La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: cetona

Comunicato dei segretari PD della Valdichiana senese in vista delle amministrative

La Valdichiana senese è un territorio di oltre 60 mila abitanti che esprime grandi qualità. Solo un Pd rinnovato e vicino ai cittadini può costituire questa spinta in più per…

La Valdichiana senese è un territorio di oltre 60 mila abitanti che esprime grandi qualità. Solo un Pd rinnovato e vicino ai cittadini può costituire questa spinta in più per uscire dalla palude della crisi economica e sociale più grave dal dopoguerra. Alle amministrative di maggio, quando sei comuni su nove andranno al voto presenteremo idee forti e persone capaci in grado di guidare le proprie comunità con slancio, spirito di sacrificio e umiltà.

Il Pd della Valdichiana ha riunito il proprio esecutivo in settimana per fare un punto sulle primarie di domenica prossima e sulle prossime amministrative, in modo da iniziare a lavorare ad una piattaforma programmatica che accompagnerà i programmi specifici dei sei comuni chiamati al voto (Cetona, Chianciano, Montepulciano, San Casciano, Sinalunga e Torrita), per rafforzare un’area da sempre unita e compatta nelle scelte fondamentali.

Idee e progetti, non improvvisazione. La crisi economica ha messo a dura prova i cittadini e le aziende anche nelle nostre zone, con una disoccupazione, soprattutto giovanile, finora sconosciuta. Ai cittadini della valdichiana non servono progetti confusi o le ‘armate Brancaleone’ delle liste civiche, dietro le quali spesso si nasconde la destra, ma chiarezza: nei programmi, negli obiettivi e nelle persone. Di fronte ai servizi essenziali come sanità, asili, scuole, trasporti, non si improvvisa.

Terra, aria, acqua e vino”: le nostre risorse, le nostre sfide. Siamo una terra dalle grandi potenzialità. Abbiamo un tessuto produttivo importante, a partire dalla parte nord dell’area, tra Torrita di Siena e Sinalunga. Un’area che esprime produzioni di qualità e di fama internazionale, dal Vino Nobile di Montepulciano, alla terracotta di Trequanda, all’olio pregiato di Cetona. L’acqua come elemento di benessere ed attrazione turistica legato al termalismo come a Chianciano Terme, a San Casciano dei Bagni o Sarteano. Uno snodo ferroviario, infrastrutturale e logistico come quello di Chiusi, importante per tutto il senese, la vicina Umbria e l’alto Lazio, che va potenziato.

Difendere i servizi, il territorio, la qualità della vita. Oltre alle nostre bellezze storiche e paesaggistiche, c’è una ricca offerta culturale diffusa nei musei, nei centri storici medievali, nei parchi archeologici etruschi. C’è un presidio ospedaliero importante come Nottola e un sistema di servizi sociali forte che vanno difesi e rilanciati. Una qualità della vita che molti ci invidiano e che va protetta dalla crisi. Un territorio che deve essere tutelato, per questo sarà importante investire nella sicurezza idrogeologica e ridurre il consumo di suolo.

L’unione fa la forza. Di fronte agli interlocutori che si allontanano o spariscono, come le province, è più facile ottenere risultati importanti per tutti, se ci presentiamo come una comunità coesa e politicamente omogenea di fronte alla Regione Toscana, al Governo o all’Europa. Per questo conterà sempre di più muoverci come un soggetto unito, forte di oltre 60 mila abitanti. E solo il Pd può costituire, assieme alle amministrazioni, quel collante sociale e politico decisivo per uscire dalla palude della crisi.

Uniti per ottenere risultati. Il Partito Democratico dei nove comuni della Valdichiana senese ha sempre creduto nelle politiche di area. Ognuno di noi ha le sue sfide da affrontare dentro le proprie comunità, ma siamo consapevoli che serva continuare a lavorare insieme, oltre i campanilismi, per il bene delle nostre comunità. Associare i servizi nell’Unione dei Comuni significa poter dare risposte con minori risorse e in modo più efficiente. Dal comune più piccolo a quello più grande, con pari dignità.

