rencontres femmes russes paris

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: punk

Garage, punk e rock ‘n’ roll con i Bee Bee Sea al GB20 di Montepulciano

Oltre all’arrivo dell’inverno, questo sabato 22 Dicembre al GB20 di Montepulciano è prevista anche un’ondata di garage, punk e rock ‘n’ roll. Suonano come una delle numerose e collaudate formazioni…

Oltre all’arrivo dell’inverno, questo sabato 22 Dicembre al GB20 di Montepulciano è prevista anche un’ondata di garage, punk e rock ‘n’ roll. Suonano come una delle numerose e collaudate formazioni d’oltreoceano del settore, ma i Bee Bee Sea sono italianissimi e vengono da Mantova, da Castel Goffredo per la precisione. Il loro motto “where there is no good shit around, you better form a band” (“se non succede nulla di buono nei dintorni, faresti meglio a formare una band”) può sì spiegare la genesi della band, ma vuole anche rimarcare come il divertimento sia una componente fondamentale per fare musica; ingrediente fondamentale che è rimasto nel sound dei Bee Bee Sea, a quasi quattro anni dalla loro formazione.

La band, nata nel 2015, è formata da tre elementi: Damiano Negrisoli, Giacomo Parisio e Andrea Onofrio e la loro discografia è composta dal debut album omonimo “Bee Bee Sea” (2015, ripubblicato in versione deluxe lo scorso novembre), un EP “3 Songs & Jacques Dutronc” (2016) e il secondo full-length “Sonic Boomerang” (2017), prodotto da Bruno Barcella e Alessio Lonati presso il T.U.P. Studio di Brescia.

Negli ultimi anni, il trio mantovano si è dedicato a un’intensa attività live che ha dato come frutti concerti di supporto a due band di calibro internazionale come i Black Lips e i Thee Oh Seas – da cui i Bee Bee Sea traggono ispirazione, musicalmente parlando. Questa solida esperienza live si sente in “Sonic Boomerang”, dove le canzoni promettono veramente fuochi d’artificio in sede di concerto.

Grazie all’energia della propria proposta musicale, il trio garage rock ha attirato sin da subito l’attenzione di etichette come Dirty Water, Wild Honey e Glory Records, e molto spesso, le anteprime dei loro nuovi brani sono disponibili su testate specialistiche americane, a rimarcare come la qualità di una simile proposta tutta italiana abbia un degno riconoscimento in uno dei paesi fondamentali per l’evoluzione del rock ‘n’ roll e del garage rock.

Non resta quindi che darvi appuntamento al GB20 di Montepulciano questo sabato, per una serata che si preannuncia prima di tutto divertente, calda e all’insegna dell’energia del rock ‘n’ roll. Qui l’evento su Facebook.

Ricordiamo anche che al GB20 sono previste altre due serate, il 12 Gennaio e il 23 Febbraio, i cui dettagli verranno diffusi nelle prossime settimane.

Discografia:

“Bee Bee Sea” (2015)

“3 Songs & Jacques Dutronc” (EP, 2016)

“Sonic Boomerang” (2017)

Riferimenti:

Sito Ufficiale

Pagina Facebook

 

Nessun commento su Garage, punk e rock ‘n’ roll con i Bee Bee Sea al GB20 di Montepulciano

Chi ascolta gli Espana Circo Este? “Le persone felici”

Ho fatto dodici chiacchiere con gli España Circo Este, nel loro (tutt’altro che) lussuosissimo back-stage, dopo uno dei loro folli concerti. C’era tutto il necessario per un’intervista: birre, sedie  bagnate dalla guazza della notte,…

Ho fatto dodici chiacchiere con gli España Circo Este, nel loro (tutt’altro che) lussuosissimo back-stage, dopo uno dei loro folli concerti. C’era tutto il necessario per un’intervista: birre, sedie  bagnate dalla guazza della notte, tavoli con gravi problemi di menomazione alle gambe e quattro ragazzi maleducati con la testa piena di buchi.

