La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: valdichiana media

Valdichiana News, il nuovo servizio di informazione locale

L’informazione non si ferma mai, e neppure noi: parte dal mese di Ottobre 2017 “Valdichiana News”, un servizio di informazione giornaliera sulla Valdichiana e dintorni interamente curato dalla nostra redazione….

L’informazione non si ferma mai, e neppure noi: parte dal mese di Ottobre 2017 “Valdichiana News”, un servizio di informazione giornaliera sulla Valdichiana e dintorni interamente curato dalla nostra redazione. Un servizio libero e indipendente, il cui unico scopo è quello di informare i lettori sulle notizie più importanti del nostro territorio, utilizzando quel modello di giornalismo a cui vi abbiamo abituati nel corso degli ultimi anni con il magazine “La Valdichiana”. Un servizio completamente gratuito, che utilizza la piattaforma Medium per una migliore ottimizzazione da smartphone e tablet, senza la presenza di inserzioni pubblicitarie.

Seguire “Valdichiana News” è semplice: potete accedervi dal magazine, oppure direttamente dalla homepage del servizio. Potete anche scaricare l’app gratuita di Medium dal negozio digitale per smartphone e tablet, attraverso la quale potete anche attivare le notifiche sugli aggiornamenti, per essere sicuri di non perdere neppure una notizia. La nostra redazione curerà l’aggiornamento giornaliero delle notizie, senza soffocare il lettore con troppi lanci: quelle più importanti verranno rilanciate anche sul nostro canale Telegram, per garantire una maggiore distribuzione.

Il progetto segue le evoluzioni del settore e della nostra testata, che si è modificata nel corso degli ultimi anni, cercando di offrire un servizio sempre migliore ai lettori e di garantire una crescita costante a chi lavora all’interno della redazione. Come avevamo scritto nello scorso editoriale, infatti, siamo ormai invasi da notizie, tanto da rischiare “un sovraccarico informativo in cui si fatica a trovare il giusto filtro per selezionare le notizie false da quelle vere, le fonti più autorevoli e i contenuti più utili alle proprie necessità.”

Abbiamo riflettuto su come migliorare il nostro servizio, per favorire il diritto dei lettori a essere correttamente informati, senza sovraccaricarli con notizie inutili o infondati, senza pubblicità invasive o marchette; abbiamo quindi proposto un questionario online ai nostri lettori più affezionati, con una serie di domande sullo stato dell’informazione online e sull’operato della nostra redazione nel corso degli ultimi anni.

Il questionario ha restituito delle risposte molto interessanti, che saranno utilizzate come indicazioni per la linea editoriale da seguire. Tra le risposte abbiamo selezionato i seguenti grafici, che reputiamo degni di attenzione: le tipologie di notizie più interessanti per i nostri lettori (che abbiamo utilizzato come base per elaborare le categorie di Valdichiana News), lo strumento utilizzato per accedere alle notizie online e il disturbo causato dalle inserzioni pubblicitarie, che peggiorano decisamente l’esperienza degli utenti.

Il questionario non aveva ovviamente valore statistico e la sua breve durata ha impedito di raggiungere più di quaranta risposte: si tratta tuttavia di indicazioni utili a migliorare il nostro piano editoriale, attraverso i suggerimenti dei lettori più affezionati. Vi ringraziamo per aver compilato il questionario e vi invitiamo a seguirci anche in questo nuovo progetto!

Nessun commento su Valdichiana News, il nuovo servizio di informazione locale

Un Giardino rinnovato, la nuova stagione di Giardino Valdichiana

La Valdichiana, come testata, è nata dall’idea di fare un giornalismo che fosse un servizio per la comunità, che aiutasse veramente a documentare la nostra realtà e a creare dei…

La Valdichiana, come testata, è nata dall’idea di fare un giornalismo che fosse un servizio per la comunità, che aiutasse veramente a documentare la nostra realtà e a creare dei ponti tra le persone. Volevamo che fosse un punto di incontro virtuale in grado di stimolare e generare idee. A questo fine, raccontare le storie delle persone è indispensabile. La Valdichiana è un territorio ricco e vivace, dotato di un potenziale culturale e naturale tenuto a freno solamente dalla mancanza di canali di comunicazione adeguati.

