La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: Bravìo delle Botti

Al via “La settimana degli eventi” del Bravìo delle Botti di Montepulciano

Il bello delle rievocazioni storiche è riprendere il passato e farlo rivivere riadattandolo al presente. In questi giorni, infatti, Montepulciano è in fermento per i preparativi della sua storica gara,…

Il bello delle rievocazioni storiche è riprendere il passato e farlo rivivere riadattandolo al presente. In questi giorni, infatti, Montepulciano è in fermento per i preparativi della sua storica gara, il Bravìo delle Botti, e tutto è pronto per “La settimana degli eventi”. Si inizia sabato 23 agosto con il Proclama del Gonfaloniere, attraverso il quale Montepulciano si appresta a vivere i dieci giorni più frenetici dell’anno, dove le strade, le piazze e le contrade si riempiranno di allegria e di sana competizione.

foto ceriSabato 23 agosto alle 21:30, il corteo storico delle otto contrade, il Magistrato, gli Alfieri, gli sbandieratori e i tamburini, insieme a tutto il popolo delle contrade in costume storico, arriveranno il Piazza Grande e daranno inizio al cerimoniale con la lettura del Proclama e il saluto da parte del Gonfaloniere, capo storico della città trecentesca e interpretato da Stefano Banini, il quale darà avvio ai festeggiamenti per il Patrono San Giovanni. Le gare e le sfilate saranno descritte dall’autorità con la lettura del testo autentico dello statuto comunale dell’epoca. A seguire la sbandierata del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano e lo spettacolo “BELFAGOR”, messo in scena dal gruppo Lux Arcana, ispirato al mondo degli antichi giullari medioevali e alle arti marziali, con giocolierie, manipolazione di oggetti infuocati e molti effetti speciali. Il costo dello spettacolo è di 6,00€ e i biglietti sono già in vendita presso la Strada del Vino Nobile in Piazza Grande, 7 e alla Pro Loco di Montepulciano in Piazza Don Minzoni, 1.

Gli eventi del Bravìo delle Botti procederanno poi con gli appuntamenti secondo tradizione, giunta quest’anno alla quarantesima edizione. Grande attesa per il Corteo dei Ceri in programma per giovedì 28 agosto, affascinante avvenimento in notturna, dove i figuranti, gli sbandieratori, i tamburini e soprattutto i portatori di cero attraverseranno in corteo il centro cittadino fino ad arrivare in Piazza Grande. Il cerimoniale si concluderà con l’ offerta dei Ceri in nome di San Giovanni Battista Decollato, con successiva sbandierata del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano. A seguire uno spettacolo che varia di anno in anno, ma che fa sempre riferimento all’epoca originaria del Bravìo: il medioevo. Quest’anno lo spettacolo sarà incentrato sulla danza verticale, messo in scena dalla Compagnia Il Posto Danza Verticale e Marco Castelli Small Ensemble, produzione Il Posto – Forte Marghera. La danza verticale è una danza di contatto con il muro e l’architettura dell’aria, nella quale il movimento delle danzatrici conferisce ai luoghi una dimensione diversa mettendo in comunicazione ogni singolo spazio dell’architettura. Ideazione e Coreografie a cura di Wanda Moretti, musiche sax e live electronics Marco Castelli, Wall dancers Elena Annovi, Simona Forlani, Eva Busatto e Isabel Rossi; costumi Micaela Leonardi, con la partecipazione delle allieve della scuola di danza Art Studio Ballet. Alle ore 24:00 spettacolo pirotecnico. Per il Corteo dei Ceri il costo del biglietto è di 10,00€ e saranno in vendita da domenica 24 agosto sempre presso la Strada del Vino Nobile in Piazza Grande, 7 e alla Pro Loco di Montepulciano in Piazza Don Minzoni, 1.

In entrambi gli spettacoli le luci saranno curate da Celso e Emiliano Pallassini, Michele Pisano si occuperà degli effetti fonici, mentre le scene saranno realizzate con l’aiuto degli operai comunali.

Oltre a questi due importanti appuntamenti il calendario del Bravìo, nell’arco di tutta la settimana che precede la gara, prevede sbandierate, prove delle botti, menu contradaioli e molte altre manifestazioni collaterali all’evento. Fino ad arrivare al momento magico di domenica 31 agosto con il corteo storico e un’attesissima corsa del Bravìo.

Sabato 23 agosto, presso Piazza Michelozzo, sarà presentata anche la nuova cartolina e l’annullo filatelico celebrativo dedicato al quarantennale, disegnato da Laura Mangiavacchi, e visibile dalle 10:30 alle 16:30. Sarà possibile acquistare le cartoline per tutta la settimana successiva, insieme a tutte quelle realizzate negli anni passati.

Domenica 24 agosto alle ore 18:00 esposizione alla piazza del Panno del Bravìo e Sbandierata dei piccoli e dei grandi Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano.

Infine, sarà visibile fino al 31 agosto, presso il Museo Civico Pinacoteca Crociani, la mostra “40 anni di Bravìo delle Botti… Storia, emozioni e colori”, con ingresso gratuito per tutti i residenti nel Comune di Montepulciano, un regalo che il Magistrato delle Contrade vuole fare ai poliziani per celebrare questo importante traguardo.

