La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: monte san savino

Valdichiana, un anno in breve: i dieci eventi più significativi del 2019

Con la fine dell’anno arriva puntuale anche il momento dei bilanci, quello in cui si tirano le somme degli dodici mesi appena trascorsi e si passano in rassegna gli eventi…

Con la fine dell’anno arriva puntuale anche il momento dei bilanci, quello in cui si tirano le somme degli dodici mesi appena trascorsi e si passano in rassegna gli eventi che più li hanno caratterizzati. Quando mancano ormai poche ore all’arrivo del nuovo anno, ecco un riepilogo delle dieci vicende più significative per il territorio della Valdichiana in questo 2019.

13 febbraio
Viene sottoscritto l’atto costitutivo della Fondazione Valdichiana Promozione, dai sindaci e dagli amministratori dei Comuni di Cortona Francesca Basanieri, di Chiusi Juri Bettolini, di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli, di Sinalunga Riccardo Agnoletti, di Torrita di Siena Giacomo Grazi, dall’Assessore di Montepulciano Franco Rossi, il Presidente di Confindustria sez. Valdichiana Giovanni Tiezzi, il Presidente di Aion Cultura Eleonora Sandrelli, il Presidente dell’Associazione OnTheMove Nicola Tiezzi, il Presidente di Confagricoltura Arezzo Angiolino Mancini, Sara Rapini della Conserveria, Fulvio Benicchi direttore della Fondazione Orizzonti d’Arte di Chiusi, con il sostegno dell’azienda Aboca e del Console Onorario del Lussemburgo Stefano Cacciaguerra Ranghieri, in qualità di fondatori del progetto. La Fondazione Valdichiana Promozione nasce come iniziativa di collaborazione per diffondere le opportunità dei Fondi Europei per le imprese del territorio.

30 marzo
Torrita di Siena e Montepulciano diventano mete di riferimento per il ciclismo internazionale, in quanto punti di partenza e di arrivo dell’edizione italiana della gara Gran Fondo New York, un evento per appassionati di ciclismo provenienti da tutto il mondo che si ripeterà anche nei prossimi due anni.

11 aprile
Viene annunciato l’imminente inizio dei lavori al pronto soccorso dell’ospedale di Nottola, un progetto per 2 milioni e 200 mila euro messi a disposizione dalla Regione Toscana e fondi aziendali, che prevede l’ampliamento e la riorganizzazione dei locali di accesso al monoblocco.

26 maggio
In concomitanza con le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, si vota per le elezioni amministrative in 11 comuni della Valdichiana. Un mese dopo, il 26 giugno, si insedia la nuova giunta dell’Unione dei Comuni.

9 giugno
Arriva l’alta velocità a Chiusi, con la fermata di due treni Frecciarossa stabilita inizialmente per il periodo estivo e poi prolungata fino al 7 gennaio 2020. Nel periodo tra giugno e novembre i biglietti venduti da e per la stazione di Chiusi-Chianciano Terme sono oltre 15mila.

25 settembre
Il Consiglio regionale approva all’unanimità il progetto di candidatura del paesaggio della bonifica leopoldina in Valdichiana Toscana, finalizzato alla salvaguardia del territorio attraverso varie attività di mantenimento e valorizzazione dell’area. La ratifica arriva dopo la firma del protocollo d’intesa tra Regione Toscana e Comune di Lucignano, individuato come capofila del progetto che coinvolge anche i comuni di Arezzo, Castiglion Fiorentino, Civitella Val di Chiana, Cortona, Foiano, Marciano della Chiana, Monte San Savino, Montepulciano, Sinalunga, Torrita di Siena e Chiusi, per l’inserimento del paesaggio della bonifica leopoldina della Valdichiana nel Registro Nazionale dei Paesaggi Storici d’Italia.

1 ottobre
La Valdichiana Senese riceve il titolo di Comunità europea dello Sport per il 2021. Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport (ACES Europa) premia il progetto di area che vedrà nel 2021 la Valdichiana sede di numerosi eventi e iniziative a tema sportivo. Il 4 novembre, alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò, della Vice Presidente Alessandra Sensini e del Presidente di Aces Europa Pierfrancesco Lupattelli, al Foro Italico viene conferito il riconoscimento alla delegazione formata dai sindaci e i rispettivi assessori allo sport dei comuni coinvolti.