Leggenda vuole che gli Espana Circo Este si siano formati nel 2013, in Argentina. Il loro sound, originale e inaudito, mescola melodie latine con il reggae, cumbia dei quartieri più poveri di Buenos Aires con il punk spaccatimpani transeuropeo: un crossover di generi musicali, una cornucopia ricchissima. Ecco perché viene naturale descriverli come una band che suona Tango-punk.

In 4 anni di attività hanno suonato sui palcoscenici di tutta Italia e di tutta Europa, in festival che sono il paradiso degli eventi live. Oltre 450 concerti e migliaia di km macinati per strade e autostrade del continente. La forza degli ECE sta proprio nei live: esplosivi, folli, simili a riti pagani dove movimenti convulsi, urla, rumori e fischi acuti trascinano il pubblico in un’irresistibile danza tribale. La parola energia trova sul palco degli Espana il suo significato più completo, la sua rappresentazione massima.

A gennaio 2017 è uscito il loro secondo album “Scienze della maleducazione” per la Garrincha Dischi e il tour che lo presenta si sta alternando tra concerti in Italia e festival europei.

Siete pazzi o è tutto normale così?

Siamo pazzi. Non puoi essere normale se vuoi fare un lavoro del genere. La vediamo come una cosa naturale: siamo pazzi di natura. Essere pazzi non vuol dire non essere normali, alla fine siamo tutti un po’ pazzi. Diciamo che noi abbiamo trovato un modo costruttivo per dare sfogo alla nostra pazzia. È più pazzo chi va a fare l’avvocato o studia Economia (Jimmy – alla batteria – si è laureato in economia, ma ha abbandonato per fare tango-punk bestiale).

Tango-punk, come vi è venuto in mente?

Siamo quattro personalità con influenze completamente diverse (dal Death-metal a Manu Chao). Abbiamo unito la patchanka con un basso distorto, ritmi sudamericani con una batteria punk ed è venuto fuori quello che suoniamo oggi. In realtà all’inizio non abbiamo saputo dire cosa facessimo, poi, un giorno, un giornalista ha recensito il nostro disco e da lì abbiamo detto «Tango-punk… È nostro!!». È stata una cosa non voluta. Per la prima volta ci siamo sentiti compresi. È stato bello.

Marcello… quante volte fischi in un concerto?

Si sente tanto? Da fastidio? Carica la situazione dai! Comunque tante: ogni 7 secondi un fischio che ne dura 8. Forse devo un po’ regolarmi. Metteremo i fischi di Marcello nel prossimo disco! (Ridono).

Il fischio è identificativo: il fischio è “Marcello degli Espana Circo Este”. Se non avete mai visto un loro live non potete comprendere la bellezza del fischio. Il fischio è sacro.

Voi fate tour in tutta Italia e in Europa, ogni anno. Quanto è importante muoversi, viaggiare, spostarsi da un paese all’altro, attraversare frontiere in un mondo che cerca di alzarne sempre di nuove?

Noi, come tutti gli occidentali, viviamo questi fenomeni in maniera più facile, distaccata. Abbiamo molta più libertà di quanta possa averne un libico, un africano, un siriano. Questo ti mette nella condizione di gioire di quello che hai e di quello che fai, ma ci fa anche capire in modo diretto che c’è gente che fa il “viaggio” sì, ma perché scappa dalla fame. Diciamo che si diventa più consapevoli stando vicino alla realtà.

Vi sentite di rompere queste barriere?

È difficile. È una cosa molto grande. Noi abbiamo la possibilità di osservare molti dei fenomeni che caratterizzano la società contemporanea. Possiamo provare a capire cosa vuol dire essere un migrante. Nel nostro piccolo cerchiamo di mandare messaggi, ovvio, sempre. Ma non siamo paladini di niente, ci sentiamo solo in dovere di rompere i coglioni a chi non ha un briciolo di umanità.

Gli Espana Circo Este hanno un sogno?

Suonare in America Latina. Fare un tour mondiale. Suonare ovunque, in tutto il mondo. Sarebbe bello poter vivere questi posti tutti assieme.

