La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: lavori pubblici

Buoni lavoro per i disoccupati del comune di San Quirico

Il 27 diecembre la Giunta comunale di San Quirico ha approvato l’adozione di buoni lavoro da destinare a disoccupati, inoccupati, iscritti alle liste di mobilità e percettori di integrazione salariale…

Il 27 diecembre la Giunta comunale di San Quirico ha approvato l’adozione di buoni lavoro da destinare a disoccupati, inoccupati, iscritti alle liste di mobilità e percettori di integrazione salariale residenti nel Comune per lavori di pubblica utilità. Si tratta di lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti, lavori di emergenza e di solidarietà. Le attività saranno eseguite sul territorio di San Quirico d’Orcia secondo le indicazioni e la direzione del personale di riferimento dell’Ufficio tecnico comunale.

“Un supporto concreto alle persone e alle famiglie in condizioni di temporanea fragilità economica che impegnano i prestatori di lavoro in mansioni il cui svolgimento è necessario e utile per il bene comune. – ha dichiarato il sindaco di San Quirico d’Orcia Valeria Agnelli – Si tratta del secondo intervento di questo tipo. Questo è un periodo dell’anno difficile per le famiglie, in cui si accumulano diverse scadenze e tasse e quindi vogliamo provare a dare risposte in controtendenza.

Entro breve uscirà anche il bando per i contributi sulla Tasi pagata dalle famiglie nel 2014 in linea con la mozione votata durante l’ultimo Consiglio Comunale dai gruppi Centro-Sinistra per San Quirico e Sanquirichiamo. Il bando di lavoro sarà reso disponibile dal Comune il 31 dicembre: le istanze potranno essere presentate tra l’8 e il 28 gennaio 2015. Tutte le informazioni e la modulistica sono disponibili sul sito del Comune e all’ufficio Urp”.

Nessun commento su Buoni lavoro per i disoccupati del comune di San Quirico

A Monte San Savino lavori contro i danni metereologici

Sono in fase di completamento i lavori presso lo scolmatore fognario di Via della Stazione a Monte San Savino. Il Vice sindaco Gianluca Gentile precisa: “Lo scopo di questo intervento…

Sono in fase di completamento i lavori presso lo scolmatore fognario di Via della Stazione a Monte San Savino.

Il Vice sindaco Gianluca Gentile precisa:

“Lo scopo di questo intervento è finalizzato alla riduzione della pressione sul sistema fognario esercitata dalle bombe d’acqua, che hanno sempre creato disagi nella parte bassa del paese. Si tratta di un’opera prevista da trent’anni ma mai realizzata. Tra l’altro, durante i lavori per l’inserimento dei nuovi binari della vicina stazione vennero chiusi i fossi verso il Cupina. Nell’occasione voglio ringraziare la Rete Ferroviaria Toscana per il supporto tecnico e la collaborazione affinché il progetto si concludesse in tempi rapidi”.

Lo scolmatore di Via della Stazione è la prima delle tre opere per la messa in sicurezza definitiva della piana di Monte San Savino. Le altre riguardano l’intervento il Cupina, previsto da parte della provincia di Arezzo per il prossimo anno e gli argini del torrente Esse.

“Sugli argini del torrente Esse sono state completate le bonifiche degli ordigni bellici e le analisi delle terre di scavo. Inoltre, sono iniziati i lavori di posa delle fibre ottiche nella zona industriale per poi essere rimosse dall’argine stesso. Con il Sindaco Margherita Scalpellini – continua Gentile – abbiamo incontrato il Presidente del Consorzio di Bonifica Tamburini per analizzare lo stato dei lavori previsti nel nostro territorio. In quell’occasione abbiamo richiesto la massima celerità nel ripulire il tratto dell’Esse a valle del ponte delle Vertighe. A tal proposito ci è stato assicurato che il lavoro è già stato appaltato e che, compatibilmente con le condizioni meteorologiche, i lavori inizieranno entro dicembre. Tutto questo dimostra l’attenzione dell’amministrazione comunale alla tutela del territorio e delle attività – conclude Gentile – unitamente alla capacità di muoversi presso le sedi appropriate al fine di ottenere fondi e priorità di intervento”.