Al voto per confermare il buongoverno. Nella prossima primavera sei comuni su nove andranno al voto: Cetona, Chianciano Terme, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sinalunga e Torrita di Siena. In questo momento di crisi sarà ancora più indispensabile dare risposte concrete e veloci ai nostri concittadini che devono vedere nell’amministrazione un supporto ed una guida. Confermando la guida del Pd e delle forze di centrosinistra ai nostri comuni, significa continuare a garantire il buon governo, la tenuta sociale, e un’alta qualità della vita nelle nostre terre.

Firmato: i segretari del Partito Democratico dei comuni della Valdichiana

Matteo Spaccapeli (Cetona)

Monica Sanchini (Chianciano Terme)

Pamela Fatighenti (Chiusi)

Alberto Millacci (Montepulciano)

Agnese Carletti (San Casciano dei Bagni)

Mattia Nocchi (Sarteano)

Michele Catoni (Sinalunga)

Alessio Pieri (Torrita di Siena)

Efisio Fanutza (Trequanda)

Nessun commento su Comunicato dei segretari PD della Valdichiana senese in vista delle amministrative

Fabio Di Meo, sindaco uscente di Cetona spiega perché non si ricandida

 Fabio Di Meo, sindaco di Cetona uscente, interviene per spiegare le motivazioni che lo hanno spinto a non ricandidarsi. “Le ragioni che mi hanno indotto a non ricandidarmi alla carica…

 Fabio Di Meo, sindaco di Cetona uscente, interviene per spiegare le motivazioni che lo hanno spinto a non ricandidarsi.

“Le ragioni che mi hanno indotto a non ricandidarmi alla carica di Sindaco del Comune di Cetona, nascono da considerazioni di carattere amministrativo e personale

Le riforme “spezzatino” che hanno interessato gli enti locali negli ultimi anni hanno colpito con ferocia l’autonomia dei Comuni. Spesso ridotti ad esattori per conto dello Stato, come nel caso dell’IMU o dell’addizionale sulla TARES. Mentre il Patto di Stabilità che azzera la capacità di manovra nel campo degli investimenti pubblici, la moltitudine di vincoli e imposizioni di legge finiscono per determinare a priori la dislocazione delle già pur esigue risorse a disposizione, relegando gli Amministratori a semplici contabili. Il tutto condito da una totale incertezza legislativa che espone gli amministratori locali alla berlina dei cittadini, spesso non in grado di cogliere la logica di alcune riforme per il semplice fatto che una logica non c’è. Con un’assenza di risorse che impedisce di dare risposte a quegli stessi cittadini travolti dalla crisi.

Uno Stato che interviene con solerzia quando c’è da ridurre la partecipazione democratica nelle piccole comunità: riduce il numero degli assessori e dei consiglieri in enti dove gli stessi percepiscono indennità simboliche. A Cetona arriveremo a sei consiglieri e due assessori.
E riduce drasticamente rispetto al passato la possibilità da parte dei Sindaci di svolgere il proprio compito riducendo le possibilità di assentarsi dal proprio posto di lavoro per svolgere le mansioni istituzionali. Questo tra l’altro creando un’evidente discriminazione tra cittadini di seria A, quelli dei Comuni con più di 3000 abitanti dove il livello delle indennità permette di avere un Sindaco a tempo pieno; e cittadini di serie B, quelli dei Comuni con popolazione inferiore ai 3000 abitanti dove il livello delle indennità obbliga a trovare difficili compatibilità tra attività lavorativa personale e compiti istituzionali.

Tutto quanto detto fin qui si configura come un vero e proprio corto circuito al quale dobbiamo e possiamo trovare la forza di rispondere con amministratori capaci di mettere sul tappeto nuove energie personali e collettive, e con la candidatura di Eva Barbanera queste condizioni possono esserci tutte.

Dopo dieci di anni di partecipazione all’Amministrazione comunale di Cetona (cinque da assessore e cinque da Sindaco), io ho sentito di non avere più dentro di me la forza adeguata per affrontare ancora questa situazione, e dunque ho ritenuto fosse mio dovere farmi da parte per consentire a persone più motivate e meno stanche di affrontare questa enorme sfida.