Nessun commento su Al via “La settimana degli eventi” del Bravìo delle Botti di Montepulciano

Calici di Stelle a Montepulciano, si incontrano le eccellenze

 Il 10 agosto a Montepulciano, la nuova edizione di Calici di Stelle: un incontro tra il Vino Nobile, le contrade del Bravìo delle Botti, le eccellenze enogastronomiche locali e le…

 Il 10 agosto a Montepulciano, la nuova edizione di Calici di Stelle: un incontro tra il Vino Nobile, le contrade del Bravìo delle Botti, le eccellenze enogastronomiche locali e le stelle cadenti

Un appuntamento che si rinnova, atteso non soltanto dagli appassionati delle eccellenze enogastronomiche del territorio. Il prossimo 10 agosto, infatti, con la nuova edizione di “Calici di Stelle”, Montepulciano indosserà i suoi abiti migliori per festeggiare la notte di San Lorenzo e per offrire a cittadini e ospiti il meglio del suo territorio. Un incontro atteso con il Vino Nobile di Montepulciano, da assaporare e conoscere tramite le degustazioni, e le contrade del Bravìo delle Botti, che per l’occasione apriranno le rispettive taverne per offrire i prodotti tipici della tradizione gastronomica locale. Ma gli incontri non finiscono qui: dall’artigianato all’antiquariato, dalla musica alle produzioni di filiera corta, Montepulciano mette sulla tavola tutti i suoi ingredienti per cucinare una ricetta indimenticabile.

calici di stelle piazza grandeMentre il cielo si prepara a far piovere le stelle, la cittadina poliziana si prepara quindi alla 13° edizione di Calici di Stelle. La Strada del Vino Nobile di Montepulciano, organizzatrice dell’evento, ha già preparato le bottiglie di Vino Nobile DOCG e Rosso DOC per le tipiche degustazioni. Le migliori etichette saranno quindi a disposizione di appassionati e curiosi a partire dalle ore 17 in Piazza Grande, dove 50 cantine poliziane apriranno le degustazioni con i propri vini.

Grande attenzione, oltre che alle eccellenze enogastronomiche, anche ai temi della sostenibilità e del consumo responsabile. Anche quest’anno verrà installato un contenitore in plexiglass per raccogliere i tappi di sughero e promuovere i temi del riciclo e del riutilizzo. La scelta del porta-calice in eco-pelle e l’invito ai partecipanti a portare da casa il calice delle passate edizioni sono delle ulteriori spinte alla sostenibilità ambientale, al riutilizzo creativo e al consumo responsabile.

A Calici di Stelle non possono mancare le Contrade del Bravìo delle Botti: per garantire i migliori abbinamenti tra vini di qualità e prodotti tipici, le otto contrade apriranno le proprie sedi per offrire i prodotti tipici della tradizione locale e si esibiranno lungo le strade con il gruppo Sbandieratori e Tamburini. Lungo le vie poliziane sarà presente anche il Mercatino delle Arti e dell’Antiquariato, i prodotti tipici della filiera corta, l’esposizione di arte contemporanea della Galleria Cerri Arte e le esibizioni musicali live disseminate lungo i quartieri.

Proprio l’incontro è il tema che sta alla base del contest fotografico organizzato dalla Strada del Vino Nobile durante la serata di Calici di Stelle: i partecipanti possono fotografare un incontro vissuto durante la manifestazione e utilizzare la foto per raccontare la loro esperienza, utilizzando l’hashtag #incontriacalici. Ai vincitori del contest saranno offerti gadget a cura della Strada del Vino Nobile. Ulteriori informazioni su Montepulcianoblog.com e su Stradavinonobile.it

 

Nessun commento su Calici di Stelle a Montepulciano, si incontrano le eccellenze

Montepulciano inaugura una mostra fotografica per i 40 anni di Bravìo

“40 anni di Bravìo delle Botti… Storia, emozioni e colori” è la mostra fotografica dedicata ai quarant’anni del Bravìo delle Botti di Montepulciano che verrà inaugurata sabato 9 agosto alle…

“40 anni di Bravìo delle Botti… Storia, emozioni e colori” è la mostra fotografica dedicata ai quarant’anni del Bravìo delle Botti di Montepulciano che verrà inaugurata sabato 9 agosto alle ore 18:00, presso il Museo Civico Pinacoteca Crociani, in Via Ricci a Montepulciano.

Un’ articolata esposizione per far rivivere quarant’anni di Bravìo, raccontato attraverso foto storiche, dal 1974 fino ad oggi, e documenti originali scritti da Don Marcello, il tutto arricchito dagli abiti storici delle contrade. Materiale, colori e stoffe che hanno l’intento di rievocare quelle emozioni particolari che ogni poliziano, e non solo, prova alla vista di una botte che rotola nella gara più attesa dell’anno.

La mostra fotografica è organizzata dal Magistrato delle Contrade, in collaborazione con il Comune di Montepulciano, la Pro Loco di Montepulciano e il Photoclub Poliziano. Adriano Farina, che ne è il presidente, racconta così l’esposizione.

“La mostra fotografica “40 anni di Bravìo delle Botti… Storia, emozioni e colori”, è stata voluta dal Magistrato delle Contrade come primo evento per festeggiare i quarant’anni di questa manifestazione. Per far ciò è stato chiesto al Photoclub Poliziano di curare una selezione di fotografie più o meno note alla cittadinanza che potessero raccontare l’evoluzione del Bravìo durante questo lasso di tempo. A completamento delle immagini, il Magistrato e le contrade, hanno messo a disposizione dei vestiti storici e documenti originali. La mostra è ospitata all’interno del Museo Civico Pinacoteca Crociani, a indicare che ormai il Bravìo delle Botti fa parte integrante della storia di Montepulciano”

Con quale criterio sono state scelte le foto?

“La ricerca fotografica è cominciata contattando quelle persone che erano i fotografi di allora, i quali hanno messo a disposizione, con molto piacere, le proprie fotografie. – spiega Farina – Negli anni settanta la fotografia non era alla “portata di tutti”, per questo si è reso necessario fare un secondo passo per la ricerca di materiale che è stato quello più “difficile”, ossia sensibilizzare i cittadini poliziani a cercare degli scatti non qualitativamente ottimali, ma importanti da un punto di vista “del racconto”.