Combattere il Bau-Bau, lottare contro il Marasao, trapanare teste (ascoltate l’album La revolution del amor). Tra un concerto e l’altro fate questo. Ci spiegate di cosa si tratta?

Sono rivoluzioni. Ognuno di noi ha una sua piccola rivoluzione da fare, qualcosa da combattere, da cambiare e se tutti quanti uniamo queste piccole rivoluzioni si può creare qualcosa di grande e bellissimo. Una cosa che sto facendo io (Marcello – voce e chitarra) da un po’ di tempo è coltivare un orto, e da aprile a settembre non spendo soldi, non mangio cose zozze: con il mio pomodoro decido di combattere i pesticidi. Jimmy invece, ha detto no ai soldi, sì alla passione: non apre mutui a tassi svantaggiosi, non pignora case ecc. (Ridono) Quello che notiamo è che molti giovani mettono da parte sogni e passioni per dare priorità alla carriera e ai soldi. Noi cerchiamo di incrinare questo meccanismo. Servirebbe forse credere di più in sé stessi e nelle proprie idee. Non bisogna cadere nella trappola che ci fa credere che la società sia solo quella che vediamo. E comunque la società si può cambiare. Seguire la propria passione è anche serietà e rispetto, per sé stessi e per gli altri. Ci hai mai visto prendere anche un solo concerto sotto gamba? Anche quelli con poca gente! Insomma ne hai visti un sacco! Siamo sempre incazzati e carichi a bestia! Passione è la parola che più descrive quello che facciamo.

Le parole di Marcello quando mi viene a salutare prima di un concerto sono sempre «Bella raga. Stasera si spacca! Dai! A dopo».

Avete fatto una Revolution del amor e adesso, insieme alla disubbidienza, la state insegnando a scuola. Come va la vostra nuova Facoltà di Scienze della maleducazione? (Che poi sarebbe il vostro ultimo album).

Sorprendentemente bene. Ci siamo un po’ “induriti” rispetto all’ultimo disco e la gente la sta prendendo bene questa cosa, perciò siamo contentissimi che ci stia seguendo in questa fase. I nostri tour in Europa ci hanno dato tanta cattiveria. Volevamo fare un disco più forte. Le ultime 50 date fuori dall’Italia, in festival strafighi, ci hanno dato l’opportunità di vedere che la musica live ancora funziona bene e i musicisti picchiano forte. È tutto molto anni ’90. Là funziona così: quegli anni non sono mai finiti. In 4 mesi abbiamo ereditato molto di quella cultura. E poi, dopo che ti fai 6000 chilometri in autostrada lo fai per forza un CD un po’ incazzato. In Italia molte delle cose che abbiamo visto sono scomparse, ma noi ne abbiamo troppo bisogno. La musica ne ha bisogno. Ecco che il tour in Europa ci ha dato la carica per sperimentare e registrare questo nuovo album. Ci siamo estraniati completamente dall’Italia: le cose che stanno uscendo adesso sono molto patinate, molto pop. Noi non ci siamo adattati, non abbiamo seguito questa corrente, perché ci trovavamo lontani, in paesi dove ti costringono a lanciare via la chitarra acustica per stringere forte e violentare quella elettrica.

Facciamo un gioco. Avete un super-potere: potete far ascoltare i vostri album in loop nella mente di 3 persone. Chi scegliete?

(Marcello) Il mio Prof. di lettere del liceo, perché mi ha fatto venir fuori un sacco di passioni, vorrei ringraziarlo così.

Comunque ci pensiamo tutta la notte a questa cosa qua perché è una domanda troppo difficile e troppo figa. Ti rispondo per messaggio su Facebook, perché ora non saprei davvero cosa dirti.

Però Zanetti ha ascoltato il nostro album! Per la rubrica “Personaggi improbabili”.

Chi ascolta, secondo voi, gli Espana Circo Este?

Le persone felici. Le persone fiduciose, le persone positive.

Chi dovrebbe ascoltarli?