Ringrazio comunque tutto il Partito Democratico di Cetona per avermi chiesto di ricandidarmi di nuovo alla guida del Comune, e per averlo fatto sia in seguito al resoconto di fine mandato, sia successivamente dopo una prima fase di consultazioni per l’individuazione del nuovo candidato.
Riconosco che la mia è una scelta tutta personale, estremamente sofferta e che faccio con dolore, ma compiuta in ultima istanza perché mi sentirei un irresponsabile, di fronte ai cittadini e di fronte alle forze politiche, a gettarmi di nuovo in un’esperienza per la quale dentro di me non sento più la forza necessaria.

Mi sento comunque rincuorato dal fatto che il PD abbia scelto come candidata sindaco l’attuale consigliere Eva Barbanera, una persona con le giuste competenze per svolgere un ruolo così difficile, e che sono certo abbia un profilo amministrativo in grado di garantire al centrosinistra di vincere le elezioni e di guidare il Comune nel modo giusto, lungo le linee di quella tradizione di buon governo che ha da sempre contraddistinto il Comune di Cetona”.

Nessun commento su Fabio Di Meo, sindaco uscente di Cetona spiega perché non si ricandida

Cetona: Eva Barbanera sarà il candidato del PD alle prossime amministrative

Al termine di una assemblea dell’unione comunale  il Partito Democratico di Cetona e Piazze ha scelto all’unanimità Eva Barbanera come candidato sindaco per le amministrative della prossima primavera. Eva Barbanera,…

Al termine di una assemblea dell’unione comunale  il Partito Democratico di Cetona e Piazze ha scelto all’unanimità Eva Barbanera come candidato sindaco per le amministrative della prossima primavera.

Eva Barbanera, 42 anni, di Piazze, sposata, laureata in Scienze Statistiche ed Economiche, impiegata all’Università di Perugia è attualmente consigliere comunale. Ha iniziato a fare politica attiva con la nascita del PD, per il quale si è spesa in questi anni per dare forma e sostanza a un partito nato per portare la sinistra democratica nel nuovo millennio.

Nell’attuale amministrazione comunale si è distinta nei lavori della “commissione comunale per il disagio sociale”, istituita per affrontare un tema molto presente anche nella realtà cetonese, a causa della crisi economica di questi anni. Ha quindi maturato competenza nell’ambito amministrativo, sia nel lavoro che come consigliere comunale, ed una certa esperienza politica, oltre ad avere personalità, cultura, e voglia di impegnarsi nel comune in cui risiede da sempre.

“La disponibilità di Eva è stata una buona notizia per la nostra comunità. – ha affermato Matteo Spaccapeli, segretario dell’Unione Comunale del Pd di Cetona –  Dopo che il sindaco uscente Fabio Di Meo ci ha comunicato la sua indisponibilità a ricandidarsi, il PD ritiene che Eva possa essere la figura giusta per continuare un lavoro di rinnovamento della comunità cetonese. A partire dalle capacità e dallo spirito di servizio che ha sempre dimostrato in questi anni. Eva rappresenta il giusto mix tra esperienza e cambiamento che ci richiedono i cittadini. Non per ultimo, si tratterebbe del primo sindaco donna di Cetona”. Eva, dopo alcuni giorni di riflessione per analizzare la richiesta e le indubbie difficoltà che l’incarico prospettato comporta, ha comunicato  alla segreteria del Pd di Cetona la sua disponibilità a candidarsi. Nei prossimi giorni proseguirà il percorso di ascolto e condivisione con le comunità di Cetona e Piazze per arrivare ad un progetto realmente partecipato per le prossime amministrative. Infine l’Unione Comunale del Pd di Cetona ha ringraziato il sindaco Fabio Di Meo “per il grande impegno, la vicinanza e la disponibilità che ha dimostrato in questi anni per far crescere le comunità di Cetona e Piazze”.

Nessun commento su Cetona: Eva Barbanera sarà il candidato del PD alle prossime amministrative

Il progetto per la scuola Mangiocando presentato oggi al Meyer

L’educazione alimentare della scuola primaria è al centro del progetto Mangiocando, presentato e discusso in un convegno nell’aula magna dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze oggi venerdì 17 gennaio, (a partire dalle 9)….