5 ottobre
La Regione Toscana approva il finanziamento per il progetto “Vero Aglione della Valdichiana”, coordinato dalla società Qualità e Sviluppo Rurale di Montepulciano, Università degli Studi di Siena-Dipartimento di Scienze della Vita, ANCI Toscana, CIA Toscana, la società Agricoltura è Vita-Etruria e quattro produttori dell’Associazione per la Tutela e la Valorizzazione dell’Aglione della Valdichiana. Il fine è quello di certificare la provenienza del prodotto attraverso un sistema di informatico in grado di informare il consumatore finale.

21 ottobre
La cooperativa Coagria, con sede nel comune di Marciano della Chiana, sottoscrive un contratto di lungo termine con l’azienda Ferrero, per la coltivazione delle nocciole sul territorio di 50 delle circa 200 imprese agricole che riunisce. Lo sviluppo di una nuova filiera produttiva delle nocciole locale andrà ad aumentare l’impiego di materia prima di origine nazionale da parte del Gruppo Ferrero.

14 dicembre
Acea Ambiente ritira il progetto di costruzione dell’impianto di recupero di fanghi biologici delle acque reflue urbane, per il quale aveva acquistato l’area “Ex Centro Carni” di Chiusi Scalo, piano al centro di un’inchiesta pubblica richiesta dalla Regione Toscana e di un lungo e aspro dibattito sia nel territorio chiusino che nel territorio circostante.

Nessun commento su Valdichiana, un anno in breve: i dieci eventi più significativi del 2019

Dolcezza e grinta ne ‘Il Divieto di Sbagliare’ di Eleonora Betti

Ho conosciuto Eleonora Betti in una calda giornata di fine agosto, quando ci siamo ritrovate entrambe a Firenze per la conferenza stampa di uno degli eventi musicali più importanti del…

Ho conosciuto Eleonora Betti in una calda giornata di fine agosto, quando ci siamo ritrovate entrambe a Firenze per la conferenza stampa di uno degli eventi musicali più importanti del centro Italia. Quel giorno il Collettivo Piranha presentava l’edizione 2018 del Live Rock Festival di Acquaviva; Eleonora era lì in quanto protagonista di una delle serate del festival, io per scoprire e raccontare l’evento.

Ho avuto modo di apprezzare la sua musica proprio nei giorni del Live Rock Fest e, adesso che si sta preparando all’esibizione di venerdì 15 marzo in terra chianina, finalmente sono riuscita a cogliere l’occasione per intervistarla.

Fin dalle prime battute scambiate con Eleonora, quello che mi colpisce è la sua dolcezza, il suo sguardo innamorato della musica e il suo modo di raccontarsi che sembra già essere il testo di una canzone. Oltre alla dolcezza che incanta, quello che sorprende di Eleonora è il modo in cui si fondono in lei, in maniera perfetta, vari generi musicali, che la rendono unica e libera da obblighi di appartenenza.

Eleonora Betti è una cantautrice che si divide tra la Valdichiana e Roma, dove attualmente vive; laureata in musicologia, Eleonora è cresciuta tra le note della musica classica, l’amore per le grandi voci del jazz, del musical e il fado portoghese.

“La musica classica è parte di tanti ricordi della mia infanzia e adolescenza, mi piace scoprirne la freschezza, le forme. Del jazz direi che mi affascina più di tutto il senso di libertà espressiva, l’idea che la musica sia qualcosa sempre di personale e non possa essere mai uguale a sé stessa. Del musical amo l’unione tra le varie arti, la dimensione del teatro, la narrazione; del fado la sua forza, spesso drammatica, la capacità di raccontare un luogo e le sue storie. In ognuno di questi generi trovo un’intensità sconvolgente”

Tutti questi generi trovano una sintesi perfetta nel suo disco d’esordio, ‘Il Divieto di Sbagliare’ che, oltre a presentare Eleonora al grande pubblico, è un invito a riflettere sull’impossibilità di camminare sul sentiero della vita senza inciampare ogni tanto. L’errore fa parte di un percorso di conoscenza ed evoluzione. Comprendere il proprio stato di imperfezione consente di elaborare le cadute, di curare le ferite, di guardare avanti con consapevolezza, di trovare nuova forza.

