truly madly dating app download

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: diocesi montepulciano-chiusi-pienza

Collegiata di San Martino: così gli angeli sono tornati sull’altare

Una folla gremita si è raccolta nella Collegiata di San Martino, in occasione delle celebrazioni per il giorno di San Costanzo. Il 29 gennaio infatti ricorre a Torrita la festa…

Una folla gremita si è raccolta nella Collegiata di San Martino, in occasione delle celebrazioni per il giorno di San Costanzo. Il 29 gennaio infatti ricorre a Torrita la festa del santo patrono: un appuntamento solitamente molto sentito dalla comunità, ma reso quest’anno ancora più importante da un evento che ha riguardato il patrimonio artistico conservato all’interno della chiesa.
Proprio la Santa Messa officiata in onore del patrono ha segnato il ritorno delle due statue di angeli, trafugate all’inizio degli anni 2000 dall’altare della Collegiata e ritrovate soltanto alcuni mesi fa. Prima di ricollocarle nella loro postazione, però, è stato necessario eseguire un fine lavoro di restauro per riportare le statue all’antico splendore.

Di questo si è occupata la restauratrice Mary Lippi, che ci ha raccontato in che modo è dovuta intervenire sulle opere per riparare i danni e rimuovere la patina di sporco che, a causa dell’incuria e del tempo, si era depositata sulla loro superficie.

«I due angeli reggi-candelabro sono statue alte circa un metro e mezzo, in legno policromo e dorato, databili alla prima metà del XVII secolo. Quando me li hanno consegnati in laboratorio presentavano alcuni problemi di stabilità e dissesto tra i vari strati della superficie. La prima fase è stata dunque di pulizia, per togliere il residuo di sporco che li ricopriva. Successivamente mi sono occupata di ripristinare le parti di materia mancanti. In alcuni punti, infatti, la superficie era così deteriorata che invece del colore si poteva scorgere la sostanza di preparazione sottostante. Quindi si è proseguito riprendendo lo strato pittorico e la doratura delle parti consumate. Complessivamente, ci è voluto circa un mese per restituire alle statue le loro sembianze e renderne possibile la presentazione alla comunità».

Anche la Pro Loco di Torrita, riconoscendo il gran valore di questo recupero, ha partecipato alla causa, come ha spiegato il suo presidente Roberto Goracci:

«La Pro Loco ha collaborato con la parrocchia per il ritorno di queste due statue, impegnandosi a finanziare il restauro e mettendo a disposizione il prezioso lavoro dei suoi volontari».

All’esposizione dei due angeli, che ha anticipato di pochi minuti l’inizio della Santa Messa presieduta dal vescovo Stefano Manetti, hanno partecipato le autorità e i sacerdoti della diocesi.

Nessun commento su Collegiata di San Martino: così gli angeli sono tornati sull’altare

Claudia Koll, il cinema, la conversione e la fede

La conversione, il passato da attrice, la fede e i giovani, Claudia Koll è intervenuta all’annuale convocazione diocesana di Montepulciano-Chiusi-Pienza che da avvio all’anno pastorale 2018–2019. Invitata dal Vescovo mons….

La conversione, il passato da attrice, la fede e i giovani, Claudia Koll è intervenuta all’annuale convocazione diocesana di Montepulciano-Chiusi-Pienza che da avvio all’anno pastorale 2018–2019. Invitata dal Vescovo mons. Stefano Manetti, Claudia Koll è la persona che nell’ultimo decennio si è distinta per la sua fede matura e forte, capace di testimoniare al nostro tempo la novità cristiana.

‘Se non c’è verità nella tua vita, come ci può essere nel tuo mestiere?’, è da questa frase, che le ripeteva la sua coach sul set, che inizia il processo di conversione di Claudia Koll. Da qui in poi per Claudia, attrice romana, classe ’65 da anni, inizia un percorso che la conduce a varcare la Porta Santa nel 2000, ad impegnarsi come missionaria laica nell’aiuto ai poveri e nelle missioni e ad occuparsi di un ragazzo malato di Aids ricoverato in un centro della Caritas.

La piccola Claudia viene allevata dalla nonna, cieca, la madre, dopo la sua nascita, rimane a lungo ricoverata in ospedale per una malattia. Claudia bambina era solita guardare i film in compagnia della nonna, ma, quest’ultima, essendo cieca vedeva i film attraverso gli occhi di Claudia, la quale le raccontava cosa succedeva nelle scene dei film. Era la voce narrante della nonna.