Comunicato stampa del 05/12/2014. Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione

Nessun commento su A Monte San Savino lavori contro i danni metereologici

Sarteano: manutenzione stradali nei prossimi mesi

Nuovi asfalti e lavori di manutenzione: chiusa via Firenze. Landi “Opere necessarie per migliorare la vivibilità” Il Comune di Sarteano ha fatto partire importanti lavori in via Firenze: prevedono la…

Nuovi asfalti e lavori di manutenzione: chiusa via Firenze. Landi “Opere necessarie per migliorare la vivibilità”

Il Comune di Sarteano ha fatto partire importanti lavori in via Firenze: prevedono la sostituzione dei sotto servizi idrici, a carico dell’acquedotto del Fiora, quindi di un nuovo asfalto. Dopo aver sistemato nei giorni scorsi via degli Spartitoi, la strada che dal campeggio con il parco delle piscine si collega a viale Amiata, adesso è il turno di questa strada, attigua.

spartitori3“Il nostro compito è migliorare la qualità delle vie di comunicazione e dei servizi – commenta il sindaco Francesco Landi – chiediamo solo un po’ di pazienza a chi abita nella zona. Nel caso specifico era arrivato il momento di asfaltare completamente strade non più sanabili con la singola ‘toppa’. L’intervento del Fiora, poi, consentirà di risolvere problemi cronici del quartiere. Più in generale, vogliamo intervenire presto anche sul manto stradale di altre zone Sarteano, così come su alcune strade bianche del territorio, a partire dalle due frazioni, Fonte Vetriana e Castiglioncello del Trinoro”.

Qualche mese fa il Comune era intervenuto in viale Etruria, realizzando un nuovo marciapiede, nuovi sotto servizi e asfalti. Così, al termine dei lavori attuali, ci saranno due vie adiacenti che danno verso Cetona, Radicofani e San Casciano dei Bagni, oltre che sulla zona artigianale, completamente rinnovate. Come dire: la viabilità di accesso verso il centro di Sarteano, rimessa a nuovo in pochissimo tempo.

“Le necessità di lavori pubblici sono numerose, e le risorse a disposizione del Comune non bastano mai – aggiunge il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Mauro Crociani – ma contiamo di fare interventi importanti e necessari nei prossimi mesi oltre a quelli in corso, partendo proprio dalle situazioni più critiche e con maggior transito di auto. Non a caso avevamo messo risorse importanti a bilancio per intervenire nel corso del 2014 in modo significativo”.

Il divieto di transito in via Firenze è previsto dalle ore 8 alle ore 18 di tutti i giorni feriali, almeno fino alla data prevista del 28 settembre, ma che non può essere certa. In ogni caso, basterà attenersi alla segnaletica temporanea apposta in loco. Dalle ore 18 alle ore 8 di tutti i giorni feriali e festivi, sempre fino al termine dei lavori, è istituito un senso unico di marcia con accesso da viale Etruria e uscita in viale Amiata.

Nessun commento su Sarteano: manutenzione stradali nei prossimi mesi

Chiusi: Chiusi Città e Chiusi Scalo a breve collegate

Molto presto scendere da Chiusi Città a Chiusi Scalo sarà ancora più semplice grazie alla sistemazione delle scalette Zilath, storico percorso ormai abbandonato che entro la fine dell’anno tornerà più…

Molto presto scendere da Chiusi Città a Chiusi Scalo sarà ancora più semplice grazie alla sistemazione delle scalette Zilath, storico percorso ormai abbandonato che entro la fine dell’anno tornerà più bello di un tempo. I lavori, affidati tramite bando di gara nel corso del mese di luglio, saranno affidati ad una ditta di Chiusi facente parte di E.A.CO.S. un consorzio di artigiani edili della Provincia di Siena.

