La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: eventi

Torrita si riempie di eventi

Si è conclusa una settimana ricca di eventi e si sta per aprire un weekend che tornerà a far brillare le giornate torritesi. La partenza è stata data sabato scorso, con…

Si è conclusa una settimana ricca di eventi e si sta per aprire un weekend che tornerà a far brillare le giornate torritesi. La partenza è stata data sabato scorso, con la II° Mostra Scambio del Radioamatore nel ristrutturato palazzetto comunale.

Più di cinquanta espositori hanno mostrato i propri pezzi classici e di antiquariato – ha ricordato soddisfatto il sindaco Giacomo Grazi -. Il prossimo anno provvederemo a far durare la mostra non più solo un giorno, ma almeno un intero weekend.

Ma la grande partecipazione non è mancata neanche per la consueta sfilata d’auto d’epoca. Oltre sessanta mezzi provenienti da tutta la Toscana, si sono dati appuntamento a Montefollonico, passando dentro Torrita e Montepulciano.

Con estremo piacere vediamo ogni anno il grande coinvolgimento che crea 
il Club AMET verso tutti gli appassionati di auto d’epoca – spiega Grazi – che attendono davanti alle loro case intrepidi il passaggio di questi momenti di storia.

Domenica si è svolto anche il X Memorial A.Baccioli. Il consueto gioco del tamburello ha visto protagonista una sfida fra Torrita e Firenze. Chiusi ha invece sfidato Monte San Savino a “Palla al Bracciale”, il tradizionale gioco medievale. A vincere il X Memorial è stato proprio il Torrita.

Non solo sport, anche buone degustazioni con le Cantine Aperte. «Molti sono i turisti che hanno potuto degustare e vedere il nuovo impianto d’imbottigliamento di grappe e affini», ha affermato il primo cittadino, che ha voluto partecipare alla visita nelle distillerie Bonollo.

Ma gli eventi non sono terminati, ricco il prossimo weekend.

Sabato 11 ottobre nel pomeriggio la contrada Porta a Sole nell’iniziativa Aperitivo con l’autore presenterà al Teatro degli Oscuri il nono incontro culturativo con la partecipazione dello scrittore ravennate Eugenio Baroncelli, già vincitore nel 2011 del premio Mondello con l’opera “Mosche d’inverno”.

Scrittore essenziale capace di descrivere in 100 parole il senso autentico dell’individuo solleticando la fantasia del lettore. Nell’occasione Baroncelli presenterà in anteprima il nuovo libro “Gli incantevoli scatti” edito da Sellerio in distribuzione nelle librerie dalla prossima settimana.

Domenica 12 ottobre già dalla prima mattinata Montefollonico si colorerà d’arancione; il nostro meraviglioso borgo è tra i 110 premiati con la bandiera del Touring Club Italiano che ha certificato quelle località per il loro patrimonio storico, culturale, ambientale con un’eccellente offerta turistica in grado di far riscoprire ai visitatori atmosfere tipiche di un turismo lento e sostenibile.

Nel pomeriggio, la contrada Stazione e la parrocchia di Nostra Signora del Rosario, dedicheranno la piazza della Libertà a Don Giovanni.
Oltre alle varie autorità, parteciperà il Vescovo S.E.Mons. Stefano Manetti, il Gruppo Sbandieratori e Tamburini, La Samba G.Monaco e il coro parrocchiale.

Abbiamo subito accolto con piacere la proposta della contrada Stazione e della parrocchia – conclude il sindaco Grazi – ma ho voluto portare la richiesta comunque in consiglio comunale, come gesto di trasparenza.

Nessun commento su Torrita si riempie di eventi

La giornata “arancione” a Radicofani e Sarteano

RADICOFANI La giornata della Bandiera è l’occasione di una scoperta di Radicofani, grazie all’impegno di Fausto Cecconi, storico per passione, amministratore pubblico: sarà la “voce narrante” capace di svelare gli…

RADICOFANI

La giornata della Bandiera è l’occasione di una scoperta di Radicofani, grazie all’impegno di Fausto Cecconi, storico per passione, amministratore pubblico: sarà la “voce narrante” capace di svelare gli aspetti più belli e sconosciuti di questa realtà, grazie a un’intera giornata di escursioni. Tra l’altro, Cecconi è l’autore di un bellissimo servizio su Radicofani, appena pubblicato dalla prestigiosa rivista “Medioevo”.

L’appuntamento è per la mattina (ore 9,30) con il ritrovo all’ufficio turistico. La visita guidata richiede l’intera mattinata, e prevede questo itinerario: Posta, dogana e fontana medicee, quindi Borgo e fonte grande, giardino romantico-esoterico “Bosco Isabella”, crolli vulcanici. Nel pomeriggio (ore 15) ritrovo alla Porta romana per una altro tratto di escursione guidata. Questa volta è prevista una visita al Borgo maggiore con le sue attrazioni (porta Romana, piazza Ghino di Tacco, palazzo Luchini), fino al quartiere ebraico. Quindi, chiesa di San Pietro, chiesa di Sant’Agata e palazzo pretorio. Più tardi (ore 17,15) visita guidata ai ruderi di Castel Morro e alla fortezza. Per informazioni e prenotazioni è ancora a disposizione Fausto Cecconi (tel. 335- 5913268).

SARTEANO

Sarteano è protagonista, il prossimo fine settimana, sia della giornata delle Bandiere arancioni che del cartellone regionale “CoolT”. A questo proposito, sabato 11 ottobre (alle ore 17) la direttrice del locale museo, Alessandra Minetti, dedicherà un intervento all’attività del grande archeologo Guglielmo Maetzke a Sarteano, nel sessantesimo anniversario della scoperta – da lui effettuata – della necropoli delle Pianacce. Verranno ripercorsi i suoi intensi anni a Sarteano tra il 1951 e il 1954: questa è una delle località in cui lui per primo compì scavi controllati e sistematici dopo secoli di saccheggi. In alcuni casi, come alle Pianacce, è stato poi il Museo civico archeologico a proseguire mezzo secolo dopo la sua attività. E proprio il museo potrà essere visitato gratuitamente, l’indomani.

