La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: festa dell’olio di trequanda

Festa dell’olio novo di Trequanda 2018

Un’intera settimana di festa per celebrare uno dei prodotti maggiormente caratteristici di Trequanda e della Valdichiana: l’olio extravergine d’oliva, la cui tradizione è portata avanti da una serie di produttori…

Un’intera settimana di festa per celebrare uno dei prodotti maggiormente caratteristici di Trequanda e della Valdichiana: l’olio extravergine d’oliva, la cui tradizione è portata avanti da una serie di produttori appassionati che animano la comunità locale. “L’olio novo di podere” è stato il protagonista della festa che ha visto una serie di iniziative susseguirsi dapprima a Castelmuzio (nel weekend del 13 e 14 ottobre) e successivamente nel centro storico di Trequanda (weekend del 20 e 21 ottobre), per celebrare degnamente il raccolto 2018 e la commercializzazione di un prodotto che caratterizza il piccolo comune toscano.

Tanti curiosi e appassionati hanno partecipato agli eventi organizzati durante le giornate di festa, dalla visita all’oliviera per la prima frangitura alla spiegazione di tutte le fasi produttive dell’olio, abbinati ad appuntamenti culinari con alimenti a km zero. Particolare attenzione è stata data ai corsi per assaggiatori organizzati dall’Associazione Italiana Conoscere l’Olio d’Oliva (Aicoo) a Castelmuzio e a Trequanda, così come alle passeggiate tra gli olivi e le visite guidate dei borghi storici. Alla riuscita della festa hanno partecipato le associazioni locali, dalla Pro Loco Trequanda a Castelmuzio Borgo Salotto, passando per i tanti volontari del posto, che hanno permesso la realizzazione di spettacoli di intrattenimento serali e momenti giocosi per i più piccoli.

La giornata conclusiva della “Festa dell’olio novo” si è svolta nel centro di Trequanda nella giornata di domenica 21 ottobre, con l’apertura degli stand per la degustazione e l’esposizione dell’olio e dei prodotti tipici, con la partecipazione diretta delle aziende e delle associazioni locali. I paesi gemellati di Marone (Brescia) e Poggio San Marcello (Ancona), con i rispettivi sindaci, hanno partecipato allo scambio di doni con il sindaco Machetti di Trequanda, in qualità di partecipanti all’Associazione Nazionale Città dell’Olio.

Durante il pomeriggio è stato inoltre assegnato, come da tradizione, il premio “Oliva d’oro”, assegnato al produttore che durante l’anno si è particolarmente contraddistinto nella cura dell’olio. Il premio di quest’anno è stato assegnato al Alessandra Arenostro dell’azienda “Il Sole”, che ha dato un’ulteriore spinta all’attività aziendale con la passione e gli investimenti della giovane generazione. Dal prossimo anno il premio cambierà, con un regolamento rinnovato che terrà conto delle caratteristiche tecniche del prodotto, della cura dell’oliveto e del rispetto dell’ambiente.

Uno speciale premio “Oliva d’oro”, un ramoscello d’olivo di metallo prezioso, è stato inoltre assegnato dall’amministrazione comunale all’attrice Olga Rossi, in qualità di artista che si è particolarmente distinta nella promozione di Trequanda in campo culturale. L’attrice, da anni residente nel centro storico di Trequanda, è diplomata al Teatro Stabile di Torino e può vantare la partecipazioni a importanti produzioni come “Tu mi nascondi qualcosa” e “I delitti del BarLume”. Olga Rossi ha ringraziato i concittadini per il premio ricevuto e ha annunciato la partenza di un progetto teatrale con gli abitanti, dedicato alla Costituzione Italiana.

La festa dell’olio novo è proseguita con canti popolari e balli folcloristici, concerti nella Chiesa dei santi Pietro e Andrea e stand gastronomici per gustare i prodotti tipici locali. Una settimana di festa, quindi, per un’annata olivicola da incorniciare: grazie alle favorevoli condizioni climatiche i produttori di Trequanda e dintorni possono vantare infatti una raccolta di qualità straordinaria.

Nessun commento su Festa dell’olio novo di Trequanda 2018

Bioindegradabili – Un confronto con gli “Impatto Zero”

Da dove nascono le “scene” che rivelano i loro dispositivi più efficaci nella risoluzione della noia, la coloritura del buio e dell’illuminazione dal tedio atavico della piattezza esistenziale? Dalla provincia….

Da dove nascono le “scene” che rivelano i loro dispositivi più efficaci nella risoluzione della noia, la coloritura del buio e dell’illuminazione dal tedio atavico della piattezza esistenziale? Dalla provincia. Sempre. Sia essa mentale o fisica. Dalle linee longitudinali della periferia, siano esse mentali o fisiche. Il nulla che sviscera dai pomeriggi adolescenziali sulle panchine delle piazzette, con spazi ricreativi da creare con gli strumenti di fortuna, senza aiuti, senza privilegi, senza contesti fertili. Non è una novità. Abbiamo avuto uno dei momenti più fertili del nostro sottobosco musicale negli anni ’80, in toscana, quando il punk e la new wave rappresentavano un canale espressivo perfettamente aderente alle sensazioni di estromissione dalla storia, dal flusso dominante.

