La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: casa

Questa settimana al cinema – Dal 17 al 25 Marzo

Lotte di classe, morbo di Alzheimer, latin lover, famiglie particolari e Dante nel 2015, scoprite con noi quali sono le novità in programmazione questa settimana nei cinema della Valdichiana. Insurgent…

Lotte di classe, morbo di Alzheimer, latin lover, famiglie particolari e Dante nel 2015, scoprite con noi quali sono le novità in programmazione questa settimana nei cinema della Valdichiana.

Insurgent
Genere: Avventura
Durata: 111 min.
Diretto da Robert Schwentke (regista della serie Lie to me) sbarca nelle sale il secondo capitolo della saga The Divergent. Ambientato in un futuro apocalittico, in una società divisa in classi, questo film racconta della lotta intestina degli Intrepidi (i coraggiosi), divisi tra una parte schierata a fianco degli Eruditi (i saggi) ed un’altra che vuole aiutare gli Abnegati (gli altruisti) a contrastare gli Eruditi per conquistare il potere. Nel sequel vedremo Tris, Shaleine Woodley, dopo la morte dei suoi genitori dovrà scegliere definitivamente da che parte stare in questa lotta tra classi. Nel cast possiamo apprezzare anche: Kate Winslet, Theo James, e Naomi Watts.

 

 

La solita Commedia – Inferno
Genere: Commedia, Comico.
Durata: 110min.
Dopo la serie de I soliti idioti, e il debutto sul palco dell’Ariston per il Festival di Sanremo di quest’anno, Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, si cimentano questa volta in una rivisitazione della celebre opera dantesca. L’inferno è nel caos più totale, la società del terzo millennio sforna nuovi peccatori che non trovano una giusta collocazione nella classica classificazione dei gironi. Dio, in accordo con Lucifero, decide allora di rimandare sulla Terra Dante Alighieri (Francesco Mandelli) per effettuare una classificazione dei nuovi peccati. Ad accompagnarlo in questo compito sarà Virgilio, Demetrio Virgilio (Fabrizio Biggio) un precario trentenne che l’inferno lo conosce bene, dovendolo affrontare ogni giorno nella sua vita quotidiana.

 

Latin Lover
Genere: Drammatico
Durata: 114 min.
A dieci anni dalla scomparsa di Saverio Crispo, (interpretato da Francesco Scianna) celebre divo del cinema italiano, in occasione di una grande celebrazione, le donne della sua vita si incontrano tutte insieme in Puglia,nel paese d’origine del defunto. Cristina Comencini, dirige questa pellicola tutta al femminile, con Virna Lisi, Angela Finocchiaro, e Valeria Bruni Tedeschi, dove l’incontro tra ex consorti e quattro figlie avute da mogli diverse, sparse nel mondo, genererà conflitti e accese liti, sempre all’ombra della figura del celebre divo.

 

Fino a qui tutto bene
Genere: Commedia
Durata: 80 min.
Seconda prova per il regista inglese, ormai naturalizzato italiano, Roan Johnson, che dirige questa brillante commedia. Il film racconta gli ultimi giorni di un gruppo di cinque ragazzi che hanno vissuto e studiato, nella stessa casa per molti anni. Arrivati alla fine della loro convivenza, questa famiglia particolare, composta da Marta, Francesca, Vincenzo, Andrea, Cioni e Ilaria, rispettivamente interpretatati da Isabella Ragonese, Melissa Bartolini, Andrea Vassallo, Paolo Cioni, e Silvia D’Amico, dovendo fare i conti con le scelte ed il futuro, con una realtà non più protetta dalle mura di quella casa, salutano per sempre i momenti tristi e felici vissuti insieme.