“Grazie a ‘Il Divieto di Sbagliare’ ho potuto far conoscere la mia musica a molte persone, ha aperto la strada a collaborazioni importanti, come quella con Ferruccio Spinetti che ha suonato il basso nel nuovo singolo ‘Libera’. Inoltre, dopo la pubblicazione del mio lavoro, ho potuto osservare come possa esserci interesse anche per un prodotto fuori dagli schemi attuali come il mio, interesse che ho riscontrato sia tra il pubblico ai concerti, che tra la critica. Di recente, è stata una felicissima sorpresa che una webzine musicale come MusicMap abbia scelto “Quaranta Volte” come canzone più bella del 2018” – mi spiega Eleonora.

I brani di Eleonora nascono dall’urgenza di trasformare in canzone un pensiero, un’emozione o una riflessione. E alla domanda se all’interno del disco ci sia un brano a cui è più legata, Eleonora mi risponde così:

“I legami sono diversi con ogni brano, e ugualmente intensi. Però, a distanza di un anno, sento di dire che per ‘Quaranta Volte’ ho un ulteriore affetto, perché è stata la canzone di lancio dell’album ed è diventata la colonna sonora di questi dodici mesi, tra promozione e concerti. Per comporre i miei brani spesso parto da un piccolo nucleo di testo e melodia che poi sviluppo, a volte rapidamente se il momento creativo è molto intenso”.

La Repubblica ha definito il pop di Eleonora un pop d’autore e da camera, un soffuso d’archi e di fiati; non un ninnolo luccicante da mettere in mostra nella vetrina del salotto buono, ma una via d’uscita da prigioni sonore, da etichette precostituite e appiccicate da chi è sempre in cerca di definizioni. Definizioni di cui Eleonora, appunto, non ha bisogno; con la sua musica cerca di far capire che prima di tutto bisogna ascoltare noi stessi in modo da trovare la giusta strada, e, in secondo luogo, gli altri, con apertura e attenzione, per poter costruire qualcosa insieme.

“Fare musica vuol dire impegnarsi per ottenere un risultato; vuol dire giocare, divertirsi, avere passione, essere aperti, incontrare, conoscere, concentrarsi, restare umili. La musica è l’umanità espressa in un suono” – insegnamento, questo, che Eleonora porta sempre con sé e che cerca di trasmettere ai suoi studenti del Liceo e ai bambini a cui impartisce lezioni di pianoforte, canto corale e laboratori di propedeutica.

Durante l’intervista, ho avuto modo di comprendere il punto di vista di Eleonora sullo stato attuale della musica e sulle varie polemiche nate dalla vittoria di Mahmood a Sanremo:

“Sebbene ogni anno ci siano polemiche attorno al vincitore, quella che si è aperta in questo caso mi è parsa assurda: fuori luogo per la parte tecnica, offensiva e preoccupante per i tratti razzisti che ha assunto da parte di alcune persone. Non credo che i pregiudizi siano nel mondo della musica, o perlomeno spero che non sia così; vedo più una strumentalizzazione politica che ha aperto la strada a commenti di ogni genere anche a livello popolare. Comunque tante persone hanno da subito preso posizione in modo opposto, e questo mi conforta”.

Alla vigilia della sua esibizione al Teatro Verdi di Monte San Savino del prossimo 15 marzo, Eleonora mi dice:

È un bellissimo momento, che mi consente, tra l’altro, di chiudere nel migliore dei modi questo primo anno trascorso dall’uscita del disco. Ho un legame molto forte sia con il Teatro Verdi che con il paese di Monte San Savino: lì ho iniziato a suonare il pianoforte e ricevuto la prima formazione artistica. Certamente sarà una bella emozione, una festa, il mio modo per dire grazie a un luogo in cui sono cresciuta e per abbracciarlo con la musica; un abbraccio che spero potrà arrivare forte anche alle persone presenti”.

E riguardo ai progetti futuri, invece, mi svela che questo momento si sta rivelando molto creativo.

“Mi sto dedicando alla scrittura di nuove canzoni, pensando già con entusiasmo a nuovi progetti da realizzare, ma il desiderio è anche quello di continuare con i concerti. La musica come momento di condivisione regala incontri ed emozioni che amo infinitamente vivere”.

Eleonora conclude con un augurio personale, ma allo stesso tempo un auspicio per l’intero panorama musicale italiano e internazionale:

Quando accendo la radio spero di poter sentire musica bella, italiana o internazionale che sia, e magari anche musica emergente, indipendente, da scoprire”.