La giornata della Bandiera arancione si svolge domenica 12. In mattinata (dalle ore 10) mercatino eno-gastronomico di prodotti locali in Piazza XXIV Giugno. A seguire (ritrovo ore 10,15 all’ufficio turistico in corso Garibaldi 9) visita guidata del centro storico con ingresso gratuito al museo, al castello e alla tomba della Quadriga infernale. La stessa visita viene riproposta nel pomeriggio (ore 15-17,30). Quindi, al teatro degli Arrischianti (ore 17,30) spettacolo per bambini (ingresso: 3 euro, l’incasso verrà devoluto all’associazione Mani amiche). Il Comune offrirà ai partecipanti un “sacchetto della qualità” con materiale informativo e un prodotto distintivo della località. Per le attività prescelte è possibile effettuare la prenotazione fino alle ore 18 di venerdì 10 ottobre ai riferimenti indicati. Informazioni: 0578269204, 0578269212, turismo@comune.sarteano.si.it. Inoltre, sempre per domenica 12 ottobre, il Comune ha patrocinato per la “Giornata del nazionale del camminare”, una passeggiata alla riserva naturale di Pietraporciana (informazioni al 3494133103), organizzata da Sarteanoviva, assieme alla proloco, all’associazione sportiva “Serena Mancini” e all’Anpi di Sarteano.

“Per il nostro Comune – osserva il sindaco Francesco Landi – la cultura è sinonimo di promozione del territorio. Ci aiuta anche nella destagionalizzazione: per questo abbiamo sostenuto tante iniziative, come il Passkey art festival e con il Blog tour della scorsa settimana. Tutto il paese è coinvolto, in perfetta sintonia con il progetto Sarteanoliving. Per noi la cultura è in investimento”.

Nessun commento su La giornata “arancione” a Radicofani e Sarteano

Passkey Art Festival 2014: la parola ai Comuni

Lasciamo la parola ai Comuni, coinvolti nel Passkey Art Festival 2014, che abbiamo invitato a commentare le aspettative verso questa prima edizione del festival di arte contemporanea. Francesco Landi (Sindaco…

Lasciamo la parola ai Comuni, coinvolti nel Passkey Art Festival 2014, che abbiamo invitato a commentare le aspettative verso questa prima edizione del festival di arte contemporanea.

Francesco Landi (Sindaco di Sarteano)

L’IMG_4098arte contemporanea è una risorsa sulla quale investire, è un grande vettore ed elemento di aggregazione e di attenzione. E vogliamo che la Valdichiana si riconosca in questo tema, lo facciamo con un programma condiviso, perché vogliamo lavorare sempre più come area – affrontando certi temi con sintonia. L’obiettivo è anche di investire su eventi in mesi, al di là per esempio del mese d’Agosto, che è molto serrato come eventi.

Andrea Rossi (Sindaco di Montepulciano)

Direi una pIMG_4102rima esperienza ben riuscita, attorno a un tema caldo come la cultura. Nasce questo primo festival che speriamo possa avere una seconda edizione, anche con il coinvolgimento di tutto il territorio. Credo che un passo avanti sia stato fatto, in questi giorni, la Valdichiana è un territorio che si pone veramente come leader nella produzione culturale e nella crescita turistica, e ritengo che questo Festival sia una buona occasione per vedere i risultati di questa sintesi che in Valdichiana abbiamo voluto fare. Penso che il prossimo anno si possa allargare il Festival ad altre esperienze. Siamo una realtà attenta alla cultura e penso di poter dire anche che gli Enti Pubblici questa volta abbiano dato attenzione a un aspetto troppo spesso relegato ai margini, o che non viene considerato come strategico per la crescita del territorio.

Rossana Giulianelli (Vicesindaco di Chianciano)

IMG_4077Per Chianciano rappresenta una novità, un’anteprima, perché ovviamente vogliamo valorizzare il nostro patrimonio storico e unitamente all’arte contemporanea e abbiamo intenzione che questo diventi un appuntamento fisso negli anni a venire. Ed è anche l’occasione per riaprire Villa Simoneschi, una villa recentemente riarredata e ristrutturata e quindi questa sarà l’occasione per mostrare alla cittadinanza i lavori che sono stati fatti e verrà impreziosita dalle opere dei Maestri Ticciati e Vinattieri.

Eva Barbanera (Sindaco di Cetona)

Noi contrIMG_4109ibuiamo con un evento pomeridiano nel corso della settimana e siamo attivi per qualche ora. Le aspettative sono, con qualche ora di investimento di essere inseriti in un circuito più ampio e di richiamo, anche grazie all’ottima organizzazione e dalla pubblicità messe in piedi dalla Strada del Vino. Noi offriamo un evento di nicchia, in un ambiente, in una villa di proprietà privata, con un panorama stupendo e quindi teniamo molto a offrire al pubblico l’abbinamento tra cultura, arte e paesaggio, degustazioni di ottimi vini locali, il nostro modo di vivere da far conoscere a una platea più ampia.

Agnese Carletti (Vicesindaco di San Casciano dei Bagni)

IMG_4081Passkey per noi rappresenta un festival molto importante, perché viene fatto a livello di area e ci interessava lavorare con gli altri comuni su un tema importante come l’arte contemporanea. Il Comune di San Casciano ha già all’interno di alcuni borghi del paese delle opere di arte contemporanea, quindi non siamo nuovi a questo tipo di arte. Ci interessava far vivere all’interno del paese questa sensibilità e farla nascere, una sensibilità verso l’arte contemporanea. Quindi Passkey è un modo per sensibilizzare le persone a quest’arte che non è tipica dell’architettura classica dei nostri paesi.

Nessun commento su Passkey Art Festival 2014: la parola ai Comuni

Chianciano: a breve il consiglio direttivo Nazionale degli Autieri

Venerdì 3 e sabato 4 ottobre si terrà a Chianciano Terme il Consiglio Direttivo Nazionale dell’ANAI Associazione Nazionale Autieri d’Italia costituita al termine del primo conflitto mondiale quando un gruppo…

Venerdì 3 e sabato 4 ottobre si terrà a Chianciano Terme il Consiglio Direttivo Nazionale dell’ANAI Associazione Nazionale Autieri d’Italia costituita al termine del primo conflitto mondiale quando un gruppo di reduci automobilisti, motivati dallo spirito di corpo, promosse l’iniziativa di costituire un’associazione che li rappresentasse.