Poi abbiamo selezionato cinquantuno scatti, in comune accordo con i tutto il Magistrato delle contrade, partendo da un gruppo totale di circa 2000 fotografie. La scelta è stata doverosa, non potendo esporre un numero maggiore di scatti, quindi è ricaduta su quelle immagini che avessero un racconto forte o un momento particolare, con un’ attenzione soprattutto al primo decennio della corsa. Inoltre sono state effettuate delle piccole interviste alle persone ritratte nelle fotografie selezionate, per avere dei commenti in prima persona da inserire come didascalie a completamento dell’immagine”.

Rivedendo le foto storiche, la prima cosa che mi ha impressionato è la grande partecipazione e l’attaccamento dei poliziani alla manifestazione. Ho visto una Piazza Grande gremita all’inverosimile. Altro aspetto che si percepisce dalle foto è la volontà di partecipazione alla corsa con uno spirito di rivalità sincero e non astioso”. – conclude Farina.

Oltre all’inaugurazione della mostra di sabato 9 agosto, domenica 10 agosto a Montepulciano torna Calici di Stelle, l’imperdibile appuntamento di metà estate per celebrare le stelle cadenti della Notte di San Lorenzo. Arrivata alla 13° edizione, Calici di Stelle è un’occasione per assaporare le qualità locali a tutto tondo, dal bicchiere di vino al prodotto tipico, nella splendida cornice storica e artistica di Montepulciano.
Le otto Contrade del Bravìo delle Botti apriranno le proprie sedi ai visitatori per gustare i prodotti tipici della tradizione gastronomica locale. Lungo le vie cittadine sarà presente il Mercatino delle Arti e dell’Antiquariato, i prodotti tipici della filiera corta e concerti live per allietare la serata con l’esibizione del gruppo di Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano. A partire dalle ore 17:00, in Piazza Grande, le cinquanta cantine poliziane apriranno le degustazioni con i propri vini. Sullo sfondo i temi della sostenibilità, con la scelta del portacalice in eco-pelle, e del consumo responsabile, grazie anche alla distribuzione gratuita di alcool test.

40 anni di bravio_LOCANDINA

Nessun commento su Montepulciano inaugura una mostra fotografica per i 40 anni di Bravìo

40° Bravìo delle Botti: parla Giulio Pavolucci, reggitore del Magistrato delle contrade

Giulio Pavolucci, Reggitore del Magistrato delle Contrade, spiega l’edizione numero quaranta, un traguardo importante per la manifestazione poliziana In un clima colmo di fascino e magia, Montepulciano anche quest’anno si…

Giulio Pavolucci, Reggitore del Magistrato delle Contrade, spiega l’edizione numero quaranta, un traguardo importante per la manifestazione poliziana

In un clima colmo di fascino e magia, Montepulciano anche quest’anno si prepara alla manifestazione più attesa dell’anno, il Bravìo delle Botti, che si aprirà sabato 23 agosto con il Proclama del Gonfaloniere e domenica 24 sarà invece presentato alla cittadinanza il drappellone, nell’ormai consueta cerimonia al Teatro Poliziano. La corsa con le botti si disputerà domenica 31 agosto, in onore del co-patrono S.Giovanni Decollato. Quest’anno il Bravìo delle Botti di Montepulciano festeggia un compleanno importante, quello dei quaranta anni. Sono infatti passati quarant’anni da quel 1974, quando il compianto Don Marcello Del Balio, parroco tanto amato dai poliziani, riscoprì le contrade e le riconsegnò alla città che le aveva in qualche modo dimenticate. L’intuizione fu talmente brillante che ad oggi le contrade sono entrate a tutti gli effetti nella vita quotidiana degli abitanti di Montepulciano.

Giulio Pavolucci, al suo primo anno da Reggitore del Magistrato delle Contrade e coordinatore della nuova squadra organizzativa, racconta quello che sarà il Bravìo 2014.

“Quest’anno l’obiettivo principale è quello di migliorare la manifestazione nei dettagli, cercando di offrire ai contradaioli, ai poliziani e anche ai turisti una serie di spettacoli degni del nome di Montepulciano. Abbiamo in programma degli spettacoli avvincenti ed emozionanti per le serate in notturna: sabato 23 agosto per il Gonfaloniere e giovedì 28 per il Corteo dei Ceri. Durante tutta la settimana le contrade apriranno i loro stand gastronomici e si svolgeranno le prove libere delle botti. Il culmine degli eventi sarà, naturalmente, domenica 31 agosto: la mattina ci sarà l’estrazione delle posizioni di partenza con le esibizioni degli sbandieratori e tamburini, mentre nel primo pomeriggio ci sarà la partenza del corteo storico, con oltre 200 figuranti, a seguito la gara”.

L’organizzazione del Bravìo è un impegno gravoso che riempie le giornate a trecentosessanta gradi durante tutto l’anno, ma i volontari portano avanti questo lavoro con entusiasmo, facendo conciliare gli impegni personali con quelli del Bravìo.

“A inizio anno tuttsbandieratori apertura anno contradaioloo il gruppo del Consiglio di Gestione è stato rinnovato. Si tratta di una squadra in gran parte composta da giovani, ragazze e ragazzi, tutti provenienti dal mondo contradaiolo. Possiamo dire che è stato il coronamento di un percorso iniziato lo scorso anno, con un periodo di “gavetta” per le nuove leve. In accordo con l’Amministrazione Comunale, le contrade hanno cercato di formare un nuovo gruppo che potesse in poco tempo farsi carico dell’organizzazione del Bravìo. Quello che ci dà la forza di andare avanti con entusiasmo, è l’amore per la manifestazione e per la nostra città. – spiega il Reggitore – Ormai il Bravìo ha raggiunto una grandissima importanza sia dal punto di vista sociale che economico per il nostro territorio, e non è più possibile scindere il binomio Bravìo-Montepulciano. Negli ultimi giorni di agosto si respira un’atmosfera magica nel centro storico, che si riscopre vivo e ricco di persone; suoni, profumi, colori e sapori che si riscoprono ogni anno all’inizio della Settimana degli Eventi, con l’apertura dei festeggiamenti in occasione del Proclama del Gonfaloniere”.

