La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: francesco landi

A Sarteano arrivano i cartelli turistici con il QR Code

 Circa 180 nuovi cartelli turistici sono arrivati a Sarteano, quasi tutti installati, finanziati al 95 per cento da un progetto comunitario. Questi nuovi mezzi presentano, però, una particolarità: l’inserimento del…

 Circa 180 nuovi cartelli turistici sono arrivati a Sarteano, quasi tutti installati, finanziati al 95 per cento da un progetto comunitario. Questi nuovi mezzi presentano, però, una particolarità: l’inserimento del QR code accanto al nome della destinazione. Il Qr code sarebbe il codice contenuto in un quadrato che consente, dopo essere stato “fotografato” dall’obiettivo di un tablet o di uno smartphone, di rimandare immediatamente al sito www.sarteanoliving.it.

«Sono particolari significativi – osserva il sindaco Francesco Landi -, che contribuiscono a migliorare la qualità dell’accoglienza e la fruibilità del nostro territorio. Tutto ciò nello spirito di un progetto, Sarteano Living, che punta a migliorare la qualità della vita e dei servizi del nostro Comune, sia per i residenti che per gli ospiti».

La segnaletica è stata posizionata nei punti nevralgici del paese, grazie al lavoro della Polizia municipale e dell’ufficio cultura comunale, e arriva anche alle due frazioni di Castiglioncello del Trinoro e Fontevetriana.

Finanziata attraverso il programma Gal leader, ha richiesto 12mila euro di investimenti, coperti quasi interamente da questo contributo. In maniera oculata, si continua così in un progetto che prevede una immagine coordinata, un sito, la partecipazione a iniziative promozionali realizzate congiuntamente l’Unione dei Comuni, come quella che si è svolta in Cina, oppure la fiera dell’artigianato di Montepulciano.

A breve sarà online la traduzione in inglese del sito www.sarteanoliving.it. L’operazione segnaletica, dunque, non è un fatto isolato, ma parte integrante di un programma di crescita complessiva dell’immagine e dell’economia sarteanese, puntando sulle nuove tecnologia e l’innovazione (su questi temi è stato nominato un consigliere delegato).

«Non a caso – aggiunge il sindaco – abbiamo in programma di sviluppare, insieme ai imprenditori, artigiani e commercianti, una analoga cartellonistica per segnalare negozi, laboratori, aziende».

Nessun commento su A Sarteano arrivano i cartelli turistici con il QR Code

Sarteano: riaperte le iscrizioni all’asilo nido “La Locomotiva”

Sono riaperte, fino al 24 gennaio, le iscrizioni per l’anno educativo 2013/2014 al nido d’infanzia “La locomotiva”. La struttura, inaugurata nel 2007, ospita 24 bambini, ed è funzionante dal lunedì…

Sono riaperte, fino al 24 gennaio, le iscrizioni per l’anno educativo 2013/2014 al nido d’infanzia “La locomotiva”. La struttura, inaugurata nel 2007, ospita 24 bambini, ed è funzionante dal lunedì al venerdì, tra le 8 e le 16. Il servizio si sviluppa su tre fasce orarie (8-12 e 8-13,30 senza pranzo, 8-16 con pranzo), mentre la retta varia a seconda del reddito familiare.

Le domande di iscrizione dei bambini residenti nel Comune di Sarteano, che dovranno aver compiuto 12 mesi alla data del primo gennaio 2014, dovranno essere presentate
all’ufficio protocollo, utilizzando i moduli disponibili sul sito internet del Comune (www.comune.sarteano.si.it), oppure all’ufficio servizi alla persona e all’ufficio protocollo.

“Viviamo tempi difficili – osserva il sindaco Francesco Landi – ma il Comune non perde di vista la cura dei più piccoli e prosegue nel suo impegno in favore delle famiglie, cercando di ricoprire tutti i posti disponibili e puntando sulla qualità del progetto educativo. Garantiamo personale qualificato e la presenza della coordinatrice pedagogica, che svolge un lavoro di stimolo dello sviluppo pedagogico del bambino e di ascolto delle famiglie”.