L’educazione alimentare della scuola primaria è al centro del progetto Mangiocando, presentato e discusso in un convegno nell’aula magna dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze oggi venerdì 17 gennaio, (a partire dalle 9). Questa iniziativa è frutto di una sinergia tra Università di Firenze ed Elea, onlus nata nel Senese su una intuizione del medico Giorgio Ciacci.

Mangiocando è un progetto di educazione alimentare, con sede all’Abbazia di Spineto a Sarteano, ormai attivo da 10 anni nei comuni senesi di Sarteano, Cetona e San Casciano dei Bagni,  che segue circa 150 bambini delle ultime tre classi della scuola primaria, coinvolgendo insegnanti e genitori.

Salute, territorio, tradizioni, laboratorio sensoriale, cibo locale sono gli ingredienti del progetto che vede l’olio extravergine di oliva assoluto protagonista. Il marchio Mangiocando è in corso di registrazione al Ministero dello Sviluppo Economico.

Lo scopo è sensibilizzare e divulgare (in maniera ludica) ancora una volta la necessità della prevenzione primaria, attraverso una sana alimentazione, già nel bambino. Lotta alla cattiva alimentazione, sedentarietà, sovrappeso e obesità. Solo questo può essere utile a formare adulti sani, con beneficio per tutta la comunità, sia dal punto di vista sociale che ambientale, oltre che economico.

Nell’incontro di venerdì 17 al Meyer è previsto l’intervento introduttivo di Giorgio Ciacci (ore 9,30), seguito da Marilisa Cuccia dell’Abbazia di Spineto centro studi, uno dei partner dell’iniziativa. Quindi, parleranno sui temi dell’alimentazione (chiusura alle 13,30) e dell’infanzia docenti e ricercatori: Francesco Sofi, Cristina Stefanile, Alessandra Guarino Amato, Simone Orlandini, Tiziana Polimeno.

Nessun commento su Il progetto per la scuola Mangiocando presentato oggi al Meyer

Cetona – Al via gli ”Appuntamenti d’Autunno”

Coerentemente con la propria vocazione di cittadina aperta da sempre ad ospitare confronti culturali, espressioni artistiche e dibattiti politici su temi di grande attualità, Cetona si prepara a vivere a partire…

Coerentemente con la propria vocazione di cittadina aperta da sempre ad ospitare confronti culturali, espressioni artistiche e dibattiti politici su temi di grande attualità, Cetona si prepara a vivere a partire da sabato 30 novembre il ciclo 2013 degli “Appuntamenti d’Autunno” , un programma di presentazioni di libri promosso dalla Fondazione Lionello Balestrieri insieme con l’Amministrazione comunale e il sostegno di Banca Valdichiana.

Ad aprire il ciclo, il giornalista del Corriere della Sera Paolo Franchi che sabato 30 novembre alle 17.30 presso la Sala SS Annunziata in Piazza Garibaldi, presenterà il suo volume “Giorgio Napolitano. La traversata da Botteghe Oscure al Quirinale” (Rizzoli editore). Un’accurata biografia del Presidente della Repubblica che mette in luce come in Napolitano sia maturata la profonda vocazione politica che lo ha portato a diventare oggi un esempio indiscusso di autorità morale, anche nella crisi economica e istituzionale che stiamo vivendo. La sua via all’antifascismo e al Pci, spiega Franchi, passa anche per la scoperta dell’umanità dolente del ricovero antiaereo ai tempi della guerra.. E’ in quel rifugio che Napolitano si scopre per la prima volta in grado di reagire persino agli eventi più drammatici con grande autocontrollo e ragionevole fatalismo, dimostrandosi capace di non perdere la calma “neppure di fronte all’Apocalisse”, come gli riconosce, sorpreso e ammirato Curzio Malaparte. E’ una virtù innata, ma anche molto coltivata, che praticherà tutta la vita. Prima nel Pci. Poi in Europa e nelle istituzioni, da Presidente della Camera e soprattutto da Capo dello Stato.

L’autore del volume è il giornalista Paolo Franchi, che da anni collabora con la Fondazione Balestrieri e l’Amministrazione comunale per le iniziative culturali. Alla presentazione parteciperanno l’ambasciatore Antonio Armellini, la giornalista Lorenza Foschini e il senatore Emanuele Macaluso.

