all’altro ho sentito freddo alle gambe e mi sono reso conto che mi stava succedendo qualcosa, poi le braccia si sono bloccate ma ho continuato a spingere per inerzia, mentre il mio compagno continuava a dirmi di fermarmi”.

La botte di Collazzi è arrivata ugualmente sul Sagrato del Duomo, mentre Luca è stato soccorso all’istante.

“E stata una bella botta a livello di mentalità, visto che ci tengo così tanto. Tutti mi chiedevano come stavo, mentre a me importava solo di non aver vinto”.

Questo è il manifesto di Luca Benassi, un ragazzo destinato a grandi cose per la propria contrada e per il Bravìo in generale. Un giovane spingitore che ha perso conoscenza pur di raggiungere il Sagrato, quel Paradiso che sicuramente lo attenderà nelle prossime edizioni.

Innamorato della botte, del suono che fa picchiando sui sampietrini, e ammaliato dalla sensazione di fatica che lo avvolge ogni qualvolta la spinge.

Nessun commento su Il Bravìo degli spingitori: Alessandro Paganelli e Luca Benassi

Bruscello 2019 – Tutte le notizie

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Compagnia Popolare del Bruscello – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bruscello Poliziano Al Bruscello Poliziano 2020 ritornerà il “Decamerone” (20/10/19) Con il tradizionale pranzo…

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Compagnia Popolare del Bruscello – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bruscello Poliziano


Al Bruscello Poliziano 2020 ritornerà il “Decamerone” (20/10/19)

Con il tradizionale pranzo dei bruscellanti di domenica 20 ottobre si è chiusa la strepitosa stagione 2019, che ha celebrato degnamente gli 80 anni del Bruscello Poliziano. Reduci dal successo di “Pia de’ Tolomei” che ha incantato il pubblico nei giorni di Ferragosto a Montepulciano, i membri della compagnia popolare si sono riuniti per festeggiare e tracciare un bilancio dell’anno appena trascorso, cominciando già a lavorare ai prossimi progetti.

Come di consueto, infatti, al termine del pranzo è stato svelato il tema dell’edizione del 2020: ritornerà il “Decamerone”, un divertente Bruscello ispirato alle vicende della più famosa opera di Boccaccio. Rappresentato per la prima volta nel 2015, ebbe la sfortuna di capitare in un’estate piovosa, con condizioni meteo sfavorevoli che costrinsero ad annullare due serate di rappresentazione; la prossima estate sarà quindi il momento perfetto per riportare sul sagrato del Duomo di Montepulciano questo divertente bruscello, il cui libretto è stato scritto da Irene Tofanini e Chiara Protasi, mentre la direzione musicale è affidata al maestro Alessio Tiezzi e la regia a Stefano Bernardini. Si prospetta uno spettacolo vivace e simpatico, in cui sarà messo al primo posto l’aspetto sociale del Bruscello e il piacere di stare insieme.

Al pranzo dei bruscellanti erano presenti Stefano Scaramelli, consigliere regionale della Toscana, gli assessori Alice Raspanti e Lucia Musso per il Comune di Montepulciano, i rappresentanti della BCC Valdichiana Fabio Tamagnini ed Eros Nappini. Il Presidente della Compagnia Popolare del Bruscello, Marco Giannotti, ha ringraziato tutti i presenti per l’eccezionale edizione appena conclusa e ha dato appuntamento al 2020 per un nuovo entusiasmante Bruscello Poliziano, che continuerà a tenere viva la tradizione che affonda le sue radici nell’antica civiltà contadina.


“Brancaleone”: il bruscellino come si faceva nelle aie (10/09/19)

Domenica 15 settembre lungo le strade di Montepulciano torna il Bruscellino, uno spettacolo itinerante realizzato dalla Compagnia Popolare del Bruscello che allieta visitatori e passanti in una versione più simile a quella della tradizione contadina, accompagnato soltanto da una fisarmonica. L’appuntamento con “Brancaleone” è per le ore 17 in Piazza Grande, ore 18 in Piazza delle Erbe e infine alle ore 18:30 davanti alla Torre di Pulcinella.

Il bruscellino itinerante richiama il periodo in cui il Bruscello veniva fatto nelle aie dei poderi della mezzadria, all’ombra di un arboscello o nei mercati paesani durante le sagre della civiltà contadina della Valdichiana. Un rimando diretto a quella tradizione da cui è nato il Bruscello come lo conosciamo oggi, una grande rappresentazione che nei giorni di Ferragosto viene messa in scena sul sagrato del Duomo di Montepulciano con centinaia di bruscellanti e l’accompagnamento dell’orchestra.

Nella giornata di domenica 15 settembre il bruscellino dedicato a “Brancaleone” con il coordinamento artistico di Franco Romani vedrà la compagnia formata da Stefano Bernardini, Franco Capitini, Andrea Paolessi, Leonardo Roghi, Claudio Bernetti, Paolo Parissi, Marco Banini, Stefano Banini, Elisabetta Canapini, Sabrina Dottori, Chiara Scannapieco, Roberto De Pascali, Alessandro Zazzaretta, Dino Protasi, Chiara Protasi ed Emanuela Rossi cimentarsi in questa rappresentazione lungo le vie di Montepulciano, accompagnati dalla fisarmonica di Gianluca Stocchi.

La trama del bruscellino è ispirata ai due film diretti da Mario Monicelli (L’armata Brancaleone, 1966, e Brancaleone alle Crociate, 1970). In sella a un ronzino, Brancaleone da Norcia, cavaliere fanfarone e dai pochi meriti, guida un’improbabile “armata” di miserabili nella guerra contro gli infedeli. Sulla strada vivranno mille peripezie, si uniranno alla combriccola anche lo spilorcio ebreo Abacucc, l’Infedele Bronzone, l’ambiguo cavaliere Teofilatto per finire con l’equivoco incontro con le sopravvissute sorelle appestate di un paese deserto pronto per essere conquistato dalla ridicola Armata. Un’avventura di salda presa comica in cui l’invenzione farsesca si mescola alla citazione colta come il personaggio memorabile alle capacità degli interpreti coinvolti.


Il “Grifo Poliziano” assegnato alla Compagnia Popolare del Bruscello (19/08/19)

La Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano è stata insignita del premio “Grifo Poliziano” durante la cerimonia di domenica 18 agosto al Teatro Poliziano: un riconoscimento agli ottanta anni di vita della compagnia, che nel corso del tempo ha saputo mantenere la tradizione culturale del teatro popolare locale e diffondere in Italia e nel mondo l’immagine della cittadina poliziana. Il “Grifo Poliziano” è infatti il premio che annualmente viene assegnato da parte del Comune di Montepulciano alle personalità e alle associazioni che si distinguono per il loro impegno nella valorizzazione in ambito internazionale della città.

Il riconoscimento segue la consegna del “Gonfalone d’Argento” da parte della Regione Toscana, avvenuta nel corso della prima serata della “Pia de’ Tolomei”, che nei giorni di Ferragosto è stata rappresentata in Piazza Grande. Il doppio riconoscimento rappresenta la degna conclusione di un’edizione del Bruscello Poliziano positivamente accolta dai bruscellanti e dagli spettatori, per festeggiare l’ottantesimo compleanno della compagnia.

Il Presidente Marco Giannotti e i consiglieri Paolo Abram, Chiara Protasi, Franco Capitini e Michele Morgantini, che hanno ricevuto il “Grifo Poliziano” sul palco del teatro, tratteggiano un ottimo bilancio per questa edizione del Bruscello Poliziano, che ha fatto registrare la maggiore affluenza di pubblico degli ultimi anni, una grande risonanza mediatica e un’ottima accoglienza.

“Il premio non è solo nostro ma soprattutto di chi ci ha preceduto – spiega il Presidente Giannotti – i bruscellanti del passato ci hanno permesso di raggiungere l’ottantesimo compleanno, superando anche delle gravi difficoltà in alcuni periodi della nostra vita. Ci sono stati dei momenti in cui abbiamo rischiato di perdere il Bruscello, ma grazie al sacrificio e all’impegno dei tanti bruscellanti del passato siamo riusciti a raggiungere questo importante traguardo. Il nostro è uno spettacolo popolare, fatto dal popolo per il popolo e l’apprezzamento da parte del pubblico è per noi la massima soddisfazione.”

“Questo premio è dedicato a chi non è più tra noi, ma di cui manteniamo limpido il ricordo – aggiunge Paolo Abram – Non dobbiamo mai dimenticare da dove siamo partiti e le persone che hanno contribuito a raggiungere questo risultato.”

“Una manifestazione come il Bruscello Poliziano, che raggiunge gli ottanta anni di vita, deve essere da esempio per tutta la comunità, attraverso la diffusione di buone pratiche e di messaggi positivi. – commenta Chiara Protasi – La dedica di quest’anno alla lotta contro la violenza sulle donne va proprio in questa direzione, ovvero quella di affermare un valore sociale ed etico. La nostra compagnia va oltre lo spettacolo, siamo a disposizione delle altre associazioni anche soltanto per prestare i costumi o gli attrezzi, sempre disponibili a collaborare per il bene della comunità.”


La “Pia de’ Tolomei” continua fino a Ferragosto (14/08/19)

Continuano le rappresentazioni dell’edizione 2019 del Bruscello Poliziano dal titolo “Pia de’ Tolomei”. Dopo il successo delle prime serate, i bruscellanti della Compagnia Popolare sono pronti a replicare la messa in scena di questa originale forma di teatro popolare tutte le sere sul sagrato del Duomo di Montepulciano, fino a giovedì 15 agosto compreso. Cinque serate di grande spettacolo che celebrano degnamente l’ottantesimo compleanno della Compagnia Popolare, che proprio la scorsa domenica è stata insignita del Gonfalone d’Argento della Regione Toscana da parte del Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, a dimostrazione del suo grande valore sociale, artistico e culturale.

Una delle principali caratteristiche di quest’edizione del Bruscello Poliziano è stata la dedica del libretto dell’opera alla lotta contro la violenza sulle donne. L’obiettivo della Compagnia Popolare è infatti quello di valorizzare le strutture di sostegno che offrono servizi alle persone vittime di violenza e e abusi in Valdichiana e dintorni, ma anche informare la popolazione sui servizi che vengono offerti nel territorio a sostegno delle problematiche di genere. Per questo motivo, nella serata di martedì 13 agosto, sono state installate delle scarpette rosse sulla scalinata del sagrato del Duomo di Montepulciano, come segnale di vicinanza simbolica e di grande impatto visivo ed emotivo alle continue iniziative messe in campo contro la violenza sulle donne.

Le iniziative di carattere sociale legate ai festeggiamenti per gli ottant’anni della Compagnia Popolare non si fermano qui: nella serata di lunedì 12 agosto, infatti, è stata consegnata una targa in onore dell’associazione Avis di Montepulciano, rappresentata dal Presidente Giuliano Faralli, che ha raggiunto i sessant’anni di attività ed è legata al Bruscello dalla figura di Don Marcello del Balio. Inoltre è stata dedicata una targa alla famiglia Secchi Tarugi, che ha dato un fondamentale apporto alla crescita del Bruscello Poliziano durante i primi anni di attività e il cui palazzo forma uno dei lati della cornice di Piazza Grande, splendido palcoscenico in cui è sempre esibita la Compagnia Popolare.