L’allontanamento dai genitori verrà vissuto da Claudia con un forte dolore, tanto da credere di essere stata abbandonata e maturare un grande rancore nei loro confronti. In seguito al diploma classico, la Koll inizia a frequentare corsi di teatro ed infine conosce Tinto Brass, che la scrittura per il film ‘Così fan tutte’. Il debutto dell’attrice le permette di riscuotere un forte successo, premiandola con il titolo di diva erotica italiana. Dopo questo film si susseguono vari lavori, tra i quali anche con Ezio Greggio e Renato Pozzetto nel film ‘Miracolo Italiano’, nel 1995  affiancherà Pippo Baudo nel Festival di Sanremo e dopo due anni sarà protagonista della fiction Linda e il brigadiere, al fianco di Nino Manfredi ed altri lavori di successo come Valeria medico legale. Claudia però inizia a vivere dei forti turbamenti sul set dovuti alla sua professione e da qui inizia il suo percorso di conversione.

“La mia conversione è avvenuta nel 2000 con il passaggio della Porta Santa. Mi sono messa in moto su due aspetti: la verità, e quindi scoprire che come persona dovevo essere autentica, non ipocrita e quindi togliermi di dosso tutte le maschere che indossavo per il mio lavoro, trovare chi era veramente Claudia ed entrare in relazione autentica con gli altri. L’altro aspetto su cui mi sono mossa è l’amore insieme alla carità” – racconta Claudia durante la nostra intervista.

Claudia, nell’intervista, parla di come è avvenuto il passaggio dal cinema alla fede, o come ci tiene a precisare lei, il passggio alla vita reale:

“Il passaggio dal cinema alla vita, ovvero la rappresentazione della realtà, è avvenuto in modo naturale. Ho semplicemente scoperto che era molto più interessante vivere piuttosto che rappresentare e quindi tutto quello che è finzione non mi piace più e di conseguenza mi pesa, come mi pesa quando devo interpretare qualche ruolo. Potrò tornare ad interpretare ruoli solo quando sento di aderire perfettamente al quel personaggio perchè mi permetterà di camminare nella strada della verità”.

L’incontro della diocesi a cui ha preso parte Claudia Koll è stato un momento di riflessione ampio e concreto all’interno del quale sono venuti fuori momenti di confronto interessanti. Il Vescovo Manetti ha insistito molto su questo appuntamento che ha visto la Diocesi molto attenta a sviluppare la tematica “I giovani e la fede” e proprio su questo tema Claudia dice:

“Il modo migliore per trasmettere il vero senso della fede è l’amore coinvolgendo i giovani a fare del bene. Nei giovani ci sono delle forti potenzialità da capire e sviluppare, ma è anche importante dargli degli stimoli importanti per fare sempre nuove esperienze”.

Intervista Claudia Koll

La sua conversione, il suo passato da attrice, i giovani e la fede, sono queste le testimonianze portate nel nostro territorio da Claudia Koll in occasione della Convocazione diocesana. Il Consiglio Pastorale Diocesano, unitamente al Vescovo mons. Stefano Manetti, ha pensato a Claudia, per questo importante appuntamento, per la sua fede matura e forte, capace di testimoniare al nostro tempo la novità cristiana Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza

Pubblicato da La Valdichiana su Lunedì 24 settembre 2018

Nessun commento su Claudia Koll, il cinema, la conversione e la fede

Un capolavoro nato dai miracoli di Maria – Il cinquecentenario del tempio di San Biagio

Percorrendo il viale della Rimembranza, che costeggia il pendio a sud-ovest di Montepulciano, ci si trova immersi in quella che è la più tipica immagine toscana: le due file parallele…

Percorrendo il viale della Rimembranza, che costeggia il pendio a sud-ovest di Montepulciano, ci si trova immersi in quella che è la più tipica immagine toscana: le due file parallele di cipressi che ritmano le piccole stradine di campagna. Sono alberi della memoria, perché alla loro base stanno i cippi con i nomi dei poliziani morti nella Grande Guerra. Proseguendo verso nord, le chiome scure e affusolate lasciano lentamente intravedere uno scorcio di campanile che si staglia alto nel cielo. E pare che si metta in competizione con le punte dei cipressi, i quali riescono a tener testa alla torre fino a che la prospettiva gioca a loro favore.

Ed è proprio qui, dove la Val d’Orcia si innesta nella Valdichiana, che il 15 settembre 1518 venne posta la prima pietra del Tempio di San Biagio.

L’imponente tempio fu edificato sopra un’antica pieve altomedievale dedicata prima a Santa Maria e successivamente, intorno all’anno Mille, a San Biagio: vescovo, di origine armena che veniva interpellato dai fedeli per la sua esperienza di medico per la cura di mali fisici.

