La Mascina di Montepulciano, anche conosciuta come scoscia Monaca di Montepulciano o coscia di monaca, è una tipica varietà di susina coltivata nel territorio poliziano. Si iscrive all’elenco dei prodotti tradizionali del territorio chianino insieme al Vino Nobile, alla carne Chianina, al pecorino e all’aglione, solo per citarne alcuni.

La prima testimonianza di rilevanza storica documentata risale al 12 agosto 1832 nell’opera teatrale Fiorentina intitolata “La Crezia rincivilita” di Giovan Battista Zannoni, nella quale la protagonista cita la suddetta Mascina all’interno di una metafora:

“con le vostre argomentazioni voi l’avete fatto diventare morbido come una susina moscina
(riferendosi al proprio cuore).

Con Decreto della Regione Toscana n. 3028 del 17/03/2017 è stata inserita nell’elenco regionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della Toscana.

Caratteristiche del frutto

Il frutto è di forma ellissoidale e di piccola pezzatura, con buccia o esocarpo di colore bluastro-violaceo al raggiungimento della maturazione ed è ricoperto da uno spesso strato di pruina. La polpa, invece, è di colore giallo e al tatto si presenta mediamente consistente. È abbondantemente succosa e ha un buon contenuto zuccherino: per questo motivo si presenta molto dolce al gusto.

La sua polpa è poco aderente al nocciolo, si stacca facilmente, quindi è ottima per il consumo immediato come frutta di stagione. Il peso varia da 25 a 30 gr, con un diametro trasversale di 3/4 cm e longitudinale di 4/6 cm.

La maturazione della susina Mascina inizia a metà luglio fino ai primi giorni di agosto, più tardi rispetto alle normali susine.

Caratteristiche nutraceutiche

Il frutto fresco presenta un buon contenuto di zuccheri (che va oltre il 10%); è ricco di vitamine, in particolare quelle del gruppo A e B; sono spiccatamente presenti gli oligoelementi come il potassio (100 mg per 100 g).

La susina viene utilizzata, oltre che per il consumo fresco, anche per la produzione di marmellate senza aggiunta di zuccheri, grazie all’alto contenuto degli stessi presenti nel frutto.

Dove si coltiva

La zona storica di produzione della Mascina è Montepulciano, ma viene anche coltivata nella zona di Cortona e nei territori limitrofi della Valdichiana. Molto interessante è il fatto che questo susino non attecchisca lontano da queste zone.

L’auspicio è che la Susina Mascina, oggi poco sviluppata, possa trovare maggiore crescita nell’area pianeggiante della Valdichiana, seguendo un progetto di sviluppo eco-turistico ben strutturato. Di questo progetto parleremo con Matilde Vittori, laureata in Design of Sustainable Tourism System, nel prossimo articolo dedicato a questo prodotto tipico della Valdichiana.

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Francesco Bellacci
Francesco Bellacci

"Scrivo, imparo, viaggio, osservo, ascolto, imparo"

1 thought on “La susina Mascina di Montepulciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Valdichiana Shop

I nostri sponsor

Archivi

Close
Close