La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: ricette

Cosce di pollo con crema di aglione della Valdichiana

Nel precedente articolo, ci eravamo lasciati con Marisa Bacconi impegnata nella creazione di un accompagnamento adatto ad arricchire i piatti da servire alla figlia minore senza farle correre rischi e…

Nel precedente articolo, ci eravamo lasciati con Marisa Bacconi impegnata nella creazione di un accompagnamento adatto ad arricchire i piatti da servire alla figlia minore senza farle correre rischi e siamo così giunti alla scoperta della crema di aglione della Valdichiana, una salsa adatta per condire sia secondi che primi piatti, ma esamineremo quest’opzione nel prossimo articolo. Stavolta ci concentreremo su un secondo piatto, una gustosa – e ben più economica – alternativa all’arrosto per il quale è stato pensato questo gustoso condimento.

L’arrosto con la crema di aglione era stato un vero e proprio successo, Adelina e tutto il resto della famiglia l’avevano letteralmente adorato, e a Marisa era dispiaciuto molto dover dire loro che, purtroppo, avrebbero dovuto aspettare un altro Natale per mangiarlo. In una famiglia povera come era sempre stata la loro, non era affatto facile procurarsi dell’arrosto al di fuori delle festività e, in generale, la carne rossa era troppo costosa per poter essere servita nei giorni normali; non c’era niente di male nella carne bianca, a tutta la famiglia Bacconi piaceva moltissimo il pollame, ma dopo tanti anni Marisa aveva esaurito le idee per cucinarla in maniera sempre diversa e presto, probabilmente, tutti si sarebbero stancati di poter mangiare solo pollo, piccione, faraona e, ben più raramente, tacchino.

Per di più, da quando avevano scoperto l’allergia di Adelina all’aglio, le varianti per cucinare la carne erano notevolmente diminuite ed il sapore era diventato via via meno intenso e gradevole ed ormai erano sempre meno i piatti che Marisa poteva cucinare e che soddisfacessero tutta la famiglia; la cosa che sembrava mancare maggiormente a tutti, ed anche a lei, erano però le cosce di pollo arrosto che lei era solita cucinare ogni fine-settimana: accuratamente impanate con un battuto di erbe aromatiche, sale e aglio e poi lasciate cuocere lentamente su una brace che sembrava quasi spenta. Da quando era stata costretta ad eliminare l’aglio dagli ingredienti che usava per cucinare, le cosce non avevano più avuto lo stesso sapore e, dopo un paio di tentativi fallimentari durante i quali quasi tutta la carne era rimasta attaccata alle ossa perché non gradevole come al solito, si era vista costretta a eliminare anche quel piatto dall’ampio menù che seguiva ormai da tanti anni. Riusciva a vedere la malinconia negli occhi dei suoi famigliari quando, fin troppo spesso, si vedeva costretta a cucinare semplice petto di pollo al latte e salvia e le sarebbe davvero piaciuto poter tornare a cucinare le cosce per vedere l’entusiasmo rimpiazzare la malinconia; aveva cercato anche delle varianti a quella preparazione, proprio come aveva fatto per gli spaghetti al pomodoro e con l’arrosto di Natale e, anche per le cosce, non era arrivata ad una soluzione soddisfacente prima di scoprire – o meglio, riscoprire – l’esistenza dell’aglione.

Il percorso non era stato semplice, il battuto di aglione non si era dimostrato efficace quanto quello di aglio, così lei era stata costretta a pensare ad un altro modo per condire le cosce; non era riuscita a giungere ad una conclusione prima di Natale, quando scoprì il modo migliore, fino a quel momento, per usare l’aglione all’interno di un piatto di carne. Se la crema di aglione che aveva fatto stava bene con l’arrosto, si era detta, era altamente probabile che stesse bene anche con le cosce di pollo che amava tanto preparare: da un certo punto di vista, aveva ragione; l’aglione ridotto in crema insaporiva bene anche la carne di pollo, il problema principale era che quest’ultima era un po’ insipida e diventava fin troppo dolciastra una volta condita con la salsa. Quello comunque era un ostacolo piuttosto facile da superare, infatti a Marisa fu sufficiente fare un trito di semi (per l’occasione usò quelli di papavero, di zucca e di girasole visto che in campagna erano decisamente i più facili da reperire) e pangrattato e pensare ad un contorno saporito e piuttosto amaro per contrastare l’eccessiva dolcezza della carne; anche quell’ingrediente fu trovato piuttosto in fretta e, da quell’anno in poi, anche le cosce di pollo in panatura di semi, peperoni arrostiti e crema di aglione della Valdichiana entrarono di diritto a far parte dei piatti preferiti di tutta la famiglia Bacconi.

Così, grazie a questo capitolo, abbiamo scoperto un altro impiego di questa deliziosa crema all’aglione e chissà quanti altri potrebbero dimostrarsi validi facendo qualche esperimento! Per ora, comunque, possiamo ancora affidarci alle sapienti mani di Marisa per scoprire altri impieghi non solo di questa crema nello specifico, ma anche del suo ingrediente principale.


La ricetta: ingredienti per 4 persone

4 cosce di pollo
4 peperoni
250 gr di aglione della Valdichiana
2 lt di latte
Mezzo litro di crema di latte
sale, pepe, olio evo qb, timo

Per la paanatura:

100 gr di semi misti
200 gr di pane Panko (o pangrattato)
200 gr di farina
6 tuorli

Pera la crema di aglione della Valdichiana:

Sbucciare l’aglione, bollirlo per circa 2/3 minuti nel latte e ripetere questo passaggio 4 volte; mettere l’aglione nel mixer con la crema di latte e un pizzico di sale e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo.

Preparazione:

Pulire le cosce liberando l’osso (senza toglierlo) e avvolgerle singolarmente nella carta velina dando una forma tonda; cuocerle per circa 20 min. in acqua bollente e, una volta fredde, impanarle passandole nella farina, nel tuorlo e poi nel pane Panko misto a semi per poi lasciarle riposare in frigo almeno mezz’ora.

Preparare i peperoni sbucciandoli con una pelapatate e tagliarli a listarelle, disporli poi in una teglia da forno con sale, pepe, olio evo e timo e cuocerli per circa 30 min. a 190°.

Friggere le cosce di pollo in olio evo fino a doratura e servirle accompagnate dai peperoni.