 

Still Alice
Genere: Drammatico
Durata: 113 min.
Il film diretto da Richard Glatzer e Wash Westmoreland, racconta la toccante storia di Alice Howland (Julienne Moore), professoressa alla Coloumbia University, linguista di fama internazionale, moglie e madre di tre figli, che ad un certo punto della sua vita scopre che c’è qualcosa che non va. Tratto dall’omonimo best seller di Lisa Genova, la pellicola racconta il dramma che una malattia come il morbo di Alzheimer, continua ancora oggi a provocare in coloro che ne vengono afflitti. La straordinaria interpretazione di Julienne Moore in questo film, le ha valso agli Oscar, Golden Globe e British Academy Film Awards, il premio come Migliore attrice protagonista.

Nessun commento su Questa settimana al cinema – Dal 17 al 25 Marzo

Quale vorresti che fosse casa tua?

Non so voi, a me capita spesso di rimanere affascinata dalle case. Girando con la macchina, passeggiando lungo il marciapiede o, semplicemente, scorrendo delle foto su internet. Immagino quale potrebbe…

Non so voi, a me capita spesso di rimanere affascinata dalle case. Girando con la macchina, passeggiando lungo il marciapiede o, semplicemente, scorrendo delle foto su internet. Immagino quale potrebbe essere il quotidiano dentro questa o quella casa. C’è una veranda assolata con un dondolo sullo sfondo e un tavolo di legno, con un centrotavola decorato a fiori? La mia mente subito inizia a giocare con immagini di bambini che si rincorrono nel giardino, mentre i grandi si attardano a tavola con l’ultimo bicchiere di amaro, e la nonna, già stanca, che si è accomodata placidamente sulla sedia a dondolo, le mani giunte dolcemente in grembo, osservando  la sua famiglia con gli occhi che brillano.

Le case, almeno per me, hanno un fascino particolare. Ogni tanto capita di imbattermi in case davvero particolari, di quelle che fanno venire l’acquolina in bocca, specialmente quando sono circondate dalla natura incontaminata. In questo articolo vi propongo una rassegna fotografica di alcune tra le case e costruzioni che più hanno colpito la sottoscritta. Qual è la casa che, invece, piace di più a voi?

casa

Casa ispirata al Nord, in Colorado

“Sebbene si possa girare tra piaceri e palazzi, sii sempre umile, non c’è posto come casa propria.” 
JOHN HOWARD PAYNE

casa

 Casa sull’albero, notti sotto le stelle.

“La casa è quel posto dove, quando ci andate, vi accolgono sempre.” 
ROBERT LEE FROST

 

casa

 Un’entrata regale in mezzo al bosco.

“Se sei saggio, costruisci una casa e fonda un focolare.” 
PTAHHOTEP

casa

 Bellissima foto fatta da Matt Forbes.

“La mia casa è piccola ma le sue finestre si aprono su un mondo infinito.” 
CONFUCIO

casa

 Princes Street gardens in Scotland.

“A cosa serve una casa se non hai un pianeta decente in cui metterla?” 
HENRY DAVID THOREAU

 Hotel-Montana-Magica casa

Hotel La Montana Magica in Chile: chi non affitterebbe una stanza in questo paradiso?

“Ogni casa ha il suo odore inconfondibile. Qualcosa che ti eccita e ti spaventa. Come quando torni a casa dalle vacanze e rimani sul ballatoio, con la porta aperta e le valigie a terra. Indeciso se profanare quella strana penombra.” 
ALFREDO ACCATINO

casa

Un interno degno del riposo più dolce.

“Questa è la vera natura della casa: il luogo della pace; il rifugio non soltanto dal torto, ma anche da ogni paura, dubbio e discordia.” 
JOHN RUSKIN

casa

 Cottage sull’isola.

“«Seconda [stella] a destra e poi dritto fino al mattino», rispose Peter. «Che indirizzo bizzarro!». Peter era mortificato. Per la prima volta si rese conto che, forse, il suo era un indirizzo bizzarro.” 
SIR JAMES MATTHEW BARRIE

casa

 Per vivere cullati dalle onde.

“Senza destare l’attenzione una buona barca bada a se stessa. Nel vento si tiene in equilibrio senza tentennare; tra i flutti si tiene a galla senza affndare.”

