Il cinema, nelle sue forme più sperimentali o intellettuali, ha raggiunto fin dai tempi più antichi un grande pubblico e le sue storie esemplari o quotidiane, vere o presunte hanno spesso coniugato grande qualità artistica, riflessioni e creato personaggi. D’altro canto però festival e rassegne cinematografiche, luoghi dove il cinema andrebbe vissuto da tutti  e a 360 gradi, non sempre sono accessibili liberamente, anzi spesso risultano essere ambienti ovattati, inamidati, fatti di lustrini e cotillon con accesso consentito solo agli addetti ai lavori, diventando dei veri e propri carrozzoni.

A far fruire il cinema in maniera libera e attraverso un linguaggio diverso dal solito ci ha pensato un’associazione no profit di Perugia, MenteGlocale, che attraverso la ‘Sagra del cinema‘ cerca di far vivere al pubblico il cinema liberamente e con un elemento in più: il fattore C di cibo. 

Attraverso la ‘Sagra del cinema’, MenteGlocale cerca di unire due elementi, cinema e cibo, con lo scopo di promuovere entrambi e il territorio che li ospita. Il cibo, fin da tempi non sospetti, è sempre stato l’elemento presente in ogni tipo di manifestazione con l’obiettivo, fra tanti, di attirare più pubblico possibile e far risultare così anche la sagra più piccola un vero successo. Tuttavia la differenza tra manifestazioni e sagre,  non la fa sempre il cibo ma il modo di riuscire a ‘dialogare’ con il proprio pubblico e saperlo intercettare in maniera semplice e diretta. Inoltre, quando una manifestazione o sagra è composta da più elementi, anche forzatamente messi insieme, uno di questi rischia di passare in secondo piano e di solito non è mai il cibo. 

Ho avuto modo di partecipare all’incontro conclusivo della prima parte della ‘Sagra del Cinema’, iniziata giovedì 27, e finita domenica 30 luglio con un brillante Lino Guanciale, ed è stato veramente bello vedere nonne, nipoti, mariti e fidanzati, un pubblico bellissimo di tutte le età ad una rassegna cinematografica locale ma dal respiro fortemente nazionale che è riuscita a saziare la fame di cinema, e non di cibo, del pubblico in maniera fresca e semplice.

Questo conferma che in una manifestazione il cibo non è tutto. La ‘Sagra del cinema’, nata in punta di piedi tre anni fa a Castiglion Fiorentino, ha dimostrato che può vivere e continuare a crescere anche puntando solo su elementi che non siano cibo o leccornie varie, ma concentrandosi su proiezioni cinematografiche di qualità, incontri e confronti con attori amati e apprezzati dal tutto il pubblico.

Lino Guanciale, protagonista di fiction come “La porta rossa”, “L’allieva”, “Non dirlo al mio capo”, arrivato in Valdichiana all’ombra della Torre del Cassero di Castiglion Fiorentino, ha incontrato il pubblico per parlare del sua ultima fatica cinematografica “I Peggiori”, storia divertente di due fratelli squattrinati e senza prospettive che si barcamenano come possono nella speranza di garantire un futuro migliore alla sorella tredicenne.

Lino non si è sottratto alle domande del pubblico, ha raccontato della sua prima volta davanti alla macchina da presa e del suo debutto teatrale avvenuto a 19 anni in Abruzzo, sua terra di origine. Dopo il liceo scientifico di Avezzano, Lino Guanciale si è iscritto alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma per poi iscriversi all’Accademia nazionale d’arte drammatica sempre a Roma.

E poi ancora religione, politica, amore e rapporto con i social, Lino Guanciale ha spiegato che per lui i social rappresentano un modo per annullare le distanze, mantenere un rapporto forte con i fan, oltre che a raccontare attraverso foto e video i suoi lavori e il dietro le quinte delle registrazioni. Parlando dei film e delle produzioni italiane, Lino ha detto che gli italiani dovrebbero avere più coraggio nell’investire nella preparazione degli attori e nei progetti e ha spiegato ai giovani che chi vuole intraprendere il mestiere di attore, oltre a frequentare una buona scuola di recitazione, è necessario essere caparbi e credere nel lavoro che si sceglie di fare. “Il Gioiellino” e “I Peggiori” sono i film a cui Lino è più legato,  mentre per il suo futuro, dopo varie commedie, vorrebbe interpretare un film drammatico e magari un ruolo da perdente. Nel frattempo Guanciale ha anticipato che sarà presto sul set della seconda serie de ‘La Porta Rossa’, de ‘L’Allieva’ e di ‘Non ditelo al mio capo’.

Con l’incontro di Lino Guanciale, il pubblico ha dimostrato di apprezzare fortemente la ‘Sagra del cinema’ firmata MenteGlocale, ‘Sagra’ con la S maiuscola per marcare l’accezione più alta del termine e che, aggiungerei, non ha bisogno del fattore C (di cibo) per riscuotere successo e apprezzamenti. Quando una manifestazione regala qualità, ricercatezza nei contenuti e freschezza nel linguaggio il pubblico non ha bisogno di molto altro per appagare la sua fame di cultura, checché se ne dica alla fine con la cultura si può mangiare.

Guanciale è stato solo l’ultimo, in ordine di tempo, dei protagonisti che si sono susseguiti durante i primi quattro giorni di ‘Sagra’, con lui hanno incontrato il pubblico Fortunato Cerlino, protagonista di Gomorra e al cinema con il film “I falchi” di Tony D’Angelo. Poi ancora Renato Scarpa con il film “Habemus Papam” di Nanni Moretti e Francesco Montanari e Alessandro Boschi con il film “Sole cuore amore” di Daniele Vicari.

La Sagra del Cinema tornerà per il “secondo tempo” dal 18 al 20 agosto, sempre a Castiglion Fiorentino, ma in piazza dello Stillo con la proiezione del film “L’armata Brancaleone”, di Mario Monicelli, una serata in collaborazione con la rassegna Cinemaèdanza, promossa dall’associazione Sosta Palmizi, e una “Notte con Keaton”, un concerto per “percussioni e cinema” in cui l’artista perugino Gianni Maestrucci musicherà dal vivo tre capolavori muti di Buster Keaton.

Print Friendly, PDF & Email