(per la ricetta ringraziamo il ristorante “Le Logge del Vignola” di Montepulciano  e l’Associazione per la tutela e la valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana)

Nessun commento su Cosce di pollo con crema di aglione della Valdichiana

La crema di aglione della Valdichiana

Il nostro viaggio alla scoperta dell’aglione della Valdichiana continua, e anche stavolta ci occuperemo della nascita di un prodotto che è un ottimo accompagnamento per diversi piatti: la crema di…

Il nostro viaggio alla scoperta dell’aglione della Valdichiana continua, e anche stavolta ci occuperemo della nascita di un prodotto che è un ottimo accompagnamento per diversi piatti: la crema di aglione. Nel precedente articolo abbiamo conosciuto la famiglia Bacconi e, in particolare, la piccola Adelina, la figlia minore allergica all’aglio a cui si deve, probabilmente – o almeno, così ci racconta questa fiaba popolare -, la nascita dei famosi Pici all’aglione (ricordiamo infatti che questo bulbo nello specifico non provoca reazioni allergiche); la storia di questa famiglia non si ferma a questo primo piatto, si dice infatti che gran parte delle ricette che hanno come protagonista l’aglione siano nate proprio all’interno delle mura di casa Bacconi, ed è proprio da qui che riprendere il nostro racconto.

Il Natale si stava avvicinando e, come ogni anno, Marisa si stava dando da fare per preparare tutti i piatti più buoni e sontuosi a cui riuscisse a pensare; l’ultimo arrivo nel menù di Natale erano i pici all’aglione, che aveva perfezionato col tempo e che ormai tutti in famiglia chiedevano come piatto principale. Era davvero un piacere per lei poter vedere la figlia minore spazzolare tutto il piatto senza disdegnare una bella scarpetta, era felice di aver trovato il modo di farle mangiare qualcosa che le piaceva così tanto senza farle correre alcun rischio; si era impegnata quotidianamente per capire cos’altro avrebbe potuto servirle, aveva sperimentato diversi sughi e condimenti ma, fino a quel giorno, non aveva trovato niente che la soddisfacesse appieno. Forse doveva provare un approccio diverso, forse lavorare quel prodotto che conosceva tanto poco non era facile come aveva pensato: dopo tanti anni passati ad usare solamente l’aglio, si affidava a ricette e metodi prestabiliti e, a quanto pareva, non funzionavano sempre se usati su un prodotto simile, ma anche tanto diverso com’era l’aglione.

Aveva ricontrollato tutti i libri di ricette delle sue ave, li aveva esaminati in lungo e in largo ma, a parte il piccolo appunto che aveva trovato (“aglione, non impedisce il respiro”), non sembrava esserci altro che potesse aiutarla: nessuna ricetta specifica, nessuna indicazione, a quanto pareva avrebbe dovuto fare affidamento solo sulle sue capacità e in fondo, se ci era riuscita una volta, poteva riuscirci ancora. Purtroppo, quando la Vigilia di Natale era ormai alle porte, Marisa non aveva ancora trovato un altro modo soddisfacente di usare l’aglione: stava cominciando a perdere le speranze, ma il pensiero di Adelina che guardava l’arrosto fumante condito con un delizioso olio all’aglio senza poterlo neanche assaggiare, le faceva piangere il cuore; così, trasformandosi in qualcosa di molto simile a un alchimista, mise sul fuoco sei pentole diverse e riprese a sperimentare, cercando di non ripercorrere i passi fatti fino a quel momento. Il problema principale era che il gusto piccante e anche un po’ dolciastro dell’aglione non insaporiva l’olio in maniera corretta, come invece faceva il cugino aglio, e ogni volta che ci provava il condimento aveva un sapore strano e non completamente gradevole; aveva provato a metterlo in infusione senza pestarlo, a farlo bollire in un po’ d’acqua prima di cuocere tutto insieme, aveva usato pestati di diversa natura (sale, pepe, prezzemolo, salvia e quant’altro), ma quel gusto particolare non sembrava aver intenzione di sparire. Forse, come aveva già pensato, era il principio a essere sbagliato, forse la chiave era non usare l’olio com’era abituata a fare ma cercare di creare qualcosa di diverso; era ormai notte fonda quando, dopo essersi addormentata con la testa appoggiata sul tavolo della cucina, ebbe come un’illuminazione: quando era bambina a lei non piaceva l’aglio, sapeva che faceva bene ma non riusciva a tollerarne il sapore, eppure sua madre aveva sempre trovato il modo di ingannarla e farglielo mangiare comunque. Ma certo! Era proprio quella la chiave: usare lo stesso trucchetto che sua madre usava con lei; si alzò dalla sedia con entusiasmo crescente, prese il grosso giubbotto del marito e si diresse verso la stalla per mungere un paio delle mucche e poter avere così l’ingrediente che le mancava. Una volta raccolto un po’ di latte tornò in cucina e riprese con gli esperimenti; dapprima neanche quell’idea sembrò funzionare, ma lei era sicura che fosse proprio quello l’unico metodo giusto per creare un condimento perfetto per la figlia, così non si diede per vinta.

Il sole era già alto da un pezzo, la tavola era apparecchiata di tutto punto e la famiglia Bacconi vi si era riunita tutt’intorno quando Marisa uscì dalla cucina con un sorriso raggiante e un grosso arrosto fra le mani; lo posizionò al centro del tavolo e poi sparì di nuovo dietro la tenda, ricomparendo qualche istante dopo con una piccola ciotola stretta fra le mani: tutta quella fatica aveva dato i suoi frutti in fondo, la crema di aglione vedeva finalmente la luce e anche Adelina avrebbe potuto mangiare il delizioso arrosto della mamma.

Ci sono davvero tanti modi diversi di usare l’aglione della Valdichiana; se impiegato nel modo giusto il suo gusto particolare si abbina perfettamente ad ogni pietanza, e questa crema nello specifico si sposa molto bene con primi e secondi piatti. Per scoprirlo non ci resta che continuare il nostro viaggio immaginario insieme a questa famiglia e chissà, magari Marisa ci darà la giusta ispirazione per servire ai nostri amici un piatto che non avrebbero mai immaginato di mangiare.

La crema di aglione della Valdichiana: la ricetta

Ingredienti

250 grammi di aglione
2 litri di latte
Mezzo litro di crema di latte
Sale q.b.

Sbucciare l’aglio, bollirlo per circa 2/3 minuti nel latte e ripetere questo passaggio per quattro volte. Metterlo nel mixer con la crema di latte e un pizzico di sale e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo.

1 commento su La crema di aglione della Valdichiana

I pici all’aglione della Valdichiana

C’è una storia gastronomica che affonda le sue radici in tempi antichissimi, la storia di un prodotto prezioso ma purtroppo sconosciuto ai più, anche se sicuramente ne avrete già sentito…

C’è una storia gastronomica che affonda le sue radici in tempi antichissimi, la storia di un prodotto prezioso ma purtroppo sconosciuto ai più, anche se sicuramente ne avrete già sentito parlare. Chi di voi, sfogliando il menù di un’osteria toscana, non si è mai trovato davanti i famigerati ‘pici all’aglione‘? E quanti avranno scelto di evitarli per non rischiare di dover rimanere in silenzio per tutto il resto della serata a causa dell’odore poco gradevole, per così dire, emanato dal presunto ingrediente principale di questo piatto?
Potrei scommettere che in molti abbiate fatto questa scelta. Ma se ora vi dicessi che non c’è bisogno di preoccuparsi, che l’aglio non è affatto – o almeno non dovrebbe essere – un ingrediente di questa ricetta e che potreste godervi una generosa porzione di pici all’aglione senza preoccuparvi dell’olfatto dei vostri commensali, rimarreste stupiti? Forse sì, o almeno me lo auguro, perché è proprio da qui che parte la nostra storia.