Il ruolo del Magistrato è da sempre in stretto contatto con le Contrade, e non è altro che l’espressione delle Contrade stesse: sono gli otto rettori a comporre, insieme al Sindaco e al Reggitore, il Consiglio di Indirizzo, una sorta di “Senato” del Bravìo. Il Consiglio di Gestione, quello operativo, è invece formato da persone nominate dalle contrade e dall’Amministrazione.

“Capita, purtroppo, che il Magistrato venga visto, da alcuni contradaioli, come un’entità a sé, e questo è un vero peccato! – dice Pavolucci – Il Magistrato lavora con il solo obiettivo di organizzare la manifestazione e quindi di permettere alle contrade di svolgere il proprio lavoro e di gareggiare per la vittoria del panno. Come accade per le otto contrade, anche al Magistrato siamo tutti volontari, e cerchiamo di fare del nostro meglio per il bene del Bravìo”.

Tornando alla settimana degli eventi, quest’anno, per festeggiare il quarantesimo anno di età, è stata organizzata una mostra fotografica dal titolo “40 anni di Bravìo delle Botti… Storia, emozioni e colori”. La mostra sarà inaugurata il prossimo 9 agosto alle ore 18.00 all’interno del Museo Civico “Pinacoteca Crociani” in via Ricci. Oltre agli oggetti, ai primi costumi dei cortei e ai primi documenti scritti sulle contrade poliziane, saranno presenti molte fotografie che racconteranno questi primi 40 anni del Bravìo. Insieme alla mostra, poi, tanti eventi collaterali.

“La ricerca delle immagini, in gran parte inedite, è stata effettuata da Adriano Farina del Photoclub Poliziano, che ringrazio di tutto cuore per il grandissimo aiuto. Oltre alla mostra, che resterà aperta per tutto il mese di agosto, sono stati programmati altri eventi: un concorso di disegno dedicato agli alunni delle scuole secondarie, un annullo filatelico con una cartolina inedita e la Festa della Bandiera; quest’ultima si è tenuta lo scorso 5 luglio ed è stata un successo, con 5 gruppi storici (oltre al Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Montepulciano) che sono venuti a rendere omaggio al Bravìo per i suoi primi 40 anni. Vedere Piazza Grande gremita di gente, con i colori di tutte quelle bandiere e il suono di tanti tamburi, è stata un’emozione immensa, soprattutto per un ex sbandieratore come me”.

Giulio Pavolucci, oltre a ricoprire l’attuale carica di reggitore del Magistrato delle Contrade, è stato un ex sbandieratore e ricorda con emozione i momenti prima dell’esibizione nell’androne del Palazzo Comunale di Montepulciano.

“Tu sei lì, quasi al buio, già incolonnato e pronto per uscire, e cerchi di ripassare mentalmente ogni passaggio della coreografia che hai preparato per mesi. Cerchi un po’ di coraggio nello sguardo dei tuoi amici, e ti accorgi che anno dopo anno l’emozione è sempre altissima. Quando finalmente si apre quel portone, la luce ti abbaglia per un attimo e poi via! Senti i tamburi che iniziano a rullare ed inizi a camminare verso il Sagrato del Duomo. Vedi il pubblico, ma non hai occhi che per la bandiera del tuo compagno; sai che la gente in piazza sta urlando, ma non senti altro che i tamburi che ti danno i tempi. Poi, all’improvviso, l’esibizione finisce e saluti la piazza con la bandiera distesa verso l’alto, e cominci a riconoscere i volti del pubblico. E’ davvero un’emozione difficile da raccontare!”.

Ma Montepulciano non dorme mai: oltre ad essere in fermento per la gara più attesa dell’anno, poche settimane fa, l‘Amministrazione Comunale ha dedicato a Don Marcello i giardini pubblici della Fortezza Medicea. L’idea, sostenuta anche dal Magistrato delle Contrade, è nata su Facebook all’interno del gruppo “Sei Poliziano Se…” ed è stata portata avanti grazie all’intervento di Don Domenico Zafarana e di Franco Romani. Inoltre, è prevista anche la realizzazione della griglia di partenza del Bravìo in travertino, incastonata nella pavimentazione: un progetto ancora in corso d’opera di cui presto sentiremo parlare.

Appuntamento quindi a Montepulciano per il 9 di agosto, con l’apertura della mostra “40 anni di Bravìo delle Botti…Storia, emozioni e colori” e al 23 agosto, quando la manifestazione poliziana entrerà nel vivo con la settimana degli eventi.

Nessun commento su 40° Bravìo delle Botti: parla Giulio Pavolucci, reggitore del Magistrato delle contrade

Bravìo di Montepulciano: ultimi giorni per presentare i bozzetti del panno

Il Bravìo delle Botti inizia il conto alla rovescia verso l’edizione 2014. Tema del drappellone, il quarantennale della festa. A quaranta giorni dall’edizione 2014 del Bravìo delle Botti di Montepulciano,…

Il Bravìo delle Botti inizia il conto alla rovescia verso l’edizione 2014. Tema del drappellone, il quarantennale della festa.

A quaranta giorni dall’edizione 2014 del Bravìo delle Botti di Montepulciano, si avvicina una delle scadenze più significative della manifestazione.

Panno 2012

Panno 2012

Entro il 25 luglio dovranno essere infatti presentati i bozzetti tra i quali una commissione nominata dalla Giunta Comunale sceglierà quello destinato ad essere riprodotto sul panno.

Il tema è pressoché obbligato: la rievocazione storica che vede protagoniste le otto contrade poliziane festeggia infatti il suo quarantennale e quindi gli autori dovranno provare a fissare attraverso le immagini le passioni, le emozioni e la storia del Bravìo dalla sua fondazione alla realtà attuale. Il grande panno di un metro per due dovrà essere consegnato entro il 23 agosto ed all’artista sarà riconosciuto un compenso di 1.000 Euro.