La rappresentazione della “Pia de’ Tolomei”, la nuova versione del primo Bruscello del 1939, continuerà tutte le sere a Montepulciano fino alla giornata di giovedì 15 agosto. Sotto la direzione artistica di Franco Romani, la regia di Marco Mosconi e le coreografie di Maria Stella Poggioni, oltre duecento bruscellanti provenienti dal territorio circostante, tra coro e solisti, metteranno in scena l’opera composta dal libretto di Irene Tofanini e dalle musiche del maestro Luciano Garosi. Un buon motivo per tornare a vedere il Bruscello Poliziano anche nelle sere seguenti, grande novità di quest’edizione, è l’introduzione del doppio cast, che incrementa la partecipazione dei solisti nei ruoli principali della “Pia de’ Tolomei”.


Bruscello Poliziano: buona la prima per la “Pia de’ Tolomei” (12/08/19)

Buona la prima per la rappresentazione della “Pia de’ Tolomei”, l’edizione 2019 del Bruscello Poliziano. Nella serata di domenica 11 agosto si è infatti svolta la prima rappresentazione di questa originale forma di teatro popolare che festeggia l’ottantesimo compleanno. L’incredibile traguardo raggiunto dalla Compagnia Popolare, che porta il Bruscello nei giorni di Ferragosto sul sagrato del Duomo di Montepulciano, è stato festeggiato attraverso la consegna, da parte del Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, in compagnia del consigliere regionale Stefano Scaramelli e del Sindaco di Montepulciano Michele Angiolini, del Gonfalone d’Argento della Regione Toscana. Un riconoscimento di grande pregio per una delle più antiche associazioni di Montepulciano e per una manifestazione culturale unica nel suo genere, uno spettacolo fatto dal popolo e per il popolo.

Come ormai da tradizione, nel corso della prima serata della rappresentazione sono stati anche assegnati i premi “Cantastorie” a cura della famiglia Crociani, in ricordo dello storico cantastorie del Bruscello Arnaldo Crociani, di cui ricorrono venti anni dalla scomparsa. I premi di quest’anno sono stati assegnati a Daniela Mosca e a Roberto Tofanini; il premio per i bruscellanti più piccoli è andato invece a Filippo Turchi.

La rappresentazione della “Pia de’ Tolomei”, la nuova versione del primo Bruscello del 1939, continuerà tutte le sere a Montepulciano fino alla giornata di giovedì 15 agosto. Sotto la direzione artistica di Franco Romani, la regia di Marco Mosconi e le coreografie di Maria Stella Poggioni, oltre duecento bruscellanti provenienti dal territorio circostante, tra coro e solisti, metteranno in scena l’opera composta dal libretto di Irene Tofanini e dalle musiche del maestro Luciano Garosi. Nelle successive serate di rappresentazione, il Bruscello poliziano presenterà al pubblico una delle principali novità di quest’edizione: l’introduzione del doppio cast, che incrementa la partecipazione dei solisti nei ruoli principali della “Pia de’ Tolomei”.


Il Bruscello Poliziano contro la violenza sulle donne (06/08/19)

L’edizione numero 80 del Bruscello Poliziano, che porterà sul sagrato del Duomo di Montepulciano la nuova rappresentazione della “Pia de’ Tolomei”, dedicherà il libretto alla lotta contro la violenza sulle donne. L’obiettivo è quello di valorizzare le strutture di sostegno che offrono servizi alle persone vittime di violenza e abusi, ma anche informare la popolazione sui servizi che vengono offerti nel territorio a sostegno delle problematiche di genere.

L’occasione propizia per legare il Bruscello Poliziano a questo tema è data dalla vicenda della “Pia de’ Tolomei”. La Pia raccontata da Dante nella sua Divina Commedia è infatti il soggetto del primo Bruscello del 1939 e la sua vicenda, seppur avvolta nel mistero e nella leggenda, è legata all’assassinio da parte del marito. Per questo motivo, l’interprete della Pia, Chiara Protasi, che è anche consigliere comunale con delega alle Pari Opportunità, ha proposto alla Compagnia Popolare del Bruscello e all’autrice del testo, Irene Tofanini, di dedicare il libretto 2019 alla lotta contro la violenza sulle donne.

Il traguardo delle ottanta candeline implica un’indispensabile capacità di adattamento al contesto sociale e culturale per una Compagnia così longeva, in modo che possa essere esempio per buone pratiche da proporre e applicare a tutta la comunità. – afferma Chiara Protasi – Creare rete e cultura su questo tema è l’obiettivo primario per combattere la disparità, l’odio e la violenza in qualsiasi tipo di rapporto e sono felice che anche il Bruscello possa avere un ruolo. Per questo motivo ringrazio l’Amministrazione comunale di Montepulciano, il Presidente Marco Giannotti, la librettista Irene Tofanini e tutti i consiglieri della Compagnia per aver accolto la proposta.”

Per sancire in maniera simbolica l’impegno della Compagnia Popolare del Bruscello su questo tema, la serata del 13 agosto saranno installate delle scarpette rosse sulla scalinata del sagrato del duomo. Verrà inoltre dato spazio alle responsabili dei principali servizi attivi nel nostro territorio che si occupano di tali tematiche: il Centro Pari Opportunità Valdichiana, servizio associato dell’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese (mail: cpo@unionecomuni.valdichiana.si.it – cellulare: 3204511410, con sedi a Sarteano, Montepulciano e Sinalunga; e l’associazione Amica Donna Onlus con sedi a Chianciano Terme e Torrita di Siena (mail: cavassociazioneamicadonna@gmail.com – cellulare: 3279999228 – 3293050686 – 3929504270).

Nel frattempo fervono i preparativi per la rappresentazione che si terrà nei giorni dall’11 al 15 agosto in Piazza Grande: in questi giorni sono in corso le prove in piazza del coro e dei solisti, l’allestimento della scenografia e le ultime preparazioni musicali. L’appuntamento sarà quindi un degno compleanno per la Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano, che porterà in scena oltre duecento bruscellanti nei cinque giorni di rappresentazione.


Presentata in Regione Toscana la “Pia de’ Tolomei” per l’ottantesimo Bruscello (24/07/19)

La Compagnia Popolare del Bruscello festeggia i suoi primi ottant’anni all’insegna della passione e della tradizione, con la nuova rappresentazione della “Pia de’ Tolomei” che verrà messa in scena in Piazza Grande a Montepulciano dall’11 al 15 agosto. L’edizione numero ottanta rappresenta un incredibile traguardo ed è stata presentata martedì 23 luglio presso la Sala Barile del Consiglio Regionale della Toscana, con la partecipazione del presidente del consiglio regionale Eugenio Giani, i consiglieri regionali Stefano Scaramelli e Simone Bezzini, il sindaco di Montepulciano Michele Angiolini, l’assessora Lucia Musso, il presidente della Compagnia Marco Giannotti e il direttore artistico Franco Romani e il compositore musicale Luciano Garosi.

La compagnia compie ottanta anni. La Compagnia Popolare del Bruscello tramanda la tradizione del Bruscello attraverso la particolare forma di teatro popolare, con canto e recitazione, attraverso la messa in scena di decine di figuranti nello splendido palcoscenico del sagrato del Duomo di Montepulciano, che avviene nei giorni di Ferragosto. Il Bruscello Poliziano è patrocinato dal Comune di Montepulciano, dalla Provincia di Siena e dalla Regione Toscana, in virtù della sua storia e della sua forte valenza culturale.

Come ormai da tradizione, ogni dieci anni viene riproposta la “Pia de’ Tolomei”, la rappresentazione con cui tutto cominciò nel 1939 in Piazza Grande. Nella nuova versione che verrà messa in scena dall’11 al 15 agosto a Montepulciano, il sagrato del Duomo ospiterà oltre 200 bruscellanti provenienti dal territorio circostante, tra coro e solisti. Assieme all’autore delle musiche Luciano Garosi e all’autrice del libretto Irene Tofanini, hanno curato questa edizione il regista Marco Mosconi e la coreografa Maria Stella Poggioni. L’immagine del manifesto è realizzata da Emanuela Rossi.

“Il Bruscello – ha detto il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani – rappresenta un’espressione lirica popolare di artisti che hanno maturato la loro esperienza sul campo con l’ottava rima”. Giani ha ricordato che il “Bruscello ha fatto da caposcuola a tante manifestazioni di teatro popolare in Toscana come Monticchiello”. Il presidente ha proposto di assegnargli un riconoscimento con il Gonfalone d’argento perché “il Bruscello merita davvero tanto, ci aiuta a mantenere viva quella tradizione dal valore inestimabile”.

Un occhio particolare è stato puntato sulle pari opportunità, come ha fatto notare il sindaco di Montepulciano, Michele Angiolini, che ha ricordato “il libretto scritto da Irene Tofanini è dedicato alle donne. Lo spettacolo rappresenta – ha aggiunto il sindaco – uno strumento di elevazione culturale e sociale sul territorio”.

“Tradizione, innovazione, storia e cultura”, così il consigliere regionale Stefano Scaramelli ha descritto quest’evento. “È dovere della Regione – ha aggiunto Scaramelli – promuovere, sostenere e valorizzare quest’iniziativa in cui arte diventa non solo cultura ma un modo per far conoscere Montepulciano nel mondo”. Anche il consigliere regionale Simone Bezzini è intervenuto, ringraziando “chi cerca di portare avanti iniziative che hanno una forte radice nella tradizione, valorizzano aspetti identitari positivi e riescono a farlo attivando la partecipazione popolare. La cultura che viene vissuta in maniera partecipata, questo è un elemento di straordinario valore”.

“La nostra è una compagnia giovane, nonostante gli ottanta anni – ha detto il presidente della Compagnia Marco Giannotti – che pensa al futuro e al ricambio generazionale. Giannotti ricorda che nel 1939 la prima rappresentazione del Bruscello sul sagrato venne effettuata per raccogliere fondi per il completamento della facciata del duomo. Il direttore artistico Franco Romani ha parlato delle innovazioni della ‘Pia de’ Tolomei’: “Ci ha accompagnato negli anni varie volte – ha detto – con cadenza decennale, ma dalla prima Pia a quella attuale ci sono stati tanti cambiamenti, questa è un’edizione nuova sia per le musiche che per i testi”.