Gli infelici, i negativi. È una missione. Piano, piano… Il prossimo disco sarà un po’ più per gli infelici: ci avvicineremo a loro.

Il prossimo disco…?

Stiamo andando fuori di testa con le drum-machine. Sarà molto diverso: un’evoluzione degli Espana. Una figata! Fino ad ora abbiamo sempre cercato di rincorrere ed emulare il live per riproporlo nei nostri CD, ma abbiamo capito che è la cosa più sbagliata. Vogliamo che siano due realtà completamente diverse, due anime della stessa persona.

Sarà una bella sorpresa…

2 commenti su Chi ascolta gli Espana Circo Este? “Le persone felici”

La gioiosa macchina post-punk del Lars Rock Fest. Intervista ad Alessandro Sambucari

Quando si entra nell’ampio parco dei giardini pubblici di Chiusi Scalo, trasfigurato in occasione del Lars Rock Fest 2017, il palco centrale si trova in un’area nascosta. Lo stage si…

Quando si entra nell’ampio parco dei giardini pubblici di Chiusi Scalo, trasfigurato in occasione del Lars Rock Fest 2017, il palco centrale si trova in un’area nascosta. Lo stage si scorge infatti nel bassopiano circolare, perimetrato da latifogli – dalla parte opposta dell’ingresso da via Oslavia – per il quale la dorsale erbosa del parco va a configurarsi come una vera e propria tribuna naturale. È proprio da lì che mi trovo ad assistere allo splendido live dei Public Service Broadcasting la sera dell’8 luglio: probabilmente una delle rivelazioni più felici del rock britannico negli ultimi anni, capace di coniugare l’afflato del suono chitarristico secco, cui ci hanno abituato gli ultimi quindici anni di indie rock inglese, a componenti elettroniche, campionamenti, formule pluridimensionali di resa sonora – il chitarrista tiene di fronte a sé un Nord Lead capace di buttare, in diffusione, suoni di cui le nostre orecchie nemmeno credevano possibile l’esistenza – nonché una capacità visuale di gestione del palco formidabile, con visual che si dimostrano parti integranti dello show.

La serata segue quella che ha visto come headliner i Gang of Four, storica band di quella koinè New Wave della città di Leeds che ha prodotto, negli stessi anni, da una parte i Soft Cell e dall’altra i Sister of Mercy – quindi capace di smarcare i toni lugubri del post-punk à la Ian Curtis e rivolgersi anche al funky, alla disco e agli spunti goth rock che venivano da oltreoceano – e non a caso, di recente, ha regalato al mondo Kaiser Chiefs e Alt-J.

Precede invece quella che ha visto esibirsi i canadesi Austra, ribadendo i canoni del synthrock contemporaneo, con in apertura il nostro wrongonyou, rivelazione assoluta della musica italiana nel 2016, continua a girare l’Europa con il suo dream pop acustico, toccando anche Chiusi. C’è quindi – è evidente – una forte coerenza interna nelle scelte musicali, ed è una delle cifre di qualità che il Lars mantiene costantemente viva nelle sue attività.

 

 

La musica però, proprio come la collocazione dello spazio live, è un dato ambientale, un motivo complementare che va ad intersecarsi con le altre anime del festival, coloratissime, vive, dinamiche. Nel percorso che attraversa il parco infatti si incappa in Rumore, la mostra fotografica curata da Flashati Cinefotoclub, in cui sono catturate le espressioni in primo piano di soggetti nel momento in cui le frequenze musicali entrano nelle loro orecchie; le stampe di Lucetipo e i disegni di Creative Label, concretizzati con la tecnica della cianotipia; lo spazio di This Is Not A Love Song, artisti dal multiforme ingegno che in nome della nostalgia vaporwave, e del cult alternativo canonizzato degli anni ’80, modellano e personalizzano cassette tape, VHS, poster e tutte le piattaforme possibili.

