Benvenuti ad un’altra puntata di Fantacalcisticamente. Tanti gli argomenti da trattare questa settimana e un weekend calcistico di tutto rispetto. (Ho preso Guarin marcatore nel derby, scusate.)

Ma facciamo un passo indietro: la terza giornata è stata ricca di gol e di risultati #strappaschedina, tra i quali sicuramente spicca la capolista Chievo fermata dall’ultima della classe Juve. Non è bastato bomber Hetemaj e una prova gigantesca della premiata ditta Meggiorini/Birsa a portare i 3 punti, fermati all’83’ dal rigore siglato da Dybala.
Come preannunciato, invece, è stato spettacolo puro al Mapei Stadium, dove Guardiola, Sacchi e Rijkaard hanno assistito a quello che verrà ricordato come uno dei match più belli della Serie A. Un 2-2 esplosivo e coinvolgente pari solo al concerto dei “The Qemists” al Live Rock Festival.
Solita delusione del Napoli, che continua ad avere la difesa più bucata di qualsiasi cosa respiri nello spogliatoio del Camerun, mentre Toni ed Eder fanno impazzire le proprie tifoserie. Non è un caso che con l’arrivo di Matri le tribune fossero completamente zuppe (c’è chi dice abbia piovuto veramente, ma è una versione poco credibile) ed è una gioia immensa quando hai Guarin al fantacalcio.

In questa settimana sono iniziate la Champions e L’Europa League, con le nostre cinque italiane alla ricerca di prestigio e riscossa internazionale. Solita passeggiata della salute in Inghilterra, dove la Juve spazza via i miliardi spesi dal City e centra la prima vittoria stagionale, mentre il classico gol da centrocampo di Florenzi regala il pareggio a una bella Roma. Meno bene invece nella ex Coppa Uefa, dove la fiorentina viene puntualmente battuta dagli svizzeri del Basilea e la Lazio non va oltre l’1-1 in casa del Dnipro. Bene soltanto il Napoli, che contro la terza categoria belga vince e convince.

missiroli
Missiroli non può mancare in un centrocampo di qualità

Il nostro weekend di campionato è molto interessante e piuttosto difficile a livello di fantacalcio.
Partiamo sabato alle 18 con Udinese – Empoli. Colantuono lo ha detto alla vigilia: “Non posso credere che Zapata sia l’unico a non bucare la rete. È geneticamente impossibile”. Staremo a vedere, anche perché la difesa toscana fa acqua da tutte le parti. Di Natale è evidente che segnerà, mentre occhio a quel Diousse.

Sfida affascinante e per tradizione ricca di gol alle 20,45: il Milan di un ritrovato capitan Montolivo ospita il Palermo degli amministratori delegati del più vasto giro di case chiuse della Sicilia: Vitiello e Rispoli. Dalle prime tre giornate è lampante che Mihajilović fosse ignaro di avere in rosa Honda ed Ely e che prima di ogni partita venga palesemente drogato dal Presidente, in modo da poter far lui la formazione, altrimenti non si spiega il fatto che Sinisa rida sempre. Fantacalcisticamente il tridente con il tasso alcolemico più alto della serie A va messo, mentre Gilardino a Milano ha sempre suonato il suo violino.

Succoso anticipo dell’ora di pranzo: si sfidano le prime due della classe. Uno splendido Chievo ospita una solida Inter. Da sei anni a questa parte il Bentegodi (no, non è dedicato alle fan di Dainelli) è il fortino perfetto. Non a caso il Camp Nou ne prende spunto. Vedremo il Messi veneto sfidare la sua ex squadra e gli ex milanisti Birsa e Paloschi in odore di derby. Nelle fila nerazzurre la galvanizzazione per la vittoria contro i cugini si è fatta sentire: Santon, Montoya e Nagatomo stanno ancora facendo after, Melo e Telles stanno finendo di spacciare la poca roba turca rimastagli, Ranocchia si diverte ad abbracciare virtualmente le persone e Mancini sta cercando un ruolo per Perisic (chissà in questi due mesi di trattativa a cosa pensava). Icardi e Meggiorini. X nella schedina.

