La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: risparmio energetico

Manutenzione ordinaria e luci a led per il Comune di Sinalunga

Il Comune di Sinalunga ha emesso un’ordinanza sulla corretta funzionalità idraulica per evitare fenomeni di inondazioni nei periodi piovosi e problemi di carattere igienico-sanitari nei periodi caldi. L’ordinanza prevede che…

Il Comune di Sinalunga ha emesso un’ordinanza sulla corretta funzionalità idraulica per evitare fenomeni di inondazioni nei periodi piovosi e problemi di carattere igienico-sanitari nei periodi caldi.

L’ordinanza prevede che in caso di danni al pubblico demanio stradale o idraulico causati dall’inosservanza delle norme, l’addebito delle spese necessarie alla riparazione e al ripristino dei luoghi è a carico degli inadempienti, e verranno inoltre applicate tutte le sanzioni amministrative previste dalla normativa.

Il documento ordina a tutti i proprietari, affittuari, conduttori e detentori a qualsiasi titolo di terreni agricoli, fondi rustici e di fabbricati sia rurali che urbani di procedere alla manutenzione degli alvei di tutti i fossati, scoli, fossette collettori, manutenzione delle scarpate, la sistemazione idraulica delle strade private, entro il 30 settembre di ogni anno. Inoltre è previsto il divieto di intubare o modificare il tracciato e le dimensioni di fossi e canali privati. In più, l’ordinanza prevede che tutti i proprietari, affittuari, conduttori e detentori a qualsiasi titolo i terreni agricoli e di aree non edificate nei centri urbani, mantengano una fascia di rispetto minima solida e inerbita di larghezza pari almeno a 1 metro dal ciglio dei fossi o dall’orlo delle scarpate e realizzino e mantengano una efficiente regimazione idraulica delle acque meteoriche.

In caso risulti improrogabile e urgente eseguire alcuni interventi di manutenzione, l’amministrazione comunale ne farà specifica richiesta al proprietario del terreno e in caso di inerzia, il Comune provvederà all’esecuzione con rivalsa di spese sui soggetti inadempienti.

«L’incolumità dei cittadini del nostro territorio –ha dichiarato il Sindaco di Sinalunga Riccardo Agnoletti – passa anche da un profondo senso civico di chi possiede e lavora i terreni agricoli, dove bisogna rispettare le regole di una corretta manutenzione per non dover affrontare episodi di rischio”.

10868282_764804973607262_8260010785794256538_nNovità anche per quanto riguarda l’illuminazione pubblica del comune. Nel territorio comunale, infatti, sono state installate le prime due lampade a led. L’ intervento fa parte di un piano programmato ben preciso che nell’arco di un anno, uno anno e mezzo, porterà alla sostituzione di circa 2500 punti luce dell’intero territorio comunale.

Il piano ha l’obiettivo di ridurre i costi per all’energia elettrica, migliorare l’illuminazione notturna, rispettando rispettare l’ambiente.

Nessun commento su Manutenzione ordinaria e luci a led per il Comune di Sinalunga

Orologi indietro di un’ora: torna l’ora solare

Questa notte tona l’ ora solare. Alle 3 del mattino della notte tra sabato 25 e domenica 26 ottobre, le lancette dovranno essere riportate indietro di un’ora come stabilito dalla…

Questa notte tona l’ ora solare. Alle 3 del mattino della notte tra sabato 25 e domenica 26 ottobre, le lancette dovranno essere riportate indietro di un’ora come stabilito dalla direttiva 200/84/Ce del Parlamento Europeo e del consiglio del 19 gennaio 2001.

Ottima notizia per chi ama dormire, brutta notizia, invece, per chi ama stare all’aria aperta. Sì perché a fronte di un’ora di sonno in più, si perde un’ora di luce al tramonto. Con l’inverno alle porte, però, i vantaggi dell’ora legale vengono meno, perché le temperature fredde rendono difficili i lavori all’aria aperta, se non nelle ore centrali della giornata.