Un pannello bianco orizzontale, al lato della birreria, vede un affollamento di artisti figurativi volatili, partecipanti alla performance di tre giorni che vede sfidarsi Mynameisbri, This Is Not A Love Song e Lucetipo, al colorismo di rese in live painting, piacevolmente disturbati dagli avventori.

 

 

Ho incontrato il direttore artistico del festival, Alessandro Sambucari, che – concedendomi tempo prezioso alle centinaia di incombenze sovrapposte nei giorni del festival – ha risposto ad alcune mie domande.

Quale è stato il percorso dietro la Line-up di quest’anno?

Per il taglio che abbiamo deciso di dare alle proposte musicali, ormai da qualche anno, il percorso che porta alla definizione della line-up assomiglia molto ad una via crucis. Il nostro tentativo è avere sul palco band straniere che abbiano un livello di interesse internazionale, compatibilmente con il nostro budget, che difficilmente passano in questa parte d’Italia. Possibilmente con un album nuovo in promozione. Già questo basterebbe a rendere le cose complicate: se poi ci metti la collocazione geografica sfavorevole dell’Italia in generale rispetto all’Europa – e di Chiusi a livello nazionale – puoi capire facilmente che incastrare tutto è sempre difficile. Per non parlare dei compensi nei festival europei rispetto ai nostri… ad ogni modo, speriamo e crediamo di essere riusciti anche quest’anno a proporre una line-up che tocchi tutti i generi musicali a noi cari – post-punk, psych-rock, electro-pop, etc – guardando sia al futuro – e mi riferisco agli Austra ed ai Public Service Broadcasting – che al glorioso passato, che tanto passato non è: i Gang Of Four in esclusiva nazionale. Senza dimenticare di dare spazio alle band italiane che a nostro parere sono fra le più interessanti in circolazione. Ah, tutto, come sempre, gratuito.

 

Rispetto agli altri festival del territorio, quale identità artistica ha secondo te in particolare Lars?

Come in parte ho già detto , ciò che ricerchiamo è esattamente trasmettere di anno in anno una identità precisa al pubblico presente. Lasciare la certezza che l’anno successivo, tornando al Lars Rock Fest, ci si possa ritrovare nello stesso clima di festa. Questo certamente passa anche dalle scelte artistiche che mirano volutamente ad un certo target di pubblico e che facciamo di tutto per mantenere coerenti senza stravolgimenti nelle varie edizioni. Personalmente non sono un grande sostenitore di festival piccoli che da un anno all’altro, o addirittura all’interno di una line-up, mischiano il metal col jazz, il blues con l’elettronica, senza un filo logico che colleghi il tutto. Cerchiamo di essere coerenti con lo spirito che si è venuto a formare nelle ultime edizioni. Oltre alle scelti musicali però, almeno per noi, hanno fondamentale importanza tutte le situazioni collaterali che tentiamo di mettere in piedi come associazione ( il Gruppo Effetti Collaterali ndr) e che richiedono un impegno costante ed elevato. Quest’anno, per esempio, abbiamo un laboratorio di riciclo creativo per bambini dai sei agli undici anni, letture con musica live per bambini dai zero ai sei anni, lezioni di yoga, presentazioni di libri, un team di disegnatori, illustratori e fumettisti che nel corso delle serate realizzano un murales di venti metri quadri ed interagiscono con altri artisti ospiti (Mynameisbri per la serigrafia, Lucetipo per la cianotipia e This Is Not A Love Song per le musicassette illustrate), una mostra fotografica multisensoriale. Anche tutte queste attività saranno proposte gratuitamente.

 

Ogni festival locale ha un rapporto diverso con i residenti che circondano le aree concerti: che rapporto hanno i chiusini con Lars, specie quelli più distanti dalle poetiche r’n’r?