A partire dal 1952, quando l’associazione ha assunto l’attuale denominazione e stabilito la propria sede centrale a Roma, l’ANAI è attiva e partecipe alle vicende della vita nazionale svolgendo, tra le altre cose, attività per la sicurezza stradale, l’addestramento motoristico, ed il volontariato per la Protezione Civile, attraverso la propria Colonna Mobile Nazionale.

In merito all’attività di protezione civile si svolgerà, a latere dei lavori del Consiglio direttivo di Chianciano, una riunione tecnica dei responsabili dei gruppi di protezione delle varie sezioni ANAI presenti sul territorio nazionale.

All’evento sarà presente anche la sezione ANAI di Chianciano Terme che da anni, attraverso il proprio gruppo di volontari, svolge attività di protezione civile nel comprensorio.

Nessun commento su Chianciano: a breve il consiglio direttivo Nazionale degli Autieri

Eugenio Carmi: un pilastro dell’astrattismo italiano si racconta

Un viso segnato dalle rughe, la voce tremante e salda allo stesso tempo, e due occhi che sanno di esperienza. Eugenio Carmi è un uomo che sa vedere oltre la materialità….

Un viso segnato dalle rughe, la voce tremante e salda allo stesso tempo, e due occhi che sanno di esperienza. Eugenio Carmi è un uomo che sa vedere oltre la materialità. Non è solo un artista contemporaneo che ha vissuto l’arte dagli anni Quaranta a oggi: lui è l’artista dell’astrazione, parola che ci mostra con grande orgoglio e sapienza. Viene considerato un pilastro dell’astrattismo italiano, ma a me piace presentarlo anche per l’incredibile stimolo che ha donato all’industria, introducendo l’idea che anch’essa deve produrre cultura, realizzando tra le altre cose una serie di cartelli antinfortunistici insieme alla genialità semiotica dell’amico stimato Umberto Eco. Non solo, le illustrazioni delle favole per bambini edite da Bompiani nel 1966, le creazioni scultoree, le esposizioni alla Biennale di Venezia. La decisione di concentrarsi sulla pittura, in fondo, arriva solo negli anni ’70, momento nel quale approfondisce il linguaggio geometrico, categoricamente astratto su tela, spinto sempre più in uno stretto rapporto con la spiritualità; fino alle ultime opere, incentrate sul tema delle leggi matematiche della natura. Parlando di Einstein, bellezza, astrazione e profumi, vi presento un artista contemporaneo. Rappresenta un onore averlo in questi giorni a Montepulciano al PassKey Art Festival 2014. Non perdetevi l’esposizione delle sue opere.

La sua arte è fatta di astrazione, una parola per lei importante. Potrebbe spiegare il significato che lei personalmente dà a questa parola?

IMG_4291“Non vi spiegherò mai la mia arte, perché ognuno deve interpretarla secondo la sua mente, ossia secondo la sua impostazione mentale. Ciò che l’arte trasmette è molto più difficile da descrivere, considerato poi che ognuno la riceve a modo suo.

Per parlarvi dell’astrazione devo girarci un po’ intorno. Si tratta di una parola a me cara, perché tutta la mia opera, a parte quella dell’inizio, quella in cui un artista comincia e va da un maestro e allora si fa la natura morta o un ritratto, è stata atta a curare l’astrazione.

Voglio raccontarvi un aneddoto abbastanza significativo per dimostrare cosa sia in realtà l’astrazione, un aspetto quotidiano di tutta la nostra vita: pochi anni fa sono stato invitato dal Comune di Milano a fare una lezione a dei bambini in una scuola elementare. Ho avuto modo di conoscere una maestra giovane e molto brava, con la quale sono ancora amico. Lei aveva preparato la classe all’arrivo di un pittore astratto, e quando sono entrato nell’aula un bambino mi ha subito domandato che cosa fosse l’astrazione e la pittura astratta. Dunque, è difficilissimo descrivere le astrazioni; sono moltissime nella nostra vita. Allora ho risposto a quel ragazzino e a tutti gli altri, calmi nei loro banchi: «Che cosa mi direste se io, vivendo in un mondo dove non esistono i fiori, ma nel quale ho sentito parlare del profumo della rosa, chiedessi a qualcuno di voi, dato che non l’ho mai sentito, di descrivermelo?». Lo domandai con semplicità, e loro erano lì, in silenzio assoluto, senza sapere che dire. A un certo punto un bambino alzò la mano e disse: «È dolce!», e io risposi: «Io di dolce conosco lo zucchero, ma “dolce” non mi dice che cosa sia il profumo della rosa». Ci fu di nuovo silenzio. Ho aspettato un po’, ma vedendo che nessuno di loro riusciva a descrivermi il profumo della rosa ho esclamato: «Vedete, io vi ho spiegato l’astrazione! Il profumo è un’astrazione”.

L’astrazione fa quindi parte della nostra vita quotidiana, e si trova in moltissime cose come, appunto, nei profumi. E di ogni aspetto della vita lei ha cercato sempre di mostrarne la bellezza, la cui creazione è il fine ultimo dell’arte, come lei stesso insegna. Continuando nel suo discorso, quanto si può considerare amata l’arte astratta? La sua ricezione è comunemente vissuta e condivisa?

“Come dicevo, l’astrazione non si può enunciare a parole. I profumi, ci sono tantissimi profumi. A me piace, per esempio, quello della rosa, ma non riuscirò mai a descriverlo. Si tratta di un’astrazione che arriva direttamente ai nostri sensi e che ciascuno riceve con la sua sensibilità. Le donne, quando vanno a comprare un profumo, si fanno mettere sulle mani vari campioni per sentire quello che corrisponde alla loro sensibilità, e questo è un esempio per dimostrare quanto sia importante l’astrazione nel mondo. La nostra mente vive di astrazione, e questo per dire che, nonostante sia fondamentale per la nostra vita, alcuni la amano e altri no. Chi non la capisce non è preparato a riceverla. L’astrazione ha nella pittura una sua bellezza, e questa bellezza viene trasmessa a chi la riceve e non viene trasmessa a chi non la riceve. Molte persone NON amano l’arte astratta, mentre altre la amano moltissimo; il punto chiave è la mente della persona, ossia quanto è capace di ricevere astrazione o se sia portata più a ricevere delle figure che rappresentano le realtà conosciute.