La trama in breve. Nella Siena del tredicesimo secolo, Pia, nobile fanciulla appartenente alla potente famiglia de’ Tolomei, vive spensierata, persa in ingenue illusioni cavalleresche. Durante un torneo incontra il giovane Conte Guidi di Arezzo. Il ragazzo si innamora perdutamente di Pia, la quale, colpita dalle attenzioni di Guidi, se ne infatua a sua volta e gli concede un ciondolo con il suo stemma in pegno. I sogni infantili sono però ben presto destinati a svanire: Pia viene concessa in sposa al Conte Nello de’ Pannocchieschi. Il matrimonio combinato, non è tuttavia una fredda unione, i due sposi si innamorano profondamente l’uno dell’altra, ma più di una nube si addensa sul loro futuro: Ghino, amico fidato di Nello si innamora di Pia e vedutosi rifiutato giura vendetta contro la fanciulla e un’altra minaccia incombe: poco dopo le nozze, Nello è costretto a partire alla guida delle truppe di Siena, attaccata dalla vicina città di Arezzo, le cui forze sono capitanate dal Conte Guidi. Prima della battaglia, il Conte Guidi riesce a intrufolarsi nel giardino di Pia e le giura amore, ma lei lo rifiuta con gentilezza, restando fedele all’amato Nello. La scena è spiata da Ghino, che vede un’occasione di attuare la sua vendetta: si precipita all’accampamento di Nello e gli mente raccontato il falso tradimento di Pia con il Conte Guidi, rivela poi a Nello che uccidendo il Conte Guidi in battaglia avrebbe trovato la prova inconfutabile del tradimento di Pia addosso al giovane. Nello, furioso, si lancia in battaglia, uccide Guidi e strappa dal suo cadavere il ciondolo che Pia gli aveva donato. Torna a Siena da vincitore, ma ormai è deciso a vendicarsi della moglie infedele. Trascina Pia in maremma e la lascia imprigionata nel castello dei suoi avi a morire. Scoperto l’inganno di Ghino, Pia tenta di mandare un messaggio a Nello, ma è troppo tardi: quando Nello, avvedutosi dell’innocenza di Pia si precipita in maremma la trova già morta e l’unica cosa che gli resta sono le lacrime amare del rimpianto e della colpa.


Doppio cast per l’80esimo Bruscello Poliziano (11/07/19)

Fervono i preparativi per l’80esima edizione del Bruscello Poliziano, che vedrà rappresentare in Piazza Grande la nuova versione della “Pia de’ Tolomei”; l’appuntamento è fissato per le sere dall’11 al 15 agosto sul sagrato del Duomo di Montepulciano per uno spettacolo che vedrà impegnati circa 200 bruscellanti provenienti dal territorio circostante, per portare avanti una lunga tradizione che affonda le sue radici nel teatro popolare che veniva rappresentato nelle campagne.

Una delle principali novità di questa edizione del Bruscello, che raggiunge il ragguardevole traguardo degli 80 anni consecutivi, è rappresentato dall’introduzione del doppio cast, che permetterà di incrementare la partecipazione nei ruoli dei protagonisti dello spettacolo e fornirà agli spettatori l’opportunità di fruire di un interessante diversivo durante le repliche. Nei giorni dispari, infatti, sarà presente un cast per rappresentare i protagonisti delle vicende della Pia de’ Tolomei, mentre nei giorni pari ci sarà un’alternanza nei ruoli principali.

“Abbiamo introdotto questa novità per coinvolgere bruscellanti giovani nei ruoli primari. – spiega il direttore artistico Franco Romani – Sarà inoltre un modo per favorire la buona riuscita delle parti cantate, in quanto il Bruscello si svolge all’aperto e la possibilità di colpi di vento può danneggiare le voci liriche dei solisti. Il doppio cast ci permetterà di includere fino a 36 bruscellanti nelle parti primarie, che vanno ad aggiungersi ai circa 50 bruscellanti del coro, ai 25 bambini e al gruppo dell’orchestra, per un impegno complessivo che vedrà partecipare oltre 200 persone alla messa in scena del Bruscello.”

Il doppio cast vedrà alternarsi Chiara Protasi e Chiara Scannapieco nel ruolo della protagonista Pia de’ Tolomei, Elisabetta Canapini e Sabrina Dottori nel ruolo della madre e Franco Capitini e Alessandro Collini nel ruolo del padre. Marco Banini e Matteo Benvenuti si alterneranno invece nei ruoli di Nello e di Guido Guido, mentre le ancelle della protagonista saranno interpretate da Irene Tofanini, Daniela Mosca, Giulia Gambacciani, Benedetta Checcarelli, Teresa Zazzaretta e Orsolina Faraldo. Altri personaggi, come quello di Ghino interpretato da Stefano Bernardini, rimarranno gli stessi tutte le sere; in altri casi, come quello del Cantore, assisteremmo a un’alternanza di ruoli tra Stefano Giannotti, Mirco Rubegni, Gabriele Paolucci e Cosetta Batignani (che interpretò il ruolo di Pia nei bruscelli del passato e che sarà un gradito ritorno sul sagrato del Duomo nei giorni 14 e 15 agosto).


La compagnia popolare del Bruscello Poliziano compie 80 anni (21/06/19)

Una storia di entusiasmo e passione: la Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano compie 80 anni, un traguardo storico ed eccezionale, che la rende a buon diritto l’associazione più longeva di Montepulciano. Sorta nel 1939 per iniziativa di cultori locali della tradizione del teatro popolare, con lo scopo di divulgare anche nella cittadina di Montepulciano e nel territorio circostante le storie del Bruscello, nel 2019 vengono festeggiati gli 80 anni attraverso una grande rappresentazione in Piazza Grande nei giorni di Ferragosto, dove verrà messa in scena la “Pia de’ Tolomei”.

Il Bruscello è una forma di teatro popolare tradizionale, nato in Toscana e cresciuto con particolare vigore in Valdichiana. Affonda le radici della sua tradizione nei riti agresti dell’antichità e nelle usanze contadine di celebrare con rituali propiziatori la fine della stagione morta e l’inizio della bella stagione. La rappresentazione teatrale era cantata in ottava rima, generalmente con un accompagnamento musicale basato sulla ripetizione di semplici motivetti; veniva messa in scena nei poderi della campagna mezzadrile, piantando un “bruscello” e utilizzando come elemento centrale della scena. Si pensa che il nome “Bruscello” venga proprio da questo albero, un arbusto o un arboscello. Il Bruscello è popolare perché affronta argomenti conosciuti dalla gente e perché è fatto dalla gente: il popolo diventa attore e spettatore nello stesso momento.

La versione moderna del Bruscello è una rappresentazione popolare cantata, che dal 1939 viene rappresentanza in Piazza Grande a Montepulciano nei giorni di ferragosto. Dai teatrini e dalle campagne il Bruscello si sposta sul sagrato della cattedrale: un ampio palcoscenico, davanti a una platea di circa duemila spettatori. Non più una fisarmonica ad accompagnare il canto, ma l’orchestra dell’istituto di musica. E poi un parco luci da grande teatro per lo spettacolo fatto di notte, i costumi e l’attrezzeria arrangiati con cose vecchie lasciano il posto alle sartorie e attrezzerie teatrali, mentre la cantata ripetitiva diventa un testo con più ritmo. Il Bruscello poliziano ha preso una nuova forma, non più spettacolo elementare fatto di una piccola cantata, ma spettacolo totale dal punto di vista teatrale.

Nel 2019, per festeggiare degnamente gli 80 anni della Compagnia Popolare, il Bruscello proporrà come ogni dieci anni la rappresentazione della “Pia de’ Tolomei”, la nuova versione del Bruscello moderno con cui tutto cominciò nel 1939. L’appuntamento è per i giorni dall’11 al 15 agosto in Piazza Grande per un compleanno carico di entusiasmo e passione insieme a centinai di bruscellanti.


La Compagnia Popolare svela l’Anteprima del Bruscello Poliziano (16/05/19)

Ottant’anni di storia, passione e tradizione: la Compagnia Popolare del Bruscello festeggia un traguardo di notevole importanza, un risultato reso possibile grazie ai tanti bruscellanti che nel corso degli anni hanno mantenuto vivo il teatro popolare proveniente dalla civiltà contadina, adattato al mutato contesto sociale e culturale. Come ormai ampiamente annunciato, sarà la “Pia de’ Tolomei” ad essere rappresentata in Piazza Grande a Montepulciano nei giorni di Ferragosto, appuntamento che si ripete ormai ogni dieci anni, per festeggiare il compleanno del Bruscello Poliziano.

Domenica 19 maggio verrà presentata l’edizione numero ottanta del Bruscello, attraverso uno speciale evento presso la sala ex-Macelli, a partire dalle ore 17:30, in cui verrà ripercorsa la storia della “Pia de’ Tolomei”, alla base della prima rappresentazione che avvenne nel 1939 a Montepulciano. L’autore delle musiche Luciano Garosi, l’autrice del libretto Irene Tofanini, insieme ai bruscellanti, ricorderanno le vecchie e nuove arie della “Pia de’ Tolomei”. Durante la serata sarà presentata l’immagine per il manifesto dell’edizione 2019 realizzata da Emanuela Rossi. L’evento si concluderà con un piccolo rinfresco, offerto dal ristorante pizzeria “C’era una Volta” e un brindisi di buon augurio agli ottanta anni del Bruscello Poliziano.

La Compagnia Popolare del Bruscello tramanda la tradizione del Bruscello attraverso la particolare forma di teatro popolare, con canto e recitazione, attraverso la messa in scena di decine di figuranti nello splendido palcoscenico del sagrato del Duomo di Montepulciano, che avviene nei giorni di Ferragosto. Il Bruscello Poliziano è patrocinato dal Comune di Montepulciano, dalla Provincia di Siena e dalla Regione Toscana, in virtù della sua storia e della sua forte valenza culturale.


Aspettando la “Pia de’ Tolomei”, il Bruscello rinnova il direttivo (23/04/19)

La Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano si prepara a vivere un 2019 pieno di emozioni: il tradizionale appuntamento estivo con il teatro popolare giunge infatti all’80esima edizione, un traguardo eccezionale e carico di aspettative. Il tema di quest’edizione è già stato annunciato, perché ricorre ogni dieci anni: sarà la “Pia de’ Tolomei”, la nuova versione del Bruscello moderno con cui tutto cominciò nel 1939. Da allora i bruscellanti hanno continuato a mantenere viva la tradizione poliziana che proviene dall’antica civiltà contadina, diventando l’associazione più longeva di Montepulciano.

Per prepararsi al meglio a questo importante appuntamento, la compagnia è già al lavoro da molti mesi, e proprio in questi giorni ha rinnovato il proprio consiglio direttivo. Confermato alla presidenza Marco Giannotti, a cui sarà affiancato il vicepresidente Paolo Abram; la tesoreria è affidata a Gianni Minasi, il ruolo di segretario del consiglio direttivo a Chiara Protasi, mentre è confermata la direzione artistica a Franco Romani. I responsabili dei costumi sono Michele Morgantini e Anna Meconcelli; completano il consiglio direttivo Paolo Parissi, Franco Capitini, Irene Tofanini, Mauro Betti, Dino Protasi e Celso Pallassini.

Il nuovo consiglio direttivo si è già messo al lavoro, sono state proposte e approvate una serie di iniziative su cui ci stiamo già impegnando – commenta il Presidente Marco Giannotti – L’augurio che faccio è quello di arrivare a festeggiare gli 80 anni della Compagnia Popolare del Bruscello con entusiasmo e passione.”