La presentazione della domanda non garantisce l’ammissione al servizio: il Comune, dopo aver esaminato richieste di iscrizione, compilerà una graduatoria e comunicherà alle famiglie l’ammissione del bambino al servizio o il suo inserimento in lista d’attesa.
L’eventuale ammissione al servizio di bambini non residenti è subordinata alla disponibilità di posti non assegnati durante l’anno ai residenti.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all’ufficio servizi alla persona, cultura e politiche del turismo in viale Europa 72 (presso la residenza assistita comunale), telefono 0578269260.

Nessun commento su Sarteano: riaperte le iscrizioni all’asilo nido “La Locomotiva”

Sarteano, aggiornato e variato il Regolamento Urbanistico

Il consiglio comunale ha approvato in via definitiva la variante di assestamento al regolamento urbanistico, adottato in prima istanza nel gennaio 2012 e nuovamente lo scorso maggio 2013. “Aggiornando il regolamento…

Il consiglio comunale ha approvato in via definitiva la variante di assestamento al regolamento urbanistico, adottato in prima istanza nel gennaio 2012 e nuovamente lo scorso maggio 2013.

“Aggiornando il regolamento urbanistico di Sarteano possiamo attuare uno sviluppo armonico del nostro territorio – afferma il sindaco di Sarteano, Francesco Landi – Sembrano tecnicismi, ma senza questo strumento opportunamente adeguato, ad esempio, nelle aree confermate già nel regolamento urbanistico del 2002 non si poteva proseguire nella fase di realizzazione. Ci siamo interfacciati con i privati, così come con gli enti superiori per adeguarci velocemente e poter dare risposte”.

Una modifica al regolamento urbanistico era necessaria, soprattutto per adeguarsi agli aggiornamenti normativi succedutisi a livello provinciale e regionale, che ne compromettevano la validità e l’attuazione delle misure previste, stoppando le aree pubbliche o private da completare. L’esame delle nuove norme e delle osservazioni della Regione Toscana ha portato alla conferma di sei delle diciotto aree di trasformazione non ancora realizzate, con una conseguente riduzione dei metri cubi previsti inizialmente.

“Le norme regionali sono sempre più stringenti – continua Landi – e ci hanno obbligati a non reiterare molte aree su cui era prevista l’edificabilità. Rimangono comunque ancora previsioni importanti per quanto riguarda il residenziale, commerciale e per attività produttive da poter realizzare nei prossimi anni. Ovviamente si tratta di aree di completamento di margini incompiuti o sfrangiati di insediamenti esistenti, non di complessi costruiti nel vuoto”.

Buone notizie, inoltre, per chi ha piccoli terreni in campagna a destinazione agricola. Sarà più facile realizzare manufatti temporanei in legno, per lo svolgimento delle attività agricole amatoriali. Una modifica introdotta dal comune, consentirà di realizzare casotti temporanei di 20 metri quadrati, relativi a terreni che partono da 2800 metri quadrati.

“Questa variante di assestamento è in funzione di un prossimo aggiornamento del piano strutturale di Sarteano – conclude il sindaco Landi – Siamo stati uno dei primi comuni della provincia di Siena ad essersi dotato di un piano strutturale, nel 2000. Adesso è arrivato il momento di rinfrescare i nostri strumenti urbanistici. Le aree edificabili che abbiamo confermato consentono di dare un notevole impulso all’edilizia: si tratta di possibili interventi adeguati alla tendenza demografica di sviluppo della nostra popolazione sia in termini di nuove aree residenziali, che d’insediamento o potenziamento di attività produttive. La sfida è chiara: dovremo puntare sul completamento di queste aree, sul recupero e la riconversione del patrimonio edilizio. E questa sarà una grande opportunità per le aziende edili, i professionisti e gli artigiani locali”.

Nessun commento su Sarteano, aggiornato e variato il Regolamento Urbanistico

Sarteano, tirocini formativi per due giovani laureate

Due esperienze formative retribuite per giovani neo-laureate prenderanno il via nelle prossime settimane a Sarteano. Un progetto di tirocini formativi promosso dal Comune di Sarteano alla biblioteca comunale, e un…

Due esperienze formative retribuite per giovani neo-laureate prenderanno il via nelle prossime settimane a Sarteano. Un progetto di tirocini formativi promosso dal Comune di Sarteano alla biblioteca comunale, e un servizio civile finanziato dalla Regione Toscana, al museo civico archeologico. È stata una giovane neo-laureata di Sarteano, Chiara Carli di 29 anni, con una laurea specialistica in studi culturali e linguistici all’Università di Siena, ad essersi aggiudicata il bando promosso dal comune di Sarteano per l’attivazione di un tirocinio retribuito della durata di sei mesi presso la biblioteca comunale. La giovane dottoressa si occuperà di catalogazione e promozione della lettura della biblioteca realizzata di recente negli ex lavatoi di Parco Mazzini.