RAY GRIGG

casa

Da Treehouses in the world, di Pete Nelson

“Le case dei vecchi hanno un odore particolare. Niente di poco pulito, voglio dire, soltanto che spesso si sente l’odore dei ricordi, di porte rimaste chiuse per molto tempo, una sorta d’intimità pesante e nostalgica.” 
JONATHAN COE

 

Nessun commento su Quale vorresti che fosse casa tua?

Coppia di senesi coltivava droga in casa

Avevano attrezzato la casa come un vero e proprio laboratorio per la produzione e la coltivazione di droga. Una coppia di senesi, D.M di 38 anni lui e P.C. 44…

Avevano attrezzato la casa come un vero e proprio laboratorio per la produzione e la coltivazione di droga. Una coppia di senesi, D.M di 38 anni lui e P.C. 44 lei, residenti a sud della nostra provincia, sono stati però individuati e arrestati dalla Polizia, a seguito di un’attività di indagine finalizzata al contrasto dello spaccio di stupefacenti.

Gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Siena, guidati dal dirigente Sabatino Fortunato, hanno perquisito la loro abitazione scovando un vero e proprio sito domestico adibito alla coltivazione e all’essiccamento di canapa indiana.

In particolare, l’attività a conduzione familiare veniva svolta grazie ad una serra ricavata in una stanza della casa, attrezzata con sofisticate apparecchiature di regolazione della temperatura – come lampade ai vapori di sodio e apparati di temporizzazione – che consentivano la coltivazione delle piante.

Quando gli investigatori sono entrati nella serra hanno trovato quattro piante di stupefacente e tutto il necessario per la loro concimazione.

In un’altra stanza, all’interno di un armadio, era invece stato predisposto l’apparato di essiccazione. Appese una accanto all’altra vi erano infatti altre dieci piante di canapa indiana.

All’esterno dell’abitazione, poi, sono state rinvenute diverse foglie della stessa droga, per circa 20 grammi, riposte dentro ad un sacco della spazzatura, a seguito della “pulitura” delle piante, oltre a tre vasi con i gambi recisi della stessa sostanza.

Dentro al frigorifero sono stati, infine, rinvenuti vari semi di canapa, custoditi in alcuni blister e in provette ermetiche, pronti per la successiva produzione. Accanto una rivista contenente istruzioni dettagliate per la coltivazione domestica delle piante.

Tutto ciò che è stato rinvenuto è stato quindi sequestrato e i due coniugi sono stati arrestati per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Nessun commento su Coppia di senesi coltivava droga in casa

Chiusi, l’assessore Bettollini critica fortemente la cancellazione dell’Imu

L‘assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Chiusi, Juri Bettollini, usa parole pesanti per esternare la propria rabbia riguardo la decisione del governo Letta di abolire l’Imu sulla…

L‘assessore al Bilancio e alle Finanze del Comune di Chiusi, Juri Bettollini, usa parole pesanti per esternare la propria rabbia riguardo la decisione del governo Letta di abolire l’Imu sulla prima casa.

«Come al solito si gioca sulla pelle degli italiani – dichiara l’assessore al bilancio e finanze Juri Bettollini – cancellare l’Imu è stata una scelta completamente scellerata e senza logica. La politica dovrebbe essere al servizio del cittadino ed invece come al solito prevalgono gli interessi personali, dei ricchi e dei potenti che non perdono occasione per calpestare i diritti di tutti gli altri, se fosse un romanzo sarebbe Robin Hood alla rovescia si prende ai poveri per dare ai ricchi. Con questo provvedimento dal governo possono anche ammettere che, per loro, esistono cittadini di serie A e di serie B. Come si fa a non capire che per un semplice principio di equità sociale l’Imu si poteva anche togliere, ma solo per le persone a basso reddito mentre doveva rimanere per chi ha grandi redditi e possedimenti in quanto è giusto che qualche cosa sia restituito alla comunità. Le risorse dell’Imu potevano essere destinate a progetti culturali e sociali o andare alle imprese per nuove assunzioni o ai giovani per nuove iniziative. I Comuni – continua l’assessore – si ritrovano da un giorno all’altro senza risorse, la Service tax è ancora tutta da chiarire e non può quindi certamente dare garanzia agli enti locali che invece hanno estremo bisogno di risposte chiare per essere al fianco dei cittadini; sarebbe bello che venissero gli esponenti del governo a guardare negli occhi le persone e spiegare loro il perché certi servizi, come uno scuolabus o la mensa scolastica, rischieranno di non essere più garantiti. Questo però non potrà accadere perché nelle stanze romane i potenti dell’Italia vivono in un mondo fuori dal tempo, fuori dalla vita e dai problemi reali».