“In campagna elettorale – dichiara il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli – avevamo promesso che avremmo unito Chiusi Città e Chiusi Scalo con dei collegamenti di trekking urbano che permettessero a tutti di raggiungere senza l’utilizzo dell’automobile i due agglomerati principali della nostra Città. Ebbene da questo progetto non poteva essere esclusa la sistemazione di un percorso alternativo adesso abbandonato e fatiscente, ma fino ad alcune decine di anni fa molto utilizzato e suggestivo. Siamo certi che grazie a questi lavori la nostra città sarà ancora più accogliente sia per i nostri cittadini che per i turisti che ogni anno aumentano nonostante il periodo. I lavori non saranno fini a se stessi, ma rappresenteranno un continuum di percorso fino alla zona di Fontebranda così da unire nei fatti la nostra città. Dai lavori che presto partiranno sarà recuperato uno spaccato delle nostre tradizioni e per questo sono soddisfatto di essere riuscito a trovare tra le righe del nostro bilancio i fondi per riscoprire un pezzo di storia del nostro Comune.”

foto_04

Scalette Zilath, che collegheranno Chiusi Città e Chiusi Scalo

I lavori che partiranno entro la fine del mese di settembre consentiranno quindi oltre che una facile discesa (adesso pericolosa e ricca di insidie a causa soprattutto di erbacce) dalla zona della pesa a Chiusi Città fino alle così definite, per la loro particolare conformazione, curve dell’esse in prossimità di Chiusi Scalo, anche di realizzare un collegamento ideale con la zona di Fontebranda che nel frattempo sarà risistemata per evitare disagi ed infiltrazioni di acqua alle abitazioni circostanti.

Il costo dei lavori sarà di circa 70 mila euro e sarà coperto dal bilancio comunale. Contemporaneamente e sempre rientrando nello stesso capitolo di spesa, saranno sistemate anche le scalette di Via Gramsci che consentiranno ai cittadini di Rione Carducci che hanno suggerito i lavori durante gli incontri di Decidi Insieme a Noi, di scendere direttamente a Chiusi Scalo.

A tre anni dall’inizio del mandato Scaramelli, dunque, grazie alla realizzazione dei marciapiedi prima (sono partiti anche i lavori del marciapiede alle biffe) e adesso alla sistemazione di percorsi alternativi, Chiusi Città e Chiusi Scalo sono realmente unite da un unico percorso pedonale di trekking urbano. Già adesso i marciapiedi realizzati nella prima parte del mandato amministrativo sono utilizzati quotidianamente e ben presto sia grazie ai lavori in cantiere la Città di Chiusi potrà dire nei fatti di non essere mai stata così vicine ed unite sia fisicamente che idealmente come adesso.

Nessun commento su Chiusi: Chiusi Città e Chiusi Scalo a breve collegate

Nuovo svincolo tra Sarteano e Chianciano

Sarteano, aperta la viabilità a Palazzolino: nuovo svincolo verso Chianciano È stata aperta al traffico via Sant’Andrea a Sarteano, una nuova arteria che collega via dei Cappuccini con la strada…

Sarteano, aperta la viabilità a Palazzolino: nuovo svincolo verso Chianciano

palazzolino2È stata aperta al traffico via Sant’Andrea a Sarteano, una nuova arteria che collega via dei Cappuccini con la strada provinciale per Chianciano. La nuova strada, legata alla lottizzazione della zona di Palazzolino, era bloccata da oltre dieci anni per alcune incomprensioni tra le parti private, e tra queste e l’amministrazione comunale. Dopo un lavoro accurato di mediazione, l’amministrazione Landi è riuscita a consegnare alla cittadinanza una importante via, che servirà un’ampia area residenziale, Inoltre, va considerata un nuovo biglietto da visita, una volta completate le aree verdi presenti nella rotatoria, per chi entra a Sarteano proveniendo dalla vicina località termale.

“L’apertura di via Sant’Andrea è un fatto importante per il nostro territorio – commenta il sindaco, Francesco Landi – ringrazio oltre agli uffici ed alla polizia municipale, tutti i soggetti che una volta messi attorno ad un tavolo hanno dimostrato grande maturità, senso di appartenenza a questa comunità, riuscendo a superare vecchie incomprensioni.

Il Comune – aggiunge Landi – ora ha il compito di vigilare sul traffico sull’area, nella consapevolezza che, cambiando abitudini consolidate, non è mai semplice né immediato adeguarsi alle novità. Per questo stiamo contattando i residenti nelle aree contigue il nuovo svincolo, per dar loro informazioni. In ogni caso si tratta di un grande obiettivo raggiunto da Sarteano”.

