La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: salute

Serena-Mente arriva anche a Sinalunga

Ad un anno e mezzo dalla sua realizzazione il progetto “Serena-Mente” del Centro Dedalo di Siena arriva anche a Sinalunga (e Grosseto). Il corso di doposcuola per ragazzi con DSA (disturbi…

Ad un anno e mezzo dalla sua realizzazione il progetto “Serena-Mente” del Centro Dedalo di Siena arriva anche a Sinalunga (e Grosseto). Il corso di doposcuola per ragazzi con DSA (disturbi dell’apprendimento come dislessia, disortografia, discalculia e disgrafia), coordinato della logopedista Valentina Campanella, nasce con l’obiettivo di supportare i ragazzi con difficoltà di apprendimento nelle strategie di studio, al fine di eguagliare il futuro scolastico di un pari coetaneo, che non presenta alcuna difficoltà e restituire successo e gratificazione ai vissuti scolastici, spesso segnati da frustrazione e delusione.

Da oggi, il doposcuola sarà attivo non solo a Siena (presso il Centro Dedalo in strada Massetana Romana 64) ma anche a Sinalunga presso la parrocchia San Pietro ad Mensulas. Il doposcuola “Serena-Mente” utilizza metodi e strumenti specifici, della Cooperativa Anastasis in convenzione con il Centro Dedalo. Per le necessità dei ragazzi con questo tipo di difficoltà nell’apprendimento sono stati sviluppati programmi mirati e software didattici e riabilitativi come sintetizzatori vocali e altri strumenti specifici, che permettono di affrontare con successo i problemi più frequenti: dalla lettura lenta e scorretta alla disortografia. Inoltre il corso si avvale di un’equipe multidisciplinare composta da logopedisti, psicologi, educatori e pedagogisti in costante formazione che durante l’anno seguono seminari di approfondimento con professionisti di livello nazionale.

Nessun commento su Serena-Mente arriva anche a Sinalunga

“Amici per sempre”: conclusa una convenzione con Terme di Montepulciano

 E’ stata sottoscritta il 4 settembre ed è operativa a partire dal giorno 10, la nuova convenzione realizzata da “Amici per sempre”, Cassa Mutua di cui Banca Valdichiana Credito Cooperativo…

 E’ stata sottoscritta il 4 settembre ed è operativa a partire dal giorno 10, la nuova convenzione realizzata da “Amici per sempre”, Cassa Mutua di cui Banca Valdichiana Credito Cooperativo Tosco-Umbro è socio sostenitore, con Terme di Montepulciano.

L’accordo prevede che i soci di “Amici per sempre”, semplicemente mostrando la tessera che ne attesta l’iscrizione alla Cassa Mutua, ricevano uno sconto pari al 15% su tutte le prestazioni termali, di diagnostica, fisioterapia e riabilitazione ed una riduzione del 10% su tutte le prestazioni del Centro Benessere presente presso le Terme poste in località Sant’Albino. Inoltre, gli associati alla Cassa Mutua della Banca Valdichiana, presentando presso una delle filiali della Bcc la documentazione della spesa realizzata presso le Terme e la richiesta del medico a loro intestate, potranno ottenere un ulteriore rimborso del 20% di quanto speso, nel rispetto del regolamento della Mutua.

“Questa nuova convenzione – sottolinea il presidente di “Amici per sempre”, Carlo Capeglioni – rappresenta un accordo molto importante per la nostra Cassa Mutua. Tanti sono infatti i servizi che le Terme di Montepulciano offrono e a cui molti di noi fanno ricorso per problemi legati alle vie respiratorie, all’udito e alla circolazione e a cui ora, sarà possibile per i soci di “Amici per sempre” accedere con sconti e rimborsi.”

L’accordo realizzato con Terme di Montepulciano porta a 130 il numero delle convenzioni sottoscritte direttamente da “Amici per sempre” con medici, centri diagnosti e studi specialistici dell’area di competenza di Banca Valdichiana, area compresa tra la Val di Chiana senese, aretina e il Trasimeno. A queste si devono però aggiungere tutte quelle realizzate nell’ambito del circuito nazionale del COMIPA, l’associazione nazionale delle Casse Mutue, che prevede un elenco di medici e centri convenzionati presenti in tutto il Paese che offre ai soci di “Amici per sempre” la possibilità di usufruire di sconti e agevolazioni per prestazioni mediche in tutta Italia, semplicemente mostrando la tessera associativa.

