La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Categoria: Attualità

Festival Orizzonti di Chiusi – Andrea Cigni nuovo direttore artistico

Toscano, laureato al Dams di Bologna, tra i registi più apprezzati nel panorama lirico italiano ed europeo. È Andrea Cigni, il nuovo direttore artistico del Festival Orizzonti di Chiusi, scelto…

Toscano, laureato al Dams di Bologna, tra i registi più apprezzati nel panorama lirico italiano ed europeo. È Andrea Cigni, il nuovo direttore artistico del Festival Orizzonti di Chiusi, scelto tra la rosa degli oltre 40 candidati che, da tutta Italia, hanno risposto al bando di concorso promosso dalla Fondazione.

L’annuncio della sua nomina è stato dato da Giovanna Rossi, presidente della Fondazione Orizzonti d’Arte di Chiusi che, insieme al Consiglio di Gestione, spiega che “il nuovo direttore artistico è già al lavoro ed avrà la responsabilità, per il prossimo triennio, di progettare il Festival Orizzonti, tenendo conto delle particolarità e delle ricchezze di questo territorio”.

Cigni 39 anni, è impegnato regolarmente sui palcoscenici dei principali teatri d’opera e tra i suoi prossimi impegni: l’apertura della Stagione al Wexford Opera Festival in Irlanda, un allestimento per il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, una coproduzione di Don Pasquale che vede coinvolti numerosi teatri francesi e italiani (tra cui la prestigiosa Opera di Avignone) e un nuovo allestimento per il Teatro Regio di Parma. Ma Cigni, oltre che direttore artistico e regista è anche docente di diritto legislazione e management dello spettacolo, arte scenica, storia del teatro, drammaturgia musicale, recitazione e tecniche della comunicazione presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali di Cremona “Claudio Monteverdi” – Alta Formazione Artistica e Musicale.

“Ci aspettano mesi intensi di lavoro a cui mi dedicherò – dice Cigni – con impegno per portare avanti quanto fino ad oggi è stato fatto e per arricchire l’offerta culturale di questo territorio e della comunità di Chiusi, con il preciso scopo di fare di questa città, la Città del Festival e del Teatro con un progetto ambizioso, innovativo che sappia guardare lontano, ponendosi come punto di riferimento nel panorama culturale contemporaneo delle arti performative.”

Nessun commento su Festival Orizzonti di Chiusi – Andrea Cigni nuovo direttore artistico

Opere di arredo urbano a Torrita e Sinalunga

Interventi di arredo urbano nelle due città di Torrita di Siena e Sinalunga. In occasione del Festival Europeo di Musica e Danza Popolare, l’assessore all’ambiente Mauro Chechi ha inaugurato nuovi…

Interventi di arredo urbano nelle due città di Torrita di Siena e Sinalunga.

In occasione del Festival Europeo di Musica e Danza Popolare, l’assessore all’ambiente Mauro Chechi ha inaugurato nuovi “Girdini dell’Addobbo” a Torrita di Siena, realizzati dall’amministrazione comunale con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi.

L’inaugurazione dei giardini è coincisa con la tappa torritese della decima edizione del Festival Europeo di Musica e Danza Popolare. I quattro gruppi folcloristici, “Doina Muresului” proveniente dalla Romania, “Dragan Markovic” dalla Serbia, “Galvachers du Morvan” dalla cittadina francese di Château Chinon, e la Compagnia “Il Cilindro” dalla vicina Cortona hanno sfilato per le strade del paese per poi radunarsi nei nuovi giardini sulle note dell’Inno alla gioia dalla nona Sinfonia di Beethoven e dare inizio allo spettacolo in un repertorio che trae spunto dalle tradizioni della società rurale. Oltre allo spettacolo i quattro gruppi, che si sono esibiti anche a Cortona, Foiano della Chiana ed Arezzo, hanno visitato alcune aziende locali dove hanno potuto degustare ed apprezzare i prodotti tipici.

«Con questa inaugurazione – spiega l’assessore all’ambiente Mauro Chechi – Torrita Scalo si arricchisce di uno spazio all’aperto immerso nel verde che rappresenta un luogo dove passeggiare, riposarsi o fare sport e allo stesso tempo uno spazio destinato ad accogliere eventi culturali».