Nessun commento su Bruscello 2019 – Tutte le notizie

Il Bruscellino, alle origini di una scena “come si faceva nelle aie”

Deve essere sorta un’espressione di curiosità sui volti dei visitatori che lo scorso 16 settembre, visitando Montepulciano, si sono trovati improvvisamente a doversi stringere ai lati delle strade del centro…

Deve essere sorta un’espressione di curiosità sui volti dei visitatori che lo scorso 16 settembre, visitando Montepulciano, si sono trovati improvvisamente a doversi stringere ai lati delle strade del centro storico, per lasciar passare un corteo di persone, vestite come se fossero appena uscite da un podere del primo Novecento.

Difatti, si presentavano così i componenti della Compagnia Popolare del Bruscello, che prima in Piazza Grande, poi in Piazza delle Erbe e infine davanti al Sagrato di Sant’Agostino, hanno proposto per questa edizione del Bruscellino, la rappresentazione della storia di Brancaleone: una commedia vivace, diversa nei toni e nella trama dalle vicende più drammatiche solitamente messe in scena, con l’accompagnamento musicale dell’orchestra, per il Bruscello che si svolge invece nel mese di agosto.

Franco Romani, che del Bruscellino “come si faceva nelle aie”, è coordinatore artistico, ha raccontato come questo tipo di rappresentazione rievochi la tradizione, anticamente portata avanti da gruppi di cantori nelle campagne, di spostarsi di podere in podere per narrare storie e stornelli. Si trattava di un’usanza diffusa in Valdichiana soprattutto d’inverno, quando le poche ore di sole e lo scarseggiare del lavoro nei campi consentivano alle famiglie di avere il tempo per radunarsi attorno al focolare, ascoltare i racconti e infine brindare con un bicchiere di vino.

Dalla necessità di conservare un legame con questa tradizione, da 11 anni a Montepulciano viene allestito il Bruscellino, uno spettacolo in rima che riproduce il caratteristico tratto di itineranza nel fatto di venir messo in scena in più luoghi diversi del centro storico. Per richiamare la forma originale, il Bruscellino conserva lo stile contadino negli abiti dei personaggi, i quali all’interno di due carriole portano con sè i pochi oggetti di scena necessari a far capire i ruoli ricoperti nello svolgimento della storia.

La fronda d’albero alla quale un tempo si legavano fiocchi e campanelli, e che veniva portata dal “Vecchio” in testa alla compagnia, è sempre presente per annunciarne l’imminente arrivo, così come ancora oggi un fisarmonicista esegue la base musicale su cui viene cantato il testo, diviso in quartine. Gli argomenti narrati, tanto noti che bastava un semplice accenno per richiamare negli spettatori tutta la vicenda, erano messi per iscritto da chi nel paese poteva vantare una cultura più vasta, anche se poi i Bruscellanti, oltre a recitare il copione, potevano aggiungere battute proprie, laddove la memoria non li assistesse.

Oggi i testi vengono tratti da fonti diverse, che sia il Decamerone di Boccaccio per la messa in scena della storia di Frate Cipolla, o i celebri film diretti da Mario Monicelli per Brancaleone, come appunto quest’anno. La sceneggiatura così prende vita anche sulle corde dei Bruscellanti, cantanti amatoriali, presenti all’interno della compagnia, in modo che la loro voce sia coerente con il personaggio che devono interpretare e, per esempio, gli attori recitino le proprie battute su arie diverse e non su una unica come accadeva un tempo.

Se dal 1939 il Bruscello è andato evolvendosi, fino a diventare uno spettacolo complesso anche dal punto di vista scenografico, il Bruscellino, iniziato a essere nuovamente rappresentato nell’anno della 70ª edizione come una riduzione di Pia De’ Tolomei di Bartolomeo Sestini, mira oggi a riprodurre il più finemente possibile un’espressione culturale della tradizione della Valdichiana, che incontra casistiche simili a Castelnuovo Berardenga e San Casciano in Val di Pesa, oltre che nelle forme del Maggio, anticamente eseguito all’inizio della bella stagione, e del Sega la Vecchia, che usava svolgersi invece in periodo di Quaresima. Si tratta, per tutte, di forme di rappresentazione che affondano le proprie radici nella storia locale, a metà tra l’intento di diletto e quello celebrativo della vita rurale.

Nessun commento su Il Bruscellino, alle origini di una scena “come si faceva nelle aie”

Racconti di Veglia: il fantasma di Palazzo Ricci

(articolo a cura di Igor Abbas, Massimiliano Minotti e Alessio Banini) “Questo non lo toccare!” Chissà come deve essersi sentito il Monsignor Montiani, quando toccando un libro contenente delle missive,…

(articolo a cura di Igor Abbas, Massimiliano Minotti e Alessio Banini)

“Questo non lo toccare!”

Chissà come deve essersi sentito il Monsignor Montiani, quando toccando un libro contenente delle missive, si sentì arrivare un grosso ceffone, accompagnato da questo monito. Voltandosi, però, si rese conto che dietro le spalle non c’era nessuno. Ma che storia è questa?
Una storia di fantasmi, ovvio, una storia locale, riguardante un noto palazzo a Montepulciano, ormai modificato e suddiviso in varie funzioni, ma comunque carico di storia e memorie paesane.

Testimonianze e diffusione

Questa leggenda racconta la presenza di un fantasma a Palazzo Ricci, uno storico edificio di Montepulciano situato in Via Ricci, a poca distanza da Piazza Grande. Caratterizzato da un grande portale con una scalinata di pietra, dispone di un cortile interno con vista panoramica; opera dell’architetto Baldassarre Peruzzi, fu fatto erigere dal cardinale Giovanni Ricci nella metà del XVI secolo. Nel corso dei secoli ha avuto diverse funzioni e ha subito molte modifiche architettoniche, dovute ai passaggi di proprietà. Attualmente alcune parti del palazzo sono diventate sede dell’Accademia europea di Palazzo Ricci, emanazione del Conservatorio di musica e danza di Colonia, dove si svolgono corsi, concerti e masterclass. Altre parti sono invece destinate alla contrada di Talosa, che le utilizza principalmente durante la settimana degli eventi del Bravìo delle Botti. Infine, un’altra parte del palazzo fa parte della Cantina De’Ricci, una delle cantine più affascinanti del centro storico.

Le prime testimonianze del fantasma di Palazzo Ricci risalgono proprio ai tempi in cui l’edificio svolgeva principalmente la funzione di cantina e di fattoria per la produzione di Vino Nobile, almeno dagli anni ’60 e ’70: si parla di una misteriosa presenza che si aggira lungo le stanze e i corridoi del palazzo, responsabile di eventi inspiegabili e paranormali.

Esterno di Palazzo Ricci a Montepulciano

I racconti principali sono raccolti nel libro di Giorgio Harold Stuart “L’Italia dei Fantasmi”, dove un capitolo riguarda proprio Palazzo Ricci e la sua biblioteca ormai smantellata. Proprio in questa biblioteca era custodito un manoscritto, chiamato il “Libro dello schiaffo”: un nome curioso, anche perché non si trattava di un vero e proprio libro, ma di una raccolta di missive scritte dal Monsignor Ricci a una sua fantomatica nipote che si trovava a Roma. Secondo la leggenda popolare, nessuno era capace di leggere queste missive: ogni volta che qualcuno tentava di leggere il libro, si veniva presi a scossoni, oppure il libro scappava dalle mani, oppure ancora si subiva uno schiaffo da una figura spettrale. Sempre nel volume di Giorgio Stuart si racconta questo aneddoto: una donna terrorizzata che provò a leggere le missive e a prendere appunti, una sera come tante, si ritrovò a essere scossa sulla sua sedia, spintonata e la cartella contenente le memorie le si chiuse da sola tra le mani; quando provò a riaprirla, le scivolò via da esse come se le fosse stata sfilata da qualcuno invisibile. La luce si spense inspiegabilmente, la donna svenne qualche minuto per lo spavento, e quando si riprese lasciò tutto com’era e telefonò al sig. Stuart, noto esperto di paranormale. Al loro ritorno la mattina successiva in archivio, non trovarono più nulla a terra, ma tutto messo correttamente in ordine; l’unica altra persone presente nel palazzo quella sera era la cuoca e non poteva essere la responsabile, in quanto analfabeta, della corretta ubicazione del fascicolo denominato R23, Carteggi Privati di S.E.1539.

L’altra vicenda citata in apertura racconta del Monsignor Montiani, che aveva ricevuto l’incarico di riordinare alcuni preziosi ed antichi dell’archivio. Come altri prima di lui rimase affascinato da ciò che potevano contenere tali missive, si mise comodo sulla poltrona e iniziò a leggere, quando a un tratto, alzando gli occhi e spingendosi gli occhiali sulla fronte, vide chiudersi violentemente con suo grande stupore il libro, ricevendo uno clamoroso schiaffo su una guancia, mentre una misteriosa voce sussurrava “Questo non lo toccare!”

Queste non sono le uniche leggende popolari legate al libro con le missive; secondo un’altra testimonianza, avvenne una volta che un prete aprì il libro durante una visita a Palazzo Ricci. Dapprima spintonato, il libro chiusosi da solo tra le mani con una forza tale da far saltare il laccetto, il parroco continuò ad andare avanti non rispettando l’avvertimento, ricevendo quindi un sonoro ceffone. Il prete stava per restituire lo schiaffo al chierichetto, pensando fosse stato lui, ma si accorse che non avrebbe potuto essere il responsabile, trovandosi dalla parte opposta della sala. Le minacce non finirono, entrambi si sentirono spintonati fino alla porta dell’archivio, lasciando la sala terrorizzati.

Il “Libro dello Schiaffo” non è l’unica testimonianza del fantasma di Palazzo Ricci, in quanto esistono altri racconti di fenomeni paranormali che sono avvenuti tra queste mura. Come ci ha raccontato il fratello dell’ex-fattore, una volta una porta si chiuse a chiave da sola: pensando che potesse trattarsi solamente di un colpo di vento che l’aveva fatta sbattere, furono costretti a usare gli attrezzi per aprire una porta in una rimessa dove non era bastato nemmeno piegare il grimaldello per impedire una chiusura non voluta. Ci sono inoltre testimonianze di una cameriera storica, sentita camminare con il suo passo tipico da una stanza all’altra come se avesse continuato a svolgere le sue mansioni dopo la morte; si dice inoltre che si aggiri ancora per il cortile la Marchesina con il suo cane, facendo sentire i passi insieme al campanello legato al collo dell’animale. Chiavi tintinnanti, passi misteriosi e rumori incomprensibili sono frequenti nei racconti e nelle testimonianze di chi ha vissuto a Palazzo Ricci, anche se attualmente non vi sono stati più casi paranormali, come se i fantasmi fossero definitivamente scomparsi.

Caratteristiche ed analisi

Chissà cosa contenevano le missive del “Libro dello Schiaffo”, importanti al punto, secondo la leggenda, da essere protette anche dopo la morte di Monsignor Ricci? Secondo le dicerie dell’epoca, forse le lettere non erano state inviate a una nipote, ma ad un’amante romana; secondo altre dicerie riportate nel volume di Stuart, potevano essere addirittura lettere galanti indirizzate a un altro Cardinale. Storie d’amore proibite di questo tipo possono sollecitare la fantasia e si ammantano di un’aura di mistero e segretezza con il passare degli anni. Il fantasma che proteggeva questo segreto, infatti, potrebbe essere stato utilizzato come spiegazione paranormale per tutte le stranezze avvenute a Palazzo Ricci nel corso del tempo.