8Il fenomeno del riscatto all’assuefazione della noia
lo vediamo in tantissimi espedienti culturali come il futurismo, nella cui orbita Filippo Tommaso Marinetti scolpiva le violente affermazioni di riscatto, dall’accidia italiana: «Avevamo lungamente calpestata su opulenti tappeti orientali la nostra atavica accidia, discutendo davanti ai confini estremi della logica ed annerendo molta carta di frenetiche scritture. Un immenso orgoglio gonfiava i nostri petti, poiché ci sentivamo soli in quell’ora, ad esser desti e ritti, come fari superbi o come sentinelle avanzate, di fronte all’esercito delle stelle nemiche, occhieggianti dai loro celesti accampamenti». Oppure James Joyce, che ambientò a Dublino le sue narrazioni moderniste, eleggendola a “centro della paralisi” nel turbinio della modernità, la città periferica per eccellenza, estromessa dal fulgore della storia. Ma nella storia più recente e in ambito musicale, non possiamo non considerare la Seattle o la Washington degli anni ’80, nel riflusso trionfale dell’intrattenimento statunitense che collocava a New York e Los Angeles i suoi centri culturali, elargivano al mondo i virgulti più potenti della storia del rock di fine millennio: se sulla sponda ovest, bagnati dal pacifico, tra l’emarginazione e l’eroina, si plasmavano Nirvana, Screaming Trees e Alice in Chains, dalla parte atlantica l’accento espressivo della noia mortificante forgiava Minor Threat, Fugazi, Bad Brains e Teen Idles.

3È proprio a questa scena statunitense che quattro ragazzi di Trequanda (Trequanda, neanche Cincinnati, neanche Jackson, Trequanda) hanno appreso gli strumenti estetici e musicali per reagire al presente: una saletta di qualche metro quadro, chitarra, basso, batteria, ampli valvolari per dare più ruvidità al messaggio da comunicare. Di fatto, quello che ha funzionato di più è stata la loro voglia di svuotare gli ascessi di tensione piatta, nella provincia toscana, in mezzo alla stessa campagna che ha fatto partorire “Countryside” alla crew hip hop Toscana Sud (con altri linguaggi, ma con la stessa forza). Hanno scelto un nome che pur riferendosi ad una produzione ecosostenibile, porta con sé la potenza dello scontro: “Impatto Zero”. Come a sottolineare una compensazione del vuoto nel verde della nostra toscana, senza alterarne lo stato biologico, ma solo quello mentale.

Martin Cantero, Domenico Perugini, Thomas Tarquini e Iacopo Panfi, dalla tenera età hanno fatto di tutto per portare su ogni palco la loro musica. Dalle sagre alle goliardie di paese, dalle festicciole ai ristoranti, dai bar ai club, piano piano fino ai festival più in vista del territorio. Una scalata che dura da cinque anni e che li ha visti crescere sopra le tavole degli stage, molte volte suonando nelle strettoie tra i piatti della batteria e gli amplificatori, dividendo i monitor-spia in due o più persone.

Raggiunto un primo grado di maturità, gli Impatto Zero hanno deciso di incidere un EP. Martin, la voce della band, lo descrive così:

“Sono tutti gli sballi accumulati negli ultimi anni, che abbiamo aggiustato per l’occasione. Ci sono pezzi che sono stati stravolti, altri che si sono evoluti. Ci sono voluti anni. Ogni volta in cui abbiamo definito un pezzo e lo abbiamo considerato concluso, abbiamo incontrato qualcuno che costruttivamente ci ha fatto capire quanto fossero ingenue certe scelte che consideravamo definitive. Ci siamo sentiti dire molte volte “questo brano non è abbastanza maturo”. Questa cosa è stata la nostra fortuna: aver avuto sempre qualcuno che in modo molto onesto e per aiutarci a crescere, è stato diretto e costruttivo. Certo non è facile prendere gli schiaffi in faccia, specie da ragazzino, ma metabolizzare le critiche ti rendi conto di quanto sia necessario migliorare. I pezzi che sentirete nell’EP sono il risultato di questo processo.”

2Per incidere l’EP, si sono fatti notare dal fulcro dell’attuale scena indipendente italiana, Andrea Marmorini, della Woodworm, una label che vanta il premio come miglior etichetta indipendente italiana al PIMI del 2014, e Jacopo Gigliotti, bassista dei Fast Animals & Slow Kids. La Anubi Produzioni, che in un podere sul lago di Montepulciano, il Macchione, ha allestito uno studio di registrazione. Avere a che fare con due personalità così rilevanti dell’attuale panorama rock italiano, non è un semplice vanto passivo per gli Impatto Zero. Hanno con sobria umiltà, saputo sfruttare le possibilità di miglioramento, di edificazione e di formazione dall’esperienza con una produzione così importante.