Nel comune di Sinalunga, invece, inizieranno i lavori di realizzazione dei marciapiedi a Pieve di Sinalunga. L’Opera migliorerà la sicurezza stradale e garantirà una più efficace salvaguardia delle utenze deboli anche se nell’immediato comporterà per i cittadini residenti disagi nella circolazione stradale.
Nel corso dell’opera il gestore delle NUOVE ACQUE provvederà, altresì, alla sostituzione gratuita di una quindicina di contatori a servizio di edifici privati ubicati lungo Viale Trieste, nel tratto compreso tra Via della Pietraia e Via Garda e nella parte terminale verso Via Paganini.
Sostituzione già da tempo programmata da Nuove Acque che, nell’ambito di un progetto realizzato unitariamente all’ASL e che ha interessato anche i Comuni limitrofi, ha censito nel territorio comunale, 63 vecchie apparecchiature – ubicate anche nei centri storici di Sinalunga, Scrofiano e Rigomagno che verranno prossimamente sostituite per assicurare maggiore efficienza

Nessun commento su Opere di arredo urbano a Torrita e Sinalunga

Vacation on Tangkuban Mountain

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam….

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra quis at felis amet cursus nisl aliquam.
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

[pp_gallery gallery_id=”7028″ width=”205″ height=”125″]
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Mauris elementum accumsan leo vel tempor. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

Creativity is just connecting things. It seemed obvious to them after a while.

Nessun commento su Vacation on Tangkuban Mountain

Chiusi Scalo si avvicina al centro storico

Chiusi Scalo si avvicina sempre più al centro storico, grazie al progetto di collegamento tra i due maggiori agglomerati urbani del Comune di Chiusi. I lavori pubblici, già in atto…

Chiusi Scalo si avvicina sempre più al centro storico, grazie al progetto di collegamento tra i due maggiori agglomerati urbani del Comune di Chiusi. I lavori pubblici, già in atto con la costruzione dei marciapiedi, dovrebbero concretizzarsi con un secondo accesso viario al centro storico entro la fine dell’attuale mandato amministrativo.

Il progetto prevede il collegamento tra la zona di Santa Caterina e Poggio Gallina; per adesso i macchinari sono al lavoro per eseguire i rilievi del sottosuolo e scoprire eventuali reperti archeologici. Entro fine mese i sondaggi saranno terminati e l’obiettivo sarà quello di procedere velocemente alla ricerca di risorse, in modo da iniziare i lavori entro la primavera 2014.

Il secondo stralcio dei lavori prevede la realizzazione di una rotonda che collegherà questa zona, alla zona denominata del tiro a segno dal quale partirà poi l’ultima fase del progetto che prevede la sistemazione di una strada, recentemente acquistata dal Comune, che collegandosi a Via Lenin vedrà finalmente concretizzarsi il secondo accesso viario da Chiusi Scalo al centro storico.

«In campagna elettorale – dichiara il sindaco Stefano Scaramelli – avevamo promesso di unire le due parti principali del nostro Comune, Chiusi Scalo e Chiusi Città, sia dal punto di vista fisico che ideologico. Ebbene dalle promesse e dalle parole stiamo facendo seguire rapidamente i fatti visto che è proprio in questo senso che siamo riusciti nonostante il periodo a trovare risorse per realizzare i marciapiedi ed è sempre questa la filosofia che ci spinge verso la realizzazione del secondo accesso viario. Sono certo che questo progetto porterà notevoli vantaggi alla nostra Città sia dal punto di vista pratico, il traffico in entrata ed uscita dalla stazione sarà infatti alleggerito a vantaggio della sicurezza, ma anche dal punto di vista ideologico visto che come non mai nella storia di Chiusi, la stazione e il centro storico si ritroveranno veramente vicini. Questo è dunque un progetto nel quale crediamo molto e che siamo certi farà più grande e bella la nostra Città».

 

 

Nessun commento su Chiusi Scalo si avvicina al centro storico

The Future of Food

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam….

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra quis at felis amet cursus nisl aliquam.
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

[pp_gallery gallery_id=”7028″ width=”205″ height=”125″]
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Mauris elementum accumsan leo vel tempor. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

Creativity is just connecting things. It seemed obvious to them after a while.

Nessun commento su The Future of Food

PlayBook: More Tablet

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam….

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra quis at felis amet cursus nisl aliquam.
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

[pp_gallery gallery_id=”7028″ width=”205″ height=”125″]
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Mauris elementum accumsan leo vel tempor. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

Creativity is just connecting things. It seemed obvious to them after a while.