Tecnicamente, l’ora “cambia” soltanto quando da solare diventa legale. L’ora legale, o daylight saving time, cioè orario di risparmio della luce diurna, fu un intuizione di Benjamin Franklin, nel 1784, il quale pubblicò sul quotidiano francese Journal de Paris un’idea basata sul risparmio energetico. Passò, però, diverso tempo fino a quando nel 1907 il progetto di Franklin venne ripreso da un costruttore inglese, William Willet. Questa volta la nuova proposta trovò più consensi dovuti alla situazione di grandi ristrettezze economiche che la guerra procurò da lì a breve e allora nel 1916 la Camera dei Lord inglese diede il via libera.

L’ora legale, iniziata quest’anno il 30 marzo 2014, ha fatto risparmiare all’Italia complessivamente 549,7 milioni di kilowattora (568,2 milioni di kWh il minor consumo del 2013), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di circa 205 mila famiglie. Sostanzialmente, è questo il motivo per cui dall’ora solare si passa all’ora legale.
Ovviamente su questo l’opinione pubblica è divisa: gli italiani sono equamente divisi tra chi è favorevole all’ora legale e chi invece a quella solare. Molti abolirebbero l’ora solare, mantenendo così tutto l’anno l’ora legale ed evitare i problemi legati al cambio.

“In tal modo – spiega il Codacons – si avrebbe il vantaggio di recuperare l’ora di luce anche in inverno, senza subire il costo economico e il disagio legato all’aggiustamento dell’orario: aggiornamenti sistemi informatici, orari dei treni, termostati temporizzati, dvd, agende elettroniche, radiosveglie, orologi nelle auto, problemi nelle transazioni finanziarie. Inoltre nel risparmio vanno conteggiati tutti i costi relativi ai problemi di insonnia e sonnolenza che incidono pesantemente sulla produttività nella prima settimana lavorativa successiva al cambio.”

Ma che vi piaccia o no, parlano i fatti, è arrivato il momento di tornare all’ora solare, il vero spartiacque tra estate ed inverno, il vero equinozio d’autunno.

L’ora legale vi da appuntamento al 29 marzo 2015.

 

Nessun commento su Orologi indietro di un’ora: torna l’ora solare

La difesa dell’Ambiente come priorità

Il Sindaco Francesca Basanieri: “al di la del successo dell’iniziativa Puliamo il Mondo l’Ammistrazione sta attuando un programma serio e responsabile. In questi giorni prese importanti decisioni che cambieranno il…

Il Sindaco Francesca Basanieri:

“al di la del successo dell’iniziativa Puliamo il Mondo l’Ammistrazione sta attuando un programma serio e responsabile. In questi giorni prese importanti decisioni che cambieranno il modo di agire di tutta la nostra comunità verso la cura dell’ambiente e l’efficienza energetica.”

Dopo il grande successo dell’iniziativa PULIAMO IL MONDO svoltasi questo ultimo weekend ed alla quale hanno partecipato centinaia di cittadini di tutte le età dimstrando una straordinaria sensibilità e responsabilità, l’Amministrazione Comunale continua nella sua opera di attenzione e interventi nel campo ambientale.

Pulaimo il Mondo Terontola 2014  4 jpg“Sono state approvate dalla Giunta nella seduta del 26 settembre 2014, dichiara il Sindaco di Cortona Francesca Basanieri, tre delibere riguardanti l’efficienza energetica: si tratta di un altro passaggio fondamentale che vede l’Ambiente al centro dell’attività della nostra nuova Amministrazione.

Nella prima delibera è stato approvato un atto di indirizzo con le linee programmatiche per l’individuazione di misure volte a promuovere l’efficienza, il risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili energetiche in ambito comunale.

In questo atto, continua il Sindaco, vengono indicate le linee e gli obiettivi che il Comune di Cortona seguirà nei prossimi anni nel campo dell’efficienza energetica e in particolare nella logica di Smart city e quindi di Città intelligente.