I pittori figurativi, nel passato dei secoli, molto prima del nostro, vivevano di una pittura che era, appunto, di figure reali. La figura femminile, per esempio, è stata rappresentata da molti pittori, ma all’interno di queste creazioni esistono molte astrazioni che non giungono facilmente all’occhio. Prendiamo la Gioconda: misterosa, e piena di astrazioni; un sorriso appena accennato nella sua dimensione, e in un’altra invece dei rettangoli istituiti in sezione aurea. Non sappiamo se l’autore abbia realizzato questa figura con le regole della sezione aurea volontariamente, ma ci sono in ogni caso. La sezione aurea corrisponde a un numero infinito, 1.638 e così via fino all’infinito. La sua rappresentazione è una spirale, e qui ho molte opere esposte su questo aspetto: io che esisto in un rapporto stretto con la natura, vi dico che la natura è una cosa strordinaria in tutti i suoi aspetti e ho cercato di mostrarlo nelle mie ultime opere. Una delle questioni che continuano a pormi è che cosa sia l’infinito. Se la sezione aurea corrisponde a un numero infinito, allora questo dove va? Io rispondo allora che queste sono le astrazioni della natura e le sue regole, che la natura stessa ci rimanda all’infinito. Ci saranno pure volumi scritti da scienziati sull’argomento, ma a me interessa il pensiero dell’infinito, quello che la nostra mente non riesce a concepire. C’è una frase bellissima e interessante di Einstein: «Solo due cose sono infinite, l’universo e l’ignoranza umana, ma sulla prima cosa non sono sicuro». Einstein è incredibile, ha scoperto questa legge meravigliosa espressa in tre lettere, ha intuito tante cose del mondo e anche quelle sono astrazioni che lui è riuscito a estrarre dal mondo matematico. La sua scoperta condiziona tutta la nostra vita. Potrei continuare ancora, ma non vi voglio annoiare”.

Anzi, è un piacere ascoltarla. Mi domando, l’arte contemporanea, oggi, cos’è? Cosa ci può dire a riguardo?

Il Maestro Eugenio Carmi

Il Maestro Eugenio Carmi

“Quella che si chiama arte contemporanea è una arte un po’ incomprensibile. Voi sapete che quella che è chiamata in questo modo è caratterizzata dalle famose installazioni; possono essere qualsiasi cosa. Io posso mettere qui davanti a voi un bicchiere rovesciato, e un altro vicino, sui quali posso versare una cascata di acqua, e sarebbe un’installazione, ma non avrebbe nessun senso di commozione, nessuna emozione come trasmette l’arte dal tempo delle caverne fino ai giorni nostri. Per spiegare meglio cosa intendo, ossia cosa l’arte contemporanea è oggi e cosa dovrebbe essere, voglio raccontarvi un paio di episodi che mi sono capitati. Due critici d’arte hanno avuto il coraggio di dire la verità, ossia che quella che è chiamata oggi arte contemporanea è falsa. Uno è inglese, si chiama Julian Spalding, l’altro è uno dei maggiori critici d’arte francesi, Jean Clair.

Per quanto riguarda il primo episodio: due anni fa Hirst ha fatto una mostra; l’artista inglese.. scusate, “artista” mi è uscito per sbaglio.. che è quell’artista che ha messo all’asta tutte le sue opere, la più famosa delle quali è un delfino chiuso in una cassa di acqua piena di conservanti, venduta a un collezionista per migliaia di sterline. Opere come questa oggi molti critici hanno il coraggio di chiamarla arte contemporanea.

Insomma, Spalding due anni fa, riguardo alla mostra di Hirst a Londra, scrisse su un giornale inglese che costui non è un artista. Il coraggio di dire la verità, che nessuno ha avuto, gli è costato l’ingresso a tutte le anteprime dei musei. Leggendo questo articolo sulla Repubblica, gli ho scritto per mandargli le mie congratulazioni, le meritava, era stato sincero, e lui mi ha risposto gentilmente che avrebbe continuato su questa linea con decisione.

Pensa che una volta ero a New York con dei miei amici, e con Sara la mia assistente, per un lavoro teatrale sulle opere realizzate dalla mia collaborazione con Umberto Eco. In quel periodo, Maurizio Cattelan esponeva al Guggenheim Museum, e sono andato a vedere la mostra con alcuni amici italiani e americani. Naturalmente Cattelan è considerato un artista contemporaneo. Ora, già all’ingresso del museo, dove si ergono delle scale circolari, pendevano le cosiddette opere di arte contemporanea: bambini impiccati, due morti legati con delle corde che pendevano e dei cavalli imbalsamati. All’uscita la malinconia per la scelta del Guggenheim di cadere così in basso era alta, considerato che nessuna emozione era scaturita da quella visita, nessuna bellezza! Quella non era arte.

Il secondo critico d’arte, Jean Clair, accademico di Francia e direttore di una delle Biennali di Venezia, ha scritto due pagine sulla Repubblica dal titolo: L’arte contemporanea è un falso. Nessuno ha osato attaccarlo, come era successo con Spalding, in quanto accademico di Francia e direttore di una passata Biennale. Lui e Spalding hanno avuto il coraggio di dire la verità.

A me questo tipo di arte non dà emozione; vedere l’installazione di cento bottiglie messe insieme su un tavolo o di cento bombolette di gas per terra, con il patrocinio del museo che le ospita, non mi dà niente. Magari ad altri sì, ognuno ha la sua predisposizione mentale. Ma io, qui vi dico, continuo con la mia arte dipinta e con la mia astrazione, comunicando a chiunque voglia ricevere tutto quello che io voglio esprimere”.

Grazie.

Invece grazie a lei e a tutti questi incredibili spunti riflessivi sull’arte, la bellezza e l’astrazione. Arrivederci.

Materiali a cura di Valentina Chiancianesi

Nessun commento su Eugenio Carmi: un pilastro dell’astrattismo italiano si racconta

Il PassKey Art Festival inizia ufficialmente

Presentato a Montepulciano il festival che dal 29 settembre al 5 ottobre porterà l’arte contemporanea in Valdichiana senese, alla presenza delle istituzioni,  degli artisti e della stampa. Trecento opere di …

Presentato a Montepulciano il festival che dal 29 settembre al 5 ottobre porterà l’arte contemporanea in Valdichiana senese, alla presenza delle istituzioni,  degli artisti e della stampa.