Il programma della manifestazione, che si preannuncia ricco di iniziative che ricorderanno i primi 40 anni di storia del Bravo, si aprirà sabato 23 agosto con il Proclama del Gonfaloniere mentre domenica 24 il drappellone sarà presentato alla cittadinanza nell’ormai consueta cerimonia al Teatro Poliziano. La corsa con le botti si disputerà domenica 31 agosto, in onore del co-patrono S.Giovanni Decollato, al termine di una settimana di spettacolari eventi.

Nessun commento su Bravìo di Montepulciano: ultimi giorni per presentare i bozzetti del panno

Bravìo delle Botti, la primavera del Poggiolo promette bene

La nostra lettrice Lucia Tremiti ci invia un contributo relativo alla XI edizione del Bravio dei Piccoli Spingitori delle Botti di Montepulciano, vinto dalla contrada del Poggiolo: A Montepulciano con…

La nostra lettrice Lucia Tremiti ci invia un contributo relativo alla XI edizione del Bravio dei Piccoli Spingitori delle Botti di Montepulciano, vinto dalla contrada del Poggiolo:

A Montepulciano con la XI edizione del Bravio dei Piccoli Spingitori delle Botti, giunta al VII “memorial Luzzi”, la Contrada di Talosa si distingue sempre pregevolmente organizzando la manifestazione nel migliore dei modi. L’evento, con il patrocinio del Comune di Montepulciano ed il sostegno del Magistrato delle Contrade, si è collocato nelle due serate di sabato 28 e domenica 29 giugno richiamando numerose persone. I tanti turisti presenti si sono certamente fatti una cultura sul Bravio delle Botti.

La prima manche é stata una gara a cronometro dove i piccoli spingitori, dai nove ai tredici anni, partendo dall’Arco del Paolino, spingendo una botte adeguata alla loro età, si sono portati sul sagrato della Cattedrale percorrendo 200 metri per lo più tutti in salita. La seconda parte della gara, durante l’ultima serata, si è rivelata un’impegnativa gincana con penalità a cronometro sulla Piazza Grande per salire in velocità verso il traguardo sempre sul sagrato.

primavera poggioloCosa dire poi dei due spingitori della contrada del Poggiolo: Giovanni Guarino e Jacopo Parissi? I due super-cugini, come sono stati definiti sul social network, si sono dimostrasti tenaci, volenterosi e forti. Queste qualità del resto non sono di poco conto in quanto gli hanno permesso di essere vincenti ed apprezzati da chi li ha magistralmente allenati e da chi ha creduto in loro sin dallo scorso anno.

È infatti la seconda volta consecutiva che i due ragazzi concedono alla loro Contrada una vittoria portando in sede il mini-bravio dipinto anche per questa edizione dalla poliziana Laura Cozzani. L’artista, presentando il panno agli intervenuti, ha spiegato il perché della scelta di aver dipinto un cavallo, certi colori e figure. Trovo sia lodevole il fatto che tutte le otto Contrade, al di là del risultato raggiunto, siano state premiate: per i piccoli è importante riscuotere il meritato successo dopo tanto impegno.

Vorrei infine terminare proprio con le parole di Laura Cozzani: “A 40 anni dalla prima edizione del Bravio delle Botti di Montepulciano ci troviamo a celebrare, durante il piacevole evento organizzato dalla Contrada di Talosa, una manifestazione che va al di là del tempo e della gara: nel ricordo dell’antica corsa di cavalli il momento di aggregazione, rivisitato in chiave moderna, è diventato lo spingere delle botti, culmine di innumerevoli ore di collaborazione, passione e impegno di tutti coloro che partecipano alla vita di contrada. La delicatezza delle relazioni, dei rapporti umani, risente anche di ciò che sembra lontano da noi e che invece ci invade anche a nostra insaputa. Ognuno può godere della vitalità sprigionata durante questi incontri sociali. I bambini sono maestri di “vita di relazione” e l’adulto, concedendosi ad un attento ascolto, è chiamato a ricordare che: <la semplicità è cogliere un filo d’erba dalla complessità ed ogni volta sentire in quel filo d’erba l’essenza del mondo>”.
Lucia Tremiti

Nessun commento su Bravìo delle Botti, la primavera del Poggiolo promette bene

Festa della Bandiera il 5 luglio, per celebrare i 40 anni del Bravio delle Botti

Per celebrare i 40 anni del Bravio delle Botti, il 5 Luglio si terrà a Montepulciano la Festa della Bandiera. Il programma è così sviluppato: alle ore 16,30 partirà il…

Per celebrare i 40 anni del Bravio delle Botti, il 5 Luglio si terrà a Montepulciano la Festa della Bandiera.

Il programma è così sviluppato: alle ore 16,30 partirà il corteo dalla Colonna del Marzocco; ci saranno i gruppi Sbandieratori e Tamburi, che toccheranno tutte le tappe del percorso del Bravio.

Alle 17,30 è previsto l’arrivo del corteo in Piazza Grande, dove tutti i gruppi faranno una breve esibizione delle proprie bandiere e dei propri tamburi.

In serata, dalle 19,30 in poi, sarà il momento delle Cantine in Piazza: verranno allestiti degli stand enogastronomici, con prodotti tipici, degustazioni di vino Rosso e Nobile di Montepulciano. Ad accompagnare il tutto la musica dal vivo con Giacomo Rossetti .

La Festa della Bandiera è organizzata in collaborazione con il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano e della Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori (FISAR), delegazione Valdichiana.