La rabbia dell’assessore Bettollini è dovuta in sintesi alla grave iniquità del provvedimento che rischia tra l’altro di avere profonde ripercussioni sulla politica locale di erogazione dei servizi essenziali per i quali i Comuni adesso dovranno fare i salti mortali.

«Come se non bastasse – aggiunge Bettollini – oltre al danno sembra esserci anche la beffa visto che con la brillante idea di cancellare l’Imu sembra essere diventato certo, almeno così ha dichiarato il viceministro all’economia Fassina, l’aumento dell’IVA se questo accadesse sarebbe un regresso di tutto il mondo economico, in primis per le famiglie che vedrebbero alleggerita la propria busta paga e conseguentemente il proprio potere di acquisto. Anche sull’Imu per la seconda casa non si discute ed addirittura le tasse aumentano per le imprese che invece dovrebbero ricevere aiuti per uscire dalla crisi e generare nuovo lavoro; non si discute neanche della Tares che a fine anno sarà una autentica mazzata per famiglie ed imprese. Insomma ancora una volta è stato dimostrato che c’è bisogno di cambiare rotta e anche alla svelta, che c’è bisogno di tornare ad essere vicini alle persone a costo di scomodare gli interessi dei poteri forti; la politica ha perso una grande battaglia in questo senso, occorre far partire una fase nuova. Cambiare si può cambiare si deve».

Nessun commento su Chiusi, l’assessore Bettollini critica fortemente la cancellazione dell’Imu

Sarteano, Landi sul bilancio: “Garantiti i servizi ai cittadini”

“Non arretriamo di un millimetro sui servizi offerti alla cittadinanza, nonostante il contesto drammatico di incertezza e tagli al quale siamo sottoposti – ha dichiarato il sindaco di Sarteano, Francesco Landi,…

“Non arretriamo di un millimetro sui servizi offerti alla cittadinanza, nonostante il contesto drammatico di incertezza e tagli al quale siamo sottoposti – ha dichiarato il sindaco di Sarteano, Francesco Landi, di fronte al pubblico presente ieri sera in sala consiliare per l’approvazione del bilancio di previsione 2013 – abbiamo rafforzato misure di equità a partire dalle esenzioni sull’Irpef, senza rinunciare ad investire nel turismo, nella cura del territorio e nella qualità della vita”.

“Il bilancio non è un puro atto contabile – ha continuato Landi – ma rappresenta la capacità di un’amministrazione di dare risposte alle esigenze di una comunità. Non vogliamo nascondere le difficoltà del contesto che viviamo, a partire dall’introduzione della Tares a cui sono obbligati i comuni. Ma in un momento difficile per tutti, il nostro messaggio è chiaro: l’amministrazione sta dalla parte dei sarteanesi, delle attività produttive, del mondo dell’associazionismo e questo bilancio ne è la dimostrazione pratica”.  