L’allium ampeloprasum var. holmense, volgarmente noto come aglione, è una varietà di aglio che si coltiva nel territorio della Valdichiana sin dal XVI secolo.
Pur essendo conosciuto e coltivato da molto tempo, è stato davvero riscoperto solo in tempi recenti, pur rimanendo un prodotto di nicchia a causa del suo costo elevato (si arriva a 15-18 euro al chilo) e della sua diffusione limitata quasi esclusivamente all’interno dei confini della Toscana (chi volesse reperirlo o scoprire chi lo produce può rivolgersi all’Associazione per la Tutela e la Valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana).
La scarsa fama di questo prodotto può derivare anche da una mancanza di informazione: chi non ne ha mai sentito parlare potrebbe pensare che non differisca poi molto dall’aglio e che quindi non valga la pena prestargli troppa attenzione. Ma l’aglione e l’aglio sono in realtà molto diversi, non solo per la forma (l’aglione è molto più grosso, come si può facilmente intuire dal nome).

Qual è la prima, sostanziale differenza tra questi due ortaggi?
Proviamo a immaginare quanto possa essere complicato, per qualcuno allergico all’aglio, andare a mangiare in un ristorante: nella cucina italiana è un ingrediente molto usato, per esempio nel sugo di funghi, nel pesto, nella famosa ribollita toscana e in moltissimi altri piatti. I soggetti allergici sono quindi costretti a prestare sempre molta attenzione a quello che ordinano. E qui sta proprio la chiave del malinteso: l’aglione, a differenza dell’aglio, non provoca alcun tipo di allergia, proprio come ci racconta la tradizione, e può essere quindi consumato anche da chi è allergico all’aglio.

Adelina aveva cinque anni la prima (e fortunatamente ultima) volta che, dopo aver mangiato una sola forchettata dei pici al pomodoro e aglio della mamma, smise quasi del tutto di respirare, destando il più completo terrore attorno alla tavola alla quale sedeva assieme a tutta la sua famiglia. Non ricordava molto di quel pranzo, sapeva solo che a un certo punto si era sentita soffocare come quando, solo qualche mese prima, era finita per sbaglio nel doppiofondo dell’armadio dei suoi genitori e si era sentita sollevare da terra, senza avere idea di chi fossero le braccia che la cingevano.
Si era svegliata un paio d’ore più tardi, madida di sudore e con un forte dolore al centro del petto, sentendo il padre spiegare al resto della famiglia che probabilmente non tollerava qualcosa che aveva mangiato e che tutti si sarebbero dovuti impegnare per capire che cosa fosse. Anche se Gilberto Bacconi aveva deciso di tornare a prendersi cura del podere una volta finita la guerra, non aveva mai dimenticato tutto quello che aveva imparato come medico dell’esercito. Quegli insegnamenti gli avevano permesso di salvare la vita alla figlia più piccola, ma non era comunque sicuro che sarebbe stato in grado di riuscirci una seconda volta. Non sapeva molto di allergie, che non erano state la preoccupazione principale durante una guerra cruenta quanto la Prima Guerra Mondiale, ma aveva visto morire sua madre dopo un attacco troppo simile a quello di Adelina. Così si disse che avrebbero dovuto fare molta attenzione affinché un episodio simile non si ripetesse.
Non fu una scoperta immediata, fu come giocare una brutta partita di Roulette Russa con la bambina, ma alla fine fu chiaro che era l’aglio a nuocere alla piccola Adelina. Non fu semplice privarsi di quell’ingrediente così tradizionale: quasi ogni cosa cucinata dalle sapienti mani di Marisa ne aveva contenuta, fino a quel momento, una dose più o meno consistente, ma era imperativo riuscire a farne a meno.

Nei cinque anni successivi, la donna ebbe molto tempo per sperimentare e diventare brava a sopperire a quella che, per una famiglia di contadini toscani, era decisamente una grossa mancanza. Di tanto in tanto, specialmente in occasioni di compleanni o feste importanti, qualcuno si azzardava a chiedere un piatto dei pici al pomodoro e aglio che non vedevano la luce in casa Bacconi da tanto tempo, ma Marisa decise di cucinarli di nuovo solo quando a chiederglieli fu proprio Adelina, il giorno del suo decimo compleanno. Lei ovviamente si rifiutò, ma quando la figlia proseguì dicendo che era il suo unico desiderio per quel compleanno, Marisa acconsentì col cuore attanagliato dalla paura. Avevano cercato di spiegare alla bambina che non era per scelta  che l’avevano privata di quello che, dopo una sola forchettata, era diventato il suo piatto preferito, che le avrebbe fatto molto male mangiarlo, ma lei sembrava così entusiasta al solo pensiero, che Marisa proprio non riuscì a negarle quell’unico regalo.
Le soluzioni erano molteplici: avrebbe potuto fare un semplice sugo di pomodoro senza usare l’aglio, ma era sicura che Adelina se ne sarebbe accorta e non aveva alcuna intenzione di deluderla. Così cominciò a pensare a come riuscire a rendere felice la bambina senza, ovviamente, farle rischiare la vita. Sfogliò tutti i libri di cucina presenti in casa (per la maggior parte scritti dalle sue ave) finché non si imbatté in un appunto piuttosto curioso, vergato a mano probabilmente con una penna d’oca. Era scritto proprio accanto alla ricetta dei famosi pici al pomodoro che ormai conosceva a memoria da più di vent’anni; tuttavia, non ricordava assolutamente quel particolare.
La parola aglio era stata cancellata con una sottile linea nera e accanto era stato appuntato “aglione, non impedisce il respiro”. Era quello il problema che aveva avuto Adelina: le era proprio mancato il respiro. Quell’appunto significava forse che quell’aglione, sicuramente in qualche modo simile all’aglio ma di cui lei non aveva mai sentito parlare, potesse essere mangiato anche da sua figlia minore? Continuò a studiare l’argomento, si consultò col dottore del paese, col proprietario della drogheria, col fruttivendolo e alla fine capì che la sua deduzione era esatta, che quell’antico appunto era esatto. Grazie a quella scoperta poteva realizzare l’unico desiderio di compleanno della figlia: non più dei semplici pici al pomodoro e aglio, ma degli innovativi e autentici pici all’aglione.