Tra i numerosi campi d’intervento ci preme segnalare un’attenzione particolare alla Sostituzione degli impianti di illuminazione pubblica attuali con moderni ed efficienti sistemi ad alta efficienza energetica, interventi sugli edifici di proprietà pubblica per il miglioramento dell’efficienza energetica dotando ove possibile gli stessi di impianti fotovoltaici, solari termici, partecipando attivamente al processo di conseguimento dei Titoli di Efficienza Energetica (cd. certificati bianchi), tutto questo attraverso anche società che assumano su di sé l’onere dell’investimento iniziale e permettano allo stesso tempo all’Amministrazione di fare quegli interventi necessari che per i consueti problemi di patto di stabilità sarebbero impediti.”

“Il nostro impegno dichiara l’Assessore all’Ambiente del Comune di Cortona Andrea Bernardini, sarà ovviamente in parallelo anche per una forte campagna di sensibilizzazione presso le scuole e la cittadinanza finalizzate all’uso razionale dell’energia.

Abbiamo cercato di dare immediatamente seguito alle nostre idee, continua Bernardini, con altre due delibere approvate nella stessa seduta di Giunta. Abbiamo deciso di aderire alla manifestazione di interesse per la partecipazione al programma di cui alla Delibera Regionale n. 152 del 03/03/2014 “Accordo tra Regione Toscana e CET per favorire lo sviluppo dell’efficienza energetica e la diffusione delle energie rinnovabili e l’attuazione di un grande progetto ai sensi dell’art. 8 DM 28/12/2012″.

Puliamo il mondo Camucia 2014 1Con tale accordo si realizza un grande progetto di intervento infrastrutturale riguardante l’efficientamento energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili che permetterà di raggiungere l’obiettivo imposto al 2020 per la Regione Toscana di riduzione del consumo di energia elettrica e di calore e di produzione da rinnovabili, pari almeno al 16,5% di tutti i consumi energetici.”

“Abbiamo anche deciso, conclude l’Assessore Bernardini, di dare il via ad un programma di informazione e sensibilizzazione dei dipendenti comunali circa l’uso di buone pratiche per il Risparmio Energetico in Ufficio: tale programma prevede l’individuazioni di condotte circa un uso corretto e mirato dell’energia in ufficio e la modificazione dei comportamenti sbagliati con la conseguente acquisizione di abitudini consapevoli e intelligenti in modo particolare, rispetto all’uso del PC, della stampante, della fotocopiatrice, delle luci e degli impianti di climatizzazione.”

“Credo, conclude il Sindaco Francesca Basanieri, che questi siano impegni concreti ed immeditamente attuabili verso il miglioramento dell’efficienza energetica del nostro comune”.

Dopo solo tre mesi dalle elezioni stiamo dimosstrando con i fatti un cambio profondo e serio verso le tematiche ambientali a cui nei prossimi mesi seguiranno ulteriori e innovativi sviluppi su un settore che è centrale del nuovo corso amministrativo.”

Nessun commento su La difesa dell’Ambiente come priorità

Anche a Bettolle è attiva la Casina dell’Acqua

Anche a Bettolle, in Piazza del Popolo è stata attivata la Casina dell’acqua pubblica. Il distributore automatico consente di rifornirsi di acqua pubblica, filtrata e refrigerata, sia in versione naturale,…

Anche a Bettolle, in Piazza del Popolo è stata attivata la Casina dell’acqua pubblica. Il distributore automatico consente di rifornirsi di acqua pubblica, filtrata e refrigerata, sia in versione naturale, che leggermente frizzante e frizzante, al prezzo di 0,05 centesimi di Euro al litro.