Trecento opere di  50 Maestri storici, Maestri contemporanei e giovani Maestri ; questo il biglietto da visita delle mostre di Pass Key Art Festival, prorogate fino al 2 novembre, che porteranno Maestri già affermati e nuovi artisti in Valdichiana Senese. Coinvolti i comuni di Cetona, Chianciano Terme, Montepulciano, Sarteano e San Casciano dei Bagni, con un cartellone che comprende mostre d’arte, spettacoli, degustazioni e laboratori.

Lunedì  29 settembre, PassKey Art Festival è stato presentato ufficialmente nella sala consiliare del Comune di Montepulciano. Il festival, con le sue quattordici mostre distribuite nei vari comuni della Valdichiana senese, sarà anche la chiave di accesso per aprire i palazzi storici del territorio. Organizzato dalla Strada del Vino Nobile di Montepulciano, può vantare il patrocinio del MIbact e l’inserimento nel circuito “Toscanaincontemporanea”.

Questa è la prima volta che il territorio costruisce un evento condiviso di questo livello – ha dichiarato Andrea Rossi, sindaco del Comune di Montepulciano – non è un caso che i comuni partecipanti siano il nucleo della vecchia comunità montana e quelli che hanno sempre puntato sulla cultura come motore di sviluppo. Le premesse del festival sono ottime, i riscontri che stiamo ottenendo permettono già di pensare ad una seconda edizione. Si tratta di un nuovo progetto della  Strada del Vino Nobile di Montepulciano, soggetto pubblico/privato per la promozione del territorio, di cui anche gli altri otto comuni potranno diventare soci, assieme all’unione dei comuni. Il festival favorisce poi il prolungamento della stagione turistica della Valdichiana.

Siamo molto contenti di questa possibilità di promozione per il nostro territorio – ha aggiunto Emanuela Forconi, assessore del comune di Cetona – Per l’occasione verrà aperta Villa La Palazzina, un palazzo storico che è una splendida terrazza sul paesaggio di Cetona; si tratta di una residenza privata, visitabile in questa occasione e location di un coinvolgente spettacolo.

Crediamo fortemente nei progetti di territorio – così è intervenuta Rossana Giulianelli, vicesindaco del comune di Chianciano Terme – dobbiamo imparare a superare i confini amministrativi. I nostri territori sono pieni di bellezze, che devono essere presentate assieme. L’arte è un’occasione esponenziale per far circolare le nostre ricchezze. Abbiamo ideato, in occasione del festival, altri appuntamenti  per aumentare la partecipazione e il coinvolgimento: ad esempio la mostra di abiti da sposa dal 1900 al 1985. Mi auguro che questa sia un’occasione preziosa per la promozione in rete e per la valorizzazione dei prodotti enogastronomici.

Il binomio cultura e territorio deve andare di pari passo – ha dichiarato Francesco Landi, sindaco del comune di Sarteano – Non è semplice per un amministratore locale agire a livello di ampia area, perché siamo abituati a gestire i problemi del nostro comune all’interno dei nostri confini. Alcune tematiche però, o sono affrontate a livello di area o non trovano risorse per emergere in offerta culturale e promozione territoriale. Stiamo anche lavorando con l’aeroporto di Perugia per agire in sinergia come unione dei comuni, così come per il progetto dei “paesaggi del benessere”: bisogna ragionare in ottica di nove comuni in sinergia, non è semplice farlo, ma la volontà di lavorare assieme è fondamentale, perché da soli non si raggiungono risultati.

Il nostro è un comune piccolo che fatica a trovare risorse per la cultura – ha affermato Agnese Carletti, vicesindaco del comune di San Casciano dei Bagni – ma crediamo in questo progetto. Speriamo che sia la prima edizione di una fruttuosa collaborazione futura. Lavorare assieme come territori ci apre la possibilità di raggiungere risultati migliori. A San Casciano PassKey porterà una mostra di scultura monumentale lungo le vie del centro storico, un percorso in cui il borgo diventa scenografica. E poi, laboratori d’arte per bambini, oltre alla mostra/mercato del 5 ottobre con le eccellenze delle produzioni agroalimentari, organizzata in collaborazione con la Pro Loco e al Consorzio Terme e Terre.

Questo evento è un punto di partenza per la nostra associazione – ha dichiarato Stefano Biagiotti, consigliere della Strada del Vino Nobile di Montepulciano – che aspira ad allargarsi ai territori di area vasta. Un’area che ha molto in comune e deve razionalizzare le risorse per una migliore promozione. Arte, politica e cittadinanza hanno fatto sistema: i soggetti privati hanno aperto le porte dei palazzi storici, come ad esempio il Palazzo Avignonesi.

Scommettere sull’arte non da mai garanzia di un risultato certo – ha affermato Patrizia Cerri, direttore artistico del festival – i ringraziamenti vanno a tutti gli amministratori e allo staff della Strada del Vino Nobile, alle cantine storiche che hanno accolto con grande slancio le iniziative, creando dei veri e propri musei sotterranei. PassKey apre in modo simbolico le porte dei borghi all’arte contemporanea, è il modo per inserirla nel territorio. L’arte deve essere fruita da tutti e questo festival ne è la dimostrazione. In PassKey Art Festival, non opere che inseguono le mode del momento ma “arte sostenibile” grazie alle intrinseche caratteristiche di qualità.

Per maggiori informazioni sulle mostre, spettacoli , degustazioni e laboratori consultare il sito internet www.passkeyfestival.com.

Nessun commento su Il PassKey Art Festival inizia ufficialmente

Canottieri D’Aloja nella Coppa Italia di Società: resoconto

Ultimo impegno stagionale per la Canottieri D’Aloja su le acque del Lago di Candia (To) per la Coppa Italia di Società e il trofeo delle regioni. Manifestazione svolta nelle giornate…

Ultimo impegno stagionale per la Canottieri D’Aloja su le acque del Lago di Candia (To) per la Coppa Italia di Società e il trofeo delle regioni.