Nessun commento su Dolcezza e grinta ne ‘Il Divieto di Sbagliare’ di Eleonora Betti

Chimera Comix: giochi, cosplay e fumetti a Monte San Savino

Un tuffo in un’atmosfera fantasy grazie a una rete di appassionati e di cultori del gioco e del fumetto, coordinata da CNA Arezzo con il patrocinio del comune di Monte…

Un tuffo in un’atmosfera fantasy grazie a una rete di appassionati e di cultori del gioco e del fumetto, coordinata da CNA Arezzo con il patrocinio del comune di Monte S. Savino. Dopo la prima giornata di sabato 1 Luglio, con “Chimera Comix” anche domenica 2 Luglio la cittadina della Valdichiana continuerà la trasformazione in un palcoscenico curioso e stravagante adatto a ogni età.

Tante le iniziative in programma, anche per la giornata di domenica: nell’area dedicata a illustratori ed editori nel palazzo del Cassero, il pubblico potrà incontrare alle ore 15 Marco Santucci e Maria Elena Sanapo, illustratori Marvel e DC Comics, con il workshop “Come si diventa disegnatori di fumetti”. Successivamente alle ore 16, un altro laboratorio con Mengozzi e Marcora dal titolo “Eroi di carta e Inchiostro: workshop sulla creazione di un personaggio a fumetti”.

Lungo le vie del centro storico continueranno invece gli intrattenimenti a tema, come quelli curati dalla compagnia d’arme historica Laminis, i cavalieri Mos Ferris, Flos Ferris, Lupus Malleficarum e White Company nell’area medievale. Nell’impianto sportivo di viale Diaz, invece, si svolgeranno dimostrazioni di Quidditch babbano di Harry Potter e partite disputate da squadre ufficiali della lega nazionale AIQ.

Grande attesa, infine, per l’evento dedicato al cosplay di domenica pomeriggio: dalle ore 16 alle ore 19 la presentatrice Sunita Sunymao accompagnerà sul palcoscenico i concorrenti, che saranno giudicati dalla giuria composta da Santoni Alessio, Ermes Quadri, Giulia C. Faralli, Sara Mattesini e Hylian. Il contest dedicato al cosplay permetterà ai vincitori di aggiudicarsi degli abbonamenti per Lucca Comics & Games 2017, la più grande fiera italiana del settore.


Dopo il successo crescente di fiere dedicate ai fumetti, ai giochi e ai mondi del fantastico come Lucca Comics oppure la Festa dell’Unicorno, anche a Monte San Savino arriva un evento unico nel suo genere, una fiera innovativa per la Valdichiana e dintorni. Sabato 1 e Domenica 2 Luglio si terrà infatti la prima edizione di Chimera Comix, che si propone di essere molto più che una fiera dedicata ai fumetti, cosplay e videogiochi. Aperta a grandi e piccini, la fiera durerà fino alla mezzanotte di entrambi i giorni, con due spettacoli serali e molteplici offerte gastronomiche a disposizione dei visitatori.

Il sabato sera si esibiranno sul palco gli Alvin Star, una Cartoon Cover Band che suonerà dal vivo le più famose canzoni dei cartoni animati, con l’apertura di Sunita Sunymao, apprezzata cantante del settore. La domenica sera invece ci sarà uno spettacolo di Cabaret, con i gruppi comici toscani, ma famosi in tutta Italia: i Progildan e i Gemelli Siamesi. L’evento con le sue varie attività occuperà tutto il centro storico, promuovendo più di una trentina di diverse offerte ludiche per ogni età: si va dai gonfiabili gratuiti per i più piccoli, ai laboratori creativi e passeggiate con i pony, ai giochi da tavolo, di carte e videogames, fino ad arrivare ai giochi in prima persona, come l’Escape Room, il Paintball, l’Archery Games, Bubble Soccer, i percorsi della paura, dimostrativi di giochi di ruolo dal vivo e perfino un’area dedicata all’apocalisse zombie. Non mancherà poi una piazza interamente dedicata alla rievocazione storica medievale, con punti ristoro, banchini e animazione a tema.

