La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: filiera corta

Torrita Biodiversità – Festa dell’Agri Cultura: preservare la biodiversità, per salvare il futuro

Conservare la biodiversità, cioè il patrimonio universale composto dalla varietà degli esseri viventi, specie ed ecosistemi presenti sulla Terra, condividere equamente i benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche. Sono questi…

Conservare la biodiversità, cioè il patrimonio universale composto dalla varietà degli esseri viventi, specie ed ecosistemi presenti sulla Terra, condividere equamente i benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche. Sono questi i principi fondamentali alla base della Convenzione per la diversità biologica firmata a Nairobi il 22 maggio 1992 e, ad oggi, ratificata da 196 Paesi. Universalmente riconosciuta come il primo provvedimento in materia, tanto da rendere il 22 maggio la Giornata mondiale della Biodiversità, ha anticipato la decisione che l’Assemblea delle Nazioni Unite ha preso nel 2010 di dichiarare il periodo 2010-2020 Decennio della Biodiversità, con l’intenzione di favorire l’applicazione di un piano strategico per la biodiversità e promuovere la visione generale di una vita in armonia con la natura e i suoi equilibri.

In prossimità della scadenza di questo periodo, si rivela tuttavia necessario il proseguimento della sensibilizzazione al tema della biodiversità. Secondo dati presentati da Slowfood, oggi “il 90% del cibo consumato dall’uomo proviene da 120 specie e solo 12 specie vegetali e cinque razze animali rappresentano oltre il 70% dell’intero consumo alimentare umano”. Le esigenze imposte dalle dinamiche di omologazione che riguardano il mercato globale minano infatti ogni giorno la diversità delle specie, provocando importanti conseguenze sulla varietà di piante e animali e sulla qualità della disponibilità agroalimentare. Per contribuire alla causa, la prima azione da fare è quella che ognuno può compiere a livello locale: attraverso la salvaguardia delle specie animali autoctone e la conservazione delle colture tradizionali, non solo si tutela un patrimonio di ricchezze naturali, ma si protegge la diversità delle specie presenti all’interno di un ecosistema, stabilendo di conseguenza una miglior qualità di suolo, acqua e aria.

Con queste premesse è nata  Torrita Biodiversità – Festa dell’Agri Cultura, il nuovo evento in programma a Torrita di Siena sabato 21 e domenica 22 settembre 2019. In concomitanza con la 42esima edizione della Fiera al Piano, l’amministrazione comunale di Torrita, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, la Regione Toscana e la provincia di Siena, ha organizzato due giorni di iniziative che avranno luogo all’interno del parco di Via Grosseto. L’area, che si estende per 12.000 mq, sarà accessibile dalle ore 8.30 alle 20 per visitare i vari padiglioni, dedicati rispettivamente ad un’esposizione di specie animali e vegetali, ad un museo di attrezzature contadine, ad una mostra di prodotti provenienti da filiera corta, ad uno spazio per i macchinari agricoli e ad un’area convegni. Poco distante, all’interno della Casa della Cultura è allestito, a cura dell’artigiano Oliviero Bemoccoli, il percorso museale “Antica Cultura Contadina“, visitabile dalle 10 alle 18 nel fine settimana della manifestazione e su prenotazione fino a giovedì 26 settembre (339.4910091).

Sabato mattina apre la manifestazione: alle ore 9, l’inaugurazione della 1ª Esposizione nazionale della Cinta Senese e delle razze suine nere. Alle ore 10 la Casa della Cultura ospita il primo convegno, curato dell’Associazione Nazionale Allevatori Suini, con studiosi e allevatori di razze autoctone italiane. Dopo il pranzo a base di Cinta Senese all’interno dello stand ristorante, nel pomeriggio l’area convegni accoglie la conferenza dell’esperta Caterina Cardia su “Le erbe spontanee: una ricchezza da riconoscere” e l’incontro con rappresentanti dell’Associazione Apicoltori delle Province Toscane sul tema “Apicoltura e Biodiversità, concetti a confronto“.