Manifestazione svolta nelle giornate del 19-20-21 settembre e che ha riunito tutte le società italiane con circa 1500 atleti presenti e le rappresentative regionali di tutta Italia. I canottieri chiusini non sono mancati all’appuntamento, se pur con qualche defezione dell’ultima ora per malanni di alcuni atleti.
Sulle acque del lago di Candia sono scesi in acqua a difendere i colori Biancorossi: Alessandro Velluzzi, Marco Venturini, Leonardo Gnassi, Anita Gnassi, Elena Socciarelli, Gabriele Stefanini, Edoardo Raimondi Crainz e Lorenzo Dini e a difendere i colori della Toscana Velluzzi Alessandro e Gabriele Stefanini.
I primi a gareggiare nella giornata di venerdì sono stati: Gabriele Stefanini nel singolo Cadetti, il quale con una condotta di gara tutta all’attacco ha combattuto sino all’ultima palata per la medaglia dando vita a un bel testa a testa con gli altri atleti, ma che alla fine è arrivato quarto; Edoardo Raimondi Crainz che, come per il suo compagno Stefanini, dopo una gara condotta in terza posizione si vedeva superato nello sprint finale di pochi centimetri e arrivava quarto allo stesso modo; infine, ultima atleta della giornata a gareggiare è stata Elena Socciarelli, che ha conquistato la medaglia di bronzo del Singolo allieve C femminile cercando sino all’ultimo di insidiare il secondo posto, senza riuscirci per poco.
Il giorno successivo è il turno del quattro di coppia Senior composto da Velluzzi, Gnassi, Venturini e Alfatti: un’impresa ardua passare alle semifinali per l’equipaggio chiusino che si presentava in acqua con tre categoria ragazzi del primo anno, 15 anni di età, contro equipaggi veramente di categoria Senior (ossia oltre i 20 anni), i quali possedevano ben più esperienza dei nostri ragazzi. Infatti, pur facendo una buona gara non sono riusciti a farcela nella Semifinale. A seguire, nel pomeriggio, sono scesi in acqua Anita Gnassi e Lorenzo Dini nella categoria Allievi B: entrambi, con due belle regate, sono riusciti a conquistare la medaglia di Bronzo.
La terza giornata di regate, dedicata alle finali della Coppa Italia di Società e alle Finali del Trofeo delle Regioni, ha visto coinvolti gli atleti Gabriele Stefanini e Alessandro Velluzzi, imbarcati sull’Otto, la barca ammiraglia del canottaggio. Gara avvincente quella disputata dall’imbarcazione Toscana che è arrivata terza, ma a pochi secondi dalle rappresentative regionali di Lombardia e Piemonte. Il distacco tra il primo ed il terzo era di cinque secondi, segno che si è trattato di una regata disputata ad alto livello.
Dopo anche questa medaglia la Canottieri D’Aloja è tornata a casa con 4 medaglie di Bronzo, l’ennesima conferma che negli ultimi anni il buon lavoro sta dando buoni frutti. Velluzzi è stato confermato nella rappresentativa regionale per il secondo anno consecutivo nonostante il passaggio di Categoria e sorvegliato speciale anche per il prossimo anno, cosi come anche per altri nostri atleti che in questo ultimo impegno hanno mostrato ulteriori segni di miglioramento.
Risultati come questi in campo nazionale e giudizi simili da parte degli allenatori della federazione Toscana di canottaggio non possono che dare soddisfazione al lavoro che la Società chiusina sta svolgendo con i propri ragazzi ed allenatori, i quali per altro spesso nelle gare nazionali vengono coinvolti nella gestione degli equipaggi della rappresentativa toscana.
Nessun commento su Canottieri D’Aloja nella Coppa Italia di Società: resoconto

Corona Summer 2014: da lunedì 25 agosto a sabato 13 settembre

Dopo un lungo inverno speso in attività di organizzazione, preparativi e investimenti, la Nobil contrada della Corona di Asciano si prepara per l’evento che precede il palio dei ciuchi 2014: il Corona Summer…

Dopo un lungo inverno speso in attività di organizzazione, preparativi e investimenti, la Nobil contrada della Corona di Asciano si prepara per l’evento che precede il palio dei ciuchi 2014: il Corona Summer 2014.

Da lunedì 25 Agosto, fino a sabato 13 Settembre, la Corona inizia con un programma ricco di serate a tema, iniziative per ogni età, e  per tutti i gusti.

Da non perdere assolutamente è la prima edizione della festa della Birra: per l’occasione saranno presenti  birre artigianali di birrifici della zona, senza contare altri tipi di birra provenienti da molte parti del mondo.

La festa si svolge nella pista di pattinaggio in via san Francesco.

Il programma completo della manifestazione, consultabile qui, prevede:

Lunedì 25 Agosto 
Ore 19:00 – Inaugurazione CORONA SUMMER 2014 con Apericena giallo rosso presso il Baruzzolo
Ore 21:00 – Baby dance
Ore 21:30 – Si balla la Zumba con My Fitness Dream by Elena Costanti

Giovedì 28 Agosto
Ore 20:15 – Cena degli antipasti 
Ore 21:00 – Baby dance
Ore 22:00 – Il gruppo dei giovani contradaioli presenta la Festa Hawaiana con tanti giochi e buona musica 

Festa della birra 29/30/31 Agosto 
Tutte le tre serate apertura Stand della birra, e saranno nostri ospiti: 

I Birrifici Artigianali La Diana e il Birrificio 26 Nero
e le Birrerie TNT e WILD WEST

Dalle 18:30 saranno in vendità le migliori birre Nazionali, Artigianali, Belghe e Tedesche. 
Gli stand resteranno aperti fino a tarda notte, insieme alla cucina Corona che propone panini di tutte le specialità, e per tutti i palati, e ovviamente il Baruzzolo con i suoi fantastici Cocktail.

Venerdì 29 Agosto 
Ore 18:30 – Apertura stand
Ore 21:00 – Baby dance
Ore 22:00 – Concerto del Gruppo made Asciano LA MILLEGRADI con Matteo Volpi, Tozzi Luca Giacomo Equatori e Nucci Leonardo.

Sabato 30 Agosto
Ore 18:30 – Apertura stand 
Ore 21:00 – Baby dance
Ore 22:00 – Resident dj maffo
Ore 23:00 – SPECIAL GUEST Discoteca con ISY DEE TOPLESS DEEJAY direttamente dalla riviera romagnola, e dalle discoteche più famose di Europa, dove la nota dj vi allieterà con il suo spettacolo, animazione e musica. 

Domenica 31 Agosto
Ore 18:30  apertura stand 
Ore 21:00 – Baby dance
Ore 22:00 – Direttamente da Canale Italia il gruppo Magazine Band con musica dal vivo 70/80/90 e con un ospite speciale degli anni 70.