Nel palazzo del Cassero, sarà collocata invece la rassegna dedicata a fumettisti, illustratori ed editori, che mostreranno le loro opere al pubblico. Cosplayers da tutta Italia verranno poi vestiti dai loro personaggi preferiti, tratti dai manga, anime, videogames, fumetti, cartoni animati, film, telefilm e libri, interpretandone gli atteggiamenti e sfidandosi in un contest sul palco la domenica pomeriggio. Nell’impianto sportivo di Viale Diaz, si svolgeranno dimostrativi di Quidditch babbano di Harry Potter e partite disputate da squadre ufficiali della lega nazionale AIQ. Per la sua prima edizione Chimera Comix avrà l’onore di avere come ospite nell’area games Angelo Porazzi, che è stato vincitore con il gioco da tavolo Warangel del 1° storico “Miglior Gioco Italiano” a LuccaGames 2000, mentre a PLAY Modena 2015 ha ricevuto il “Premio alla Carriera”. Con i suoi giochi e illustrazioni è chiamato a partecipare a tutte le maggiori manifestazioni ludiche Italiane, fino ad arrivare a Chicago e Dallas negli Stati Uniti.

Tanti gli ospiti illustri anche nell’area Comics, presso il palazzo del Cassero: sarà presente sabato pomeriggio alle 16 per una conferenza dedicata, Mr. Tex, Fabio Civitelli, un altro disegnatore della famosa serie a fumetti, Rossano Rossi, Marco Santucci, disegnatore Marvel e Maria Laura Sanapo, illustratrice per DC comics. Il noto scultore, pittore, scenografo della provincia, Alessandro Marrone sarà impegnato a creare un’opera a tema durante i due giorni della fiera.

L’evento è organizzato dall’Associazione Mystara con il patrocinio del comune di Monte San Savino e la collaborazione di CNA, e varie associazioni di categoria del luogo. Maggiori informazioni possono essere trovate nel sito web dedicato: Chimera Comix. Un evento imperdibile per tutti gli appassionati del settore in Valdichiana, a cui consigliamo di continuare a seguire il nostro magazine: la redazione sarà presente alla fiera di Monte San Savino per realizzare approfondimenti speciali e tante sorprese!

Nessun commento su Chimera Comix: giochi, cosplay e fumetti a Monte San Savino

Raccolta differenziata: i comuni più virtuosi della Valdichiana

In questi giorni sono usciti i dati ARPAT relativi alla raccolta differenziata in Toscana. Per il 2015, la Regione aveva fissato un obiettivo per tutti i comuni: portare la raccolta…

In questi giorni sono usciti i dati ARPAT relativi alla raccolta differenziata in Toscana. Per il 2015, la Regione aveva fissato un obiettivo per tutti i comuni: portare la raccolta differenziata al 65%. Ma quanti ci sono riusciti?

 

Con una percentuale di raccolta differenziata del 69,83%, l’unico comune di tutta la Valdichiana che è riuscito a superare la soglia prefissata è stato Chiusi.  Nessun comune della provincia di Arezzo figura nella lista dei 60 che hanno raggiunto questo traguardo.

Ecco i dati ARPAT comune per comune, sempre relativi al 2015,  da cui si evince un maggiore virtuosismo da parte dei comuni del versante senese rispetto a quello aretino, che presente un forte ritardo rispetto agli obiettivi prefissati. Monte San Savino risulta il comune aretino con la percentuale di raccolta differenziata certificata più alta, assestandosi al 33%.

[infogram id=”raccolta_differenziata_in_valdichiana” prefix=”hxT”]

 

1 commento su Raccolta differenziata: i comuni più virtuosi della Valdichiana

Valdichiana Aretina, firmato un accordo storico sulla promozione turistica

Si è svolta sabato 20 dicembre 2014, nel salone Mediceo di Palazzo Casali a Cortona, la cerimonia per la firma del Protocollo d’intesa tra i Comuni di Cortona, Castiglion Fiorentino, Foiano della Chiana,…

Si è svolta sabato 20 dicembre 2014, nel salone Mediceo di Palazzo Casali a Cortona, la cerimonia per la firma del Protocollo d’intesa tra i Comuni di Cortona, Castiglion Fiorentino, Foiano della Chiana, Lucignano, Marciano, Monte San Savino e Civitella in Valdichiana per l’integrazione dei servizi di base finalizzati alla promozione turistica.

Un atto che può essere definito storico, un accordo fattivo tra i sette comuni della Valdichiana Aretina che rappresenta la base per costruire future collaborazioni e cooperazione, non solo per quanto riguarda la promozione turistica ma anche per la valorizzazione delle risorse culturali e storico-artistiche. Durante la cerimonia, infatti, è emersa la soddisfazione per questo risultato e soprattutto la consapevolezza che esso rappresenti il primo passo verso un’integrazione ancora maggiore in tanti altri settori.

