La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: la chianina

Calcio a 5 femminile, le ragazze tremende dell’Asd La Chianina

Lo sport è eccitazione ed energia, titoli e medaglie conquistate, ma anche sconfitte e delusioni. La gioia di salire sul gradino più alto di un podio, la soddisfazione di sentirsi…

Lo sport è eccitazione ed energia, titoli e medaglie conquistate, ma anche sconfitte e delusioni. La gioia di salire sul gradino più alto di un podio, la soddisfazione di sentirsi ripagati di tutti gli sforzi e i sacrifici fatti: è questo ciò per cui uno sportivo combatte, questo ciò che lo spinge ad amare ciò che fa.

Purtroppo però la vita di un atleta non è solo gloria e successi, a volte bisogna avere la forza per affrontare e superare le sconfitte: deludono, fanno versare lacrime di rabbia, ma sono un momento importante, indispensabile per prendere coscienza dei propri errori. Dal dolore di una sconfitta nasce la voglia di vincere, nasce la forza che può portare a sacrifici ancora più grandi, nasce, prima di tutto, il desiderio di superare se stessi, prima ancora degli avversari.

E questo lo sanno benissimo Marta Rencinai, Jessica Sodano, Laura Betti, Sofia Faltoni, Alice Tiezzi, Cecilia Biagi, Martina Francini, Lisa Graziani, Roberta Millacci, Dany Marinova e Giulia Ugolini: undici ragazze, ognuna con i propri interessi e i propri sogni, accomunate dalla passione per lo sport, in particolar modo per il calcio e per il calcio a 5, che quest’anno andranno a comporre la rosa della squadra di calcetto femminile dell’ASD La Chianina di Montepulciano Stazione.

Le undici ragazze, negli anni passati, facevano parte di altre squadre di calcio a 5 femminili locali, Sinalunge Le Crete, con il tempo però alcuni elementi importanti di queste squadre sono venuti meno e quindi le due compagini, non arrivando al numero dei componenti per presentarsi ai campionati, hanno deciso di unirsi fino ad arrivare, quest’anno a disputare il campionato con i colori rosso-bianco dell’ASD Chianina.

La Chianina, già ’40 anni fa, disponeva di una squadra di calcio, partecipava a competizioni locali e diffondeva la cultura sportiva nel territorio. Con il passare degli anni si sono succeduti altri importanti settori quali il tennis, il nuoto e il ciclismo, fino alle aggiunte più recenti quali appunto il podismo, il basket e il calcio a 5 femminile. Dalla società sportiva di fine anni ’70, si è poi creata l’Associazione Sportiva Dilettantistica di fine anni ’90, l’attuale forma societaria che vede La Chianina ancora tra i principali attori sportivi del nostro territorio. Attualmente all’associazione è stata affidata la gestione del centro sportivo che ha contribuito a costruire e sviluppare tutte le attività sportive e ricreative.

Forti dal secondo posto dell’anno scorso conquistato nel girone di Siena Campionato Uisp contro una squadra ben più avvezza a macinare successi e vittorie, le ragazze tremende dell’Asd La Chianina, sotto la guida dell’allenatore Massimiliano Armonici e Niki Ciolfi per i portieri, sono pronte a scendere di nuovo in campo, il prossimo 4 novembre, nello stesso campionato, più determinate che mai per migliorare il risultato dell’anno scorso e conquistare il primo posto. Per questo, quest’anno nella squadra hanno fatto il loro ingresso quattro nuove ragazze che, insieme alle altre, oltre a conquistare i piani alti della classifica andranno a comporre un gruppo affiatato e determinato.

‘1,2,3…fotting’ è il loro motto prima di entrare in campo, una frase di intesa che descrive la determinazione e la voglia di vincere di questo gruppo di ragazze molto unito dentro e fuori al campo. Per queste ragazze sentirsi parte di una squadra è adrenalinico e combattere per uno stesso obiettivo per il quale, spesso, non servono parole di incoraggiamento o motti, ma basta uno sguardo per provare le stesse emozioni e le stesse paure, è uno stile di vita che porta ad avere fiducia reciproca.

La ASD La Chianina  può vantare una lunga storia fatta di partecipazione e impegno, incarnati quest’

anno anche dalla nuova squadra di calcio a 5 femminile delle ragazze tremende.

Nessun commento su Calcio a 5 femminile, le ragazze tremende dell’Asd La Chianina

La Chianina, tutto il resto è noia

La Chianina, allevata in Valdichiana, è una delle protagoniste indiscusse della realtà culinaria delle nostre terre ma conosciuta ed apprezzata anche a livello internazionale. Si rimane sempre sorpresi dai suoi…

La Chianina, allevata in Valdichiana, è una delle protagoniste indiscusse della realtà culinaria delle nostre terre ma conosciuta ed apprezzata anche a livello internazionale. Si rimane sempre sorpresi dai suoi numeri: ogni pezzo ha uno spessore medio di 3/4 cm, con un peso che si aggira tra gli 800 g e 1,2 kg, ma non è inusuale trovare tagli più grandi.