“Con i ragazzi di Anubi non è stata una semplice “produzione”, ma una vera e propria collaborazione. È nata perché noi volevamo registrare un disco ed eravamo affezionatissimi alla band dei FASK e ad Andrea che aveva prodotto i loro ultimi due dischi. Mandammo una mail senza troppe pretese. Noi piccole band vediamo anche le band della scena indie come un riferimento lontanissimo. Li vedevamo distantissimi anche solo per poter essere contattati. Ci siamo resi conto che dall’altra parte non c’erano dei divi, ma persone squisite e disponibili. Hanno accettato di aiutarci a fare questo EP. E lavorare con loro è stato “una pasqua”, un’esperienza bellissima. Ci hanno dato la serenità di lavorare bene, per registrare il disco, si è creato un clima in quella settimana che ci ha fatto sentire in vacanza. In più loro ci hanno fornito la loro esperienza su un vassoio, si è creata un’atmosfera che ha cambiato proprio il modo di intendere la registrazione.”

Adesso al primo step di maturità ne devono seguire molti altri; loro sono i primi ad esserne consapevoli:

impatto zero ep 3“Noi abbiamo già pronti altri pezzi e quello che vorremmo è inserirci in contesti in cui sia possibile eseguire questi pezzi in concomitanza con altre band, su palchi importanti. Sia perché in questo modo la nostra scaletta sarebbe funzionale, sia perché quello che veramente ti fa crescere è condividere i palchi, contatto con altri “compari di passione”. Che gli altri siano più o meno bravi non ha importanza, è lo scambio di opinioni a farti crescere. Ad esempio abbiamo avuto il piacere di conoscere i Please Diana, che registravano al Macchione una settimana prima di noi. Ci sono venuti a trovare e la loro cantante ha partecipato al nostro EP con un po’ di cori. Tutto è crescita perché sono tutte opinioni diverse che senti e che puoi mettere nel tuo bagaglio musicale.”

Nessun commento su Bioindegradabili – Un confronto con gli “Impatto Zero”

Anche l’Onorevole Luigi Dallai alla festa dell’Olio di Trequanda

A Castelmuzio e Trequanda, nel fine settimana si sono celebrati gli oli d’oliva di eccellenza, che ancora vengono prodotti in zona nonostante i forti cambiamenti climatici. La festa dell’Olio di…

A Castelmuzio e Trequanda, nel fine settimana si sono celebrati gli oli d’oliva di eccellenza, che ancora vengono prodotti in zona nonostante i forti cambiamenti climatici.

10728594_10204898336283155_1539002512_nLa festa dell’Olio di Trequanda si può riassumere così la bellissima festa dell’olio “novo”, affollata e colorata come sempre. La manifestazione è inziata sabato 18 ottobre presso il Centro servizi per l’olivicoltura di Castelmuzio con un convegno dal titolo “Olivicoltura e Cambiamenti climatici: Olio extravergine di oliva e salute”. Nell’incontro, aperto saluto del Sindaco di Trequanda Roberto Machetti e della Vice Presidente delle Città dell’Olio Anna Maria Betti, con Mauro Centritto, direttore Polo Scientifico – Area di Ricerca Sesto Fiorentino, si è parlato dei cambiamenti climatici e di una nuova era geologica: la Antropocene.

“Dalla rivoluzione industriale l’uomo sta dominando il territorio, le terre coltivabili sono diminuite e quindi noi dobbiamo cambiare il nostro modo di produrre le cose. – ha dichiarato il Mauro Centritto.

La giornata di sabato è poi proseguita con la Compagnia del Sipario Medioevale di Verona che ha rallegrato e colorato il Centro storico di Castelmuzio, reso ancora più caratteristico dell’esposizione di auto, dalla dimostrazione del ricamo a tombolo, dei mestrieri tradizionali locali e dal mercatino di vario genere.

Domenica 19 ottobre, invece, la manifestazione si è spostata a Treqaunda e quest’anno ha visto assegnare il premio Giordana Carpi “Oliva d’Oro” all’azienda agricola La Pieve di Castelmuzio. Dopo un affettuoso e per niente formale scambio di doni fra il sindaco trequandino Roberto Machetti e i colleghi dei Comuni gemellati con Trequanda (Marone in provincia di Brescia e Poggio San Marcello, nelle vicinanze di Ancona) l’onorevole Luigi Dallai ha consegnato l’ambito premio a Massimo e Alessio Cenni, padre e figlio, che hanno dato, con il loro lavoro, un grande messaggio anche di continuità e di attaccamento al territorio degli olivicoltori locali.

I Comuni ospiti erano rappresentati dal sindaco marchigiano Tiziano Consoli e dal vicesindaco lombardo Livio Camplani.

Nessun commento su Anche l’Onorevole Luigi Dallai alla festa dell’Olio di Trequanda

Type on the field below and hit Enter/Return to search