Martedi 2 Settembre 
Ore 18:00 – battesimo contradaiolo per tutti i bambini, prosegue la serata dedicata sempre a loro, dove ci saranno attività e tanti divertimenti, tra cui il MAGOLATINO con bolle, magie, e i fantastici Gonfiabili per i più piccoli
Ore 20:30 – cena con Giro Pizza, mangi tutta la pizza che vuoi e spendi una cifra fissa! E dopo cena Baby dance.

Venerdì 5 Settembre 
Ore 20:30 – Cena del fritto 
Ore 22:00 . discoteca e selfie party con Ciacci dj e un’ospite illustro del panorama teatrale.

Lunedi 8 Settembre 
Ore 20:30 – Cenino maschile, durante la serata splendide sorprese.

Martedì 9 Settembre
Ore 20:30 – Cenino Femminile

Mercoledì 10 Settembre 
Ore 20:30 – cena Araba/Libanese con piatti tipici e cucinati direttamente da loro, 
Ore 22:00 – Concerto del gruppo Libanese Yabalala e con le ballerine di danza del ventre

Giovedì 11 Settembre 
Ore 20:30 – Cenino dell’anniversario della vittoria del 2011 e cenino anti piazza

Venerdì 12 Settembre 
Ore 20:30 – Cena tutto a base di pesce 
Ore 22:00 – festa Fluo e discoteca con maffo dj

Sabato 13 Settembre
Ore 17:00 – tutti a prende il ciuco
Ore 20:30 cenone propiziatorio con tante bellissime sorprese, è ospite della serata direttamente da zelig circus e zelig off Alvalenti che disegnerà una serata memorabile 
Ore 00:00 inizia la nottata e si balla con dj maffo

Per tutte le info e prenotazioni alle cene:

Nicola Nucci 333/6544132
Lorenzo Collini 339/6616072

Ingresso completamente gratuito per tutti gli spettacoli e balli.

Nessun commento su Corona Summer 2014: da lunedì 25 agosto a sabato 13 settembre

Notte Bianca a Chianciano Terme

Il 16 agosto a Chianciano Terme si svolgerà la quinta edizione della Notte Bianca, un evento organizzato interamente dal Centro Commerciale Naturale e sostenuto dal Comune di Chianciano. Il primo appuntamento è…

Il 16 agosto a Chianciano Terme si svolgerà la quinta edizione della Notte Bianca, un evento organizzato interamente dal Centro Commerciale Naturalesostenuto dal Comune di Chianciano.

Il primo appuntamento è alle 17.00 con l’apertura dell’ormai tradizionale mercatino di hobbistica e artigianato che si svolge lungo la suggestiva via Macerina, dalle 19.00 presso i bar del CCN si potrà fare l’aperitivo ascoltando buona musica.

Per l’ora di cena i nostri ristoratori sono pronti con menù a tema e per chi non vuole perdere il contatto con la strada ci sarà un ricco angolo di Street-food, tutto da degustare.

Dalle 21.00 decolla la serata con spettacoli di magia, animazione di strada, saltimbanchi, trampolieri, truccabimbi, musica dal vivo in ogni angolo del Centro Termale,spettacoli di danza in cerchio,mercato di produttori locali e tanto altro ancora. Alle 22.30 lo spettacolo di fuoco a cura dei Viatores e alle 24.00 gran finale col concerto dal vivo di Fabio Zeppetella in Piazza Italia.

Chianciano si vestirà come per le grandi occasioni con allestimenti ispirati alla notte lunare e i commercianti aderenti al CC N stupiranno portando la loro creatività fuori dai negozi lungo le vie cittadine.

Dopo il grande successo di Shopping sotto le stelle un altro importante appuntamento per il Centro Commerciale Naturale.

Per consultare il programma completo, si rinvia al sito: www.ccnchiancianoterme.it.   

Facebook: Centro Commerciale Naturale Chianciano Terme.

unnamed

Nessun commento su Notte Bianca a Chianciano Terme

Mattatoio n.5 – tutti gli eventi di Agosto

Dopo il grandissimo successo dell’anno scorso ritorna l’aperitivo targato MATTATOIO N.5, la cui attività si intensifica per vivere al meglio il mese più elettrizzante dell’anno con una nuova programmazione estiva tutta…

Dopo il grandissimo successo dell’anno scorso ritorna l’aperitivo targato MATTATOIO N.5, la cui attività si intensifica per vivere al meglio il mese più elettrizzante dell’anno con una nuova programmazione estiva tutta da scoprire. Cinque eventi, tutti esclusivamente a ingresso libero, si susseguiranno fino al 6 settembre animando le serate poliziane.
Il primo appuntamento cade proprio il 10 Agosto, nella serata di Calici di Stelle, l’evento che ormai da anni segna il vero inizio dell’estate a Montepulciano:

Ciascun evento sarà abbinato ad una degustazione pensata e creata appositamente e parallelamente saranno presentate nuove alternative analcoliche in collaborazione con Metina Distribuzione. Tutti hanno il diritto fare serata.

Mattatoio n5 Caffè
Piazza Moulins, 1 – Montepulciano
info@ mattatoio5.it

 

Nessun commento su Mattatoio n.5 – tutti gli eventi di Agosto

Il 24 luglio a Chiusi con Nicola Danti e Stefano Scaramelli per parlare di Europa e Toscana

Nicola Danti, parlamentare europeo del Pd, sarà a Chiusi giovedì 24 luglio (ore 21.30), alla Festa dell’Unità. Il so obiettivo è parlare della grande responsabilità di rinnovare la politica europea per…

Nicola Danti, parlamentare europeo del Pd, sarà a Chiusi giovedì 24 luglio (ore 21.30), alla Festa dell’Unità. Il so obiettivo è parlare della grande responsabilità di rinnovare la politica europea per dare forza all’Europa, tutta, che deve uscire dalla crisi con politiche economiche nuove, fondate sullo sviluppo, la crescita e l’occupazione.

oltre alle tematiche inerenti l’Europa, saranno toccati anche temi geograficamente più vicini, per esempio le questioni inerenti la Regione Toscana.