Con l’avvento di Facebook Live, a Giugno dell’anno scorso abbiamo inaugurato la prima stagione di Giardino Valdichiana, un format in diretta streaming pensato per dare spazio a coloro che sono l’anima sociale di questo territorio: associazioni, artisti, artigiani, atleti e narratori locali. Abbiamo scelto di dedicare meno spazio alla politica e alle istituzioni di proposito, perché volevamo che il nostro programma fosse accessibile a tutti coloro che avessero voluto venire a raccontarci la propria storia, anche senza un invito formale. L’idea era proprio quella di creare un ambiente aperto ai visitatori occasionali, al divertimento e alle interazioni anche con chi ci guardava online.

A fronte dell’esperienza positiva dello scorso anno, nel 2017 Giardino Valdichiana si ripete con una formula simile ma con qualche sostanziale differenza: invece che ai Giardini Poggiofanti, i nuovi episodi verranno trasmessi dalla bellissima terrazza dell’Enoliteca del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, dentro la Fortezza; dal punto di vista tecnico, la nostra redazione avrà il preziosissimo supporto di Lightning Multimedia Solutions per arrivare al pubblico con immagini e audio di alta qualità.

Mi piace utilizzare il termine ‘evoluzione’ per definire quello che stiamo facendo quest’anno. Noi di Valdichiana Media non amiamo ripeterci, le idee dell’anno scorso non ci stimolano e anche un format molto apprezzato come Giardino Valdichiana per noi è sempre perfettibile, migliorabile.

Qualsiasi bravo scrittore sa che una regola importante della creazione è non affezionarsi troppo alle idee, perché prima o poi la buona riuscita dell’opera richiederà di sacrificarne più di una. Il nostro obiettivo per la seconda stagione è quello di proporvi un programma di qualità superiore e in grado di abbracciare meglio un territorio che è vasto e multiforme; con questa edizione vogliamo tendere la mano alla Valdichiana aretina che rimane ancora più difficile da raggiungere per noi che siamo nati dalla parte senese del fosso, affinché si crei un dialogo tra le due metà della valle. Questa è la nuova sfida che abbiamo scelto di affrontare, e mentre lavoriamo per darvi il prodotto migliore possibili in termini di qualità e contenuti, già pensiamo a cosa potremo fare l’anno prossimo per superarci.

Il successo di Giardino Valdichiana non è solo merito nostro, ma anche della fiducia che ci è stata data, dall’entusiasmo dei nostri spettatori che hanno partecipato in gran numero. Vi invitiamo a rimanere con noi e a farci sentire la vostra voce: fino ad Agosto ci troverete nella Fortezza di Montepulciano all’Enoliteca del Consorzio del Vino Nobile. Venite a trovarci, vi aspettiamo.

Nessun commento su Un Giardino rinnovato, la nuova stagione di Giardino Valdichiana

Secondo Forum sul Turismo in Valdichiana

Dopo il successo della prima edizione, il 20 Aprile 2016 è tornato il Forum sul Turismo in Valdichiana: una giornata di discussione sulle prospettive di crescita per lo sviluppo turistico…

Dopo il successo della prima edizione, il 20 Aprile 2016 è tornato il Forum sul Turismo in Valdichiana: una giornata di discussione sulle prospettive di crescita per lo sviluppo turistico del territorio che si è tenuta presso l‘Istituto Alberghiero Pellegrino Artusi di Chianciano Terme.

Il Forum sul Turismo è stata un’importante giornata di lavoro che ha favorito il confronto tra istituzioni, associazioni di categoria, imprese turistiche ed enti di promozione locale; nel corso dell’evento i partecipanti hanno potuto ragionare in termini di area vasta, favorendo i processi condivisi e partecipati, progettando le migliori soluzioni per le strategie turistiche della Valdichiana.

Il programma del Secondo Forum sul Turismo in Valdichiana era suddiviso in tre momenti:

  • Ore 10: tavoli di lavoro tematici suddivisi in: eventi territoriali, sport e congressi – salute, terme e benessere – arte, cultura ed enogastronomia – comunicazione, promozione e innovazione – strategia turistica e infrastrutture;
  • Ore 15: sintesi degli elaborati dei tavoli, discussione libera e dibattito aperto in sessione comune;
  • Ore 21: puntata speciale di “Libero Accesso” su Tele Idea con i risultati del Forum e dibattito tra gli ospiti in studio.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Albergatori Federalberghi Chianciano Terme, con il supporto di ReteSviluppo e di Valdichiana Media. La seconda edizione è stata possibile anche grazie alla sponsorizzazione della Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese, oltre che dal patrocinio dell’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese e l’ospitalità dell’Istituto Alberghiero di Chianciano Terme.