Per usufruire dell’acqua occorre portare le proprie bottiglie, meglio se in vetro, e munirsi di monete spicciole oppure in alternativa è possibile dotarsi di tessera magnetica ricaricabile Le tessere saranno disponibili presso l’Associazione Pro Loco di Bettolle, contattando la Presidente Roberta Bemoccoli, o l’Associazione La Frontiera il Martedi dalle ore 15:30 alle ore 18:45. Il costo della tessera è di € 5,00 e vi si trovano precaricati 30 centesimi di euro, le ricariche possono essere effettuate direttamente dal pannello della casina dell’acqua.

In questo modo chiunque potrà dare una mano alla salvaguardia dell’ambiente ed al risparmio energetico, si pensi che per produrre una sola bottiglia di PET da 1,5 litri occorrono 40g di plastica, pari a 80g di petrolio e circa 0,7 litri di acqua, con l’emissione di 240g di CO2 tra produzione e successivo smaltimento.

Una casina dell’acqua amica del clima e dell’ambiente e sicura sotto ogni aspetto in quanto monitorata con una maggiore frequenza rispetto alle acque in bottiglia che consentirà di sottrarre alle discariche circa 240mila bottiglie di plastica all’anno, che si traducono in circa 20 tonnellate di petrolio, 170mila litri di acqua e 57 tonnellate di anidride carbonica in meno in un anno, oltre all’eliminazione dalle strade di 20 tir per il trasporto dell’acqua imbottigliata.

L’impianto è gestito in collaborazione con una ditta specializzata che, oltre ad occuparsi di controllo e manutenzione, ha provveduto anche all’installazione.

Nessun commento su Anche a Bettolle è attiva la Casina dell’Acqua

La bioedilizia, un’edilizia migliore nel rispetto all’ambiente. Intervista a Leopoldo Manini

Per “bioedilizia” si intende un’edilizia rispettosa dell’ambiente, che in questi ultimi anni sta facendo passi da gigante. Gli edifici ecosostenibili hanno molti vantaggi, noi de La Valdichiana.it abbiamo incontrato Leopoldo…

Per “bioedilizia” si intende un’edilizia rispettosa dell’ambiente, che in questi ultimi anni sta facendo passi da gigante. Gli edifici ecosostenibili hanno molti vantaggi, noi de La Valdichiana.it abbiamo incontrato Leopoldo Manini, un giovane torritese che ha intrapreso la strada della bioedilizia e che ci ha spiegato il lavoro della sua azienda. La sua “engineering” ha sede a Torrita di Siena, ed è una numerosa équipe composta da geometri, geologi, ingegneri e altre personalità determinanti che contribuiscono a svolgere l’attività aziendale nel migliore dei modi.

“Ho scelto di operare nel settore della bioedilizia per una duplice valenza: commerciale ed etica. Dal punto di vista commerciale la bioedilizia offre più vantaggi rispetto all’edilizia tradizionale, per esempio una struttura in legno è in grado di resistere ai forti terremoti di cui oggi siamo testimoni, inoltre garantisce comfort abitativo unico ed un elevato risparmio energetico.
Dal punto di vista etico sappiamo che reimpiantare nuove alberature produce maggior quantità di ossigeno, se pensiamo invece alla realizzazione in laterizi o in cemento, ci accorgiamo di aver realizzato cave ovunque modificando quel paesaggio che la natura ha impiegato millenni per creare.”

Geom. Leopoldo Manini

Geom. Leopoldo Manini

Nella credenza comune questo settore è visto un po’ in modo scettico, e si tende a pensare che il mattone sia l’elemento da costruzione per eccellenza. Tu cosa ne pensi?

“Le novità creano sempre scetticismo, noi italiani impieghiamo molto tempo a modificare le nostre credenze, ma quando lo facciamo il cambiamento è radicale – continua Leopoldo –  Un esempio palese è il fotovoltaico, che ha visto partire l’Italia in estremo ritardo rispetto ad altri paesi Europei, per poi recuperare il tempo perso nel giro di pochi anni. La stessa cosa sta avvenendo con la bioedilizia. Generalmente chi si informa difficilmente rimane scettico e chi ha avuto la fortuna di costruire in bioedilizia non può che consigliarla.”