Questa forse è solo una storia, forse Adelina non è mai esistita (chissà), ma ciò che è senza dubbio vero è che l’aglione è l’ingrediente ideale per coloro che, impossibilitati a mangiare aglio, non vogliono privarsi di quel sapore piccante e un po’ dolce che è la sua caratteristica più apprezzata.

 

 

I pici all’aglione della Valdichiana: la ricetta

Ingredienti per 4 persone – Pici fatti in casa
400 g di farina 0
200 g di farina di grano duro
300 g di acqua

Mescolate bene le due farine, meglio se le setacciate. Disponetele a fontana sulla spianatoia, versate l’acqua nel cratere e incorporate la farina poco a poco.
Impastate per 10 minuti, dopo di che prendete la pasta e cominciate a fare delle strisce. Rollatele con le mani fino a ottenere dei lunghi spaghettoni . Per evitare che si attacchino, disponeteli su un piano cosparso di semolino in attesa della cottura. Il picio deve cuocere circa 15 minuti.

Ingredienti per il sugo
500gr di pomodori
50gr di aglione
olio extravergine di oliva
mezzo bicchiere di vino
sale
pepe e peperoncino a gusto

Per prima cosa, si sminuzza l’aglione. C’è chi preferisce tagliarlo a pezzi e chi preferisce schiacciarlo: in alternativa si possono frullare gli spicchi e qualche cucchiaio d’olio con un frullatore a immersione, e versare la pasta così ottenuta in un tegame dove si sarà fatto scaldare un po’ d’olio. Quando l’aglione comincia a dorarsi, stando attenti a non farlo attaccare al fondo, si aggiunge il mezzo bicchiere di vino (per esempio un Valdichiana Toscana DOC bianco) e lo si lascia ritirare ottenendo infine una crema. A questo punto si può spegnere la fiamma mentre si prepara il pomodoro, in modo che l’aglione non bruci.
Per quanto riguarda i pomodori si può usare la passata già pronta oppure i pelati (che andranno frullati una volta rimossi i piccioli). Il risultato finale dovrà essere una salsa, quindi se si sceglie di usare i pomodori freschi tagliati a cubetti bisognerà lasciarli cuocere fino a che non saranno completamente sfatti.
Quando la crema di aglione è pronta, a fiamma accesa si unisce il pomodoro e si amalgama il tutto. Se si è scelto di usare passata o pelati il tempo di cottura sarà di circa 30 minuti (o comunque fino a quando il pomodoro non si sarà addensato), per i pomodori freschi invece i tempi saranno più lunghi.

Quando la salsa è pronta, condite i pici, servite e abbuffatevi!
L’aglione è un ortaggio che ancora viene prodotto in quantità limitate ed è più facile reperirlo tra luglio e novembre. Un’ottima idea per gustarsi la salsa all’aglione tutto l’anno è prepararla in grandi quantità e farne delle conserve.

1 commento su I pici all’aglione della Valdichiana

Il ciambellino, dolce pasquale per eccellenza, tra storia e tradizione

Correva l’anno 1968, e mentre la gioventù di mezzo mondo era impegnata nella lotta di classe, in Valdichiana, in particolare nel piccolo borgo di Rigomagno oltre alla passione politica, non…

Correva l’anno 1968, e mentre la gioventù di mezzo mondo era impegnata nella lotta di classe, in Valdichiana, in particolare nel piccolo borgo di Rigomagno oltre alla passione politica, non disdegnavano la passione per il buon cibo. Fu così che nella Pasqua di 49 anni fa, un gruppo di giovani dette vita alla Sagra del Ciambellino, una festa che aveva l’intenzione di celebrare un dolce immancabile nelle celebrazioni delle festività pasquali: il ciambellino.

Una storia che a dire il vero affonda le sue radici molto più lontano. Se il 1968 segna la nascita della sagra dedicata al ciambellino, già molto tempo prima questo dolce era presente nelle tavole della Valdichiana senese e aretina.

Sacro e profano si fondono in questo dolce dal gusto molto invitante, capace di declinarsi in molteplici varianti. Come per molti cibi della tradizione popolare è difficile ricostruire un percorso univoco sulle origini, perchè ogni borgo, così come ogni casa, ci offre racconti e storie diverse sui natali di questo dolce che contraddistingue la storia delle nostre terre. Ma è proprio questa diversità che arricchisce la nostra tradizione culinaria e che conferisce ad ogni pietanza ancora più mistero con la curiosità di scoprirne i misteri morso dopo morso.

Il ciambellino conserva ancora tutto il suo antico fascino, e puntuale come un vecchio amico si presenta ogni anno sulle nostre tavole in occasione delle celebrazioni pasquali. La maggior parte dei racconti infatti legano la nascita del ciambellino ai riti della Settimana Santa. La tradizionale forma tondeggiante del dolce, del diametro di circa 20 cm, rappresenta la corona di spine del Cristo. Al tempo stesso proprio la forma e la presenza dell’uovo nell’impasto, alludono a tutto l’universo dei simbolismi correlati ai riti della fertilità e della primavera, che segna la rinascita del ciclo naturale e della vita. La perfetta forma circolare del ciambellano e dell’uovo, senza inizio ne fine, esprimono appieno l’idea di resurrezione e vita senza fine.

Per quello che attiene la storia del ciambellino, le tracce più antiche di questo dolce risalgono alla prima metà del XIII secolo, presso il convento delle Vallesi, nelle terre di Rigomagno. Non ci è possibile dare al lettore informazioni certe e dettagliate circa le reali condizioni che portarono alla nascita del ciambellino, ma un aneddoto ci racconta che i frati agostiniani del convento, meticolosi nello studio e devoti nella preghiere, quando si trovarono tra i fuochi della cucina con gli ingredienti del futuro dolce tra le mani fecero cadere il vassoio creando un bel guaio. Allora i frati, per cercare di rimettere insieme i ‘cocci’, secondo il primo principio della termodinamica per cui in un sistema chiuso nulla si distrugge o si crea ma tutto si trasforma, mescolarono in maniera casuale gli ingredienti e dettero vita al ciambellino.

Spostandoci in avanti di qualche secolo, fino al 1800, possiamo trovare le tracce di una versione diversa del ciambellino classico, quello bollito. Rispetto alla versione classica, il ciambellino bollito, che presenta un doppio procedimento di cottura, prima la bollitura e poi la messa in forno, appare molto diverso sia per consistenza che per sapore e aroma. Il ciambellano bollito è come se fosse formato da due ciambelle sovrapposte, a causa di un solco che corre lungo il perimetro per far aderire meglio lo zucchero. Inoltre sapore e odore sono molto decisi e intensi per l’abbondanza di semi di anice e la generosa spennellata di liquore con la quale viene ricoperto. Questa complessità si riflette anche nella preparazione, soprattutto nella fase della bollitura, dove solo piccoli errori nella temperatura sono più che sufficienti per mandare all’aria tutto il lavoro.