Di seguito potete scorrere le slide elaborate da ReteSviluppo sulla base dei tavoli di lavoro della mattina, in cui sono stati analizzati punti di forza e debolezza dei vari temi trattati, oltre che una serie di proposte operative:


Il video integrale della discussione pomeridiana:


Ecco il video della puntata serale di “Libero Accesso” andata in onda al termine del Forum su Tele Idea.

 

Nessun commento su Secondo Forum sul Turismo in Valdichiana

I nostri propositi per il 2016: senza paura, verso il futuro

Sono le nostre azioni a scrivere il futuro, e noi ci crediamo fermamente. Ecco i nostri progetti per l’anno 2016

L’inizio di un nuovo anno è sempre un momento di grande analisi introspettiva, come si fa alla fine di un viaggio, quando si è già pronti per ripartire.

Il 2015 di Valdichiana Media è stato bello, intenso, ricco di nuove sfide e di possibilità inaspettate, che hanno concesso a tutti noi che ci abbiamo lavorato l’opportunità di imparare e crescere sia come persone che come professionisti. La strada per il miglioramento è sempre, giustamente, in salita: affrontare le difficoltà può risultare difficile, ma il viaggio è sempre piacevole quando si è in buona compagnia.

Per tutti i soci e i collaboratori di Valdichiana Media, questo 2016 inizia con la promessa di fare ancora meglio, di evolversi, sperimentare, scoprire. Siamo un gruppo di persone dalle formazione e dagli interessi più disparati, una fucina creativa in continua attività che vuole coinvolgere sempre più persone e instaurare nuovi rapporti per dare vita a nuovi progetti che valorizzino le nostre bellissime città e campagne, senza escludere nessuno. Ora più che mai, vogliamo lavorare per mostrare al mondo le nostre bellezze e peculiarità, la storia, le tradizioni, le nuove frontiere che esploriamo.

Quali sono i nostri progetti per il futuro?

Assieme a Toscana Media continueremo a tenervi informati sui fatti e sugli eventi del territorio, proseguendo l’attività di QuiNewsValdichiana e Valdorcia, QuiNewsArezzo e QuiNewsAmiata con la stessa passione e puntando sempre al miglioramento.

La Valdichiana continuerà a essere un osservatore del territorio, teatro di una comunità unita nell’arte, nella solidarietà e nell’amore per i luoghi che abita. Vogliamo raccogliere nuove storie locali e portare un po’ di mondo in Valdichiana, analizzare la situazione economica e sociale che la caratterizza e dare spazio alle voci di coloro che, in un modo o nell’altro, continuano a sognare.

In collaborazione con l’Associazione Albergatori di Chianciano Terme lavoreremo per dare vita alla seconda edizione del Forum sul Turismo nella Valdichiana Senese, per dare modo alle realtà locali di incontrarsi e discutere assieme un percorso da seguire assieme, per un’azione coordinata a supporto dello sviluppo turistico nel nostro territorio.

E poi ci sarà la stagione degli eventi, che animeranno tutto il nostro territorio e che vi racconteremo alla nostra maniera. Oltre alle iniziative abituali, quest’anno aspiriamo ad avere un ruolo più attivo nello sviluppo di nuovi eventi che possano rendere la nostra comunità ancora più unita, come ad esempio il torneo nato dalla nostra rubrica “Fantacalcisticamente”, serate dedicate alla musica e ad artisti di ogni tipo.

Sono le nostre azioni a scrivere il futuro, e noi ci crediamo fermamente. Per questo non smetteremo mai di dare il massimo e di impegnarci per offrire passione e professionalità a tutti coloro che incontreremo sul nostro cammino. Speriamo di poter continuare questo cammino assieme a voi, per un altro anno: buon 2016 a tutti!

1 commento su I nostri propositi per il 2016: senza paura, verso il futuro

La Valdichiana e Tele Idea, forze unite per il territorio

Se c’è qualcosa che la storia ci ha insegnato, è che l’unico modo per costruire qualcosa e per superare le difficoltà è quello di unire le forze. La collaborazione è…

Se c’è qualcosa che la storia ci ha insegnato, è che l’unico modo per costruire qualcosa e per superare le difficoltà è quello di unire le forze.