“La nuova convenzione – sottolineano la presidente di Banca Valdichiana Mara Moretti e il direttore Fulvio Benicchi – deve essere un ulteriore stimolo per soci e clienti della nostra Bcc a divenire soci di “Amici per sempre” per cogliere al più presto tutte le opportunità che la Mutua offre e che riguardano principalmente il sostegno in caso di problemi di salute, ma non solo perché essa offre anche servizi e opportunità in ambito sociale, ricreativo e culturale.”

Diventare soci di “Amici per sempre” è semplice: è sufficiente recarsi presso una delle filiali di Banca Valdichiana e chiedere del referente per “Amici per sempre” oppure recarsi presso il Punto Soci di Banca Valdichiana posto in Via Mameli a Chiusi Scalo e chiedere del responsabile di “Amici per sempre” Alberto Terrosi. La quota iniziale di ammissione per i nuovi associati sarà di 5 euro, mentre la quota annuale, che dovrà essere versata in seguito, sarà di 15euro per i soci della Banca sotto i 30 anni e di 25euro per i soci oltre i 30 anni; per i clienti sarà invece di 25€ sotto i 30 anni e di 50€ per i clienti più anziani.

Nessun commento su “Amici per sempre”: conclusa una convenzione con Terme di Montepulciano

Chianciano, Cittadinanzattiva organizza il convegno “Case della salute”

Si terrà venerdì 6 settembre 2013, ore 15,30  presso la Biblioteca della Direzione Sanitaria delle Terme di Chianciano Terme in Viale Roma il dibattito dal titolo Le “Case della salute”…

Si terrà venerdì 6 settembre 2013, ore 15,30  presso la Biblioteca della Direzione Sanitaria delle Terme di Chianciano Terme in Viale Roma il dibattito dal titolo Le “Case della salute” quale leva del cambiamento della sanità nell’Azienda Usl 7 di Siena.

Al convegno saranno presenti: Giovanna Cascino, Coordinatrice dell’Assemblea territoriale di Cittadinanzattiva area Valdichiana, Paola Valori, Coordinatrice del Tribunale per i Diritti del Malato area Valdichiana, Gabriella Ferranti, Sindaco del Comune di Chianciano Terme
Ci saranno anche interventi di: Domenico Gioffré, Coordinatore regionale di Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato della regione Toscana, Nicolò Pestelli, Direttore Generale dell’ASL 7 di Siena.

I moderatori della discussione saranno: Adriano Amadei, Segretario Regionale di Cittadinanzattiva Toscana Onlus. È previsto l’intervento dei Sindaci dei Comuni dell’area territoriale interessata.

Nessun commento su Chianciano, Cittadinanzattiva organizza il convegno “Case della salute”

Marroni: “Siamo orgogliosi del nostro sistema sanitario”

L’assessore al diritto alla salute della Toscana, Luigi Marroni reagisce con decisione alla notizia che la Toscana non rientra nella rosa, resa nota dal Ministero, delle cinque Regioni (Umbria, Emilia Romagna, Lombardia,…

L’assessore al diritto alla salute della Toscana, Luigi Marroni reagisce con decisione alla notizia che la Toscana non rientra nella rosa, resa nota dal Ministero, delle cinque Regioni (Umbria, Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Marche) nell’ambito delle quali verranno scelte le tre Regioni benchmark, vale a dire quelle alle quali tutte le Regioni dovranno fare riferimento per la definizione dei criteri di qualità dei servizi sanitari da erogare, e dell’appropriatezza e dell’efficienza per determinare i costi e i fabbisogni standard in sanità.

“Siamo orgogliosi del nostro sistema sanitario. Un sistema che sta reagendo brillantemente a una situazione di crisi nazionale. Voglio ricordare che il 65% degli indicatori della valutazione del nostro sistema sanitario, da parte della Scuola Superiore Sant’Anna sono positivi. Il modello toscano di sanità è vitale, certo, stiamo avendo difficoltà come tutti, ma abbiamo intrapreso un progetto di riforma di grande respiro e spessore. Una riforma complessa, che tocca tutti gli aspetti della nostra sanità e che sta procedendo a ritmo serrato”.