Casa e lavoro nel segno dell’equità. In attesa delle decisioni del Governo sull’Imu, a Sarteano non vengono toccate le imposte sulla casa, che rimangono ai livelli minimi. Sull’addizionale Irpef è stato introdotto un meccanismo di esenzione per le fasce più deboli: sotto ai 10.000 euro non si pagherà l’addizionale comunale. Saranno esclusi, ad esempio, i pensionati con la minima, giovani o meno giovani con un lavoro precario, mentre sono state istituite aliquote per scaglioni progressivi in modo da chiedere un contributo leggermente maggiore ai redditi più alti.

Oltre un terzo della spesa sul sociale. Su un totale di oltre 5,7 milioni di euro di spesa corrente, oltre 2 milioni sono dedicati al sociale, confermando l’attenzione del comune di Sarteano per i più deboli.

“Sarteano rimane l’unico comune in Valdichiana ad avere una casa di riposo comunale per la quale investe risorse, personale, cura e passione – conferma il sindaco Landi -, confermiamo tutti i servizi a domanda individuale, come il contributo affitti o i pasti a domicilio. Non sono state toccate le rette dell’asilo nido, rimangono invariate le tariffe per la mensa e il trasporto scolastico, per le quali viene rafforzato il sistema di deduzioni Isee per le famiglie più bisognose”.

Turismo come leva di sviluppo. Sarteano è uno dei pochi comuni a reinvestire interamente i proventi della imposta di soggiorno nella promozione turistica. Al contempo, vengono raddoppiate in bilancio le risorse per il turismo rispetto al 2012. Dal  progetto ‘Sarteanoliving’ (a breve la presentazione del sito web), al wifi pubblico gratuito, dal potenziamento dell’Ufficio turistico al sostegno al Museo Civico Archeologico. Senza dimenticare il supporto di marketing e promozione per il grande lavoro dell’associazionismo culturale, sportivo e storico sarteanese.

Tares. Il capitolo più doloroso è la nuova tariffa sui rifiuti istituita dal Governo Monti con il decreto ‘Salva Italia’ del 2011.

“Per i comuni come Sarteano che erano a Tarsu si tratta di un aumento consistente della bolletta – continua Landi –, per questo come sindaci della Valdichiana abbiamo portato la nostra preoccupazione direttamente al Prefetto a Siena lo scorso marzo, e rimaniamo tuttora allarmati per l’impatto sociale di questa nuova tariffa su famiglie e imprese. Purtroppo la legge non dà libertà di manovra ai comuni. E’ cero che per quel poco che potevamo, abbiamo previsto delle agevolazioni per una serie di soggetti svantaggiati e delle riduzioni per alcune attività economiche. Nelle prossime settimane faremo una comunicazione completa agli utenti sarteanesi”.

Investimenti. Viene confermata la forte riduzione delle risorse sugli investimenti dovuta alla stretta imposta dal patto di stabilità, che dal 1 gennaio 2013  mette un tetto alla spesa anche per i piccoli comuni. Nonostante questo sono previsti interventi di sicurezza stradale e vivibilità, con il completamento dei marciapiedi di Viale Etruria, l’avvio imminente dei lavori di recupero del Centro ricreativo per anziani (ex “Enal”), e l’elaborazione del bando per il recupero dell’ex ospedale. Si attende infine l’esito di alcuni bandi ai quali ha partecipato l’ente per ottenere contributi per l’abbattimento delle barriere architettoniche al teatro ed al museo, la ripavimentazione di via dei Fiori e l’eliminazione del semaforo da cantiere in Piazza Bargagli.

Scelte condivise. L’approvazione del bilancio di previsione 2013, slittato in estate a causa delle incertezze e proroghe ministeriali, è stato preceduto da un percorso di ascolto e condivisione con la cittadinanza. Prima attraverso un’assemblea pubblica, poi attraverso il tavolo con le associazioni di categoria e le forze sindacali che hanno sottoscritto l’accordo sul bilancio, riconoscendo l’impegno dell’amministrazione nel mitigare gli impatti della crisi.

Nessun commento su Sarteano, Landi sul bilancio: “Garantiti i servizi ai cittadini”

Type on the field below and hit Enter/Return to search