Per quanto riguarda la ricetta tradizionale non ne esiste un’unica versione, ma il ciambellino si arricchisce degli aromi, dei sapori e della storia di ogni paese. Possiamo tuttavia ricostruire un canovaccio consolidato di ingredienti che costituiscono il DNA del dolce. Uova, zucchero, farina, burro, vaniglia, liquore, semi di anice, olio extravergine d’oliva, lieto naturale, limone e arancia grattugiata. Ecco il cuore pulsante del ciambellino. A questo punto arriva la parte più interessante: l’assaggio. Ricordate bene, il ciambellino è come un bell’abito nero, va bene in qualsiasi occasione, o se preferite come una persona cara, della quale non ci si stanca mai.

Numerosi sono i momenti nei quali potete gustarvi il ciambellino. Se infatti vi sentite particolarmente mattinieri, desiderosi e impazienti di assaporare un vero fuoriclasse della pasticceria nostrana, non abbiate paura, tirate fuori un po’ della vostra spavalderia culinaria, accompagnando il ciambellino ad una tazza di latte e caffè. Ma si può continuare a gustarlo anche  a fine pasto, accompagnato ad un buon bicchierino di Vinsanto.

In qualsiasi modo vogliate gustarlo ricordatevi questa cosa: una volta passata la Pasqua la festa non finisce, perché potrete sempre e comunque bearvi del gusto del ciambellino, e se qualcuno dovesse farvi notare che siete fuori periodo, vi consiglio di non sprecare tempo a rispondergli, ma riempitivi la bocca con un altro morso di ciambellino.

Nessun commento su Il ciambellino, dolce pasquale per eccellenza, tra storia e tradizione

Torta salata primavera con asparagi

Se vi dico verdure e primavera, quale ortaggio vi viene in mente? Intanto che ci pensate, vi dico che è un ortaggio povero di calorie, ma con molte fibre. Ricco…

Se vi dico verdure e primavera, quale ortaggio vi viene in mente?
Intanto che ci pensate, vi dico che è un ortaggio povero di calorie, ma con molte fibre. Ricco di vitamina C, carotenoidi, sali minerali e vitamina B! Sì, stiamo parlando dell’asparago.

Gli asparagi sono un vero toccasana per il nostro corpo, e non c’è niente di meglio che gustarli in una squisita torta salata, ottima da portare anche ad un pic nic sulla spiaggia.

Ingredienti:

Un rotolo di pasta brisée tonda
3 uova
180 gr di ricotta
100 gr di prosciutto crudo
1 mazzetto di asparagi
Sale, pepe q.b.

Pulire gli asparagi, tagliando via la parte finale o, in alternativa, pelarla con un pelapatate.

Cuocerli in abbondante acqua salata portata a ebollizione per circa 30 minuti. Il tempo è indicativo, guardare sempre la consistenza per capire se la cottura è terminata.

Intanto che gli asparagi cuociono, mescolare in una ciotola le uova sbattute con la ricotta e il prosciutto crudo a striscioline. Salare e pepare.

Stendere la pasta brisée in uno stampo per torte tondo e bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta. Versarvi dentro il composto di uova e ricotta. Terminare disponendo sulla superficie gli asparagi a raggiera.

Infornare in forno preriscaldato a 150° per circa 35 minuti.

N.B. (1)  Meglio usare gli asparagi di campo o, in alternativa, quelli più fini, poiché hanno il gambo meno legnoso e c’è meno spreco nel pulirli.

N.B. (2)  Scolate gli asparagi sotto un getto di acqua bollente, così rimarranno belli verdi!

Nessun commento su Torta salata primavera con asparagi

Bomboloni salati di patate

Anche questo mercoledì vi lascio una ricetta salata da leccarsi i baffi…  Vietato non provarla! Ingredienti: Per l’impasto 500 gr patate rosse 500 gr farina 00 1 cubetto lievito birra…

Anche questo mercoledì vi lascio una ricetta salata da leccarsi i baffi…  Vietato non provarla!

Ingredienti:

Per l’impasto
500 gr patate rosse
500 gr farina 00
1 cubetto lievito birra (20/25 gr)
2 uova
2 cucchiai olio e.v.o
3 cucchiaini abbondanti sale
Per il ripieno
300 gr prosciutto cotto
300 gr formaggio a pasta filata o emmenthal o provola
Facoltativo
Olio per friggere q.b.

Preparazione:

Cuocere le patate e schiacciarle con lo schiacciapatate.

Unire la farina, le uova, l’olio, il sale e il lievito precedentemente sciolto in poca acqua tiepida.

Impastare bene e stendere con il mattarello su una spianatoia infarinata.

Con un coppapasta, ritagliare tanti cerchi. In mancanza del coppapasta, usare un bicchiere o una tazza con una bocca larga.

Quando saranno pronti tutti i cerchi di pasta, prenderne uno e riempirlo con il prosciutto cotto e il formaggio. Prenderne un altro, e sovrapporlo all’altro per chiuderlo. Sigillare bene i bordi.

A questo punto, far lievitare i bomboloni riempiti per un’ora. Mi raccomando, vanno messi su un piano molto infarinato, altrimenti c’è il rischio che si attacchino al piano.

Trascorsa un’ora, è fondamentale decidere se si vogliono cuocere i bomboloni in forno oppure in olio per friggere. In caso voleste farli in forno, è necessario cuocerli a 180° per circa 20 minuti. In caso contrario, è necessario friggerli in abbondante olio di semi.

N.B. Tra gli ingredienti ho scritto “patate rosse” perché ho provato a fare questi bomboloni con le patate gialle, ma forse contenendo troppa acqua non danno il risultato desiderato.

Nessun commento su Bomboloni salati di patate

Girandola di pasta sfoglia con tartufo e prosciutto cotto

Da buona amante delle torte salate di pasta sfoglia e del tartufo in ogni sua forma, non potevo che proporvi una ricetta originale, i cui ingredienti che le fanno da…

Da buona amante delle torte salate di pasta sfoglia e del tartufo in ogni sua forma, non potevo che proporvi una ricetta originale, i cui ingredienti che le fanno da principe sono proprio la pasta sfoglia e il tartufo. Bella da vedere e squisita da mangiare, questa girandola conquisterà tutti.

Ingredienti:

2 rotoli pasta sfoglia quadrata
Prosciutto cotto q.b.
Salsa tartufata q.b.
Formaggio a pasta filata q.b.
1 uovo
Semi di sesamo q.b. (facoltativo)

Preparazione:

Foderate uno stampo rotondo con la carta forno.

Prendete i rotoli di pasta sfoglia, stendeteli e tagliateli a strisce in senso orizzontale, in modo da ottenere 4 strisce per ogni rotolo.

Farcite ogni striscia con il prosciutto cotto tagliato a striscine, il tartufo e il formaggio a pezzettini.