Ma le richieste di edifici ecosostenibili che ha la tua azienda, provengono solo dalla zona Valdichiana e zone limitrofe? E se invece provengono da un’area più ampia, come fate a farvi conoscere?

“Abbiamo richieste da tutta Italia, soprattutto dal Centro e dal Sud. Le persone ci conoscono perché partecipiamo a fiere, in più abbiamo un’ottima rete commerciale, e internet gioca un ruolo importantissimo. Le persone s’informano sui portali, sui siti specializzati, e conversano sui social.
Abbiamo una pagina Facebook con oltre 6000 seguaci, e questo dimostra che l’argomento crea interesse e curiosità tra le persone. Internet è senza dubbio la miglior vetrina al mondo, ma c’è da dire che il passaparola resta ancora il miglior sistema di vendita in assoluto.”

Abbiamo poi chiesto a Leopoldo cos’è il network Gruppo Bioedile, per avere le idee un po’ più chiare sul suo lavoro:

“Il network nasce per rispondere alle esigenze tecniche, logistiche e commerciali dei clienti di tutta Italia. Quindi abbiamo fondato il Gruppo Bioedile, un brand ormai molto conosciuto che rappresenta una rete specializzata nel settore della bioedilizia con progettisti, agenti immobiliari ed installatori. Questi network sono distribuiti su gran parte del territorio nazionale così da rispondere velocemente alle richieste che provengono localmente. La nostra azienda rimane comunque la capofila della filiera costruttiva garantendo qualità dei materiali utilizzati, standardizzazione delle procedure e garanzia sull’immobile costruito.”

Per concludere questa breve lezione sulla bioedilizia, abbiamo, infine, chiesto a Leopoldo quali sono i vantaggi veri di una casa ecosostenibile:

“Innanzitutto, la resistenza al sisma. Rigorosi test hanno dimostrato come una struttura in legno può resistere ai terremoti più forti. C’è poi il risparmio energetico. Costruiamo case che hanno un consumo di energia prossimo allo zero e talvolta, grazie a pochi kw di fotovoltaico, le nostre abitazioni riescono a produrre più energia di quanta ne viene consumata. E infine non possiamo dimenticare il benessere abitativo. Il legno garantisce infatti calore, accoglienza e salubrità degli ambienti: elementi purtroppo non riscontrabili nella maggior parte delle nostre abitazioni attuali.”

 

Nessun commento su La bioedilizia, un’edilizia migliore nel rispetto all’ambiente. Intervista a Leopoldo Manini

Luce calda per le strade di Chiusi, la nuova illuminazione pubblica

La notte a Chiusi è rischiarata da una nuova luce; continuano, infatti, i lavori all’impianto di illuminazione comunale e ben presto tutto il comune sarà ben illuminato, gradevole da vedere…

La notte a Chiusi è rischiarata da una nuova luce; continuano, infatti, i lavori all’impianto di illuminazione comunale e ben presto tutto il comune sarà ben illuminato, gradevole da vedere e più sicuro per i cittadini. Dopo il recente cambio dei corpi illuminanti in via Torri del Fornello, Pietriccia, Vignagrande e in tutta l’area di Rione Carducci gli operai del Comune, in questi giorni, sono all’opera per sostituire le lampade in molte altre importanti vie del paese: Leonardo da Vinci, Pico della Mirandola, Talamone, Giacosa, Mameli, Montegrappa, Piave ed in località Poggio Gallina.

L’impegnativo crono programma fissato dalla giunta Scaramelli riguardante la sostituzione dei corpi illuminanti del Comune, come promesso ai cittadini sia in campagna elettorale sia durante gli incontri di “Decidi Insieme a Noi”, sta quindi procedendo velocemente anche perché le spese sono interamente coperte da fondi comunali e quindi dalla solidità del bilancio chiusino.