Il protocollo è entrato immediatamente in vigore con la stampa di una mappa dei musei del territorio realizzata in due lingue (italiano e inglese), con l’attivazione di un sito web dedicato (www.valdichianamusei.it) e con l’adozione di un biglietto cumulativo e di una tessera unici per l’accesso ai musei e ai siti d’interesse culturale di tutti i comuni.

Sono state inoltre definite strategie di comunicazione e promozione condivise, non solo del patrimonio storico e culturale ma anche delle attività artigianali, commerciali e ricettive. Uno dei principali obiettivi è quello di operare in sinergia per la programmazione degli eventi culturali annuali, così da renderli più efficaci e di successo. E’ stato anche definita una road map che prevede la programmazione di incontri periodici e la creazione di un’immagine coordinata del progetto Valdichiana Musei.

Nessun commento su Valdichiana Aretina, firmato un accordo storico sulla promozione turistica

Concerto di Natale a Monte San Savino

L’Istituto Comprensivo di Monte San Savino ha in programma per lunedì 22 dicembre, alle 21:00, il “Concerto di Natale 2014”. ‘Passato prossimo: otto anni con Iacopo Maccioni. Presente e futuro:…

L’Istituto Comprensivo di Monte San Savino ha in programma per lunedì 22 dicembre, alle 21:00, il “Concerto di Natale 2014”.

ACCHIAPPANOTE‘Passato prossimo: otto anni con Iacopo Maccioni. Presente e futuro: con Enrico Mancini’ è questa la premessa di un concerto patrocinato del comune savinese, Monteservizi, Banca Valdichiana e Pro Loco.

“Per la vita della band il concerto di Natale è ormai diventato un appuntamento importante – sottolinea Roberto Boncompagni, direttore della band Acchiappanote – questa è la prima volta, dopo appena tre mesi di lavoro insieme, che la nuova formazione si esibisce in pubblico e da questo traguardo dipende il suo futuro. Ogni anno circa la metà dei componenti si rinnova, il gruppo assume una sonorità ed un assetto organico sempre diverso. I ragazzi vi partecipano con grande convinzione, imparano divertendosi, e per questo non è tanto importante la meta quanto il cammino per raggiungerla”.

Al concerto di Natale si uniranno le letture dei ragazzi e le immagini relative ai temi della pace e del dialogo ed il consueto scambio degli auguri tra la scuola e la cittadinanza.

Nessun commento su Concerto di Natale a Monte San Savino

A Monte San Savino lavori contro i danni metereologici

Sono in fase di completamento i lavori presso lo scolmatore fognario di Via della Stazione a Monte San Savino. Il Vice sindaco Gianluca Gentile precisa: “Lo scopo di questo intervento…

Sono in fase di completamento i lavori presso lo scolmatore fognario di Via della Stazione a Monte San Savino.

Il Vice sindaco Gianluca Gentile precisa:

“Lo scopo di questo intervento è finalizzato alla riduzione della pressione sul sistema fognario esercitata dalle bombe d’acqua, che hanno sempre creato disagi nella parte bassa del paese. Si tratta di un’opera prevista da trent’anni ma mai realizzata. Tra l’altro, durante i lavori per l’inserimento dei nuovi binari della vicina stazione vennero chiusi i fossi verso il Cupina. Nell’occasione voglio ringraziare la Rete Ferroviaria Toscana per il supporto tecnico e la collaborazione affinché il progetto si concludesse in tempi rapidi”.

Lo scolmatore di Via della Stazione è la prima delle tre opere per la messa in sicurezza definitiva della piana di Monte San Savino. Le altre riguardano l’intervento il Cupina, previsto da parte della provincia di Arezzo per il prossimo anno e gli argini del torrente Esse.