“Abbiamo attivato un’esperienza di formazione all’interno delle nostre strutture comunali che ci auguriamo arricchisca sia i diretti interessati, che l’ente stesso – afferma il sindaco di Sarteano, Francesco Landi – anche se per sei mesi, è possibile avvicinarsi al mondo del lavoro, in modo regolare e retribuito, e mettere a disposizione del comune il proprio entusiasmo e la propria competenza. Si tratta di un primo esperimento che vogliamo replicare in futuro per i nostri giovani neo-laureati”.

Nel frattempo la Fondazione Musei Senesi si è vista riconoscere il progetto di servizio civile regionale “Museum angels”, ovvero angeli del museo, che porterà Martina Pinzarelli, originaria di Castiglion del Lago, ma da qualche mese residente a Sarteano, a prestare il servizio civile regionale per la durata di dodici mesi al museo archeologico di Sarteano. Martina, 29 anni, laureata in studi filosofici all’Università di Siena si è poi specializzata con un master in curatrice d’arte ed eventi culturali.

“Ci fa molto piacere ospitare nel nostro bellissimo museo una giovane professionista – continua il sindaco Landi – grazie al progetto della Fondazione musei senesi e alle risorse della Regione Toscana attiviamo un servizio civile retribuito proprio nel mondo dell’arte. Siamo sicuri che si tratterà di un’occasione dove sia la struttura rodata del museo, che la giovane laureata, potranno crescere professionalmente scambiandosi conoscenze ed entusiasmo”.

Dopo un breve periodo di formazione che avrà luogo a Siena presso la sede della Fondazione Musei Senesi, i “Museum angels” svolgeranno attività di ideazione, progettazione e realizzazione di eventi volti a coinvolgere un pubblico giovane anche avvalendosi di strumenti web (social networking, blogging), proporranno servizi educativi innovativi, promuoveranno la conoscenza dei musei e ne valorizzeranno le collezioni.

Nessun commento su Sarteano, tirocini formativi per due giovani laureate

Sarteano, Landi: “Lavoriamo insieme per far crescere il Saracino”

“Il grande lavoro delle contrade deve essere valorizzato, privilegiando le manifestazioni di qualità e di successo. In questi anni il Comune di Sarteano insieme al popolo delle contrade, ai capitani,…

“Il grande lavoro delle contrade deve essere valorizzato, privilegiando le manifestazioni di qualità e di successo. In questi anni il Comune di Sarteano insieme al popolo delle contrade, ai capitani, al comitato presieduto da Sergio Cappelletti, hanno dimostrato di poter lavorare insieme innovando, trascinando le altre associazioni e le categorie economiche in un clima di collaborazione, a tratti di euforia, mai visto prima. Ripartiamo da questo clima di coesione, che ha fatto bene alla comunità”.

Questo il commento del sindaco Francesco Landi al termine di una settimana nella quale si sono succeduti colloqui con il mondo della Giostra per spiegare la decisione di tornare nel 2014 ad una sola Giostra del Saracino, quella storica, di ferragosto.

“Stiamo costruendo un nuovo anno ricco di eventi con tutte le associazioni di Sarteano, che metta la centro le esperienze di successo – ha proseguito il sindaco – a partire dalla festa unica, ‘Civitas Infernalis’, novità dello scorso anno, che ha suscitato entusiasmo tra le contrade, i commercianti, le associazioni e naturalmente tra i tantissimi ospiti”.