SAM_56651

Ora chiudete e sigillate i bordi di ogni striscia in modo da formare dei cilindri. Inumidite con un po’ d’acqua per fissare meglio la chiusura.

SAM_5666

Quando le avrete farcite e ben sigillate tutte, iniziate a disporle nello stampo in modo concentrico, facendole ben aderire le une alle altre.

SAM_56671

A questo punto, spennelatevi sopra l’uovo sbattuto, e se volete, aggiungete una manciata di semi di sesamo.

Infornare in forno preriscaldato per 15 minuti a 180°.

Nessun commento su Girandola di pasta sfoglia con tartufo e prosciutto cotto

Mug Cake dal cuore morbido

Non smetto mai di sperimentare e, stavolta, quella che vi propongo è una ricetta veloce (pronta in soli 2 minuti!) e davvero golosa. È un’ottima merenda, un buon dessert e indubbiamente…

Non smetto mai di sperimentare e, stavolta, quella che vi propongo è una ricetta veloce (pronta in soli 2 minuti!) e davvero golosa.

È un’ottima merenda, un buon dessert e indubbiamente un’imperdibile colazione da preparare la sera prima e da gustare la mattina per svegliarsi al meglio.

Non ci credete? Provate, poi ne riparliamo!

Ingredienti:

30 gr burro fuso
1 uovo
2 cucchiai zucchero
1 cucchiaino zucchero a velo
3 cucchiai panna fresca
2 cucchiai rasi cacao amaro
6 cucchiai rasi farina
½ cucchiaino lievito
2/3 quadretti cioccolato (fondente, al latte o bianco, a scelta vostra)

Prima di tutto assicuratevi di avere il microonde e una mug, ovvero una tazza grande come quelle tipiche anglosassoni che oggi piacciono tanto anche a tutti noi.

Preparazione:

In una ciotola, sbattete con la frusta l’uovo con lo zucchero e lo zucchero a velo.

Unite la panna, il cacao, la farina, il lievito e mescolare molto bene.

Infine, unite anche il burro fuso e mescolate per rendere omogeneo l’impasto.

Ora prendete la mug e versateci l’impasto. Versate inizialmente solo una parte dell’impasto e mettete qualche quadretto di cioccolato. Poi, terminate versando il restante composto.

A questo punto, cuocete nel microonde a 750 Watt per 2 minuti.

Ovviamente, lievitando, vedrete l’impasto gonfiare e forse avrete la fortuna di vederlo strabordare dalla mug. Per evitare questo, assicuratevi di avere una mug molto capiente e con i bordi belli alti.

Nessun commento su Mug Cake dal cuore morbido

Riconoscimento AICOO per tutelare il nostro olio. Intervista al presidente Bisaccioni

Nelle scorse settimane La Valdichiana si è occupata dell’olivicoltura e alla difficile situazione che sta vivendo in questo momento il settore. Raccolti in quantità esigue o quasi assenti, quest’anno la…

Nelle scorse settimane La Valdichiana si è occupata dell’olivicoltura e alla difficile situazione che sta vivendo in questo momento il settore. Raccolti in quantità esigue o quasi assenti, quest’anno la mosca olearia ha causato gravi danni a tutti i produttori di olio, frantoi e persone che vivono in funzione alla raccolta delle olive. Un clima umido e temperato sono state le cause principali per lo sviluppo dell’insetto che ha distrutto interi raccolti, senza contare poi delle muffe che hanno attaccato conseguentemente gli ulivi già martoriati.

Oltre a questi problemi si va ad aggiungere la notizia di questi giorni, del sequestro, da parte della forestale, di oli provenienti dalla Puglia ma privi di rintracciabilità. Purtroppo l’import di oli stranieri in Italia c’è sempre stato, e quest’anno ci sarà molto di più, visto che le nostre esigenze quotidiane di olio non sono cambiate, mentre la quantità a disposizione è letteralmente diminuita.

Di questo e di altri argomenti ne abbiamo parlato con Giulio Bisaccioni presidente di AICOO, Associazione Italia conoscere l’olio d’oliva, ospite ad Agrietour di Arezzo il 14-16 novembre 2014.

giulio-e-valentinawm

Presidente AICOO Giulio Bisaccioni e Valentina

Buonasera Giulio, ci spiega di cosa si occupa AICOO?

“Dunque, AICOO è una associazione italiana che si occupa della conoscenza e della cultura dell’olio extravergine d’oliva di qualità. Sull’olio, oggi, c’è ancora poca conoscenza e i consumatori sono abituati ad acquistare olio a buon prezzo o con prezzi convenienti, ma non sanno che se un olio costa di più è perchè dietro una bottiglia c’è tanto lavoro, sudore e questi sono aspetti di cui bisogna tenere di conto quando compriamo questo prodotto.

L’AICOO ricorda che l’olio è un prodotto buono e che fa bene, è un grande contenitore di energia e soprattutto un apportatore di benessere, è ottimo per curare e prevenire molte malattie. E’ inutile ribadire che chi usa olio extravergine di oliva ha una vita più snella, è l’alimento che è alla base della dieta mediterranea. Grazie all’olio d’oliva, alla frutta, alle verdure e a molti altri alimenti la dieta mediterranea è portata ad esempio come modello di vita in molti altri Paesi.”

Quali caratteristiche deve avere un olio per essere considerato buono?

Prima di tutto va assaggiato senza cibo, lo dobbiamo degustare da solo e sottoporlo al nostro olfatto. Quando viene messo sotto le nostre papille gustative deve sapere di oliva, di natura e di erba appena tagliata, si deve sentire l’odore di vegetale. Se non ha queste caratteristiche olfattive l’olio ha delle problematiche e in questo caso si tratta di oli difettati.

Vista la riduzione della produzione di olio che si è registrata quest’anno, c’è pericolo che venga importato olio straniero in maggiori quantità rispetto agli altri anni?

L’olio straniero, purtroppo, viene importato tutti gli anni, ma quest’anno c’è ancora più paura perché verrà importato in maggiori quantità, in quanto il consumo d’olio sufficente per il nostro fabbisogno non è cambiato, ma la quantità a disposizione quest’anno è minore. Tale problema si va a sommare a quelli già noti, ovvero la mosca olearia e le muffe, al clima che quest’anno ha sconvolto il naturale ciclo dell’olivo, la pianta non ha avuto il fermo naturale e la quantità l’olio, per i pochi che sono riusciti a farlo, non è stato quello di un annata normale. Le importazioni purtroppo ci sono sempre state, tocca a noi ad essere bravi nel riconoscere un olio italiano da uno straniero.

Come si fa a riconoscere un olio italiano da uno straniero?