Quando si parla di case stregate, la presenza di fantasmi può essere spiegata dall’antichità dei luoghi e da fenomeni naturali, alimentati dalla suggestione degli abitanti:  le gallerie di tufo sotterranee possono essere fonti di rumori vari e costanti, fino a sembrare lamenti. Addirittura alcuni gas sprigionati da elementi naturali possono condurre ad allucinazioni visive o uditive. Se la diceria della casa stregata si diffonde, può alimentare fenomeni di imitazione e sviluppare ulteriori testimonianze, portandoci a considerare come paranormali altri fenomeni a cui non avremmo dato peso: se la storia attira, può fare leva sulla mente delle persone, alla ricerca di qualcosa fuori dall’ordinario.

La storia del fantasma del Palazzo Ricci riassume i tratti tipici della “casa stregata” o della “casa infestata”, una particolare tipologia di racconto sovrannaturale in cui un’abitazione è coinvolta in presunti eventi paranormali. Tali racconti sono così ricorrenti da attraversare la storia e la letteratura in innumerevoli forme: già ai tempi dei romani venivano infatti scritte storie su case stregate, così come ne “Le mille e una notte”. In tutte queste storie, le abitazioni (che possono essere case, castelli, ville o palazzi) sono abitate dagli spiriti degli abitanti passati, e le attività sovrannaturali da loro prodotte sono fatte risalire a eventi violenti accaduti in tali luoghi o a segreti che non devono essere rivelati. Dei conflitti irrisolti, quindi, legano i fantasmi (o le anime dei deceduti) a tali edifici e causano problemi ai nuovi proprietari: si passa da innocui dispetti ad atti più ostili come il lancio di oggetti, fino ai casi più estremi in cui le entità sono spinte ad atti malvagi e crudeli.

Nella letteratura dell’orrore la casa stregata è un elemento narrativo ricorrente, che ha raggiunto il suo apice nel XVIII e nel XIX secolo, particolarmente utilizzata nelle trame dei romanzi gotici: basti pensare a “La caduta della casa degli Usher” di Edgar Allan Poe, “Il giro di Vite” di Henry James  o “Il castello di Otranto” di Horace Walpole. Palazzi infestati dai fantasmi sono molto frequenti nelle leggende popolari in tutta Italia e non solo, con una vastissima varietà di casi paranormali e vicende particolari. Proprio in virtù della lunga storia di queste abitazioni, possono portarsi dietro racconti del passato e tramandarli tra le generazioni, contribuendo ad alimentarle e a diffonderle.

Il successo e la diffusioni di queste tipologie di storie non sono casuali. A quanti di noi è capitato di effettuare delle “prove di coraggio” durante l’infanzia, magari assieme a un gruppo di amici, intrufolandosi in qualche casa abbandonata solo perché si era diffusa la diceria che fosse presente un fantasma? Queste storie fanno parte della nostra esperienza e del nostro vissuto, perché colpiscono paure e timori che tutti noi possiamo condividere, ovvero quelli di sentirsi insicuri anche all’interno della nostra stessa abitazione.

Influenze nella cultura pop

Dal momento che la casa stregata è presente in tutta la nostra letteratura e fa parte di innumerevole leggende popolari, ha una grandissima influenza nella cultura attuale e nella nostra vita. Il cinema ha spesso sfruttato questo tema: prima di arrivare al più recente “Crimson Peak” (pellicola del 2015 di Guillermo del Toro di chiara ispirazione gotica) e al classico “Haunting – Presenze” (film del 1999 di Jan de Bont con Liam Neeson e Catherine Zeta Jones), la citazione più importante se la merita “La casa dei fantasmi” del 1959 di William Castle, vero e proprio masterpiece del genere:

Il cinema horror ha sfruttato in maniera così capillare il tema che risulta difficile rendere giustizia alla vastità delle pellicole dedicate all’argomento. A nostro avviso, tuttavia, una citazione particolare la merita “La Casa” di Sam Raimi del 1981, che diventò un vero e proprio cult-movie capace di sviluppare storie successive e serie televisive dedicate.

Anche il mondo della musica ha affrontato questo tema: Michael Jackson, nel suo mediometraggio Ghost del 1996, di cui pubblichiamo un assaggio, vive in una casa stregata:

Nel mondo dei videogiochi, con la loro possibilità di immergersi nella narrazione e di vivere in maniera interattiva l’esperienza, la casa stregata è particolarmente adatta ai giochi “survival horror”. Il primo “Alone in the Dark” del 1992 della Infogrames, che ha dato vita a una serie di successo, era ambientato proprio in una villa infestata.


Disclaimer: “Racconti di veglia” è una rubrica che vuole stimolare l’interesse sul folclore locale e sulle storie popolari della Valdichiana, con piccole analisi e collegamenti alla cultura di massa. L’intento è quello di tramandare la memoria orale delle “Veglie” contadine ai tempi della mezzadria, senza tralasciare uno sguardo alle più recenti “leggende urbane” e ai casi misteriosi degni di interesse. Le fonti vengono raccolte principalmente attraverso testimonianze dirette, memorie dei collaboratori, interviste e testi locali.

Nessun commento su Racconti di Veglia: il fantasma di Palazzo Ricci

Bravìo delle Botti 2019 – Tutte le notizie

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Magistrato delle Contrade di Montepulciano – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bravìo delle Botti di Montepulciano Talosa vince l’Arca d’Argento del Bravìo 2019 (15/09/2019)…

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Magistrato delle Contrade di Montepulciano – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bravìo delle Botti di Montepulciano


Talosa vince l’Arca d’Argento del Bravìo 2019 (15/09/2019)

Il tradizionale appuntamento al Teatro Poliziano che si è svolto domenica 15 settembre ha chiuso ufficialmente l’anno contradaiolo: è stata un’edizione del Bravìo delle Botti di grande successo, culminata dalla gara al cardiopalma dello scorso 25 agosto che ha visto trionfare la contrada di Voltaia con la coppia Niola e Paganelli.

La mattina di domenica 15 settembre si è aperta con l’ultimo corteo storico dell’anno e la messa nella Chiesa di Sant’Agnese, dove si è svolto il cerimoniale di chiusura della teca della santa poliziana e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano. Il pomeriggio le contrade si sono poi spostate al Teatro Poliziano, in cui i rappresentanti dell’amministrazione comunale e il reggitore del Magistrato delle Contrade, Giulio Pavolucci, hanno tracciato un bilancio finale dei sei anni complessivi di mandato che giungono al termine.

Le premiazioni di chiusura dell’anno contradaiolo sono cominciate con “Attimi di Bravìo”, il concorso fotografico organizzato dal Photoclub Poliziano giunta alla decima edizione. A vincere il concorso a tema libero è stato Andrea Della Giovampaola con la foto “Sfidando il sole”, seguito da Marta Brocchi e Giacomo Altaluce. Il premio speciale della giuria è andato a Gianluca De Micco e il premio al miglior portfolio nuovamente a Marta Brocchi; la mostra con le fotografie del concorso è allestita presso l’androne del palazzo comunale di Montepulciano e sarà liberamente visitabile fino al 30 settembre.

Le emozioni sono poi continuate con la consegna del premio ‘Bravìo nel Cuore’, istituito nel 2008 e assegnato dal Magistrato delle Contrade a una personalità che ha dimostrato grande e profondo amore per la manifestazione. Il premio è andato ad Alessio Betti, che da consigliere del consiglio di gestione ha assunto il ruolo di rettore della Contrada di San Donato, ma ha continuato a impegnarsi per il bene complessivo della manifestazione. Per celebrare la conclusione del mandato, sono stati assegnati due ulteriori premi speciali a due coppie che in questi anni sono stati per il reggitore del Magistrato delle Contrade dei pilastri portanti della macchina organizzativa: Francesca Mozzini, Giacomo Volpi, Chiara Innocentini e Marco Torelli.

A seguire sono stati consegnati i premi Memorial cav. Aldo Trabalzini, destinati alla migliore coppia di sbandieratori e alla migliore coppia di tamburini. La giuria di esperti ha premiato la contrada di Poggiolo come migliore coppia di sbandieratori (Jacopo Parissi e Giovanni Guarino) e la contrada di Collazzi per la migliore coppia di tamburini (Matteo Maroni e Francesco Billi).

Il premio Arca d’Argento, dedicata al miglior corteo storico del Bravìo delle Botti 2019 è andato alla Contrada di Talosa, per un corteo elegante e raffinato con degli splendidi figuranti. Le addette al corteo Caterina Conti, Matilde Grappi, Chiara Rosati e Irene Micheli hanno ritirato il premio realizzato a mano da Debora Betti.


Voltaia vince il Bravio con la coppia Niola-Paganelli (25/08/2019)

È nuovamente la contrada di Voltaia a festeggiare a Montepulciano, al termine di un’emozionante edizione del Bravìo delle Botti che ha visto trionfare la coppia di spingitori formata da Attilio “Attila” Niola e Alessandro “Digiuno” Paganelli. Torna quindi alla vittoria Niola, vero e proprio mattatore delle ultime edizioni della manifestazione, portando il sesto trionfo della storia alla contrada rossonera. Solo due anni fa, infatti, lo stesso Niola aveva vinto il Bravìo delle Botti in coppia con Matteo Paganelli, gemello dell’attuale compagno di squadra, arrivando a cinque vittorie totali a livello personale negli ultimi sette anni: un dominio che è stato interrotto soltanto da Poggiolo nel corso di due occasioni, l’ultima delle quali lo scorso anno.

La gara di quest’anno è stata anticipata per il rischio di temporali che nel corso del weekend hanno imperversato per Montepulciano a dintorni; la partenza alle ore 17:45 ha visto la seguente griglia di partenza: San Donato, Voltaia, Gracciano e Collazzi in prima fila, seguiti da Le Coste, Cagnano, Talosa e Poggiolo. Alla partenza è subita salita in testa Gracciano, grazie alla giovane coppia formata da Peparini e Venturini, ma già dopo Piazza delle Erbe si è creato un emozionante testa a testa tra le due grandi favorite della vigilia, ovvero Voltaia e Collazzi. Proprio quest’ultima, con la coppia Valentini e Benassi, è stata capace di rimanere in testa per gran parte della gara, mantenendo la prima posizione fino all’altezza di via Ricci, quando la stanchezza si è fatta sentire e la coppia formata da Niola e Paganelli ha effettuato il sorpasso finale, arrivando per prima sul sagrato del duomo con un tempo complessivo di 8 minuti e 52 secondi. Anche la contrada di Talosa con la coppia formata da Rosi e Parissi, autrice di una grande rimonta, è riuscita a superare Collazzi in via Ricci e si è piazzata al secondo posto.