“Vogliamo preservare la valenza storica e l’autenticità di una manifestazione che da sempre si corre a ferragosto – commenta Landi -. Per due anni abbiamo concesso di correre delle giostre straordinarie, e la valutazione è che la seconda giostra ha dimostrato dei limiti oggettivi, sia nelle difficoltà organizzative, ma soprattutto di partecipazione rispetto a quella di ferragosto, perché meno sentita dalla popolazione. So bene che su questo ci sono posizioni diverse: persino all’interno dello stesso comitato, due contrade su cinque si sono dette contrarie alla seconda giostra. Non escludo a priori che la Giostra possa essere organizzata in futuro, ma deve rimanere una situazione straordinaria legata ad un fatto sentito e coerente con la storia della manifestazione. Non possiamo rischiare di sciupare quello che è un vero patrimonio, un bene comune, di tutti i sarteanesi. Ogni decisione che prendiamo, che capisco possa non essere condivisa da tutti, parte solo e soltanto da questi presupposti: fare del bene alla Giostra, fare del bene a Sarteano”.

Il sindaco Landi, negli incontri che ha avuto con la Giostra, ha poi ricordato il sostegno dato dal Comune al Saracino in questi due anni:

“Pur in un momento difficile per tutti, anche per i nostri bilanci abbiamo aumentato il sostegno economico e logistico alla Giostra; dato la possibilità alle contrade di organizzare nuovi eventi; sostenuto la promozione del Saracino fuori dai confini comunali; lavorato assieme al Comitato per l’inserimento della Giostra nell’elenco ufficiale dei giochi storici della Regione Toscana. La stessa sede è stata allestita grazie a un finanziamento della Fondazione Monte dei Paschi, ottenuto con l’appoggio del Comune; poi portata avanti grazie allo straordinario lavoro di volontariato dei contradaioli e degli artigiani sarteanesi”.

“Se in questo momento ci sono anche preoccupazioni di sostenibilità economica, che comprendo, l’amministrazione comunale non si tirerà indietro nel dare un sostegno ed il proprio contributo di idee, come abbiamo sempre fatto”.

Nessun commento su Sarteano, Landi: “Lavoriamo insieme per far crescere il Saracino”

Abbazia di Spineto, esposto il crocifisso di Antonio da Sangallo

Da domenica 8 dicembre, il crocifisso di Antonio da Sangallo (XVI secolo) è esposto nella chiesa dell’Abbazia di Spineto dopo l’opera di restauro, resa possibile dall’intervento economico di Franco Tagliapietra…

Da domenica 8 dicembre, il crocifisso di Antonio da Sangallo (XVI secolo) è esposto nella chiesa dell’Abbazia di Spineto dopo l’opera di restauro, resa possibile dall’intervento economico di Franco Tagliapietra e Marilisa Cuccia.

Il crocifisso è stato attribuito solo di recente ad Antonio da Sangallo, e subito recuperato grazie all’intervento privato: oltre a quello dei signori Tagliapietra e Cuccia, proprietari del centro studi e convegni di Spineto, ha collaborato fattivamente chi ha fornito l’impianto di sicurezza (Elettroemporio di Chiusi, l’elettricista Paolo Terrosi di Sarteano), e la teca espositiva (Acrilong di Perugia). Mary Lippi di Montepulciano è stata incarica del restauro di un crocifisso che si caratterizza per la resa anatomica esasperata e vibrante, con una forte tensione espressiva, e che ora si mostra nei suoi veri colori.

Questa è un’opera piccola per dimensioni (43 centimetri per 43), ma grande per il suo valore artistico. Merita dunque di diventare uno dei simboli di una Sarteano che si riscopre scrigno di bellezze di ogni epoca: dalle tombe etrusche al castello, dalle chiese alle opere d’arte rinascimentali.

“Da tali punti di riferimento – osserva il sindaco Francesco Landi – riparte la nostra identità, pensando a una piena valorizzazione di Sarteano e della sua comunità”.

Il crocifisso di Antonio da Sangallo sarà esposto a Spineto almeno fino al 10 gennaio, e visibile ogni sabato e domenica (dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 14.30 alle 16.30). Per informazioni ci si può rivolgere all’Abbazia di Spineto ( info@abbaziadispineto.com, tel. 0578232818).