Alcuni lavori di sistemazione, che hanno preceduto la presa in carico da parte del Comune della strada, hanno riguardato la segnaletica orizzontale e verticale, piccoli interventi su marciapiedi e tombini e altre opere necessarie per perfezionare lo svincolo: le opere sono state segnalate attraverso  rilievi effettuati dai tecnici della Provincia.

Nessun commento su Nuovo svincolo tra Sarteano e Chianciano

Montepulciano: Oltre 1milione e 600mila Euro per fermare l’erosione del costone

Già programmati i lavori di ripristino dei cedimenti delle mura. Frana di Canneto: a Montepulciano opere in pieno svolgimento Si avviano alla conclusione i lavori che interessano il versante di…

Già programmati i lavori di ripristino dei cedimenti delle mura. Frana di Canneto: a Montepulciano opere in pieno svolgimento

Si avviano alla conclusione i lavori che interessano il versante di nord-est del colle su cui poggia la città di Montepulciano. L’intervento fa parte del più ampio progetto conosciuto come “Frana di Canneto”, un’opera che, dopo una fase di monitoraggio, avviata una ventina d’anni fa in collaborazione con il Dipartimento di Geotecnica l’Università di Siena, e una successiva di studio e progettazione, sta affrontando in maniera risolutiva un’importante problematica.

I LAVORI IN CORSO

In questo momento il cantiere occupa una fascia del costone nord-orientale che va, orientativamente, dalla Porta dei Grassi al cosiddetto Torrino, il punto dove il profilo del centro storico poliziano piega decisamente verso settentrione. In quest’area si sta concludendo la posa dei grandi tubi che, raccogliendo le acque di superficie della stessa Porta dei Grassi, di Collazzi e Via Piana, le convogliano verso il Fosso della Casella, situato a valle, nella zona di Via di Canneto.

Posa Condotta

Posa Condotta

LA FRANA DI CANNETO

“La Frana di Canneto, ovvero il lento movimento di una massa di terra dai fianchi del colle poliziano, è dovuto proprio all’acqua piovana che scorre verso il basso, provocando fenomeni di erosione” spiega Luciano Garosi, vice-Sindaco con delega ai Lavori Pubblici. “E’ quanto è stato possibile accertare grazie alle ricerche tecniche e l’opera consiste appunto nel raccogliere l’acqua di superficie e deviarla verso valle, senza che interessi l’area soggetta al problema”.

IL QUADRO GENERALE DELL’OPERA

La prima parte dei lavori, completata nel 2011, ha consentito di realizzare la grande canalizzazione che giunge al torrente Casella e di raccogliere le acque meteoriche provenienti dal ponte sottostante Via di San Biagio, per un importo di 360.000 Euro.

Per la seconda parte, in corso di svolgimento, l’Amministrazione Comunale ha ottenuto un finanziamento dalla Regione Toscana di 1.350.000 Euro; il primo stralcio, quello prossimo alla conclusione, del valore di 500.000 Euro, comprende la posa del tubo che va poi ad innestarsi nella condotta che guida l’acqua verso valle, aggirando il costone più fragile, e l’installazione di “gabbionate” di pietra e rete metallica che proteggono la tubazione e garantiscono la tenuta del ripido terrapieno. La fascia immediatamente sottostante le abitazioni più periferiche di Via Piana, è stata ricoperta con geostuoie, tenute in posizione da cavi e perni di ferro, che permettono la crescita dell’erba che nasconderà alla vista il manufatto. Inoltre l’impianto separa le acque bianche da quelle nere, con evidenti benefici anche sotto l’aspetto ambientale.

Nel frattempo è stato predisposto (ed è di imminente approvazione) il progetto che destinerà i restanti 850.000 Euro alla fascia di costone che va dal Torrino all’area sottostante il parcheggio ed il giardino delle Coste.

Anche questo secondo stralcio, oltre al completamento della tubazione per la raccolta e la deviazione delle acque di superficie, già in parte realizzata con il primo stralcio, prevede l’installazione delle geostuoie a protezione della parete tufacea che sostiene quella zona.

“Onde prevenire equivoci ed inutili preoccupazioni, specifichiamo che la striscia color terra che si vede sul fianco del colle – sottolinea Garosi – non è un effetto dell’eventuale movimento franoso (che non c’è) ma è, molto più semplicemente, il cantiere per la posa della tubazione”.