Nessun commento su PlayBook: More Tablet

Palio di Siena, 16 agosto 2013: vince l’Onda

Il Palio di Siena del 16 agosto 2013, in onore della Madonna dell’Assunta, ha visto trionfare la contrada dell’Onda. Una gara caratterizzata da una partenza rapida, senza eccessive tensioni ai…

Il Palio di Siena del 16 agosto 2013, in onore della Madonna dell’Assunta, ha visto trionfare la contrada dell’Onda. Una gara caratterizzata da una partenza rapida, senza eccessive tensioni ai canapi. L’Onda, entrata per terza ai canapi, ha conquistato il palio dell’Assunta grazie a Morosita Prima e ad un’altra magistrale prova del fantino Giovanni Atzni detto Tittia, che aveva già trionfato lo scorso luglio con la contrada dell’Oca.

L’ingresso ai canapi ha visto avvicendarsi Oca, Bruco, Onda, Lupa, Tartuca, Torre, Nicchio, Aquila e Chiocciola, con la Selva di rincorsa. Proprio quest’ultima è stata richiamata per ben tre volte dal mossiere Bartolo Ambrosione, che ha anche fatto uscire una volta i cavalli dai canapi. La prima partenza è stata quella valida, con un ottimo scatto della Lupa, che ha condotto il palio per un giro. Alla seconda curva di San Martino, però, l’Onda è passata in testa e non ha lasciato più il comando, fino a conquistare l’ambito palio. Il Drappellone, realizzato da Cesare Olmastroni e Cecilia Rigacci, è stato portato in giro per la città dai contradaioli dell’Onda, a cui spettano i festeggiamenti e l’onore di rappresentare la città fino al prossimo palio.

 

Nessun commento su Palio di Siena, 16 agosto 2013: vince l’Onda

Giostra del Saracino 2013: vince San Martino

La Giostra del Saracino di Sarteano ha visto trionfare la contrada di San Martino durante l’edizione 2013, corsa sotto il sole di Ferragosto di fronte a un grande pubblico. Guido…

La Giostra del Saracino di Sarteano ha visto trionfare la contrada di San Martino durante l’edizione 2013, corsa sotto il sole di Ferragosto di fronte a un grande pubblico. Guido Gentili, il giostratore di San Martino, ha messo un’importante ipoteca sulla vittoria già al primo turno di stoccate: è stato infatti l’unico a infilare l’anello di sei centimetri di diametro, posto sopra lo scudo del buratto. Poi, per tre volte di fila, San Martino, San Lorenzo e Santissima Trinità non hanno più sbagliato. All’ultimo giro di stoccate dei cinque previsti, colpo di scena: Gentili ha fallito il punto che sembrava decisivo, dando alle contrade inseguitrici l’opportunità di rientrare in corsa, centrando l’anello. Ma tutti hanno commesso errori, tranne Sant’Andrea, ormai fuorigioco. Risultato finale: quattro anelli per San Martino, tre a testa per San Lorenzo e Santissima Trinità, uno per Sant’Andrea, zero per San Bartolomeo.

Così si dimostra l’imprevedibilità della Giostra, che lo scorso luglio ha richiesto, per aggiudicare la vittoria, una serie infinita di spareggi: diciassette stoccate in totale. In quell’occasione, Tony Bartoli non sbagliò mai, stavolta ha commesso due errori su cinque tentativi. Eppure aveva vinto tre giostre consecutive, facendo sempre centro. Da qui il fascino di una gara che ogni volta fa storia a sé, e che entusiasma per i possibili cambiamenti di fronte: lo dimostra l’enorme afflusso in piazza Bargagli, con migliaia di persone che hanno assistito alla gara e al bellissimo corteo storico, nonostante la diretta di una tv locale.

La classe di Bartoli, dunque, non è bastata a confermare una supremazia che molti davano per scontata: fatale, per lui come per gli altri, il primo errore. La sua è stata comunque una sconfitta onorevole, da campione. E ancor di più lo è stata quella di Giacomo Perugini di Santissima Trinità, grande promessa della Giostra. È giovanissimo (18 anni), e a vederlo sul cavallo sembra quasi un bambino, ma con una maturità inversamente proporzionale ai suoi anni.

giostradelsaracino

Per San Martino, Gentili ha rappresentato una scommessa vinta. Ma il suo nome, evidentemente, era scritto nel destino. Suo padre Luciano, ieri in lacrime di gioia, è stato giostratore e capitano di San Martino. E poi il caso ha voluto che un altro Guido Gentili stesse sugli spalti a vedere la Giostra, per la prima volta: si tratta di un prestigioso giornalista, già direttore e attuale editorialista del Sole 24 Ore, accompagnato dalla moglie e collega Maria Antonietta Calabrò, inviato speciale del Corriere della Sera. A questo punto scaramanzia vuole, per San Martino, che il Gentili giornalista non possa più mancare sugli spalti, come portafortuna del suo omonimo giostratore.