Il “vitellone bianco” con i suoi poderosi zoccoli ha accompagnato la storia della Valdichiana fin dal periodo etrusco e romano. Nel “toro italico”, moneta di rame del Lazio, databile intorno al IV sec a.C., è raffigurato probabilmente un esemplare di Chianina, così come in un bassorilievo di un’ara romana ad Asciano (SI) del I sec d.C. Molti autori classici come Columella nel De Rustica, o Virgilio nelle Georgiche ci parlano della bontà delle carni della Chianina, un piatto riservato per le tavole dei più ricchi.

Oltre che essere impiegati per il lavoro nei campi nell’epoca mezzadrile, grazie alla loro bellezza questi animali venivano utilizzati nei cortei. Il manto è porcellanato su una cute color ardesia, gli occhi sono grandi e neri, la testa ha una forma elegante, leggermente allungata sul davanti, con corna poco pronunciate, mentre il resto del corpo è muscoloso e massiccio. Proprio per la sua mole, la Chianina ha rappresentato un valido alleato nel duro lavoro dei campi.

Oggi la Chianina è un’ambasciatrice della tradizione delle nostre terre e di tutta la Toscana, soprattutto per l’uso che se ne fa in cucina. Il segreto della sua prelibatezza risiede prima di tutto nelle caratteristiche. Le dimensioni imponenti del bovino chianino fanno sì che i vitelli possano essere macellati più precocemente rispetto alle altre razze, e questo consente di avere carni estremamente tenere. Le fibre sono sottili, e la marezzatura, ossia la distribuzione del grasso nella massa muscolare, è ottima. Ma tutto questo da solo non basta. Per assaporare al meglio un gioiello culinario come la Chianina, la cosa più importante è la cottura.

Dalla zona lombare si ottiene il taglio più richiesto e pregiato, la bistecca. Si dice che il termine sia una italianizzazione dell’espressione inglese beef steak. La carne non va salata prima della cottura, e non deve essere assolutamente bucata con la forchetta. Questo infatti comporterebbe una fuoriuscita dei succhi e un indurimento della carne. Per lo stesso motivo è consigliabile oleare leggermente i due lati con extra vergine, in questo modo l’olio sigillerà i pori. Una volta messa sulla brace, la carne non va girata continuamente altrimenti gran parte delle sostanze nutritive e del sapore andrebbero persi. Un trucco per capire quando un lato è cotto è quello della “lucidatura”: tutti i succhi della carne, che grazie all’olio non vengono espulsi, sono spinti verso l’alto dal calore, e questo rende lucida la parte non ancora cotta. È questo il momento per voltarla e mangiarla, rigorosamente al sangue.

Di fronte ad un bel taglio di Chianina tutto il resto è noia. Il contorno passa in secondo piano: fagioli cannellini o un’insalata fresca sono l’accompagnamento più usuale, importante invece è l’abbinamento con il vino. Chianti, Brunello e Nobile renderanno un’esperienza, già di per sé eccezionale, indimenticabile per le vostre papille.

Ah dimenticavo, ogni boccone di Chianina è un tesoro da scoprire, il racconto di una storia che dura da 22 secoli.

Nessun commento su La Chianina, tutto il resto è noia

61^ Mercato del Vitellone da Carne: mostra interprovinciale dei bovini di razza chianina

In Piazza Chateau Chinon a Camucia di Cortona, il 5 aprile 2014, come ogni anno 15 giorni prima di Pasqua, la Cortona Sviluppo srl gestisce ed organizza per conto dell’Amministrazione…

In Piazza Chateau Chinon a Camucia di Cortona, il 5 aprile 2014, come ogni anno 15 giorni prima di Pasqua, la Cortona Sviluppo srl gestisce ed organizza per conto dell’Amministrazione Comunale, con la partecipazione della Banca Popolare di Cortona, la MOSTRA PROVINCIALE DEI BOVINI DI RAZZA CHIANINA, edizione riveduta e ampliata della tradizionale MOSTRA DEL VITELLONE, giunta quest’anno alla 61^edizione.

La mostra ha il patrocinio e il sostegno della Provincia di Arezzo, della Regione Toscana e la collaborazione organizzativa dell’Associazione Provinciale Aretina Allevatori e della U.S.L. 8 Sanità Animale Zona Valdichiana Aretina. Piazza Chateau Chinon, sede della manifestazione, ospiterà per l’occasione una sessantina di capi bovini, Vitelloni da macello e femmine da carne pregiata, degli allevamenti delle province di Arezzo e Siena.

La manifestazione coinvolge, infatti, gli allevamenti di tutte la vallate: Valdichiana aretina e senese, Casentino e Valtiberina. Gli allevatori concorrono alla piena riuscita dell’iniziativa, partecipando con i migliori soggetti chianini in loro possesso, la Mostra fieristica ha lo scopo di rivalutare l’allevamento della razza chianina, risorsa fondamentale del nostro territorio.