L’ATTENZIONE A MURA E COSTONI

“All’ingente intervento relativo alla Frana di Canneto se ne aggiungono altri che confermano l’elevata attenzione che l’Amministrazione Comunale dedica alla salvaguardia del sistema murario della città e dei versanti collinari sui quali poggia. Proprio in queste ultime settimane – annuncia il vice- Sindaco – abbiamo ottenuto ulteriori finanziamenti per poco meno di mezzo milione di Euro destinati alla ricostruzione dei tratti di mura che hanno ceduto in Via delle Case Nuove e Via del Giardino a causa delle forti piogge dell’autunno/inverno 2012 – 2013. Per quanto riguarda le mura di Collazzi, la situazione è molto migliorata dopo la sistemazione del parcheggio sottostante l’omonima via, realizzato dal Comune, che ha permesso di recuperare la fruibilità l’area, illuminarla e collegarla con due percorsi pedonali al centro storico. Ci troviamo al cospetto di cinte murarie che risalgono al Rinascimento e che sono quindi oggetto di costante attenzione: un’opera complessiva di restauro preventivo richiederebbe risorse molto consistenti, al di fuori delle possibilità del bilancio comunale; è anche in questa direzione che si muove la costante ricerca di finanziamenti”.

Foto Copertina: frana di Via Case Nuove

Nessun commento su Montepulciano: Oltre 1milione e 600mila Euro per fermare l’erosione del costone

Chiusi: investiti 300mila euro per lo Stadio Comunale

Oltre alla demolizione si passa alla ristrutturazione – Chiusi sempre più città dello sport! Nuovo impianto a 11 realizzato in soli due mesi Il vecchio stadio comunale di Chiusi a…

Oltre alla demolizione si passa alla ristrutturazione – Chiusi sempre più città dello sport! Nuovo impianto a 11 realizzato in soli due mesi

Il vecchio stadio comunale di Chiusi a breve tornerà ad essere più bello e funzionale di quando venne concepito. In sintesi è questo l’obiettivo dei lavori che proprio in questo periodo stanno interessando il comunale chiusino e che prima dei Ruzzi e della disfida della palla al bracciale (fine agosto – inizio settembre) restituiranno alla città un stadio completamente diverso. Come emerso da numerosi incontri pubblici tra: sindaco, assessori e associazioni e cittadini, lo stadio comunale ancor più di adesso sarà il luogo principale della città dedicato al gioco del calcio. Per questo dopo la demolizione dell’ex biglietteria e del vecchio magazzino (strutture fatiscenti, pericolose ed inutilizzate) che saranno a breve sostituiti da un parcheggio e un’area festa, sono in corso i lavori anche per la ristrutturazione degli spogliatoi, per il rifacimento delle tribune (che saranno in grado di ospitare fino a 4 mila spettatori) e per la sostituzione del manto in erba con un manto in sintetico che permetterà a tutte le squadre del Comune di utilizzare lo stadio per le partite dei propri campionati.

foto_06“I lavori allo stadio – dichiara il primo cittadino Stefano Scaramelli – sono molto importanti per tutta la città. Sono convinto che saper amministrare significa saper ascoltare e poi prendere le giuste decisioni e questo è proprio il percorso che ha anticipato i lavori allo stadio che a breve saranno terminati. Abbiamo sempre detto di voler governare in un modo nuovo e questo è possibile soprattutto avendo il coraggio di sostenere le proprie scelte come in questo caso. Sono soddisfatto inoltre che i lavori non costeranno un euro ai cittadini. Chiusi è la città dello sport e spero che il comunale completamente rinnovato permetta a tutto il mondo del nostro calcio di divertirsi e togliendosi importanti soddisfazioni.”

La città di Chiusi avrà dunque molto presto, entro un mese al massimo, un nuovo tempio del calcio ricavato dalla ristrutturazione del vecchio impianto che tante partite ha già alle spalle. I lavori costati circa 300 mila euro sono svolti dalla Polisportiva, (società che gestisce lo stadio e che ha vinto il bando pubblico), con il sostegno economico del Comune stesso che ha trovato le risorse per finanziare il progetto grazie agli introiti provenienti dal fotovoltaico e quindi non chiedendo un soldo ai cittadini. In linea con questo progetto, l’area della Pania non sarà, come annunciato, dedicata al calcio ma bensì ad altri sport e auspicando l’aiuto dei privati sarà creata una vera e propria cittadella dello sport che potrebbe ospitare varie discipline ed impianti come per ipotesi un palazzetto, una area running o bike, una piscina o palestre varie.