La collaborazione è un meccanismo costruttivo, che permette alle persone di mettere in pratica idee comuni e di realizzare progetti che un individuo da solo non sarebbe in grado di portare a termine, e spesso nemmeno di cominciare.

Contrapposto alla collaborazione c’è l’atteggiamento distruttivo del tutti contro tutti e ciascuno per sé stesso: non è raro che, per danneggiare qualcun altro, le persone finiscano per danneggiare prima di tutto sé stesse, in una dimostrazione di miopia e mancanza di etica che purtroppo vediamo spesso in atto nella quotidianità.

Essendo costituite da persone che credono fortemente nel potere della collaborazione, Valdichiana Media e Tele Idea hanno recentemente stretto un accordo di reciproco supporto tra le due società: l’obiettivo è quello di unire l’esperienza e il valore umano di una rete televisiva storica come Tele Idea con la freschezza di idee e la competenza nei nuovi linguaggi comunicativi di una realtà giovanissima come quella di Valdichiana Media.

Alla base di questo accordo c’è la convinzione che una sinergia tra diverse realtà del campo dell’informazione, che rimangono comunque autonome tra loro, potrà non solo migliorare il servizio complessivo che queste offrono ai cittadini della Valdichiana e delle aree limitrofe, ma anche portare quell’innovazione e quella creatività che è fondamentale per poter marciare a testa alta nel mondo iperconnesso e rapidissimo in cui viviamo oggi.

Avete già visto Valdichiana Media e Tele Idea al lavoro assieme durante il programma Libero Accesso, andato in onda lo scorso inverno e ora integralmente disponibile sul canale YouTube de La Valdichiana. Con Libero Accesso avevamo provato a realizzare qualcosa di diverso, un programma di approfondimento politico che stimolasse discussioni e riflessioni sia negli ospiti che negli spettatori, che erano invitati a partecipare in diretta tramite i profili social delle due testate. La risposta del pubblico è stata ottima, così come l’esperienza degli addetti ai lavori.

Il nostro desiderio è quello di offrire contenuti stimolanti per ogni fascia d’età, valorizzanti per il territorio e per i suoi abitanti, sperimentali e multimediali. Perché considerare televisione e web due mondi separati, quando possono lavorare in sinergia tra loro e arricchirsi vicendevolmente?

Per fare questo, le redazioni della nostra testata La Valdichiana e quella di Tele Idea lavoreranno a stretto contatto, mettendo sul tavolo le rispettive eccellenze professionali per dare a tutti voi, che ci leggete e ci guardate, il massimo.

I risultati si vedranno presto e speriamo che anche voi vogliate unirvi a noi in quest’avventura giornalistica che stiamo intraprendendo, in cui vogliamo investire tutte le nostre forze e la nostra fantasia, trovando sempre il coraggio di provare a costruire qualcosa di nuovo ed emozionante.

Nessun commento su La Valdichiana e Tele Idea, forze unite per il territorio

Il nostro pazzo, grasso, grosso Bravìo delle Botti

“Raccontare una storia non è un impegno che va preso alla leggera. Raccontare una storia inventata è facile, ma raccontare una storia vera è difficile. E quando prendiamo l’impegno di…

“Raccontare una storia non è un impegno che va preso alla leggera. Raccontare una storia inventata è facile, ma raccontare una storia vera è difficile. E quando prendiamo l’impegno di raccontare una storia, noi di Valdichiana Media dobbiamo portarlo a termine”.

Prendo in prestito la frase di Alessio Banini per rimarcare quella che è l’attività giornaliera di Valdichiana Media: i componenti della redazione non si limitano solo a descrivere i fatti di cronaca o a seguire gli argomenti più importanti, ma cercano di far vivere al lettore delle esperienze uniche, raccontando avveni11988359_1615911561991222_9168479467031806911_nmenti e particolari del territorio che a volte sfuggono ai suoi stessi abitanti, o che per molti non sono degni di far notizia.

Proprio l’esigenza di raccontare è stato il nostro valore di riferimento anche quando il Magistrato delle Contrade di Montepulciano ci ha affidato il compito di contribuire al racconto del Bravìo 2015. Un impegno semplice, per certi versi, ma raccontare un avvenimento con quarant’anni di storia alle spalle e che ogni anno viene sempre più seguito, fotografato, menzionato e documentato, non solo dalla stampa locale e nazionale, ma anche da quella internazionale, non può essere semplice. Un po’ di timore è sorto all’interno della redazione, ma allo stesso tempo eravamo entusiasti del compito assegnatoci.