Per la mia esperienza: il Lars con gli abitanti di Chiusi ha più o meno lo stesso rapporto di tantissime altre situazioni simili. Nel tempo siamo riusciti a coinvolgere oltre cento volontari nell’organizzazione e già questo, per un paese abbastanza piccolo come Chiusi, credo sia sintomatico di un certo apprezzamento. Le ottime affluenze degli anni passati lasciano intendere che a molti abitanti venire a fare due passi ai giardini, ascoltare un po’ di musica e bere una birra non dispiace. Fondamentale, poi, è anche il rapporto con i negozianti, sempre disponibili nel trovare nuove forme di cooperazione, come per esempio, dedicare le proprie vetrine alla musica nel periodo del festival. È certamente innegabile che, come in ogni manifestazione musicale che porti un buon numero di persone in paese, ci siano anche delle lamentele e delle problematiche, che da parte nostra ascoltiamo e facciamo di tutto perché non si ripetano. Siamo consapevoli che tutto sia migliorabile.

Quali sono state le novità di quest’anno?

La principale è il passaggio dai due giorni classici ai tre giorni di festival. Un incremento considerevole di impegno richiesto, sia nella tre giorni che durante i mesi precedenti. Abbiamo poi un dj-set al tramonto, dalle 19 alle 21, in zona relax con possibilità di stendersi sul prato, bere una birra o un cocktail ed ascoltare le selezioni musicali dei dj mentre si attendono i live o di andare a cena. Altra novità è, dopo la fine del concerto degli headliner, un “palco” secondario chiamato campfire stage e dislocato su una collinetta dei giardini pubblici che fa da anfiteatro naturale ai tre musicisti che si esibiranno in versione completamente unplugged, quindi senza alcuna amplificazione, per concludere la serata così come è iniziata, in totale relax, stesi in mezzo al verde con una birra in mano. Abbiamo per il secondo anno un servizio di navetta gratuita che collegherà il Lars alla stazione, al centro storico ed al campeggio al lago di Chiusi.

 

Della città di Chiusi, negli ultimi due mesi, si è parlato in modi diversi, tra polemiche e marette, scivoloni e riscatti a più riprese. Nonostante tutto, i tre giorni di Lars, sono stati un’occasione di approfondimento, di pluralità e di confronto; dimostrazione di capacità reattiva e simultaneità collettiva. Quella progettualità educativa, fondata sulla formazione – umana più che umanistica – degli individui, volta alla fruizione culturale, di cui la Fondazione Orizzonti dovrebbe essere garante, ha trovato in quest’edizione di Lars un canale di rafforzamento. Un festival che sia musica di qualità, ma anche arte, letteratura (GEC&Book), fotografia, laboratori per bambini ed espressioni del corpo (come i workshop Yoga&Natura di Eleonora Cosner), ricopre esattamente quello che politiche giovanili e culturali dovrebbero sostenere quanto più possibile in ogni luogo: l’essere costantemente in confronto con la creatività propria e quella altrui, con le possibilità pratiche che scopriamo di possedere e quelle che riusciamo a scorgere negli altri; affinare sensi critici e sensibilità creativa; riuscire a riconoscere il bello in noi stessi e nelle persone che ci circondano; divenire, quindi, esseri umani sempre più consapevoli di un benessere collettivo per cui la diversità e la contaminazione non rappresentino mai un allarme.

Nessun commento su La gioiosa macchina post-punk del Lars Rock Fest. Intervista ad Alessandro Sambucari

Birranthology – La Scrofiano Psychobilly che non ti aspetti

Sono veramente pochi i festival che impongono un’estetica di base, un concept netto e inconvertibile. Il Birranthology, che arriva ormai a un decennio di vita al parco dell’Uccelliera di Scrofiano,…

Sono veramente pochi i festival che impongono un’estetica di base, un concept netto e inconvertibile. Il Birranthology, che arriva ormai a un decennio di vita al parco dell’Uccelliera di Scrofiano, risponde a questo tipo di impostazione. Le band sono rigorosamente riconoscibili secondo un preciso marchio critico, le forme e i simboli cui le immagini sono assecondate dall’organizzazione rispondono ad una cifra stilistica centrata. Tutta la focalizzazione sta nell’ambito dello Psychobilly, nelle estetiche degli anni ’50. Ne parlo con Luca Farini, uno dei ‘teorici’ del gruppo dell’APD Scrofiano, associazione che, oltre a portare avanti attività sportive durante tutto l’anno, si dedica anche ad attività culturali parallele. Ci beviamo l’ennesima BrewDog nei pressi della braceria di Lucifero, la cui cappa della brace porta l’incisione, addotta tramite frullino, del nome “Lucio”, abbreviativo appunto di ‘Lucifero’, che significa ‘portatore di luce’, e quindi di conoscenza e bellezza. “il più figo di tutti gli angeli, cazzo! Anche perché era il più riottoso!” mi dicono le figure che tra il fumo della brace emergono, come ombre della Commedia dantesca.11251205_1646701602216733_7321705809329526851_n