E’ fondamentale leggere sempre l’etichetta per sapere da dove proviene un olio, questo vale anche per tutti gli altri prodotti, ovviamente le etichette devono essere veritiere e non dichiarare il falso. Inoltre c’è da dire che l’olio buono è quello extravergine d’oliva, invece, molti consumatori prendono olio d’oliva credendo che sia la massima espressione e invece non è altro che un rettificato di un olio lampante, e questo in etichetta c’è scritto. State attenti! – raccomanda Giulio

Recentemente AICOO ha reso più fruibile e interattivo il proprio sito, di questo restyling e delle novità funzionali apportate ne parliamo con l’Ing. Nicola Impallomeni, responsabile del progetto. Nicola ci vuole spiegare le novità che avete apportato al sito di AICOO?

aicoo2Dunque abbiamo ampliato i contenuti e soprattutto abbiamo inserito uno strumento che raccoglie tutti i nomi dei ristoranti, agriturismi ed enoteche che usano oli certificati provenienti dal territorio. Le strutture che decideranno di aderire potranno essere dotati di una vetrofania con scritto “Locale consigliato AICOO”, e questo riconosicmento, meglio definirlo così, serve come garanzia che l’olio usato all’interno della struttura è un olio proveniente dalla nostra zona. Tutto questo l’abbiamo fatto per dare maggiore trasparenza e per tutelare ulteriormente i nostri prodotti.

Come funziona, e una struttura come può ottenere la “Certificazione” AICOO?

Prendi un turista che arriva da noi, appassionato d’olio, che vuole degustare olio del nostro territorio, basta collegarsi al sito, andare sulla sezione “certificazione locale AICOO” e lì può trovare tutti i locali di zona che usano gli oli del territorio. Questo riconoscimento viene assegnato ogni anno e le analisi vengono fatte organoletticamente da un panel di assaggio AICOO, la certificazione è gratuita, non ha fini commerciali e serve per il riconoscimento di qualità a tutela dell’ambiente.

Giulio, ha qualche consiglio da dare a tutti i consumatori d’olio?

Certo, prima di conclude aggiungo che alla Camera, proprio in questi giorni, è passata una Legge, che dice che i locali pubblici devono usare delle bottiglie antirabbocco, questo perché raboccando la bottiglia, l’olio si degrada, in quanto è un alimento che si ossida molto velocemente se va in contatto con l’aria e quindi perde buona parte delle sue sostanze nutritive.

Tutte le informazioni sulla certificazione AICOO sono sul sito www.aicoo.it

Nessun commento su Riconoscimento AICOO per tutelare il nostro olio. Intervista al presidente Bisaccioni

Il tour enogastronomico per le otto contrade del Bravìo

Anche quest’anno, Montepulciano, il borgo più conosciuto della Valdichiana, è pronto per il Bravìo delle Botti 2014, edizione numero 40. La Valdichiana.it insieme a Dario Pichini, si è immersa totalmente…

Anche quest’anno, Montepulciano, il borgo più conosciuto della Valdichiana, è pronto per il Bravìo delle Botti 2014, edizione numero 40. La Valdichiana.it insieme a Dario Pichini, si è immersa totalmente nell’aria di festa, facendo in tre sere il giro di tutte le contrade. Tre serate all’insegna del divertimento, dell’allegria, e grazie alla disponibilità e la gentilezza delle Contrade, anche di vino a fiumi e ottimo cibo. Un vero e proprio tour enogastronomico per le otto Contrade del Bravìo.

Il tour comincia con la Contrada di San Donato, dove bella gente ci ha accolto con allegria. I pici dei bianco rossi valgono 10+; sono fatti a mano e con un ragù squisito.

Nella cucina di San Donato

Nella cucina di San Donato

I migliori complimenti allo staff della cucina, che si è dimostrato un portento ai fornelli ma anche a livello di simpatia. Con il sapore dei  pici di San Donato ancora in bocca, ripartiamo per attraversare una meravigliosa Piazza Grande illuminata a festa per fare visita a Talosa. La Contrada giallo rossa ha dalla sua parte una location che è una chicca. Tutto è curato nei minimi dettagli e in bella mostra su un tavolino agghindato, troneggia il premio vinto al concorso “A tavola con il Nobile”. Sfortunatamente non abbiamo l’onore di gustare il piatto vincitore, e quindi ci “accontentiamo” di assaggiare il dolce speciale di quest’anno. Sì perché Talosa quest’anno ha scelto di servire i waffel, dolce fuori dal comune ma molto, molto sfizioso. L’unico neo? Il waffel con la Nutella l’ho annaffiato con un bicchiere di Nobile… E come potete immaginare, l’accostamento non era dei migliori. A parte questo, una Grande Talosa.

La prima Contrada della sera seguente è la biancoceleste. Poggiolo organizza le serate in un piccolo giardino davvero molto carino. E c’è da dire che qui, ci hanno trattato proprio da pascià. Bevuto bene e mangiato meglio, penso proprio che sia una delle Contrade che più ci è rimasta nel cuore. La specialità dei biancocelesti sono i pici cacio, pepe e rigatino. Solo il nome fa venire l’acquolina in bocca, un piatto unico. Ma c’è una pecca… Piccina piccina… Il picio fatto a mano avrebbe esaltato ancora di più quel condimento eccezionale e gustoso. Il tour continua verso Le Coste, dove purtroppo il vento fa da padrone. Ma La Valdichiana.it trova il modo di scaldarsi con del buon vino. La gente che anima la cucina della Contrada gialloblu è meravigliosa e disponibile, generosa di sorrisi. L’emozione più grande, da buoni mangiatori quali siamo, è stata indubbiamente la succulenta bistecca di vitello sopra la griglia, messa a cuocere solo per noi. Carne ottima e cotta al punto giusto.

Proseguiamo verso Voltaia, Contrada nel cuore del paese, famosa per il gruppo giovani che ogni anno organizza feste memorabili e conosciute in tutta la zona. La Fiorentina (sì, prima una bella bistecca, ora questa… Ci hanno trattato proprio male, eh?) a detta di Valentina era buonissima. Una bella bistecca mangiata a malincuore pensando agli spingitori, che al tavolo accanto al nostro, si sono dovuti accontentare del petto di pollo. Ma, gente, loro hanno da correre per cercare di portare in Contrada il 2° Bravìo consecutivo! Noi abbiamo “solo” da correre da una Contrada all’altra per assaggiare le specialità di ogni cucina… Forse la cosa è leggermente diversa…

Il Valdichiana tour@Bravìo prosegue incessantemente la sera seguente, partendo da Collazzi. Anche questa Contrada ha conquistato un posticino nel nostro cuore. Pezzo forte della festa è la parte giovani, allestita fin nei più piccoli particolari dai ragazzi della contrada. Ma direi che in posizione ex aequo, altro pezzo forte di Collazzi è la nana. Come mi ha spiegato Franco, la nana gialloverde è cotta in porchetta, è per questo che la carne rimane così morbida. Da leccarsi i baffi.