Domenica mattina, la Pro Loco di Torrita propone una Passeggiata a 6 Zampe, da percorrere in compagnia del proprio cane lungo un percorso ad anello di circa 5km, con partenza e rientro presso il punto di ritrovo all’interno del Parco. A seguire, spazio ai produttori locali con gli interventi dell’Azienda Agricola Passerini su “Popolazioni evolutive di grano tenero: biodiversità e bellezza” e, a seguire, dell’Azienda Agricola Saragiolo su “Bioagricoltura del passato per il futuro“.

Alle 11.30 è attesa la presentazione del progetto Valdichiana Eating a cura della Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese, mentre alle ore 17 l’Associazione dell’Aglione della Valdichiana interviene nella conferenza “Aglione della Valdichiana, un modello di sviluppo locale“. La conclusione del programma è dedicata alle caratteristiche nutrizionali delle carni di agnello, con l’incontro con il Consorzio di tutela dell’agnello IGP del Centro Italia, realizzato in collaborazione con il Settore produzioni agricole, vegetali e zootecniche della Regione Toscana su “Le carni di agnello, proprietà e aspetti salutistici“.

Un’ampia serie di spunti tematici compone insomma il programma di questa prima edizione di Torrita Biodiversità – Festa dell’Agri Cultura, come ha dichiarato l’assessore Roberto Trabalzini, che ha coordinato il progetto:

“C’è soddisfazione per il lavoro svolto sull’organizzazione di questo evento, al quale è giunto anche il patrocinio del Ministero. L’aspettativa per un buono svolgimento è alta, ma l’invito a partecipare che tanti esperti, professionisti, rappresentanti delle associazioni di categoria e dei consorzi hanno già raccolto, dimostra che quello della biodiversità è un tema particolarmente sentito. Le iniziative dei prossimi giorni consentiranno dunque di conoscerlo da vari punti di vista e saranno anche un’occasione per valutare con maggior consapevolezza le proprie abitudini di consumo”.

Esemplari di razze autoctone, specie vegetali, antiche colture dimenticate e solo recentemente tornate ad essere praticate, pareri esperti e utili alla nostra alimentazione, storie ed esperienze dirette di produttori locali, sono solo alcuni degli aspetti di questa manifestazione, che già si profila come un’opportunità. Quella di comprendere l’importanza legata alla ricchezza delle risorse naturali e muovere passi decisi in direzione di un futuro sostenibile e sano.

Nessun commento su Torrita Biodiversità – Festa dell’Agri Cultura: preservare la biodiversità, per salvare il futuro

Torrita, Assessore Cortonicchi: bilanci delle iniziative realizzate e scenari futuri

Dopo il grande successo ottenuto dall’iniziativa della filiera corta alla Fiera al Piano, l’amministrazione comunale di Torrita di Siena pensa a nuovi progetti. Rimane la soddisfazione per una grande partecipazione…

Dopo il grande successo ottenuto dall’iniziativa della filiera corta alla Fiera al Piano, l’amministrazione comunale di Torrita di Siena pensa a nuovi progetti. Rimane la soddisfazione per una grande partecipazione che si è registrata nel corso di una manifestazione molto attesa dalla cittadinanza e nel corso della quale è stata sviluppata l’idea di portare i prodotti del territorio ad un passo dai consumatori. E’ la famosa idea del “chilometro zero”, dal produttore al consumatore.

La filiera corta nel corso della Fiera al Piano ha permesso di far conoscere e di far apprezzare le aziende ed i produttori del territorio e al contempo di far trascorrere piacevoli giornate agli abitanti di Torrita e a quanti hanno scelto di essere presenti a questa iniziativa.

Ha avuto successo questo connubio tra l’attesa festa e la possibilità di assaggiare prodotti a chilometro zero.

“E’ andata bene – ha commentato l’assessore ad ambiente, urbanistica, attività produttive, commercio e agricoltura, Michele Cortonicchi –. L’amministrazione ha avuto questa idea e ha provato a metterla in pratica con la collaborazione del corpo dei vigili urbani, di dipendenti e dirigenti comunali e coinvolgendo contrade e associazioni che hanno fornito un sostegno fondamentale grazie al loro bagaglio di esperienza. La partecipazione è stata buona, sicuramente ripeteremo in futuro questa iniziativa anche in maniera più marcata. Mi ha fatto molto piacere la partecipazione dei giovani, che finalmente hanno constatato che anche a Torrita si può fare ed organizzare qualcosa. Non c’è bisogno di andare sempre in altre località per trascorrere una giornata piacevole”.