“Certo, non nascondo un po’ di amarezza – riconosce l’assessore Marroni – Siamo stati penalizzati da un meccanismo molto burocratico. Prima di tutto si parla solo di costi, non c’è un giudizio complessivo sull’andamento della sanità. Il pre-requisito in base al quale sono state scelte le cinque Regioni è soltanto economico. La valutazione di tipo sanitario per noi non è stata fatta, viene fatta in una fase successiva, solo per quelle Regioni che superano il pre-requisito economico. E poi siamo stati valutati in un momento in cui eravamo particolarmente appesantiti: è stato preso come anno di riferimento il 2011, l’anno in cui eravamo nel pieno della certificazione di bilancio. In quell’anno, eravamo l’unica Regione ad aver intrapreso volontariamente la certificazione di bilancio, e siamo orgogliosi di averlo fatto e di continuare a farlo. Per un soffio non siamo entrati nella rosa delle cinque: per 7 milioni, appena uno 0,35″.

“Continuiamo a lavorare con fiducia e tranquillità – assicura l’assessore – Ci sentiamo una squadra molto forte e molto coesa”.

Nessun commento su Marroni: “Siamo orgogliosi del nostro sistema sanitario”

Telethon porta avanti la ricerca in Toscana

Saranno stanziati 560mila euro da Telethon per la ricerca scientifica in Toscana, in base ai progetti presentati Gian Michele Ratto dell’Istituto di Nanoscienze del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa, Leonardo…

Saranno stanziati 560mila euro da Telethon per la ricerca scientifica in Toscana, in base ai progetti presentati Gian Michele Ratto dell’Istituto di Nanoscienze del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa, Leonardo Sacconi e Corrado Poggesi dell’Università di Firenze e quelli Vincenzo Sorrentino e Laura Bianchi dell’Università di Siena, e alla valutazione della Commissione medico scientifica della Fondazione. 128mila andranno all’Ateneo.

Presso il Cnr di Pisa, Gian Michele Ratto coordinerà un progetto multicentrico sulla sindrome di Rett, una grave malattia neurologica che colpisce le bambine già nei primi anni di vita e porta a un grave deficit motorio, cognitivo e comportamentale. In gran parte dei casi l’origine della malattia risiede in un’alterazione a carico di un gene, MECP2, il cui ruolo nel sistema nervoso non è ancora del tutto chiaro: obiettivo di questo progetto è dunque migliorare le conoscenze sul ruolo di questo gene, per poter disegnare in futuro terapie specifiche ed efficaci.

Corrado Poggesi, del Centro interuniversitario di Medicina molecolare e biofisica applicata dell’Università di Firenze, sarà invece a capo di uno studio sulla cardiomiopatia ipertrofica, la più comune malattia genetica che colpisce il cuore, caratterizzata da un anomalo inspessimento delle pareti del ventricolo sinistro. In particolare, il ricercatore si concentrerà su una forma molto grave della malattia, in cui sono difettose particolari proteine coinvolte nel sistema contrattile delle fibre muscolari: questa variante della malattia rappresenta circa il 7 per cento dei casi e può portare anche a morte improvvisa. Obiettivo del progetto, a cui prenderà parte anche Leonardo Sacconi del Laboratorio europeo di spettroscopie non-lineari dell’Università di Firenze, è capire come i difetti in particolari proteine regolatorie del muscolo cardiaco, che sono alla base di questa forma, si traducano nei sintomi clinici osservati nei pazienti. Verrà inoltre valutata l’efficacia di alcuni farmaci su un modello animale della malattia.

All’Università di Siena, Laura Bianchi del dipartimento di Scienze della vita prenderà parte a un progetto coordinato da Antonella Forlino dell’Università di Pavia sull’osteogenesi imperfetta, malattia caratterizzata da una più o meno marcata tendenza alle fratture ossee: l’obiettivo è chiarirne meglio i meccanismi, per sviluppare successivamente un approccio terapeutico mirato. La malattia, priva al momento di una terapia efficace, è molto eterogenea sia nella basi genetiche sia nella manifestazione clinica: nei casi più gravi i pazienti muoiono durante la vita fetale o subito dopo la nascita, mentre chi sopravvive presenta deformità scheletriche più o meno gravi, in genere associate a riduzione della mobilità, bassa statura e alla predisposizione alle fratture ossee anche in assenza di traumi.