L’inaugurazione di quello che potrebbe essere definito un vero e proprio nuovo stadio comunale è invece prevista in occasione dei Ruzzi e della Palla al bracciale che dunque quest’anno per la prima volta sarà giocata su un campo in sintetico.

Nessun commento su Chiusi: investiti 300mila euro per lo Stadio Comunale

Variante di Pienza sulla Sp146: consegnati i lavori

La Provincia di Siena annuncia, attraverso il suo sito web, la consegna dei lavori della variante di Pienza sulla Sp146. Prende quindi concretezza la realizzazione della variante esterna all’abitato di Pienza,…

La Provincia di Siena annuncia, attraverso il suo sito web, la consegna dei lavori della variante di Pienza sulla Sp146. Prende quindi concretezza la realizzazione della variante esterna all’abitato di Pienza, intervento atteso da anni da parte della comunità locale e inserito dall’amministrazione provinciale fra gli obiettivi da raggiungere entro la fine del mandato nonostante la riduzione di risorse disponibili. Alcuni giorni fa, a circa un mese dalla firma del contratto, sono stati consegnati i lavori per la “bretella” che collegherà località La Fornace con Villa Casalpiano e che servirà principalmente a decongestionare il traffico attorno al centro storico, patrimonio Unesco e meta ogni anno di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.

La nuova variante, che da contratto dovrà essere realizzata in un anno, consentirà di separare il traffico urbano da quello extraurbano e di attraversamento, agevolando il passaggio di autovetture, autobus e mezzi pesanti. La realizzazione del nuovo tracciato stradale prevede un investimento complessivo di 1 milione e 450 mila euro e fa parte del pacchetto di interventi e investimenti attivati dalla Provincia di Siena nei primi 90 giorni del 2014, durante i quali sono stati firmati contratti e avviate gare di appalto per oltre 10 milioni di euro finalizzati a opere di viabilità, difesa del suolo ed edilizia scolastica, grazie anche al’attrazione di risorse esterne.

Nessun commento su Variante di Pienza sulla Sp146: consegnati i lavori

Durante la Pasqua, al via i lavori alle scuole primarie di Sarteano

Sono appena partiti, in concomitanza con le vacanze di Pasqua, i primi avori di rinforzo statico all’edificio delle scuole primarie di Sarteano, secondo un programma che proseguirà in estate. Questo…

Sono appena partiti, in concomitanza con le vacanze di Pasqua, i primi avori di rinforzo statico all’edificio delle scuole primarie di Sarteano, secondo un programma che proseguirà in estate. Questo il piano messo a punto dal Comune insieme al dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Cetona, Sarteano e San Casciano dei Bagni, Salvatore Di Costanzo, appena presentato a insegnanti e genitori del Consiglio d’istituto in una riunione convocata dal sindaco Francesco Landi.

Il Comune di Sarteano nei mesi scorsi ha effettuato delle indagini sugli edifici scolastici, avvalendosi di professionisti esterni, per verificarne la sicurezza sia dal punto di vista statico che antisismico. Gli esiti sono stati rassicuranti. L’unico intervento suggerito dallo studio riguarda un aspetto statico dell’edificio delle scuole elementari: consiste in un pilastro rompitratta su ognuna delle finestre centrali delle aule poste al piano terra.

“Investire sulle scuole rappresenta una delle nostre priorità per il 2014, sulla sicurezza dei bambini non si scherza – afferma il sindaco Francesco Landi – questo è un primo intervento necessario, che vogliamo gestire senza interrompere l’attività didattica. In estate partiranno altri lavori alle elementari, ma sono già in cantiere altri lavori di manutenzione alle scuole medie e materne nei prossimi mesi. Sulla sicurezza e la funzionalità degli edifici scolastici vogliamo essere scrupolosi fino in fondo, nonostante i vincoli stringenti del patto di stabilità”.