«Un’occasione importante per parlare di politica e dirsi grazie – commenta Stefano Scaramelli, sindaco di Chiusi – per il lavoro svolto e il valore dell’impegno europeo che, anche a partire da questa città, il Pd ha intrapreso per trovare soluzioni per uscire dalla crisi, come cittadini d’Europa, e per essere protagonisti del futuro nel ruolo di soggetto politico federale, l’Unione Europea. Obiettivi ambiziosi a cui Danti, gli uomini e le donne del Pd, e le forze politiche autenticamente europeiste, si stanno dedicando. E sarà anche un momento di confronto sui temi regionali: la Toscana deve cambiare passo, e ora che ha iniziato ad intraprendere la strada della costruzione di un grande Partito Democratico inclusivo e riformista, in grado di cogliere lo “spirito del tempo” e di innovare, superando le storiche resistenze al cambiamento, deve impegnarsi per diventare il motore dello sviluppo di tutta la regione».

L’appuntamento con l’Europarlamentare Danti, che con Scaramelli è in Direzione nazionale del Pd, è anche a cena, a partire dalle ore 19, per un “a tu per tu” diretto con i cittadini di Chiusi e della provincia di Siena che hanno dato a Nicola Danti il miglior dato assoluto, in percentuale sui votanti (4.500), della Toscana. Un risultato che non ha sorpreso i più, ma confermato la città di Scaramelli come la più “renziana” della Toscana:alle Europee il Pd ha raggiunto il 68% e Matteo Renzi il 93% al Congresso.

Nessun commento su Il 24 luglio a Chiusi con Nicola Danti e Stefano Scaramelli per parlare di Europa e Toscana

Cicl@Tour: ad Arezzo la seconda edizione, dal 14 al 16 novembre

Quasi mezzo milione di turisti questa estate visiterà l’Italia in sella a una bici e lo farà soggiornando in una delle oltre ventimila aziende agrituristiche del Paese. E’ questo il peso…

Quasi mezzo milione di turisti questa estate visiterà l’Italia in sella a una bici e lo farà soggiornando in una delle oltre ventimila aziende agrituristiche del Paese. E’ questo il peso del cicloturismo in Italia, un segmento che negli ultimi anni è cresciuto a dismisura confermando una tendenza alla vacanza “slow”, da assaporare lentamente lungo le caratteristiche strade e piste ciclabili presenti. È dall’incontro tra la vacanza in campagna e quella in bici che si ripeterà per il secondo anno consecutivo Cicl@Tour, il salone della vacanza in sella, ma passando per i territori rurali. Dal 14 al 16 novembre, nel polo espositivo di Arezzo Fiere e Congressi, si svolgerà infatti la seconda edizione di questo evento, in collaborazione con la Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) nell’ambito della tredicesima edizione di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo e dell’agricoltura multifunzionale.

Non è un caso che l’Italia, terra vocata al turismo “slow”, sia uno dei paesi leader nella produzione di biciclette (circa 25 milioni all’anno). Nel 2013 sono arrivati in bici oltre 450 mila turisti e di questi il 42% solo dalla Germania, il paese con il più alto numero di cicloamatori (se ne contano 2,5 milioni secondo i dati BTS) e dove il fenomeno è cresciuto negli ultimi due anni del 15 per cento. Le regioni più amate da questo tipo di turista sono il Veneto (oltre 80 mila presenze nel 2012), seguito da Toscana con 60 mila presenze e Lazio con 58 mila, ma vanno molto bene anche il Trentino – Alto Adige (48 mila) e Lombardia (42 mila). Considerando il clima, l’appeal turistico e le tante ciclopiste del nostro Paese, le potenzialità sono ancora più importanti se si pensa che alcune famose “rotte” generano incredibili passaggi di cicloturisti come le 800 mila persone nella sola valle della Loira, oltre il milione nel Camino de Santiago, mentre oltre la Ciclopista del Danubio genera da sola un indotto annuo che supera i 50 milioni di euro.

Ed ecco l’identikit del cicloturista. I cicloturisti sono quasi sempre accomunati da una spiccata sensibilità ambientale e da una grande passione per la bicicletta come mezzo di trasporto e come stile di vita, da una vivace curiosità per i luoghi sconosciuti al grande pubblico e da una grande adattabilità alle situazioni impreviste. Tre le tipologie del cicloturistalo sportivo che predilige uso di strade asfaltate e utilizza bici da corsa; l’ecologista che ama la natura e cerca strade bianche in mezzo alla campagna utilizzando la mountain bike; il turista che ama visitare luoghi d’arte e paesaggi per strade poco trafficate utilizzando la city bike. Il cicloturista ha tra i 25 e i 69 anni di età. La maggior parte viaggia in coppia, ma ci sono famiglie e talvolta gruppi che possono arrivare fino a 30 persone.

Primo in Italia, Cicl@tour si pone l’obiettivo di coniugare l’offerta agrituristica nazionale alla domanda cicloturistica, un fenomeno cresciuto moltissimo negli ultimi cinque anni, che va specializzandosi sempre di più e proprio l’agriturismo e la fattoria diventano un naturale punto di riferimento per praticare nelle migliori condizioni questo tipo di vacanza. «Un altro esempio di successo della multifunzionalità delle imprese agrituristiche – spiega il presidente di Arezzo Fiere e Congressi, Andrea Boldi – e già dal successo della passata edizione abbiamo deciso di portare in fiera questa opportunità per il mondo della ricettività in campagna con la possibilità di avvicinarsi alle principali esigenze dei cicloturisti incontrando territori, fornitori, operatori ed esperti del settore».

A Cicl@Tour si incontreranno gli attori della filiera: dai territori con la loro offerta per il cicloturismo, ma anche fornitori, non solo di biciclette, ma soprattutto di attrezzature per l’agriturismo che voglia adeguarsi a questo tipo di domanda, inoltre Tour Operator e gli altri operatori specializzati, associazioni e strutture turistiche.

Cicl@Tour si svolgerà ad Arezzo Fiere e Congressi, dal 14 al 16 novembre, nell’ambito della tredicesima edizione di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo, il primo in Italia dedicato a quello che è il comparto del turismo rurale, fenomeno  che muove circa un miliardo di euro all’anno e che coinvolge quasi 20 mila strutture sparse in tutte le regioni italiane.

Nessun commento su Cicl@Tour: ad Arezzo la seconda edizione, dal 14 al 16 novembre

Type on the field below and hit Enter/Return to search