Fra le tante attività sportive che sotto l’associazione La Frontiera sono praticate vi è anche quella del Rugby. I Lions frontierini sono bambini dai 6 ai 12 anni, provenienti da tutta la Valdichiana, divisi in tre fasce d’età: under 8, under 10 e under 12.

E proprio gli under 8 hanno partecipato, assieme ai pari età di 8 altre squadre, al concentramento svolto all’Arrigo Tempora di Bettolle e organizzato da La Frontiera. Era la prima volta che in Valdichiana veniva dato spazio e risalto alle nuove leve di uno sport sempre più in ascesa: si pensi solo al Rugby Lions, nato solamente un anno fa, che già conta tra le sue file ben 52 iscritti. Le squadre partecipanti erano ben 10: Scandicci, Asd Sesto Rugby 1, Asd Sesto Rugby 2, Puma Campi Bisenzio, Vasari Rugby Arezzo, Crete Senesi, Vikings Chianciano, Siena Rugby Club 2000 e l’ospitante Rugby Lions La Frontiera, Clanis Cortona.

I 97 bambini hanno cominciato a giocare alle 10:30 di Domenica 23 Novembre, e in squadre composte da 8 giocatori si sono affrontati per un totale di 28 volte, con partite di 8 minuti l’una. Come la Tradizione e le regole impongono, dopo i due tempi di gioco, è seguito il terzo tempo, un pranzo a cui i bambini hanno partecipato socializzando e condividendo i bei momenti del post-partita. Tra familiari, organizzatori e semplici tifosi del rugby, più di 350 hanno assistito alla bella giornata di sport, allietata a tratti anche dal raro solo di Novembre.

Il Rugby è uno sport molto complesso, in cui il contatto fisico è base di ogni azione di gioco. Per questo motivo, ai bambini che si avvicinano alla palla ovale viene per prima cosa insegnato il rispetto delle regole (che sono nel complesso più di 180), dell’avversario, della giusta postura da mantenere durante i contatti, e che la pericolosità e il rischio di farsi male è basso proprio perché si è consci del valore del fairplay e della disciplina.

Il rugby praticato dagli under 8 è “un’enorme acchiaparella”, gli educatori guidano i bambini all’approccio al contatto e insegnano loro il significato di squadra. Dall’under 10 al bambino vengono mostrati i primi gesti tecnici, ma i placcaggi, quando ci sono, sono molto leggeri. La tattica e la posizione nello schieramento vengono insegnate solo dall’under 12.

Per garantire sempre l’incolumità dei bambini, nei concentramenti è sempre presente un medico, che assicura le cure del caso. Il Dott. Giacomo Tiezzi, infatti, è stato presente per tutta la durata della manifestazione assistendo i pochissimi infortunati. Tutti gli educatori dei Lions, Davide Panfi, Fiorini Andrea, Gabriele Corsano e Giorgi Alessio, si sono detti contentissimi dell’andamento delle partite. Il Presidente Berti Flavia, vista l’assegnazione del Comitato Toscano Rugby, ha già provvisto ad organizzare un altro concertamento, questa volta per gli under 10, che si svolgerà al “Tempora” il 7 Dicembre.

Photo Credits: Switosky

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Giovanni Marchi
Giovanni Marchi

Nato a Sinalunga nel 1991, vive a Bettolle. Dopo la maturità scientifica al Liceo Antonio da Sangallo si iscrive alla Richard Goodwin, laureandosi 3 anni più tardi in Economia e Commercio. Nell’attesa di proseguire il proprio percorso di studi, capisce di dover mettere per iscritto le conoscenze accumulate attraverso le centinaia di ore passate sul divano a guardare qualsiasi tipo di sport. Rino Tommasi e Federico Buffa i commentatori sportivi da idolatrare. Per La Valdichiana cerca di seguire le imprese delle squadre locali.

1 thought on “Concentramento Rugby a Bettolle organizzato da La Frontiera

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

I nostri sponsor

Archivi

Close
Close