Questo l’ordine di arrivo definitivo: Voltaia, Talosa, Collazzi, Le Coste, Cagnano, Gracciano, San Donato e Poggiolo. Grandi festeggiamenti per la contrada rossonera, che ha ricevuto dalle mani del reggitore del Magistrato delle Contrade il panno del Bravìo delle Botti 2019, dedicato all’allunaggio. Si tratta della sesta vittoria complessiva per Voltaia, che rappresenta anche una sorta di omaggio morale allo storico capitano Luciano Bardelli, scomparso prematuramente pochi mesi prima della gara.


Il maltempo non ferma lo spettacolo del Corteo dei Ceri (23/08/2019)

Il maltempo che si è scatenato a Montepulciano e dintorni nel pomeriggio di giovedì 22 agosto non ha impedito il regolare svolgimento della serata più attesa della settimana degli eventi del Bravìo delle Botti: il cielo si è aperto e il Corteo dei Ceri si è svolto regolarmente, regalando una Piazza Grande da tutto esaurito e una notte magica illuminata dalle torce e dalle fiaccole, con il corteo storico che ha sfilato lungo le vie cittadine e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano. Particolarmente suggestiva la danza verticale sulla parete del Palazzo Comunale, prima del grande spettacolo pirotecnico di mezzanotte.

Adesso è tutto pronto per la grande gara tra le otto contrade di Montepulciano (San Donato, Talosa, Le Coste, Collazzi, Voltaia, Poggiolo, Gracciano, Cagnano) che si sfideranno nel Bravìo delle Botti di domenica 25 agosto. L’appuntamento è fissato per le ore 10:00 in Piazza Grande con l’estrazione delle posizioni di partenza e la marchiatura a fuoco delle botti sul sagrato del Duomo, seguita dalla messa e dalla benedizione degli spingitori. A partire dalle ore 15:00 comincerà poi la sfilata del corteo storico dalla Colonna del Marzocco lungo le vie cittadine, accompagnati dalle esibizioni degli sbandieratori e dei tamburini delle rispettive contrade. L’attesa avrà il suo culmine alle ore 19:00, quando comincerà la vera e propria gara del Bravìo delle Botti, dalle postazioni di fronte alla Colonna del Marzocco. Due spingitori per ogni contrada dovranno spingere le rispettive botti, dal peso di circa 80kg ciascuna, lungo un percorso in salita di quasi 1,8 km. La prima contrada a raggiungere il sagrato del Duomo si aggiudicherà la vittoria e il panno dedicato ai 50 anni dallo sbarco sulla Luna.

Durante il pomeriggio di domenica 25 agosto, dalle ore 14:00 alle ore 19:00, l’accesso al centro storico di Montepulciano sarà regolamentato da un biglietto di ingresso di 2,50€, disponibile presso le biglietterie alle porte della città. All’interno di Piazza Grande sarà inoltre installato un maxischermo dove sarà possibile seguire in diretta tutto il corteo storico e la gara. Tutta la giornata sarà inoltre raccontata in diretta dal programma televisivo “Quelli che la Botte”, con approfondimenti, interviste e riprese esclusive, in onda su Tele Idea (canale regionale 190) anche in streaming sul sito www.teleidea.it e sulla pagina Facebook del Bravìo delle Botti.


Prime indicazioni dalle prove, in attesa del Corteo dei Ceri (20/08/2019)

La settimana degli eventi del Bravìo delle Botti è caratterizzata dal tipico rumore delle botti che rotolano sulla pietra serena: dalla scorsa domenica fino a venerdì 23 agosto, infatti, si svolgono le prove notturne degli spingitori, che utilizzano questi allenamenti per preparare le strategie e testare la resistenza degli atleti, in attesa della grande gara di domenica 25 agosto che sancirà il vincitore dell’edizione 2019 della manifestazione più attesa di Montepulciano.

Le prime due serate di prove hanno già dato delle indicazioni interessanti per gli allenatori e gli spingitori delle otto contrade lungo le strade della cittadina poliziana. Ecco i risultati delle prove notturne di domenica 18 agosto: San Donato 9’15” – Collazzi 9’08” – Le Coste 8’56” – Voltaia 8’37” – Poggiolo 8’38” – Gracciano 8’50” – Cagnano 9’43” – Talosa 9’23” – Le Coste 11’10” – Talosa 10’28”. Questi invece i risultati delle prove di lunedì 19 agosto: Cagnano 9’41” – Talosa 11’23” – San Donato 9’55” – Collazzi 9’02” – Le Coste 9’01” – Voltaia 8’46” – Poggiolo 9’48” – Gracciano 9’59” – Talosa 13’39” – Collazzi 9’41” – Le Coste 10’56” – Poggiolo 10’40”.

Le prove avranno una giornata di pausa giovedì 22 agosto, serata dedicata al tradizionale appuntamento con il Corteo dei Ceri. Il suggestivo corteo storico partirà alle ore 21:30 dalla Colonna del Marzocco e sfilerà lungo le vie cittadine fino a Piazza Grande, attraversando il centro storico illuminato esclusivamente da torce e fiaccole. Alle ore 22:00 si terrà sul sagrato del Duomo l’offerta dei ceri in nome di San Giovanni Decollato e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepuciano. A seguire si terrà uno spettacolo di danza verticale a cura della Compagnia Il Posto Vertical Dance Centre, intitolato “Bestiario”. Successivamente, sempre in Piazza Grande, lo spettacolo messo in scena dalla Compagnia Accademia Creativa che narra la storia di Orfeo ed Euridice, con effetti di luce pirotecnica per un’esibizione sorprendente. I biglietti per tribune e platea, dal costo di 12,00 €, sono a disposizione fino a eusarimento presso gli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.


Svelato il Panno del Bravìo dedicato all’allunaggio (18/08/2019)

Era stata annunciata come un’edizione del Bravìo delle Botti dedicata ai 50 anni dallo sbarco del primo uomo sulla Luna, e la Presentazione del Panno di domenica 18 agosto non ha tradito le aspettative: i contradaioli di Montepulciano sono stati letteralmente “stregati dalla luna” allo svelamento dell’opera realizzata dall’artista Stefano Palermo, dedicata proprio a questo storico avvenimento.  Alla presenza di Giulio Pavolucci, Reggitore del Magistrato delle Contrade, Michele Angiolini, Sindaco di Montepulciano e Gianluca Fé, consigliere delegato al Bravìo delle Botti, è stata ufficialmente presentato il Panno che verrà consegnato alla contrada vincitrice della gara tra gli spingitori di domenica prossima.

Il pomeriggio al Teatro Poliziano è cominciato con il premio dedicato all’artista senese Cesare Olmastroni, istituito lo scorso anno per ricordare l’autore dei panni delle edizioni 2015 e 2016, una figura particolarmente apprezzata dalla comunità poliziana e rimasta nel cuore delle contrade di Montepulciano. L’edizione di quest’anno del premio, consegnato dal figlio Duccio Olmastroni, è stato assegnato all’artista poliziano Daniele Brizzi.

Nell’occasione sono state presentate le nuove bandiere del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano, disegnate da Gabriele Torelli, e i nuovi costumi della cerimoniera e delle addette al corteo delle otto contrade, realizzati dalla costumista Noemi Grottini prendendo come ispirazione le opere pittoriche presenti nei musei poliziani e immaginati come angeli custodi.

Successivamente si è svolta la consegna del “Grifo Poliziano”, dedicato alle personalità che si sono distinte per il loro impegno nella valorizzazione di Montepulciano in ambito internazionale; quest’anno il premio è stato assegnato alla Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano che da ottanta anni mantiene la tradizione culturale del teatro popolare locale e che diffonde in Italia e nel mondo l’immagine della cittadina poliziana.

Come da tradizione, l’appuntamento pomeridiano al Teatro Poliziano è stato dedicato anche alle premiazioni del concorso enogastronomico “A Tavola con il Nobile”, giunto alla diciassettesima edizione e organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano. Le contrade si sono sfidate ai fornelli per realizzare delle ricette originali che abbinassero il vino tipico del territorio a un piatto della tradizione locale, quest’anno identificato nella carne chianina. Le ricette, particolarmente incentrate sull’utilizzo dei tagli poveri del “Gigante Bianco” caratterizzante la Valdichiana, sono state giudicate da una giuria di giornalisti internazionali e food blogger presieduta da Tinto, radiocronista di Radio2 e da Bruno Gambacorta, ideatore del concorso. Il premio è stato vinto dalla contrada di San Donato con la trippa di chianina, seguita dalle contrade di Collazzi e di Talosa. I piatti del concorso saranno a disposizione di tutti gli ospiti nei rispettivi stand gastronomici delle contrade durante la settimana degli eventi del Bravìo delle Botti.

Nella serata di domenica sono iniziate anche le prove notturne degli spingitori, che si terranno tutte le sere a partire dalle ore 21; per tutta la settimana le contrade di Montepulciano saranno aperte, con cene, intrattenimento e musica dal vivo. A celebrare la dedica di quest’edizione del Bravìo delle Botti all’allunaggio, sempre nella serata di domenica, si è svolta un’osservazione della luna nel prato di San Biagio a cura della Società Astronomica Poliziana.


Bravìo delle Botti: gli appuntamenti del primo weekend (16/08/2019)

Ai nastri di partenza la settimana degli eventi del Bravìo delle Botti, la manifestazione più attesa dell’anno a Montepulciano: spettacoli, intrattenimenti e cene in contrada ci guideranno verso la grande gara di domenica 25 agosto tra le otto contrade poliziane. Si comincia venerdì 16 agosto con la quarta edizione del Daniele’s Drink, la sfida tra i contradaioli nella preparazione di un cocktail, in ricordo di Daniele Santoni.

Il primo spettacolo della settimana degli eventi sarà sabato 17 agosto a partire dalle ore 21:30 , in cui il Proclama del Gonfaloniere sancirà l’inizio della sfida tra le otto contrade. Il corteo storico suddiviso in terzieri sfilerà lungo le vie cittadine, fino ad arrivare sul Sagrato del Duomo, per udire la lettura del proclama. Il Gruppo Sbandieratori e Tamburini si esibirà prima dello spettacolo di fuoco “Belfagor” ideato e messo in scena dalla compagnia Lux Arcana: uno spettacolo di giocoleria, danza e ginnastica con strumenti infuocati e sorprendenti effetti speciali. Per l’acquisto dei biglietti, fino a esaurimento, è possibile rivolgersi agli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Il costo è di 5,00 €, ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.

Grande attesa anche per la giornata di domenica 18 agosto, a partire dalle ore 15:30 con il corteo storico del Gruppo Sbandieratori e Tamburini e Montepulciano e la Presentazione del Panno al Teatro Poliziano: verrà infatti svelata l’opera realizzata dall’artista Stefano Palermo e dedicata all’allunaggio, che sarà consegnata alla contrada vincitrice del Bravìo delle Botti. Nel corso del pomeriggio si svolgerà inoltre la premiazione del concorso gastronomico organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano “A Tavola con il Nobile” e dell’onorificenza creata dal Comune di Montepulciano, il “Grifo Poliziano”. Con l’occasione, verranno anche presentati i nuovi costumi delle addette al corto delle otto contrade. Successivamente il panno verrà esposto in Piazza Grande assieme all’esibizione dei piccoli e grandi Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

Nella serata di domenica inizieranno anche le prove notturne degli spingitori, che si terranno tutte le sere a partire dalle ore 21; per tutta la settimana le contrade di Montepulciano saranno aperte, con cene, intrattenimento e musica dal vivo.