Nessun commento su Abbazia di Spineto, esposto il crocifisso di Antonio da Sangallo

Sarteano: inaugurato il centro sociale ‘La Costa di Piazza’

Alcuni giorni fa, a circa un anno di distanza dalla sua chiusura, è stato inaugurato a Sarteano il nuovo centro sociale e ricreativo per anziani  “La Costa di Piazza”, con sede in…

Alcuni giorni fa, a circa un anno di distanza dalla sua chiusura, è stato inaugurato a Sarteano il nuovo centro sociale e ricreativo per anziani  “La Costa di Piazza”, con sede in piazza XXVI giugno. All’inaugurazione, tenuta dal sindaco Francesco Landi, hanno partecipato numerosi cittadini, la giunta comunale, i consiglieri e il parroco. I festeggiamenti sono stati accompagnati dai musicisti della Filarmonica di Sarteano.

La realizzazione di questa opera di ristrutturazione, avvenuta in tempi record e costata 55.000 euro (dei quali 40.000 provenienti da un bando Gal leader) ha suscitato grande entusiasmo e soddisfazione.  La scelta del nome è avvenuta attraverso un referendum che ha visto un’ottima partecipazione (128). Il nome vincitore ha ottenuto 64 voti, a poca distanza dal secondo classificato “La meglio gioventù” (57). La terza opzione “La garibaldina”, ha ottenuto 7 consensi.

“Siamo riusciti in tempi brevissimi – osserva il sindaco Landi – a trovare le risorse per la ristrutturazione e a metterlo a norma. Questo risultato si deve al lavoro dei nostri uffici e dell’assessore ai lavori pubblici Mauro Crociani”.

La gestione del nuovo servizio è stata affidata attraverso un bando all’associazione di promozione sociale Circolo lavoratori Sarteano, in raggruppamento temporaneo con il comitato provinciale di Siena dell’Arci, e avrà la durata di dieci anni. In questo modo saranno garantite per un lungo periodo la funzionalità e la progettualità di un luogo dedicato agli anziani e alla loro qualità della vita.

Dal nuovo anno, per usufruire dei servizi del centro per anziani, sarà necessario richiedere una tessera comunale gratuita, in modo che il Comune possa tenere traccia di chi usufruisce del nuovo servizio e monitorarne l’andamento. Per accedere al punto di ristoro, invece, sarà necessario dotarsi della tessera dell’associazione di promozione sociale che si è aggiudicata il servizio in concessione.

Nessun commento su Sarteano: inaugurato il centro sociale ‘La Costa di Piazza’

A Sarteano, lectio magistralis di Patrick Bateson

Patrick Bateson, professore emerito di etologia dell’università di Cambridge, terrà una lezione magistrale al teatro comunale degli Arrischianti di Sarteano, sabato 16 novembre 2013 (ore 10:00). Continuano così gli incontri…

Patrick Bateson, professore emerito di etologia dell’università di Cambridge, terrà una lezione magistrale al teatro comunale degli Arrischianti di Sarteano, sabato 16 novembre 2013 (ore 10:00). Continuano così gli incontri autunnali, di altissimo livello, organizzati dall’Abbazia di Spineto, dal Comune e da Aboca.

PatrickBateson

A moderare l’iniziativa sarà un medico, Giorgio Ciacci di Elea onlus. Dopo i saluti di Francesco Landi, sindaco di Sarteano, e di Marilisa Cuccia (Abbazia di Spineto incontri e studi), sono previsti gli interventi di Roberto Monaco, presidente dell’Ordine dei medici di Siena, di Massimo Mercati (Aboca spa) e Bruno d’Udine (Aboca for Ecology).

A seguire la lezione di Patrick Bateson e, infine, la consegna ai medici partecipanti del volume “Plasticità, robustezza sviluppo ed evoluzione” di Patrick Bateson e Peter Gluckman, autografato dal famoso docente di Cambridge. La mattinata si chiude con un aperitivo nella Sala del capitolo dell’Abbazia di Spineto.

La prenotazione è obbligatoria.
Segreteria organizzativa: dottor Giorgio Ciacci
0578265856 – 3393726357
dottorciacci@gmail.com

Per ulteriori informazioni: www.sarteanoliving.it

Nessun commento su A Sarteano, lectio magistralis di Patrick Bateson

Mattia Nocchi “Perchè mi candido segretario del Pd di Sarteano”

“So bene che sfido il senso comune di diffidenza di molti di voi. Molti degli amici al quale l’ho detto hanno sgranato gli occhi, poi hanno capito, qualcuno ha approvato….