“Lo abbiamo promesso ai cittadini – dichiara il sindaco Stefano Scaramelli – e per questo sono soddisfatto di come stanno andando avanti i lavori. Per la nostra Città il cambio dei corpi illuminanti è una operazione importante sotto vari punti di vista perché permette di agire in favore della sicurezza, allo stesso tempo permette di risparmiare denaro da reinvestire in servizi e non meno importate dona a Chiusi una immagine più gradevole. Oltre tutto stiamo lavorando esclusivamente con risorse proprie sia economiche che di personale visto che il cambio delle lampade è affidato agli operai del Comune. Come promesso i cittadini sono sempre informati dell’inizio dei lavori in modo tale che i nostri primi controllori siano proprio gli abitanti di Chiusi anche questo è un segnale nuovo di come si amministra una Città.”

I lavori dunque sono in corso ed a breve, oltre alle vie già interessate dai lavori, nelle prossime settimane gli operai del Comune saranno impegnati nel cambio dei corpi illuminanti nelal zona del Mar Nero, delle Biffe, in via Oslavia (molto importante per la presenza della scuola, della casina dell’acqua, dei giardini pubblici) e nelle frazioni di Macciano e Montallese.

Tutte le lampade già installate e quelle che a breve lo saranno sono a risparmio energetico e a vapori di sodio ovvero a luce calda così da uniformare la luce pubblica ad un unico colore particolarmente suggestivo anche per le caratteristiche urbane, storiche e rurali della Città di Chiusi.

Nessun commento su Luce calda per le strade di Chiusi, la nuova illuminazione pubblica

Riaperto il punto vendita Incoop di Montalcino

Dopo un breve periodo di chiusura dedicato alla ristrutturazione, a Montalcino (SI) è stato riaperto alle vendite lo storico negozio Incoop del gruppo Coop Centro Italia. L’intervento, che ha richiesto…

Dopo un breve periodo di chiusura dedicato alla ristrutturazione, a Montalcino (SI) è stato riaperto alle vendite lo storico negozio Incoop del gruppo Coop Centro Italia. L’intervento, che ha richiesto circa un mese di intenso lavoro, è servito ad aumentare la funzionalità e a dare una nuova immagine al punto vendita. Situato in Via Sant’Antonio il negozio Incoop, che si sviluppa su una superficie di circa 370 metri quadrati ed è dotato di 3 casse, è il simbolo della capacità di Coop Centro Italia di stare al passo con i tempi, di offrire a tutta la comunità un servizio adeguato, una presenza sociale sentita insieme ad una presenza commerciale fortemente competitiva.

Il punto vendita, completamente rinnovato, propone un’offerta basata sui prodotti a marchio Coop che garantiscono, rispetto ai corrispondenti articoli di marca, un risparmio fino al 30% valorizzando peraltro la qualità e la sicurezza. Un’attenzione particolare è dedicata alle linee Vivi Verde Coop e Fior Fiore Coop, caratterizzate rispettivamente dalla massima attenzione alla tutela dell’ambiente e dall’alta qualità gastronomica. Rimane confermato lo sconto del 5% sulla spesa, tutti i giorni e per tutto l’anno, riservato ai Soci Coop Centro Italia.

All’interno del negozio molta importanza viene data ai reparti freschi come l’ortofrutta dove è possibile trovare ogni giorno, tutto l’anno, frutta e verdura di stagione a meno di 1 € al kg. A disposizione dei soci e dei clienti c’è il nuovo reparto forneria (con pane sempre fresco, baguettes, pizze e focacce appena sfornate), il banco gastronomia dove è possibile trovare un vasto assortimento di formaggi e salumi provenienti anche da produttori locali, per sancire in modo più profondo il rapporto di Coop Centro Italia con il territorio, e il banco del take away, che offre tante soluzioni per chi ha poco tempo.