Ben cinque partite ci danno il pretesto per non uscire di casa il pomeriggio e lasciare che la fidanzata si faccia un amante domenicale.
Bologna – Frosinone, inutile negarlo, è la sfida più interessante della quarta giornata. In settimana Mourinho ha fatto visita all’amico Delio Rossi, per ritrovare la retta via ormai smarrita e tornare in auge con il Chelsea. Il Bologna neo promosso, che ha incantato l’intero Liechtenstein lo scorso anno, si presenta con in rosa Morleo. Gli sfidanti, con Rosi e Diakité, non temono il confronto e saranno botte da orbi sin dall’inizio. Abbiamo già prenotato la saletta V.I.P. al bar per gustare al meglio LA sfida.
Alla fine vincerà il Bologna e Destro sarà autore di una bella doppietta, innescato da quel fenomeno di Mounier.

Difficile dire che partita sarà quella tra Roma e Sassuolo. Il tridente emiliano si è confermato come il più temuto in Europa, eclissando anche i cinque gol di CR7. Animi caldi a Roma: i tifosi a colloquio con Garcia chiedono perché Totti debba giocare con il catetere inserito e la badante a presso. Immediata la risposta del mister, che dichiara “François sta bon, usare Hilarý Blasì commê badanté è stata una tacticà perfetta”. Dzeko e il gioiellino della Apple, iTurbe, saranno i protagonisti.

Prove di allungo in Genoa – Juventus, dove la squadra di casa potrebbe andare a +5 su una diretta concorrente per l’Intertoto. De Maio e Burdisso non sono Mangala e Kompany e questo può essere un problema per gli attaccanti bianconeri, che si troveranno di fronte due difensori veri. Cuadrado e Pogba (galvanizzato dall’assist in CL) saranno decisivi.

Atalanta – Verona e Torino – Sampdoria sono i classici over 2,5. Con l’immortale Luca Toni (quando muori?) e Muriel/Eder nei panni di Holly&Tom lo spettacolo sarà assicurato.

letizia
Letizia: un muro in difesa

Aperitivo pagato da Paulo Sosa pur di far andare in trasferta a Modena i tifosi viola. Vedere nello stesso campo giocatori del calibro di Lollo, Fedele e Tomovic sarà uno spettacolo per cuori forti, mentre il noto rapper J-Ax ha già scritto una strofa per il difensore del Carpi, nominato a miglior giocatore del mese Serie A: “perfetto come te, Letizia”Bernardeschi sarà l’MVP del match.

Posticipo serale di tutto rispetto in quel di Napoli, dove la squadra partenopea ospita gli aquilotti biancocelesti. Settimana impegnativa per mister Sarri che, con una media di due pacchetti e mezzo al giorno, si candida ufficialmente come doppiatore di La Russa. Sulla carta non c’è partita: Albiol, Chiriches, Maggio e Hysay sono stati adocchiati da un gruppo di osservatori piuttosto importanti… nel campo circense. Moira Orfei potrebbe sborsare cifre folli per i fantastici quattro. Meno preoccupazioni per Pioli, che con l’innesto del bel Matri e le sgroppate di Candreva/Anderson sa di poter arrivare lontano, magari all’Hollywood di Milano in lista Vieri + 7.

Squadra della settimana:

Benussi;
Letizia, Rossettini, Jansson;
Soddimo, Mounier, Diousse, Missiroli;
Dionisi, Meggiorini, iTurbe.

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Stefano Marchetti
Stefano Marchetti

Gli amici lo chiamano "Pitu," i nemici lo chiamano "Bomber". Stefano è di Chianciano Terme, classe 1993. Per La Valdichiana si occupa della sezione sportiva, con una predilezione per il calcio e i suoi aspetti più fantastici. Fantallenatore con laurea a Coverciano, temuto e ammirato dai clienti SNAI. Sogna un fantacalcio ateo e pieno di amicizie.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

I nostri sponsor

Archivi

Close
Close