Luca Farini: Allora, la storia è questa: sono dieci anni che portiamo avanti il festival Birranthology, ma sono solo cinque anni che la manifestazione ha assunto questa forma. Il Gasp (a.k.a. Paolo Gasparri ndr) è colui il quale ha portato, nelle orecchie del gruppo organizzatore, gli ascolti del genere psychobilly. Noi tutti abbiamo sposato questa idea, affascinati dalle estetiche e dalle forme degli ambiti che questo mondo musicale ci poneva di fronte. Essendo lui, il Gasp, il sommo conoscitore musicale, si è posto come guida di scelte artistiche, di generi musicali per la selezione delle band, ecc…

La cosa figa di questo genere, lo psychobilly, è che raccoglie il meglio del punk e del rockabilly anni ‘50. Come per il punk e l’hardcore, ogni micro-genere ha la sua sottocultura, con i determinati ascoltatori e le determinate idiosincrasie: c’è questo astio gentile tra generi diversi di intendere il suono e gli stili di vita. Ti faccio un esempio: I Green Moon Sparks, band psychobilly, hanno questo pezzo che si intitola “Rockabilly stole my bike”, in cui si evince una certa avversità rispetto ai cugini rockabillies, che mantengono questo stile più classico. Lo psychobilly, invece, prende tutta la cultura punk e la fonde con la tradizione più ancestrale del r’n’r degli anni 50, creando un miscuglio moderno e sicuramente più accattivante. In passato ci siamo dedicati anche al Country, ma successivamente abbiamo deciso di dedicarci più profondamente al genere psychobilly e alle sue sfaccettature.

Comunque è Paolo Gasparri, ripeto, che ha buttato là l’idea del festival-endorser, profondamente in osmosi con la cultura psychobilly, e tutti lo abbiamo seguito con entusiasmo. Nella situazione attuale io e Paolo Gasparri pensiamo soprattutto alla grafica. Ci confrontiamo, ma di fatto cerchiamo di emulare tutta l’estetica che richiami l’ambito psychobilly, ovviamente. Tutto si rifà al vintage, in fondo. Purtroppo, il rockabilly, e la sua proiezione moderna, essendo una sottocultura degli anni 50, troppo spesso oggi viene associato a delle “carnevalate”. Cioè il sillogismo: Rockabilly=revival 50, pinup e vestiti stupidi, sembra scontato. Il fatto è che oggi c’è realmente qualcosa in più. Se ci fermassimo a quel tipo di festival, di revival, di esibizione del vintage, diventerebbe una buffonata, a nostro parere. Siamo un festival in cui la gente si veste normale, assolutamente, ma giochiamo con i teschi e le motociclette, ricordiamo attraverso i loghi e le locandine, l’Ace Cafè di Londra degli anni 60, i club motociclistici, tutto quel mondo là, per intendersi.

1654184_1646701518883408_8213169474160597190_n

Siamo grafici e non disegnatori e illustratori. Facciamo collage e ci lavoriamo sopra. Prendiamo cose che vediamo in giro e che ci piacciono, senza però scopiazzare, mettendoci sempre del nostro. Ci sono cose troppo personalizzate in certi ambiti. Ci piace giocare con elementi che stanno ai margini del filone: uno dei nostri riferimenti è Josè Guadalupe Posada, un tipografo, illustratore e incisore messicano, del primo novecento. Il nostro logo è proprio preso da uno dei suoi disegni; è il suo campesinhos a pugno chiuso. Prendiamo molto dalla cultura messicana fondendola con la grafica degli anni ’50. Da lì nascono i nostri manifesti. Giacomozzi invece (a.k.a. Giacomo Spinelli) si occupa dell’organizzazione totale, è lui il cardine generale dell’associazione; dal parlare con il service, con i volontari, organizzare di fatto i concerti e gli spettacoli di burlesque, che è un altro elemento importante del nostro concept.