Presso lo stesso ateneo, Vincenzo Sorrentino del dipartimento di Medicina molecolare e dello sviluppo sarà partner di uno studio coordinato da Feliciano Protasi dell’Università di Chieti sui meccanismi alla base di due rare malattie genetiche, la miopatia central core e l’ipertermia maligna, entrambe dovute ad alterazioni dello stesso gene, RYR1, che contiene le informazioni per una proteina essenziale per controllare i livelli del calcio nei muscoli scheletrici. Obiettivo del progetto è chiarire in laboratorio i meccanismi con cui queste due rare condizioni si sviluppano, provando parallelamente a sviluppare terapie efficaci per migliorare la funzionalità muscolare nella miopatia central core e controllare le crisi di ipertermia maligna, che possono manifestarsi a seguito della somministrazione di alcuni farmaci anestetici e portare a una generalizzata contrazione della muscolatura corporea e un aumento progressivo e incontrollato della temperatura.

Complessivamente, i progetti di ricerca sulle malattie genetiche finanziati da Telethon sull’intero territorio nazionale sono stati 38, per un totale di 10,5 milioni di euro. Molti dei progetti finanziati sono multicentrici, saranno cioè svolti in sinergia da più gruppi distribuiti sul territorio nazionale: in totale sono 69 i laboratori coinvolti.

Fonti Telethon

Nessun commento su Telethon porta avanti la ricerca in Toscana

Rossi: “La sanità a Nottola rimane pubblica”

“L’Azienda USL 7 non affida a professionisti esterni la gestione di alcun servizio medico all’Ospedale di Nottola. La volontà dei Sindaci della Val di Chiana e della dirigenza dell’azienda sanitaria…

L’Azienda USL 7 non affida a professionisti esterni la gestione di alcun servizio medico all’Ospedale di Nottola. La volontà dei Sindaci della Val di Chiana e della dirigenza dell’azienda sanitaria senese ha trasformato quello che era stato concepito come un obbligo perentorio in una eventualità che, coprendo eventuali assenze, garantisca la piena funzionalità di quegli stessi servizi, risultando dunque migliorativa per l’utenza”.

Con questa affermazione, chiara e categorica, Andrea Rossi, Sindaco di Montepulciano e Presidente della Società della salute della Val di Chiana senese mette a tacere le illazioni e le polemiche che sono andate montando dopo l’approvazione del nuovo contratto tra l’Azienda USL 7 ed i Medici di Medicina Generale (MMG).

“Negli atti – precisa Rossi – non vi è alcuna volontà di esternalizzazione dei servizi a professionisti esterni/privati in quanto l’accordo integrativo con i Medici di Medicina Generale e l’accordo con la cooperativa in cui alcuni sono riuniti, sviluppando progetti già in essere in precedenti protocolli, rafforzano, secondo le indicazioni regionali , il ruolo del medico di medicina generale quale attore del sistema del servizio sanitario pubblico”.

Nella Conferenza dei Sindaci del 5 luglio, amministratori locali ed azienda hanno concertato che rispetto al precedente accordo, quello approvato costituisce un miglioramento.

“I Medici di base – spiega il Sindaco/Presidente – già dall’approvazione del contratto 2010/2012 avrebbero dovuto infatti gestire alcuni servizi come l’Hospice, l’Ospedale di Comunità, alcune campagne di vaccinazione e l’Assistenza Domiciliare Integrata. La volontà dei Sindaci, che ha trovato riscontro nell’atteggiamento della dirigenza, con l’accordo 2013/2015 ha invece trasformato quell’obbligo in una possibilità. Prendiamo quindi atto della disponibilità dei professionisti (che non sono privati) ad intervenire se (e solo se) se ne presenterà la necessità a seguito di carenze di personale derivanti dal blocco del turn over. La gestione diretta da parte della USL 7 non è in discussione – ribadisce Rossi – la sanità è e rimane pubblica, è stata creata solo un’opportunità per dare risposte ai cittadini”.