Incoop Montalcino 2

La macelleria, con carni freschissime e di qualità, propone al banco servito tanti piatti “pronti da cuocere” e, tutti i giorni, vitellone a marchio Coop ai prezzi più bassi. Nel punto vendita è presente anche una caratteristica cantina con un’ampia scelta di vini del territorio.

Nella fase di ristrutturazione molta cura è stata riservata ad alcuni accorgimenti tecnici che permettono di salvaguardare al massimo l’ambiente, come ad esempio: la copertura permanente dei banchi frigo dei surgelati con illuminazione a LED, l’utilizzo di plafoniere al neon di nuova generazione denominate “T5” per il risparmio energetico e il recupero del calore prodotto dall’impianto frigorifero per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria.

Il punto vendita propone un elevato livello di servizio abbinato ad un’ampia scelta di prodotti: un salto di qualità nel soddisfare le aspettative dei numerosi Soci Coop Centro Italia e clienti che fin dalle prime ore del mattino sono andati a visitarlo per fare i primi acquisti.

Nessun commento su Riaperto il punto vendita Incoop di Montalcino

Il castello di Sarteano al buio per “M’illumino di meno”

Nessuna paura se nella serata San Valentino i sarteanesi non vedranno, come sempre, il castello illuminato. Si tratta della scelta del Comune di Sarteano di aderire a “M’illumino di meno”,…

Nessuna paura se nella serata San Valentino i sarteanesi non vedranno, come sempre, il castello illuminato. Si tratta della scelta del Comune di Sarteano di aderire a “M’illumino di meno”, la giornata di silenzio energetico promosso dal programma radiofonico di Radio2 Caterpillar. Per questo, in nome della sostenibilità energetica, non verranno accese per l’intera serata di venerdì 14 febbraio, le luci del monumento simbolo della cittadina.

“Anche quest’anno aderiamo a quello che è sicuramente un gesto simbolico – afferma il sindaco Francesco Landi – ma che rappresenta un momento importante per ricordarci ad utilizzare con più responsabilità e maggiore consapevolezza le risorse energetiche che abbiamo a disposizione. Questa iniziativa serve a ricordarci che le politiche ambientali partono dai singoli comportamenti dei cittadini”.

La campagna di sensibilizzazione è la celebre M’illumino di meno, giornata del risparmio energetico lanciata da Caterpillar, con tantissimi sostenitori, da singoli cittadini a varie istituzioni, tutti decisi ad adottare comportamenti virtuosi in tema ambientale e a “scendere in campo” per un futuro più illuminato, all’insegna della razionalizzazione dei consumi energetici.

Dopo la stesura dell’Agendina Verde, in collaborazione con le menti più brillanti della ricerca ambientale, Caterpillar continua così la propria “campagna elettorale” per gestire in modo oculato le energie del paese con la diffusione di slogan, locandine e simbolo di M’illumino di meno. Nel frattempo, tutti gli ascoltatori sono invitati a coniare slogan che condensino l’ormai celebre decalogo di M’illumino di meno: “Yes we spegn”, “Il contatore è mio e me lo gestisco io”, “Rottama lo spreco” o “Liberté, égalité, risparmieté”.

Nessun commento su Il castello di Sarteano al buio per “M’illumino di meno”

A Città della Pieve e Farnetella “M’ILLUMINO DI MENO”. Spegni lo spreco, accendi la cultura!

M’illumino di Meno, la più celebre campagna di sensibilizzazione radiofonica sul Risparmio Energetico e sulla razionalizzazione dei consumi, lanciata da Caterpillar, Rai Radio2, è giunta alla sua decima edizione: è…