A stretto contatto con l’ambiente rockabilly, ci siamo ritrovati numerosissime artiste di burlesque. Le abbiamo sempre inserite, con effetti stupefacenti. Spesso le artiste che chiamavamo conoscevano già la band con cui avrebbero dovuto condividere la scaletta ed hanno deciso, sul momento, di non usate la base ma il gruppo musicale live. Questo fa sì che la nostra scelta ricada in artisti che si omogeneizzino in un’opera d’arte totale continuativa, sul palco.

È comunque Giacomo Spinelli che d’inverno tira giù liste enormi di gruppi che andiamo a vedere live e selezioniamo. Cerchiamo sempre di pescare tra Italia e internazionalismo, ma soprattutto ricadiamo sull’estero, sempre basandoci su questi generi musicali.

Da noi certe culture non sono poi così conosciute. Tempo fa abbandonammo l’idea del surf-rock’n’roll perché le band proponevano pezzi strumentali, che poco si addicevano ad un pubblico generalista come quello che viene al nostro festival. Cerchiamo di veicolare certe esperienze artistiche, dal punto di vista culturale. Inoltre, cosa molto importante, dal punto di vista culinario, ma soprattutto birraio (ci chiamiamo Birranthology non a caso) la cultura delle birre artigianali, che nel nostro territorio inizia ad avere uno spazio molto rilevante, sta molto a cuore all’organizzazione, che cerca di espandere il più possibile la qualità di ciò che si beve. Quest’anno abbiamo 26 tipi di birre completamente diverse.

11049619_1673370399549853_7851542312074277889_nIl mercatino per noi è una parte integrante dello spettacolo. Noi non chiediamo niente ai banchi del mercatino. Non mettiamo in vendita la piazzola, non vogliamo niente in cambio dello spazio che concediamo nel parco dell’uccelliera. I banchini fanno tutto da soli ma devono essere assolutamente in tono con lo spettacolo e con il festival. Ci sono tatuatori, illustratori, o comunque artigiani che hanno a che fare con questa particolare cultura. È il continuo della scenografia del parco.

Il merchandising lo abbiamo concepito e creato tutto da soli. La grafica delle t-shirt, delle spille, delle fasce e degli adesivi ovviamente cambia ogni anno. Quest’anno alcune ragazze hanno preparato tabacchiere e portafogli in tela, con incollate le etichette delle birre artigianali che abbiamo al festival, sigillate poi in resina, tagliate e ricucite. Pienamente in tema DIY. Pienamente in tema Punk Psychobilly. Al banco del merchandising abbiamo, tra gli altri, Elena Bonaccini che espone dei flash per tatuaggi, immagini, disegni da lei stessa creati.

I volontari arrivano a quasi sessanta. Verso novembre ci facciamo venire la voglia di costruire qualcosa insieme, in inverno cerchiamo di organizzarci. Nel consiglio siamo undici membri. Arrivati al festival inglobiamo quanta più gente possibile, amici, ragazzi e ragazze del paese. Quest’anno abbiamo un prezioso aiuto da parte de La Frontiera di Bettolle, un cui congruo numero di militanti è venuta a darci una mano. Tutti ovviamente in forma gratuita. Arriviamo ad una massa critica di 60 persone che riesce a stare dietro al cibo e all’intrattenimento. Cerchiamo di coinvolgerci e coinvolgere, in piena filosofia punk rock.

Nessun commento su Birranthology – La Scrofiano Psychobilly che non ti aspetti

Type on the field below and hit Enter/Return to search