Bravìo delle Botti 2019, edizione dedicata all’allunaggio (13/08/2019)

Il momento più atteso dell’anno per i tanti contradaioli di Montepulciano è finalmente arrivato: l’edizione 2019 del Bravìo delle Botti è alle porte, con una settimana di eventi, spettacoli, intrattenimenti e cene in contrada, in attesa della gara di domenica 25 agosto. Sarà un’edizione molto particolare, nell’anno in cui ricorrono i 50 anni dal primo sbarco dell’uomo sulla Luna: proprio il tema dell’allunaggio sarà al centro del panno del Bravìo, che sarà consegnato alla contrada vincitrice, realizzato dal perugino Stefano Palermo.

“Siamo pronti a partire con la nuova edizione del Bravìo delle Botti, carichi di entusiasmo – commenta il reggitore del Magistrato delle Contrade, Giulio Pavolucci – Purtroppo il calendario anticipato ci ha costretti a rinunciare alla serata di Cantine in Piazza, ma abbiamo mantenuto invariato tutto il programma, fornendo il massimo impegno perché si mantenga alto il livello di spettacolarità dell’evento, pur rimanendo all’interno delle necessarie norme di sicurezza per prevenire i rischi. Presenteremo anche i nuovi costumi delle addette al corteo, con cui si completa il percorso di rinnovo che ogni anno ci ha portati a migliorare il nostro corteo storico. Questa sarà l’ultima edizione del Bravìo delle Botti per l’attuale gruppo del Magistrato delle Contrade, ma siamo convinti che chi avrà le redini del prossimo mandato potrà migliorare ulteriormente il futuro di questa manifestazione, rendendola sempre più bella e conosciuta a livello internazionale.”

L’avvicinamento alla gara di domenica 25 agosto è scandito da una serie di eventi che animeranno la cittadina poliziana, destinata ai cittadini e ai turisti. Si comincia venerdì 16 agosto con la quarta edizione del Daniele’s Drink, in cui le otto contrade si sfideranno nella preparazione di un cocktail; un evento organizzato dalla Contrada del Poggiolo in ricordo di Daniele Santoni. Quest’anno slitterà il tradizionale appuntamento con “Cantine in Piazza”, in collaborazione con il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, per via del calendario sfavorevole, ma tornerà con rinnovato vigore dalla prossima edizione.

Sabato 17 agosto il primo spettacolo della settimana degli eventi sancirà l’inizio della sfida tra le otto contrade, ovvero il Proclama del Gonfaloniere. Il corteo storico suddiviso in terzieri sfilerà lungo le vie cittadine, fino ad arrivare sul Sagrato del Duomo, per udire la lettura del proclama. Il Gruppo Sbandieratori e Tamburini si esibirà prima dello spettacolo di fuoco “Belfagor” ideato e messo in scena dalla compagnia Lux Arcana: uno spettacolo di giocoleria, danza e ginnastica con strumenti infuocati e sorprendenti effetti speciali. Per l’acquisto dei biglietti, fino a esaurimento, è possibile rivolgersi agli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Il costo è di 5,00 €, ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.

Il primo weekend del Bravìo delle Botti si chiude domenica 18 agosto, a partire dalle ore 15:30 con il corteo storico del Gruppo Sbandieratori e Tamburini e Montepulciano e la Presentazione del Panno al Teatro Poliziano. Durante il pomeriggio verrà infatti svelata l’opera realizzata dall’artista Stefano Palermo e dedicata all’allunaggio. Verrà inoltre svolta la premiazione del concorso gastronomico organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano “A Tavola con il Nobile” e consegnato il premio “Grifo Poliziano”. Con l’occasione, verranno anche presentati i nuovi costumi delle addette al corto delle otto contrade. Al termine del pomeriggio in teatro, il panno verrà esposto in Piazza Grande assieme all’esibizione dei piccoli e grandi Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

Nella serata di domenica inizieranno anche le prove notturne degli spingitori, che si terranno tutte le sere a partire dalle ore 21, fino a venerdì 23 agosto. Per tutta la settimana le contrade di Montepulciano saranno aperte, con cene, intrattenimento e musica dal vivo.

Le prove avranno una giornata di pausa giovedì 22 agosto, quando si svolge il tradizionale appuntamento con il Corteo dei Ceri. Il suggestivo corteo storico partirà alle ore 21:30 dalla Colonna del Marzocco e sfilerà lungo le vie cittadine fino a Piazza Grande, attraversando il centro storico illuminato esclusivamente da torce e fiaccole. Alle ore 22:00 si terrà sul sagrato del Duomo l’offerta dei ceri in nome di San Giovanni Decollato e l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepuciano. A seguire si terrà uno spettacolo di danza verticale a cura della Compagnia Il Posto Vertical Dance Centre, intitolato “Bestiario”. Successivamente, sempre in Piazza Grande, lo spettacolo messo in scena dalla Compagnia Accademia Creativa che narra la storia di Orfeo ed Euridice, con effetti di luce pirotecnica per un’esibizione sorprendente. I biglietti per tribune e platea, dal costo di 12,00 €, sono a disposizione presso gli uffici turistici della Pro Loco di Montepulciano (Piazza Don Minzoni, 1) e della Strada del Vino Nobile di Montepulciano (Piazza Grande, 7). Ingresso gratuito per bambini fino a tre anni.

A conclusione della settimana di eventi, le otto contrade di Montepulciano (San Donato, Talosa, Le Coste, Collazzi, Voltaia, Poggiolo, Gracciano, Cagnano) saranno pronte a sfidarsi nella grande gara del Bravìo delle Botti di domenica 25 agosto. L’appuntamento è fissato per le ore 10:00 in Piazza Grande con l’estrazione delle posizioni di partenza e la marchiatura a fuoco delle botti sul sagrato del Duomo, seguita dalla messa e dalla benedizione degli spingitori. A partire dalle ore 15:00 comincerà poi la sfilata del corteo storico dalla Colonna del Marzocco lungo le vie cittadine, accompagnati dalle esibizioni degli sbandieratori e dei tamburini delle rispettive contrade. L’attesa avrà il suo culmine alle ore 19:00, quando comincerà la vera e propria gara del Bravìo delle Botti, dalle postazioni di fronte alla Colonna del Marzocco. Due spingitori per ogni contrada dovranno spingere le rispettive botti, dal peso di circa 80kg ciascuna, lungo un percorso in salita di quasi 1,8 km. La prima contrada a raggiungere il sagrato del Duomo si aggiudicherà la vittoria e il panno dedicato ai 50 anni dallo sbarco sulla Luna.

Durante il pomeriggio di domenica 25 agosto, dalle ore 14:00 alle ore 19:00, l’accesso al centro storico di Montepulciano sarà regolamentato da un biglietto di ingresso di 2,50€, disponibile presso le biglietterie alle porte della città. All’interno di Piazza Grande sarà inoltre installato un maxischermo dove sarà possibile seguire in diretta tutto il corteo storico e la gara. Tutta la manifestazione sarà inoltre raccontata in diretta dal programma televisivo “Quelli che la Botte”, con approfondimenti, interviste e riprese esclusive, in onda su Tele Idea (canale regionale 190) anche in streaming sul sito www.teleidea.it e sulla pagina Facebook del Bravìo delle Botti.


Piccoli Sbandieratori e Tamburini: vincono Gracciano e San Donato (04/08/2019)

Piazza Grande nel pomeriggio di domenica 4 agosto è stata animata dal tradizionale appuntamento che ha visto sfidarsi le nuove generazioni dei contradaioli del Bravìo delle Botti: si è infatti tenuta la 37° edizione dei “Piccoli Sbandieratori e Tamburini – Paolo Gonnelli”, organizzata dalla Contrada di San Donato in occasione della festa patronale. L’ampia partecipazione ha visto alternarsi nella splendida cornice poliziana i bambini e i ragazzi di età compresa tra i 6 e 10 anni per la categoria junior, e di età compresa tra gli 11 e i 14 anni per la categoria senior.

A vincere per la categoria junior è stata la contrada di Gracciano con Ginevra Duchini, Swami Asquino, Lorenzo Tiradritti, Virginia Duchini ed Ettore Da Frassini. Come migliori tamburini, la vittoria è andata a Collazzi con Edoardo Sabatini, Emma Cugusi ed Elena Aloyan; per i migliori sbandieratori, invece, ha vinto la contrada di Poggiolo con Alessandro Massoni e Giulio Rossi.

Per la categoria senior, la vittoria è andata alla contrada di San Donato con Martina Fiorini, Caterina Chiavai, Simone Zerillo e Perla Caselli. Come migliori tamburini, è stata premiata la contrada di Gracciano con Vincenza Gravina e Niccolò Mariani; per i migliori sbandieratori sono stati invece premiati Brando Calibé Adinolfi e Youssef Hmaied della contrada di Collazzi.

Al termine della giornata si è svolta la cena nella contrada di San Donato con i prodotti tipici della gastronomia locale nei giardini della Fortezza, seguita dal DJ set di Stefano Milano. La bella giornata di partecipazione del mondo contradaiolo è stata un antipasto dell’appuntamento di fine agosto con la gara del Bravìo delle Botti, a cui però manca ancora un appuntamento di avvicinamento. Il prossimo sabato 10 agosto, infatti, si terrà l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano e le otto contrade apriranno le loro cucine per la nuova edizione di “Calici di Stelle”, abbinando la cucina tradizionale al Vino Nobile e al Rosso di Montepulciano.


Piccoli spingitori del Bravìo: torna la sfida tra i giovani talenti (27/06/2019)

L’appuntamento dedicato ai giovani spingitori del Bravìo delle Botti si rinnova anche per quest’anno: giunto alla sedicesima edizione, l’appuntamento di inizio estate ha l’obiettivo di formare le nuove generazioni di spingitori per la grande manifestazione poliziana e cementare il senso di comunità tra i contradaioli di Montepulciano. Organizzato dalla Contrada di Talosa e diventato ormai un appuntamento molto atteso, l’evento si svolgerà nel weekend di sabato 29 e domenica 30 giugno.

Ai vincitori della gara tra i giovani talenti delle contrade, 12° “Memorial Michele Lucci”, saranno consegnati i panni dipinti da Sara Lucci, la figlia dell’atleta a cui è dedicata la manifestazione; uno dei panni è dedicato a San Biagio, l’altro all’anniversario dell’allunaggio. Dallo scorso anno la competizione è stata aperta anche alle ragazze e vedrà i partecipanti sfidarsi in due diversi concorsi: la sezione allievi, per i nati tra il 2005 e il 2008, e la sezione senior, per i nati tra il 2002 e il 2004.