“So bene che sfido il senso comune di diffidenza di molti di voi. Molti degli amici al quale l’ho detto hanno sgranato gli occhi, poi hanno capito, qualcuno ha approvato. Alcuni mi danno per spacciato. E’ una malattia strana, la militanza. Che uno si convince che le cose si cambiano cambiandole. Dal basso, perdendoci tempo, sacrificando buona parte del tuo tempo e della tua vita privata. E che se adesso è più difficile prendere per le corna il pessimismo e il disincanto, non è detto che sia meno entusiasmante”. Così un intervento di Mattia Nocchi che presenta la propria candidatura a segretario del Pd di Sarteano.

Ho molte ragioni per accettare l’invito che molte persone – fuori e dentro il Pd -, mi hanno rivolto. La principale è che se vuoi bene ad una comunità, e vuoi farla crescere, lo fai spendendoti all’interno. Prima di accettare mi sono preso del tempo per parlare con un po’ di persone (con altre ci parlerò in queste ore). Capire cosa ne pensassero. Se è possibile allargare il cerchio e far entrare aria fresca. Qualcuno sì, qualcuno forse, qualcuno in futuro se saremo bravi.

Mi candido per riprendere e continuare quella stagione straordinaria delle elezioni amministrative 2012, che hanno portato Francesco Landi e la sua squadra a guidare con mitezza e passione questa comunità. Si respirava un’aria bella in quei giorni, ed i primi risultati dell’amministrazione confermano quanto avevamo detto alla gente. Con qualche difficoltà, certo, ma sempre mettendoci sincerità e lavoro.

Domenica prossima, 20 ottobre, ci sarà il congresso locale del Partito democratico. Lì presenterò formalmente la mia candidatura, una piattaforma programmatica di lavoro, e un gruppo di persone hanno deciso di sostenermi; in modi diversi, dentro e fuori dal Pd. Non ho fatto bilancini. Di alcuni di loro non so nemmeno cos’hanno votato alle primarie dello scorso novembre, né ho chiesto cosa voteranno nelle primarie di dicembre. Sono logiche di schieramento più vecchie del vecchio. Mi basta che siano un po’ arrabbiati con il PD, ma che gli vogliano anche bene. Tanto da volerlo cambiare. Alcuni si sono fatti convincere adesso, altri si uniranno lungo il cammino. Che c’è da fare tanto, e da soli non si va da nessuna parte.”

“Alla tua età non ci si può disimpegnare di fare l’uomo, e la politica è l’occupazione umana e non l’ultima o la meno nobile. Il che non vuol dire intrupparsi senza discernimento, ma partecipare, in un’ora incandescente e decisiva, alla vita del paese, portandovi con sincerità e disinteresse, il proprio modesto contributo di anima e di passione, d’esperienza. Vuol dire mettersi vicino a color che hanno un sentire eguale al nostro, affinché la nostra voce possa venir meglio udita. Essere di punta, stare di vedetta fuori e dentro il partito: e non aver paura di urtare contro i miti, vecchi o nuovi che siano. E’ tempo di gridare sui tetti tutta la verità che si crede di possedere, e di combattere tutti gli errori che vediamo”. Don Primo Mazzolari, lettera di un prete partigiano ad un ventenne.

Fatemi sapere cosa ne pensate.

Chi sono. Mattia Nocchi, 34 anni, consigliere Capogruppo del Centrosinitra per Sarteano. Dopo una serie di collaborazioni nel campo della comunicazione locale e nazionale (ufficio stampa Comune di Chiusi, corrispondente da Siena per Rtl 102.5), ho diretto “Facoltà di Frequenza”, la radio dell’Università di Siena. Laureato in Scienze dalla Comunicazione, giornalista pubblicista, nel 2006 approdo a Milano, a Radio24 – il Sole 24Ore dove vengo assunto a tempo indeterminato nella redazione programmi come autore e reddattore. Dal maggio 2010 sono dipendente a tempo determinato della Regione Toscana. Dopo una precoce militanza nella Sinistra Giovanile, nel 2011 torno all’impegno politico e mi iscrivo al Partito Democratico, partecipando attivamente all’elezione di Francesco Landi sindaco nel 2012, risultando il primo degli eletti.