Dopo la presentazione di sabato 30 novembre, altri due gli “Appuntamenti” in programma.

Sabato 14 dicembre sarà presentato il libro “La televisione” di Carlo Freccero, ex direttore di Raidue e di Raiquattro, cui parteciperà il giornalista Roberto di Russo.

Sabato 21 dicembre infine, verrà presentato il libro di Alfredo de Girolamo, presidente Cispel Toscana, “I servizi pubblici locali”, cui parteciperanno Claudio De Vincenti, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico e Anna Rita Bramerini, Assessore all’Ambiente e energia della Regione Toscana.

Nessun commento su Cetona – Al via gli ”Appuntamenti d’Autunno”

Ultime repliche di “Ercole e le stalle di Augia” a Cetona

Le ultime tre occasioni per assistere allo spettacolo “Ercole e le stalle di Augia”, messo in scena dalla Compagnia dell’Orto del Merlo nell’ambito di “Cetonaestate”, saranno da venerdì 23 agosto…

Le ultime tre occasioni per assistere allo spettacolo “Ercole e le stalle di Augia”, messo in scena dalla Compagnia dell’Orto del Merlo nell’ambito di “Cetonaestate”, saranno da venerdì 23 agosto a domenica 25, sul Sagrato della Collegiata a Cetona alle 21.30.

Lo spettacolo messo in scena dall’Orto del Merlo, che ha il patrocinio del Comune di Cetona ed è composta principalmente da attori di Cetona e dintorni,  è basato su un testo di Durrenmatt, adattato e diretto da Laura Fatini.

Si tratta di un radiodramma,  che parla di come Ercole venne chiamato dal Re Augia per liberare dal letame il proprio paese, ormai invivibile per la puzza che invadeva strade e piazze.  Polibio ci svela come veramente andarono le cose e presenta la sesta fatica di Ercole in maniera molto divertente, con l’eroe greco costretto ad adempiere a tale sozzo compito per far fronte ai debiti, e Augia e gli abitanti di Elis preda di una burocrazia lenta e cavillosa che li impantana ancora di più nel letame che li circonda. In scena, gli attori si cambiano d’abito più volte, e danno corpo a tutti i personaggi di questo spettacolo con allegria e impegno, cimentandosi in canti e balli, giochi d’ombra e scenografie da montare e da smontare.

Per il tredicesimo anno di attività della Compagnia dell’Orto del Merlo, è stata scelta una commedia molto impegnativa, che mostra la stupidità della burocrazia che impantana e immobilizza.

La Compagnia dell’Orto del Merlo – che si è costituita a Cetona nel 2002 ed ha tra le finalità l’animazione della comunità attraverso laboratori teatrali per adulti e bambini, la valorizzazione della tradizione contadina toscana e cetonese, l’attività di avvicinamento alla lettura e al teatro per bambini – comprende una quarantina di persone, che negli anni hanno imparato vari mestieri del teatro: non solo attori, ma anche suggeritori, truccatrici, scenografi, macchinisti. Tutto quello che serve davanti e dietro la scena.

 

Nessun commento su Ultime repliche di “Ercole e le stalle di Augia” a Cetona

Restaurata la Sala Santissima Annunziata di Cetona

La Sala Santissima Annunziata, posta in Piazza Garibaldi nel centro di Cetona, tornerà alla sua originale bellezza per essere nuovamente ammirata da l’intera comunità Cetonese. Dopo essere stata chiusa al pubblico…

La Sala Santissima Annunziata, posta in Piazza Garibaldi nel centro di Cetona, tornerà alla sua originale bellezza per essere nuovamente ammirata da l’intera comunità Cetonese. Dopo essere stata chiusa al pubblico per due anni ed aver subito poco più di un anno e mezzo di lavori di restauro, la Sala è stata restituita alla cittadina attraverso l’inaugurazione di giovedì 1 agosto alle 17.30.

Il sindaco di Cetona Fabio Di Meo in un’intervista ha risposto: “La conclusione dei lavori di restauro della Sala Santissima Annunziata rappresenta un momento molto importante per la nostra cittadina, per la quale il patrimonio artistico e architettonico, insieme a quello paesaggistico rappresenta una risorsa fondamentale“.