Abbiamo affrontato con coraggio il timore non di non essere all’altezza; ci siamo riuniti e ci siamo scervellati su cosa dovevamo e potevamo inventarci per descrivere il 43° Bravìo delle Botti in modo da renderlo ancor più memorabile. Fin dalla prima puntata di “Quelli che la Botte”, il programma televisivo con 15 anni di storia che accompagna e intrattiene il pubblico di Tele Idea nella settimana degli eventi che precede la corsa del Bravìo, ci siamo resi conto che non serviva inventarsi nulla di complicato: bastava essere noi stessi e permettere alla manifestazione di parlare di sè stessa, dando spazio ai contradaioli e agli spingitori, a tutti coloro che il Bravìo lo vivono e lo amano. Non dovevamo creare contenuti eccezionali per sovrastare l’evento, ma facilitare il racconto dei protagonisti senza imporre loro nulla.

11913878_827267320721531_6361954008125418453_nE così è stato, con parole semplici e dirette. Abbiamo cercato di raccontare la manifestazione con gli occhi di coloro che vivono il Bravìo delle Botti, che hanno condiviso vittorie e sconfitte, gioie e dolori. Abbiamo fatto interagire gli attori principali, ovvero chi tutto l’anno lavora per rinnovare l’emozione del suono delle botti sulla pietra serena delle strade di Montepulciano, con tutti gli elementi che rendono magica la manifestazione: storia, religione, arte, sport ed enogastronomia.

Con le nostre gag (tutte non programmate), gli interventi, le interviste, le incursioni e le improvvisazioni abbiamo cercato di rendere il pubblico il vero protagonista della trasmissione, cercando di comunicare allo spettatore l’imbarazzo della diretta, le fatiche degli spingitori, l’agitazione delle cucine nell’ora di punta e l’adrenalina che si respira per le vie di Montepulciano nella settimana degli eventi. Fino al contest “Il meglio fico del paniere”, un azzeccato esperimento che ha messo in relazione la televisione con i social network e la vita reale delle contrade, ottenendo un grande coinvolgimento del pubblico.

Adesso, dopo una settimana dalla fine della trasmissione, possiamo cominciare a fare un bilancio. Il primo bilancio lo avete già fatto voi, tutti i nostri lettori e i nostri spettatori, e vi ringraziamo per tutti i commenti di apprezzamento che ci avete inviato. Forse per chi ha già raccontato il Bravìo negli anni passati, il nostro gruppo è stato uno fra i tanti, ma essere uno fra i tanti a fare la differenza è una bella soddisfazione.

11951972_1615829501999428_4028691655857588900_nCredo che siamo stati capaci di costituire un mix esplosivo, unendo la professionalità, la memoria storica e l’occhio sull’attualità di Diego Mancuso e Celso Pallassini, la fiducia che hanno riposto in noi tutti i ragazzi del Magistrato delle Contrade di Montepulciano, la tenacia combattiva, l’affidabilità e la pazienza della storica emittente Tele Idea e infine il nostro modo di raccontare, la nostra passione per questo lavoro e per il territorio in cui abitiamo.

In conclusione, se dovessi dare un titolo a questa bella esperienza, che non è stata solo lavorativa, ma soprattutto formativa ed emotiva, prenderei in prestito un titolo di un famoso film: “Il nostro pazzo, grasso, grosso Bravìo delle Botti”. Pazzo perché non ci sono orari precisi e riempie l’intera vita per due settimane, grasso perché la cucina è prelibata (ringraziamo tutte le contrade per averci ospitato a cena!) e  è una manifestazione in grado di coinvolgere centinaia di persone ed è in grado di far piangere, ridere ed emozionare anche chi poliziano non è.