Ma l’assessore, come scritto, pensa già alle prossime iniziative che l’amministrazione potrà realizzare:

“Stiamo valutando varie possibilità – afferma Cortonicchi –. C’è anche l’idea di fare una Notte bianca fuori e anche dentro il centro storico. La valorizzazione delle attività e il coinvolgimento della popolazione sono obiettivi molto importanti per noi”.

L’assessore ricorda anche gli obiettivi dell’amministrazione in altri settori determinanti:

“Io ho anche la delega all’ambiente, un aspetto per noi primario – prosegue nelle sue considerazioni Michele Cortonicchi –. Stiamo pensando ad una migliore organizzazione delle postazioni dei cassonetti affinché tutto sia più vivibile. E, a questo riguardo, stiamo pensando anche alla applicazione in postazioni sensibili di telecamere per evitare che si verifichino situazioni di abbandono di rifiuti non conformi alla legge. Vogliamo rendere maggiormente fruibile il servizio ed evitare situazioni di degrado ed inciviltà. Questo sia per tutelare l’ambiente, ma anche perché certe situazioni portano a dei costi che è meglio evitare. Stiamo attentamente valutando il sistema di illuminazione pubblica per capire cosa potremo fare anche su questo, e poi vogliamo arrivare ad un efficientamento energetico, proprio a partire dalle strutture di proprietà comunale. Stiamo, a questo proposito, analizzando su quali edifici potremo intervenire”.

Nessun commento su Torrita, Assessore Cortonicchi: bilanci delle iniziative realizzate e scenari futuri

M5S Torrita: filiera “poco” corta della Fiera al Piano

Il MoVimento 5 stelle di Torrita di Siena ritiene che l’iniziativa della filiera corta dentro i giardini della zona peep tenutasi nello scorso week-end, sabato 20 e domenica 21 settembre…

Il MoVimento 5 stelle di Torrita di Siena ritiene che l’iniziativa della filiera corta dentro i giardini della zona peep tenutasi nello scorso week-end, sabato 20 e domenica 21 settembre in occasione della Fiera al Piano sia una delle più belle e lodevoli iniziative degli ultimi anni fatta dal comune di Torrita:

“Oltre a renderla possibile, bisognerebbe anche controllare ed essere correttamente informati di cosa si tratta.

Dentro la filiera “poco” corta abbiamo notato produttori che vendevano banane, mandarini, arance ed altri prodotti ortofrutticoli acquistati all’ingrosso, provenienti dall’estero e dalla grande distribuzione (della propria – ci auguriamo – produzione avranno avuto 2 o 3 prodotti). Come sempre chi ne paga le conseguenze sono i consumatori ed i produttori che hanno rispettano le regole ed il nobile scopo con cui si è basato questo progetto, peraltro appoggiato in Consiglio Comunale dal MoVimento 5 Stelle Torrita.

Lo stesso MoVimento avendo la promozione del “Km Zero” come uno dei principali punti di programma, sa bene di cosa si tratta. Inoltre a breve presenteremo la proposta per la realizzazione di un mercatino a cadenza mensile, se gradito addirittura settimanale, a “Km Zero” collegato a mercati già esistenti.

Rimaniamo perplessi della svista in quanto alcuni membri degli alti organi dell’amministrazione comunale sono stati in giro a fare foto da pubblicare sui principali social network.

Comunque, volendo credere nella buona fede degli organizzatori ed augurandoci che l’introduzione di prodotti d’ingrosso sia stato solo un lapsus, continueremo a sostenere qualsiasi iniziativa di commercio sostenibile”.

Nessun commento su M5S Torrita: filiera “poco” corta della Fiera al Piano

Torrita: filiera corta protagonista dell’evento “Fiera al Piano”

Si parla spesso di filiera corta e di prodotti che passano nel breve tempo e con un breve tragitto dal produttore al consumatore. In tempi di commerci globali e di…

Si parla spesso di filiera corta e di prodotti che passano nel breve tempo e con un breve tragitto dal produttore al consumatore.