Il sindaco Francesco Landi – anche lui uno dei circa duecento figuranti, nel ruolo di capitano del popolo – è giustamente soddisfatto: la Giostra, ancora una volta, ha rappresentato uno spettacolo affascinante ma corretto. Ormai attrae i cittadini tedeschi delle città gemellate di Gundelsheim e Bagnolo San Vito, oltre a tanti turisti e ospiti illustri. E la comunità sarteanese continua a esprimere un crescente entusiasmo, la voglia di stare insieme, confermando la giusta intuizione del progetto SarteanoLiving.

La serata ferragostana è scorsa con il giro festante dei vincitori con bandiere e tamburi, subito dopo la consegna dell’anello e di una scultura al giostratore vittorioso e del panno dipinto da Simone Ginanneschi alla contrada di San Martino, oltre ai premi per il miglior corteggio (andato a San Martino) e quello per i migliori sbandieratori e tamburini (alla contrada della Santissima Trinità). I festeggiamenti, e la consegna di premi, sono proseguiti persino alla locale festa del Pd. Questa Giostra ha onorato la lunga storia di Sarteano.

Nessun commento su Giostra del Saracino 2013: vince San Martino

Immigration of Expectations

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam….

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Aenean sagittis diam vel enim tempus sit amet cursus nisl aliquam. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra quis at felis amet cursus nisl aliquam.

Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

[pp_gallery gallery_id=”7028″ width=”205″ height=”125″]
Lorem ipsum dosectetur adipisicing elit, sed do.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Nulla fringilla purus at leo dignissim congue. Mauris elementum accumsan leo vel tempor. Aenean sagittis diam vel enim tempus. Aliquam et elit eu nunc rhoncus viverra. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Cras mauris est, feugiat quis eleifend non, adipiscing nec lectus. In et ipsum sit amet quam mattis faucibus id ac mi. Curabitur rhoncus non arcu ut imperdiet. Quisque magna nisl, fringilla at magna et, posuere gravida ligula.

Creativity is just connecting things. It seemed obvious to them after a while.

 

Nessun commento su Immigration of Expectations

Stanziati ulteriori fondi per voucher destinati a donne occupate con figli

Il Settore formazione e lavoro della Provincia di Siena ha riaperto un avviso pubblico scaduto nei mesi scorsi stanziando altri 25mila euro per l’assegnazione di voucher di conciliazione destinati al…

Il Settore formazione e lavoro della Provincia di Siena ha riaperto un avviso pubblico scaduto nei mesi scorsi stanziando altri 25mila euro per l’assegnazione di voucher di conciliazione destinati al pagamento di servizi educativi per la prima infanzia, pubblici o privati autorizzati.

L’avviso pubblico è disponibile sul sito www.impiego.provincia.siena.it – nella sezione Bandi e Avvisi, categoria Avvisi Voucher – ed è rivolto a donne occupate e con uno o più figli di età compresa fra zero e tre anni. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato per lunedì 7 ottobre.
L’obiettivo è quello di sostenere la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, per permettere alle donne di restare sul mercato del lavoro e di non rinunciare a opportunità di crescita professionale per accudire i propri figli nei primi anni di vita.

Le risorse stanziate per la riapertura dell’avviso contano sul Fondo Sociale Europeo (Por Fse 2007/2013) e saranno erogate fino a un massimo di nove mesi con un importo mensile massimo di 80 euro per coprire parte delle spese sostenute per i servizi educativi.

La domanda di finanziamento può essere presentata da donne residenti in provincia di Siena e donne immigrate extra Unione Europea in possesso di regolare titolo di soggiorno, che siano lavoratrici dipendenti, autonome o assunte con contratto di lavoro atipico.