11035738_10206344767090889_4631030595941167922_n

Nessun commento su Il nostro pazzo, grasso, grosso Bravìo delle Botti

Primo Forum sul Turismo nella Valdichiana Senese

Tenutosi all’interno del Parco Acquasanta di Chianciano Terme il 27 Marzo 2015, nella cornice della Sala Fellini, il Primo Forum sul Turismo in Valdichiana è stato organizzato da Valdichiana Media…

Tenutosi all’interno del Parco Acquasanta di Chianciano Terme il 27 Marzo 2015, nella cornice della Sala Fellini, il Primo Forum sul Turismo in Valdichiana è stato organizzato da Valdichiana Media e Federalberghi Chianciano Terme. Gli obbiettivi della giornata possono essere riassunti nei seguenti punti:

  • favorire il confronto tra istituzioni, associazioni di categoria e imprese turistiche, che a volte non dialogano in maniera efficace;
  • ragionare in termini di area vasta e favorire i processi condivisi e partecipati di elaborazione delle strategie;
  • progettare le migliori soluzioni allo sviluppo turistico del territorio della Valdichiana senese.

forum turismo 3All’evento hanno partecipato imprese turistiche, istituzioni locali, associazioni di categoria, enti di promozione e tutti coloro a cui sta a cuore lo sviluppo turistico del territorio, dando il loro contributo per la realizzazione di strategie condivise per la crescita.

Il forum è stato strutturato per favorire la discussione, con interventi frontali e dialogo aperto con il pubblico, per favorire il confronto tra istituzioni, associazioni di categoria e imprese turistiche: soggetti che non sempre riescono a dialogare efficacemente assieme, ma a cui compete la visione strategica dello sviluppo turistico della Valdichiana.

primo forum turismoDal confronto è emersa con forza la necessità di fare rete tra diversi comuni e diversi settori economici, mettere a sistema le energie del territorio, investire sulla formazione e sull’innovazione. Molti interventi si sono soffermati sulla necessità di coinvolgere tutti i soggetti per ampliare l’offerta territoriale, prolungare la permanenza dei turisti, promuovere azioni di marketing su prodotti turistici integrati, promuovere le identità locali e la necessità di trovare politiche comuni per sostenere il miglioramento delle infrastrutture di collegamento del territorio. Senza aver paura di allargare il raggio d’azione fuori dal territorio provinciale.

“Credo – ha affermato Daniele Barbetti, Presidente di Federalberghi Chianciano Terme – che le imprese abbiano dimostrato di essere pronte a raccogliere la sfida di una visione del turismo che superi i confini dei propri comuni di appartenenza. Per far questo è necessaria una governance territoriale condivisa. Proponiamo pertanto che venga istituita una cabina di regia del turismo in Valdichiana presso l’Unione dei Comuni. Un tavolo permanente in cui possano collaborare le istituzioni, le associazioni le imprese, con l’impegno di sviluppare strategie condivise ed efficaci: una necessità concreta resa evidente dal Forum sul Turismo.”

“Tutti i materiali e i contributi dei partecipanti al forum all’interno del sito web www.forumturismovaldichiana.it, a partire dalle prossime settimane. – ha aggiunto Alessio Banini, della società Valdichiana Media – Stiamo lavorando anche al forum online, aperto anche a chi non è potuto essere presente, in modo da continuare la conversazione in ambiente digitale. Considerando il successo della prima edizione, possiamo già dichiarare il nostro impegno per la seconda edizione, accogliendo i suggerimenti e i consigli dei partecipanti, per continuare a facilitare il dialogo, la partecipazione e lo sviluppo turistico della Valdichiana.”

Il Primo Forum sul Turismo nella Valdichiana Senese, quindi, non finisce qui. Valdichiana Media e Federalberghi Chianciano Terme hanno voluto inaugurare un format che potrà ripetersi con cadenza annuale e a un forum di discussione online, per ragionare in termini di area vasta e facilitare il dialogo tra i vari soggetti che partecipano allo sviluppo turistico, in modo da seguire linee comuni ed efficaci.

Di seguito la playlist sul nostro canale YouTube, con numerosi interventi dei partecipanti al Forum:

2 commenti su Primo Forum sul Turismo nella Valdichiana Senese

Libero Accesso, dove il giornalismo mette a confronto una comunità

Raccontare il territorio con passione e innovazione, coniugando l’ottica locale a quella globale: sono questi i concetti che teniamo a mente in ogni nostro lavoro. È stato così anche per…

Raccontare il territorio con passione e innovazione, coniugando l’ottica locale a quella globale: sono questi i concetti che teniamo a mente in ogni nostro lavoro. È stato così anche per la nostra ultima esperienza, Libero Accesso, il programma televisivo co-prodotto insieme a Tele Idea, storica emittente locale.

