Agrinsieme di Siena, Arezzo e Toscana, Confagricoltura e l’Alleanza delle Cooperative Italiane: tutti assieme a manifestare il 10 febbraio di fronte al Casello A1 Valdichiana, per protestare contro l’IMU sui terreni agricoli.

Una manifestazione pacifica, che ha visto Bettolle collegarsi a tante altre manifestazioni in tutta Italia, per fare pressione al Governo affinché vengano rivisti i parametri della tassa, o che possa essere addirittura abolita. Agricoltori, istituzioni locali, rappresentanti della politica: tutti uniti per chiedere delle modifiche sostanziali all’attuale normativa, per renderla più equa e sostenibile.

Ecco un breve riassunto della giornata, con link di approfondimento e foto della manifestazione.

La Cia Toscana ha invitato i suoi associati a non effettuare per adesso alcun versamento dell’imposta, nell’attesa di un eventuali provvedimenti correttivi sull’Imu agricola da parte del Parlamento. Compatta la protesta da parte di Luca Marcucci (Presidente Cia Siena) e Chiara Innocenti (Presidente Cia Arezzo), contro un’imposta che sta provocando un danno a tutta la comunità, non soltanto agli agricoltori. Anche il presidente di Confagricoltura Arezzo, Angiolino Mancini, si dice soddisfatto della riuscita della protesta e parla degli obiettivi di questa battaglia comune.

Alla giornata hanno partecipato numerosi sindaci della provincia di Siena e di Arezzo, oltre alle associazioni di categoria. Molto critico il vice segretario nazionale Lega Nord Toscana Francesco Giusti, che considera vergognosa quest’imposta, un pasticcio firmato dal governo Renzi. Il consigliere provinciale e sindaco di Sinalunga, Riccardo Agnoletti, ha criticato invece la classificazione ISTAT, auspicandosi un ravvedimento da parte del Governo a fronte di un’azione compatta di sindaci, parlamentari e rappresentanti locali.

//

//


//

Print Friendly, PDF & Email
Show Full Content

About Author View Posts

Alessio Banini

Scrittore di narrativa e saggistica, ha conseguito una laurea magistrale in Antropologia Culturale ed Etnologia all’Università degli Studi di Siena. Nato nel 1983 in provincia di Siena, per La Valdichiana si occupa di folclore e storie della tradizione popolare. La sua grande aspirazione di aiutare le persone a pareggiare i tavoli con i suoi libri è stata spazzata via dall'avvento dell'editoria digitale

Comments

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ultimi Articoli

Ultimi Podcast

Ultimi Video

Archivi

Close
Close