«In un momento di crisi economica generale e di grandi difficoltà per molte famiglie ad accedere a servizi essenziali per la prima infanzia – spiega l’assessore al Welfare della Provincia di Siena, Simonetta Pellegrini – l’amministrazione provinciale ha stanziato risorse che vanno ad aggiungersi a quelle già messe a disposizione di donne occupate fino allo scorso aprile, per un totale di circa 115 mila euro. Con la riapertura di questo avviso pubblico già scaduto nei mesi scorsi, in particolare, abbiamo voluto continuare a sostenere le donne che lavorano nell’accesso ai servizi di asilo nido che hanno costi crescenti per l’iscrizione e il mantenimento mensile. Un aiuto parziale, quello della Provincia, ma che vuole essere un segnale di attenzione per il tessuto sociale del nostro territorio in un momento socio-economico difficile per tante famiglie e per tante donne che, senza questi servizi, dovrebbero rinunciare al lavoro e alla crescita professionale per accudire i propri figli».

È ancora aperto, inoltre, fino al 31 dicembre 2013, l’avviso rivolto a donne disoccupate che prevede l’assegnazione di un voucher di conciliazione per il pagamento di servizi educativi per la prima infanzia, pubblici o privati autorizzati, e di servizi di cura per anziani e/o persone portatrici di handicap.
Per usufruire dei voucher occorre essere iscritte ai Servizi per l’Impiego della Provincia di Siena e frequentare un percorso formativo, un tirocinio formativo e di orientamento o un percorso di politica attiva del lavoro concordato con il Centro per l’Impiego competente.

L’ammissione al percorso formativo o al tirocinio formativo e di orientamento deve essere dimostrata alla data di presentazione della domanda di finanziamento. Per questo bando la Provincia ha stanziato 47mila euro, ancora con risorse del Fondo Sociale Europeo (Por Fse 2007/2013), da erogare attraverso voucher per un massimo di otto mesi, che copriranno parte delle spese sostenute fino a un massimo di cento euro mensili, in caso di frequenza a servizi educativi e di cura per cui è previsto un abbattimento pubblico della tariffa e di duecento euro mensili in caso di frequenza a servizi educativi e di cura privati autorizzati.

Nessun commento su Stanziati ulteriori fondi per voucher destinati a donne occupate con figli

Consegna del progetto per la frana sulla Sp 146

Dopo le sollecitazioni del sindaco di Chiusi per i disagi all’altezza di Querce al Pino, dalla Provincia di Siena arrivano delle risposte. È fissata, infatti, per lunedì 12 agosto la…

Dopo le sollecitazioni del sindaco di Chiusi per i disagi all’altezza di Querce al Pino, dalla Provincia di Siena arrivano delle risposte. È fissata, infatti, per lunedì 12 agosto la consegna del progetto definitivo per i lavori di sistemazione della frana al chilometro 5+500 della sp 146, nel comune di Chiusi. La frana, causata  dalle abbondanti piogge e dalla rottura di parte della conduttura idrica laterale alla strada, in gestione a Nuove Acque, sta causando innumerevoli problemi al traffico estivo, causando code e rallentamenti. La Provincia di Siena ha la competenza sul ripristino del cedimento di una parte della carreggiata, avvenuto lo scorso marzo.

«L’accertamento delle cause che hanno prodotto il cedimento – chiarisce la Provincia in una nota – ha comportato un allungamento dei tempi dell’intervento, prolungando fino ad oggi l’istituzione della circolazione a senso alternato, con notevoli disagi per la viabilità. La consegna del progetto definitivo sarà seguita dalla Conferenza dei servizi e, contemporaneamente, dall’attivazione del procedimento espropriativo».

L’iter procedurale prevede poi l’approvazione del progetto esecutivo e l’avvio della gara di appalto per l’aggiudicazione dei lavori.

«Siamo consapevoli delle difficoltà create alla circolazione in una zona particolarmente trafficata – afferma il vicepresidente e assessore ai lavori pubblici, Alessandro Pinciani – e comprendiamo le legittime preoccupazioni espresse pubblicamente dal sindaco di Chiusi, Stefano Scaramelli, a cui ricordo che l’istituzione del senso unico alternato è del 25 marzo, per cui poco più di quattro mesi fa. Oltre all’accertamento geologico delle cause che hanno prodotto l’evento per il quale abbiamo evitato il ricorso all’accertamento giudiziale proprio per non allungare ulteriormente i tempi, siamo in presenza di una zona a vincolo paesaggistico e archeologico e di terreni di privati, con cui cercheremo di arrivare a cessioni bonarie sempre con l’intento di accelerare le procedure».