Dell’originaria costruzione sacra, all’inizio del Cinquecento, restavano soltanto il rudere della torre campanara e un brano d’affresco raffigurante la Madonna col bambino e San Francesco dipinta da Maestro di Badia a Isola. Proprio da questo quadro iniziò una serie di eventi miracolosi che indussero la Comunità a dare avvio a quell’impresa che tutt’oggi possiamo ammirare ai piedi di Montepulciano.

Il 23 aprile di cinquecento anni fa due fanciulle di nome Antilia e Camilla, mentre tornavano a casa dopo aver lavato i panni, videro la Madonna dell’affresco aprire e chiudere gli occhi in un movimento del tutto umano e naturale. Lo stesso giorno un pastore di nome Toto, passando dinanzi al dipinto sacro, trovò uno dei suoi buoi inginocchiato sotto la santa immagine. Ma i miracoli non finirono qui. Dalle Notizie del Cardinale Roberto Nobili degli altri illustri poliziani e della città di Montepulciano si racconta che “defonti recuperarono la vita; si viddero ciechi illuminati; stroppi raddrizzati; ossessi liberati; sordi recuperare l’udito, muti la favella et altri infermi guariti”.

Il tempio di San Biagio si deve dunque a un episodio di devozione popolare che portò, il 4 maggio, all’approvazione del modello proposto da Antonio Da Sangallo il Vecchio. Nato e cresciuto a Firenze, studiò fin da piccolo nella bottega del padre, abile legnaiuolo e architetto. Nella sua formazione influirono decisamente gli artisti del Quattrocento, come il Brunelleschi e l’Alberti e le loro concezioni della proporzione perfetta. Nonostante si fosse specializzato nell’arte del fortificare, riuscì a rendere il Tempio il suo più grande capolavoro. Anche il papa dell’epoca, Leone X Medici, promosse l’edificazione attraverso grandi auspici.

Un ruolo importante per l’edificazione della chiesa venne portato avanti dal contadino Toto, che si impegnò tutta la vita nella questua in favore della costruzione del Tempio. Secondo un’altra leggenda Toto fu protagonista di un secondo evento miracoloso. Dubitando della fedeltà della moglie incinta le colpì la pancia con un pugnale. Dallo squarcio la minuscola testa del bambino si rivolse al padre per difendere la donna: «Fermati padre, sono tuo figlio».

Proprio nel Cinquecento il volto della città di Montepulciano inizia il suo cambiamento con la costruzione di molti palazzi signorili. Ciò si dovette al fatto che le maggiori famiglie del luogo assunsero un rilievo su scala nazionale. Molti furono gli interventi di Antonio da Sangallo, commissionato dai signori Ciocchi del Monte. Fra le sue opere si annovera la scultura del Crocifisso nella Chiesa di Sant’Agostino.

L’armonia architettonica del Tempio di San Biagio è eccezionale. Sembra l’amplificazione di un modello in legno la cui maestosità monumentale viene espansa a dimensione di una cattedrale. Come se la pietra che la compone si fosse sostituita al legno del progetto in scala per espandersi nelle tre dimensioni.

Il “plastico” presentato da Antonio da Sangallo fu approvato dal Consiglio di Montepulciano il 14 maggio del 1518. A esattamente 4 mesi di distanza venne posta la prima pietra. Il risultato è un santuario di grandissime dimensioni, che rimangono comunque adeguate alla misura della città di Montepulciano, destinata, in quegli stessi anni, ad una forte crescita architettonica. Lo stesso Tempio viene inquadrato all’interno della sperimentazione architettonica del Cinquecento, testimoniata dalle parole dello storico dell’arte Giulio Carlo Argan, il quale conferma che San Biagio non è un organismo di corpi curvi, ma un incastro di volumi squadrati. Ordine e proporzione, ricercate nel Rinascimento, si riscontrano perfettamente fra le parti dell’edificio. Un concetto proposto nel trattato vitruviano del Da Vinci e ripreso da Leon Battista Alberti.

Nel complesso, San Biagio risulta un’eccezionale sintesi fra il linguaggio artistico del Rinascimento maturo ispirato alla perfezione dei classici e la devozione religiosa dalla quale è scaturita l’edificazione della chiesa. La commistione fra scienza e miracoli ho partorito un capolavoro.

Don Domenico Zafarana, parroco di Montepulciano, ha a cuore l’accoglienza dei pellegrini e dei turisti, nel “gioiello architettonico alle pendici del centro storico” e augura a laici e credenti “di scorgere un’oasi di pace in un mondo quasi sempre intento a correre”.

2 commenti su Un capolavoro nato dai miracoli di Maria – Il cinquecentenario del tempio di San Biagio

Type on the field below and hit Enter/Return to search