In tempi di commerci globali e di tante parole dette e scritte anche sulla sicurezza alimentare, la questione della filiera corta è tornata assolutamente di attualità. E sempre più seguiti e apprezzati sono i luoghi dove tutto questo avviene, dove puoi trovare, acquistare, consumare e assaggiare prodotti del tuo territorio. Grande attenzione, insomma, viene dedicata a questo argomento.

L’attenzione che ha scelto di dedicare alla filiera corta anche l’amministrazione comunale di Torrita di Siena, guidata dal primo cittadino Giacomo Grazi. Il Comune di Torrita ha infatti scelto di legare una nota festa del territorio, la Fiera al Piano, proprio con la possibilità che verrà data a tutti coloro che decideranno di trascorrere qualche ora o un’intera giornata a Torrita, di gustare prodotti del territorio. L’enogastronomia si lega e collega, quindi, con un momento ed un appuntamento sentito ed atteso dalla popolazione. Ci saranno musica e concerti, ci sarà animazione per le vie del paese, e ci sarà anche la possibilità di mangiare buoni prodotti. Il tutto passeggiando per le strade di Torrita Stazione.

I giorni appena trascorsi a Torrita di Siena sono quindi stati contrassegnati anche dalla realizzazione di un regolamento per la filiera corta che andrà concretizzandosi proprio in occasione della Fiera al Piano:

“Il lavoro è stato realizzato e portato a termine in meno di quaranta giorni – spiega il primo cittadino, Giacomo Grazi – dalla commissione attività produttive e commercio insieme alla Polizia municipale. Mi riferisco alla Fiera al Piano e a quanto avverrà il 20 e il 21 settembre. Dentro la fiera ci sarà spazio per i prodotti del territorio: dal pomodoro alla caciotta fino alla porchetta, tutti prodotti di Torrita che qui saranno venduti. Durante la fiera ci saranno spettacoli, divertimenti e concerti organizzati dalle associazioni del nostro territorio. Ed in questo appuntamento molto sentito daremo spazio, come detto, ai nostri prodotti. Sono previste trenta postazioni, già tutte definite nel parco denominato “Giardini Peep””. La risposta per questa nuova idea mi sembra che sia stata buona e più che positiva”.

Non resta che trascorrere un po’ di tempo a Torrita di Siena per far felici i propri sensi e passare una giornata in allegria e spensieratezza.

Nessun commento su Torrita: filiera corta protagonista dell’evento “Fiera al Piano”

Dalla brace alla padella: un corso sull’alimentazione in Valdichiana

Dalla brace alla padella: il territorio protagonista del tuo piatto Un corso sull’alimentazione in Valdichiana, dal 15 febbraio al 6 settembre 2014 Il Circolo Legambiente di Chianciano Terme, la Misericordia…

Dalla brace alla padella: il territorio protagonista del tuo piatto
Un corso sull’alimentazione in Valdichiana, dal 15 febbraio al 6 settembre 2014

Il Circolo Legambiente di Chianciano Terme, la Misericordia di Acquaviva e l’Auser di Sarteano organizzano un corso sull’alimentazione dal titolo “Dalla brace alla padella: convivi meglio. Il territorio protagonista del tuo piatto”, che si svolgerà dal 15 febbraio al 6 settembre 2014.

Breve descrizione del corso. Si vogliono far conoscere, ai volontari che ogni anno preparano i menù delle feste delle Associazioni locali, i prodotti di filiera corta e del commercio equo e solidale, l’importanza del rispetto della stagionalità e della prossimità tra produttore e consumatore per la fiducia e la collaborazione, come inserire eccellenze gastronomiche in menù di costo accessibile, le problematiche ambientali legate alla scelta dei cibi e alla produzione dei rifiuti, possibilità di rinnovamento dell’immagine delle Associazioni e delle loro relazioni con il territorio.