Il sindaco, prosegue Pinciani,

«conosce bene le difficoltà sopraggiunte e sa che i lavori pubblici prevedono procedure e tempi che non sempre corrispondono alle necessità dei cittadini e alle esigenze dei territori. Difficoltà che sono state portate anche all’attenzione del Consiglio provinciale, attraverso due interrogazioni del consigliere Marco Nasorri. I nostri tecnici, in una situazione difficile e precaria per le Province, come è ben noto, stanno facendo tutto quanto è necessario, nel rispetto delle procedure e a garanzia della sicurezza delle persone, per far partire quanto prima i lavori».

Nessun commento su Consegna del progetto per la frana sulla Sp 146

Chiusi, lavori di riqualificazione a Macciano

Proseguono gli interventi di sicurezza stradale e riqualificazione urbana delle frazioni del territorio comunale di Chiusi, parte dei quali espressamente richiesti al sindaco durante gli incontri fra amministrazione e cittadinanza…

Proseguono gli interventi di sicurezza stradale e riqualificazione urbana delle frazioni del territorio comunale di Chiusi, parte dei quali espressamente richiesti al sindaco durante gli incontri fra amministrazione e cittadinanza “Decidi insieme a Noi“.

Sono iniziate, fa sapere l’amministrazione, una serie di piccole ma significative opere di manutenzione nella frazione di Macciano: le vie interessate sono Pignattaia bassa, Pignattaia alta, via Casa Olivo, via Casa al Pino e Tegoleto. Per quanto riguarda Pignattaia alta, i lavori riguardano il rifacimento dell’asfalto e dell’illuminazione pubblica.

Sono considerati particolarmente importanti dall’amministrazione chiusina, spiega la stessa, per vari motivi:

«in primo luogo per il tempo visto che gli interventi sono attesi almeno da una ventina d’anni e poi per la formula utilizzata che vede di fatto una vera e propria sinergia tra il pubblico e i privati cittadini nella copertura economica complessiva dei lavori. Il Comune, quindi, con una spesa di circa 12.500 euro, si occuperà di tutto ciò che riguarda l’illuminazione pubblica, compresi i basamenti dove collocare i lampioni, mentre la parte dei cittadini comprende i lavori di asfaltatura e regimazione delle acque meteoriche».

A Pignattaia Bassa invece, come richiesto durante il ciclo di incontri “Decidi insieme a Noi” dove sindaco e giunta hanno incontrato i cittadini per condividere strategie e filosofia del bilancio di previsione 2013 recentemente approvato, gli interventi prevedono la messa in sicurezza della strada, tramite la riasfaltatura di alcune parti della carreggiata, sia all’imbocco della strada, che più a valle, nei pressi di una curva resa pericolosa dal passare del tempo; saranno effettuati lavori anche per la regimazione delle acque meteoriche.

Infine, nelle vie Casa Olivo, Casa al Pino e Tegoleto i lavori di manutenzione riguarderanno il rifacimento dell’asfalto in alcuni tratti di strada e in particolare vicino ai cassonetti dei rifiuti dove ad esempio il passaggio dei camion di Sienambiente ha nel tempo fatto cedere il manto stradale.

«Nel corso di questa prima parte del nostro mandato – dichiara il primo cittadino Stefano Scaramelli – siamo intervenuti spesso per migliorare la sicurezza delle nostre strade perché siamo convinti che sia una priorità da inseguire per la salvaguardia dei nostri cittadini. Questi interventi possono sembrare piccoli, ma sono in realtà molto importanti in quanto vanno incontro a precise richieste da parte dei cittadini che non potevano essere ignorate nonostante le difficoltà del periodo».

In pochi giorni, assicura il vicesindaco del Comune di Chiusi, Gianluca Sonnini:

«riusciremo a dare risposte importanti al nucleo abitativo della nostra frazione di Macciano che troppo spesso negli anni è stata penalizzata a causa della distanza dal capoluogo del Comune. Con i cittadini, durante gli incontri dei mesi passati, ci eravamo presi precisi impegni e sono soddisfatto delle risposte che stiamo dando. Per quanto riguarda Pignattaia alta, inoltre, importante è stato il contributo di Sabatino Fabietti persona di grande umanità ed esperienza che si è messo a completa disposizione nel raccordare l’impegno dei privati con quello dell’amministrazione».

Il costo complessivo degli interventi per migliorare le strade di Macciano è di circa cinquantamila euro; i lavori, annuncia l’amministrazione, dovrebbero terminare al massimo entro agosto.

Nessun commento su Chiusi, lavori di riqualificazione a Macciano

Type on the field below and hit Enter/Return to search