Nessun commento su Festa della Bandiera il 5 luglio, per celebrare i 40 anni del Bravio delle Botti

Bravio 2014: presentazione del nuovo Magistrato delle Contrade

Comincia il percorso verso il Bravio 2014: sabato 22 febbraio presso la sala consiliare del Comune di Montepulciano è stato presentato il nuovo Magistrato delle Contrade per il Bravìo delle…

Comincia il percorso verso il Bravio 2014: sabato 22 febbraio presso la sala consiliare del Comune di Montepulciano è stato presentato il nuovo Magistrato delle Contrade per il Bravìo delle Botti 2014, la principale manifestazione storica e folcloristica della cittadina poliziana che si svolgerà durante la prossima estate.

Un nuovo gruppo dirigente, al vertice del Magistrato delle Contrade, in coincidenza con il quarantennale del Bravìo delle Botti di Montepulciano. Lo hanno presentato il Sindaco Andrea Rossi e l’Assessore al Bravìo Andrea Biagianti, alla presenza dei Rettori delle otto contrade cittadine e di numerosi collaboratori e sostenitori della festa.

Il nuovo reggitore è Giulio Pavolucci, della Contrada di Gracciano, che, dopo una lunga militanza in nero-verde e un’intensa attività nella “cabina di regia” del Gruppo Sbandieratori e Tamburini, già dal 2013 aveva messo la propria passione e conoscenza a disposizione del Magistrato. Due i vicari, altrettanto giovani: Giacomo Volpi, delle Coste, con delega all’organizzazione, e Francesca Mozzini, del Poggiolo.

Restano nel gruppo dirigente due figure “di lungo corso” che hanno traghettato il Magistrato in quest’anno di passaggio, Stefano Bazzoni e Alessandro Fracassi, grazie ai quali le nuove leve hanno potuto compiere un valido apprendistato prima di spiccare il volo. Si è così felicemente completato il percorso di rinnovamento avviato nel 2013 e che mette il nuovo gruppo dirigente nella condizione di programmare l’attività in un anno di particolare significato, quale quello del quarantesimo anniversario, e per un mandato pieno, di durata triennale.

bravio 2014 sala

Il nuovo Magistrato delle Contrade, Giulio Pavolucci, ha ringraziato il gruppo dirigente uscente e ha presentato il nuovo gruppo di lavoro, composto per la maggior parte da giovani. Ha inoltre promosso la partecipazione diretta delle contrade nella crescita della squadra e dell’evento:

“Vogliamo stimolare il mondo contradaiolo a criticarci, a darci consigli per migliorare. Se non riusciamo a coinvolgerlo pienamente nella partecipazione dell’evento, il Bravìo rischia di rimanere sterile: dobbiamo invece impegnarci affinché il Bravìo duri tutto l’anno. Le nostre iniziative saranno arricchite dai festeggiamenti per i quarant’anni, valorizzando appieno il progetto geniale di Don Marcello del Balio. Nel corso di quarant’anni di vita ci saranno state sicuramente delle occasioni per far finire tutto: se il Bravìo delle Botti continua, con sempre maggior prestigio, significa che è diventato importante nel tessuto sociale ed economico di Montepulciano, ma soprattutto nel cuore dei poliziani.”

Il Sindaco di Montepulciano Andrea Rossi ha invece posto l’attenzione sul ruolo che ha avuto l’amministrazione comunale uscente sulla manifestazione:

“Il nostro mandato amministrativo scadrà il 24 maggio, ma vogliamo garantire un percorso il più possibile sereno a questo gruppo giovane e capace per arrivare al Bravìo delle Botti di agosto nella maniera migliore. In questi cinque anni abbiamo provato a dare spessore alla manifestazione e riportare al centro le contrade, vere protagoniste dell’evento. Intorno all’evento di agosto la manifestazione è cresciuta tanto da diventare una delle più importanti iniziative dell’anno poliziano, giunta alla sua quarantesima edizione. Per arricchire i festeggiamenti, in questi giorni la Società Storica Poliziana sta preparando la sua pubblicazione annuale per onorare i quarant’anni del Bravìo delle Botti.”

Il nuovo Magistrato non esclude poi la realizzazione di un Bravìo straordinario, anche se si tratta di una possibilità remota:

“Un Bravìo straordinario richiede un impegno organizzativo, economico e logistico che è difficile da realizzare in così breve tempo. Non escludo a priori la possibilità, ma servirebbe una settimana libera nel cartellone degli eventi poliziano. Sarebbe comunque complicato gestire un Bravìo straordinario senza un’adeguata programmazione.”

bravio 2014 gruppo

Nessun commento su Bravio 2014: presentazione del nuovo Magistrato delle Contrade

Successo per la mostra fotografica “Un Bravìo con due M” di Montepulciano

Lo spericolato tuffo all’indietro nei colori, nel calore e nelle atmosfere dell’estate poliziana è perfettamente riuscito. La mostra fotografica organizzata dalla Pro Loco per le feste di fine anno e…

Lo spericolato tuffo all’indietro nei colori, nel calore e nelle atmosfere dell’estate poliziana è perfettamente riuscito. La mostra fotografica organizzata dalla Pro Loco per le feste di fine anno e dedicata al Bravìo delle Botti di Montepulciano ha fatto breccia nei cuori e nella fantasia dei visitatori, come dimostrano il numero delle visite, che ha largamente superato le più ottimistiche previsioni, e le manifestazioni di apprezzamento per le immagini realizzate dai due fotografi senesi Mauro Agnesoni e Mauro Guerrini.

E mentre i turisti, attratti dal suggestivo ed invitante manifesto o trovatisi a transitare davanti alla Sala Bellarmino, in Via S.Donato, si sono lasciati docilmente sedurre dai soggetti e dalle situazioni che raccontano una festa carica di passione e spettacolo, i contradaioli di Montepulciano si sono andati a “cercare” nelle immagini, con la speranza di essere stati colti dagli obiettivi dei due sensibili autori.

La mostra “Un Bravìo con due M” (questo il titolo, che cita i nomi degli autori), inaugurata il 14 dicembre, si avvia dunque alla conclusione del 6 gennaio con un bilancio talmente positivo da aver indotto gli organizzatori ad allestire un nuovo evento.