M’illumino di Meno, la più celebre campagna di sensibilizzazione radiofonica sul Risparmio Energetico e sulla razionalizzazione dei consumi, lanciata da Caterpillar, Rai Radio2, è giunta alla sua decima edizione: è il momento di un primo bilancio da parte di chi in questi anni ha concretizzato l’invito a investire sul cambiamento delle proprie abitudini e sulle energie rinnovabili, dall’adozione del fotovoltaico all’auto elettrica, dall’uso della bici alla gestione intelligente dell’illuminazione e degli elettrodomestici.
L’invito consueto è quello di aderire ad un simbolico “silenzio energetico”nella Giornata del Risparmio energetico, il 14 febbraio 2014. Dopo aver spento i più noti monumenti delle città italiane ed europee nelle passate edizioni, Caterpillar e il suo spin-off mattutino CaterpillarAM invitano tutti, dalle istituzioni ai privati cittadini, dalle scuole ai negozi, dalle aziende alle associazioni culturali, a rendere visibile la propria attenzione al tema della sostenibilità spegnendo piazze, vetrine, uffici, aule e private abitazioni, tra le 18 e le 19,30, durante la messa in onda della trasmissione. Si tratta di un gesto simbolico cui da qualche anno affianchiamo anche l’invito ad accendere, laddove possibile, luci “pulite”, facendo ricorso a fonti rinnovabili e sistemi intelligenti di illuminazione.
Il 14 febbraio 2014, per festeggiare il decennale dell’iniziativa, Caterpillar invita in modo particolare i musei a mostrare simbolicamente il proprio amore per il Pianeta spegnendo brevemente le luci su un proprio capolavoro, eventualmente illuminandolo a Led o con altre tecniche intelligenti, per sottolineare il legame tra cultura e sostenibilità ambientale. Questa campagna ha ottenuto anche quest’anno l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e il Patrocinio del Parlamento Europeo.

E Farnetella aderirà a questa manifestazione spegnendo l’illuminazione pubblica a partire dalle ore 19,30 circa. Per riscaldare la serata verrà acceso un falò e si potranno degustare in compagnia minestra di pane, costole e salsicce. Parte dell’illuminazione circostante la festa sarà prodotta da una dinamo. In caso di condizioni metereologiche avverse sarà disponibile un locale al coperto per potersi riparare dal freddo. Questo è stato organizzato in collaborazione con: Polisportiva Farnetella, Cooperativa Culturale Farnetella, Circolo “Il Forno” Farnetella, Società Filarmonica Pietro Mascagni Farnetella. Con il patrocinio del Comune di Sinalunga.

A Città della Pieve, l’Istituto scolastico comprensivo “Pietro Vannucci”, il Teatro dei Macchiati e l’Arci di Città della Pieve, organizzano uno spettacolo teatrale dal titolo emblematico: “C’era una volt”. L’appuntamento è il 14 febbraio alle 18,15 al Teatro comunale Accademia degli Avvaloranti, dove ben 110 bambini, alunni dell’Istituto Vannucci, classi quinte del capoluogo, terza, quarta e quinta di Moiano, seconda, terza e quinta di Po’ Bandino, racconteranno l’evoluzione, nella storia, del rapporto tra uomo, progresso ed efficienza energetica. Con ironia e poetica narrativa i bambini si trasformeranno in tanti piccoli grilli parlanti, che si rivolgeranno a tutto il pubblico degli Avvaloranti, a partire dai propri genitori, rappresentando la “buona coscienza collettiva”, una guida attraverso una storia a cavallo tra fantasia e realtà, verso la consapevolezza. La campagna di Caterpillar invita ad aderire con un gesto simbolico, tra le 18,00 e le 19,30, durante la messa in onda della trasmissione: spegnere le luci, accendendo, laddove possibile, luci “pulite”, facendo ricorso a fonti rinnovabili e sistemi intelligenti di illuminazione. Al termine dello spettacolo, gli ospiti del teatro comunale saranno invitati ad una passeggiata nei vicoli del centro storico, dove l’illuminazione pubblica è stata riqualificata, naturalmente prestando attenzione al risparmio energetico.

Nessun commento su A Città della Pieve e Farnetella “M’ILLUMINO DI MENO”. Spegni lo spreco, accendi la cultura!

Type on the field below and hit Enter/Return to search