Il programma del weekend prevede la S. Messa nell’oratorio dei Cavalieri di Santo Stefano sabato 29 giugno alle ore 16:30, a cui seguirà il corteo storico dei figuranti e l’esibizione di sbandieratori e tamburini. Alle ore 18:00 partiranno le prove cronometrate per la categoria allievi e la categoria senior con i seguenti percorsi: per gli allievi Palazzo Benincasa, Via Ricci e Sagrato del Duomo; per i senior Porta di Collazzi, Via di Collazzi, Arco del Paolino, Via Ricci e Sagrato del Duomo. Domenica 30 giugno,  a partire dalle ore 17:00, si svolgeranno le prove di abilità a cronometro della categoria allievi con il percorso allestito in Piazza Grande, mentre alle ore 18:00 le gare a coppie della categoria senior, con quattro batterie formate grazie alle prove a cronometro del giorno precedente. Al termine delle premiazioni dei vincitori, alle ore 19:30 la contrada di Talosa aprirà le proprie cucine e darà la possibilità di cenare a tutti i contradaioli e i visitatori.


Tutto pronto per la terza edizione delle “Dame della Botte” (13/06/2019)

Diventato ormai un appuntamento molto atteso, anche per quest’anno torna la sfida al femminile tra le contrade del Bravìo delle Botti: nel weekend di sabato 15 e domenica 16 Giugno a Montepulciano si svolgerà infatti la terza edizione delle “Dame della Botte”, che vedrà sfidarsi le spingitrici poliziane in attesa della tradizionale sfida di fine Agosto. Organizzato dalla contrada di San Donato, con il supporto del Magistrato delle Contrade e la partecipazione di tutto il mondo contradaiolo,  l’evento aspetta cittadini e visitatori in Piazza Grande per la sfida tra le migliori spingitrici di Montepulciano.

Nessuna novità per il percorso, che replicherà quello dello scorso anno: le gare eliminatorie si svolgeranno in tre batterie che vedranno le sfidanti partire di fronte al Comune, fare un giro intorno alla cattedrale, seguire Via San Donato e Via Fiorenzuola, quindi via di Talosa e via Ricci all’altezza del Museo Civico, con arrivo sul sagrato del Duomo. Al termine delle batterie, le quattro contrade vincitrici si sfideranno nella finale, che prevede un ulteriore giro intorno al Duomo.

Ecco le atlete che si contenderanno la vittoria: Daniela Braconi e Ludovica Galli per Collazzi (campionesse in carica), Francesca Monaci e Alice Tassini per Poggiolo, Cristina Feri e Angelica Biagianti per Cagnano, Rebecca Stainko e Veronica Damiano per Le Coste, Chiara Giachi ed Eleonora Iannuzzi per Talosa, Monika Tomaszun e Francesca Barneschi per San Donato, Chiara Pascucci, Giulia Faralli e Chiara Fè per Voltaia.

Il ricco programma degli eventi del weekend prevede sabato pomeriggio le prove del percorso di gara, che potranno essere svolte anche da coppie miste, e un concerto musicale in Fortezza. La giornata di domenica si aprirà alle ore 17 con le estrazioni delle batterie e i primi gironi eliminatori, fino alla gara finale che partirà alle ore 19 circa. Entrambe le sere, inoltre, sarà possibile cenare con gli stand gastronomici gestiti dalla contrada di San Donato presso i giardini della Fortezza.


Bravìo delle Botti 2019, si apre l’anno contradaiolo (28/04/2019)

Al periodo dei ponti pasquali che sta allietando la primavera di Montepulciano e dintorni si è aggiunto un appuntamento molto atteso dalla cittadinanza e la cui portata ha ormai valicato i confini territoriali: si è infatti aperto l’anno contradaiolo, la prima di una lunga serie di iniziative che porteranno a correre l’edizione 2019 del Bravìo delle Botti.

Domenica 28 aprile si è tenuta la prima uscita pubblica delle contrade dell’anno, per sancire l’inizio della manifestazione più attesa dai contradaioli, che culminerà nella giornata di domenica 25 agosto, in cui le botti rotoleranno lungo le vie cittadine fino al sagrato del Duomo di Montepulciano. Per celebrare degnamente l’evento, l’apertura dell’anno contradaiolo si è svolta come da cerimoniale, alla presenza delle otto contrade cittadine, del Magistrato delle Contrade e delle autorità cittadine. A partire dalle ore 10, il corteo storico ha sfilato dal Palazzo Comunale lungo le vie cittadine, fino a raggiungere il Santuario di Sant’Agnese, dove si è tenuta la Santa Messa in onore della patrona. Al termine delle celebrazioni, nel piazzale antistante la chiesa, si è tenuta la tradizionale sbandierata del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

“Oggi ha avuto inizio l’ultimo anno contradaiolo del mio secondo mandato – ha commentato Giulio Pavolucci, Reggitore del Magistrato delle Contrade – È stato un percorso bellissimo, difficile ma ricco di soddisfazioni. Ho avuto modo di collaborare con persone splendide e di capire giorno dopo giorno quanto sia essenziale il lavoro di gruppo per questo genere di attività. Non ringrazierò mai abbastanza tutti coloro che, a vario titolo, hanno lavorato e continuano a lavorare per il Bravìo delle Botti di Montepulciano. L’unico rammarico è quello di non aver ancora individuato un gruppo di persone che raccolga il testimone per il futuro, nonostante gli appelli alle contrade. Spero davvero di cuore che ci possa essere un avvicendamento graduale: l’estate 2019 sarebbe una perfetta palestra per preparare il nuovo gruppo.”

Nessun commento su Bravìo delle Botti 2019 – Tutte le notizie

Tradizioni digitali: i mercati della Valdichiana Senese si raccontano

Raccogliere storie, scrivere aneddoti e raccontare la vita, è questa la parte del mio lavoro che più mi piace. Una parte scontata, forse, perché è alla base di ogni lavoro…

Raccogliere storie, scrivere aneddoti e raccontare la vita, è questa la parte del mio lavoro che più mi piace. Una parte scontata, forse, perché è alla base di ogni lavoro giornalistico, ma non sempre semplice. Gli sguardi diffidenti degli interlocutori, il non voler parlare davanti ad un microfono, la preoccupazione di dove andranno a finire le dichiarazioni rilasciate, sono tutti aspetti da mettere in conto da chi decide di raccontare la vita. Ma quando il contesto è un luogo essenziale che descrive un popolo e una comunità anche l’interlocutore dimentica ogni segno inibitorio e diventa una fonte e una testimonianza preziosa e fondamentale per la storia di un territorio.

Ed è proprio attraverso un luogo essenziale e le testimonianze dei vari attori che animano questo spazio, che la nostra redazione ha deciso di raccontare la Valdichiana attraverso l’elemento che più costudisce una vasta collezione di aneddoti e racconti del patrimonio orale, che caratterizza il nostro territorio con un valore identitario che non si disperderà mai. Questi luoghi sono i mercati, sempre più costretti in una crisi che li rende poco competitivi rispetto ai supermercati e alla grande distribuzione organizzata ma con principi importanti per l’economia locale.

La Fondazione Cantiere d’Arte di Montepulciano, grazie al progetto ‘Luoghi-incontro’ sostenuto da Fondazione Monte dei Paschi di Siena nell’ambito della programmazione di “SIENAindivenire”, ci ha affidato il compito di digitalizzare la tradizione orale raccolta nei principali mercati della Valdichiana Senese per la diffusione alle nuove generazioni, assumendo così quel tratto di innovatività che proietta in un futuro conscio le radici culturali della collettività.

E così insieme al mio socio-scrittore Alessio Banini abbiamo cominciato il nostro tour nel patrimonio culturale immateriale contenuto nei mercati di Montepulciano, Sarteano, Cetona, Sinalunga e Torrita di Siena. Nel corso dei mesi di aprile e di maggio 2019, abbiamo fatto visita a questi mercati e utilizzando  tecniche di indagine qualitative, ovvero interviste dirette, storie di vita, osservazione partecipante, siamo entrati in contatto con le persone che frequentano i mercati, che vivono la socialità del luogo di incontro, in grado di raccontare aneddoti e tradizioni orali. Le preziose testimonianze sono state successivamente sottoposte a verifica, grazie allo studio della letteratura collegata e al confronto con altre fonti orali.

Dopo quattro mesi dalla prima intervista, questo lavoro è pronto per essere diffuso come testimonianza delle dinamiche antecedenti ai modelli culturali del consumismo, della commercializzazione di massa e della globalizzazione. I saperi, gli aneddoti, le storie di una vita apparentemente lontani, grazie a questo libro, sono stati recuperati e verranno preservati, attraverso la digitalizzazione e la trasmissione alle generazioni più giovani.

Quello che abbiamo appreso da questa esperienza lavorativa è che oltre al grande valore sociale, come luogo simbolico di ritrovo e di confronto tra le rispettive esperienze, in cui l’aspetto economico dell’acquisto della merce è fortemente connotato dalla modalità di acquisto, dalla conoscenza delle persone e dai meccanismi di fiducia e vicinanza, il mercato è a tutti gli effetti un “mercato”, un luogo in cui vengono realizzati gli scambi economici di materie prime, regolato dalle leggi della domanda e dell’offerta, una piazza pubblica che diventa il momento fondante della vita della comunità, in cui ritrovare la propria identità. Un luogo in cui interviene una mimica del corpo e una modalità di comunicazione fisica che altrove non accade: il modo di occupare lo spazio, di interagire con la merce, di parlare con il venditore e di avvicinarsi al banchino diventa parte di una comunicazione di sé da parte dell’acquirente. Forse non è azzardato avvicinare il mercato ad una rappresentazione teatrale: il mercato è un evento pubblico che si può fruire soltanto dal vivo, con un attore, l’ambulante, che mette in pratica le sue tecniche di recitazione migliori, in questo caso ‘di vendita’ per attirare la clientela, ma anche la propria rappresentazione in un luogo pubblico, utilizzando la conoscenza delle persone, il pubblico, che ha di fronte e l’improvvisazione.

Il nostro lavoro è disponibile gratuitamente all’interno del negozio “Valdichiana Shop”: potete scaricare l’ebook gratuito a questo link, aggiungendolo al carrello e completando la procedura, finché non apparirà il bottone per scaricarlo direttamente nel vostro dispositivo.

“I saperi del mercato, come tutti i processi culturali, si trasmettono attraverso i mediatori, i maestri, il dialogo: fra il compratore e la cosa desiderata è frapposto il mediatore, interprete, trasmettitore e conoscitore. Il supermercato invece è il luogo dell’”immediato”, in cui fra il cliente le cose esposte non si trova nessun informatore, nessuna voce, nessuna presenza mediatrice. Ognuno rimane solo con le sue tentazioni. […] Vi domina, unico sovrano legittimo e riconosciuto, il Potere d’Acquisto e la Moltiplicazione, spesso gratuita, immotivata. Spazio controllato e chiuso, luogo della non partecipazione, dell’acquisto condizionato, non contrattato, istintivo e gregario, della presenza passiva, trappola da percorsi obbligati, dalla quale si può uscire se la logica dell’acquisto viene rispettata. Il mercato, se il dialogo langue, può trasformarsi in teatro animato, pulsante. In vita”. (Piero Camporesi)

Nessun commento su Tradizioni digitali: i mercati della Valdichiana Senese si raccontano

Type on the field below and hit Enter/Return to search