Quinta tappa della rubrica di itinerari lungo il Sentiero della Bonifica in Valdichiana Toscana


Il Sentiero dei Principes Etruschi collega il territorio di Cortona al Sentiero della Bonifica più o meno all’altezza di Foiano della Chiana. La deviazione comincia con una curva a sinistra in direzione del ponte in ferro sul canale di Montecchio.

sentiero dei principes etruschi

Questo tipo di infrastrutture comparve in Valdichiana negli anni vicini al cambio di secolo tra Ottocento e Novecento, per potersi spostare in un’area profondamente modificata dall’intervento umano. Si chiamano anche ponti zorès e la loro struttura modulare poteva essere completata in poco tempo. Ancora oggi nelle strade poderali ce ne sono alcuni rimasti tali e quali all’epoca in cui sono stati costruiti, mentre tutti quelli della viabilità principale sono stati distrutti durante la Seconda Guerra Mondiale e rimessi in sesto successivamente.

Chiazze di ruggine macchiano il reticolato di metallo chiaro rendendo più interessante il profilo del ponte, che rimane a destra dello sterrato. Davanti alla bici si spalanca una distesa di campi molto vasti; se tira vento l’erba oscilla con un movimento ipnotico che vale la prima sosta panoramica dell’itinerario. Il verde intenso del paesaggio resta perfettamente uniforme fino ad una fascia di canne scure. Dopo un incrocio con l’asfalto il sentiero si piega bruscamente in una discesina parecchio ripida. Ai piedi della china una leopoldina diroccata regala un altro scorcio da cartolina al percorso ciclopedonale. Un uccello grigio-nero si solleva in aria dal campo dove si trova il rudere con un volo sorprendentemente lento e dietro alla casa colonica e al vecchio edificio al suo fianco si scorge già distintamente la collina di Cortona.

sentiero dei principes etruschi

Superato un viadotto ferroviario serve una marcia bassa per scavalcare una salita corta e decisa; manca poco al prossimo incrocio, stavolta in corrispondenza di un ponte di mattoni a tre archi sull’allacciante Esse Mucchia. Di fronte al manubrio qualche metro di erba alta separa il portone di un casello idraulico dall’asfalto. I tonfi dei cannoncini scacciavolatili sono l’unico suono che arriva dai campi circostanti alla lievissima salita in questo tratto di viaggio, dove il tracciato si ostina in un tutto dritto su cui è impossibile avere dubbi.

A circa sette chilometri dalla partenza un bivio segnalato da un cartello marrone offre un’alternativa di percorso o, volendo, un tour ad anello nel territorio cortonese. A destra, passando sopra un ponticello stretto, si va verso la stazione ferroviaria di Camucia, mentre proseguendo dritto ci si dirige verso il Parco Archeologico in località Sodo. Seconda opzione: si deve proseguire ignorando un secondo ponte a destra. Si scende di pendenza in modo quasi impercettibile, ma occhio agli attraversamenti con la rete viaria locale (soprattutto ad uno, a metà di una brutta curva per chi guida un veicolo).

Prima di arrivare alla meta la strada ciclopedonale si interrompe temporaneamente. Stop alla fine dello sterrato; bisogna svoltare a sinistra sull’asfalto e percorrerlo per alcune centinaia di metri per poi spostarsi sulla sinistra e imboccare un sentierino rialzato indicato da un cartello e riservato a pedoni e persone in bicicletta. Attraversato un ponte con la ringhiera verde si svolta a destra e avanti, fino ad immettersi nella SR71. Il Parco Archeologico di Cortona è veramente vicino ormai.

sentiero dei principes etruschi

Che fare con l’altro ramo della deviazione? Il tragitto più breve per arrivarci passa per la strada regionale per Camucia. Arrivati alla stazione ferroviaria bisogna scendere le scale del sottopassaggio con la bici a mano, in direzione del binario 2. Uscendo dal minitunnel ci si imbatte subito nella segnaletica del Sentiero della Bonifica. Girare a sinistra e un po’ più avanti a destra porta a riprendere lo sterrato, che si alza in una lunga salitina. Dà sollievo all’udito ritrovare il silenzio della campagna pedalando a ritmo rilassato con da un lato un pendio d’erba, dall’altro appezzamenti coltivati di dimensioni ridotte. Quando si raggiunge un incrocio di strade bianche si deve prendere la più arretrata a sinistra. I campi di prima lasciano il posto ad una vegetazione fitta da cui provengono fruscii continui e repentini; presto le piante si diradano un po’ e si prosegue su un tratto con sassi grossi e abbastanza appuntiti: attenzione a non bucare.

Un piccolo edificio sviluppato in verticale sta più in alto del livello del sentiero in corrispondenza di una curva a destra, dopodiché si va ancora dritto per prendere il ponte a sinistra. Gli spaventapasseri a guardia dei terreni a fianco dell’itinerario anticipano l’arrivo all’origine della biforcazione. Forza e coraggio, il tratto principale del Sentiero della Bonifica è a pochi chilometri da qui.

Fotogallery

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Bianca Sestini

Giornalista professionista dal 2020, si è laureata in Giurisprudenza all'Alma Mater Studiorum Università di Bologna e ha frequentato la Scuola di Giornalismo "Massimo Baldini" di Roma. Orgogliosamente chianina dal 1991, non sopporta le salite in bici e sta lavorando sulla sua fobia per nutrie e cinghiali. Scrive di itinerari, territorio, turismo lento.

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close