3 commenti su Mattia Nocchi “Perchè mi candido segretario del Pd di Sarteano”

Tomba della Quadriga Infernale: festa per il decennale della scoperta

Sabato 12 ottobre si è festeggiato a Sarteano il decennale della scoperta della Tomba della Quadriga Infernale.

Sabato 12 ottobre a Sarteano è stato festeggiato il decennale della scoperta della tomba che rappresenta uno dei più interessanti capitoli dell’etruscologia degli ultimi anni. A dieci anni dalla sua scoperta, avvenuta l’11 ottobre del 2003, la Tomba della Quadriga Infernale continua a riscuotere grande attenzione da parte del pubblico e degli esperti. In quel giorno, agli occhi stupiti dei volontari del gruppo archeologico Etruria, sotto la direzione del museo civico archeologico di Sarteano, si presentò il magnifico Demone, alla guida della sua Quadriga.

“Scoprire una tomba etrusca – afferma l’archeologa Alessandra Minetti, direttrice del museo sarteanese – è sempre una grande emozione. Ma entrare, strisciando in uno stretto varco, e trovarsi di fronte un’intera parete decorata di pitture, è una fortuna che capita a pochi. È quanto ci è successo quell’11 ottobre – aggiunge Alessandra Minetti – quando siamo entrati camminando carponi in un lungo corridoio decorato da pitture dai colori vivacissimi. Alla luce tremolante della torcia sfilavano teste di animali reali e fantastici, figure umane, motivi decorativi e simbolici.
Non sapevamo ancora che stavamo aprendo uno dei più interessanti capitoli dell’etruscologia degli ultimi anni”.

Durante i festeggiamenti di sabato 12 ottobre a Pianacce, in prima fila, c’erano il sindaco Francesco Landi e, naturalmente, l’archeologa del ritrovamento della Tomba della Quadriga Infernale, attuale direttrice del Museo Civico Archeologico sarteanese, Alessandra Minetti. Domenica 13, nell’ambito della giornata delle Bandiere arancioni, si sono moltiplicate le visite guidate e gli spettacoli teatrali, dedicati soprattutto ai bambini, nei luoghi etruschi come nel centro storico, al castello come di fronte all’Annunciazione o al celebre dipinto del Beccafumi. Nell’occasione sono stati realizzati circa 120 disegni da rispedire al Touring club, cui il progetto delle Bandiere arancioni fa riferimento.

Decine di persone sono arrivate alla scoperta di Sarteano, sull’onda dell’iniziativa, mentre il Touring ha fatto seguire da alcuni blogger quanto stava avvenendo in questo comune (privilegio dato a un paio di realtà selezionate per ogni regione). Spettacoli ed escursioni hanno, ancora una volta, coinvolto le associazioni, la vera anima di Sarteano: accanto al Comune e al Museo, hanno preso parte attiva la Pro Loco, Nonsolomamme, Sarteanoviva, la Riserva naturale di Pietraporciana, gli Arrischianti, Giullargallo, i produttori agricoli, i ristoratori, i blogger di 100days e le guide.

Maggiori informazioni all’interno della pagina web dedicata alla Tomba della Quadriga Infernale.

1 commento su Tomba della Quadriga Infernale: festa per il decennale della scoperta

Inaugurata la nuova sede per l’Auser di Sarteano

Sabato 12 ottobre è stata inaugurata a Sarteano, in viale Amiata la nuova sede dell’Auser “Il bosco di Giano”, per gli oltre 500 soci locali.

Inaugurata a Sarteano la nuova sede dell’Auser “Il bosco di Giano”

Sabato 12 ottobre è stata inaugurata a Sarteano la nuova sede dell’Auser “Il bosco di Giano”. La nuova collocazione è facilmente raggiungibile, occupa solo il piano terreno di un edificio lungo viale Amiata, di fronte alla biblioteca e ai giardini comunali. C’è grande soddisfazione per l’obiettivo raggiunto da parte della presidente dell’associazione sarteanese Carla Verni e i circa cinquecento soci, un abitante su dieci, che condividono le numerose iniziative e i servizi dedicati agli anziani.