“La possibilità di fornire ai medici, anche attraverso le loro forme di associazionismo, la gestione di alcuni servizi, mediante risparmi che derivano dagli obblighi dei turn over, va valutata nell’ottica di un implementazione dei servizi medesimi per i cittadini senza che ciò comporti modifiche sull’organizzazione del lavoro dei dipendenti pubblici il cui ruolo resta fondamentale e di raccordo con gli altri professionisti sanitari”.

“Gli Ospedali Riuniti della Valdichiana non sono in discussione, il Piano di Riorganizzazione varato dalla Regione Toscana non tocca il nostro complesso che, anzi, viene valorizzato ed ampliato come dimostra il prossimo passaggio da 8 a 20 posti dell’Ospedale di Comunità”.

Rossi traccia anche il quadro attuale di Nottola, non prima di aver evidenziato le criticità sulle quali gli Amministratori Comunali e la dirigenza della USL sono attualmente più concentrati.

“Siamo impegnati soprattutto su due fronti: la riduzione delle liste di attesa e la ricerca di assistenti sociali e personale infermieristico, purtroppo oggi mancanti. In compenso sono stati reintegrati i professionisti usciti dal ciclo lavorativo per raggiunti limiti d’età (in particolare in pediatria, ostetricia e ginecologia) e l’azienda ha dato corso alla nomina del Primario di cardiologia per i tre plessi della Valdichiana, Amiata e Valdelsa. Inoltre è stato redatto il bando per coprire i posti vacanti di altri primariati. Nonostante il blocco del turn over, nonostante le difficoltà economiche, d’intesa con la Regione Toscana e con l’Assessore alla Sanità Luigi Marroni, siamo riusciti a sbloccare le situazioni facendo leva proprio sulla comune volontà di non impoverire un plesso strategico per la sanità come quello di Nottola”.

Nessun commento su Rossi: “La sanità a Nottola rimane pubblica”

Domenica 2 Giugno, Sport e salute al Lago di Montepulciano

Domenica 2 Giugno al Lago di Montepulciano ci sarà una giornata all’insegna dell’attività sportiva e della salute. L’associazione “La Chianina” di Montepulciano Stazione, attraverso il settore “Chianina running“, con il patrocinio…

Domenica 2 Giugno al Lago di Montepulciano ci sarà una giornata all’insegna dell’attività sportiva e della salute.

L’associazione “La Chianina” di Montepulciano Stazione, attraverso il settore “Chianina running“, con il patrocinio del Comune Di Montepulciano, organizzerà il “3° Ecogiro di inizio Estate” gara podistica di 13km ; invece per chi volesse solamente fare una camminata, si svolgeranno due passeggiate di 6 e 11 km.

Il ritrovo sarà presso La Casetta della Riserva del Lago di Montepulciano, mentre le partenze sono fissate alle ore 9:00 per le Categorie Giovanili, alle 9:30 per le Categorie Maggiori e le passeggiate.

Un tratto che sarà percorso dagli atleti sarà il Sentiero della Bonifica, itinerario ciclopedonale che partendo dalle porte di Arezzo ed arrivando fino a Chiusi Scalo, costeggia il Canale Maestro della Chiana.

Al termine delle gare è previsto un buffet con la presenza di prodotti per celiaci, una interessante novità prevista per quest’anno. Invece il pranzo del podista, convenzionato a 12€,  si terrà presso il Centro Sportivo “I Tigli” a Montepulciano Stazione.

Un’altra novità interessante prevista quest’anno è la presenza della Croce Rossa Italiana che effettuerà su richiesta, la misurazione della pressione arteriosa e la rilevazione dei valori della glicemia grazie alla collaborazione del Dott. Salvatore Bocchini, Presidente dell‘Associazione Diabetici Valdichiana Senese.

Verrà messo a disposizione dei partecipanti e non, per la visita guidata del Lago, un battello alimentato a pannelli solari.Sarà inoltre possibile visitare il museo del centro visite La Casetta che offre una raccolta di documenti, immagini, attrezzi e strumenti della pesca, della caccia e dell’agricoltura

Nessun commento su Domenica 2 Giugno, Sport e salute al Lago di Montepulciano

Type on the field below and hit Enter/Return to search