“Sugli argini del torrente Esse sono state completate le bonifiche degli ordigni bellici e le analisi delle terre di scavo. Inoltre, sono iniziati i lavori di posa delle fibre ottiche nella zona industriale per poi essere rimosse dall’argine stesso. Con il Sindaco Margherita Scalpellini – continua Gentile – abbiamo incontrato il Presidente del Consorzio di Bonifica Tamburini per analizzare lo stato dei lavori previsti nel nostro territorio. In quell’occasione abbiamo richiesto la massima celerità nel ripulire il tratto dell’Esse a valle del ponte delle Vertighe. A tal proposito ci è stato assicurato che il lavoro è già stato appaltato e che, compatibilmente con le condizioni meteorologiche, i lavori inizieranno entro dicembre. Tutto questo dimostra l’attenzione dell’amministrazione comunale alla tutela del territorio e delle attività – conclude Gentile – unitamente alla capacità di muoversi presso le sedi appropriate al fine di ottenere fondi e priorità di intervento”.

Comunicato stampa del 05/12/2014. Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione

Nessun commento su A Monte San Savino lavori contro i danni metereologici

A Monte San Savino arriva “Lei Disse Si”, la rivoluzione a colpi di bouquets

Due donne e un matrimonio, sono questi gli ingredienti della rivoluzione a colpi di buoquets che è appena iniziata ed è raccontata in “Lei Disse Si” il film di Maria…

Due donne e un matrimonio, sono questi gli ingredienti della rivoluzione a colpi di buoquets che è appena iniziata ed è raccontata in “Lei Disse Si” il film di Maria Pecchioli, vincitore del Biografilm Festival 2014 di Bologna, che sabato 22 e domenica 23 novembre alle 21:40 sarà in programma al Teatro cinema Verdi di Monte San Savino per portarci dentro le vite e i sogni delle due protagoniste attraverso le loro intense testimonianze.

Sabato 22 dalle ore 20 in poi, Ingrid Lamminpää, Lorenza Soldani e la regista Maria Pecchioli saranno presenti al Teatro Verdi per un aperitivo con buffet allestito al bar del teatro, su iniziativa di Comune di Monte San Savino e Officine della Cultura, in collaborazione con “Chimera Arcobaleno” Arcigay Arezzo, e rimarranno fino alla fine della proiezione del docu-film per un dibattito sul tema dei diritti civili ancora negati in Italia, alla presenza dell’Assessora Erica Rampini. Un secondo appuntamento con quella parte del cinema italiano che, con coraggio, ama raccontare il proprio paese – e raccontarlo dal vivo, in teatro, aprendosi al confronto con il pubblico, così com’è stato con Sabina Guzzanti e la recente proiezione del suo ultimo lungometraggio #LaTrattativa.

“Abbiamo scelto di salvare il nostro cinema con l’acquisto del proiettore digitale anche per incentivare gli spazi di dibattito e confronto su temi di rilevanza sociale” dichiara l’Assessora Rampini “siamo quindi ben lieti di ospitare al Teatro Verdi questa iniziativa che sollecita l’attenzione sul tema dei diritti civili, mai come adesso attuale nonostante il sostanziale disinteresse dimostrato dalla politica nazionale”.

Lei disse si” è una storia d’amore fatta di musica, di rifiuto e abbandono, di accoglienza e condivisione, di imprevisti, speranze, amici e parenti, testimoni allegri di un sogno che si avvera. È il racconto di due donne che si amano.Lei disse si” è un frammento di Italia, di boschi e laghi svedesi ed è una festa dove il menù di nozze è a base di diritti civili. Il comitato Arcigay Arezzo ha sostenuto fin dall’inizio il progetto contribuendo anche alla campagna di crowdfunding che ne ha permesso la realizzazione e si augura che il maggior numero di persone possibile possano vederlo e prender parte così ad una vera rivoluzione a colpi di bouquets.

Per informazioni e prevendite:

Monte San Savino:
Ufficio Turistico: Piazza Gamurrini 22 tel. 0575 849418

Arezzo:
Officine della Cultura – via Trasimeno 16, tel. 0575 27961
Rete Teatrale Aretina – via Bicchieraia 34, tel. 0575 1824380

È attiva la prevendita online dal sito www.boxol.it (costo biglietto € 7,00).