Finalità e obiettivi. Conoscenza delle qualità organolettiche e nutrizionali dei prodotti locali e del loro utilizzo tradizionale. Diversificazione dell’offerta di preparazioni. Relazioni stabili tra produttori agroalimentari locali ed Associazioni. Rispetto della stagionalità. Conoscenza dei consumi di acqua, energia e suolo legati alla produzione in
cucina. Formare i volontari alla conoscenza della tipologia dei rifiuti prodotti, dei metodi di differenziazione e di riduzione.

Metodologie adottate. Lezioni frontali e laboratori condotti da professionisti nel campo della salubrità degli alimenti, della prevenzione delle malattie legate alla dieta, dell’assistenza agli agricoltori, della formazione scolastica dei futuri periti agrari, della riduzione dei rifiuti, affiancati da produttori locali che praticano attività compatibili con l’ambiente e la cultura agroalimentare tradizionale ed esperti nell’utilizzo di certi prodotti “dimenticati”.

Il corso è destinato ai volontari delle varie associazioni del territorio e vedrà il contributo di Anna Meconcelli nel ruolo di tutor.La partecipazione è prevista sino ad un massimo di 20 iscritti/e. In base alle esigenze formative ed organizzative del corso, i responsabili selezioneranno le domande. Coloro che sono interessati a partecipare al corso devono inviare la scheda di iscrizione alla Segreteria organizzativa entro sabato 8 febbraio 2014. Ad ogni partecipante che sarà stato presente ad almeno 2/3 delle lezioni verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Per informazioni e prenotazioni potete scrivere a questa mail: cignolegambiente@yahoo.it

Questo il programma completo:

15 Febbraio – 16.00/19.00
Seminario: “Stagionalità e filiera corta”
Dr. Rosanna Rossi (Veterinario ispettore degli alimenti)
Romana De Matteis (Produttore biologico)
Ospedale di Nottola

17 Febbraio – 17.00/21.00
Esercitazione: “Il pane di ieri”.
Luciano De Giorgi (Fornaio)
Giordano Mainò (produttore grani antichi)
Mattatoio N° 5 Montepulciano

6 Marzo – 15.30/19.30
Esercitazione:”Nuovi orizzonti del gusto “.
Dr. Dania Conciarelli (Agronomo),
Luciana Marinaccio (produttore conserve bio)
Centro visite Pietraporciana (Sarteano)

15 Marzo – 16.00/20.00
Servizi di informazione e consulenza delle Istituzioni locali per la filiera corta.
Dr. Paolo Bucelli (Agronomo Prov. Siena)
Romana De Matteis (Produttore bio)
Luciana Marinaccio (Produttore bio)
Mattatoio N° 5 Montepulciano

27 Marzo – 17.00/21.00
Esercitazione: “Calcola l’impronta ecologica e l’effetto salutare del Menù”.
Dr. Gloria Turi (Dietista)
Ing. Vannuccini Laura (Esperto chimica-fisica ambientale)
Romana De Matteis (Produttore bio)
Mattatoio N° 5 Montepulciano

5 Aprile – 15.30/19.30
Esercitazione: Un seme ci salverà.
Dr. Paola Turchi (Naturopata)
Dr. Rosanna Rossi (Veterinario ispettore degli alimenti)
Giordano Mainò (produttore legumi, cereali, farine e paste)
Centro visite Pietraporciana (Sarteano)

12 Aprile – 16.00/20.00
La Chimica in agricoltura
Dr. Anna Ricci (Agronomo, Docente Scienze agrarie)
Dr. Roberto Lamorgese (Agronomo, Docente Scienze agrarie)
Centro visite Lago di Montepulciano

15 Maggio – 16.00/20.00
La gestione dei rifiuti.
Massimo Duchini ( Responsabile Area Ambiente Comune Montepulciano)
Alessandro Angiolini (Ass. Ambiente Comune Montepulciano)
Sede AUSER Sarteano

6 Settembre – 17.00/20.00
Seminario:” La piramide alimentare di filiera corta e la piramide alimentare ambientale”
Dr.Gloria Turi (Dietista),
Ing. Laura Vannuccini (Esperto chimica – fisica ambientale)
Sala Ex COOP Acquaviva di Montepulciano

Nessun commento su Dalla brace alla padella: un corso sull’alimentazione in Valdichiana

Type on the field below and hit Enter/Return to search