Per garantire la sicurezza dei bambini e del personale delle scuole e, allo stesso tempo, per non creare disagio all’attività educativa, il Comune ha fatto partire il lavoro di rinforzo a carattere provvisorio dal 17 al 21 di aprile. Per meglio spiegare ancor meglio i risultati degli studi effettuati e per dare le giuste informazioni ad insegnati, genitori e a tutti gli interessati, è stato convocato un incontro presso l’edificio delle scuole elementari in cui sono stati illustrati gli interventi. Oltre al sindaco Francesco Landi, erano presenti gli assessori Mauro Crociani (lavori pubblici) Luisa Gandini (istruzione), il responsabile di patrimonio e opere pubbliche Claudia Frangiosa e il responsabile servizio Istruzione Francesca Mazzetti. Per la massima condivisione, il sindaco Landi ha invitato anche una rappresentanza del comitato dei genitori.

Nessun commento su Durante la Pasqua, al via i lavori alle scuole primarie di Sarteano

Montepulciano, lavori di ripavimentazione dell’area di San Biagio

Entro la fine di giugno saranno completati i lavori di ripavimentazione dell’intera viabilità nell’area circostante il Tempio di San Biagio. Ad annunciarlo il Sindaco di Montepulciano Andrea Rossi ed il suo…

Entro la fine di giugno saranno completati i lavori di ripavimentazione dell’intera viabilità nell’area circostante il Tempio di San Biagio. Ad annunciarlo il Sindaco di Montepulciano Andrea Rossi ed il suo vice, Luciano Garosi, che ha anche la delega per i Lavori pubblici, in occasione della presentazione dell’intervento complessivo.

“La precedente pavimentazione, in cemento e quarzo, materiali perfettamente compatibili con il pregio ambientale ed architettonico dell’area, ha avuto una durata di oltre 25 anni – ha spiegato il Sindaco Andrea Rossi – e ad infliggere alle strade un pesante colpo sono state le nevicate e le gelate dell’inverno 2012. Il Viale della Rimembranza, circondato dai cipressi che onorano la memoria dei caduti nella Grande Guerra, oltre ad essere un’importante direttrice del traffico locale, è uno dei biglietti da visita della nostra città e rappresenta il collegamento con San Biagio. Ci siamo quindi posti tra le priorità un intervento di manutenzione straordinaria che, ripristinando le condizioni pre-esistenti, garantisca una circolazione decisamente più agevole e sicura”.

L’intervento si è svolto in due stralci, il primo, già completato, dell’importo di 90.000 Euro, realizzato dall’impresa Ricci di Castiglione del Lago (PG), ha interessato la rete più vicina al Tempio. Il secondo, per una spesa prevista di 150.000 Euro, riguarderà il primo tratto del viale, dall’incrocio con la Sp 146 verso la chiesa, e la stessa Via di San Biagio ovvero la discesa che proviene dal centro storico e che già da qualche tempo richiamava la necessità di un intervento radicale.

“La divisione del lavoro in due stralci – ha spiegato il vice-Sindaco Luciano Garosi – è dovuta ad una motivazione essenzialmente tecnica. Entrambe le opere sono infatti finanziate con risorse del Bilancio Comunale, senza ulteriore indebitamento, ed il reperimento di fondi piuttosto ingenti come quelli necessari ha richiesto tempi diversi. La gara d’appalto per il secondo stralcio – prosegue Garosi – è stata definita, sono in corso le procedure di acquisizione dei documenti per l’aggiudicazione definitiva; la volontà dell’Amministrazione Comunale è di effettuare i lavori tra la seconda metà di maggio e l’inizio di giugno cercando di limitare al massimo i disagi attraverso una viabilità ridotta ma non completamente bloccata. In tal modo nel pieno della stagione turistica si potrà restituire piena fruibilità all’intero percorso”.

L’intervento prevede la rimozione totale della precedente pavimentazione, la gettata di calcestruzzo armato con rete metallica elettrosaldata e la finitura della superficie con polvere di quarzo e cemento che presenta elevate qualità di resistenza all’usura, impermeabilità etc.

Nessun commento su Montepulciano, lavori di ripavimentazione dell’area di San Biagio

Type on the field below and hit Enter/Return to search