Nessun commento su A Monte San Savino arriva “Lei Disse Si”, la rivoluzione a colpi di bouquets

Eventi: 28.a Giornata Salvadoriana e MANDRAGOLA SI CHIAMA

28.a Giornata Salvadoriana Il Centro Studi e Documentazione ‘Giulio Salvadori’ e la Parrocchia dei Santi Egidio e Savino, con il patrocinio del comune di Monte San Savino, propongono nei giorni…

28.a Giornata Salvadoriana

Il Centro Studi e Documentazione ‘Giulio Salvadori’ e la Parrocchia dei Santi Egidio e Savino, con il patrocinio del comune di Monte San Savino, propongono nei giorni di domenica 12 ottobre e sabato 18 ottobre la 28.a Giornata Salvadoria, due momenti per ricordare questa figura straordinaria di intellettuale ed educatore cattolico. Il primo appuntamento è per domenica 12 ottobre, alle ore 11.00 nella Chiesa di Sant’Agostino dove verrà celebrata una Santa Messa in ricordo di Giulio Salvadori, mentre sabato 18 ottobre nella Chiesa di Sant’Agostino, alle ore 17.00, si terrà l’esecuzione dei brani vincitori del I° concorso di Composizione e di altri brani musicali su testi di Giulio Salvadori, cori: ‘Andrea Lippi’, ‘Lux Harmonica’, ‘Piccole note’, premiazione dei vincitori del concorso. La manifestazione è un’occasione offerta a tutti per conoscere ed incontrare un uomo la cui esperienza ha molto da testimoniarci ancora oggi.

MANDRAGOLA SI CHIAMA, al Teatro Verdi

Dopo aver tradotto in ‘lingua chianina’ Aristofane e Shakespeare, Goldoni e Pirandello, Ruzante e Eduardo, e averli portati tutti in ‘quel di Montagnano’ per il tradizionale Festival Internazionale Il Giogo, noi del Teatro Popolare abbiamo avuto il coraggio, o l’incredibile faccia tosta, di spostare il capolavoro di Machiavelli dalla Firenze dei Medici al Borghetto e dal ‘500 al 9 aprile 1945 – esordisce Giulio Vignoli, regista de ‘Mandragola si chiama’, in programma venerdì 17 ottobre, alle ore 21.30 al Teatro Verdi – qui da noi ci sono ancora gl’inglesi, che hanno il loro comando a Monte San Savino e proprio quel giorno, dopo mesi della stasi invernale, riprende l’offensiva Alleata contro i tedeschi asserragliati sulla Linea Gotica, l’offensiva che porterà alla fine della guerra, al 25 Aprile, alla Liberazione.

Un appuntamento da non perdere quello in programma al teatro savinese venerdì prossimo con sul gli ‘attori’ di casa nostra: Edoardo Manneschi, Enrico Roncucci, Delvina Basagni, Ugo Enrichetti, Letizia Bernardini, Loris Foianesi, Luigina Cresti, Patrizia Roggiolani; tencici di scena Vasco Basagni, Alvaro Nardi e Vladimiro Torresi; luci di Damine Salis; adattamento e regia di Giulio Vignoli.

Nessun commento su Eventi: 28.a Giornata Salvadoriana e MANDRAGOLA SI CHIAMA

La porchetta made in Monte San Savino arriva in Vaticano

Novità gustose dalla Valdichiana, dove la gastronomia sconfina nel territorio del Vaticano. La Porchetta di Monte San Savino farà tappa dal papa. Diventata ormai una sorta di marchio di fabbrica della…

Novità gustose dalla Valdichiana, dove la gastronomia sconfina nel territorio del Vaticano.

La Porchetta di Monte San Savino farà tappa dal papa. Diventata ormai una sorta di marchio di fabbrica della città chianina, rappresenta un prodotto Doc per gli estimatori di questo squisito prodotto della gastronomia locale, ed è diventato uno dei più efficaci veicoli turistico-pubblicitari per la conoscenza della cittadina di Monte San Savino.

L’appuntamento è per il pomeriggio di venerdì 26 settembre per la ‘Festa della Gendarmeria’ con il ‘Maestro porchettaio’ savinese Aldo Iacomoni, pronto a tagliare e illustrare la celebre specialità di Monte San Savino, oltre che deliziare i palati dei presenti, tra i quali è data per certa la presenza di Papa Francesco.

E’ per me un grande onore, oltre che grande piacere presentare le caratteristiche del nostro prodotto principale della gastronomia savinese al Sommo Pontefice – afferma Aldo Iacomoni alla vigilia della trasferta in Vaticano – se mi chiederà notizie in merito ai segreti della ricetta della nostra specialità alimentare a Papa Francesco sono obbligato a rivelarglieli. Ma solo a lui!.

porchetta

Nessun commento su La porchetta made in Monte San Savino arriva in Vaticano

Type on the field below and hit Enter/Return to search