Scoperta nella regione di Beheria (Delta del Nilo, Egitto) una città sepolta ellenistico-romana: nella spedizione anche un team di archeologi dell’Università di Siena

Un team di archeologi coordinato dal Centro Archeologico Italiano-egiziano, con le Università di Siena e di Padova ed in collaborazione con il Ministero dell’Antichità egiziane, ha scoperto i resti di una città sepolta sotto il limo del Nilo nella regione di Beheira. Il progetto sotto la direzione del campo del Prof. Mohamed Kenawi, Dr. Cristina Mondin, Dr. Giorgia Marchiori e con la direzione scientifica dei Prof. Emanuele Papi e P. Zanovello, è stata finanziata in parte dal National Geographic/Waitt grants program.

La campagna di ricerca si è svolta in collaborazione con numerosi specialisti internazionali, tra cui anche un team di archeologi dell’Università di Siena. Kom al-Ahmer e Kom Wasit sono localizzate nell’area del Delta occidentale del Nilo, circa 25 km a sud della città di Rosetta e 16 km a nord di Damanhur (Hermopolis Parva). Le due città antiche sono oggi 7 km ad est del ramo di Rosetta del Nilo, ma nell’antichità erano state costruite in prossimità di questo corso d’acqua. L’area archeologica di Kom Wasit è stata inizialmente esaminata da un gruppo di geofisici e successivamente è stato fatto un intenso lavoro di topografia con il supporto di un drone; queste analisi hanno permesso di individuare numerose anomalie. Un sondaggio di scavo ha confermato che le anomalie erano gli edifici antichi.

Una città completa si trova quindi sotto il limo del Nilo. In particolare, con la magnetometria, è stato rilevato un grande edificio rettangolare le cui dimensioni (115 x 40 m), confermate dallo scavo, inducono a ritenere che potesse avere fini amministrativi o religiosi. Le foto con il drone e la mappatura topografica dimostrano inoltre che la città aveva due diversi orientamenti, che testimoniano almeno due diverse fasi di vita. La più antica sembra databile all’epoca tardo-faraonica / ellenistica; mentre quella più recente al periodo tardo ellenistico / prima epoca romana. Si tratta della scoperta della prima città ellenistico-romana nell’area del Delta.

La città di Kom al-Ahmer era già nota grazie ad uno scavo, condotto da El-Khashab nel 1940, che aveva portato alla luce un grande edificio termale romano. La ripresa dei lavori di scavo ha permesso di scoprire nuove importanti strutture tardo romane e una necropoli islamica; questi nuovi dati confermano non solo il lungo periodo di vita del sito, ma offrono nuove prove a conferma dell’ipotesi che la fondazione di Kom al-Ahmer sia l’esito della migrazione della popolazione dall’abitato di Kom Wasit, probabilmente a seguito di uno spostamento del ramo di Rosetta del Nilo.

Il progetto archeologico di Kom al-Ahmer / Wasit Kom è giunto quest’anno alla sua terza stagione, gli intervento che sono in programma nei prossimi anni mirano a scavare e documentare le parti principali dei due siti, al fine di scrivere un nuovo capitolo della storia egiziana. Dell’equipe scientifica fanno parte: Prof. Emanuele Papi, Dr. Cristina Mondin, Dr. Giorgia Marchiori, Dr. Mohamed Kenawi, Dr. Irene Cestari, Dr. Gabriella Carpentiero, Dr. Monica Spaziani, Dr. Marcus Muller, Dr. Henrik Brahe, Dr. Ishiba Hinojosa Balino. Dr. Michele Asolati, Dr. Cristina Crisafulli, Dr. Juliette Fayein

(Photo credits by Henrik Brahe)

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Redazione

La redazione della Valdichiana è costantemente al lavoro per tenervi aggiornati su questo meraviglioso territorio!

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close