Per la nostra redazione, Libero Accesso è stato una bella esperienza dal punto di vista lavorativo e formativo. Un lavoro giornalistico scrupoloso con un ritmo rapido e coinvolgente, un approccio vivace e fresco agli argomenti trattati che ha permesso agli spettatori di interagire con gli ospiti in studio.
Abbiamo cercato di raccontare i pregi e difetti di un territorio sempre più in cambiamento: lavoro, sanità, trasporti, immigrazione, scuola e così via. Di questi argomenti ne abbiamo discusso con politici e tecnici, per avere un quadro più completo delle opinioni e delle posizioni, mettendo in condizione il telespettatore di formarsi un proprio punto di vista.

10391028_1564870440438566_7867048678058109646_n

Alessia Zuccarello e Chiara Magliacane

Dobbiamo ammettere che la produzione di questo programma è stata più lunga e faticosa del previsto. Ma era quello che volevamo, perchè siamo una redazione multidisciplinare e multimediale che non vuole limitarsi alla piattaforma web ma allargarsi anche ai media tradizionali. Perché la reputazione di una testata editoriale, al giorno d’oggi, non si limita al suo prodotto principale, ma fa parte di un vero e proprio brand che comprende il suo ecosistema digitale, le relazioni virtuali e reali con i lettori e con i membri delle nostre comunità.

Il legame con il territorio è evidente, anche se siamo una testata online: il web è un ambiente virtuale dove tutti possono dire la loro opinione, a volte anche nascondendosi dietro a identità fittizie e scatenando le peggiori emozioni, ma quando si è chiamati a parlare in televisione di argomenti delicati come quelli trattati a Libero Accesso, non è sempre facile metterci la faccia. Argomenti fondamentali per la società in cui viviamo, che non possono essere liquidati con una semplice frase di circostanza come: “Grazie, ma l’argomento è troppo difficile!”.

11054521_1557531567839120_3694189082153149404_n

Alessio Banini

Gli argomenti trattati da Libero Accesso possono essere stati difficili, ma purtroppo o per fortuna sono alcune delle fondamenta della nostra società. Forse siamo abituati ad assistere a programmi televisivi e approfondimenti giornalistici dove si parla a senso unico, lasciando dettare l’agenda ai politici? Con Libero Accesso abbiamo creato un confronto tra tecnici, politici e cittadini per affrontare questi temi da molteplici punti di vista, cercando di proporre soluzioni o di portare alla luce le opinioni altrui, stimolando il confronto.

Libero Accesso non voleva essere l’imitazione di un talk show generalista, ma un vero e proprio programma di confronto e interazione tra più parti in cui anche gli spettatori potevano partecipare, nell’ottica di quella Social Tv che anche le grandi emittenti stanno sempre più utilizzando. Speriamo di poter ripetere l’esperimento la prossima stagione, arricchendolo con elementi ancora più innovativi e sempre più coinvolgenti, con contenuti di maggiore qualità.

11053144_738847362896861_5168035907271501169_n

Matteo Biagi e Alessia Zuccarello

Siamo orgogliosi di aver partecipato alla produzione di Libero Accesso, e non possiamo che ringraziare Tele Idea per l’opportunità che ci ha dato.
Anche il pubblico ci ha dimostrato la sua partecipazione e il suo apprezzamento, dandoci qualche consiglio sui temi da affrontare o sugli ospiti da invitare in trasmissione, oppure criticandoci per migliorare.

Reduci dalla partecipazione al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, possiamo essere ulteriormente orgogliosi di Libero Accesso: un giornalismo che vuole creare coinvolgimento e confronto, quel confronto che se portato avanti in maniera costruttiva, senza cercare la polemica facile o il pollaio televisivo, può servire a migliorare tutta la comunità.
Siamo convinti che il futuro dell’editoria passi per il concetto di membership, ovvero la capacità di interagire con una comunità di lettori affezionati e appassionati. L’unico modo per rendere i nostri lettori membri della comunità de La Valdichiana è quello di mantenere alto il livello qualitativo dei nostri contenuti editoriali, investire continuamente sulla serietà della nostra reputazione online e offline. Perché, anche se il nostro prodotto è gratuito, gli unici “padroni” da cui dipendiamo siete proprio voi, i nostri lettori, che fanno parte della nostra comunità.

1743473_1570159446576332_1168408636675410355_n

Valentina Chiancianesi e Roberto Cozzi Lepri con gli ospiti

Nessun commento su Libero Accesso, dove il giornalismo mette a confronto una comunità

Type on the field below and hit Enter/Return to search