La nuova sede è stata inaugurata sabato scorso alla presenza del vicepresidente nazionale Auser Luigi De Vittorio, del presidente provinciale Artimino Cappelli, dell’assessore comunale Luisa Gandini. Carla Verni e il sindaco Francesco Landi, dopo la benedizione di don Fabrizio Ilari, hanno tagliato il nastro di fronte a un gran numero di persone.

«L’Auser – ha sottolineato Landi – è un fondamentale punto di riferimento per la comunità sarteanese. La sua valenza sociale è importantissima: basti citare i corsi di informatica, ceramica e di ballo, che si aggiungono alle altre occasioni di incontro e ai servizi di accompagnamento, come quello verso l’ospedale di Nottola»

L’Auser “Il bosco di Giano” (tel. 0578265628, 3319066334) contribuisce a innalzare la qualità della vita di un piccolo centro, che cerca di puntare sui servizi. Solo in viale Amiata, ci sono i giardini dove giocano i nipoti dei soci Auser, un chiosco che ospita un bar, una biblioteca. A poca distanza, il palazzetto dello sport e gli impianti sportivi. Nella formula Sarteano Living, lanciata dal Comune, si racchiude la volontà di incidere a tutti i livelli sul benessere dei residenti.

6 commenti su Inaugurata la nuova sede per l’Auser di Sarteano

Polizia Municipale: l’Unione dei Comuni approva la gestione associata

La proposta di convenzione per la gestione associata della polizia municipale di Montepulciano, Chianciano, Torrita di Siena, Sinalunga, Trequanda, Chiusi, Sarteano, Cetona e San Casciano dei Bagni, è stata approvata…

La proposta di convenzione per la gestione associata della polizia municipale di Montepulciano, Chianciano, Torrita di Siena, Sinalunga, Trequanda, Chiusi, Sarteano, Cetona e San Casciano dei Bagni, è stata approvata all’unanimità dal Consiglio dell’Unione dei nove Comuni della Valdichiana senese.

La gestione associata si articolerà entro i limiti minimi necessari, senza quindi aumenti dei costi per nessuno. Si tratta quindi di un piccolo passo verso una maggiore integrazione, anche se per il momento non è stato possibile spingersi oltre a causa delle polemiche sollevate negli anni passati.

“E’ una base di partenza – ha osservato il presidente dell’Unione Andrea Rossi –per arrivare nel tempo all’integrazione vera per tutta la Valdichiana della polizia municipale”.

Il presidente Rossi ha dapprima dichiarato che il coordinamento del servizio associato sarebbe stato probabilmente affidato a due comandanti: quello di Chianciano e quello di Chiusi. Tuttavia, pare che questo orientamento non sia stato condiviso dal sindaco di Torrita di Siena, Giordano Santoni, secondo il quale la convenzione stessa avrebbe rappresentato un passo indietro rispetto a quella già preesistente tra il suo Comune, Sinalunga e Trequanda. Secondo Santoni, il coordinamento sarebbe stato territorialmente sbilanciato.

Santoni ha pertanto proposto un modo per aumentare la ‘funzionalità territoriale’, prevedendo un comandante di un Comune del nord e uno del sud della Valdichiana. Questa proposta non è invece piaciuta al consigliere di minoranza di Chianciano Andrea Angeli.

“Se qualche sindaco vuole avere un comandante del proprio comune, come fa capire Santoni, allora si dimostra che non c’è alcun intento unitario per il servizio. Il progetto deve portare vantaggi per tutti e le distinzioni vanno superate”.

Alla discussione ha preso parte anche il sindaco di Sarteano, Francesco Landi.

“Si tratta di una questione logistica come dice Santoni e non di campanilismo”

L’intervento di Andrea Rossi prima del voto finale ha tranquillizzato sia Santoni che Angeli, il quale ha dichiarato:

“I coordinatori dovranno  essere scelti in base alla loro professionalità e capacità e dovranno solo tenere i rapporti in generale senza contare che dal primo gennaio 2014 i piccoli comuni sotto i tremila abitanti, per legge, dovranno associare e integrare i servizi”.

4 commenti su Polizia Municipale: l’Unione dei Comuni approva la gestione associata

Type on the field below and hit Enter/Return to search