Sono stati oggetto dell’intervento, il restauro dell’edificio, ma soprattutto il restauro dell’intero apparato decorativo della ex Chiesa, costituito da stucchi, dipinti murali e dipinti su tela. Il restauro delle tele (sei più la tela d’altare relativa all’Annunciazione)  è stato affidato ad un laboratorio specializzato a Roma dove sono stati eseguiti la foderatura, la realizzazione dei nuovi telai di supporto, interventi di ripristino e di risanamento delle lesioni e delle lacerazioni, la stuccatura delle lacune, la reintegrazione pittorica e la verniciatura finale. Gli interventi sull’apparato decorativo interno della ex Chiesa invece sono stati differenziati a seconda delle varie parti architettoniche (parete d’altare, cornicione, cornici delle tele, parti murarie, elementi verticali di sostegno). Sostanzialmente sono stati eseguiti interventi di pulitura, rimozione delle scialbature, consolidamento, ricostruzione di parti mancanti essenziali eseguite con calchi su parti esistenti, reintegrazione e adeguamento pittorico. L’intervento è stato realizzato dalla ditta Erre Consorzio di Roma ed il costo è stato di circa 340mila euro.

Nessun commento su Restaurata la Sala Santissima Annunziata di Cetona

Giovane arrestata per detenzione di droga a Cetona

B.B., una ventiseienne originaria di Sinalunga e residente a Cetona, è stata arrestata giovedì 18 Luglio per detenzione di droga ai fini di spaccio. I Carabinieri hanno fermato la ragazza…

B.B., una ventiseienne originaria di Sinalunga e residente a Cetona, è stata arrestata giovedì 18 Luglio per detenzione di droga ai fini di spaccio.

I Carabinieri hanno fermato la ragazza per un controllo di routine mentre era a bordo della propria auto, ma durante la perquisizione del mezzo hanno rinvenuto una dose di eroina e 21 grammi di marjiuana. I Carabinieri hanno quindi ritenuto necessario perquisire anche l’abitazione della ragazza. Nella camera del fratello di lei, B.R., di un anno più giovane, sono stati trovati 60 grammi di marjiuana contenuti in due barattoli e dieci dosi, oltre a un bilancino di precisione.

Il ragazzo è stato denunciato per concorso in reato, mentre per la sorella è scattato l’arresto e verrà processata per direttissima presso il Tribunale di Montepulciano.

Nessun commento su Giovane arrestata per detenzione di droga a Cetona

Montepulciano: al via il 38° Cantiere Internazionale d’Arte

38° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano: l’edizione dell’acqua Tutto pronto a Montepulciano per la 38° edizione del Cantiere Internazionale d’Arte, in programma dal 19 al 28 luglio. Il tema di…

38° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano: l’edizione dell’acqua

Tutto pronto a Montepulciano per la 38° edizione del Cantiere Internazionale d’Arte, in programma dal 19 al 28 luglio. Il tema di quest’anno sarà l’acqua, come più volte sottolineato dal direttore artistico Vincent Monteil e dal direttore musicale Roland Böer. La notizia più lusinghiera proviene da Bruxelles: l’Unione Europea ha infatti selezionato la manifestazione poliziana tra gli undici festival culturali meritevoli di finanziamento, unica rassegna italiana a ottenere il contributo.

L’apertura dell’edizione 2013 del Cantiere Internazionale d’Arte è stata preceduta da una serie di importanti presentazioni. Dapprima la presentazione ufficiale a Roma, in cui i direttori della manifestazione hanno illustrato alla stampa e alle istituzioni il cartellone degli appuntamenti ispirati al tema dell’acqua. Opera lirica, musica, teatro, performance, visual art e il doveroso omaggio all’ideatore del Cantiere, Hans Werner Henze, scomparso lo scorso autunno: un totale di 40 spettacoli allestiti tra le location più suggestive. La presentazione a Firenze è avvenuta invece a Palazzo Strozzi Sacrati, presso le sale stampa della Regione Toscana. Alle conferenze hanno partecipato anche il sindaco del Comune di Montepulciano Andrea Rossi e la presidente della Fondazione Cantiere Sonia Mazzini.

cantiere_internazionale

L’edizione 2013 è legata al tema dell’acqua, elemento vitale per gli esseri umani, come precisa Monteil:

“Montepulciano si immerge quest’anno nelle diverse forme della cultura, muovendosi sull’acqua con le sue interpretazioni simboliche. Ho il piacere di dedicare questo 38° Cantiere all’Europa unita: il mio scopo sarà quello di trasformare Montepulciano, per 10 giorni, nella capitale europea della musica e delle arti.”