Per la giornata dell’Epifania, dalle 15.00, ovvero prima che cali il sipario sulle quaranta tavole esposte nella sala, alla presenza dei due autori, sarà offerto un buffet e sarà proposta una videoproiezione con nuove, inedite immagini, frutto di ulteriori ricerche nel prezioso archivio delle due M.

Un finissage vero e proprio, che si trasformerà nell’occasione per scoprire ulteriori, diverse angolazioni del Bravìo delle Botti, per provare a gustarne il clima anche nel cuore dell’inverno e per apprezzare la capacità dell’arte fotografica di fissare in maniera inalterabile la vita e la storia. Poi inizierà il conto alla rovescia che porterà, il 31 agosto 2014, a rivivere la palpitante sfida con le botti, la quarantesima nel corso della manifestazione.

Nessun commento su Successo per la mostra fotografica “Un Bravìo con due M” di Montepulciano

Bravìo: le contrade devono scegliere la guida del Magistrato

Stefano Biagiotti propone “un futuro percorso di crescita condiviso” per il Bravìo di Montepulciano E’ scaduto il mandato, provvisorio, del Magistrato e del gruppo dirigente che furono incaricati, a primavera…

Stefano Biagiotti propone “un futuro percorso di crescita condiviso” per il Bravìo di Montepulciano

E’ scaduto il mandato, provvisorio, del Magistrato e del gruppo dirigente che furono incaricati, a primavera di quest’anno, a gestire il BRAVIO 2013, e le contrade, insieme all’Amministrazione Comunale, sono chiamate, in questo periodo, a rinnovarli.

Il 10 ottobre, credendo di fare cosa gradita, ho inviata, ai responsabili delle otto contrade, una mail con allegato un documento, condiviso da molte persone tra cui anche alcuni esponenti della cultura poliziana, che riassumeva delle idee di un gruppo di amici che amano il Bravìo e la ritengono la più importante manifestazione del nostro territorio, non solo per numero di presenze. L’iniziativa di inviare delle idee era quella di dare, ai Rettori, degli spunti di discussione per una crescita della manifestazione poliziana, un momento di riflessione per valutare gli errori del passato e per poter tracciare un futuro percorso condiviso di crescita.

La mail ha sortito effetti completamente inaspettati! Invece che essere motivo di discussione e riflessione, soprattutto sul futuro di questa manifestazione, è stata letta come l’autocandidatura, dello scrivente, alla più alta carica del Magistrato delle Contrade e, poiché questo non era lo spirito per il quale era stata inviata, ho deciso pubblicamente di smentire tali dicerie; dall’altro canto, data la possibilità, desidero anche tracciare il profilo della persona che, secondo il gruppo che rappresento, dovrebbe andare a rivestire tale ruolo, non prima però di riassumere brevemente quali, secondo noi, dovranno essere gli impegni che dovrà assumersi la prossima reggitoria per lo sviluppo della manifestazione.

La manifestazione Bravìo delle Botti, dopo ormai quarant’anni di percorso, ha raggiunto una notevole importanza culturale che si è sviluppata in molteplici aspetti: ludico, economico, turistico, didattico, culinario, popolare e tradizionale, di rievocazione storica, agonismo sportivo, arte, aggregazione sociale, comunicazione e promozione, associazionismo. Questi aspetti sono la realtà della manifestazione Bravìo delle Botti di Montepulciano. Il Magistrato delle Contrade è l’organismo preposto alla tutela e alla salvaguardia di tutti questi aspetti, pertanto i suoi membri ne hanno la responsabilità nei confronti della comunità e del territorio e dovranno garantire la massima trasparenza, la concertazione e la condivisione delle scelte. Il Magistrato delle Contrade al suo interno, ha come soci le otto contrade, in cui la terra di Montepulciano era suddivisa all’epoca degli statuti, insieme all’Amministrazione Comunale. Il Magistrato dovrà essere il luogo deputato per le contrade, alla concertazione e alla condivisione delle scelte, all’organizzazione e al coordinamento delle iniziative attraverso la loro partecipazione . L’Amministrazione Comunale dovrà essere garante dei regolamenti, agevolando la coesione fra tutte le contrade, sollecitando il continuo studio storico e lo sviluppo artistico, promuovendo il coinvolgimento delle Contrade e del Magistrato in iniziative di promozione e valorizzazione del territorio, nel rispetto dell’autonomia decisionale e di azione. La partecipazione alla festa di San Giovanni Decollato e di Sant’ Agnese storicamente prendeva in considerazione anche le Ville fuori le mura; tale risorsa storica ed umana va recuperata e reinserita all’interno della manifestazione restituendo ad essa la giusta importanza. La ricerca storica è fonte della nostra manifestazione, attraverso due storie: quella trecentesca e quella che si è creata a partire dal 1974. Entrambe devono essere tutelate, anzi deve essere data ad esse propulsione, in modo da rendere fruibile a tutti le verità del Bravium e consentire alla manifestazione di migliorarsi, e per dare sviluppo agli spettacoli, privilegiando il connubio tra realtà artistiche del territorio, professionalità esterne e storia, che garantisce la nostra identità. La partecipazione attiva, ma anche culturale, alla manifestazione deve essere tutelata e incrementata attraverso nuovi stimoli, identificabili quindi non solo per mezzo della ricerca storica, ma con un maggiore sviluppo di attività correlate che possono creare interesse sociale. La manifestazione del Bravìo delle Botti e la sua macchina organizzativa sono volano di promozione della nostra cittadina, attirando a sé l’interesse di decine di migliaia di persone che, con tale manifestazione, conoscono e vivono il territorio poliziano, la nostra cultura, le nostre tradizioni, contribuendo a rendere viva l’economia locale.