Valentina, Maria Stella e Dario nella Contrada di Cagnano

Ci spostiamo dall’altra parte di Montepulciano per visitare Cagnano. Le risate intorno alla griglia a cielo aperto sono indimenticabili. Il servizio caotico dei camerieri, non ha sminuito la bontà della tagliata tricolore. Carne deliziosa con rucola, pomodorini e scaglie di grana.

Per concludere la serata, e purtroppo anche l’entusiasmante giro delle contrade poliziane, scendiamo a Gracciano. La musica qui rallegra gli animi, i fegatelli, gustati dalla Direttrice Valentina, e che ha trovato squisiti, soddisfano il palato e del buon vino scorre a fiumi. Ah, non posso dimenticarmi lo stand dei bomboloni, dove c’è un continuo e inarrestabile flusso di gente. Gracciano prende per la gola !

I fegatelli di Gracciano

I fegatelli di Gracciano

Il tour enogastronomico per le otto Contrade poliziane ci ha regalato tanto e ci ha fatto conoscere gente meravigliosa. Un grazie di cuore da parte di tutti noi alle Contrade, a cui facciamo complimenti a gogò per i loro piatti strepitosi. Grazie anche ai rettori, alle rettrici, ai cuochi e ai “ciceroni” che ci hanno dedicato qualche minuto del loro tempo, prendendoci per mano e facendoci conoscere in un’ora soltanto le loro Contrade. E infine, un grazie speciale va a Giulio e a tutto il Magistrato delle Contrade, perchè alla fine dei conti, è grazie a loro se abbiamo potuto realizzare un lavoro del genere.

Potete vedere tutti i servizi video realizzati durante il tour enogastronomico delle contrade del Bravìo delle Botti nel nostro canale Youtube: Buona Visione!

Nessun commento su Il tour enogastronomico per le otto contrade del Bravìo

Ricetta di Ferragosto: mini cheesecake al salmone

Il caldo è finalmente arrivato e Ferragosto è alle porte. Molti di voi avranno organizzato pic nic al mare, in montagna, o tra le nostre dolci colline. Ma forse ancora…

Il caldo è finalmente arrivato e Ferragosto è alle porte. Molti di voi avranno organizzato pic nic al mare, in montagna, o tra le nostre dolci colline. Ma forse ancora non avete buttato giù il menù completo e non sapete proprio che antipasto presentare. Tranquilli, qualunque sia la vostra meta prescelta, noi de LaValdichiana.it vi proponiamo questa ricettina semplice, sfiziosa e fresca, che farà colpo su tutti ma proprio tutti.. Provare per credere!

Ingredienti (per circa 6 mini cheesecake, dipende dalla grandezza degli stampini)

Per la base

  • biscotti secchi salati tipo Tuc, 150 gr
  • burro fuso, 70 gr

Per la crema

  • formaggio spalmabile tipo Philadelphia, 300 gr
  • colla di pesce, 9 gr
  • ricotta di mucca, 250 gr
  • panna fresca, 150 ml
  • salmone affumicato, 160 gr
  • sale q.b.

Vi serviranno inoltre: degli stampini in acciaio per crostatine oppure degli stampini per muffin.

Preparazione.

  1. Frullate i biscotti nel mixer fino a ridurli completamente in polvere e aggiungetevi il burro fuso. Mischiare bene e suddividere il composto negli stampini, premere bene con il dorso di un cucchiaio di modo che si compatti per bene, e riporre in frigorifero per una mezz’ora.
  2. Intanto in una ciotola capiente, mescolate il simil-philadelphia con la ricotta e in una tazza a parte, mettete dell’acqua fredda e fatevi ammollare la colla di pesce.
  3. In un pentolino mettere a scaldare 50 ml di panna fresca, strizzate la colla di pesce e mettetevela a sciogliere, facendo attenzione a non far formare grumi.
  4. Montate i rimanenti 100 ml di panna fresca.
  5. Riprendete la ciotola con il simil-philadelphia e la ricotta e unitevi la panna montata, la panna con la colla di pesce e il salmone fatto a pezzi.
  6. A questo punto, tirate fuori dal frigorifero gli stampini con la base di biscotti e burro e disponetevi la crema salata appena fatta.
  7. Quindi, riponete nuovamente tutto in frigorifero per un’ora. Sformate e fate gustare le mini cheesecake al salmone a chi più vi va!

N.B.

Per esperienza personale, o meglio per terrore personale, io imburro sempre gli stampini, sia che siano di acciaio sia che siano di silicone. Ho sempre paura che quando vado a sformarli non si stacchino dai bordi, quindi ovvio il problema imburrando sempre tutto.

La redazione de LaValdichiana.it augura un Ferragosto speciale a ognuno di voi!

“A chi è lontano
a chi non sa dove andare
a chi sorride al cielo
o si tuffa nel mare.
Auguro un ferragosto da ricordare!”

Stephen Littleword

 

Nessun commento su Ricetta di Ferragosto: mini cheesecake al salmone

I cantucci, veri biscotti toscani

Non sono proprio senesi, ma sicuramente toscani. I cantuccini o cantucci, sono, infatti, uno dei maggiori vanti dolciari della Toscana. Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il…

Non sono proprio senesi, ma sicuramente toscani. I cantuccini o cantucci, sono, infatti, uno dei maggiori vanti dolciari della Toscana. Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il filoncino di impasto ancora caldo. Fanno parte dei più tipici dessert della tradizione culinaria toscana. Nella città del Palio si trovano ovunque, in tantissimi ristoranti vengono fatti a mano e sono l’ideale per chiudere una bella cena, accompagnati da buon vinsanto!

INGREDIENTI:

500 gr di farina “0”
350 gr di zucchero semolato
280 gr di mandorle sgusciate
200 gr di uova
30 gr di lievito da dolci

PREPARAZIONE:

In una ciotola o tumblr_inline_n6mylt2ALV1sd16usin planetaria, preparare le uova con lo zucchero e iniziare la lavorazione. Montare fino ad ottenere un composto spumoso, poi aggiungere il lievito e mescolare fino a completo assorbimento. A questo punto, aggiungere a poco a poco la metà della farina, poi aggiungere le mandorle e la restante parte di farina. Completare la lavorazione sulla spianatoia, quindi formare dei filoncini del diametro di circa 6/8 centimetri e schiacciarli leggermente. Cuocere nel forno ventilato preriscaldato a 180 gradi per 20 minuti. Tagliare i Cantucci quando sono ancora caldi, per evitare la rottura dei biscotti.

Un grande ringraziamento a The International Chef Academy per la preziosissima collaborazione e per aver preparato questi fantastici Cantucci .

Facebook: TheInternationalChefAcademyOfTuscany

Twitter: @IntChefAcademy

Nessun commento su I cantucci, veri biscotti toscani

Type on the field below and hit Enter/Return to search