Dopo 6 anni Fabrizio Bai torna con un nuovo album, frutto dell’attività di compositore che alterna a quella di insegnante di musica all’Istituto musicale Ciro Pinsuti di Sinalunga, di cui è anche direttore, e all’interno dell’accademia Siena Jazz.

L’ultimo album risale al 2013 quando, sempre per l’etichetta discografica indipendente Edizioni Dodicilune, uscì “Etruscology”, un omaggio alle origini della cultura musicale, ricostruite sulla base delle testimonianze giunte dalla popolazione etrusca attraverso dipinti e resti di antichi strumenti.

Se già in quell’occasione l’inserimento di alcuni particolari dettagli provenienti da quell’epoca lontana si era sviluppato attraverso il linguaggio del jazz e della musica mediterranea, il disco in uscita si presenta ancora come il risultato di contaminazioni, ma che questa volta hanno come protagonisti la world music e il latin jazz, colorato delle caratteristiche sonorità del Sud America.

«Punti di riferimento nella creazione di nuovi brani sono stati i chitarristi brasiliani Baden Powell de Aquino e Yamandu Costa e il musicista argentino Astor Piazzolla.

Il disco è composto da sette pezzi originali, ciascuno ispirato da esperienze di vita o situazioni in cui quotidianamente ci troviamo, e sono cantati da me, Emanuele Pellegrini e Raffaele Toninelli, che oltre a suonare rispettivamente, chitarra, batteria e contrabbasso, componiamo un coro a tre voci corrispondente a quelli solitamente impegnati nell’esecuzione dei brani della cultura sudamericana. Nella loro stesura, si ritrova l’approfondimento sugli strumenti appartenenti alla tradizione musicale di quei luoghi: in “Maracatù (Quebecoise)”, per esempio, Emanuele suona al ritmo di maracatù, il berimbao e la kalimba, strumenti a percussione che ha conosciuto tramite le collaborazioni con musicisti brasiliani».

Il titolo del disco proviene da quello di un suo brano, ed è legato alla storia del trio.

«“Comunque sia…” porta nel titolo la filosofia con cui ci siamo approcciati allo scrivere di nuovo dopo alcuni anni di pausa. Sebbene siano aumentati per tutti noi gli impegni legati a vita e lavoro, proprio comunque sia abbiamo deciso di proseguire nella nostro percorso di studio e composizione, fino a incidere un altro album, che contenesse l’ispirazione proveniente dalla world music e soprattutto le influenze del latin jazz».

È proprio attraverso le sonorità tipiche dei paesi latini che si snoda la produzione artistica di Fabrizio Bai, che trova nella dialettica musicale tipica del Sud America il linguaggio migliore per comunicare la sua personalità.

«Le armonie che si vanno delineando ogni volta in nuovi modi, sono la dimostrazione di un’esigenza, quella di esprimersi, che comunemente non sembra poi così diffusa. Di continuo, soprattutto nella musica e nel cinema, si assiste a un rifacimento di prodotti già noti al pubblico. Il processo creativo e sperimentale, come nel nostro caso avviene dalla contaminazione di culture, musiche e generi, è invece necessario, al di là del successo che ne può derivare».

Anche per questo la vena compositiva del trio Fabrizio Bai non ha intenzione di fermarsi.

«Abbiamo già iniziato a comporre le tracce per il prossimo album. Rispetto agli ultimi brani che abbiamo scritto, questi manterranno una riconducibilità al jazz nel genere, ma con influenze più europee che latine. Inoltre il progetto prevede l’inclusione di ulteriori strumenti, precisamente un trombone, un violino e un sassofono».

“Comunque sia…” sarà disponibile tra pochi giorni, ma Fabrizio Bai e i suoi musicisti hanno pronta anche una serie di concerti con cui far conoscere le novità contenute in questo ultimo disco.

Da settembre porteremo in giro la nostra musica nei concerti che attualmente stiamo organizzando. Saranno occasioni per lasciarsi trasportare nei ritmi e nelle melodie del Sud America, dove, insieme ai temi del jazz, una contaminazione mediterranea fa da tela ai toni caldi delle terre latine.

Print Friendly, PDF & Email