Il Teatro Poliziano inaugura la stagione 2021-22 con lo spettacolo “Tavola tavola, chiodo chiodo…”, incentrato sulla personalità di Eduardo De Filippo. Venerdì 10 dicembre, alle 21.15, è protagonista Lino Musella, interprete tra i più acclamati della sua generazione, già premio UBU come miglior attore, nonché volto celebre per i suoi ruoli nella serie Gomorra e per i successi cinematografici con registi quali Paolo Sorrentino (in questo periodo nelle sale con È stata la mano di dio), Mario Martone, Pupi Avati e i fratelli D’Innocenzo con il pluripremiato Favolacce.

Per la riapertura ufficiale, il Teatro Poliziano si presenta rinnovato dagli interventi di manutenzione e conservazione realizzati dal Comune di Montepulciano: sono completamente restaurati e risanati i servizi igienici e i locali dei camerini per gli artisti, così da rendere la struttura sempre più accogliente, tanto per il pubblico, quanto per le compagnie.

L’organizzazione della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte riprende l’attività teatrale con una produzione che ha già ottenuto i riscontri più lusinghieri della critica. “Tavola tavola, chiodo chiodo…” è infatti un approfondimento della figura di Eduardo De Filippo, intessuto su appunti, articoli, corrispondenze e discorsi che Lino Musella ha raccolto insieme Tommaso De Filippo. L’esito è un ritratto d’artista che, oltre a delinearne la creatività, si incentra sulle battaglie civiche e culturali condotte instancabilmente da Eduardo, tra poche vittorie e molti fallimenti. Musella dà voce e corpo alle parole delle lettere indirizzate alle istituzioni, all’intervento al Senato, agli appunti, ai carteggi relativi all’impresa estenuante della costruzione e del mantenimento del Teatro San Ferdinando. A impreziosire la drammaturgia c’è il polistrumentista Marco Vidino che esegue dal vivo le musiche di scena.

“Tavola tavola, chiodo chiodo – spiega Musella  sono le parole incise su una lapide del palcoscenico del Teatro San Ferdinando, un’epigrafe eretta da Eduardo a Peppino Mercurio, suo macchinista storico che, tavola dopo tavola, appunto, era stato il costruttore di quello stesso palcoscenico, distrutto dai bombardamenti nel ‘43.”

“Faccio parte – prosegue l’attore – di una generazione nata tra le macerie del grande Teatro e che può forse solo scegliere se soccombere tra le difficoltà o tentare di mettere in piedi, pezzo dopo pezzo, una possibilità per il futuro, come indicano quelle parole incise nel Teatro di Eduardo che in realtà suggeriscono un’azione energica e continua.”

L’appuntamento successivo in programma al Teatro Poliziano sarà invece sabato 8 gennaio 2022 con “Gli ultimi giorni di Pompeo di Andrea Pazienza – uno studio”, ovvero la messinscena del capolavoro generazionale che torna in forma teatrale proprio a Montepulciano, là dove era stato concepito dall’autore e fumettista di culto: il progetto è firmato da Riccardo Goretti, Massimo Bonechi e del danzatore e coreografo Giorgio Rossi.

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Redazione

La redazione della Valdichiana è costantemente al lavoro per tenervi aggiornati su questo meraviglioso territorio!

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close