Il Bravio delle Botti, grazie a Reggitori lungimiranti che si sono susseguiti negli ultimi 15 anni, non è più solo una festa paesana; il Bravio, che viene consegnato oggi, è una manifestazione a livello nazionale, un marchio di valorizzazione territoriale e pertanto linfa vitale per il nostro comune; per questo l’ operato della nuova reggenza non verrà solo monitorato e valutato per la riuscita della terza settimana di agosto dal mondo delle contrade.
Il profilo del prossimo Reggitore è presto fatto: deve essere una persona che in questo momento raccoglie le istanze del mondo contradaiolo, dell’amministrazione comunale, del mondo economico che ruota intorno a questa manifestazione, deve essere una persona che non si ferma a pensare solo alla settimana degli eventi in quanto Bravìo è tutto l’anno, deve essere una persona che comprenda il ruolo di tale istituzione come volano di attività di promozione turistica, culturale e sociale insieme alle contrade, all’Amministrazione Comunale, alla pro-loco e a tutto il mondo associazionistico del nostro comune, deve essere una persona che abbia un ruolo di cemento fra le contrade, che dialoghi con l’amministrazione comunale e con tutte le altre componenti del territorio.

E’ evidente che è necessario che sia una persona non impegnata attivamente in ruoli politici, garantendo così imparzialità ed autonomia necessaria a tale incarico, ferma, coerente e soprattutto che ami Montepulciano.
Desidero terminare con un augurio, ai Reggitori e all’Amministrazione Comunale, di fare la scelta migliore, anteponendo gli interessi della collettività, e che fra tre anni, ritrovandoci intorno al tavolo a fare il bilancio della gestione, la si possa plaudire.

Stefano Biagiotti

Nessun commento su Bravìo: le contrade devono scegliere la guida del Magistrato

Maltagliati del Boscaiolo

I Maltagliati sono una pasta tipica della regione Emilia-Romagna e la loro preparazione non è altro che la parte di pasta sfoglia rimasta dalla lavorazione delle tagliatelle, quelli che genericamente…

I Maltagliati sono una pasta tipica della regione Emilia-Romagna e la loro preparazione non è altro che la parte di pasta sfoglia rimasta dalla lavorazione delle tagliatelle, quelli che genericamente sono chiamati bordi. La pasta rimasta viene tagliata in modo irregolare tanto da ricavarne pezzetti del tutto disomogenei, maltagliati appunto. Trattandosi per lo più di rimanenze, anche lo spessore è disomogeneo e quindi si differenziano tra loro per forma, dimensione e spessore.
Il loro uso più classico è con la minestra di fagioli, ma esistono comunque numerose ricette, per lo più povere che prevedono l’utilizzo dei maltagliati, come quella che ci arriva dalla contrada di Talosa di Montepulciano: “Maltagliati del Boscaiolo”, con sugo a base di punghi porcini.

Ingredi enti per 6 persone
6 uova
500 gr di farina
5 cucchiai di olio extravergine di
oliva
una presa di sale

Per il condimento
1 kg di funghi porcini freschi
500 gr. di pomodori maturi
cipolla
aglio
prezzemolo
peperoncino
sale
pepe
formaggio
olio extravergine di oliva

Preparazione
Preparare la pasta unendo tutti gli ingredienti, lavorarla bene, stendere una sfoglia non troppo sottile con il “ranzagnolo”, lasciarla asciugare. Prendere una padella, mettere l’olio di oliva, gli spicchi d’aglio interi, aggiungere i funghi ben puliti e tagliati a lamelle, sale q.b.
Cuocere a fuoco allegro, aggiungere peperoncino, prezzemolo e una macinata di pepe. In una seconda padella mettere altro olio di oliva, un trito di cipolla e far appassire a fuoco lento. Unire i pomodori privati della buccia e tagliati a pezzi, salare e terminare la cottura. Togliere l’aglio dai funghi, unire gli ingredienti delle due padelle, tagliare la pasta a rettangoli irregolari, cuocere in abbondante acqua salata, scolarla al dente, versarla nel condimento e spolverarla con il formaggio.

Ringraziamo il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano.

1 commento su Maltagliati del Boscaiolo

Chiusura dell’anno contradaiolo a Montepulciano

Questa domenica 15 settembre a Montepulciano si chiude, con varie iniziative, l’anno contradaiolo iniziato ad aprile e culminato con il Bravìo delle Botti. Alle ore 9.45 partiranno le contrade dal…

Questa domenica 15 settembre a Montepulciano si chiude, con varie iniziative, l’anno contradaiolo iniziato ad aprile e culminato con il Bravìo delle Botti.

Alle ore 9.45 partiranno le contrade dal loro territorio in corteo. Intorno alle ore 10.00 prenderà il via il corteo storico delle contrade e dell’Amministrazione Comunale.

Il corteo sfilerà per tutto il centro storico per poi arrivare alla Chiesa di Sant’Agnese, assistere alla S. Messa ed alla cerimonia della chiusura simbolica dell’urna in cui è esposto il corpo della patrona. Al termine della cerimonia e dopo la benedizione dei fedeli e delle bandiere si svolgerà una sbandierata davanti alla chiesa, successivamente tutti gli sbandieratori delle contrade chiuderanno le loro bandiere, ritornando in corteo nel proprio territorio.

Alle ore 16.30 la cerimonia, alla presenza delle autorità cittadine e contradaiole, si sposterà al teatro poliziano con varie iniziative. Il pomeriggio, condotto da Diego Mancuso, prevede la consegna dei premi per le miglior foto del concorso “Attimi di Bravìo”, premio “Bravìo nel cuore”, premio per i migliori sbandieratori e tamburini, Arca d’Argento per il miglior corteo storico, oltre ad altri riconoscimenti speciali e proiezioni di filmati.

Nessun commento su Chiusura dell’anno contradaiolo a Montepulciano

Type on the field below and hit Enter/Return to search