Emerge così anche la partnership della Fondazione Cantiere per promuovere la candidatura Siena 2019 come capitale europea della Cultura: a Montepulciano sarà installato uno stand multidisciplinare nel periodo della rassegna. Il team organizzativo di Siena 2019, diretto dal prof. Pierluigi Sacco, individua quindi la città poliziana come polo di riferimento nel territorio senese per una candidatura che rappresenti realmente l’intera area provinciale.

Il cartellone degli spettacoli è sempre più diffuso tra i Comuni partecipanti della Fondazione Cantiere, con il segmento “Area Cantiere” che quest’anno è ulteriormente rafforzato. Tra le innovazioni del 2013, si distingue al Castello di Sarteano l’Anteprima Cantiere (dal 16 al 21 luglio) con l’allestimento teatrale de “La Tempesta” di Shakespeare, realizzato da Nuova Accademia degli Arrischianti. Appuntamenti anche a Chianciano, Montefollonico, San Casciano dei Bagni, Sinalunga e Trequanda. Sono invece due le date in agenda a Cetona (23 e 24 luglio), la seconda delle quali si tiene presso la Comunità Mondo X.

Il maestro Roland Böer guiderà i tre concerti sinfonici che si terranno in Piazza Grande. Sempre più solido il rapporto tra il direttore di Francoforte e il Royal Northern College of Music di Manchester, formazione residente a Montepulciano. Nel primo appuntamento del 19 luglio, tra i brani di Shostakovic e la prima assoluta di Oldrini, si staglia il monumentale Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra di Tchajkovskij, con il virtuosismo pianistico di Markus Bellheim; la chiusura è affidata alla sinfonia detta Renana di Robert Schumann.

Ispirata al celebre capolavoro di Bizet, il 20 luglio va in scena al Teatro Poliziano la prima assoluta di Carmen, la Gitana, un’originale opera da camera commissionata dal Cantiere al compositore francese Pierre Thilloy. L’adattamento musicale è pensato per un gruppo strumentale che evoca le atmosfere zingare: nasce così l’Ensemble Tzigano “Lilas Pastia”, composto in chiaro stile cantieristico dall’incontro tra musicisti francesi e solisti provenienti dall’Istituto di Musica della Fondazione Cantiere.

Il linguaggio contemporaneo è una prerogativa del Cantiere: il 26 luglio tocca alla prima italiana dell’opera Drei Wasserspiele (Tre giochi sull’acqua) di Detlev Glanert. Il compositore tedesco, già direttore del Cantiere, si è affermato in Europa per la sua duttilità che emerge in questo trittico cameristico. La produzione, realizzata in collaborazione con Musikhochschule Nürnberg, Musikhochschule Köln e Stadttheater Fürth, persegue gli obiettivi didattici che animano la manifestazione poliziana. La sfida sta nell’inseguire nuovi colori con gli strumenti tradizionali, creando un nesso sinestetico con il flusso dell’acqua.

Quella del 2013 è la prima edizione del Cantiere dopo la scomparsa del suo padre fondatore Hans Werner Henze. Doveroso quanto sentito l’omaggio che Montepulciano vuole rivolgere all’ideatore di un progetto più che mai vitale: una celebrazione creativa costruita grazie all’impegno di Fabio Fassone.
Sarà Gastón Fournier-Facio a coordinare un happening al Teatro Poliziano, il 28 luglio: chiamati a raccolta nomi e personaggi che hanno fatto la storia del Cantiere, si susseguiranno testimonianze e confronti in un pomeriggio che si chiuderà con la Piccola suite tratta da Pollicino: Luciano Garosi guiderà l’esecuzione dell’orchestra “I ragazzi di Montepulciano”. Un tributo teatrale si terrà al Poliziano il 23 luglio a cura di Antonio Fatini: l’autore, stimato da Henze, ha raccolto scritti autografi e riflessioni che il celebrato maestro ha lasciato nella città toscana; a partire da quei documenti, è possibile imbastire una performance che vuole approfondire gli aspetti più intimi e profondi del rapporto tra Henze e Montepulciano.