Il programma della manifestazione è il seguente:
Ore 6,00 – 8,00 arrivo e sistemazione animali;
Ore 10,00 inizio lavori della Commissione giudicatrice
Ore 11,30 Lezione di zootecnia all’aperto (istituto tecnico Agrario A. Vegni): “I criteri di una corretta Valutazione della Razza Chianina”
Ore 11,30 chiusura del mercato
Ore 12,00 proclamazione dei risultati

In contemporanea avrà luogo la 11^ edizione della Fiera Agroalimentare dei prodotti tipici della Valdichiana, organizzata da Coldiretti e CIA (Confederazione Italiana Agricoltori). Per maggiori informazioni chiamare Cortona Sviluppo Srl. 0575 630158

Nessun commento su 61^ Mercato del Vitellone da Carne: mostra interprovinciale dei bovini di razza chianina

Un anno di sport termina con la fiaccolata podistica a Montepulciano

Sabato 28 dicembre 2013, da Piazza Grande a Montepulciano Stazione: fiaccolata podistica della Chianina Running per festeggiare un anno di sport Sabato 28 dicembre La Chianina Running, settore dell’A.S.D “La…

Sabato 28 dicembre 2013, da Piazza Grande a Montepulciano Stazione: fiaccolata podistica della Chianina Running per festeggiare un anno di sport

Sabato 28 dicembre La Chianina Running, settore dell’A.S.D “La Chianina” di Montepulciano Stazione, festeggerà la conclusione della stagione sportiva 2013 con una fiaccolata podistica. La manifestazione si svolgerà su un percorso di circa 12 Km, lungo l’itinerario che collega Montepulciano a Montepulciano Stazione. Non sarà una gara competitiva ma un momento di aggregazione con un unico comune denominatore: la passione per lo sport.

La partenza è prevista per le ore 16.30 da Piazza Grande, dove verrà accesa la simbolica fiaccola, alla presenza delle autorità cittadine. Il gruppo dei podisti viaggerà compatto, ad andatura costante, e farà dapprima tappa presso la Chiesa di Montepulciano Stazione, dove riceverà la benedizione del parroco Don Angelo; in seconda battuta raggiungerà l’arrivo al vicino bar del centro sportivo “I Tigli”, dove saranno offerti vin brulè e ciaccia.

La partecipazione è aperta a tutti. Sarà sufficiente munirsi di un giubbotto catarifrangente, la cui mancanza comporterà l’esclusione dalla manifestazione, di una lampada, per una maggiore visibilità, e soprattutto di polmoni e gambe allenate, perché nessuno dovrà rimanere indietro. Non sono previsti costi di iscrizione, ma solo un contributo di 2 Euro a persona che sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana.

Info sul sito www.lachianinarunning.it o al n. 349 0094012 (Fulvio Caldesi)

Nessun commento su Un anno di sport termina con la fiaccolata podistica a Montepulciano

Montepulciano Stazione: 32° Palio dei Somari

Questo fine settimana torna nella frazione di Montepulciano Stazione la tradizionale Festa alla Maestà del Ponte, l’antica chiesa sulla Via Lauretana, che culminerà con il 32° Palio dei Somari. Come…

Questo fine settimana torna nella frazione di Montepulciano Stazione la tradizionale Festa alla Maestà del Ponte, l’antica chiesa sulla Via Lauretana, che culminerà con il 32° Palio dei Somari. Come ogni prima settimana di Settembre, il cortile e il piazzale della Maestà del Ponte si riempiranno di giochi, cene con piatti tipici locali e competizioni sportive.

palio dei somariIl Palio dei Somari è organizzato da ASD La Chianina, Settore “Amici Maestà del Ponte”, con il Patrocinio del Comune di Montepulciano e la collaborazione di “Comitato Giochi Rionali” e “La Chianina Running”. Giovedì 29 agosto e Venerdì 30 agosto si svolgeranno due cene tipiche e delle serate danzanti con le orchestre “Claudio e Luana” e “Antonella e Moreno”.

Sabato 31 agosto si terrà nel pomeriggio una Ecopasseggiata e Fitwalking di 7 chilometri, organizzata in collaborazione con La Chianina Running. Per l’occasione si svolgerà anche una particolare “Retrocorsa”, ovvero una corsa all’indietro di 1 chilometro, con la partecipazione dei podisti de La Chianina Running e della Mens Sana Siena. La sera, cena tipica con cucina toscana e pizza in forno a legna, oltre all’immancabile serata danzante con l’orchestra “Massimo e Cristiana Tosi”.

La giornata conclusiva della manifestazione, domenica 1 settembre, comincerà con la tradizionale messa e processione alle ore 9, per proseguire poi con il pranzo organizzato dal Comitato dei Giochi Rionali di Montepulciano Stazione. Alle ore 15:30 cominceranno i giochi popolari e le  esibizioni di falconeria, che culmineranno nel 32° Palio dei Somari; quest’anno le contrade si contenderanno un Palio dipinto dal pittore locale Fabio Barbetti.

palio2013

Nessun commento su Montepulciano Stazione: 32° Palio dei Somari

Type on the field below and hit Enter/Return to search