Riprende il nostro viaggio alla scoperta dei luoghi e delle vicende più interessanti della Valdichiana senese: oggi parliamo della pieve di Santo Stefano a Cennano, nei pressi della frazione di Castelmuzio, all’interno del comune di Trequanda, che fa parte della diocesi di Montepulciano, Chiusi e Pienza

La pieve di Santo Stefano a Cennano è un piccolo pezzo della storia del nostro territorio. Questa chiesa rurale, situata a poche centinaia di metri dal pese, è infatti il frutto di continue modifiche, assestamenti e ricostruzioni, e ognuna di esse porta con sé la memoria di un’epoca ormai passata. Dal punto di vista architettonico, la pieve di Santo Stefano a Cennano presenta una semplice facciata a capanna, con un portale di stile gotico; la basilica è a tre navate, concluse con absidi caratterizzate da uno stile prevalentemente romanico.

La chiesa è un luogo di culto della religione cattolica, terminata nel 1285 e consacrata a Santo Stefano, il primo martire della tradizione cristiana. Il campaniletto a vela è invece stato eretto nel XVIII secolo. Se pensate che questa pieve in pietra arenaria abbia mantenuto pressoché inalterata la sua struttura, nel corso di tutti i suoi secoli di vita, rischiate di commettere un grosso errore: le sue origini sono ancora più antiche.

La pieve di Santo Stefano a Cennano ebbe origine come tempio etrusco; tutta la zona nei dintorni dell’odierna Castelmuzio, infatti, era stata un insediamento degli Etruschi, di cui ancora oggi rimangono tracce di tombe, iscrizioni e urne cinerarie. Con l’arrivo della dominazione da parte di Roma, il tempio etrusco lasciò posto a un altro tempio pagano dedicato alla dea Iside, sorto all’interno di un vicus, un antico insediamento rurale romano; la strada che lo costeggiava, anch’essa di epoca etrusca, collegava Chiusi a Fiesole.

Sulle fondamenta del tempio pagano venne poi edificata la pieve di Santo Stefano a Cennano, attorno al IV secolo; in piena epoca paleocristiana, questa chiesa battesimale testimoniava l’avanzata della religione cattolica nelle campagne e nei distretti rurali. Per tutto il VII e il VIII secolo la pieve fu molto importante, e costituì continui motivi di dispute tra i vescovi di Siena e di Arezzo, che volevano considerarla giurisdizione delle rispettive diocesi, assieme a un gruppo di pievi e di monasteri locali.

Nel XIV secolo cominciò la lenta decadenza della pieve di Santo Stefano a Cennano, per via del graduale abbandono delle campagne e dei mutamenti sociali. Grazie alla semplicità del suo stile romanico e all’integrità mantenuta dalla sua struttura, tuttavia, è stata restaurata a partire dal XVIII secolo. Le prime tre campate della navata furono rimpiazzate da un tetto a capanna sorretto da pilastri, venne apposto un altare di stile barocco e arricchita con opere d’arte di più moderna fattura. Attualmente la chiesa è officiata la domenica per la Santa Messa, ospita concerti di clavicembalo e matrimoni, ed è liberamente visitabile da turisti e pellegrini.

santo stefano a cennano

La particolarità della pieve di Santo Stefano a Cennano è la sua vicenda fatta di continue ricostruzioni, che vanno di pari passo con i mutamenti culturali e sociali delle epoche attraverso cui è passata. Un destino comune a tanti opere architettoniche, magari sconosciuto o dimenticato, ma meritevole di essere raccontato. Insediamento etrusco, poi romano, poi paleocristiano; pieve rurale, chiesa abbandonata, luogo di culto restaurato. Ogni volta, la cultura dominante ha apportato modifiche alla struttura. Le vecchie divinità sono state sostituite, le architetture sono state cambiate, le funzioni sono state aggiornate. Ogni volta che la cultura dominante entrava in contatto con la pieve di Santo Stefano a Cennano, non si limitava ad ammirarla come si fa con un museo: l’ha plasmata, rivisitata, reclamata per sé e per i suoi simboli, incessantemente. Ogni volta la pieve è stata costretta a evolversi, per certi versi: forse è stato questo il motivo per cui è rimasta in piedi fino a questo momento, a differenza di tante altre strutture ormai scomparse. E forse è proprio questo il sentimento che si prova a visitarla: una tradizione che muta continuamente, che cambia e si adatta, anche in un contesto apparentemente immobile ed eterno come i luoghi di culto religioso.

Per concludere: la pieve di Santo Stefano a Cennano è uno splendido e significativo pezzo di storia, perso nel territorio della Valdichiana Senese. Poco visitata dai turisti, e forse sconosciuta anche a tanti locali, anche se rappresenta una perfetta tappa per i percorsi di trekking o per le scampagnate domenicali. Una visita consigliata a tutti gli amanti dell’architettura sacra e agli appassionati di storia, in attesa che arrivi la prossima cultura dominante.

Photo credits by Edisonblus (Own work) [CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

Print Friendly, PDF & Email