Il Concerto di chiusura del 28 luglio rende omaggio alle ricorrenze quest’anno legate a Richard Wagner, Benjamin Britten e Giuseppe Verdi: sette brani tratti da L’olandese volante saranno eseguiti dell’evento più popolare dell’intero festival; il tema dell’acqua purificatrice è rappresentato dal ben noto epilogo catartico dell’opera. Dal repertorio del barone inglese sono scelti invece i Four sea interloudes da Peter Grimes. L’ossequio al compositore di Roncole conclude il finale della manifestazione con l’integrale dell’atto terzo di Aida.

Questo è solo un assaggio di quanto avverrà a Montepulciano nel mese di luglio, ma ci fa capire la valenza artistica del programma proposto, che contiene eventi per ogni tipo di palato. Per maggiori informazioni sulla manifestazione, sul programma completo e sull’acquisto dei biglietti, potete consultare il sito ufficiale:

[button style=”3″ caption=”Cantiere Internazionale d’Arte” link=”http://www.fondazionecantiere.it/it/home/16-istituzionale/21-il-cantiere-internazionale-d-arte-giunge-alla-38-edizione”][/button][divider]

Nessun commento su Montepulciano: al via il 38° Cantiere Internazionale d’Arte

ASD Serena Mancini: una giornata per la vita a Sarteano

Lo scorso 22 giugno si è svolta presso Casa Bebi, frazione di Sarteano allocata sulle pendici del Monte Cetona, una delle tante giornate dedicate ai bambini e allo sport che…

Lo scorso 22 giugno si è svolta presso Casa Bebi, frazione di Sarteano allocata sulle pendici del Monte Cetona, una delle tante giornate dedicate ai bambini e allo sport che l’ASD Serena Mancini organizza durante l’anno.

image002

L’associazione è stata fondata nel 2012 da Marco Mancini, in memoria della figlia Serena, portata via dal cancro l’anno scorso. Come logo è stato scelto un disegno realizzato dalla bambina, una farfalla colorata che il presidente Marco Mancini ci descrive così:

“Essa è stata colorata da mia Figlia Serena che non è più in questa terra dal 3 giugno 2012. Moltissimi bambini, alle prese con il cancro e altre malattie, continuano a disegnare e vedere nei loro sogni queste farfalle. Perciò la farfalla e l’ associazione stessa rappresentano il coraggio di questi bambini che con fiducia combattono la loro battaglia. La farfalla simboleggia per noi la vita che continua dopo la morte, pensateci , quando una farfalla vi vola intorno.”

L’associazione, sempre aperta alle idee e iniziative che le vengono proposte, svolge attività di trekking, mountain bike, ciclismo su strada, cicloturismo e podismo, coinvolgendo tutti coloro che sono desiderosi di passare un pò di tempo all’aria aperta, fornendo loro le divise gratuitamente. È affiliata a UISP e regolarmente iscritta al CONI, è dotata di un proprio furgoncino con il quale organizza spuntini dopo le attività e gli spostamenti.  L’ASD Serena Mancini conta già ben 56 iscritti e punta a crescere sempre di più. Ogni domenica, l’associazione organizza ritrovi per svolgere le sue attività, che si svolgono principalmente nel territorio circostante il Monte Cetona ma che si allargano spesso anche nel resto della Valdichiana.

[button style=”3″ caption=”ASD Serena Mancini su Facebook” link=”https://www.facebook.com/groups/511591052235609/”][/button]

Per contattare l’associazione:
casabebi @ alice.it
serenamanciniasd @ gmail.com
cell. 3382965435 – 3332348901
tel. sede 0578-267233

1 commento su ASD Serena Mancini: una giornata per la vita a Sarteano

Type on the field below and hit Enter/Return to search